Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
elirpe



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Ven Feb 09, 2018 9:48 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.corriere.it/elezioni-2018/notizie/salvini-leva-obbligatoria-contro-terrorismo-fa-bene-democrazia-8e155aa8-0c18-11e8-ac00-e73bcae47d08.shtml?refresh_ce-cp

La leva obbligatoria è qualcosa di irricevibile: costruire un esercito di massa quando le leve di massa erano già obsolete nel 1945 è paradossale; è una proposta che costerebbe un patrimonio e sarebbe tremendamente fuori dal tempo: si investa piuttosto in un esercito numericamente limitato ma competitivo e professionale con mezzi all'avanguardia e con un personale con un posto fisso, altrimenti sarà il solito ritornello: sfruttare i ragazzi facendo perdere loro del tempo inseguendo il sogno di una gioventù sana e virile.
Torna in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Kuru-nee



Messaggi : 335
Data d'iscrizione : 27.07.17

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 12, 2018 5:32 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
E se eri ateo, che ci andavi a fare al catechismo?

Tuo figlio è battezzato?
Andrà al catechismo pure lui?
Segue le ore di religione a scuola?

Se no, ok, prendo atto che tu sia coerente.
Ma se invece la risposta è sì, allora che cavolo di ateo saresti?

Io non mi sono mai dichiarata ATEA, semmai eventualmente agnostica, ma comunque non seguace della chiesa cattolica.

Se credo o non credo in un'entità superiore o in una dimensione trascendente, sono eminentissimi fatti miei, di cui non devo rendere conto a nessuno... ma appunto, siccome non sono seguace della chiesa cattolica, sono stata attentissima a non fare nulla che sottintendesse un'adesione a quella dottrina. Per cui, non mi sono mai sognata di sposarmi in chiesa, di battezzare i figli, di iscriverli a religione cattolica a scuola, o di mandarli al catechismo.

Nonostante tutto questo, credo di essere più informata sui contenuti storici e culturali della religione cattolica, rispetto alla media degli italiani identitari mainstream che seguono pedestremente le usanze folkloristiche religiose di massa.
Come si spiega?

Non sono d'accordo con te. Anch'io sono agnostica e vorrei sposarmi in chiesa e battezzare i miei figli proprio perché sono usanze folklorostiche al pari dell'albero di Natale o delle uova di Pasqua o della cicerchiata nel periodo di Carnevale. Io trovo bellissime le usanze folkloristiche e mi piace portarle avanti per la semplice bellezza culturale che ci vedo. Non lo farei perché lo fanno tutti, lo farei perché le trovo usanze sociali molto belle. Se avessi un marito straniero con usanze folkloristiche differenti, mi piacerebbe portare avanti anche le sue.
Che siano usanze derivanti dalla religione o meno non mi interessa.

In Giappone sono per la maggior parte di religione shintoista, ma quasi tutti praticano senza problemi riti buddisti o cristiani e non ci vedo niente di male. Portare avanti usanze di una religione non significa affatto che si è credenti né che si voglia fingere di esserlo. Pretendo di essere libera di non credere e di praticare comunque queste usanze.
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1912
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 12, 2018 7:02 pm

Kuru-nee ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
E se eri ateo, che ci andavi a fare al catechismo?

Tuo figlio è battezzato?
Andrà al catechismo pure lui?
Segue le ore di religione a scuola?

Se no, ok, prendo atto che tu sia coerente.
Ma se invece la risposta è sì, allora che cavolo di ateo saresti?

Io non mi sono mai dichiarata ATEA, semmai eventualmente agnostica, ma comunque non seguace della chiesa cattolica.

Se credo o non credo in un'entità superiore o in una dimensione trascendente, sono eminentissimi fatti miei, di cui non devo rendere conto a nessuno... ma appunto, siccome non sono seguace della chiesa cattolica, sono stata attentissima a non fare nulla che sottintendesse un'adesione a quella dottrina. Per cui, non mi sono mai sognata di sposarmi in chiesa, di battezzare i figli, di iscriverli a religione cattolica a scuola, o di mandarli al catechismo.

Nonostante tutto questo, credo di essere più informata sui contenuti storici e culturali della religione cattolica, rispetto alla media degli italiani identitari mainstream che seguono pedestremente le usanze folkloristiche religiose di massa.
Come si spiega?

Non sono d'accordo con te. Anch'io sono agnostica e vorrei sposarmi in chiesa e battezzare i miei figli proprio perché sono usanze folklorostiche al pari dell'albero di Natale o delle uova di Pasqua o della cicerchiata nel periodo di Carnevale. Io trovo bellissime le usanze folkloristiche e mi piace portarle avanti per la semplice bellezza culturale che ci vedo. Non lo farei perché lo fanno tutti, lo farei perché le trovo usanze sociali molto belle. Se avessi un marito straniero con usanze folkloristiche differenti, mi piacerebbe portare avanti anche le sue.
Che siano usanze derivanti dalla religione o meno non mi interessa.

In Giappone sono per la maggior parte di religione shintoista, ma quasi tutti praticano senza problemi riti buddisti o cristiani e non ci vedo niente di male. Portare avanti usanze di una religione non significa affatto che si è credenti né che si voglia fingere di esserlo. Pretendo di essere libera di non credere e di praticare comunque queste usanze.

Il sacramento del matrimonio derubricato a mascherata folkloristica , tipo una festa a tema nipponico dove si partecipa in kimono e ci si abboffa di sake' e sushi. Chissà come sarebbe contento il tuo parroco.
Ma fammi il piacere!

Tanti giri di parole per non ammettere il proprio paludoso conformismo.

Invece ,se si parla di "bellezza culturale" , potremmo
organizzare una serata in onore di Epicuro ,con il gran ballo del clinamen e atomi ( prodotti dalla computer grafica)che sfrecciano tra gli astanti.

" Sei contenta se un ladro muore, se si arresta una puttana, se la parrocchia del Sacro Cuore acquista una nuova campana".

Torna in alto Andare in basso
Befree2



Messaggi : 414
Data d'iscrizione : 25.01.18

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 12, 2018 8:20 pm

Rispondo a paniscus. Perché andavo al catechismo se già in tenera età non riuscivo a credere che ci fosse un dio che ci ascolta?
Al catechismo si imparano le preghiere,si allena la memoria. Al catechismo si passa del tempo con i coetanei.
E oratorio? Sul finire degli anni 80 nel mio paese, che era ancora un paese di campagna, oratorio voleva dire giochi, imparare a suonare la chitarra,le canzoni dei Gen Rosso, i "ritiri " nelle case parrocchiali su per i monti dove si imparava a cucinare, ad arrangiarsi da soli perché per una settimana non c era la mamma, si facevano le passeggiate, i canti la sera all aperto e si conoscevano le prime fidanzatine.
Non esisteva NULLA all epoca,di laico,che permettesse di vivere quelle esperienze,se non le "colonie " che però erano solo in agosto. Ho bellissimi ricordi del prete,degli animatori, delle suore. Dio probabilmente non esiste, ma la Chiesa mi ha dato tanto.
Sempre da non credente ho suonato l organo a messa per 7 anni,perché l Adeste Fidelis è fantastico, e ho preso atto che la speranza cristiana e la fede aiutarono molto mia nonna 89 enne negli ultimi mesi di vita..
Insomma, la Chiesa non è solo l Opus Dei.
Torna in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 3043
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 12, 2018 9:11 pm

uelà!
Torna in alto Andare in basso
Kuru-nee



Messaggi : 335
Data d'iscrizione : 27.07.17

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 12, 2018 10:07 pm

balanzoneXXI ha scritto:

Il sacramento del matrimonio derubricato a mascherata folkloristica , tipo una festa a tema nipponico  dove si partecipa in kimono e ci si abboffa di sake' e sushi. Chissà come sarebbe contento il tuo parroco.
Ma fammi il piacere!

Tanti giri di parole per non ammettere il proprio paludoso conformismo.

Invece ,se si parla di "bellezza culturale" ,  potremmo
organizzare una serata in onore di Epicuro ,con il gran ballo del clinamen e atomi ( prodotti dalla computer grafica)che sfrecciano tra gli astanti.

" Sei contenta se un ladro muore, se si arresta una puttana, se la parrocchia del Sacro Cuore acquista una nuova campana".


Quindi se un ateo addobba casa per Natale è paludosamente conformista, perché derubrica la santità della nascita di Cristo a una festicciola con festoni, palline, lucette, e abbuffate senza rinunciare a festeggiarlo. Per coerenza tutti gli atei non faranno il cenone della vigilia, o il pranzo di Natale e non addobberanno l'albero, immagino. Per me il matrimonio e il battesimo sono una mascherata folkloristica e non ci vedo proprio niente di male. Mi piace la festa che si fa in queste occasioni, i vestiti, le abbuffate, pure il rito, tutto. Mi piace rivedere i parenti, mi piace che ci facciamo le foto e i regali.
Tu puoi chiamarlo paludoso conformismo, per me è piacevole e intenzionale conformismo.
Cosa pensi il "mio" parroco non mi interessa proprio, inoltre non credo che lui si ricordi il mio nome.

In Giappone entrando nei templi ho praticato tutti i riti shintoisti e buddisti che praticano là i credenti e pure i non credenti. Mi è sembrato bellissimo da un punto di vista culturale e folkloristico e non mi è passato nemmeno per l'anticamera del cervello di essere incoerente solo perché non professo quelle fedi.

Non ci vedo nulla di meno conformista o incoerente nel festeggiare Halloween, che mi piace moltissimo esattamente come i riti cattolici. Forse gli atei, per coerenza, non mandano i figli a mascherarsi il 31 ottobre, perché non credono di avere la necessità di spaventare spiriti e spettri maligni quando il confine tra il mondo dei vivi e quello dei morti si assottiglia a tal punto da lasciarli passare di qua?
Torna in alto Andare in basso
Befree2



Messaggi : 414
Data d'iscrizione : 25.01.18

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 12, 2018 10:43 pm

Riti conformisti e noiosi.e soprattutto europei,e quindi da ripudiare.
Vuoi mettere le nuove culture e i loro riti voodoo, che innovazione spirituale, che eccellenza culturale, che fonte di saggezza da cui abbeverarsi avidamente?
Pensa a quella ragazza sezionata, sbudellata e distribuita a pezzi in due trolley!!! Questi sono riti più interessanti forse???????
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1042
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 12, 2018 10:57 pm

per Kuru-nee: ma secondo te il rituale del battesimo (in cui bisogna dichiarare esplicitamente di credere in certi precetti del cattolicesimo e prendersi l'impegno di educare il bambino in tal modo) è la stessa cosa di una festicciola di Carnevale in cui si gioca e si scherza e basta?

Il paragone con la festa di Halloween non sarebbe nemmeno degno di essere commentato: ma VERAMENTE pensi che, per gli italiani, sia un'usanza tradizionale folkloristica paragonabile all'albero di Natale (che peraltro non è affatto cristiano) o all'uovo di Pasqua? Non sei consapevole che si tratti di un'usanza proveniente da altri paesi, importata artificiosamente in tempi recentissimi, che fino a una ventina d'anni fa, in Italia, era totalmente sconosciuta? Che c'entra la religione cattolica? Che c'entrano le tradizioni folkloristiche? Ma scherzi?

A me la mascherata di Halloween va anche bene (cioè, a me non dice assolutamente niente, ma non ho problemi sul fatto che gli altri la facciano), ma mi va bene proprio perché è chiarissimo che è una costruzione artificiale recente, ossia che non ha niente di tradizionale, che non comporta nessuna richiesta di fede soprannaturale o di impegno etico, che è solo una buffonata innocua, e che dovrebbero saperlo tutti!

Tu la metti sullo stesso piano del battesimo o del matrimonio in chiesa?

Io li ho rifiutati proprio perché penso che (a differenza della festa di Halloween) NON siano delle buffonate innocue senza implicazioni, ma che comportino degli impegni di coscienza ben precisi, e che quindi dovrebbero essere limitati a chi ci crede davvero e li considera importanti perché ci crede!
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1912
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Mar Feb 13, 2018 12:47 am

paniscus_2.1 ha scritto:
per Kuru-nee: ma secondo te il rituale del battesimo (in cui bisogna dichiarare esplicitamente di credere in certi precetti del cattolicesimo e prendersi l'impegno di educare il bambino in tal modo) è la stessa cosa di una festicciola di Carnevale in cui si gioca e si scherza e basta?

Il paragone con la festa di Halloween non sarebbe nemmeno degno di essere commentato: ma VERAMENTE pensi che, per gli italiani, sia un'usanza tradizionale folkloristica paragonabile all'albero di Natale (che peraltro non è affatto cristiano) o all'uovo di Pasqua? Non sei consapevole che si tratti di un'usanza proveniente da altri paesi, importata artificiosamente in tempi recentissimi, che fino a una ventina d'anni fa, in Italia, era totalmente sconosciuta? Che c'entra la religione cattolica? Che c'entrano le tradizioni folkloristiche? Ma scherzi?

A me la mascherata di Halloween va anche bene (cioè, a me non dice assolutamente niente, ma non ho problemi sul fatto che gli altri la facciano), ma mi va bene proprio perché è chiarissimo che è una costruzione artificiale recente, ossia che non ha niente di tradizionale, che non comporta nessuna richiesta di fede soprannaturale o di impegno etico, che è solo una buffonata innocua, e che dovrebbero saperlo tutti!

Tu la metti sullo stesso piano del battesimo o del matrimonio in chiesa?

Io li ho rifiutati proprio perché penso che (a differenza della festa di Halloween) NON siano delle buffonate innocue senza implicazioni, ma che comportino degli impegni di coscienza ben precisi, e che quindi dovrebbero essere limitati a chi ci crede davvero e li considera importanti perché ci crede!

Ma non lo vedi che ciurla nel manico?

Per certa gente bisogna stare dalla parte di quelli che cadono sempre in piedi e manipolano magistralmente le masse da duemila anni .

I riti shintoisti... non sa la spiritosa globtrotter che se continua con questi sfruculiamenti si ritrovera' con una di quelle maledizioni giapponesi tipo Ringu e ne avrebbe ben donde?

Ora che ci penso, se le capita di andare a Marrakesh, puo' fare circoncidere il figliolo in una di quelle suggestive cerimonie " folkloristiche" che tanto si attagliano alla sua personalita' di "kilimangiarista".E poi un maomettano in famiglia fa sempre comodo.


Torna in alto Andare in basso
Befree2



Messaggi : 414
Data d'iscrizione : 25.01.18

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Mar Feb 13, 2018 8:49 am

Molto meglio i riti dei futuri dominatori europei..????. Questa è cultura ai massimi livelli
https://news.google.it/news/amp?caurl=http%3A%2F%2Fwww.tgcom24.mediaset.it%2Fcronaca%2Fmarche%2Fpamela-fatali-due-coltellate-spunta-la-pista-delitto-rituale_3122993-201802a.shtml#pt0-940088
Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 16455
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Mar Feb 13, 2018 8:54 am

Non preoccuparti, questi "riti" li praticano anche italiani.
In ogni caso tutto questo non c'entra niente.
Quindi torniamo in topic o possiamo considerare chiuso l'argomento.
Torna in alto Andare in basso
Befree2



Messaggi : 414
Data d'iscrizione : 25.01.18

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Mar Feb 13, 2018 9:43 am

Veramente l articolo parla di riti voodo "diffusi " .non mi pare che in Italia sia diffuso lo smembramento dei corpi a fine rituale.
Casi analoghi mi sovvengono solo in due circostanze : il Pacciani e Stevanin. In un arco di quasi 40 anni a questa parte.
Detto questo, tornando in tema l articolo è l ennesima dimostrazione di quanto pressapochismo, blaterare inutilmente su temi che possono colpire solo i sempliciotti e soprattutto non proporre nulla di concreto dimostri questo partitucolo molte chiacchiere.
Non riusciamo più a imporre la minima disciplina in classe, i ragazzi sono pigri,arroganti, viziati e soprattutto protetti da un vero esercito,quello si, di psicologi, esperti di infanzia,quell infanzia che arriva fino a 25 anni ed oltre, e da un sistema giudiziario che sostanzialmente li rende invulnerabili a qualsiasi provvedimento.
Me li vedo, quelli che tirano i cestini in testa ai prof ad ubbidire al "maggiore hartman " di turno..
Una pagliacciata colossale, l ennesimo megabaraccone statale totalmente inefficace.
Posto che oggi imparare ad usare le armi non giovani a nessuno,mi chiedo in che modo "farebbe bene" alle ragazze . Un vero valore aggiunto.
Che pagliacciata colossale
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1042
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Mar Feb 13, 2018 2:27 pm

Befree2 ha scritto:
Non riusciamo più a imporre la minima disciplina in classe, i ragazzi sono pigri,arroganti,  viziati e soprattutto protetti da un vero esercito,quello si, di psicologi, esperti di infanzia,quell infanzia che arriva fino a 25 anni ed oltre, e da un sistema giudiziario che sostanzialmente li rende invulnerabili a qualsiasi provvedimento.

E questo che c'entra con l'immigrazione? Quelli che in famiglia vengono serviti, riveriti, viziati e protetti, e ai quali non viene mai richiesto di prendersi nessuna responsabilità personale fino a 25 anni e anche oltre, sono in maggioranza stranieri provenienti da culture violente e arretrate? Non mi sembra proprio.
Torna in alto Andare in basso
Befree2



Messaggi : 414
Data d'iscrizione : 25.01.18

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Mar Feb 13, 2018 7:13 pm

Nessuno parlava di immigrazione,ma di molluschi nostrani.
I ragazzi di oggi sono,in massima parte,quello che ho descritto. Ripristinare il servizio militare, che si basa su rispetto,disciplina e sacrificio sarebbe impensabile.a meno che salvini pensi ad un carrozzone statale coccoloso come assumificio ulteriore
Torna in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 3275
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 59
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 19, 2018 9:22 am

verso le superiori ridotte a promozione garantita

http://www.gildavenezia.it/ernesto-galli-della-loggia-ormai-promozione-generalizzata/
Torna in alto Andare in basso
Befree2



Messaggi : 414
Data d'iscrizione : 25.01.18

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 19, 2018 8:18 pm

Sbaglio o l articolo non è nuovo?
Comunque da sempre sostengo che il primo,fondamentale, passo verso il ritorno alla scuola di qualità (che la politica detesta) è l abolizione del maledetto voto di consiglio
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1042
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Lun Feb 19, 2018 8:42 pm

Però il voto di consiglio non è una novità degli ultimi anni digitali e coccolosi... nella scuola esigente degli anni cinquanta e sessanta esisteva già, esattamente come adesso.

Semplicemente, all'epoca era (correttamente) usato per sistemare situazioni borderline con insufficienza lieve in una sola materia o due, ma complessivamente accettabili in tutto il resto.

Non era neanche immaginabile che in futuro sarebbe stato usato per far promuovere a forza qualcuno che avesse tre materie fondamentali di indirizzo col 4 e altre due col 5, solo perché si vota a maggioranza in 6 contro 5;

e non era neanche immaginabile che in futuro ci sarebbero state situazioni in cui 6 insegnanti su 11 avrebbero trovato naturale promuovere uno che avesse cinque materie insufficienti, solo in base al principio che "tanto, con me va bene".
Torna in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1912
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.   Mar Feb 20, 2018 1:19 am

paniscus_2.1 ha scritto:
Però il voto di consiglio non è una novità degli ultimi anni digitali e coccolosi... nella scuola esigente degli anni cinquanta e sessanta esisteva già, esattamente come adesso.

Semplicemente, all'epoca era (correttamente) usato per sistemare situazioni borderline con insufficienza lieve in una sola materia o due, ma complessivamente accettabili in tutto il resto.

Non era neanche immaginabile che in futuro sarebbe stato usato per far promuovere a forza qualcuno che avesse tre materie fondamentali di indirizzo col 4 e altre due col 5, solo perché si vota a maggioranza in 6 contro 5;

e non era neanche immaginabile che in futuro ci sarebbero state situazioni in cui 6 insegnanti su 11 avrebbero trovato naturale promuovere uno che avesse cinque materie insufficienti, solo in base al principio che "tanto, con me va bene".

Fatica sprecata.Mister alias ha la testa dura che piu' dura non si puo'.Ha i suoi pallini ( le femministe, i finti profughi,  i partigiani banditi, il voto di consiglio etc). Senza questi punti fermi egli svanirebbe come il cavaliere inesistente.
Torna in alto Andare in basso
 
Un anno di scuola secondaria in meno e un anno di naia in più.
Torna in alto 
Pagina 3 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3
 Argomenti simili
-
» Stipendio netto mensile docente di scuola secondaria con cattedra completa
» Passaggio di ruolo scuola primaria scuola secondaria secondo grado
» titoli di preferenza lettera Q
» Stipendio part-time 9 o 12 ore
» stipendio di 14 ore scuola secondaria liceo

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: