Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Ma che razza di alternanza è?

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
AutoreMessaggio
Nera



Messaggi : 213
Data d'iscrizione : 23.08.17

MessaggioTitolo: Ma che razza di alternanza è?    Mar Ott 24, 2017 3:17 pm

Promemoria primo messaggio :

Non so se questa è la sezione giusta, ma vorrei raccontarvi l'ultima esperienza di alternanza scuola-lavoro di mio figlio, 18 anni non ancora compiuti, ultimo anno di un istituto tecnico. È stato mandato in un'azienda in cui c'è un'unica titolare che fuma in continuazione, in palese violazione del divieto di fumo nei luoghi di lavoro. Mio figlio non fuma... e dai mal di testa con cui torna a casa mi pare di capire che neanche il fumo passivo gli piaccia tanto. A mio figlio non fa fare niente salvo mandarlo al bar vicino a prendere caffè e cornetti per lei e i suoi ospiti.... anche sotto la pioggia e ovviamente senza ombrello.... altrimenti come farebbe a portare i caffè? Ora mi chiedo... ma che razza di alternanza è questa? Pensate che serva davvero? Ovviamente io gli ho detto di pazientare... sono due settimane, 8 ore al giorno... nella speranza di raggiungere presto queste fatidiche 400 ore e tornare a fare scuola seriamente. Per la verità non ho ben capito se in sede di esame di maturità dovrà relazionare su queste esperienze. Dovrà dire che è stato tutto bello, altamente formativo? Altrimenti ci sarà da ridere...
Torna in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Ven Ott 27, 2017 10:05 am

Suppongo che tu abbia comunque fatto l'anno di prova e tu l'abbia superato.

Non solo il Ministero sa che esistono certe paritarie; lo Stato foraggia paritarie e private cattoliche, da che mondo è mondo. Sai che guerra con la chiesa se decidesse di cambiare le regole? Le paritarie dovrebbero assumere solo abilitati, e sai quanti, al tfa con me, avevano il punteggio di anni di lavoro in paritarie da non abilitati
Non mi piace, ma se è concesso (come lo sono le abilitazioni farlocche ecc.) accade.
E non toglie che un'utente che pure può essere criticata per altri aspetti (ammesso che abbiamo tanta voglia di entrare nel privato di qualcuno che non si conosce) possa aver sollevato dei temi su cui si può discutere, nel merito. Almeno credo.
Ad ogni modo, buona giornata e buon lavoro a tutti. Entro in classe ;-)
Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 3005
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Ven Ott 27, 2017 3:50 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Tiracab ha scritto:
Perché io ho una vita e di giorno ho altro da fare mentre tu che non hai da fare un c@@@@@0  sei sempre qui a tutte le ore. Dopo aver pascolato le pecore si capisce.  E così ogni nuovo nick per te è  un incubo. Pecoraaaaaa!!!!

Interessante questa fantasiosa teoria secondo cui chi pascola le pecore "non ha un cazzo da fare" a tutte le ore. Credo che la vita quotidiana dei pastori (almeno, i pastori veri, quelli con le greggi libere all'aperto, non parlo dei dipendenti degli allevamenti industriali, che hanno orari e turni come qualsiasi altro operaio) sia una delle più impegnative e massacranti che si possano immaginare...

infatti in altro thread, dove è intervenuta con lo stesso leit motiv, le ho risposto che probabilmente si riferisce alle pecorelle che conta di notte per addormentarsi, non riuscendoci (e così fa le incursioni notturne da frustrata).
Se fosse per me le farei fare la asl a pascolare le pecore in quel mondo, a lei e al suo (presunto) figliuolo appena sarà in età giusta, così se ne rende conto direttamente.
Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 3005
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Ven Ott 27, 2017 6:45 pm

Nera ha scritto:
Perché sarei un troll? Perché mio figlio sta al sud ed io al nord? Non solo fate finta di non sapere come funzionano molte paritarie, ma non sapete nemmeno che la Buona Scuola ha diviso le famiglie? Ecco... vi ho dato un altro input. Ora potete ricominciare a lapidarmi dicendo che ho deciso spontaneamente di partecipare al piano di assunzioni nazionale e non ho il diritto di lamentarmi. È proprio vero: qui si respira una brutta aria. Ma ci sono anche molti utenti in grado di manifestare il loro dissenso in modo  garbato e misurato. Mi sforzero' di ignorare gli altri.

Veramente non l'avevi detto che vivevate lontani. Anzi, all'inizio sembrava che tu vivessi assieme a lui, perché parlando del fumo dicevi "sembra che quando arrivi a casa...." etc etc.

Poi è uscita fuori  la storia dei 1000 km in riferimento agli anni nelle paritarie.

Porta tuo figlio al nord con te così risolvi il problema della asl al sud.
Torna in alto Andare in basso
Tiracab



Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 15.10.17

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Ven Ott 27, 2017 10:19 pm

Portalo in Sardegna così farà asl in montagna tra i pastori e le pecore tra gente confusa e ossessionata da finti nick. Nera non sono io. Confusa pecoraia behhhhhhhh
Torna in alto Andare in basso
Tiria



Messaggi : 540
Data d'iscrizione : 21.06.17

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Ven Ott 27, 2017 10:44 pm

Qualcuno ha parlato di pecore!? Ecchime, dov'è il molente?
Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 3005
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Ven Ott 27, 2017 11:31 pm

Tiracab ha scritto:
Portalo in Sardegna così farà asl in montagna tra i pastori e le pecore tra gente confusa e ossessionata da finti nick.  Nera non sono io. Confusa pecoraia behhhhhhhh

naaaaaaaaa nera non sei mica tu.......naaaa magari sei tutti i nick al completo che girano ultimamente sul sito per insultare....embè, tu sei solo ex-natuzz, che nel giro di pochi giorni da seria seria  e tutta dedita alla ragazzina in oncologia m'è diventata una insultatrice di prima categoria tiracab....e mi dici niente...quanti altri nick ti eri fatta prima e quanti ancora ti farai prima di capire che devi andare solo a dormire?


Ultima modifica di sempreconfusa1 il Ven Ott 27, 2017 11:36 pm, modificato 2 volte
Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 3005
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Ven Ott 27, 2017 11:35 pm

Tiria ha scritto:
Qualcuno ha parlato di pecore!? Ecchime, dov'è il molente?

tiria po caridadi, lassa stai....ex natuzzella ha tratto ispirazione dal tuo tiria per il tiracab...e poi fa finta che non ama le pecore! beee! ;-)
Torna in alto Andare in basso
Tiria



Messaggi : 540
Data d'iscrizione : 21.06.17

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Sab Ott 28, 2017 9:36 pm

sempreconfusa1 ha scritto:
Tiria ha scritto:
Qualcuno ha parlato di pecore!? Ecchime, dov'è il molente?

tiria po caridadi, lassa stai....ex natuzzella ha tratto ispirazione dal tuo tiria per il tiracab...e poi fa finta che non ama le pecore! beee!  ;-)

https://www.youtube.com/watch?v=bw79SRqsIRk :-)
Torna in alto Andare in basso
Tiria



Messaggi : 540
Data d'iscrizione : 21.06.17

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Sab Ott 28, 2017 9:39 pm

e mettiamoci anche questa https://www.youtube.com/watch?v=8ezmzsrhTFI
Torna in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 5018
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Sab Ott 28, 2017 10:18 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Di Giovanni Marisa ha scritto:
avido, non mi interessa difendere lei, ma mi pare che stiamo prendendo una direzione assurda.
Non condivido il lavoro nelle paritarie, non convidivo lo spaccio (ma davvero serve dirlo?).
Ma questo non vuol dire che la scuola debba legittimare all'abitudine al lavoro gratis o allo sfruttamento, tutto qua.
Poi figurati se ho voglia di correggere o convincere.
Certo che su questo forum si respira una brutta aria, scusatemi. Pare che ci sia chi viene qua (non parlo di avidodinformazioni) solo per urlare e attaccare. Mah.
Allora se non condividi lo sfruttamento siamo sulla stessa lunghezza d'onda (e non avevo dubbi sulla droga).

I fatti della vita ti possono portare a dover fare una competizione immorale con i tuoi pari; non sono qui a criticare e crocifiggere chi scende a compromessi; critico chi li sbandiera come normali e critico chi dice "se l'ho fatto io allora lo possono fare anche gli altri", che in ultima analisi é quello che ha sostenuto carla75

PS sono andato a riguardarmi i post vecchi perché cominciavo a confondermi, carla75 si é vantata di essersi accollata delle spese non di sua pertinenza e che anche gli altri possono sacrificarsi; Nera ha ammesso di aver lavorato 11 anni gratis con l'obiettivo di superare chi non lo faceva (senza peró dire che i ragazzi devono seguire il suo esempio)
Io non mi sono vantata. Facevo notare che quando si va ad imparare non necessariamente è previsto lo stipendio. Per i praticanti, come lo ero io allora, era previsto un semplice rimborso spese, e il tirocinio durava due anni. non vedo per quale motivo un ragazzo che fa l'alternanza scuola lavoro e va ad imparare 15 giorni un mestiere , debba essere pagato. Non mi pare certamente uno sfruttamento. Se poi i ragazzi vanno collocati a pulire i cessi questo è un altro discorso. Io sono contraria l'alternanza scuola lavoro perché snatura la funzione della scuola e soprattutto la funzione degli insegnanti.
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Sab Ott 28, 2017 10:43 pm

carla75 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Di Giovanni Marisa ha scritto:
avido, non mi interessa difendere lei, ma mi pare che stiamo prendendo una direzione assurda.
Non condivido il lavoro nelle paritarie, non convidivo lo spaccio (ma davvero serve dirlo?).
Ma questo non vuol dire che la scuola debba legittimare all'abitudine al lavoro gratis o allo sfruttamento, tutto qua.
Poi figurati se ho voglia di correggere o convincere.
Certo che su questo forum si respira una brutta aria, scusatemi. Pare che ci sia chi viene qua (non parlo di avidodinformazioni) solo per urlare e attaccare. Mah.
Allora se non condividi lo sfruttamento siamo sulla stessa lunghezza d'onda (e non avevo dubbi sulla droga).

I fatti della vita ti possono portare a dover fare una competizione immorale con i tuoi pari; non sono qui a criticare e crocifiggere chi scende a compromessi; critico chi li sbandiera come normali e critico chi dice "se l'ho fatto io allora lo possono fare anche gli altri", che in ultima analisi é quello che ha sostenuto carla75

PS sono andato a riguardarmi i post vecchi perché cominciavo a confondermi, carla75 si é vantata di essersi accollata delle spese non di sua pertinenza e che anche gli altri possono sacrificarsi; Nera ha ammesso di aver lavorato 11 anni gratis con l'obiettivo di superare chi non lo faceva (senza peró dire che i ragazzi devono seguire il suo esempio)
Io non mi sono vantata. Facevo notare che quando si va ad imparare non necessariamente è previsto lo stipendio. Per i praticanti, come lo ero io allora, era previsto un semplice rimborso spese, e il tirocinio durava due anni. non vedo per quale motivo un ragazzo che fa l'alternanza scuola lavoro e va ad imparare 15 giorni un mestiere , debba essere pagato. Non mi pare certamente uno sfruttamento. Se poi i ragazzi vanno collocati a pulire i cessi questo è un altro discorso. Io sono contraria l'alternanza scuola lavoro perché snatura la funzione della scuola e soprattutto la funzione degli insegnanti.
Tu hai scelto, loro no.
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8791
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Sab Ott 28, 2017 10:59 pm

carla75 ha scritto:
Io non mi sono vantata. Facevo notare che quando si va ad imparare non necessariamente è previsto lo stipendio. Per i praticanti, come lo ero io allora, era previsto un semplice rimborso spese, e il tirocinio durava due anni. non vedo per quale motivo un ragazzo che fa l'alternanza scuola lavoro e va ad imparare 15 giorni un mestiere , debba essere pagato.


Evidentemente tu stai parlando di tirocini professionali nell'ambito di alcune libere professioni molto specifiche, presumo professioni giuridiche o commerciali.

Il punto è che, anche in quel caso, non riesco proprio a capire per quale motivo una persona che è già laureata (e non è laureata in una materia generalistica di puro studio teorico, ma in una materia tecnica professionalizzante) dovrebbe farsi altri due anni di sfruttamento non pagato "per imparare il mestiere"... come a dire che un intero corso di studi di livello accademico, che rilascia una laurea in indirizzo specifico professionalizzante, non dovrebbe essere considerato sufficiente per imparare un mestiere.

Il fatto che questo fosse largamente tollerato come prassi non dimostra che sia giusto.

Va bene la necessità di tirocinio tecnico, ma che almeno sia pagato, considerando che si tratta di adulti di almeno 25 anni che si sono già fatti cinque anni di studi universitari specialistici, e che vengono blindati su un impegno a tempo pieno.

L'idea che sia considerato NORMALE che una persona di 25 anni, già laureata, debba farsi almeno altri due anni di apprendistato da studente con impegno a tempo pieno senza guadagnare un centesimo, la trovo raccapricciante.
Torna in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 5018
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 7:45 am

paniscus_2.0 ha scritto:
carla75 ha scritto:
Io non mi sono vantata. Facevo notare che quando si va ad imparare non necessariamente è previsto lo stipendio. Per i praticanti, come lo ero io allora, era previsto un semplice rimborso spese, e il tirocinio durava due anni. non vedo per quale motivo un ragazzo che fa l'alternanza scuola lavoro e va ad imparare 15 giorni un mestiere , debba essere pagato.


Evidentemente tu stai parlando di tirocini professionali nell'ambito di alcune libere professioni molto specifiche, presumo professioni giuridiche o commerciali.

Il punto è che, anche in quel caso, non riesco proprio a capire per quale motivo una persona che è già laureata (e non è laureata in una materia generalistica di puro studio teorico, ma in una materia tecnica professionalizzante) dovrebbe farsi altri due anni di sfruttamento non pagato "per imparare il mestiere"... come a dire che un intero corso di studi di livello accademico, che rilascia una laurea in indirizzo specifico professionalizzante, non dovrebbe essere considerato sufficiente per imparare un mestiere.

Il fatto che questo fosse largamente tollerato come prassi non dimostra che sia giusto.

Va bene la necessità di tirocinio tecnico, ma che almeno sia pagato, considerando che si tratta di adulti di almeno 25 anni che si sono già fatti cinque anni di studi universitari specialistici, e che vengono blindati su un impegno a tempo pieno.

L'idea che sia considerato NORMALE che una persona di 25 anni, già laureata, debba farsi almeno altri due anni di apprendistato da studente con impegno a tempo pieno senza guadagnare un centesimo, la trovo raccapricciante.
l'apprendimento universitario è tutto teorico quello che impari allo studio invece la pratica vera. Mi risulta inoltre che il tirocinio sia ancora obbligatorio. Il fatto che non sia pagato questo è un altro discorso.
Torna in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 5018
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 7:47 am

avidodinformazioni ha scritto:
carla75 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Di Giovanni Marisa ha scritto:
avido, non mi interessa difendere lei, ma mi pare che stiamo prendendo una direzione assurda.
Non condivido il lavoro nelle paritarie, non convidivo lo spaccio (ma davvero serve dirlo?).
Ma questo non vuol dire che la scuola debba legittimare all'abitudine al lavoro gratis o allo sfruttamento, tutto qua.
Poi figurati se ho voglia di correggere o convincere.
Certo che su questo forum si respira una brutta aria, scusatemi. Pare che ci sia chi viene qua (non parlo di avidodinformazioni) solo per urlare e attaccare. Mah.
Allora se non condividi lo sfruttamento siamo sulla stessa lunghezza d'onda (e non avevo dubbi sulla droga).

I fatti della vita ti possono portare a dover fare una competizione immorale con i tuoi pari; non sono qui a criticare e crocifiggere chi scende a compromessi; critico chi li sbandiera come normali e critico chi dice "se l'ho fatto io allora lo possono fare anche gli altri", che in ultima analisi é quello che ha sostenuto carla75

PS sono andato a riguardarmi i post vecchi perché cominciavo a confondermi, carla75 si é vantata di essersi accollata delle spese non di sua pertinenza e che anche gli altri possono sacrificarsi; Nera ha ammesso di aver lavorato 11 anni gratis con l'obiettivo di superare chi non lo faceva (senza peró dire che i ragazzi devono seguire il suo esempio)
Io non mi sono vantata. Facevo notare che quando si va ad imparare non necessariamente è previsto lo stipendio. Per i praticanti, come lo ero io allora, era previsto un semplice rimborso spese, e il tirocinio durava due anni. non vedo per quale motivo un ragazzo che fa l'alternanza scuola lavoro e va ad imparare 15 giorni un mestiere , debba essere pagato. Non mi pare certamente uno sfruttamento. Se poi i ragazzi vanno collocati a pulire i cessi questo è un altro discorso. Io sono contraria l'alternanza scuola lavoro perché snatura la funzione della scuola e soprattutto la funzione degli insegnanti.
Tu hai scelto, loro no.
Ti potrei rispondere a questo punto che l'alternanza si fa dal terzo anno in poi, quando non c'è più l'obbligo scolastico. Però ti ripeto, io sono contro l'alternanza perché ritengo che la scuola debba fare scuola e non sia un ufficio di collocamento. Sul fatto che l'alternanza sia indigeste ai ragazzi Questo è un problema delle famiglie. Vengono a rompere le scatole a scuola ogni piè sospinto,  e su questo non battono ciglio. Andassero a protestare
Torna in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 5018
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 9:23 am

Quello che io volevo sostenere è che da sempre i laureati in alcune discipline hanno fatto, sostanzialmente gratuitamente, praticantato in studi legali o commerciali. Mica solo io! Mai nessuno si è lamentato o si è stupito di questo. Mi risulta che tantissimi stage post laurea sono sostanzialmente gratuiti. Ora perché un laureato deve spendere Uno due tre anni della sua vita gratuitamente per potersi formare, e uno studente delle scuole superiori non può fare 15 giorni di stage gratuito? Non ci sono anche dottorati di ricerca senza borsa? Qualcuno se ne è mai stupito? O pensate veramente che questi ragazzi quando entrano in azienda siano direttamente operativi e non stiano lì almeno i primi 5-6 giorni ad osservare di imparare prima di fare in autonomia qualcosina?
Torna in alto Andare in basso
Spring



Messaggi : 1955
Data d'iscrizione : 23.08.17

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 9:42 am

paniscus_2.0 ha scritto:


Evidentemente tu stai parlando di tirocini professionali nell'ambito di alcune libere professioni molto specifiche, presumo professioni giuridiche o commerciali.

Il punto è che, anche in quel caso, non riesco proprio a capire per quale motivo una persona che è già laureata (e non è laureata in una materia generalistica di puro studio teorico, ma in una materia tecnica professionalizzante) dovrebbe farsi altri due anni di sfruttamento non pagato "per imparare il mestiere"... come a dire che un intero corso di studi di livello accademico, che rilascia una laurea in indirizzo specifico professionalizzante, non dovrebbe essere considerato sufficiente per imparare un mestiere.

Il fatto che questo fosse largamente tollerato come prassi non dimostra che sia giusto.

Va bene la necessità di tirocinio tecnico, ma che almeno sia pagato, considerando che si tratta di adulti di almeno 25 anni che si sono già fatti cinque anni di studi universitari specialistici, e che vengono blindati su un impegno a tempo pieno.

L'idea che sia considerato NORMALE che una persona di 25 anni, già laureata, debba farsi almeno altri due anni di apprendistato da studente con impegno a tempo pieno senza guadagnare un centesimo, la trovo raccapricciante.

perchè l'università è come la scuola, solo teoria.
Chi esce dall'università non ha idea di nulla. Al massimo può fare il docente a scuola.
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 11:18 am

carla75 ha scritto:
Quello che io volevo sostenere è che da sempre i laureati in alcune discipline hanno fatto, sostanzialmente gratuitamente, praticantato in studi legali o commerciali. Mica solo io! Mai nessuno si è lamentato o si è stupito di questo. Mi risulta che tantissimi stage post laurea sono sostanzialmente gratuiti. Ora perché un laureato deve spendere Uno due tre anni della sua vita gratuitamente per potersi formare, e uno studente delle scuole superiori non può fare 15 giorni di stage gratuito? Non ci sono anche dottorati di ricerca senza borsa? Qualcuno se ne è mai stupito? O pensate veramente che questi ragazzi quando entrano in azienda siano direttamente operativi e non stiano lì almeno i primi 5-6 giorni ad osservare di imparare prima di fare in autonomia qualcosina?

Se gli stage sono formativi, posso anche essere d'accordo (anche se non lo sono sul fatto che sottraggano tempo alle lezioni).
Purtroppo si parla, in molti casi, di percorsi che non formano assolutamente su nulla.
Comunque non è del tutto vero quello che affermi: che nessuno si sia mai lamentato dei tirocini gratuiti, non è vero. Semmai, non hanno ottenuto risultati sostanziali, perché gli ordini sono forti e potenti e se continuano ad esigere manovalanza (ma anche aiuto professionale qualificato, e molto) gratuita, la ottengono.
Se un laureato vuole spendere tre anni facendo lavoro non retribuito, faccia pure. Lo trovo ingiusto comunque.
Ma che io, insegnante di scuola pubblica, debba inculcare nei ragazzi il principio -incostituzionale- che il lavoro non pagato è la norma e dunque va bene, proprio no.
Se il mondo del lavoro e degli stage si basa su forme ricattatorie e illegittime, non è una motivazione per far diventare queste forme parte del curriculum formativo degli studenti delle superiori.
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 11:23 am

E preciso, carla75, che non è una critica a te sul personale.
So come funziona il praticantato: e funziona così per via dei rapporti di forza, non per motivi "pedagogici" o altro.
Anche io, prima di lavorare a scuola, ho fatto lavoro malpagato e con contratti ridicoli. Non me ne vanto, purtroppo so come funziona il mondo del lavoro e ho accettato anche forme di lavoro che, pur essendo legali, non reputo fino in fondo corrette.
Non per questo ritengo sia compito della scuola indirizzare i ragazzi a svolgerle, per di più durante il loro percorso formativo.
Siamo partiti da uno studente che porta il caffè. Che va benissimo, purché sia un lavoro pagato (e non svolto nell'orario scolastico). Che poi in molti uffici capiti al più giovane di dover anche portare il caffè ai capi, mentre il suo compito sarebbe altro, non cambia le cose: il fatto che una cosa "capiti" non vuol dire che sia giusta. Men che meno che può essere la scuola pubblica a legittimarla.
Torna in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 5018
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 11:26 am

Avevo già sostenuto che la scuola non è un ufficio di collocamento e deve fare scuola . quindi sul fatto che i ragazzi perdano delle lezioni con me sfondi una porta aperta. Il fatto che gli spazi siano sfruttamento lavorativo e non un'occasione di lavoro è colpa di chi le organizza e che non sorveglia. Tra l'altro si lamentano spesso coloro che l'alternanza la progettano. Io mi sono rifiutata. Se tutti lo facessero....
Torna in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 5018
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 11:28 am

carla75 ha scritto:
Avevo già sostenuto che la scuola non è un ufficio di collocamento e deve fare scuola . quindi sul fatto che i ragazzi perdano delle lezioni con me sfondi una porta aperta. Il fatto che gli stage siano sfruttamento lavorativo e non un'occasione di lavoro è colpa di chi le organizza e che non sorveglia. Tra l'altro si lamentano spesso coloro che l'alternanza la progettano. Io mi sono rifiutata. Se tutti lo facessero....
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 11:30 am

carla75 ha scritto:
carla75 ha scritto:
Avevo già sostenuto che la scuola non è un ufficio di collocamento e deve fare scuola . quindi sul fatto che i ragazzi perdano delle lezioni con me sfondi una porta aperta. Il fatto che gli stage siano sfruttamento lavorativo e non un'occasione di lavoro è colpa di chi le organizza e che non sorveglia. Tra l'altro si lamentano spesso coloro che l'alternanza la progettano. Io mi sono rifiutata. Se tutti lo facessero....

Infatti io mi sto rifiutando.
Torna in alto Andare in basso
Spring



Messaggi : 1955
Data d'iscrizione : 23.08.17

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 12:29 pm

Di Giovanni Marisa ha scritto:

Infatti io mi sto rifiutando.
io no, mi becco i soldi ed ho la scusa per andarmene in giro invece che ammuffire in classe.
Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 3005
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 4:26 pm

Tiria ha scritto:
sempreconfusa1 ha scritto:
Tiria ha scritto:
Qualcuno ha parlato di pecore!? Ecchime, dov'è il molente?

tiria po caridadi, lassa stai....ex natuzzella ha tratto ispirazione dal tuo tiria per il tiracab...e poi fa finta che non ama le pecore! beee!  ;-)

https://www.youtube.com/watch?v=bw79SRqsIRk :-)

aiò :-) andiamo incontinente? :-)
Torna in alto Andare in basso
giovanna onnis

avatar

Messaggi : 20122
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Dom Ott 29, 2017 4:29 pm

Tiracab ha scritto:
Portalo in Sardegna così farà asl in montagna tra i pastori e le pecore tra gente confusa e ossessionata da finti nick.  Nera non sono io. Confusa pecoraia behhhhhhhh

Ti chiedo cortesemente di smetterla, lasciando in pace la Sardegna, i pastori e le pecore
Ciò che scrivi dimostra ciò che sei
Possibile che tu non sia in grado di portare avanti nessun tipo di argomentazione senza arrivare a così bassi livelli?
Capisco che su tale livello tu ci sguazzi, ma ti consiglio di prendere l'ascensore perchè da sola non riesci al elevarti neanche di un solo piccolo gradino.

Non sono moderatrice, altrimenti avrei agito diversamente
Torna in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 63058
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Ma che razza di alternanza è?    Lun Ott 30, 2017 2:44 pm

E chi ti dice che i moderatori non l'abbiano già fatto (non solo per questo topic)? Dai, Giovanna, cerchiamo di non cadere nelle provocazioni e di non arrabbiarci (so che non è facile). Comunque cosa aspetti a diventare moderatrice, così ci dai una mano con questi soggetti? :-)
Torna in alto Andare in basso
 
Ma che razza di alternanza è?
Torna in alto 
Pagina 6 di 8Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
 Argomenti simili
-
» PON alternanza scuola/lavoro: orario curriculare o no?
» Cosa rende un uomo malvagio?
» Alternanza scuola lavoro a carico degli studenti?!
» alternanza scuola lavoro
» Retribuzione per docenti Alternanza Scuola Lavoro

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: