Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Sul debutto delle prove Invalsi computer based

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
francesco_manetti



Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 28.04.18

MessaggioTitolo: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Sab Apr 28, 2018 5:19 pm

Promemoria primo messaggio :

Sabato sera 21 aprile. Le prove Invalsi computer based per gli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado volgono al termine e lo stesso sito dell'Invalsi nonché il ministro della pubblica istruzione Valeria Fedeli si affrettano a parlare di "bilancio positivo".

Mi spiace rovinare la festa, ma mi corre l'obbligo, basandomi sulla mia esperienza personale di docente (sia diretta che indiretta), di fare almeno qualche distinguo.

Riconosco che due sono stati senz'altro i grandi vantaggi del prevedere prove computer based che si estendessero, fra l'altro, anche all'inglese sia scritto che orale:

- grazie al collegamento diretto al sito Invalsi, si sono senz'altro evitati i possibili interventi falsificanti di una certa tipologia di docenti in fase di esecuzione delle prove da parte degli studenti e in fase di correzione delle stesse prove;

- introducendo la prova di listening comprehension dell'inglese, i docenti di lingua inglese sono stati forzatamente spinti a curare maggiormente le competenze relative all'ascolto.

Vorrei fosse ammesso però che ci sono stati anche degli svantaggi. Svantaggi comprensibili, dato che questa modalità computer based era al debutto, ma di cui l'Invalsi dovrebbe tenere conto per poter effettuare dei miglioramenti negli anni a venire.

Questi, a mio parere, gli svantaggi che si sono presentati:

- diversamente da quanto affermato, molte scuole (e non soltanto otto in tutta Italia) non avevano attrezzature informatiche né collegamenti di rete adeguati per poter far svolgere le prove in situazione di tranquillità. Conseguentemente, queste scuole si sono dovute appoggiare a istituti superiori o hanno dovuto prevedere almeno due turni per ciascuna classe terza, con ricaduta, in quest'ultimo caso, sul normale svolgimento delle attività didattiche, dato che i docenti delle terze si sono trovati a fare lezione, di volta in volta, con soltanto la metà degli alunni in quanto l'altra metà era impegnata a svolgere le prove Invalsi

- il dover prevedere la presenza di almeno un docente somministratore e di un "collaboratore tecnico" (di norma, la funzione strumentale per le "nuove tecnologie" o un docente di tecnologia) ha costretto questi insegnanti a non poter effettuare lezione nelle loro classi (non soltanto le terze, ma anche le prime e le seconde) per un numero a mio parere troppo consistente di giorni.

A questi svantaggi (forse, si dirà, tollerabili in vista di un bene superiore), si è aggiunto, sempre per problemi tecnici, l'impossibilità per alcuni alunni di svolgere una o più prove, in tutto o in parte. In troppi casi, infatti, problemi tecnici di collegamento hanno portato, particolarmente nel caso della prova di inglese di ascolto,

- alla chiusura della prova prima ancora che essa potesse essere effettivamente svolta;

- alla riduzione dei tempi previsti per svolgerla;

- all'omissione di una o più parti della prova.

Quando i docenti somministratori hanno segnalato il problema al loro dirigente e quest'ultimo si è attivato per risolverlo, l'Invalsi ha provveduto a fornire nuove credenziali di accesso agli studenti affinché essi potessero svolgere nuovamente le prove (è, ci terrei a dirlo, quanto è accaduto nella scuola dove insegno e dove sono stato designato come somministratore).

Quando i docenti somministratori si sono accorti del problema, ma il dirigente non si è attivato, non è rimasto che alla coscienza di questi docenti segnalare il problema con un qualche comunicato che, come quello che sto scrivendo io adesso, si perderà probabilmente nel mare magnum delle informazioni.

Quando i docenti somministratori per primi hanno negato il problema (per pigrizia? per quieto vivere?), l'Invalsi avrà potuto avere buon gioco a parlare di "bilancio positivo". Mi domando, però, che valore possano avere delle competenze scaturite da prove che uno studente non ha potuto svolgere o che ha potuto svolgere soltanto in parte.

Se queste prove Invalsi devono avere un senso - per valutare studenti, docenti e istituti scolastici -, ritengo sia necessario mettere in atto tutti quei miglioramenti possibili affinché possano effettivamente svolgersi al meglio. Spero che così accada dal prossimo anno in poi.
Torna in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:13 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
E comunque, il dubbio rimane: se la prova invalsi è stata consegnata quasi in bianco o è stata sbagliata perché ci sono stati dei problemi tecnici oggettivi con la connessione in rete o con la qualità dell'acustica, sul certificato delle competenze deve esserci scritto che l'alunno ha fatto una prova gravemente insufficiente, e gli insegnanti del corso di studi successivo devono prenderlo in parola, tirando conclusioni falsate?

si tratta di una possibilità piuttosto remota, non seminiamo il panico, e comunque si risolve prendendo dal cestino della carta il certificato delle competenze e leggendo quello che i colleghi hanno scritto a proposito delle altre competenze, da quest'anno si potranno riportare anche le insufficienze... ma poi, alla fine della fiera, se ci scriviamo mille volte "il mattino ha l'oro in bocca", che ti importa se non lo leggi? Ti toccherà sbatterti con implacabili "prove di ingresso" per sapere se c'è stata la disconnessione mentre faceva l'Invalsi
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1047
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:28 pm

Laura70 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
E comunque, il dubbio rimane: se la prova invalsi è stata consegnata quasi in bianco o è stata sbagliata perché ci sono stati dei problemi tecnici oggettivi con la connessione in rete o con la qualità dell'acustica, sul certificato delle competenze deve esserci scritto che l'alunno ha fatto una prova gravemente insufficiente, e gli insegnanti del corso di studi successivo devono prenderlo in parola, tirando conclusioni falsate?

non esiste una prova gravemente insufficiente, da quanto ho capito vengono dati i 4 livelli: A1, A1+, A2, A2+

vi diremo maggiori informazioni a giugno quando Invalsi fornirà il certificato

Quindi sono tutti sufficienti a prescindere? Anche chi ha consegnato in bianco o chi ha sbagliato tutto (e chi ha sbagliato tutto DAVVERO, non per colpa dell'acustica o della connessione)?

Allora, a maggior ragione, mi tocca concordare con chi ironizza sulla totale inutilità di quel certificato.
Torna in alto Andare in basso
Online
Sbottante



Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:32 pm

Laura70 ha scritto:
chicca70 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Questi inviti a non lavorare mi lasciano un po' perplessa.
Visto che la possibilità di liberarsi della simpatica procedura non esiste, avete mai pensato di cominciare a informarvi su cosa succede prima? Ricambio anche io con un consiglio, dettato se non altro da buona creanza:: e se le superiori cominciassero a scartabellare per avere un'idea di chi sta arrivando?
Capisco che lamentarsi e riempire i cestini sia più pratico. Ma immagino che ora direte che non serve a nulla ciò che in modo un po' guascone ci si vanta di non aver mai visto

Ci facciamo un'idea di chi sta arrivando facendo le prove d'ingresso, che verificano i prerequisiti richiesti nella nostra scuola. Ripeto, se siete obbligati a lavorare per nulla, potete almeno evitare di metterci troppo inutile impegno.

allora avvisateli voi quelli del MIUr e poi i presidi che le certificazioni delle competenze non le guardate neppure così evitiamo di compilarle. Grazie :-)
Siamo su internet no ? Basta dirgli di leggerci !
Torna in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:41 pm

lucetta10 ha scritto:
c'è un limite a tutto ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Perbacco! Le prove di ingresso!
Visto che siete in possesso di tali chirurgici strumenti diagnostici e vi preme che i colleghi delle medie non si affatichino, perché non ci sollevate anche dal voto finale? Ve li mandiamo nudi e crudi senza spettinarci a fare l'esame, gli fate la cartella clinica con l'infallibile check-up e entrano subito nell'implacabile logica selettiva della scuola superiore
Sfondi una porta aperta ! A parte il fatto che ai voti delle medie bisogna spesso togliere due punti, ma poi cosa ce ne facciamo ? Formiamo le classi ? E se le formiamo totalmente a caso quale sarebbe la probabilità di avere una classe di soli 10 ed una di soli 6 ?

La selezione è come la morte: per quanto possa essere odiosa prima o poi arriva; morire dopo non è sempre meglio che morir prima (pensa ad una lunga agonia) ed allo stesso modo una selezione tardiva non è sempre meglio di una selezione precoce.

Non mandateceli certificati, mandateceli imparati che è meglio (come diceva un puffo).

due punti dal voto di che? Dal voto per obiettivi di scuola superiore che dovrebbe essere dato a ritroso in un ciclo di media? Curioso questo insegnante che non legge le valutazioni ma vorrebbe una valutazione da scuola superiore per obiettivi di scuola media, a questo punto diamogli i punti patente o i bollini della miralanza, incoerenza per incoerenza, cestino per cestino.
Perché non vieni a impararli tu? Vieni fuori dai cancelli a brandire queste salvifiche "prove di ingresso" dalle capacità taumaturgiche... mamma mia, più ripeto questo parola più mi cago sotto... chissà che effetto avranno sui ragazzini! Sentiranno la scure della cupa giustiziera sul collo solo a vedere il foglio, penseranno "ecco la selezione"!
I test d'ingresso li facciamo nella prima settimana, dunque non indaghiamo sulle cose che dovranno imparare ma su quelle che dovrebbero sapere ed alcuni sono da 4 nonostante abbiano preso 6; se poi il vostro metro è come la scala Fahrenheit che segna +32 quando Celsius dice 0 non c'è problema; io ragiono in termini di scuola superiore e faccio la conversione.

Se sostieni che è lecito avere due scale mi spieghi perchè la certificazione delle competenze dovremmo considerarla oggettiva e non basata su una scala a noi estranea ?

I test d'ingresso non sono taumaturgici in alcun modo, non curano, analizzano; la cura verrà nell'anno scolastico e non sempre sarà efficace, ma questo è un altro discorso.
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:46 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
Laura70 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
E comunque, il dubbio rimane: se la prova invalsi è stata consegnata quasi in bianco o è stata sbagliata perché ci sono stati dei problemi tecnici oggettivi con la connessione in rete o con la qualità dell'acustica, sul certificato delle competenze deve esserci scritto che l'alunno ha fatto una prova gravemente insufficiente, e gli insegnanti del corso di studi successivo devono prenderlo in parola, tirando conclusioni falsate?

non esiste una prova gravemente insufficiente, da quanto ho capito vengono dati i 4 livelli: A1, A1+, A2, A2+

vi diremo maggiori informazioni a giugno quando Invalsi fornirà il certificato

Quindi sono tutti sufficienti a prescindere? Anche chi ha consegnato in bianco o chi ha sbagliato tutto (e chi ha sbagliato tutto DAVVERO, non per colpa dell'acustica o della connessione)?

Allora, a maggior ragione, mi tocca concordare con chi ironizza sulla totale inutilità di quel certificato.

se il minimo è A1, la consideri una valutazione sufficiente?
Le A sono riferite ai livelli del Quadro comune europeo (da A a C) per le lingue, il livello A1 è decisamente bassino ma decisamente chiaro per un insegnante di lingua (se il collega di inglese della scuola superiore lo leggesse, of course)... ironizziamo?
Torna in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:51 pm

Laura70 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
E comunque, il dubbio rimane: se la prova invalsi è stata consegnata quasi in bianco o è stata sbagliata perché ci sono stati dei problemi tecnici oggettivi con la connessione in rete o con la qualità dell'acustica, sul certificato delle competenze deve esserci scritto che l'alunno ha fatto una prova gravemente insufficiente, e gli insegnanti del corso di studi successivo devono prenderlo in parola, tirando conclusioni falsate?


non esiste una prova gravemente insufficiente, da quanto ho capito vengono dati i 4 livelli: A1, A1+, A2, A2+

vi diremo maggiori informazioni a giugno quando Invalsi fornirà il certificato
Dopo aver scritto che lo studente ha diritto al successo formativo e dopo aver scritto che l'obiettivo per le lingue alle medie è il livello A1-A2 mi sembra assolutamente coerente prevedere che i livelli possibili siano solo quei 4.

Ho scritto coerente non corretto, non intelligente.

Ho un'idea geniale, perchè non facciamo una legge che dica "chi va dal medico guarisce" ?

Cosa ne pensate di "chi nasce va in paradiso" ?
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1047
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:54 pm

lucetta10 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
Laura70 ha scritto:
non esiste una prova gravemente insufficiente, da quanto ho capito vengono dati i 4 livelli: A1, A1+, A2, A2+
Quindi sono tutti sufficienti a prescindere?

se il minimo è A1, la consideri una valutazione sufficiente?

Allora le prove insufficienti esistono?
Mi sembra che qua siano state dette due cose opposte, quale è quella buona?

Oltretutto, se fosse veramente così, COME MAI le fittissime e gettonatissime convenzioni del British Institute o del Trinity con le scuole superiori partono sempre dai livelli più bassi? Se si dovesse uscire dalle medie padroneggiando già un livello A2, o nel peggiore dei casi un livello A1, non esisterebbero i corsi (venduti direttamente nelle scuole) che partono dal PET o dal KET, sarebbero tutti in ballo per i livelli superiori!


Ultima modifica di paniscus_2.1 il Gio Mag 03, 2018 10:07 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Online
Laura70

avatar

Messaggi : 3350
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:55 pm

lucetta10 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
Laura70 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
E comunque, il dubbio rimane: se la prova invalsi è stata consegnata quasi in bianco o è stata sbagliata perché ci sono stati dei problemi tecnici oggettivi con la connessione in rete o con la qualità dell'acustica, sul certificato delle competenze deve esserci scritto che l'alunno ha fatto una prova gravemente insufficiente, e gli insegnanti del corso di studi successivo devono prenderlo in parola, tirando conclusioni falsate?

non esiste una prova gravemente insufficiente, da quanto ho capito vengono dati i 4 livelli: A1, A1+, A2, A2+

vi diremo maggiori informazioni a giugno quando Invalsi fornirà il certificato

Quindi sono tutti sufficienti a prescindere? Anche chi ha consegnato in bianco o chi ha sbagliato tutto (e chi ha sbagliato tutto DAVVERO, non per colpa dell'acustica o della connessione)?

Allora, a maggior ragione, mi tocca concordare con chi ironizza sulla totale inutilità di quel certificato.

se il minimo è A1, la consideri una valutazione sufficiente?
Le A sono riferite ai livelli del Quadro comune europeo (da A a C) per le lingue, il livello A1 è decisamente bassino ma decisamente chiaro per un insegnante di lingua (se il collega di inglese della scuola superiore lo leggesse, of course)... ironizziamo?

per una terza media certo è basso perchè il valore di uscita dovrebbe essere almeno A2

cmq alcuni alunni non erano per niente preoccupati perchè visto che l'importante era partecipare hanno anche messo risposte a caso
Torna in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 3286
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 59
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 9:56 pm

herman il lattoniere ha scritto:
mbps
penso poco realistico il millibps, piu' probabile il mega Mbps :-)
Torna in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 10:04 pm

c'è un limite a tutto ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
c'è un limite a tutto ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Perbacco! Le prove di ingresso!
Visto che siete in possesso di tali chirurgici strumenti diagnostici e vi preme che i colleghi delle medie non si affatichino, perché non ci sollevate anche dal voto finale? Ve li mandiamo nudi e crudi senza spettinarci a fare l'esame, gli fate la cartella clinica con l'infallibile check-up e entrano subito nell'implacabile logica selettiva della scuola superiore
Sfondi una porta aperta ! A parte il fatto che ai voti delle medie bisogna spesso togliere due punti, ma poi cosa ce ne facciamo ? Formiamo le classi ? E se le formiamo totalmente a caso quale sarebbe la probabilità di avere una classe di soli 10 ed una di soli 6 ?

La selezione è come la morte: per quanto possa essere odiosa prima o poi arriva; morire dopo non è sempre meglio che morir prima (pensa ad una lunga agonia) ed allo stesso modo una selezione tardiva non è sempre meglio di una selezione precoce.

Non mandateceli certificati, mandateceli imparati che è meglio (come diceva un puffo).

due punti dal voto di che? Dal voto per obiettivi di scuola superiore che dovrebbe essere dato a ritroso in un ciclo di media? Curioso questo insegnante che non legge le valutazioni ma vorrebbe una valutazione da scuola superiore per obiettivi di scuola media, a questo punto diamogli i punti patente o i bollini della miralanza, incoerenza per incoerenza, cestino per cestino.
Perché non vieni a impararli tu? Vieni fuori dai cancelli a brandire queste salvifiche "prove di ingresso" dalle capacità taumaturgiche... mamma mia, più ripeto questo parola più mi cago sotto... chissà che effetto avranno sui ragazzini! Sentiranno la scure della cupa giustiziera sul collo solo a vedere il foglio, penseranno "ecco la selezione"!
I test d'ingresso li facciamo nella prima settimana, dunque non indaghiamo sulle cose che dovranno imparare ma su quelle che dovrebbero sapere ed alcuni sono da 4 nonostante abbiano preso 6; se poi il vostro metro è come la scala Fahrenheit che segna +32 quando Celsius dice 0 non c'è problema; io ragiono in termini di scuola superiore e faccio la conversione.

Se sostieni che è lecito avere due scale mi spieghi perchè la certificazione delle competenze dovremmo considerarla oggettiva e non basata su una scala a noi estranea ?

I test d'ingresso non sono taumaturgici in alcun modo, non curano, analizzano; la cura verrà nell'anno scolastico e non sempre sarà efficace, ma questo è un altro discorso.

...ma veramente non sai che fino a quest'anno non si poteva congedare NESSUNO con un 4? Il nome Gelmini, ti dice qualcosa?
Anche alle scuole medie si fanno i test di ingresso, meno spietati e salvifici, ma cosa vuoi? Siamo creature semplici...
Potrei riferirti della stessa situazione per gli alunni di prima, e qui la valutazione non è il 4 che diventa 6, perché il 6 alla scuola elementare si dà in casi ultra-rarissimi e equivale a caso umano ma tanto umano, gli altri vanno da 8 a 10, e 8 sono gli scarsi: basta saperlo e non pretendere che i parametri di valutazione vadano a cascata (come dovrebbe essere ovvio).
E comunque il discorso è campato assolutamente in aria dal momento che la premessa che mi ha fatto incazzare è che tu le valutazioni date alle medie non le leggi, anzi, le cestini, quindi di cosa stai parlando? Ti vanti in modo sbruffone ma poi sbirci? Sei un fanfarone cui piace fare il fico perché insegna al liceo (dalle mie parti si direbbe "me cojoni!" con i lati della bocca arcuati)? Ti piace lo scaricabarile su chi viene prima così sembri meno responsabile? Ci vuoi raccontare la storiella della scuola superiore selettiva?
Ho fatto esami all'università (da esaminatore) e ti assicuro che anche lì non si esimono dal giudicare il lavoro del cascame precedente, negli ultimi anni si attivano perfino corsi di recupero per insegnare a scrivere?
Qui nessuno ha parlato di certificazione oggettiva, anzi, prima del tuo signorile e inutile intervento e del panegirico delle prove di ingresso (brrrrr...) si discuteva costruttivamente di criticità di un sistema. Mi pareva naturale pensare che una presentazione in entrata potesse essere utile. Certo, se quello che si produce in uscita va nelle mani di chi non è in grado di interpretarla, meglio vada al riciclo.
Mi tocca addirittura concludere che la certificazione delle competenze sia perle ai porci, ma guarda tu!


Ultima modifica di lucetta10 il Gio Mag 03, 2018 10:09 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 10:05 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
paniscus_2.1 ha scritto:
Laura70 ha scritto:
non esiste una prova gravemente insufficiente, da quanto ho capito vengono dati i 4 livelli: A1, A1+, A2, A2+
Quindi sono tutti sufficienti a prescindere?

se il minimo è A1, la consideri una valutazione sufficiente?

Allora le prove insufficienti esistono?
Mi sembra che qua siano state dette due cose opposte, quale è quella buona?


e vabbè... se tagliamo la risposta...
Conosci qualcuno che abbia una certificazione linguistica per A1?
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1047
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 10:19 pm

lucetta10 ha scritto:
E comunque il discorso è campato assolutamente in aria dal momento che la premessa che mi ha fatto incazzare è che tu le valutazioni date alle medie non le leggi, anzi, le cestini, quindi di cosa stai parlando? Ti vanti in modo sbruffone ma poi sbirci? Sei un fanfarone cui piace fare il fico perché insegna al liceo (dalle mie parti si direbbe "me cojoni!" con i lati della bocca arcuati)? Ti piace lo scaricabarile su chi viene prima così sembri meno responsabile? Ci vuoi raccontare la storiella della scuola superiore selettiva?

Veramente, a quanto ho capito io, la domanda è semplicemente questa:

se qualcuno ha veramente una situazione di gravi carenze diffuse, perché non lo si boccia?

Perché gli si deve dare 6 a tutti i costi "solo per farlo uscire", e però mentre gli si dà 6 in pagella, contemporaneamente, si sottoscrive una certificazione di competenze in cui si lascia capire che le competenze non ci sono, o sono scarsissime, e però gli si deve dare ugualmente 6, e la palla deve passare agli insegnanti che verranno dopo?

L'allusione alla Gelmini, su questo punto, non l'ho proprio capita.
La Gelmini ha fatto varare una legge che vieta di usare voti inferiori al 4?
Quali sarebbero gli estremi di questa legge? Forse sono in difetto io, ma veramente non la conosco.
Torna in alto Andare in basso
Online
Sbottante



Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 10:25 pm

lucetta10 ha scritto:

...ma veramente non sai che fino a quest'anno non si poteva congedare NESSUNO con un 4? Il nome Gelmini, ti dice qualcosa?

Sì, lo so, è proprio per quello che non mi faccio scrupoli a togliere 2 voti

Anche alle scuole medie si fanno i test di ingresso, meno spietati e salvifici, ma cosa vuoi? Siamo creature semplici...

Spietati i test d'ingresso ? Non "fanno media", cosa dovrebbero avere di spietato ? Servono per non nascondere la testa sotto la sabbia.


Potrei riferirti della stessa situazione per gli alunni di prima, e qui la valutazione non è il 4 che diventa 6, perché il 6 alla scuola elementare si dà in casi ultra-rarissimi e equivale a caso umano ma tanto umano, gli altri vanno da 8 a 10, e 8 sono gli scarsi: basta saperlo e non pretendere che i parametri di valutazione vadano a cascata (come dovrebbe essere ovvio).

Ed io infatti lo so, quindi traduco i vostri 8 nei nostri 6; o dovremmo continuare con la vostra scala ?

E comunque il discorso è campato assolutamente in aria dal momento che la premessa che mi ha fatto incazzare è che tu le valutazioni date alle medie non le leggi, anzi, le cestini, quindi di cosa stai parlando? Ti vanti in modo sbruffone ma poi sbirci?

No, non sbircio; tieni conto che io non formo le classi quindi è anche normale che le vostre certificazioni (di qualsiasi tipo) non le legga; il punto è che non le leggono neanche quelli che le classi le formano eppure ti assicuro che il risultato è una ragionevole uniformità.
Non mi hai risposto quindi ti ripeto la domanda: come si dovrebbero utilizzare delle certificazioni su 10-20 parametri ?


Sei un fanfarone cui piace fare il fico perché insegna al liceo (dalle mie parti si direbbe "me cojoni!" con i lati della bocca arcuati)? Ti piace lo scaricabarile su chi viene prima così sembri meno responsabile? Ci vuoi raccontare la storiella della scuola superiore selettiva?

Non è una storiella, gli anni scorsi facevamo mediamente 8 prime ed uscivamo mediamente con 6 quinte, per giunta meno numerose.
Intendiamoci, anche noi facciamo le nostre porcate, anche io le faccio, lavoriamo tutti per lo stesso MIUR no ?


Faccio esami all'università e ti assicuro che anche lì non si esimono dal giudicare il lavoro del cascame precedente, negli ultimi anni si attivano perfino corsi di recupero per insegnare a scrivere?

Lo so, lo so, pensa se gli mandassimo tutti quei caproni a cui date 6 !

Qui nessuno ha parlato di certificazione oggettiva, anzi, prima del tuo signorile e inutile intervento e del panegirico delle prove di ingresso (brrrrr...) si discuteva costruttivamente di criticità di un sistema. Mi pareva naturale pensare che una presentazione in entrata potesse essere utile. Certo, se quello che si produce in uscita va nelle mani di chi non è in grado di interpretarla, meglio vada al riciclo.

Te lo ripeto: il vostro prodotto finito non è una certificazione ma uno studente imparato; se lo è ce ne accorgiamo da soli in 15 giorni e se non lo è ce ne accorgiamo da soli in 15 giorni. Grazie per tutti i numerosi studenti imparati che ci mandate e vi perdoniamo per tutti gli altri, sappiamo che non è colpa vostra ... almeno io lo so.

Mi tocca addirittura concludere che la certificazione delle competenze sia perle ai porci, ma guarda tu!

No, è una porcata ma non siamo pirla
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 10:37 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
E comunque il discorso è campato assolutamente in aria dal momento che la premessa che mi ha fatto incazzare è che tu le valutazioni date alle medie non le leggi, anzi, le cestini, quindi di cosa stai parlando? Ti vanti in modo sbruffone ma poi sbirci? Sei un fanfarone cui piace fare il fico perché insegna al liceo (dalle mie parti si direbbe "me cojoni!" con i lati della bocca arcuati)? Ti piace lo scaricabarile su chi viene prima così sembri meno responsabile? Ci vuoi raccontare la storiella della scuola superiore selettiva?

Veramente, a quanto ho capito io, la domanda è semplicemente questa:

se qualcuno ha veramente una situazione di gravi carenze diffuse, perché non lo si boccia?

Perché gli si deve dare 6 a tutti i costi "solo per farlo uscire", e però mentre gli si dà 6 in pagella, contemporaneamente, si sottoscrive una certificazione di competenze in cui si lascia capire che le competenze non ci sono, o sono scarsissime, e però gli si deve dare ugualmente 6, e la palla deve passare agli insegnanti che verranno dopo?

L'allusione alla Gelmini, su questo punto, non l'ho proprio capita.
La Gelmini ha fatto varare una legge che vieta di usare voti inferiori al 4?
Quali sarebbero gli estremi di questa legge? Forse sono in difetto io, ma veramente non la conosco.

E cosa c'entra questa domanda con ciò di cui si discuteva? E si tratta di una domanda o di una provocazione totalmente sterile? Potrei fare la stessa domanda, perché esistono diplomati platealmente insufficienti?

Mi consta che anche alle superiori si bocci a maggioranza, evidentemente non si boccia chi viene promosso dalla maggioranza: non conosci questa situazione? Voi fate diversamente? E' una questione di cui, se scorro qualche discussione, non ti sei mai lamentata?

La legge Gelmini stabilisce che si può promuovere SOLO con tutte sufficienze, questo immagino tu lo sappia. Cosa significa? Che se la maggioranza vota la promozione, tutte le insufficienze passano a 6 per una cosa che si chiama voto di consiglio.
Non ti risulta?
Da quest'anno si può fare diversamente perché la norma (della legge Gelmini) è stata abrogata... cosa c'entrano i voti inferiori a 4? chi ne ha parlato? E cosa cambierebbe se comunque anche l'1, di fronte a una promozione, per effetto della legge Gelmini sarebbe passato a 6?

E comunque, stando così le cose, non dovresti allora plaudire a una valutazione oggettiva certificata da un ente esterno di capiscioni, che tra l'altro attribuisce per le lingue un livello ancorato a un sistema internazionale di accertamento della competenza, così non ci si confonde con le scale?


Ultima modifica di lucetta10 il Gio Mag 03, 2018 10:46 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 10:40 pm

c'è un limite a tutto ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

...ma veramente non sai che fino a quest'anno non si poteva congedare NESSUNO con un 4? Il nome Gelmini, ti dice qualcosa?

Sì, lo so, è proprio per quello che non mi faccio scrupoli a togliere 2 voti

Anche alle scuole medie si fanno i test di ingresso, meno spietati e salvifici, ma cosa vuoi? Siamo creature semplici...

Spietati i test d'ingresso ? Non "fanno media", cosa dovrebbero avere di spietato ? Servono per non nascondere la testa sotto la sabbia.


Potrei riferirti della stessa situazione per gli alunni di prima, e qui la valutazione non è il 4 che diventa 6, perché il 6 alla scuola elementare si dà in casi ultra-rarissimi e equivale a caso umano ma tanto umano, gli altri vanno da 8 a 10, e 8 sono gli scarsi: basta saperlo e non pretendere che i parametri di valutazione vadano a cascata (come dovrebbe essere ovvio).

Ed io infatti lo so, quindi traduco i vostri 8 nei nostri 6; o dovremmo continuare con la vostra scala ?

E comunque il discorso è campato assolutamente in aria dal momento che la premessa che mi ha fatto incazzare è che tu le valutazioni date alle medie non le leggi, anzi, le cestini, quindi di cosa stai parlando? Ti vanti in modo sbruffone ma poi sbirci?

No, non sbircio; tieni conto che io non formo le classi quindi è anche normale che le vostre certificazioni (di qualsiasi tipo) non le legga; il punto è che non le leggono neanche quelli che le classi le formano eppure ti assicuro che il risultato è una ragionevole uniformità.
Non mi hai risposto quindi ti ripeto la domanda: come si dovrebbero utilizzare delle certificazioni su 10-20 parametri ?


Sei un fanfarone cui piace fare il fico perché insegna al liceo (dalle mie parti si direbbe "me cojoni!" con i lati della bocca arcuati)? Ti piace lo scaricabarile su chi viene prima così sembri meno responsabile? Ci vuoi raccontare la storiella della scuola superiore selettiva?

Non è una storiella, gli anni scorsi facevamo mediamente 8 prime ed uscivamo mediamente con 6 quinte, per giunta meno numerose.
Intendiamoci, anche noi facciamo le nostre porcate, anche io le faccio, lavoriamo tutti per lo stesso MIUR no ?


Faccio esami all'università e ti assicuro che anche lì non si esimono dal giudicare il lavoro del cascame precedente, negli ultimi anni si attivano perfino corsi di recupero per insegnare a scrivere?

Lo so, lo so, pensa se gli mandassimo tutti quei caproni a cui date 6 !

Qui nessuno ha parlato di certificazione oggettiva, anzi, prima del tuo signorile e inutile intervento e del panegirico delle prove di ingresso (brrrrr...) si discuteva costruttivamente di criticità di un sistema. Mi pareva naturale pensare che una presentazione in entrata potesse essere utile. Certo, se quello che si produce in uscita va nelle mani di chi non è in grado di interpretarla, meglio vada al riciclo.

Te lo ripeto: il vostro prodotto finito non è una certificazione ma uno studente imparato; se lo è ce ne accorgiamo da soli in 15 giorni e se non lo è ce ne accorgiamo da soli in 15 giorni. Grazie per tutti i numerosi studenti imparati che ci mandate e vi perdoniamo per tutti gli altri, sappiamo che non è colpa vostra ... almeno io lo so.

Mi tocca addirittura concludere che la certificazione delle competenze sia perle ai porci, ma guarda tu!

No, è una porcata ma non siamo pirla

e cosa ne sai che sono 10-20 parametri? mica sei in commissione classi!

veramente non capisco come si possa stupire che chi arriva a malapena alla sufficienza con obiettivi più semplici, possa con grande probabilità fallire quando questi obiettivi diventano più difficili... mi pare un tale ovvietà che veramente trasecolo di chi se ne indigna! Salvo che l'indignazione non nasconda la pretesa che qualcun altro tolga le castagne dal fuoco...
Torna in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Gio Mag 03, 2018 11:13 pm

lucetta10 ha scritto:
e cosa ne sai che sono 10-20 parametri? mica sei in commissione classi!
Ogni materia ha le sue competenze, le materie sono almeno 5; da 2 a 4 competenze ciascuna il mio conto porta a quello; tu invece non rispondi.

Comunque ti chiedo scusa, evidentemente mi sono sbagliato: la certificazione delle competenze è cosa utilissima, per noi fondamentale, quindi impegnatevi tanto a farla nel migliore dei modi; se fosse necessario sappiate che non sta scritto da nessuna parte che debba essere fatta in un giorno solo.

Io amo il lavoro, starei delle ore a guardare la gente che lavora.
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Ven Mag 04, 2018 12:00 am

c'è un limite a tutto ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
e cosa ne sai che sono 10-20 parametri? mica sei in commissione classi!
Ogni materia ha le sue competenze, le materie sono almeno 5; da 2 a 4 competenze ciascuna il mio conto porta a quello; tu invece non rispondi.

Comunque ti chiedo scusa, evidentemente mi sono sbagliato: la certificazione delle competenze è cosa utilissima, per noi fondamentale, quindi impegnatevi tanto a farla nel migliore dei modi; se fosse necessario sappiate che non sta scritto da nessuna parte che debba essere fatta in un giorno solo.

Io amo il lavoro, starei delle ore a guardare la gente che lavora.


Utili o meno, o impari a ravanare nel cesto dell'umido o non lo saprai mai: vedi quando si rimane intrappolati in una infelice battuta iniziale! Poi tutto il ragionamento va in vacca e si è costretti a fare domandine e sparare massime da cinepanettone per sentirsi ficcanti.

io invece sono profeta vero. Alle 3.33:
lucetta10 ha scritto:
Capisco che lamentarsi e riempire i cestini sia più pratico. Ma immagino che ora direte che non serve a nulla ciò che in modo un po' guascone ci si vanta di non aver mai visto "
Si può criticare ciò che si conosce, mi pare il minimo della decenza, e infatti lo scambio iniziale era tra insegnanti che sanno ciò di cui si sta parlando e che, guarda bene, criticavano, ma a ragion veduta. Su questa discussione si sono sovrapposti i luoghi comuni e le sparate sboccate di chi invece non sa NULLA, si vanta addirittura di non sapere, ma contemporaneamente rivendica il diritto a dire che ciò che non conosceva prima e non sa in che direzione è stato riformato, non serve a nulla.

Mentre guardi la gente lavorare, non devi per forza intervenire


Ultima modifica di lucetta10 il Ven Mag 04, 2018 12:15 am, modificato 2 volte
Torna in alto Andare in basso
paniscus_2.1



Messaggi : 1047
Data d'iscrizione : 31.10.17

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Ven Mag 04, 2018 12:10 am

lucetta10 ha scritto:
 La legge Gelmini stabilisce che si può promuovere SOLO con tutte sufficienze, questo immagino tu lo sappia. Cosa significa? Che se la maggioranza vota la promozione, tutte le insufficienze passano a 6 per una cosa che si chiama voto di consiglio.

Ah, questa è una novità assoluta introdotta dalla Gelmini?

Benvenuti nel mondo reale.

Non lo sapevi che alle superiori era già così da almeno 50 anni, e forse anche 100?

E comunque, Gelmini o non Gelmini, continuo a non capire il punto fondamentale.

Ossia per quale motivo, sia alle medie che alle superiori, si debba stare ancora a discutere sul voto di consiglio, in situazioni di evidente carenza grave e diffusa in molte materie.

Se ci sono più di tre o quattro materie insufficienti, TUTTI gli insegnanti dovrebbero essere automaticamente favorevoli alla bocciatura senza passare dal via, anche quelli che nella propria materia la sufficienza l'hanno data.

Invece si sta sistematicamente ad argomentare sul "non posso votare a favore della bocciatura, perché con me va bene". Per cui, in un consiglio di classe di 11 persone, anche con CINQUE materie insufficienti, si vota in 6 contro 5 per non bocciare, e magicamente tutte le insufficienze passano a 6.

Siamo sicuri che la colpa sia solo della Gelmini?


Ultima modifica di paniscus_2.1 il Ven Mag 04, 2018 12:19 am, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Ven Mag 04, 2018 12:13 am

paniscus_2.1 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
 La legge Gelmini stabilisce che si può promuovere SOLO con tutte sufficienze, questo immagino tu lo sappia. Cosa significa? Che se la maggioranza vota la promozione, tutte le insufficienze passano a 6 per una cosa che si chiama voto di consiglio.

Ah, questa è una novità assoluta introdotta dalla Gelmini?

Benvenuti nel mondo reale.

Non lo sapevi che alle superiori era già così da almeno 50 anni, e forse anche 100?

ah! quindi si parlava di certificati delle competenze delle superiori? bah...
Torna in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Ven Mag 04, 2018 1:16 pm

lucetta10 ha scritto:
c'è un limite a tutto ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
e cosa ne sai che sono 10-20 parametri? mica sei in commissione classi!
Ogni materia ha le sue competenze, le materie sono almeno 5; da 2 a 4 competenze ciascuna il mio conto porta a quello; tu invece non rispondi.

Comunque ti chiedo scusa, evidentemente mi sono sbagliato: la certificazione delle competenze è cosa utilissima, per noi fondamentale, quindi impegnatevi tanto a farla nel migliore dei modi; se fosse necessario sappiate che non sta scritto da nessuna parte che debba essere fatta in un giorno solo.

Io amo il lavoro, starei delle ore a guardare la gente che lavora.


Utili o meno, o impari a ravanare nel cesto dell'umido o non lo saprai mai: vedi quando si rimane intrappolati in una infelice battuta iniziale! Poi tutto il ragionamento va in vacca e si è costretti a fare domandine e sparare massime da cinepanettone per sentirsi ficcanti.

io invece sono profeta vero. Alle 3.33:
lucetta10 ha scritto:
Capisco che lamentarsi e riempire i cestini sia più pratico. Ma immagino che ora direte che non serve a nulla ciò che in modo un po' guascone ci si vanta di non aver mai visto "
Si può criticare ciò che si conosce, mi pare il minimo della decenza, e infatti lo scambio iniziale era tra insegnanti che sanno ciò di cui si sta parlando e che, guarda bene, criticavano, ma a ragion veduta. Su questa discussione si sono sovrapposti i luoghi comuni e le sparate sboccate di chi invece non sa NULLA, si vanta addirittura di non sapere, ma contemporaneamente rivendica il diritto a dire che ciò che non conosceva prima e non sa in che direzione è stato riformato, non serve a nulla.

Mentre guardi la gente lavorare, non devi per forza intervenire
Sparate sboccate ? A cosa ti riferisci ?
Torna in alto Andare in basso
giovanna onnis

avatar

Messaggi : 20338
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Ven Mag 04, 2018 6:49 pm

paniscus_2.1 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
E comunque il discorso è campato assolutamente in aria dal momento che la premessa che mi ha fatto incazzare è che tu le valutazioni date alle medie non le leggi, anzi, le cestini, quindi di cosa stai parlando? Ti vanti in modo sbruffone ma poi sbirci? Sei un fanfarone cui piace fare il fico perché insegna al liceo (dalle mie parti si direbbe "me cojoni!" con i lati della bocca arcuati)? Ti piace lo scaricabarile su chi viene prima così sembri meno responsabile? Ci vuoi raccontare la storiella della scuola superiore selettiva?

Veramente, a quanto ho capito io, la domanda è semplicemente questa:

se qualcuno ha veramente una situazione di gravi carenze diffuse, perché non lo si boccia?

Perché gli si deve dare 6 a tutti i costi "solo per farlo uscire", e però mentre gli si dà 6 in pagella, contemporaneamente, si sottoscrive una certificazione di competenze in cui si lascia capire che le competenze non ci sono, o sono scarsissime, e però gli si deve dare ugualmente 6, e la palla deve passare agli insegnanti che verranno dopo?
Gli insegnanti che verranno dopo sono gli insegnanti del II grado, dove sappiamo bene che quanto lamenti per il I grado non succede mai, vero?

Di cosa stiamo parlando Paniscus?

Trovo trita e ritrita questa "accusa" da parte di un gruppo di docente di scuola superiore nei confronti dei docenti della scuola media accusati di falsare i risultati e di mandare avanti alunni che si meriterebbero di essere bocciati e di non arrivare in 1^ superiore dove saranno "loro" a doverli giudicare

Ti parla una docente titolare nella secondaruia II grado in ruolo dall'a.s. 1991/92, con oltre 30 anni di servizio alle spalle, che ha lavorato nelle diverse tipologie di scuola superiore e che negli ultimi anni ha sperimentato la scuola media in mobilità annuale

Prima di giudicare è meglio conoscere e soprattutto non dimenticare ciò che succede in tutti i cdc di scuola superiore dove magicamente i 2 diventano 6 e si promuovono senza debito studenti che si meriterebbero la bocciatura.
O vogliamo parlare dei debiti formativi con relativi esami per il recupero?? Anche questi decisamente seri e selettivi.....concordi?

Non pensiamo al fuscello nell'occhio del collega se nel nostro occhio abbiamo un tronco

Siamo tutti nella stessa barca che sta affondando.

Dovremo concordare una vera e propria attività di continuità tra i due gradi di istruzione e non scontrarsi sul "io sono più serio, più severo e più bravo di te, quindi le tue valutazioni non le considero"

Sarebbe giusta una riflessione in tal senso
Torna in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Ven Mag 04, 2018 9:49 pm

giovanna onnis ha scritto:
Dovremo concordare una vera e propria attività di continuità tra i due gradi di istruzione e non scontrarsi sul "io sono più serio, più severo e più bravo di te, quindi le tue valutazioni non le considero"
Ho ammesso io per primo che anche "noi" facciamo porcate e che anche io faccio porcate; ho aggiunto che lavoriamo per lo stesso MIUR che quindi sottostiamo alle stesse regole, e la regola n° 1 è "fai porcate".

Non penso che la soluzione sia creare continuità come proponi tu; alle elementari sono bambini, una coccola immeritata ci può pure stare, quando diventeranno adulti le coccole, meritate o immeritate finiranno, anzi arriveranno le mazzate sulle gengive, meritate o immeritate; vogliamo abituarli pian piano o vogliamo operare il cambiamento tutto il giorno dopo la laurea ?

La crescita è di per sè una discontinuità (progressiva) e penso che discontinue debbano essere la didattica e la valutazione.
Torna in alto Andare in basso
Sbottante



Messaggi : 130
Data d'iscrizione : 17.04.18

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Ven Mag 04, 2018 9:55 pm

In questo solo topic ho trovato ben 2 modi per zittire lucetta:

chiedergli di essere propositiva

c'è un limite a tutto ha scritto:
Non mi hai risposto quindi ti ripeto la domanda: come si dovrebbero utilizzare delle certificazioni su 10-20 parametri ?

e chiedergli di essere dettagliata

c'è un limite a tutto ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
sparate sboccate
Sparate sboccate ? A cosa ti riferisci ?

Peccato che zittirla non fosse l'obiettivo.
Torna in alto Andare in basso
herman il lattoniere



Messaggi : 372
Data d'iscrizione : 15.11.17

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Sab Mag 05, 2018 10:12 am

Intanto bisognerebbe che noi docenti fossimo consapevoli che la certificazione delle competenze è una immane sciocchezza, che finora noi delle medie siamo riusciti a evitare riempendo "a buon senso" i moduli di dubbia utilità forniti dal ministero, ben sapendo che non avrebbero avuto tutta questa importanza per i colleghi delle superiori.
Con le nuove "linee guida per la valutazione delle competenze" invece si introduce surrettiziamente un vincolo all'insegnamento, che si vuole orientare a una didattica per competenze con compiti di realtà e altre amenità del genere, e un vincolo alla valutazione che deve essere coerente con apposite rubriche di valutazione che i solerti collegi docenti approveranno bovinamente, come al solito.
Tutto ciò, oltre a comportare un ulteriore incremento del carico di lavoro dei docenti in sede di valutazione e in sede di progettazione, ne compromette la libertà di insegnamento, perché non è detto che il tal docente della tal disciplina nella tale classe ritenga consoni al proprio stile didattico o utili all'apprendimento i cosiddetti "compiti di realtà", che nei fatti rischiano di tradursi in una ulteriore banalizzazione dei contenuti disciplinari in un'ottica falsamente pratica e che guarda con molta diffidenza ogni forma di ragionamento astratto.
Noi insegnanti potremmo opporci nei collegi docenti, non cedendo alle pressioni di dirigenti e staff e ricordando che il dlgs 62/17, le circolari interpretative e le recenti linee guida non hanno il carattere prescrittivo che gli si vuole attribuire. Ma per farlo dovremmo essere consapevoli ed essere capaci di alzare la mano e dire no in blocco, anche se già facciamo qualcosa di simile a una "didattica per competenze".
I conti dell' ideologia ministeriale che incentiva progetti, didattica per competenza, innovazioni di dubbia efficacia li paghiamo tutti noi docenti, a partire da quelli della primaria che subiscono moltissimo la pressione delle mode pedagogico-didattiche e propongono modelli di apprendimento sempre più parcellizzati, inutilmente complicati in una quantità pletorica di obiettivi e traguardi fissati nelle indicazioni nazionali 2012, che si adeguano ad avere le mani legate dai presidi, dai ricorsi, dall'inclusione intesa come riduzione di livelli minimi didattici e comportamentali, dai mille adempimenti burocratici da adempiere; li subiscono i docenti della secondaria di primo grado come me, che devono lavorare su alunni dal livello didattico e comportamentale di anno in anno peggiore, con capacità attentive in picchiata e con un comportamento di due o tre anni più infantile rispetto ai loro coetanei di soli 15-20 anni fa; li subiscono i docenti della secondaria di secondo grado che devono gestire didatticamente alunni generalmente deboli, sui quali i tre anni di scuola secondaria di primo grado non hanno prodotto alcun miracolo, che esprimono un livello culturale e di competenze del tutto in linea con il profilo socio-culturale-economico delle famiglie di origine, con modestissimi miglioramenti; e alla fine della fiera i conti di idee di insegnamento scellerate, figlie di posizioni anti-gentiliane e gruppettistiche li devono pagare anche i docenti universitari, che si lamentano (giustamente) del livello desolante dei propri studenti a inizio e a fine carriera, livello frutto di una filiera di apprendimento che non ha funzionato a partire dalle fondamenta della primaria.
Questo circolo vizioso apparentemente senza speranza si interromperebbe se alla primaria invece di proporre, come elencano le indicazioni nazionali, formule chimiche, statistica elementare, addirittura elementi di finanza, invece di fare mille progetti e progettini di stampo catechistico e svincolati dai saperi di base, si ritornasse al vecchio leggere-scrivere e fare di conto, corredato dall'esercizio delle capacità di sintesi e di ascolto attraverso il riassunto e dalla capacità di stare in classe, di relazionarsi con educazione e rispetto ai pari e agli adulti.
Torna in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6566
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sul debutto delle prove Invalsi computer based   Sab Mag 05, 2018 11:43 am

herman il lattoniere ha scritto:
Intanto bisognerebbe che noi docenti fossimo consapevoli che la certificazione delle competenze è una immane sciocchezza, che finora noi delle medie siamo riusciti a evitare riempendo "a buon senso" i moduli di dubbia utilità forniti dal ministero, ben sapendo che non avrebbero avuto tutta questa importanza per i colleghi delle superiori.
Con le nuove "linee guida per la valutazione delle competenze" invece si introduce surrettiziamente un vincolo all'insegnamento, che si vuole orientare a una didattica per competenze con compiti di realtà e altre amenità del genere, e un vincolo alla valutazione che deve essere coerente con apposite rubriche di valutazione che i solerti collegi docenti approveranno bovinamente, come al solito.
Tutto ciò, oltre a comportare un ulteriore incremento del carico di lavoro dei docenti in sede di valutazione e in sede di progettazione, ne compromette la libertà di insegnamento, perché non è detto che il tal docente della tal disciplina nella tale classe ritenga consoni al proprio stile didattico o utili all'apprendimento i cosiddetti "compiti di realtà", che nei fatti rischiano di tradursi in una ulteriore banalizzazione dei contenuti disciplinari in un'ottica falsamente pratica e che guarda con molta diffidenza ogni forma di ragionamento astratto.
Noi insegnanti potremmo opporci nei collegi docenti, non cedendo alle pressioni di dirigenti e staff e ricordando che il dlgs 62/17, le circolari interpretative e le recenti linee guida non hanno il carattere prescrittivo che gli si vuole attribuire. Ma per farlo dovremmo essere consapevoli ed essere capaci di alzare la mano e dire no in blocco, anche se già facciamo qualcosa di simile a una "didattica per competenze".


Siamo d'accordo su buona parte dell'analisi, ma non condivido alcune cose.
Per esempio, dove sarebbe l'obbligo alle prove di realtà nella certificazione delle competenze? Personalmente non ne ho mai fatti, non ne abbiamo mai approvati per le prove comuni (e ti parlo di una scuola MOLTO competentosa), non se ne è mai parlato in collegio, né in dipartimento. Sono le nostre progettazioni disciplinari (quelle di tutti gli ordini e gradi) che ormai ampiamente rispondono alla didattica per competenze, quelle di ogni ordine a grado, ovvio che alla fine si certifichino quelle perché quello è il linguaggio comune. Siamo d'accordo che si dovrebbero certificare gli apprendimenti. Certo che, quando poi mi si dice che QUALUNQUE certificazione della scuola media diventa inutile, quale che sia, tre mesi dopo alla scuola superiore, perchè tanto ci si tappezzano i cessi e si fanno le "prove di ingresso" mi cadono le braccia e mi domando che discutiamo a fare e soprattutto se esista un interlocutore con cui discutere.

Come dici giustamente il 62/2017 non è prescrittivo, anzi lascia ampi spazi ma obbliga alla progettazione e documentazione ossessiva e infatti, parlo per la mia scuola, l'aggravio enorme di lavoro è venuto dallo stabilire cosa fare e soprattutto come certificare ossessivamente tutto quello che si fa (rubriche e supercazzole varie); dalle infinite possibilità che legge e decreti danno di fare ricorso per tutto; dall'aver procedurizzato ogni passaggio e aver vincolato ogni cosa (la bocciatura tra tutto) a millanta adempimenti, con l'evidente intenzione di fare terrorismo psicologico, in primo luogo sui presidi, che sono in grande ambasce.

E vogliamo parlare dell'esame, dove questi presidi in ambasce saranno commissari nella loro stessa scuola? Delle indicazioni per la prova scritta e per il colloquio? Qui, secondo me, ci sarebbero ampi margini per fare bene e soprattutto per superare certe procedure francamente insopportabili: abbandonare finalmente certe trite pantomime, con il collega che prepara e corregge la tesina o la mappa in classe e poi se la fa ripetere in sede di esame per esporre l'alunno bravo, e con quelli che invece vengono a fare presenza, dormono per tutto l'esame, approvano supinamente il voto del silver back purché non gli si chieda di ascoltare o intervenire.
Le indicazioni per le prove scritte di italiano danno la possibilità di superare (finalmente!) quei temini assolutamente insopportabili sul percorso della scuola media o sull'esperienza di studio. Il mio timore, per queste cose, è piuttosto che prevalgano i gattopardi, non che si accetti bovinamente.
Non capisco poi perché non parliamo mai della possibilità che si ha da quest'anno di promuovere anche in presenza di insufficienze, e anche lì il mio timore è per i più realisti del re. Questa è una vera rivoluzione, una cosa che si chiedeva da anni, l'unica utile visto che tanto a bocciare non si riesce anche per ragioni molto banali e strutturali, su cui non mi pare ora il momento di soffermarsi.
Torna in alto Andare in basso
 
Sul debutto delle prove Invalsi computer based
Torna in alto 
Pagina 2 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» Prove Invalsi alunno ritardo mentale lieve
» prove invalsi alunna 3^ media grado di disabilità gravissimo
» Prove invalsi 2018
» Prove INVALSI per alunni con certificazione 104/92
» INVALSI:retribuzione ore per correzione e inserimento dati nella piattaforma

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: