Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Considerazioni per il 2018

Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
gugu

avatar

Messaggi : 33380
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Considerazioni per il 2018   Gio Dic 28, 2017 9:49 pm



Cambieremo governo, cambieremo Miur.

Parte la sperimentazione di 100 classi a quattro anni.

Sulla scuola sono stati messi solo 150 milioni che potranno, forse, permettere il passaggio da OF a OA di circa 6.000 posti.

Se l'Italia è in ripresa, per la scuola dei prossimi 5 anni io vedo scenari più neri che grigi.

Molti di noi vivranno in questo periodo, dopo il ruolo, il periodo che professionalmente dovrebbe essere più ricco (lontani dalla precarietà e lontani dalla pensione). Speriamo, almeno, di avere qualche piccola soddisfazione. La nuova riforma della scuola si avvicina.
Torna in alto Andare in basso
peadp



Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 26.12.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Gio Dic 28, 2017 10:39 pm

Temo anch'io, speriamo bene, o almeno non troppo male
Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 33380
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Ven Dic 29, 2017 9:32 am

Il nuovo Miur potrebbe portare:

- eliminazione del potenziamento --> meno 55.000 cattedre

- superiori quadriennale --> meno 40.000 cattedre (solo nella secondaria di sec. grado)

Totale

- 95.000 cattedre dal 2018 al 2026.
Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 16218
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Ven Dic 29, 2017 9:36 am

Stiamo iniziando col pessimismo cosmico?:)
Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 33380
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Ven Dic 29, 2017 9:46 am

Realismo pragmatico. ;-)


Torna in alto Andare in basso
Popocatepetl



Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Ven Dic 29, 2017 10:02 am

L eliminazione del potenziamento sarebbe la logica conseguenza dell incapacità dei presidi di utilizzarlo e della passività e indolenzia dei docenti nel proporsi per le attività che il potenziamento avrebbe richiesto
Torna in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23838
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Ven Dic 29, 2017 10:11 am

pertanto non verrà eliminato.
Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 33380
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Ven Dic 29, 2017 10:21 am

Da noi, tra progetti, sostituzioni, distacchi le ore di potenziamento sono super-utilizzate. Per questo una sparizione o uno spostamento (si vedano anche il 5% che dovrebbe passare alla primaria e i posti da inventare per l'infanzia) potrebbe comportare notevoli impoverimenti all'offerta formativa e alla gestione dell'istituto.
Ma, casi positivi o negativi a parte, difficilmente un Miur che cerca risparmio si interesserà del reale utilizzo delle risorse.
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Ven Dic 29, 2017 12:11 pm

Con un po' di fortuna Gentiloni rimarrà in carica con il suo governo provvisorio per altri 15 anni.

La legge elettorale che hanno fatto non è molto efficace.
Torna in alto Andare in basso
Lenar_



Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 02.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Dom Dic 31, 2017 5:13 pm

gugu ha scritto:
Il nuovo Miur potrebbe portare:

- eliminazione del potenziamento -->  meno 55.000 cattedre

- superiori quadriennale --> meno 40.000 cattedre (solo nella secondaria di sec. grado)

Totale

- 95.000 cattedre dal 2018 al 2026.

Potrebbe non essere un dramma.

Con 20.000 pensionamenti all'anno (cifra realistica? Non sono un esperto ma credo di si) si potrebbe ottenere il risultato semplicemente riducendo il numero di assunzioni e usando il potenziamento come cassa di compensazione nella fase di progressivo taglio degli organici.

Una scuola con meno insegnanti, magari pagati meglio, è necessariamente una scuola peggiore di quella attuale, con tanti insegnanti pagati meno di un operaio metalmeccanico?

Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 33380
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Dom Dic 31, 2017 5:16 pm

Lenar_ ha scritto:


Una scuola con meno insegnanti, magari pagati meglio, è necessariamente una scuola peggiore di quella attuale, con tanti insegnanti pagati meno di un operaio metalmeccanico?



I motti gelminiani non funzionano più.

Sì, una scuola con meno insegnanti sui quali ricadranno carichi di lavoro ancor più pesanti, è decisamente peggio di qualsiasi altra ipotesi. Se tu vuoi guadagnare di più basta che chiedi di avere ore o attività eccedenti senza che altri paghino per te.
Torna in alto Andare in basso
Lenar_



Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 02.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Dom Dic 31, 2017 5:35 pm

gugu ha scritto:
Da noi, tra progetti, sostituzioni, distacchi le ore di potenziamento sono super-utilizzate. Per questo una sparizione o uno spostamento (si vedano anche il 5% che dovrebbe passare alla primaria e i posti da inventare per l'infanzia) potrebbe comportare notevoli impoverimenti all'offerta formativa e alla gestione dell'istituto.
Ma, casi positivi o negativi a parte, difficilmente un Miur che cerca risparmio si interesserà del reale utilizzo delle risorse.

La mia personale esperienza mi porta a fare considerazioni diverse: se anche sparisse domani il potenziamento l'impatto sull'offerta formativa sarebbe minimo.

Se poi l'abolizione del potenziamento fosse associato a norme che incrementassero in modo ulteriore la flessibilità nell'utilizzo del personale e nella definizione del curricolo non credo ci troveremmo di fronte a drammi eccessivi.

gugu ha scritto:


Sì, una scuola con meno insegnanti sui quali ricadranno carichi di lavoro ancor più pesanti, è decisamente peggio di qualsiasi altra ipotesi. Se tu vuoi guadagnare di più basta che chiedi di avere ore o attività eccedenti senza che altri paghino per te.

Il ragionamento si potrebbe fare anche al contrario: più ore per tutti e poi chi non vuole carichi più pesanti può chiedere il part time.

Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 33380
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Dom Dic 31, 2017 6:24 pm

Lenar_ ha scritto:


Se poi l'abolizione del potenziamento fosse associato a norme che incrementassero in modo ulteriore la flessibilità nell'utilizzo del personale e nella definizione del curricolo non credo ci troveremmo di fronte a drammi eccessivi.




Vorresti spiegare questa frase degna del più vuoto burocratese?

Quale incarico vorresti nella flessibilità?
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5241
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Dom Dic 31, 2017 6:47 pm

Lenar cioè? Più ore per tutti? No, grazie. Mi bastano e avanzano quelle che ho.
Il part time esiste anche ora e non è cosi' difficile ottenerlo. Se vuoi fare ore in più accomodati. Puoi rivestire tutti gli incarichi che vuoi se intendi incrementare il tuo stipendio. Anche questo non è così difficile.

Che noia 'sta flessibilità!
Torna in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 64033
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Dom Dic 31, 2017 7:03 pm

gugu ha scritto:
Lenar_ ha scritto:


Se poi l'abolizione del potenziamento fosse associato a norme che incrementassero in modo ulteriore la flessibilità nell'utilizzo del personale e nella definizione del curricolo non credo ci troveremmo di fronte a drammi eccessivi.




Vorresti spiegare questa frase degna del più vuoto burocratese?

Quale incarico vorresti nella flessibilità?

Suppongo la revisione delle classi di concorso per far fare qualcosa ai perdenti posto.
Torna in alto Andare in basso
dolcenaufragare



Messaggi : 274
Data d'iscrizione : 14.03.15

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 1:13 pm

O cercare di cambiare la scuola partendo dall'esercizio del diritto di voto. Basta motti gelminiani e sfruttare invece al meglio il potenziamento. Mandare a casa gli ideatori ed attuatori Delle superiori a quattro anni, e soprattutto cercare di avere un corpo docente compatto, coeso e non lecchino del potente di turno. Buon anno a tutti.
Torna in alto Andare in basso
Popocatepetl



Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 1:41 pm

Vota pure,ingenuo.puoi solo cambiare marionette mosse dallo stesso personaggio
Torna in alto Andare in basso
Lenar_



Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 02.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 2:09 pm

gugu ha scritto:
Lenar_ ha scritto:


Se poi l'abolizione del potenziamento fosse associato a norme che incrementassero in modo ulteriore la flessibilità nell'utilizzo del personale e nella definizione del curricolo non credo ci troveremmo di fronte a drammi eccessivi.




Vorresti spiegare questa frase degna del più vuoto burocratese?

Maggior flessibilità nell'uso del personale vuol dire poter impiegare persone assunte per un certo scopo anche per svolgere attività diverse ove ce ne fosse la necessità.

Più nello specifico potrebbe voler dire consentire a docenti che insegnano una data materia di insegnare anche discipline affini alla propria. Oppure allargare le maglie della "mobilità intercompartimentale" per consentire al personale sovrannumerario nella scuola di accedere ai ruoli di altre PA (alcuni docenti di diritto potrebbero prendere in considerazione di fare i cancellieri, altri, docenti di economia, potrebbero aspirare ad un posto all'agenzia delle entrate etc etc...)

Maggior flessibilità nella definizione del curricolo vuol dire possibilità, per le scuole, di ridurre o eliminare l'insegnamento di alcune discipline, eventualmente anche tagliando il numero totale di ore di lezione in classe, adattando l'offerta formativa di un dato istituto alle caratteristiche del territorio ed alle richieste dell'utenza.

gugu ha scritto:

Quale incarico vorresti nella flessibilità?

Nessuno. Non mi interessa avere particolari incarichi. Mi interessa avere uno stipendio che mi consenta di campare (quantificabile in 2000 euro mensili, meno di un operaio generico). Per avere uno stipendio decente sono disposto anche a lavorare qualcosa di più.

Ovviamente il problema dello stipendio non interessa chi ha un marito che guadagna per lei, chi viene da una famiglia benestante e prende la scuola come un passatempo, i liberi professionisti che usano lo stipendio da insegnante per pagarsi gli aperitivi e le cene nei ristorantini migliori e svariate altre categorie a cui va benissimo che il "docente" sia una sorta di impiegato....

Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 16218
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 2:11 pm

2000 euro meno di un operaio generico?
Torna in alto Andare in basso
gugu

avatar

Messaggi : 33380
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 2:20 pm

arrubiu ha scritto:
2000 euro meno di un operaio generico?

Presumo che gli operai generici gli facciano vedere le buste paga comprensive non solo di Irpef ma anche di Inps. ;-)

Oppure il collega vive in Germania o Svezia e confonde le nazioni europee.


Tra l'altro, visto che parla solo male dei docenti, non capisco cosa lo trattenga in questa professione pessima e mal pagata. Con la laurea in tasca non avrebbe nessun problema a trovare un lavoro pagato 4.000-6.000 euro netti al mese.
Torna in alto Andare in basso
Lenar_



Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 02.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 2:55 pm

gugu ha scritto:
arrubiu ha scritto:
2000 euro meno di un operaio generico?

Presumo che gli operai generici gli facciano vedere le buste paga comprensive non solo di Irpef ma anche di Inps. ;-)


Effettivamente si. Non tutti gli operai, ovviamente ma di qualcuno si.

gugu ha scritto:


Tra l'altro, visto che parla solo male dei docenti,


Probabilmente confondi i miei post con quelli di qualcun'altro. Parlo male degli stipendi dei docenti. Non dei docenti.

gugu ha scritto:

non capisco cosa lo trattenga in questa professione pessima e mal pagata. Con la laurea in tasca non avrebbe nessun problema a trovare un lavoro pagato 4.000-6.000 euro netti al mese.


Se avessi meno di 30 anni, di certo, non starei qui a campare di pane e cicoria. Purtroppo, a quarant'anni suonati, è difficile andare all'estero proponendosi come giovane promessa.

Personalmente consiglio a tutti i miei studenti di emigrare, specie ai più capaci e meritevoli. Oppure di provare a costruirsi una carriera in un settore protetto come quello delle professioni sanitarie o legali.

Comunque 4000-6000 euro al mese non sono uno stipendio irraggiungibile neppure in Italia. Un qualsiasi medico specializzato, un buon azzeccagarbugli, un discreto commercialista o un modesto ingegnere fanno quelle cifre senza battere ciglio. Poi, magari, arrotondano con lo stipendio da insegnante, tanto per avere due lire in più in tasca da spendere in minutaglia.

D'altra parte loro sono "professionisti" che appartengono a categorie che sanno difendere la propria identità e la propria professionalità. Noi non lo siamo. Siamo piccoli travet statali che esercitano un "lavoro" che non ha la dignità della "professione" e per svolgere il quale basta un diploma di scuola superiore preso 20 anni fa con un calcio nel sedere.



Torna in alto Andare in basso
Popocatepetl



Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 4:13 pm

4000-6000 euro un modesto ingegnere dipendente non li prende . Nel 2009 ,in azienda parastatale aeronautica prendevo 2200-2300 euro al mese con gli straordinari,a 2anni dall assunzione. Quelle cifre in Italia le prende un ingegnere con partita Iva e autonomo,iscritto all albo,che ha uno studio,fa consulenze e magari ha parecchi amici nel settore.
Se mi parli invece della Germania allora si, tra stipendio tedesco e premi di produzione un ingegnere in audi o bosch li prende dopo qualche anno.
E comunque a 40 non sei vecchio,nulla ti vieta di prendere un b2 di tedesco e mandare curriculum. Ovviamente se dopo la laurea hai sempre fatto l insegnante,tra un 26 enne senza esperienza e un 40 senza esperienza in BMW prendono il primo. .
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1878
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 4:19 pm

dolcenaufragare ha scritto:
O cercare di cambiare la scuola partendo dall'esercizio del diritto di voto. Basta motti gelminiani e sfruttare invece al meglio il potenziamento. Mandare a casa gli ideatori ed attuatori Delle superiori a quattro anni, e soprattutto cercare di avere un corpo docente compatto, coeso e non lecchino del potente di turno. Buon anno a tutti.

Mandare a casa ???

Cotanta ingenuità fa quasi tenerezza.Ci attende la solita , nauseabonda sbobba renzusconiana ,a meno che il Bomba non riesca nell' impresa di rendere il caballero autosufficiente, cioe' non bisognoso dei voti piddini.Comunque vada,proseguirà, ovviamente, l' offensiva contro i lavoratori dipendenti, ma questa e' una storia vecchia.Nostra Signora dei neutrini, la rossa ( solo di tintura) con la licenza media , rettori profumati o carrozzabili poco importa: chiunque stara' li', opererà a nostro danno, mettendoci la faccia e la firma.
Torna in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 2086
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 4:34 pm

Per Popocatepeti e Lenar: il nostro stipendio è basso, è fuor di dubbio, ma guardate che fare i professionisti a partita Iva è peggio: per esperienza diretta se togliete Irpef, Cassa Previdenza, assicurazione, spese varie e, in moltissimi casi, l'IVA, per avere un reddito netto paragonabile a quello dell'insegnante bisogna fatturare non meno di 60.000 euro l'anno, con carichi di lavoro e responsabilità pazzesche.
In moltissimi casi bisogna togliere l'IVA perché se il committente è un privato la considera inglobata nella parcella, non è una partita di giro per lui, e quindi è, in pratica, un'ulteriore tassazione del 22%.
In questi anni ho visto bravissimi e apprezzatissimi professionisti fare, letteralmente, la fame: ora il mercato si sta riprendendo ma le ferite di questi anni si rimargineranno con difficoltà
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1878
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Considerazioni per il 2018   Lun Gen 01, 2018 4:50 pm

In Italia un operaio generico guadagna , al netto delle trattenute, 2100 euro al mese ? Accipicchia , abbiamo sbagliato tutto.

Ecco perchè non siamo competitivi, considerando che, da quanto ho sentito dire , in Asia gli operai pagano per lavorare , come Fantozzi dopo il pensionamento e come alcuni colleghi che si pagano i viaggi distruzione ( secondo quanto hanno dichiarto tempo fa un paio di utenti del forum " didattica").
Torna in alto Andare in basso
 
Considerazioni per il 2018
Torna in alto 
Pagina 1 di 3Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» considerazioni di fine anno
» 2018 New SHIMANO STELLA
» Milano HI-END 2018
» Arretrati marzo 2018. Visualizzate il cedolino?
» Trasferimenti 2017/2018

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: