Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

  Invalsi in movimento

Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Onestà



Messaggi : 217
Data d'iscrizione : 25.09.16

MessaggioTitolo: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 2:01 am

Qualcosa si muove!
Finalmente si sono decisi a inserire nelle prove invalsi anche l'inglese
e le altre prove al computer.
Qualcuno dirà che non si possono valutare così gli studenti
Sarà, ma forse riusciamo ad evitare le somministrazioni di prove compiacenti e a volte anche ridicole
in sede d'esame (a nord come al centro e al sud)

Ora ci aspettiamo qualcosa di più per ridare dignità ai titoli di studio messi sotto i piedi
dopo decenni di regalie
Consiglierei p.e. di passare dalle classi per età (metodo fallimentare)
ai corsi per livello con esame di attestazione esterna per il passaggio al livello successivo
e l'inserimento (in percentuale) di tutte le materie negli invalsi
così la smettiamo di far finta che "la programmazione e gli apprendimenti procedono regolarmente"

Meglio avere una discreta percentuale di studenti/cittadini preparati piuttosto che centinaia di migliaia
di ridicoli burini mediocri.


Tornare in alto Andare in basso
Gianfranco

avatar

Messaggi : 4929
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 9:19 am

L'Invalsi non valuta gli studenti, valuta il sistema. Gli studenti li valutiamo noi
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 12:16 pm

Gianfranco ha scritto:
L'Invalsi non valuta gli studenti, valuta il sistema. Gli studenti li valutiamo noi
L'invalsi valuta se il sistema valuta correttamente gli studenti.

Ti sembra poco ?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5877
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 12:32 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Gianfranco ha scritto:
L'Invalsi non valuta gli studenti, valuta il sistema. Gli studenti li valutiamo noi
L'invalsi valuta se il sistema valuta correttamente gli studenti.

Ti sembra poco ?

L'Invalsi non valuta le nostre valutazioni. Se lo facesse, farebbe un confronto tra gli esiti del test e i nostri voti.
Tornare in alto Andare in basso
cinno13



Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 3:10 pm

ma le scuole senza pc come faranno l'invalsi ?
e le scuole con un'aula di informatica per 300 alunni (pc obsoleti e malfunzionanti) faranno a turno ?
Chi si occupa dell'organizzazione della prova (io in questo caso) come farà a seguire 12 sezioni che in più giorni faranno la prova ??

prevedo grossi grossissimi problemi !!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 3:23 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Gianfranco ha scritto:
L'Invalsi non valuta gli studenti, valuta il sistema. Gli studenti li valutiamo noi
L'invalsi valuta se il sistema valuta correttamente gli studenti.

Ti sembra poco ?

L'Invalsi non valuta le nostre valutazioni. Se lo facesse, farebbe un confronto tra gli esiti del test e i nostri voti.
Farà un confronto tra gli esiti dell'invalsi (veritieri, privi di suggerimenti/correzioni fallocchie) e le pagelle che sono informatizzate.

Forse si prenderanno provvedimenti per lo scandalo ricorrente dei voti alti al sud contrapposto agli esiti deludenti delle prestazioni nei test selettivi delle università.

La disoccupazione al sud è figlia di moltissimi padri e moltissime madri, uno di questi è il lassismo scolastico: se dalle scuole del sud si esce credendo di essere bravi (100 e lode) e poi non si sa una cippa, le probabilità di diventare dei falliti crescono.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5877
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 4:51 pm

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Gianfranco ha scritto:
L'Invalsi non valuta gli studenti, valuta il sistema. Gli studenti li valutiamo noi
L'invalsi valuta se il sistema valuta correttamente gli studenti.

Ti sembra poco ?

L'Invalsi non valuta le nostre valutazioni. Se lo facesse, farebbe un confronto tra gli esiti del test e i nostri voti.
Farà un confronto tra gli esiti dell'invalsi (veritieri, privi di suggerimenti/correzioni fallocchie) e le pagelle che sono informatizzate.

Dove hai letto questa notizia? Finora non l'ha fatto.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 5:40 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Gianfranco ha scritto:
L'Invalsi non valuta gli studenti, valuta il sistema. Gli studenti li valutiamo noi
L'invalsi valuta se il sistema valuta correttamente gli studenti.

Ti sembra poco ?

L'Invalsi non valuta le nostre valutazioni. Se lo facesse, farebbe un confronto tra gli esiti del test e i nostri voti.
Farà un confronto tra gli esiti dell'invalsi (veritieri, privi di suggerimenti/correzioni fallocchie) e le pagelle che sono informatizzate.

Dove hai letto questa notizia? Finora non l'ha fatto.
Nessuna notizia, la speranza è l'ultima a morire.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5877
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 5:59 pm

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Gianfranco ha scritto:
L'Invalsi non valuta gli studenti, valuta il sistema. Gli studenti li valutiamo noi
L'invalsi valuta se il sistema valuta correttamente gli studenti.

Ti sembra poco ?

L'Invalsi non valuta le nostre valutazioni. Se lo facesse, farebbe un confronto tra gli esiti del test e i nostri voti.
Farà un confronto tra gli esiti dell'invalsi (veritieri, privi di suggerimenti/correzioni fallocchie) e le pagelle che sono informatizzate.

Dove hai letto questa notizia? Finora non l'ha fatto.
Nessuna notizia, la speranza è l'ultima a morire.

Ah, tu speri che. Allora non farci credere che le tue speranze si siano già realizzate :-)

Fra l'altro, quel che tu dici credo che potrebbe già farlo il MIUR tramite i dati del RAV. Infatti il sistema fornisce informazioni alle singole scuole mettendole a confronto con i dati regionali e nazionali.
Tornare in alto Andare in basso
elirpe



Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Dom Ott 08, 2017 7:33 pm

All'inizio della mia carriera ero nettamente contrario; insegnavo all'Alberghiero e le ragioni erano sostanzialmente queste:

1. I test erano identici tra licei e professionali; ciò non ha nessun senso se non quello di confermare che gli studenti con determinate capacità scelgono un percorso, gli altri ne scelgono un altro.
2. L'impostazione INVALSI era opposta a quella della 170 e 104 stante che è un test identico per tutti senza nessuna possibilità di somministrare verifiche equipollenti.

All'anno di carriera numero 10 sono nettamente contrario; insegno al liceo e le ragioni sono sostanzialmente queste:
1. L'INVALSI individua un gruppo di materie fondamentali e tralascia tutte le altre che diventano una variante del sistema italico.
2. Al termine della quinta verrà rilasciato un certificato con gli esiti INVALSI; si otterrà quindi un "doppio titolo" che depotenzierà automaticamente l'esame di Stato.

Il sogno di Avido è già realtà; saranno disponibili sia l'esito INVALSI che quello dell'esame di Stato; proprio tramite il RAV sarà possibile (ma per ora non obbligatorio) fare il confronto.
Tornare in alto Andare in basso
sorel1968



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 05.07.12

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 4:41 pm

Onestà ha scritto:
Qualcosa si muove!
Finalmente si sono decisi a inserire nelle prove invalsi anche l'inglese
e le altre prove al computer.
Qualcuno dirà che non si possono valutare così gli studenti
Sarà, ma forse riusciamo ad evitare le somministrazioni di prove compiacenti e a volte anche ridicole
in sede d'esame (a nord come al centro e al sud)

Ora ci aspettiamo qualcosa di più per ridare dignità ai titoli di studio messi sotto i piedi
dopo decenni di regalie
Consiglierei  p.e. di passare dalle classi per età (metodo fallimentare)
ai corsi per livello con esame di attestazione esterna per il passaggio al livello successivo
e l'inserimento (in percentuale) di tutte le materie negli invalsi
così la smettiamo di far finta che "la programmazione e gli apprendimenti procedono regolarmente"

Meglio avere una discreta percentuale di studenti/cittadini preparati piuttosto che centinaia di migliaia
di ridicoli burini mediocri.


Non ho compreso la tua gioia per quella schifezza dell'INVALSI. L'unica buona notizia sarebbe la sua totale eliminazione. La dignità dei titoli di studio non aumenterà se non quando lo studio tornerà a diventare un ascensore sociale (ma questo dipende dalle aziende, dal lavoro fornito dallo Stato e non dalla scuola). Per carità lasciamo le cose come stanno (ci mancherebbe solamente che si parlasse di una nuova riforma): le classi vanno più che bene.
L'unica novità positiva io la vedo nel fatto che le prove saranno computer based (stramaledetto inglese) che, spero, voglia dire che i dati saranno corretti automaticamente senza il nostro intervento. Almeno non perderemo tempo a contare crocette.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 7:18 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Gianfranco ha scritto:
L'Invalsi non valuta gli studenti, valuta il sistema. Gli studenti li valutiamo noi
L'invalsi valuta se il sistema valuta correttamente gli studenti.

Ti sembra poco ?

L'Invalsi non valuta le nostre valutazioni. Se lo facesse, farebbe un confronto tra gli esiti del test e i nostri voti.
Farà un confronto tra gli esiti dell'invalsi (veritieri, privi di suggerimenti/correzioni fallocchie) e le pagelle che sono informatizzate.

Dove hai letto questa notizia? Finora non l'ha fatto.
Nessuna notizia, la speranza è l'ultima a morire.

Ah, tu speri che. Allora non farci credere che le tue speranze si siano già realizzate :-)

Fra l'altro, quel che tu dici credo che potrebbe già farlo il MIUR tramite i dati del RAV. Infatti il sistema fornisce informazioni alle singole scuole mettendole a confronto con i dati regionali e nazionali.
Le scuole peggiori sanno come apparire buone; ora come ora l'unico strumento valido è vedere come se la cavano nella vita i loro alunni (Eduscopio, test d'ingresso alle UNI ecc); le prove computer based dell'invalsi dovrebbero essere anticontraffazione (per la tempistica impietosa) e saranno uno strumento in più e dall'esito immediato.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 7:20 pm

sorel1968 ha scritto:
Non ho compreso la tua gioia per quella schifezza dell'INVALSI. L'unica buona notizia sarebbe la sua totale eliminazione. La dignità dei titoli di studio non aumenterà se non quando lo studio tornerà a diventare un ascensore sociale (ma questo dipende dalle aziende, dal lavoro fornito dallo Stato e non dalla scuola). Per carità lasciamo le cose come stanno (ci mancherebbe solamente che si parlasse di una nuova riforma): le classi vanno più che bene.
L'unica novità positiva io la vedo nel fatto che le prove saranno computer based (stramaledetto inglese) che, spero, voglia dire che i dati saranno corretti automaticamente senza il nostro intervento. Almeno non perderemo tempo a contare crocette.
Già, la scuola non serve a nulla.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 7:26 pm

elirpe ha scritto:
All'inizio della mia carriera ero nettamente contrario; insegnavo all'Alberghiero e le ragioni erano sostanzialmente queste:

1. I test erano identici tra licei e professionali; ciò non ha nessun senso se non quello di confermare che gli studenti con determinate capacità scelgono un percorso, gli altri ne scelgono un altro.
2. L'impostazione INVALSI era opposta a quella della 170 e 104 stante che è un test identico per tutti senza nessuna possibilità di somministrare verifiche equipollenti.

All'anno di carriera numero 10 sono nettamente contrario; insegno al liceo e le ragioni sono sostanzialmente queste:
1. L'INVALSI individua un gruppo di materie fondamentali e tralascia tutte le altre che diventano una variante del sistema italico.
2. Al termine della quinta verrà rilasciato un certificato con gli esiti INVALSI; si otterrà quindi un "doppio titolo" che depotenzierà automaticamente l'esame di Stato.

Il sogno di Avido è già realtà; saranno disponibili sia l'esito INVALSI che quello dell'esame di Stato; proprio tramite il RAV sarà possibile (ma per ora non obbligatorio) fare il confronto.
Se l'Invalsi non fosse stata osteggiata ma sostenuta oggi si farebbero i test su tutte le materie; il punto 1 non è colpa dell'invalsi ma tua e dei tuoi colleghi.

Cosa si otterrà in uscita dalla quinta lo vedremo, già oggi c'è la certificazione delle competenze che ha il difetto di non essere stampata su carta morbida e dotata di strappi, quindi anche il punto 2 vacilla.

RAV: sai per cosa sta la A ? Ti sei mai dato un 3 in vita tua ? Hai mai sentito uno stronzo dire che è stronzo o un coglione dire che è coglione ?
Tornare in alto Andare in basso
elirpe



Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 8:22 pm

avidodinformazioni ha scritto:
elirpe ha scritto:
All'inizio della mia carriera ero nettamente contrario; insegnavo all'Alberghiero e le ragioni erano sostanzialmente queste:

1. I test erano identici tra licei e professionali; ciò non ha nessun senso se non quello di confermare che gli studenti con determinate capacità scelgono un percorso, gli altri ne scelgono un altro.
2. L'impostazione INVALSI era opposta a quella della 170 e 104 stante che è un test identico per tutti senza nessuna possibilità di somministrare verifiche equipollenti.

All'anno di carriera numero 10 sono nettamente contrario; insegno al liceo e le ragioni sono sostanzialmente queste:
1. L'INVALSI individua un gruppo di materie fondamentali e tralascia tutte le altre che diventano una variante del sistema italico.
2. Al termine della quinta verrà rilasciato un certificato con gli esiti INVALSI; si otterrà quindi un "doppio titolo" che depotenzierà automaticamente l'esame di Stato.

Il sogno di Avido è già realtà; saranno disponibili sia l'esito INVALSI che quello dell'esame di Stato; proprio tramite il RAV sarà possibile (ma per ora non obbligatorio) fare il confronto.
Se l'Invalsi non fosse stata osteggiata ma sostenuta oggi si farebbero i test su tutte le materie; il punto  1 non è colpa dell'invalsi ma tua e dei tuoi colleghi.

Cosa si otterrà in uscita dalla quinta lo vedremo, già oggi c'è la certificazione delle competenze che ha il difetto di non essere stampata su carta morbida e dotata di strappi, quindi anche il punto 2 vacilla.

RAV: sai per cosa sta la A ? Ti sei mai dato un 3 in vita tua ? Hai mai sentito uno stronzo dire che è stronzo o un coglione dire che è coglione ?

Scusa, ma cosa significa che il punto 1 è colpa mia e dei miei colleghi? Ma cosa stai dicendo? Hai una vaghissima idea del livello dei professionali, sei in grado di capire la differenza con un liceo?
Tornare in alto Andare in basso
sorel1968



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 05.07.12

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 9:01 pm

avidodinformazioni ha scritto:
sorel1968 ha scritto:
Non ho compreso la tua gioia per quella schifezza dell'INVALSI. L'unica buona notizia sarebbe la sua totale eliminazione. La dignità dei titoli di studio non aumenterà se non quando lo studio tornerà a diventare un ascensore sociale (ma questo dipende dalle aziende, dal lavoro fornito dallo Stato e non dalla scuola). Per carità lasciamo le cose come stanno (ci mancherebbe solamente che si parlasse di una nuova riforma): le classi vanno più che bene.
L'unica novità positiva io la vedo nel fatto che le prove saranno computer based (stramaledetto inglese) che, spero, voglia dire che i dati saranno corretti automaticamente senza il nostro intervento. Almeno non perderemo tempo a contare crocette.
Già, la scuola non serve a nulla.
Al contrario, la scuola serve. L'importante è non seguire le mode. Ad esempio l'INVALSI. Magari non serve solo a trovare lavoro. E chissà...magari ci renderemo conto che la Finlandia non è un buon esempio. Magari ascolteremo le lamentele dei docenti di quel Paese che ci avvertono che i loro studenti...non capiscono veramente la matematica nonostante vadano così bene nei test INVALSI. Magari, cominceremo a capire che non siamo così male. Magari, ci faremo delle domande anche sull'importanza di dirigere l'insegnamento solo sull'ambito imprenditoriale e privato.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 9:37 pm

elirpe ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
elirpe ha scritto:
All'inizio della mia carriera ero nettamente contrario; insegnavo all'Alberghiero e le ragioni erano sostanzialmente queste:

1. I test erano identici tra licei e professionali; ciò non ha nessun senso se non quello di confermare che gli studenti con determinate capacità scelgono un percorso, gli altri ne scelgono un altro.
2. L'impostazione INVALSI era opposta a quella della 170 e 104 stante che è un test identico per tutti senza nessuna possibilità di somministrare verifiche equipollenti.

All'anno di carriera numero 10 sono nettamente contrario; insegno al liceo e le ragioni sono sostanzialmente queste:
1. L'INVALSI individua un gruppo di materie fondamentali e tralascia tutte le altre che diventano una variante del sistema italico.
2. Al termine della quinta verrà rilasciato un certificato con gli esiti INVALSI; si otterrà quindi un "doppio titolo" che depotenzierà automaticamente l'esame di Stato.

Il sogno di Avido è già realtà; saranno disponibili sia l'esito INVALSI che quello dell'esame di Stato; proprio tramite il RAV sarà possibile (ma per ora non obbligatorio) fare il confronto.
Se l'Invalsi non fosse stata osteggiata ma sostenuta oggi si farebbero i test su tutte le materie; il punto  1 non è colpa dell'invalsi ma tua e dei tuoi colleghi.

Cosa si otterrà in uscita dalla quinta lo vedremo, già oggi c'è la certificazione delle competenze che ha il difetto di non essere stampata su carta morbida e dotata di strappi, quindi anche il punto 2 vacilla.

RAV: sai per cosa sta la A ? Ti sei mai dato un 3 in vita tua ? Hai mai sentito uno stronzo dire che è stronzo o un coglione dire che è coglione ?

Scusa, ma cosa significa che il punto 1 è colpa mia e dei miei colleghi? Ma cosa stai dicendo? Hai una vaghissima idea del livello dei professionali, sei in grado di capire la differenza con un liceo?
Sì, ce l'ho, ci ho insegnato per 7 anni.

Sta scritto da qualche parte che devono essere posti a confronto licei ed IPSIA ? Gli IPSIA si confrontano con gli IPSIA e si scopre chi fa schifo e chi è proprio una merda.

Ho scritto perchè è colpa tua e di quelli che la pensano come te; rileggilo.

PS Se l'invalsi funzionasse a dovere analizzando i dati degli IPSIA si capirebbe quanto schifo fanno e si provvederebbe in qualche modo, ad esempio abbassando l'obbligo scolastico a 14 anni e depurandoli da tutti i fancazzisti che li infestano.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 9:46 pm

sorel1968 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
sorel1968 ha scritto:
Non ho compreso la tua gioia per quella schifezza dell'INVALSI. L'unica buona notizia sarebbe la sua totale eliminazione. La dignità dei titoli di studio non aumenterà se non quando lo studio tornerà a diventare un ascensore sociale (ma questo dipende dalle aziende, dal lavoro fornito dallo Stato e non dalla scuola). Per carità lasciamo le cose come stanno (ci mancherebbe solamente che si parlasse di una nuova riforma): le classi vanno più che bene.
L'unica novità positiva io la vedo nel fatto che le prove saranno computer based (stramaledetto inglese) che, spero, voglia dire che i dati saranno corretti automaticamente senza il nostro intervento. Almeno non perderemo tempo a contare crocette.
Già, la scuola non serve a nulla.
Al contrario, la scuola serve. L'importante è non seguire le mode. Ad esempio l'INVALSI. Magari non serve solo a trovare lavoro. E chissà...magari ci renderemo conto che la Finlandia non è un buon esempio. Magari ascolteremo le lamentele dei docenti di quel Paese che ci avvertono che i loro studenti...non capiscono veramente la matematica nonostante vadano così bene nei test INVALSI. Magari, cominceremo a capire che non siamo così male. Magari, ci faremo delle domande anche sull'importanza di dirigere l'insegnamento solo sull'ambito imprenditoriale e privato.
La scuola non serve SOLO a trovare lavoro ma ANCHE a trovare lavoro; anche nei casi in cui non è professionalizzante (licei) deve comunque offrire un substrato di conoscenze ed abilità adeguate ad affrontare l'università che deve essere SEMPRE professionalizzante (eccetto filosofia).

L'invalsi non misura quanto sai lavorare e quindi non c'entra nulla con quello che dici, misura se sai comprendere un testo (che dici è utile ?) se lo sai produrre e se sai leggere un grafico (di quelli che sono pervasivi in ogni ambito della vita adulta).

Non ti piace così com'è ? Posizione rispettabile; hai mai proposto un modello di verifica standardizzato alternativo ?
O il modello deve essere non standardizzato, del tipo che ognuno verifica quello che ha fatto e non quello che avrebbe dovuto fare, e chi fa meno ha più possibilità di apparire bravo ?

Fidandoci dei voti messi dai docenti dobbiamo dedurre che al sud escono ragazzi più preparati che al nord; sai quale deve essere la diretta conseguenza di questa rilevazione ? Più soldi al nord e meno al sud, perchè si investe dove ce n'è bisogno ed al sud spaccano tutti il culo ai passeri.
Tornare in alto Andare in basso
sorel1968



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 05.07.12

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 9:56 pm

avidodinformazioni ha scritto:
sorel1968 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
sorel1968 ha scritto:
Non ho compreso la tua gioia per quella schifezza dell'INVALSI. L'unica buona notizia sarebbe la sua totale eliminazione. La dignità dei titoli di studio non aumenterà se non quando lo studio tornerà a diventare un ascensore sociale (ma questo dipende dalle aziende, dal lavoro fornito dallo Stato e non dalla scuola). Per carità lasciamo le cose come stanno (ci mancherebbe solamente che si parlasse di una nuova riforma): le classi vanno più che bene.
L'unica novità positiva io la vedo nel fatto che le prove saranno computer based (stramaledetto inglese) che, spero, voglia dire che i dati saranno corretti automaticamente senza il nostro intervento. Almeno non perderemo tempo a contare crocette.
Già, la scuola non serve a nulla.
Al contrario, la scuola serve. L'importante è non seguire le mode. Ad esempio l'INVALSI. Magari non serve solo a trovare lavoro. E chissà...magari ci renderemo conto che la Finlandia non è un buon esempio. Magari ascolteremo le lamentele dei docenti di quel Paese che ci avvertono che i loro studenti...non capiscono veramente la matematica nonostante vadano così bene nei test INVALSI. Magari, cominceremo a capire che non siamo così male. Magari, ci faremo delle domande anche sull'importanza di dirigere l'insegnamento solo sull'ambito imprenditoriale e privato.
La scuola non serve SOLO a trovare lavoro ma ANCHE a trovare lavoro; anche nei casi in cui non è professionalizzante (licei) deve comunque offrire un substrato di conoscenze ed abilità adeguate ad affrontare l'università che deve essere SEMPRE professionalizzante (eccetto filosofia).

L'invalsi non misura quanto sai lavorare e quindi non c'entra nulla con quello che dici, misura se sai comprendere un testo (che dici è utile ?) se lo sai produrre e se sai leggere un grafico (di quelli che sono pervasivi in ogni ambito della vita adulta).

Non ti piace così com'è ? Posizione rispettabile; hai mai proposto un modello di verifica standardizzato alternativo ?
O il modello deve essere non standardizzato, del tipo che ognuno verifica quello che ha fatto e non quello che avrebbe dovuto fare, e chi fa meno ha più possibilità di apparire bravo ?

Fidandoci dei voti messi dai docenti dobbiamo dedurre che al sud escono ragazzi più preparati che al nord; sai quale deve essere la diretta conseguenza di questa rilevazione ? Più soldi al nord e meno al sud, perchè si investe dove ce n'è bisogno ed al sud spaccano tutti il culo ai passeri.

Mi soffermo solo su un punto. Cosa vuol dire "eccetto filosofia" , Spiegati. Poi, magari, se lo desideri, controbatterò sul resto.
Tornare in alto Andare in basso
elirpe



Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Lun Ott 09, 2017 10:04 pm

avidodinformazioni ha scritto:
elirpe ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
elirpe ha scritto:
All'inizio della mia carriera ero nettamente contrario; insegnavo all'Alberghiero e le ragioni erano sostanzialmente queste:

1. I test erano identici tra licei e professionali; ciò non ha nessun senso se non quello di confermare che gli studenti con determinate capacità scelgono un percorso, gli altri ne scelgono un altro.
2. L'impostazione INVALSI era opposta a quella della 170 e 104 stante che è un test identico per tutti senza nessuna possibilità di somministrare verifiche equipollenti.

All'anno di carriera numero 10 sono nettamente contrario; insegno al liceo e le ragioni sono sostanzialmente queste:
1. L'INVALSI individua un gruppo di materie fondamentali e tralascia tutte le altre che diventano una variante del sistema italico.
2. Al termine della quinta verrà rilasciato un certificato con gli esiti INVALSI; si otterrà quindi un "doppio titolo" che depotenzierà automaticamente l'esame di Stato.

Il sogno di Avido è già realtà; saranno disponibili sia l'esito INVALSI che quello dell'esame di Stato; proprio tramite il RAV sarà possibile (ma per ora non obbligatorio) fare il confronto.
Se l'Invalsi non fosse stata osteggiata ma sostenuta oggi si farebbero i test su tutte le materie; il punto  1 non è colpa dell'invalsi ma tua e dei tuoi colleghi.

Cosa si otterrà in uscita dalla quinta lo vedremo, già oggi c'è la certificazione delle competenze che ha il difetto di non essere stampata su carta morbida e dotata di strappi, quindi anche il punto 2 vacilla.

RAV: sai per cosa sta la A ? Ti sei mai dato un 3 in vita tua ? Hai mai sentito uno stronzo dire che è stronzo o un coglione dire che è coglione ?

Scusa, ma cosa significa che il punto 1 è colpa mia e dei miei colleghi? Ma cosa stai dicendo? Hai una vaghissima idea del livello dei professionali, sei in grado di capire la differenza con un liceo?
Sì, ce l'ho, ci ho insegnato per 7 anni.

Sta scritto da qualche parte che devono essere posti a confronto licei ed IPSIA ? Gli IPSIA si confrontano con gli IPSIA e si scopre chi fa schifo e chi è proprio una merda.

Ho scritto perchè è colpa tua e di quelli che la pensano come te; rileggilo.

PS Se l'invalsi funzionasse a dovere analizzando i dati degli IPSIA si capirebbe quanto schifo fanno e si provvederebbe in qualche modo, ad esempio abbassando l'obbligo scolastico a 14 anni e depurandoli da tutti i fancazzisti che li infestano.

Dadaismo puro?
Io ti sottolineo che le prove erano IDENTICHE, che senso ha il fatto che tu mi ribadisca che per te dovrebbero confrontare solo IPSIA tra loro o licei tra loro? Oltre all'indirizzo di scuola, che costrutto si ricava a scoprire che in un liceo di una periferia di Napoli si ottengono risultati più bassi di un liceo centralissimo a Milano? Cosa me ne faccio di questi risibili risultati se poi il liceo di Napoli non ottiene nessuna forma di sostegno supplementare? Questo test serve forse a ribadire l'ovvio nei secoli?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Mar Ott 10, 2017 1:01 am

sorel1968 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
sorel1968 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
sorel1968 ha scritto:
Non ho compreso la tua gioia per quella schifezza dell'INVALSI. L'unica buona notizia sarebbe la sua totale eliminazione. La dignità dei titoli di studio non aumenterà se non quando lo studio tornerà a diventare un ascensore sociale (ma questo dipende dalle aziende, dal lavoro fornito dallo Stato e non dalla scuola). Per carità lasciamo le cose come stanno (ci mancherebbe solamente che si parlasse di una nuova riforma): le classi vanno più che bene.
L'unica novità positiva io la vedo nel fatto che le prove saranno computer based (stramaledetto inglese) che, spero, voglia dire che i dati saranno corretti automaticamente senza il nostro intervento. Almeno non perderemo tempo a contare crocette.
Già, la scuola non serve a nulla.
Al contrario, la scuola serve. L'importante è non seguire le mode. Ad esempio l'INVALSI. Magari non serve solo a trovare lavoro. E chissà...magari ci renderemo conto che la Finlandia non è un buon esempio. Magari ascolteremo le lamentele dei docenti di quel Paese che ci avvertono che i loro studenti...non capiscono veramente la matematica nonostante vadano così bene nei test INVALSI. Magari, cominceremo a capire che non siamo così male. Magari, ci faremo delle domande anche sull'importanza di dirigere l'insegnamento solo sull'ambito imprenditoriale e privato.
La scuola non serve SOLO a trovare lavoro ma ANCHE a trovare lavoro; anche nei casi in cui non è professionalizzante (licei) deve comunque offrire un substrato di conoscenze ed abilità adeguate ad affrontare l'università che deve essere SEMPRE professionalizzante (eccetto filosofia).

L'invalsi non misura quanto sai lavorare e quindi non c'entra nulla con quello che dici, misura se sai comprendere un testo (che dici è utile ?) se lo sai produrre e se sai leggere un grafico (di quelli che sono pervasivi in ogni ambito della vita adulta).

Non ti piace così com'è ? Posizione rispettabile; hai mai proposto un modello di verifica standardizzato alternativo ?
O il modello deve essere non standardizzato, del tipo che ognuno verifica quello che ha fatto e non quello che avrebbe dovuto fare, e chi fa meno ha più possibilità di apparire bravo ?

Fidandoci dei voti messi dai docenti dobbiamo dedurre che al sud escono ragazzi più preparati che al nord; sai quale deve essere la diretta conseguenza di questa rilevazione ? Più soldi al nord e meno al sud, perchè si investe dove ce n'è bisogno ed al sud spaccano tutti il culo ai passeri.

Mi soffermo solo su un punto. Cosa vuol dire "eccetto filosofia" , Spiegati. Poi, magari, se lo desideri, controbatterò sul resto.
Persino "lettere" è finalizzata a scrivere bene, che tu lo faccia su un giornale, sui libri o in un'aula scolastica, ti insegnano a scrivere bene (anche facendo tesoro di quel che è stato già scritto in passato) ovvero ti insegnano a lavorare bene.

Filosofia arricchisce la mente ma si sa che pochi la monetizzeranno e comunque solo insegnandola; se il suo scopo fosse professionalizzare tanto varrebbe cancellarla dalla faccia della terra: se non esistesse non bisognerebbe insegnarla e non servirebbero coloro che la conoscono.

Scrivere è utile anche fuori dalla scuola; per non parlare delle facoltà tecniche, scientifiche, sociali, ed economiche.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Mar Ott 10, 2017 1:11 am

elirpe ha scritto:
Dadaismo puro?
Io ti sottolineo che le prove erano IDENTICHE, che senso ha il fatto che tu mi ribadisca che per te dovrebbero confrontare solo IPSIA tra loro o licei tra loro? Oltre all'indirizzo di scuola, che costrutto si ricava a scoprire che in un liceo di una periferia di Napoli si ottengono risultati più bassi di un liceo centralissimo a Milano? Cosa me ne faccio di questi risibili risultati se poi il liceo di Napoli non ottiene nessuna forma di sostegno supplementare? Questo test serve forse a ribadire l'ovvio nei secoli?
Sicuro di conoscere il significato di dadaismo ?

A che serve conoscere che il liceo di Napoli è meno efficace di quello di Milano ? A non rassegnarsi che sia così.

Per secoli i filosofi (per lo più gente che non capisce un cazzo) hanno sostenuto che lo stato naturale delle cose è che stiano ferme; poi uno che ha fatto misure ha capito che lo stato naturale è muoversi di moto rettilineo uniforme.

Quando non si parla di supercazzole ma si lavora, è fondamentale misurare la qualità dei propri risultati; se non lo fai tutti diranno di essere bravi e tutti continueranno a commettere sempre gli stessi errori; dal liceo di Napoli si esce con voti più alti che dal liceo di Milano; ti ho spiegato che se vuoi invertire la tendenza degli apprendimenti reali devi investire di più dove serve e per farlo devi sapere che lì serve.
Tornare in alto Andare in basso
sorel1968



Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 05.07.12

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Mar Ott 10, 2017 1:20 pm

[quote="avidodinformazioni"]
elirpe ha scritto:

Per secoli i filosofi (per lo più gente che non capisce un cazzo) hanno sostenuto che lo stato naturale delle cose è che stiano ferme; poi uno che ha fatto misure ha capito che lo stato naturale è muoversi di moto rettilineo uniforme.

Quando non si parla di supercazzole ma si lavora, è fondamentale misurare la qualità dei propri risultati; se non lo fai tutti diranno di essere bravi e tutti continueranno a commettere sempre gli stessi errori; dal liceo di Napoli si esce con voti più alti che dal liceo di Milano; ti ho spiegato che se vuoi invertire la tendenza degli apprendimenti reali devi investire di più dove serve e per farlo devi sapere che lì serve.

Sei uno di quelli che denigra la filosofia, magari, presumo perché i tuoi studi sono scientifici o tecnici e dai per scontato che solo quelli, o poco più contano. Purtroppo per la gente come te i filosofi sono flatus voci, o se preferisci "aria fritta". I filosofi per lo più hanno avuto un ruolo enorme nella formazione della cultura occidentale. Diciamo pure che la stessa scienza è nata dalle menti fervide dei primi filosofi. Magari la scienza disprezza le sue origini, ma ne ha ancora oggi un enorme bisogno nel momento stesso in cui comincia a dubitare di se stessa e coglie i suoi limiti (solo per citare uno dei tanti elementi in cui la filosofia torna molto utile).
Rimanendo alla storia culturale, un po' di conoscenza filosofica dovremmo averla tutti, quanto meno per capirci qualcosa a livello di grandi movimenti di idee. Si può comprendere l'Illuminismo senza filosofia, ad esempio?
Seguendo il tuo ragionamento si potrebbe anche fare a meno della letteratura e della storia visto che "non servono a niente". Spesso mi sono chiesto a cosa serve conoscere i principi della fisica, visto che buona parte di noi delle leggi dei gravi non importa nulla, dell'astronomia visto che le stelle le vedono sono per scrivere poesie o dichiarare il proprio amore ad una fidanzata, della chimica visto che ci serve a mala pena per capirci qualcosa con le medicine (tanto non ci capiamo nulla alla stessa maniera). Diciamocelo, le conoscenze scientifiche a buona parte di noi non servono, le impariamo e le dimentichiamo di lì a poco. Dubito che ci servano anche grandi conoscenze di matematica, al di là delle quattro operazioni o poco più...

Vedi che brutta china, sto prendendo? Da un adulto dovremmo aspettarci un atteggiamento un po' più evoluto.
Mi fermo qui perché io non mi chiedo a cosa serve la filosofia (per me è evidente), Ma d'altro canto, non mi chiedo a cosa serva insegnare disegno tecnico o musica (anche questo è scontato).

Infine, per favore, evita le volgarità; il mondo è un posto già avvelenato dai giudizi frettolosi e faciloni. Non aggiungiamoci anche noi che dovremmo essere parte della classe intellettuale del Paese.

PS: Se insegni materie tecnico-scientifiche non dovresti essere così tranchant verso argomenti che conosci poco. Se invece insegni materie umanistiche, temo che tu debba mettere mano ai libri di filosofia è farti un corso non accelerato della materia.

La discussione per conto mio può finire qui.
Tornare in alto Andare in basso
elirpe



Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Mar Ott 10, 2017 1:56 pm

sorel1968 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
elirpe ha scritto:

Per secoli i filosofi (per lo più gente che non capisce un cazzo) hanno sostenuto che lo stato naturale delle cose è che stiano ferme; poi uno che ha fatto misure ha capito che lo stato naturale è muoversi di moto rettilineo uniforme.

Quando non si parla di supercazzole ma si lavora, è fondamentale misurare la qualità dei propri risultati; se non lo fai tutti diranno di essere bravi e tutti continueranno a commettere sempre gli stessi errori; dal liceo di Napoli si esce con voti più alti che dal liceo di Milano; ti ho spiegato che se vuoi invertire la tendenza degli apprendimenti reali devi investire di più dove serve e per farlo devi sapere che lì serve.

Sei uno di quelli che denigra la filosofia, magari, presumo perché i tuoi studi sono  scientifici o tecnici e dai per scontato che solo quelli, o poco più contano. Purtroppo per la gente come te i filosofi sono flatus voci, o se preferisci "aria fritta". I filosofi per lo più hanno avuto un ruolo enorme nella formazione della cultura occidentale. Diciamo pure che la stessa scienza è nata dalle menti fervide dei primi filosofi. Magari la scienza disprezza le sue origini, ma ne ha ancora oggi un enorme bisogno nel momento stesso in cui comincia a dubitare di se stessa e coglie i suoi limiti (solo per citare uno dei tanti elementi in cui la filosofia torna molto utile).
Rimanendo alla storia culturale, un po' di conoscenza filosofica dovremmo averla tutti, quanto meno per capirci qualcosa a livello di grandi movimenti di idee. Si può comprendere l'Illuminismo senza filosofia, ad esempio?
Seguendo il tuo ragionamento si potrebbe anche fare a meno della letteratura e della storia visto che "non servono a niente".  Spesso mi sono chiesto a cosa serve conoscere i principi della fisica, visto che buona parte di noi delle leggi dei gravi non importa nulla, dell'astronomia visto che le stelle le vedono sono per scrivere poesie o dichiarare il proprio amore ad una fidanzata, della chimica visto che ci serve a mala pena per capirci qualcosa con le medicine (tanto non ci capiamo nulla alla stessa maniera). Diciamocelo, le conoscenze scientifiche a buona parte di noi non servono, le impariamo e le dimentichiamo di lì a poco. Dubito che ci servano anche grandi conoscenze di matematica, al di là delle quattro operazioni o poco più...

Vedi che brutta china, sto prendendo? Da un adulto dovremmo aspettarci un atteggiamento un po' più evoluto.
Mi fermo qui perché io non mi chiedo a cosa serve la filosofia (per me è evidente), Ma d'altro canto, non mi chiedo a cosa serva insegnare disegno tecnico o musica (anche questo è scontato).

Infine, per favore, evita le volgarità; il mondo è un posto già avvelenato dai giudizi frettolosi e faciloni. Non aggiungiamoci anche noi che dovremmo essere parte della classe intellettuale del Paese.

PS: Se insegni materie tecnico-scientifiche non dovresti essere così tranchant verso argomenti che conosci poco. Se invece insegni materie umanistiche, temo che tu debba mettere mano ai libri di filosofia è farti un corso non accelerato della materia.

La discussione per conto mio può finire qui.

Concordo perfettamente con il tuo intervento; ti faccio solo notare che per una confusione di quote l'intervento di avidodinformazioni risulta detto da me, che sono un insegnante di Filosofia...
Tornare in alto Andare in basso
elirpe



Messaggi : 553
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Re: Invalsi in movimento   Mar Ott 10, 2017 1:58 pm

avidodinformazioni ha scritto:
elirpe ha scritto:
Dadaismo puro?
Io ti sottolineo che le prove erano IDENTICHE, che senso ha il fatto che tu mi ribadisca che per te dovrebbero confrontare solo IPSIA tra loro o licei tra loro? Oltre all'indirizzo di scuola, che costrutto si ricava a scoprire che in un liceo di una periferia di Napoli si ottengono risultati più bassi di un liceo centralissimo a Milano? Cosa me ne faccio di questi risibili risultati se poi il liceo di Napoli non ottiene nessuna forma di sostegno supplementare? Questo test serve forse a ribadire l'ovvio nei secoli?
Sicuro di conoscere il significato di dadaismo ?

A che serve conoscere che il liceo di Napoli è meno efficace di quello di Milano ? A non rassegnarsi che sia così.

Per secoli i filosofi (per lo più gente che non capisce un cazzo) hanno sostenuto che lo stato naturale delle cose è che stiano ferme; poi uno che ha fatto misure ha capito che lo stato naturale è muoversi di moto rettilineo uniforme.

Quando non si parla di supercazzole ma si lavora, è fondamentale misurare la qualità dei propri risultati; se non lo fai tutti diranno di essere bravi e tutti continueranno a commettere sempre gli stessi errori; dal liceo di Napoli si esce con voti più alti che dal liceo di Milano; ti ho spiegato che se vuoi invertire la tendenza degli apprendimenti reali devi investire di più dove serve e per farlo devi sapere che lì serve.

Il fatto che tu definisca così i filosofi dimostra solo la tua incultura; pur non sapendo nulla di fisica non mi sogno nemmeno di dire che i fisici per lo più non capissero un c...
Chiudo
Tornare in alto Andare in basso
 
Invalsi in movimento
Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» La Religiosità del Movimento 5 Stelle
» Cosa pensate del movimento zeitgeist
» Movimento democratico e progressista
» Infinito, vuoto, logica e zenone
» rivista BARRICATE!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: