Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» convocazione GAE a tempo determinato
Ieri alle 11:53 pm Da precaria80

» Il cedolino di ottobre é visibile sul portale NOIPA?
Ieri alle 11:25 pm Da RobyRoby

» Copia pei..
Ieri alle 10:44 pm Da angela00

» Come entrare di ruolo?
Ieri alle 10:37 pm Da GianniRosso

» 40+40 ore su due scuole
Ieri alle 10:32 pm Da brancasalvo

» PROVA SCRITTA
Ieri alle 10:18 pm Da dennis37

» Chi controlla l’operato dei Presidi?
Ieri alle 10:03 pm Da GianniRosso

» 36 mesi su posto vacante
Ieri alle 10:02 pm Da JaneEyre

» Visite specialistiche Ata help nuove normative
Ieri alle 10:00 pm Da pintu84

Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 “Indicazioni nazionali” queste sconosciute

Andare in basso 
AutoreMessaggio
MWM



Messaggi : 467
Data d'iscrizione : 30.07.15

MessaggioTitolo: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Ven Gen 05, 2018 7:40 pm

In una recente pubblicazione del MIUR (“Orientamenti per l’apprendimento della Filosofia nella società della conoscenza”) si può leggere quanto segue:

“Per affrontare il discorso sul ruolo delle Indicazioni nazionali nella progettazione curricolare di filosofia, bisogna realisticamente considerare le modalità conservative del modo di progettare, per ceti versi ancora legate alle liste programmatorie di contenuti disciplinari, che tuttora sembrano resistere in istituti e singoli docenti.
L’idea che le Indicazioni siano di fatto una versione aggiornata dei “programmi ministeriali” è frutto di una qualche ambiguità legata, nel frattempo, al rallentamento della formazione e all’aggiornamento in servizio, nonché alla crescente proceduralizzazione della vita professionale dei docenti [...].
In effetti, la Legge 107/2015 e i successivi provvedimenti, riaprono un dialogo e una riflessione nella consapevolezza che la fiducia dei docenti va riconquistata a partire dal piano giuridico-normativo, dalla possibilità di dimostrare che i concetti quali successo formativo, diritto e libertà di apprendimento, competenze sono tra loro legati in un intreccio ordinato.
Si tratta di un quadro disegnato dalla ridefinizione delle finalità del sistema di istruzione (in particolare del secondo ciclo), dalla riforma dell’obbligo scolastico e dall’introduzione del diritto dovere, all’interno della più ampia cornice della personalizzazione dell’apprendimento. Quest’ultima rappresenta infatti l’asse gravitazionale intorno al quale ruota tutta l’autonomia scolastica, dall’attribuzione della personalità giuridica alle scuole del 1997 all’assegnazione di risorse ad hoc da parte della Buona scuola.”

Si tratta di affermazioni, in particolare quelle evidenziate, che mi lasciano davvero molto perplesso. Voi che interpretazione date alle “indicazioni nazionali”, anche alla luce del fatto che l’esame di stato prevede prove ministeriali che hanno, per così dire, “carattere nazionale”? Si sottointende una distinzione nella interpretazione delle indicazioni tra materie che possono essere oggetto di prova ministeriale e materie che invece non possono esserlo?


Ultima modifica di MWM il Dom Gen 07, 2018 1:03 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 374
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Ven Gen 05, 2018 7:48 pm

Devo sottolineare che l'abitudine settentrionale di troncare le parole lunghe (apprendi anziché apprendimento) è fastidiosa e, anche se digitato da smartphone, il testo va riletto e corretto.

Per il resto sono d'accordo con te. La figura del docente tratteggiata da MIUR e INDIRE è quella di una specie di prete laico e un po' filosofo, che deve riflettere e progettare; solo che la religione che questo prete dovrebbe praticare e diffondere e sulla quale riflettere, a dispetto di una faticosa "produzione" da portare avanti, è quella ufficiale del MIUR. Le indicazioni nazionali, che qualcuno definisce come un capolavoro della tradizione didattica e pedagogica italiana, a mio avviso sono confuse e contraddittorie e, soprattutto, non danno alcuna garanzia che i discenti raggiungano dei reali obiettivi didattici, delle reali capacità, abilità, conoscenze o competenze che dir si voglia.
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Ven Gen 05, 2018 8:48 pm

Non ti pare curioso che il testo spieghi in cosa sbagliamo e non spieghi come dovremmo fare ?

"la legge riapre un dialogo...." Sto cazzo ! La legge obbliga e chi non gli sta bene o entra in clandestinità o si leva dai coglioni.
Non mi sembra un gran dialogo.

"Possibilità di dimostrare ...." Chi deve dimostrarlo ? Lo fa ? E se la dimostrazione avesse esito negativo ?

"Personalizzazione dell'apprendimento ..." Quando si hanno 120 studenti può significare solo una cosa: quel che impari me lo faccio bastare e ti promuovo comunque.

Non degno di alcuna considerazione chi scrive, chi accetta e chi sostiene simili cretinate.
Torna in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 6056
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Ven Gen 05, 2018 9:05 pm

Al MIUR non capiscono (o fanno finta di non capire) che l'abolizione dei programmi è incoerente con l'esistenza di prove nazionali agli Esami di Stato.
Torna in alto Andare in basso
Popocatepetl



Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 04.11.17

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Ven Gen 05, 2018 11:56 pm

Bello..in poche parole "professori, fate cosa volete,tutto tranne che insegnare..allegriaaa"
E poi ti mettono l integrale di linea nei temi di maturità. ..
Torna in alto Andare in basso
MWM



Messaggi : 467
Data d'iscrizione : 30.07.15

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Dom Gen 07, 2018 1:09 pm

D’accordo con voi. Come può essere realizzata la personalizzazione dell’apprendimento con 2 ore alla settimana, classi di 25-30 studenti, “un congruo numero” di verifiche da garantire e una quantità esagerata di contenuti “imprescindibili” da trattare?
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Dom Gen 07, 2018 1:23 pm

MWM ha scritto:
D’accordo con voi. Come può essere realizzata la personalizzazione dell’apprendimento con 2 ore alla settimana, classi di 25-30 studenti, “un congruo numero” di verifiche da garantire e una quantità esagerata di contenuti “imprescindibili” da trattare?
Stai chiedendo come fare o ti stai lamentando che non si può ?

Se chiedi come fare significa che ritieni possibile farlo a condizione di operare bene ed in tal caso non sei degno di rieplica

Se ti lamenti che non si può allora siamo tutti d'accordo e non è necessario replicare.

Ma chi le caga le indicazioni nazionali ? Io spiego quello che c'è sul libro di testo (un buon libro) e neanche tutto.
Torna in alto Andare in basso
MWM



Messaggi : 467
Data d'iscrizione : 30.07.15

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Dom Gen 07, 2018 1:40 pm

herman il lattoniere ha scritto:
Devo sottolineare che l'abitudine settentrionale di troncare le parole lunghe (apprendi anziché apprendimento) è fastidiosa e, anche se digitato da smartphone, il testo va riletto e corretto.

Non si tratta di “abitudine settentrionale” (???) di troncare le parole lunghe (se lo fosse, mancherebbe il punto di abbreviazione), ma in effetti di (s)correzione automatica e rilettura frettolosa in un display di piccole dimensioni, sommato a controllo del flood che non consente correzioni rapide a post inoltrato.
Torna in alto Andare in basso
MWM



Messaggi : 467
Data d'iscrizione : 30.07.15

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Dom Gen 07, 2018 7:52 pm

avidodinformazioni ha scritto:
MWM ha scritto:
D’accordo con voi. Come può essere realizzata la personalizzazione dell’apprendimento con 2 ore alla settimana, classi di 25-30 studenti, “un congruo numero” di verifiche da garantire e una quantità esagerata di contenuti “imprescindibili” da trattare?
Stai chiedendo come fare o ti stai lamentando che non si può ?

Se chiedi come fare significa che ritieni possibile farlo a condizione di operare bene ed in tal caso non sei degno di rieplica

Se ti lamenti che non si può allora siamo tutti d'accordo e non è necessario replicare.

A me pare quanto meno “difficilmente realizzabile” - e non dico “impossibile” semplicemente perché riconosco i miei limiti (anche nella capacità di immaginare). Quindi, se qualcuno ha trovato un sistema per tenere insieme ciò che apparentemente non può essere conciliato, le/gli sarei molto grato se lo condividesse.

Citazione :
Ma chi le caga le indicazioni nazionali ? Io spiego quello che c'è sul libro di testo (un buon libro) e neanche tutto.

Chi insegna una materia oggetto di seconda prova - ministeriale e dunque nazionale - difficilmente le può ignorare. (La prima prova, anche quella ministeriale, consente margini più ampi di discrezionalità se non altro perché propone un certo numero di tracce tra cui scegliere).
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1053
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: “Indicazioni nazionali” queste sconosciute   Dom Gen 07, 2018 9:36 pm

Io sopravvivo mantenendo un minimo di equilibrio dignitoso solo perché insegno materie fondamentali di indirizzo che sono argomento principale della seconda prova ministeriale, quindi nessuno mi può fare pressioni più di tanto sulla necessità di alleggerire, facilitare, e passare tutto in cavalleria. E perché mi sono guadagnata un certo livello di rispettabilità professionale, visto che in media le mie classi se la cavano bene agli esami, sia quando ci sono io, sia quando c'è un commissario esterno.

Altrimenti sarei in burnout conclamato da anni, e avrei preso seriamente in considerazione la possibilità di passare a un'altra pubblica amministrazione diversa dalla scuola.
Torna in alto Andare in basso
Online
 
“Indicazioni nazionali” queste sconosciute
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Educazione e cortesia queste sconosciute
» Audes e Phonar, queste sconosciute
» Valvole Hydra, queste sconosciute...
» ERECTOSAN PER LA DISFUNZIONE ERETTILE CHI LO CONOSCE?
» omeopatia e PMA

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: