Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Difficolta ad aiutare su una materia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Ila81



Messaggi : 231
Data d'iscrizione : 13.06.17
Età : 36
Località : Casalmaiocco

MessaggioTitolo: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Ott 27, 2017 1:36 pm

Ne ho accennato su un altro topic, ma non c'entrava nulla, quindi ne apro uno ad hoc

Situazione: sto facendo un anno di sostegno su secondaria di 2° grado da graduatoria incrociata, sono laureata in matematica, mai fatto sostegno prima.
Da una parte ho un ragazzo con gravissimi deficit sia fisici che cognitivi, e già quella è una bella sfida. Perché ovviamente è tutta una didattica moooolto speciale tutta da inventare giorno per giorno. Prima verifica di matematica sulle tabelline fino al 5, per intenderci..va beh

Ma in questa sede volevo chiedere consiglio sull'altra classe. Ragazza ipoudente con obbiettivi minimi su alcune materie (quelle più tecniche) ma senza grossi problemi cognitivi, fisici men che meno, è anche una pallavolista semi-professionista..

Vengo al problema: il sostegno è sia sulle materie umanistiche che scientifiche. Per ovvi motivi su matematica e informatica nessun problema.
Storia, italiano, inglese..anche se non ho una preparazione universitaria specifica, ho fatto molto bene lo scientifico e ci sto dietro tranquillamente.
Economia aziendale. Ovviamente non l'ho mai fatta. La ragazza purtroppo è partita dal 4, prima ancora io fossi assegnata. Quest'anno hanno pure cambiato docente, l'anno scorso alla fine era uscita col 6. Dice che non si trova molto su come spiega la nuova ecc.. Ora il problema è che io naturalmente non ci capisco nulla di partita doppia..quel poco che so di contabilità è per quello che una persona adulta ha imparato per esperienza per curiosità personale ecc.
Ma da qui ad aiutarla a fare correttamente le esercitazioni scolastiche ne passa. Premetto che la buona volontà ce la sto mettendo, mi son messa su 3 ore settimanali, ho in mano il libro della classe precedente per studiare, mi sciroppo video didattici a go-go, e anche se ho capito qualcosa a grandi linee, mi sento ancora in altissimo mare! Non è facile sopperire ad anni di scuola della materia mai fatti, come fosse una lingua straniera. Avevo anche pensato di mollare il colpo e seguirla su altre materie.

Ho chiesto consiglio all'insegnante di sostegno dell'anno prima, il quale ha pure la mia stessa formazione. Mi ha rassicurata, mi ha detto che è normale, non possiamo essere tuttologi. Ma di non mollare la materia, perché la ragazza ha bisogno. Mentre sulle altre materie a parer suo no. Mi ha detto che il mio ruolo è prima di tutto di intermediario tra la ragazza e la docente della materia, in quanto la ragazza non chiede aiuto, piuttosto chiede ai compagni ma probabilmente ha vergogna a parlare con la docente. Che devo capire cos'è che lei non capisce, a volte sono cose banali, ad esempio cosa significa una parola ecc. Gli ho chiesto se comunque era il caso di fare 2 ore anziché 3 (è l'unica materia su cui ho così tante ore), dice che quello poi devo vederlo io. Ed ero abbastanza tranquilla.
Poi ho parlato con un'altra docente della scuola e..non mi ha proprio cazziata..ma mi ha detto in sostanza di studiare prendere appunti guardare i video mettere più ore ecc.. e mi ha rimessa un po' in panico aiutooo

Altri pensieri e/o consigli? Vi siete trovati in una situazione simile? Come vi siete comportati?
Tornare in alto Andare in basso
A0quarantasette



Messaggi : 3187
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Ott 27, 2017 2:04 pm

Ila81 ha scritto:
Ne ho accennato su un altro topic, ma non c'entrava nulla, quindi ne apro uno ad hoc

Situazione: sto facendo un anno di sostegno su secondaria di 2° grado da graduatoria incrociata, sono laureata in matematica, mai fatto sostegno prima.
Da una parte ho un ragazzo con gravissimi deficit sia fisici che cognitivi, e già quella è una bella sfida. Perché ovviamente è tutta una didattica moooolto speciale tutta da inventare giorno per giorno. Prima verifica di matematica sulle tabelline fino al 5, per intenderci..va beh

Ma in questa sede volevo chiedere consiglio sull'altra classe. Ragazza ipoudente con obbiettivi minimi su alcune materie (quelle più tecniche) ma senza grossi problemi cognitivi, fisici men che meno, è anche una pallavolista semi-professionista..

Vengo al problema: il sostegno è sia sulle materie umanistiche che scientifiche. Per ovvi motivi su matematica e informatica nessun problema.
Storia, italiano, inglese..anche se non ho una preparazione universitaria specifica, ho fatto molto bene lo scientifico e ci sto dietro tranquillamente.
Economia aziendale. Ovviamente non l'ho mai fatta. La ragazza purtroppo è partita dal 4, prima ancora io fossi assegnata. Quest'anno hanno pure cambiato docente, l'anno scorso alla fine era uscita col 6. Dice che non si trova molto su come spiega la nuova ecc.. Ora il problema è che io naturalmente non ci capisco nulla di partita doppia..quel poco che so di contabilità è per quello che una persona adulta ha imparato per esperienza per curiosità personale ecc.
Ma da qui ad aiutarla a fare correttamente le esercitazioni scolastiche ne passa. Premetto che la buona volontà ce la sto mettendo, mi son messa su 3 ore settimanali, ho in mano il libro della classe precedente per studiare, mi sciroppo video didattici a go-go, e anche se ho capito qualcosa a grandi linee, mi sento ancora in altissimo mare! Non è facile sopperire ad anni di scuola della materia mai fatti, come fosse una lingua straniera. Avevo anche pensato di mollare il colpo e seguirla su altre materie.

Ho chiesto consiglio all'insegnante di sostegno dell'anno prima, il quale ha pure la mia stessa formazione. Mi ha rassicurata, mi ha detto che è normale, non possiamo essere tuttologi. Ma di non mollare la materia, perché la ragazza ha bisogno. Mentre sulle altre materie a parer suo no. Mi ha detto che il mio ruolo è prima di tutto di intermediario tra la ragazza e la docente della materia, in quanto la ragazza non chiede aiuto, piuttosto chiede ai compagni ma probabilmente ha vergogna a parlare con la docente. Che devo capire cos'è che lei non capisce, a volte sono cose banali, ad esempio cosa significa una parola ecc. Gli ho chiesto se comunque era il caso di fare 2 ore anziché 3 (è l'unica materia su cui ho così tante ore), dice che quello poi devo vederlo io. Ed ero abbastanza tranquilla.
Poi ho parlato con un'altra docente della scuola e..non mi ha proprio cazziata..ma mi ha detto in sostanza di studiare prendere appunti guardare i video mettere più ore ecc.. e mi ha rimessa un po' in panico aiutooo

Altri pensieri e/o consigli? Vi siete trovati in una situazione simile? Come vi siete comportati?

Sono d'accordo con la docente dell'anno scorso. Non si può sapere tutto e comunque tu non devi sostituirti al docente curricolare. Ovvio che se si conosce la materia è meglio, ma a volte può essere addirittura controproducente.


Tornare in alto Andare in basso
Ila81



Messaggi : 231
Data d'iscrizione : 13.06.17
Età : 36
Località : Casalmaiocco

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Lun Ott 30, 2017 8:57 am

Ma sul numero di ore da dedicare alla materia "ostica"? Di più o come tutte le altre?
Tornare in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 10663
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Lun Ott 30, 2017 9:12 am

Ila81 ha scritto:
Ma sul numero di ore da dedicare alla materia "ostica"? Di più o come tutte le altre?
Se nelle altre materie è autonomo o quasi ci sta che si dedichi più tempo alla materia su cui presenta difficoltà, ovviamente concordando/comunicando col consiglio di classe.
Tornare in alto Andare in basso
Ila81



Messaggi : 231
Data d'iscrizione : 13.06.17
Età : 36
Località : Casalmaiocco

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Lun Ott 30, 2017 9:14 am

si ma io mi riferivo a "ostica" per l'insegnante.. (beh in questo caso anche per la ragazza, ma non molto più di altre)
Se fare più ore per capirci di più pure io
Tornare in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 10663
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Lun Ott 30, 2017 9:45 am

Scusami, ho frainteso.
Ci può stare che faccia più ore, in ogni caso: soprattutto se anche la ragazza ha difficoltà. Ma, come ti hanno suggerito, non dimenticarti che non sei una tuttologa.
Tornare in alto Andare in basso
eragon



Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Lun Ott 30, 2017 1:13 pm

L'insegnante di sostegno è un mediatore non un tuttologo.
E' "normale" che i colleghi curricolari provino ad addossarti tutto il carico didattico ma devi essere chiara e netta: tu sei un mediatore.
Tra l'altro la ragazza è cognitivamente integra ma ipoacusica quindi, proprio in questo caso, il tuo ruolo di mediazione è proprio quello di cui ha bisogno la ragazza.
Prendi gli appunti per lei mentre la docente spiega ed eventualmente rielabora il libro di testo semplificando forma espositiva e contenuti.
Se poi il problema è di natura tecnica, ovvero la ragazza non capisce delle questioni tecniche della disciplina è l'insegnante di economia aziendale che deve rispiegargliele perchè è lei che ha una formazione specifica per quella disciplina.
Tornare in alto Andare in basso
Valchiria



Messaggi : 37
Data d'iscrizione : 11.09.17

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Lun Ott 30, 2017 3:27 pm

Io come te.. sto affrontando economia aziendale per la prima volta.. io rielaboro appunti faccio schemi.. studio come hai fatto te e faccio da intermediario.. se il ragazzo mi chiede una cosa che non so bene vado dalla curriculare chiedo e glielo rispiego in parole semplici..
Tornare in alto Andare in basso
Stefania Biancani



Messaggi : 3318
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Lun Ott 30, 2017 5:41 pm

eragon ha scritto:
L'insegnante di sostegno è un mediatore non un tuttologo.
E' "normale" che i colleghi curricolari provino ad addossarti tutto il carico didattico ma devi essere chiara e netta: tu sei un mediatore.
Tra l'altro la ragazza è cognitivamente integra ma ipoacusica quindi, proprio in questo caso, il tuo ruolo di mediazione è proprio quello di cui ha bisogno la ragazza.
Prendi gli appunti per lei mentre la docente spiega ed eventualmente rielabora il libro di testo semplificando forma espositiva e contenuti.
Se poi il problema è di natura tecnica, ovvero la ragazza non capisce delle questioni tecniche della disciplina è l'insegnante di economia aziendale che deve rispiegargliele perchè è lei che ha una formazione specifica per quella disciplina.

Quoto e specifico:
l'ipoacusia comporta problemi non di ordine intellettivo, ma di linguaggio. Anche se la ragazza è apparentemente "normale", l'affrontare testi specialistici comporta per lei maggiori difficoltà. Occorre tener presente che se il docente curricolare spiega in classe che "la mamma è andata al mercato", non è detto che il ragazzo ipoacusico recepisca tutti i fonemi-morfemi: la sua fatica, di cui spesso non è consapevole nemmeno lui, sta proprio nel ricostruire, magari aiutandosi con la lettura labiale, le parti mancanti (ma che i suoi compagni comprendono perfettamente). Figuriamoci con le materie specialistiche. E questo per tutta l'ora, per tutte le ore, per tutti i giorni di tutto l'anno, a scuola, a casa, con gli amici, davanti alla tv.
Quale quindi il compito del docente di sostegno? Prendere appunti e cercare di semplificare dove è possibile. Quale il compito del docente curricolare? Mantenere il silenzio in aula e parlare guardando SEMPRE in faccia il ragazzo. Quale il compito del ragazzo? Eh, è facile a dirsi, ma dovrebbe sempre riprendere l'insegnante quando non capisce: "Scusi, può ripetere?" "Non posso prendere appunti: o scrivo o la guardo in faccia mentre spiega" "Per favore, può parlare più lentamente?". Però tra il dire e il fare ce ne corre: gli adolescenti sordi intellettivamente normodotati di sicuro non hanno piacere a sottolineare il loro deficit davanti ai compagni, quindi spesso fingono di avere capito (e patatrac!). Comincia ad andare meglio dalla quarta superiore, ma prima è difficile.
Un augurio di buon lavoro a tutti voi!
Tornare in alto Andare in basso
eragon



Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Mar Ott 31, 2017 6:23 pm

Stefania Biancani ha scritto:
eragon ha scritto:
L'insegnante di sostegno è un mediatore non un tuttologo.
E' "normale" che i colleghi curricolari provino ad addossarti tutto il carico didattico ma devi essere chiara e netta: tu sei un mediatore.
Tra l'altro la ragazza è cognitivamente integra ma ipoacusica quindi, proprio in questo caso, il tuo ruolo di mediazione è proprio quello di cui ha bisogno la ragazza.
Prendi gli appunti per lei mentre la docente spiega ed eventualmente rielabora il libro di testo semplificando forma espositiva e contenuti.
Se poi il problema è di natura tecnica, ovvero la ragazza non capisce delle questioni tecniche della disciplina è l'insegnante di economia aziendale che deve rispiegargliele perchè è lei che ha una formazione specifica per quella disciplina.

Quoto e specifico:
l'ipoacusia comporta problemi non di ordine intellettivo, ma di linguaggio. Anche se la ragazza è apparentemente "normale", l'affrontare testi specialistici comporta per lei maggiori difficoltà. Occorre tener presente che se il docente curricolare spiega in classe che "la mamma è andata al mercato", non è detto che il ragazzo ipoacusico recepisca tutti i fonemi-morfemi: la sua fatica, di cui spesso non è consapevole nemmeno lui, sta proprio nel ricostruire, magari aiutandosi con la lettura labiale, le parti mancanti (ma che i suoi compagni comprendono perfettamente). Figuriamoci con le materie specialistiche. E questo per tutta l'ora, per tutte le ore, per tutti i giorni di tutto l'anno, a scuola, a casa, con gli amici, davanti alla tv.
Quale quindi il compito del docente di sostegno? Prendere appunti e cercare di semplificare dove è possibile. Quale il compito del docente curricolare? Mantenere il silenzio in aula e parlare guardando SEMPRE in faccia il ragazzo. Quale il compito del ragazzo? Eh, è facile a dirsi, ma dovrebbe sempre riprendere l'insegnante quando non capisce: "Scusi, può ripetere?" "Non posso prendere appunti: o scrivo o la guardo in faccia mentre spiega" "Per favore, può parlare più lentamente?". Però tra il dire e il fare ce ne corre: gli adolescenti sordi intellettivamente normodotati di sicuro non hanno piacere a sottolineare il loro deficit davanti ai compagni, quindi spesso fingono di avere capito (e patatrac!). Comincia ad andare meglio dalla quarta superiore, ma prima è difficile.
Un augurio di buon lavoro a tutti voi!

E' vero ciò che affermi ed infatti io stesso ho detto di prendere gli appunti per lei mentre la ragazza si concentra sul seguire la spiegazione che, di economia aziendale, dovrebbe essere fatta con la lavagna.
Per ragioni professionali ho dovuto studiarla l'economia aziendale ed è una materia molto tecnica, dove, a mio avviso, la componente "linguistica" è il problema minore, ovvero non è una disciplina in cui i costrutti linguistici assumono valenza centrale per la spiegazione, semmai persiste il problema che il ragazzo ipoacusico, magari con un vocabolario ristretto, deve comunque confrontarsi con un bel po' di termini a bassissima frequenza d'uso. Quando il docente di sostegno interviene e avvicina quei termini al linguaggio proprio del ragazzo c'è il serio rischio di creare ulteriori casini.
E' una disciplina a metà strada tra la matematica ed il ragionamento puro. E' una delle classiche discipline in cui le scorciatoie sono inutili: bisogna mettersi il pomeriggio di buona lena, prendersi gli esercizi sul libro (se avrai avuto modo di sfogliare un libro di economia aziendale vedrai che sono più le parti dedicate agli esercizi che quelle relative ai contenuti da trasmettere!) e passare i pomeriggi a scervellarsi.
Tornare in alto Andare in basso
Ila81



Messaggi : 231
Data d'iscrizione : 13.06.17
Età : 36
Località : Casalmaiocco

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Gio Nov 02, 2017 3:03 pm

Vi ringrazio per le risposte..in realtà la ragazza prende autonomamente appunti, di fatto ha un impianto che le permette di sentire bene; se uno non lo sapesse non capirebbe nemmeno il suo problema. Tant'è che mi diceva il ragazzo che la seguiva lo scorso anno che secondo lui i suoi compagni addirittura lo ignoravano, secondo lui! Quello che ho notato ad ora è che ha un'espressione orale e scritta, non del tutto corretta in italiano. Errori di sintassi, ortografica, costruzione logica delle frasi. Non a livello gravissimo, ma c'è. Lunedì tengono giusto giusto una "lezione" per professori nella mia scuola proprio sul tema, avrò il piacere di essere presente, per capirci qualcosa in più.
Tornare in alto Andare in basso
Stefania Biancani



Messaggi : 3318
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Nov 03, 2017 9:27 am

Ila81 ha scritto:
Vi ringrazio per le risposte..in realtà la ragazza prende autonomamente appunti, di fatto ha un impianto che le permette di sentire bene; se uno non lo sapesse non capirebbe nemmeno il suo problema. Tant'è che mi diceva il ragazzo che la seguiva lo scorso anno che secondo lui i suoi compagni addirittura lo ignoravano, secondo lui! Quello che ho notato ad ora è che ha un'espressione orale e scritta, non del tutto corretta in italiano. Errori di sintassi, ortografica, costruzione logica delle frasi. Non a livello gravissimo, ma c'è. Lunedì tengono giusto giusto una "lezione" per professori nella mia scuola proprio sul tema, avrò il piacere di essere presente, per capirci qualcosa in più.

Ti prego di non prendere le mie parole come una critica, ma solo come un suggerimento. Non sottovalutare l'handicap della ragazza.

Una cosa è la relazione con i compagni: i ragazzi possono tranquillamente ignorare il problema nel loro modo di rapportarsi con la compagna. Di sicuro non ignorano il fatto che in classe sia presente un docente di sostegno, quindi sanno bene che un problema c'è. Ma per una classe di adolescenti diventa difficile, se non impossibile, mantenere il silenzio perché tra loro c'è una ragazza che non sente bene, e se la compagna è intelligente quanto loro possono tranquillamente interagire con lei come fanno con gli altri.

Riguardo agli impianti cocleari e alle protesi digitali di ultima generazione: funzionano in maniera eccellente, ma non per questo eliminano del tutto il problema, E soprattutto non lo eliminano per quanto riguarda la formazione del linguaggio vissuta dai ragazzi: nell'imparare ad esprimersi si sono formati dei "buchi" che faticano ad essere riempiti. Per questo si parla di sordità prelinguale e per questo i sordi prelinguali hanno diritto a percepire l'"indennità di comunicazione". Proprio perché, nonostante la presenza di apparecchiature che hanno ottimi livelli di resa, le difficoltà nel quotidiano, pur nascoste, permangono a vita (l'indennità di comunicazione non ha scadenza). Per farti un esempio pratico, a Bologna sta aumentando la richiesta della sottotitolazione (o sovratitolazione) di diversi eventi pubblici: da spettacoli teatrali a conferenze, fino all'ultima messa del papa. A chi serve la sottotitolazione? Ai sordi con impianti e protesi, cioè ai sordi che "parlano". Per i "sordomuti" (la denominazione non esiste più: sono "sordi" come gli impiantati), quelli che si esprimono attraverso il linguaggio dei segni, la sottotitolazione serve, certo, ma ci sono già gli interpreti. La sottotitolazione si sta affermando negli ultimi tempi, perché le nuove generazioni di sordi ne hanno bisogno.

Il fatto che tu dica che la tua allieva "ha un'espressione orale e scritta, non del tutto corretta in italiano. Errori di sintassi, ortografica, costruzione logica delle frasi. Non a livello gravissimo, ma c'è" è un segnale chiarissimo di un linguaggio che si è formato con lacune nella ricezione. La ragazza sembra "normale" (virgoletto per chiarire la sfumatura con cui uso il termine), ma non lo è. Infatti ha diritto al sostegno. Solo un audiologo può stabilire quanto la ragazza senta effettivamente bene con l'impianto. Lei farà di tutto per nascondere il problema, tu dovrai faticosamente monitorarne i segnali, che come dici ci sono e ci saranno.
Non sopravvalutare le sue capacità e non fidarti delle apparenze... E' più facile a dirsi che a farsi, lo so, ma è il mio suggerimento che nasce dall'esperienza diretta (è stato facilissimo sopravvalutare le capacità di mio figlio: per noi genitori, per gli insegnanti, perfino per la neuropsichiatra e per mio figlio stesso; ci è voluta l'audiologa perché gli inghippi, grandi come una casa, venissero alla luce... ed è ancora difficile vederli: la sordità è subdola).
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9989
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Nov 03, 2017 10:19 am

E' sempre utilissimo leggerti, Stefania : - )
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Stefania Biancani



Messaggi : 3318
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Nov 03, 2017 8:13 pm

Oh, grazie, Ire. Per me il forum è uno strumento utilissimo (spero ben che non venga chiuso: mi è servito tanto in passato e mi serve tanto ancora). Se posso contribuire anch'io lo faccio volentieri. ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9989
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Sab Nov 04, 2017 12:09 pm

Davvero sai, mi è capitato di andare in una classe dove c'era un bimbo sordo e pensando a come agire con lui mi sono venuti in mente alcuni tuoi consigli. Era sorridente ed ha lavorato con noi quindi la cosa è andata bene : - )

Certo che il forum è utile, usandolo da persone adulte.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ila81



Messaggi : 231
Data d'iscrizione : 13.06.17
Età : 36
Località : Casalmaiocco

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Mer Nov 08, 2017 4:05 pm

Grazie Stefania per la tua testimonianza leggo solo ora.
Sì guarda infatti mi sto piano piano rendendo conto di questa cosa. Apparentemente la ragazza non sembra avere problemi, poi ha di fianco una ragazza "normale" ma super-incasinata e al confronto lei sembra un'alunna modello e mi aveva ingannato ancora di più, ma capisco che le difficoltà annidate ci sono.
Lunedì prossimo giusto giusto hanno organizzato un convegno in cui si parla proprio della sordità nel mio istituto. E' un mondo in cui c'è un sacco da imparare.
Tornare in alto Andare in basso
Stefania Biancani



Messaggi : 3318
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Mer Nov 08, 2017 8:01 pm

Ma figurati! Dopo la riunione sarai tu ad aiutare tutti noi, insegnanti e genitori. Attendiamo il tuo resoconto! ;-)

Ah! Non ricordo se te l'ho detto, ma tieni presente che i sordi si stancano molto di più e potrebbero avere dei crolli improvvisi (soprattutto se, da adolescenti come sono, non sono in grado di gestire in maniera equilibrata le ore di veglia e quelle di sonno).
Tornare in alto Andare in basso
Stefania Biancani



Messaggi : 3318
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Mer Nov 22, 2017 1:19 pm

@ Ila: novità dal convegno che possano aiutare tutti noi, docenti e familiari?

AGLI AMMINISTRATORI: è chiaro che questa faccenda del flood non può che allontanare chi utilizza il forum per chiarire dubbi personali e per, dove possibile, aiutare gli altri. Questa è il secondo intervento che posto oggi e già sono bloccata. E' evidente che la collaborazione di utenti come me non interessa. Ne prendo atto e considero che probabilmente anche Ila non abbia avuto voglia di aspettare per ogni possibilità di invio DIECI MINUTI. Peccato, perché a me il suo intervento interessava moltissimo.  
Tornare in alto Andare in basso
Ila81



Messaggi : 231
Data d'iscrizione : 13.06.17
Età : 36
Località : Casalmaiocco

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Mer Nov 22, 2017 4:21 pm

Ciao Stefania,
in effetti sono ancora all'oscuro della storia dei flood..comunque si abbiamo fatto una prima parte dell'incontro sulla sordità, a dicembre la seconda parte sull'aspetto "difficoltà linguistiche e lessicali, implicazioni sulla didattica, per gli alunni con sordità"
In questa prima parte abbiamo visto più gli aspetti medico-scientifici..mi son fatta una cultura sugli impianti, la storia degli stessi..quando si usa l'impianto quando no..come si pensa che sentano le persone con l'impianto ecc ecc..Si rimane affascinati da quanto è perfetto e complesso il corpo umano..come una cosa che ci sembra così semplice e naturale come sentire sia complessa dal punto di vista anatomico
Tornare in alto Andare in basso
Stefania Biancani



Messaggi : 3318
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Mer Nov 22, 2017 7:46 pm

Grazie davvero!
Tienici informati sulle cose salienti.
Un abbraccio.
Tornare in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 2374
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Gio Nov 23, 2017 12:18 am

Stefania, la storia del flood è stata considerata come deterrente soltanto DOPO che un utente ha infestato molte sezioni del forum e thread con interventi sconclusionati o con insulti e offese nel giro di poche ore.Non riesco a credere che la prendiate tutti così sul personale anche conoscendo le motivazioni.
Prima di questo erano state cancellate solo alcune sezioni del forum, ma evidentemente non bastava. Anche un po' di pazienza ci vuole, per permettere che il tempo aiuti a sistemare certe cose e certe invasioni di campo come quella che ha portato all'utilizzo dei flood tanto fastidiosi.
Tornare in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Nov 24, 2017 6:00 am

Condivido il disappunto di Stefania Biancani, alla quale vorrei chiedere un parere.
Prima media, alunno con difficoltà uditive, non protesizzato, purtroppo affetto da mutismo selettivo a causa di un imprecisato blocco psicologico. L'alunno per ora non ha diagnosi per 104, per cui usufruisce semplicemente di un PDP.
Oltre alla impossibilità di interrogarlo c'è il problema che nelle verifiche scritte, pur dimostrando il possesso di un italiano dignitoso, scrive cose che non stanno né in cielo né in terra, cioè errate da un punto di vista didattico-disciplinare, come se non avesse studiato. L'alunno ha fatto capire (perché comunque in qualche modo quando gli parli ti risponde) che non ha i libri della maggior parte della materia. La famiglia dall'esterno sembra "normale".
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9989
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Nov 24, 2017 9:38 am

Se la famiglia sembra normale si potrebbe chiedere chiarimenti a loro su quello che avete capito della situazione
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Stefania Biancani



Messaggi : 3318
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Nov 24, 2017 9:05 pm

Anch'io ne parlerei serenamente con la famiglia. Difficile capire il perché dell'assenza di certificazione, che è qualcosa a tutela del ragazzino, non contro di lui.
Può darsi che le sue reazoni sopra le righe siano connesse all'insorgere della consapevolezza di una difficoltà che lo fa sentire "diverso" dai compagni, ma è necessario un dialogo sereno (mi raccomando, sereno!) ed aperto con i genitori.
Difficile esprimere un'opinione dalla descrizione di una situazione tanto "ingarbugliata". Certo un parere neuropsichiatrico aiuterebbe, ma prima ci vuole il dialogo con la famiglia.

OT sul flood: è disappunto, infatti, non una questione personale. Io penso a quando uscirà il contratto sulla mobilità (sezione del forum in cui sono intervenuta spesso, adesso ovviamente molto meno perché è un periodo di stasi): come faremo a scambiarci opinioni con questo sistema? Va be', confido che si trovi una soluzione a breve.
Tornare in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 2374
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Difficolta ad aiutare su una materia   Ven Nov 24, 2017 11:59 pm

OT Scusate se insisto: se tu Stefania scrivi che agli amministratori "evidentemente non interessa l'apporto nel forum di utenti come te", in una frase simile io leggo non disappunto ma proprio una contestazione di tipo personale.
Il fatto che l'utente che gioca con i nick si prenda gioco del forum, postando dovunque, a caso, insultando tra i vari interventi invece come dovrebbe essere visto? Una cosa normale?
Molti di voi hanno chiesto a gran voce, in passato, l'intervento dei moderatori e degli amministratori. E adesso che loro hanno deciso di operare scelte drastiche esprimete il disappunto in forma molto personale.
Mi permettevo solo di ricordarvi che alcuni di loro vi hanno anche dato motivazioni per queste scelte operate (ad esempio che il flood non può essere usato in modo selettivo) e mi permettevo anche di ricordarvi che il solo ban non era sufficiente per chi si creava (e forse ancora si crea) numerosissimi nick al minuto.

Scusatemi ancora per l' OT.
Tornare in alto Andare in basso
 
Difficolta ad aiutare su una materia
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Qualcuna mi può aiutare?
» La medicina naturale ci può aiutare?
» una cosa che può aiutare chi ha paura della sofferenza per il negativo
» domande sulla materia
» la strada della "strada per un sogno"...se diventasse un'associazione?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Sostegno-
Andare verso: