Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Più insegnanti nella scuola

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1 ... 9 ... 14, 15, 16  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Più insegnanti nella scuola   Ven Nov 25, 2011 5:21 pm

Promemoria primo messaggio :

Cari colleghi docenti,
avere più insegnanti nella scuola dell'infanzia e nella scuola primaria è possibile: le maestre di classe possono rinunciare a fare religione nelle loro classi. In questo modo le curie nominano degli insegnanti di religione specialisti. In questo modo si ottengono più posti di lavoro nella scuola. La maestre di classe non ci rimettono nulla nello stipendio.
Guardate il topic Perché è giusto nella scuola primaria che le insegnanti di classe non facciano religione.
Luca PS ha aperto un topic http://www.orizzontescuolaforum.net/t26460-il-servizio-vale-per-essere-stabilizzati-precari-di-religione-ma-non-per-abilitarsi-tutti-gli-altri-precari?highlight=religione.
Ne aveva già parlato e quindi è giusto che anche noi riproponiamo questo tema.
Noi insegnanti di religione non riteniamo giusto avere dei privilegi in più degli altri. Se volete sapere quali sono i nostri privilegi, rivolgetevi a Luca PS, un falso cattolico che insegna teologia sui forum.
Perché non dite a tutte le maestre di classe di lasciare l'irc? Si creerebbero moltissimi posti di lavoro. E lo stato non potrebbe intervenire.
Grazie!
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 9:12 pm

Io credo che effettivamente abbiamo bisogno di più tecnici. Ci sono troppe persone che mirano alla laurea e che vogliono svolgere professioni ben retribuite. Abbiamo troppi insegnanti e secondo me quello che veramente non piace agli insegnanti è che gli idr trovino prima lavoro. Il fatto è che il problema degli insegnanti da sistemare non è di facile soluzione. Ci sono troppi insegnanti in graduatoria. In molte province se anche le scuole raddoppiassero, non ci sarebbe posto per tutti gli aspiranti insegnanti.
Purtroppo anche il governo migliore si troverebbe in difficoltà per risolvere il problema degli insegnanti in più.
Quindi, bisogna invogliare i giovani a svolgere professioni tecniche, perché il mondo della scuola è saturo.
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato



Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 20.07.11

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 9:18 pm

Enrico, ripeto: gli ITP svolgono un ruolo diverso rispetto ai colleghi laureati.

Inoltre non devi sentirti offeso perchè non sei criticato tu in quanto IDR, ma è criticato il sistema che privilegia gli IDR rispetto a tutti gli altri colleghi (soprattutto economicamente).

Credo che i colleghi non chiedono una vostra penalizzazione ma l'allineamento del trattamento di tutti a quelli degli IDR. Mi sembra sensato, o no?

@ Stefania: sono d'accordo su tutto cio' che hai detto!
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 9:37 pm

Mi sembra che l'ultimo intervento di Sconcertato abbia riportato la discussione in tema: liberare gli IDR - o comunque produrre aumento di consapevolezza in loro e di informazione negli altri - dalla discriminazione a cui il Sistema li obbliga, loro malgrado, mediante la diversità di trattamento economico.

Inoltre, colleghi, vi prego di non invidiare gli ITP che purtroppo stanno vivendo un momento brutto (moltissimi i soprannumerari) e - non avendo essi le tutele di organico degli IDR (C.M. 1985, un IDR anche per un solo alunno) - stanno rischiando davvero grosso attualmente: e gli ITP sono gli insegnanti che gestiscono laboratori professionalizzanti negli Ist. Tecnici - che dovrebbero essere le Scuole su cui la formazione dovrebbe puntare, tanto è vero che sono stati costituiti anche gli ITS di eccellenza o supposti tali - e tra l'altro da quest'anno alcuni laboratori professionalizzanti sono stati ridotti negli ITP ad un'ora settimanale (o cancellati, nel passaggio da Licei Scientifici-Tecnologici afferenti agli Ist. Tecnici a Licei Scientifici delle Scienze Applicate afferenti oggi ai Licei Scientifici), specificità oraria (di un'ora settimanale) che fino ad oggi aveva solo la materia Religione in tutti i gradi di Scuola eccetto che alle elementari.
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 9:55 pm

Riguardo a Filosofia: sì, in molti indirizzi vi sono due ore settimanali soltanto. Con il Riordino Gelmini tutte le ore delle materie sono state ridotte (es. geografia ridotta a un'ora, storia mantenuta a due ore, molti laboratori tecnico-pratici un'ora, seconda lingua due ore, filosofia due ore e altri esempi; pensate che nel Liceo delle Scienze Umane Economico-Sociale la materia Scienze Sociali di indirizzo e materia di seconda prova di Esame di Stato è stata ridotta da sei ore a tre ore, al cui paragone l'ora di religione sembra davvero sproporzionata; non conosco bene la situazione delle materie scientifiche ma sono state ridotte anche quelle). Ecco perchè la specificità oraria di religione (un'ora in tutti gli indirizzi; due ore alle elementari, con un peso eccessivo quando il curricolo è stato ridotto a 27) assume - oggi più di ieri - un significato diverso e su cui riflettere, nelle mutate condizioni di contesto.

Ma non solo il contesto del quadro-orario è mutato; pure il contesto di organico-insegnanti (accorpamenti-classi con aumento di numero per classe) e la C.M. 1985 che vieta l'accorpamento delle classi nell'ora di IRC non risulta - oggi e non ieri - in linea con la direzione che ha preso la Scuola per tutte le altre materie.

Inoltre, da quando molti indirizzi hanno previsto la seconda lingua con due ore/settimana (ore in cui si accorpano anche tre gruppi-classe e l'organico degli insegnanti di lingua viene calcolato sugli accorpamenti), la C.M. 1985 appare davvero come uno schiaffo agli insegnanti di lingua ma anche a tutti gli insegnanti.

Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 10:09 pm

Dimenticavo la terza modifica di contesto (oltre a quelle del quadro-orario e di organico): la modifica delle condizioni contrattuali-economiche, che fa vedere sotto un'altra luce le diversità di trattamento economico e previdenziale degli IDR ion quanto tutte queste modifiche sono recenti. 1) Blocco nel 2010 degli scatti stipendiali (applicata anche agli IDR, che tuttavia "compensano" dal punto di vista del trattamento economico, come ricordato; 2) allungamento nel 2010 dei rinnovi contrattuali a triennali per gli insegnanti, ma mantenimenti della cadenza biennale per gli IDR; 3) nel 2010 aumenti stipendiali del 2,5% (biennali, come detto) estesi anche alla IIS oltrechè allo stipendio-base, per gli IDR (e, non si sa perchè, recupero degli arretrati dal 2003); 4) il recentissimo passaggio al sistema contribuitivo per tutti, che ha reso consapevoli tutti - anche chi prima non ci pensava - che una quota aggiuntiva di stipendio fa la sua parte nell'accumulo dei contributi, a causa del fatto che le pensioni saranno quasi dimezzate (a) e soprattuto ha reso consapevoli che una ricostruzione di carriera al 66% per la maggior parte degli anni di preruolo ha un peso enorme dal punto di vista previdenziale (diversamente da quanto avviene per gli IDR che ricostruiscono la carriera al 100%).

Insomma, queste tre variabili mutate (quandro-orario, di organico, economiche e previdenziali) non consentono più di sottovalutare le specificità di trattamento degli IDR, che fino a qualche anno fa - nel sistema economico finanziato a debito - potevano anche "fare parte del gioco" e quindi accettate da tutti.
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 10:38 pm

Svolto una mia frase, a scanso di equivoci.

> Riguardo a Filosofia: sì, in molti indirizzi vi sono due ore settimanali soltanto.
E' più che giusto: è mutato il contesto sociale. Due ore di filosofia sono più che sufficienti - per il bene dei ragazzi che devono impegnarsi in studi professionalizzanti - e un'ora di religione è anche troppa, se confrontata alle due ore di filosofia e anche a tutte quelle materie di cui ho ricordato la riduzione oraria intervenuta due anni fa col Riordino Gelmini (e soprattutto pensando alla riduzione dei laboratori tecnico-pratici negli ITC).

Il rapporto tra le materie scolastiche e la materia religione - dopo il Riordino Gelmini - non è in equilibrio (soprattutto pensando alle due ore alle elementari ).

P.S. Almeno si accorpassero le classi nel'ora di IRC, servirebbe anche ai ragazzi per vivere la Scuola in modo diverso (le pluriclassi, in alcune ore, sono utili didatticamente, soprattutto per i temi etici ed esistenziali che si trattano a religione!).
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 10:40 pm

sconcertato ha scritto:
Enrico, ripeto: gli ITP svolgono un ruolo diverso rispetto ai colleghi laureati.

Inoltre non devi sentirti offeso perchè non sei criticato tu in quanto IDR, ma è criticato il sistema che privilegia gli IDR rispetto a tutti gli altri colleghi (soprattutto economicamente).

Credo che i colleghi non chiedono una vostra penalizzazione ma l'allineamento del trattamento di tutti a quelli degli IDR. Mi sembra sensato, o no?

@ Stefania: sono d'accordo su tutto cio' che hai detto!

Grazie, anch'io concordo con quello che tu hai detto. Anch'io sono insegnante di religione.
Vorrei ricordare anche l'importante contributo dato dal CNOS (centro nazionale per le opere salesiane) che, nello spirito di Don Bosco, si occupano della formazione professionale.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 10:42 pm

sconcertato ha scritto:
Enrico, ripeto: gli ITP svolgono un ruolo diverso rispetto ai colleghi laureati.

Inoltre non devi sentirti offeso perchè non sei criticato tu in quanto IDR, ma è criticato il sistema che privilegia gli IDR rispetto a tutti gli altri colleghi (soprattutto economicamente).

Credo che i colleghi non chiedono una vostra penalizzazione ma l'allineamento del trattamento di tutti a quelli degli IDR. Mi sembra sensato, o no?

@ Stefania: sono d'accordo su tutto cio' che hai detto!
D'accordo.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 10:45 pm

LucaPS ha scritto:
Mi sembra che l'ultimo intervento di Sconcertato abbia riportato la discussione in tema: liberare gli IDR - o comunque produrre aumento di consapevolezza in loro e di informazione negli altri - dalla discriminazione a cui il Sistema li obbliga, loro malgrado, mediante la diversità di trattamento economico.

Inoltre, colleghi, vi prego di non invidiare gli ITP che purtroppo stanno vivendo un momento brutto (moltissimi i soprannumerari) e - non avendo essi le tutele di organico degli IDR (C.M. 1985, un IDR anche per un solo alunno) - stanno rischiando davvero grosso attualmente: e gli ITP sono gli insegnanti che gestiscono laboratori professionalizzanti negli Ist. Tecnici - che dovrebbero essere le Scuole su cui la formazione dovrebbe puntare, tanto è vero che sono stati costituiti anche gli ITS di eccellenza o supposti tali - e tra l'altro da quest'anno alcuni laboratori professionalizzanti sono stati ridotti negli ITP ad un'ora settimanale (o cancellati, nel passaggio da Licei Scientifici-Tecnologici afferenti agli Ist. Tecnici a Licei Scientifici delle Scienze Applicate afferenti oggi ai Licei Scientifici), specificità oraria (di un'ora settimanale) che fino ad oggi aveva solo la materia Religione in tutti i gradi di Scuola eccetto che alle elementari.
Va bene. Nella materna però c'è un'ora e mezza di religione a settimana. Le ore possono essere distribuite in modo flessibile: più ore in certi periodi, meno ore in altre, purché il conto del monte ore annuo torni.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 10:53 pm

LucaPS ha scritto:
Riguardo a Filosofia: sì, in molti indirizzi vi sono due ore settimanali soltanto. Con il Riordino Gelmini tutte le ore delle materie sono state ridotte (es. geografia ridotta a un'ora, storia mantenuta a due ore, molti laboratori tecnico-pratici un'ora, seconda lingua due ore, filosofia due ore e altri esempi; pensate che nel Liceo delle Scienze Umane Economico-Sociale la materia Scienze Sociali di indirizzo e materia di seconda prova di Esame di Stato è stata ridotta da sei ore a tre ore, al cui paragone l'ora di religione sembra davvero sproporzionata; non conosco bene la situazione delle materie scientifiche ma sono state ridotte anche quelle). Ecco perchè la specificità oraria di religione (un'ora in tutti gli indirizzi; due ore alle elementari, con un peso eccessivo quando il curricolo è stato ridotto a 27) assume - oggi più di ieri - un significato diverso e su cui riflettere, nelle mutate condizioni di contesto.

Ma non solo il contesto del quadro-orario è mutato; pure il contesto di organico-insegnanti (accorpamenti-classi con aumento di numero per classe) e la C.M. 1985 che vieta l'accorpamento delle classi nell'ora di IRC non risulta - oggi e non ieri - in linea con la direzione che ha preso la Scuola per tutte le altre materie.

Inoltre, da quando molti indirizzi hanno previsto la seconda lingua con due ore/settimana (ore in cui si accorpano anche tre gruppi-classe e l'organico degli insegnanti di lingua viene calcolato sugli accorpamenti), la C.M. 1985 appare davvero come uno schiaffo agli insegnanti di lingua ma anche a tutti gli insegnanti.

Nelle scuole elementari a tempo pieno il monte ore settimanale è di 40 ore per gli alunni. Secondo me, d'accordo con i genitori nei consigli di interclasse, occorre chiedere di più il tempo pieno. Permette una migliore organizzazione della scuola, i bambini hanno più tempo per imparare, hanno due ore di mensa per mangiare con calma e si permette di assumere più insegnanti. Anche nelle elementari ci sono state modifiche nell'antropologico (storia e geografia) con meno ore. Per quanto riguarda religione, secondo me con meno di due ore a settimana la gestione della classe diventa più difficile: per fare cattedra occorrerebbero 22 classi. Con un'ora a settimana (e 22 classi) farei ancora più fatica ad imparare il nome dei bambini. E poi questo significherebbe entrare in ancora più scuole e più istituti. Fare l'orario diventerebbe più difficile per me e per gli altri insegnanti. E poi, in un'ora cosa faccio? Entro, li saluto e ho giusto il tempo di fargli colorare una scheda.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:05 pm

LucaPS ha scritto:
Svolto una mia frase, a scanso di equivoci.

> Riguardo a Filosofia: sì, in molti indirizzi vi sono due ore settimanali soltanto.
E' più che giusto: è mutato il contesto sociale. Due ore di filosofia sono più che sufficienti - per il bene dei ragazzi che devono impegnarsi in studi professionalizzanti - e un'ora di religione è anche troppa, se confrontata alle due ore di filosofia e anche a tutte quelle materie di cui ho ricordato la riduzione oraria intervenuta due anni fa col Riordino Gelmini (e soprattutto pensando alla riduzione dei laboratori tecnico-pratici negli ITC).

Il rapporto tra le materie scolastiche e la materia religione - dopo il Riordino Gelmini - non è in equilibrio (soprattutto pensando alle due ore alle elementari ).

P.S. Almeno si accorpassero le classi nel'ora di IRC, servirebbe anche ai ragazzi per vivere la Scuola in modo diverso (le pluriclassi, in alcune ore, sono utili didatticamente, soprattutto per i temi etici ed esistenziali che si trattano a religione!).
Le pluriclassi nelle elementari ci sono già. Quando l'accorpamento tra più classi avviene per tutte le materie, allora avviene anche per religione. Però non è un'esperienza simpatica. Ho avuto anche una 1^ con una 5^. Devi trattare due argomenti di religione diversi. A volte anche tre argomenti, se la pluriclasse è formata da tre classi.
Sinceramente, io credo che gli accorpamenti tra classi di avvalenti (quando sono pochi) anche per quanto riguarda le superiori siano da evitare. Il rischio è che l'insegnante diventi "schiavo" dei suoi alunni. Cioé: metto la nota ad un alunno perché non si comporta bene e lui dice che si tolgono tutti e tu perdi ore. Poi, immagina, anche qui come sia difficile fare un orario se tu devi accorpare tre prime di avvalenti alle superiori. Quanti insegnanti devi mettere d'accordo? Già così io ho difficoltà a fare l'orario. E parlo di scuole elementari con due ore.
Casomai non si devono tagliare ore alle altre materie. Secondo me sarebbe anche giusto che l'ora di alternativa fosse regolata meglio, con un programma preciso. Per esempio, approfondire l'educazione civica. Poi bisogna evitare che i non avvalenti, anche alle elementari possano girare per le scuole incontrollati. Tra l'altro, non mi sembra nemmeno giusto che gli alunni non avvalenti possano uscire da scuola durante l'ora di religione. E' educativo? E poi non è discriminante verso gli alunni di irc che fanno delle ore in più rispetto ai non avvalenti?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:10 pm

Solo due ore di filosofia alle superiori, Luca PS? Parli dei professionali? Ma si insegna filosofia nei professionali?
Direi che con così poche ore, più che altro è un riassunto di filosofia, oppure tagli una buona parte degli argomenti di filosofia.
E poi, mi chiedo con quale interesse seguano la filosofia negli istituti professionali visto che ho sentito dire che hanno difficoltà già in altre materie.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:13 pm

Con tutti questi tagli nella scuola poi non meravigliamoci che ci sia così tanta disoccupazione: gli insegnanti sono meno motivati e hanno più difficoltà nel formare le nuove leve.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:15 pm

enrico draghi ha scritto:
carla75 ha scritto:
Faccio sostegno e se me ne andassi al mercato del lunedi' penso che le madri dei miei alunni farebbero di me polpetta. io sono in classe con l'alunno anche quando qualche collega arriva con 15 di ritardo o va via "qualche minuto " prima. arrivo 10 min prima che suoni la campanella perche' aspetto la croce bianca che porta i miei ragazzi e li aspetto all'entrata. questo io faccio. quello che fanno gli altri e' compito del Ds controllare.
Brava. Molti insegnanti di sostegno sono come te. Però ho avuto colleghe di sostegno che mi hanno fatto capire che, come dire, non apprezzavano il loro alunno. In alcuni casi mi hanno chiesto di abbassare il voto di religione.
Ti sembra giusto che un insegnante di sostegno chieda che al suo alunno in difficoltà sia abbassato il voto di religione? Parlo di casi di bambini a cui io avrei dato ottimo, ma il docente di sostegno, agli scrutini ha chiesto didare la sufficienza. Bambini che si impegnavano e che facevano tutto quello che potevano fare. A volte erano anche stranieri e non parlavano l'italiano in casa. Eppure, anche in questi casi, l'insegnante di religione in pratica non riesce a fare più di molto. Ho avuto anche delle colleghe di sostegno, e sono la maggioranza, che si impegnavano molto. Mi sembra che dobbiate presentare un documento, il PEI. Ho avuto casi in cui mi chiedevano di firmarlo. E lo facevano firmare prima a me, per invogliare anche le altre a firmarlo. Con le colleghe di sostegno attuali, tutte giovani e ai primi incarichi, mi trovo bene perché si danno molto da fare per i loro "assistiti".
scusa Enrico per la precisazione ma non sono assistiti, sono studenti!
noi insegnanti di sostegno non presentiamo il Pei. E' tutto il consiglio di Classe, insieme alla famiglia e i referenti ASl che lo predispone. Quindi non firmi per conoscenza, ma per il fatto che anche tu partecipi a redigerlo! (quindi ti consiglio di leggerlo).
io credo che il problema non sia religione, sostegno o Itp, ma sia, di base, la voglia di lavorare che alcuni non hanno....
ps. prima del blocco delle abilitazioni per fare sostegno occorreva laurea SSIS e SOS (ossia altri tre anni di specializzazione universitaria..), credimi, avrei preso tranquillamente una laurea in medicina....
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:22 pm

> Vorrei ricordare anche l'importante contributo dato dal CNOS
> (centro nazionale per le opere salesiane) che, nello spirito di Don Bosco,
> si occupano della formazione professionale.
Stefania, sono d'accordissimo ma non è della formazione professionale che stiamo parlando. Stiamo parlando di curricolo neille Scuole Statali e Paritarie (Licei, ITC e IP) e delle ore di laborartorio. N.B. Il ruolo della pedagogia cristiana ma soprattutto cattolica (appunto, don Bosco e molti altri) nella Storia della Pedagogia occidentale è meritevole e tutti ne siamo debitori, tanto quanto - o forse più, lo dico da credente - siamo debitori alla pedagogia di tradizione laico-illuminista. Sono i due pilastri educativi nella nostra cultura occidentale.

> Nella materna però c'è un'ora e mezza di religione a settimana.
Troppa!

> Le ore possono essere distribuite in modo flessibile
Il risultato non cambia ed anzi è pedagogicamente sbagliato fare una abbuffata di ore di una materia in un periodo.

> Nelle scuole elementari a tempo pieno il monte ore settimanale è di 40 ore per gli alunni.
Nelle scuole non a tempo pieno il monte ore è stato ridotto a 27 e il peso di religione nel curricolo è dunque - col Riordino Gelmini - diventato didatticamente eccessivo. So che il tempo pieno si fa sempre più fatica ad ottenerlo dalle Regioni.

> Secondo me, d'accordo con i genitori nei consigli di interclasse,
> occorre chiedere di più il tempo pieno.
Ma no, dai; le Scuole Paritarie sperano che il tempo pieno nelle Scuole elementri pubbliche sia sempre meno possibile. Se le elementari non riescono più ad erogare il tempo pieno, per motivi economici, succederà la stessa situazione che ora accade per le Scuole dell'Infanzia... per le quali lo Stato non riesce a garantire il Servizio e quindi appalta il servizio alle Scuole Paritarie, per la maggioranza cattoliche. Pure la Chiesa auspica che ciò avvenga, chiedilo in Curia o al tuo ISSR, Enrico, e vedrai che ti dicono così : )

> Anche nelle elementari ci sono state modifiche nell'antropologico (storia e geografia) con meno ore.
Appunto. E Religione è rimasta invariata : )

> Per quanto riguarda religione, secondo me con meno di due ore
> a settimana la gestione della classe diventa più difficile
Ma no, dai. Basta chiederlo alla tua collega di inglese in prima e seconda elementare che ha solo una e due ore (acc... non ci sono più le specialiste di inglese!).

> E poi, in un'ora cosa faccio? Entro, li saluto e ho giusto il tempo di fargli colorare una scheda.
Ti do due risposte: 1) insegneresti esattamente quello che si insegna nell'unica ora di arte/immagine, musica, informatica, inglese (in prima elementare) e poco meno di altre materie che hanno due ore (scienze, inglese, storia, geografia). 2) E cosa vuoi che insegni il collega di filosofia al triennio delle superiori con due ore o la collega di storia con due ore al biennio o un'ora di geografia o con due ore di seconda lingua... che hanno solo e soltanto un'ora in più di IRC con un programma e con delle competenze disciplinari (penso a seconda lingua, ad esempio) da dover certificare?

Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:30 pm

> io credo che gli accorpamenti tra classi di avvalenti (quando sono pochi)
> anche per quanto riguarda le superiori siano da evitare. Il rischio è che
> l'insegnante diventi "schiavo" dei suoi alunni. Cioé: metto la nota
> ad un alunno perché non si comporta bene e lui dice che si tolgono
> tutti e tu perdi ore.
E perchè questo dovrebbe andar bene invece per l'insegnante di seconda lingua, dato che gli accorpamenti per seconda lingua si fanno e l'organico degli insegnanti di seconda lingua sono calcolati sul numero delle classi accorpate? Chiedi ad un insegnante di lingue e vedrai cosa ti risponde!

Del resto nelle Paritarie, a maggioranza cattolica, avviene così e anche peggio, come abbiamo discusso in un altro post, descrivendo la mera logica di mercato a cui esse sono piegate.

> Poi, immagina, anche qui come sia difficile fare un orario se tu devi accorpare
> tre prime di avvalenti alle superiori. Quanti insegnanti devi mettere d'accordo?
Esattamente come si fa per l'accorpamento-classi per seconda lingua.

Su, su...
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:33 pm

Però la scuola è fatta da tante persone. Ci sono anche associazioni di genitori. Non si lamentano dei tagli nella scuola? E i presidi?
Certo, per chi insegna nelle elementari non si pone il problema di cosa faranno gli alunni. Devono passare molti anni. Però, per quanto mi riguarda, ci sono insegnanti e genitori che si confidano con me, essendo per certi aspetti un punto di riferimento spirituale. C'è un problema che emerge: la famiglia, come istituzione, sta crollando. E non voglio fare la cattolica che critica i divorziati. E' cambiato il rapporto tra genitori e figli. C'è un disinteresse da parte di alcuni genitori verso i figli che è veramente preoccupante. Non dialogano più.
Figuriamoci quando crescono. Le cose peggiorano. Allora a volte, specialmente nelle superiori, c'è il rischio che la scuola diventi un parcheggio. Quante volte i genitori mandano i figli in un liceo solo perché li credono dei geni. Questo è dovuto anche al fatto che non si sono curati di loro, non conoscono le loro inclinazioni. Da questo punto do vista occorre fare più orientamento. Insomma, i ragazzi devono essere messi nella condizione di poter scegliere un mestiere "pratico" anziché uno "intellettuale" se sono portati per il primo.
Il problema è sempre quello: la scuola in Italia non è considerata importante. E' anche evidente che il MIUR quando deve tagliare, taglia dove ha diretta competenza. Con noi idr è più complicato. Il MIUR deve interpellare la CEI. Allora c'è addirittura il rischio che la differenza tra noi idr e gli altri insegnanti aumenti, perché lo Stato considera la scuola un ramo secco. Quindi gli altri insegnanti rischiano di perdere ancora di più.
Gli idr hanno la Chiesa, che in Italia ha un forte peso politico. Forse la Chiesa ha contribuito a far cadere il governo. Non sapremo mai forse che cosa è successo dietro le quinte. Però noi idr, politicamente, abbiamo più protezioni. Ma questo pone anche un altro problema, quello che veniva posto nelle prime pagine: perché le maestre di classe continuano a fare irc togliendo il posto agli idr specializzati. Agli ITP: vi piacerebbe se un professore "normale" vi togliesse il posto? Immaginate gli aspiranti idr che fanno 5 anni di scienze religiose. E poi non vengono chiamati ad insegnare perché la maestra di classe non cede l'irc. Non ci rimetterebbe nulla economicamente. Ci guadagnerebbe perché non deve più fare i corsi di aggiornamento. Comunque io credo che non vada bene dire: "fai l'idr perché hai più privilegi". Secondo me, chi insegna religione lo deve fare per convinzione e per la sua fede religiosa. Perché l'insegnante di religione è un credente che spiega agli alunni la cultura religiosa cattolica.
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:39 pm

Per rispondere a Carla75 - e so di espormi alle critiche - penso che... se dovesse esserci una categoria di insegnanti che dovrebbe essere pagata di più (orrore!) sarebbero proprio gli insegnanti di sostegno. Come in tutte le categorie, ci sono quelli che lavorano e quelli che non lavorano: ma vi assicuro che quelli che lavorano, hanno un carico umano-relazionale davvero impegnativo! Poi in genere vengono impegnati in progetti della Scuola e devono dare la disponibilità per molte cose. Non hanno la protezione della didattica e dei voti, fanno incontri con gli specialisti... Insomma, chi vuol lavorare discretamente, ha un bel carico...

Potrebbero pure essere pagati di più, dato che non sono insegnanti di materia, diversamente dagli IDR che insegnano una materia. Io li pagherei di più solo per il peso che hanno nel confrontarsi ogni giorno con situazioni pesantissime con i loro alunni, che l'insegnante di classe vede superficialmente.

Mi spiace: sto dalla parte dei deboli e non dalla parte del Potere. Prima la Carità (con o senza il bilanciamento di San Paolo!): abbiamo fatto molte volte il discorso sulle Beatitudini.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:42 pm

LucaPS ha scritto:
> io credo che gli accorpamenti tra classi di avvalenti (quando sono pochi)
> anche per quanto riguarda le superiori siano da evitare. Il rischio è che
> l'insegnante diventi "schiavo" dei suoi alunni. Cioé: metto la nota
> ad un alunno perché non si comporta bene e lui dice che si tolgono
> tutti e tu perdi ore.
E perchè questo dovrebbe andar bene invece per l'insegnante di seconda lingua, dato che gli accorpamenti per seconda lingua si fanno e l'organico degli insegnanti di seconda lingua sono calcolati sul numero delle classi accorpate? Chiedi ad un insegnante di lingue e vedrai cosa ti risponde!

Del resto nelle Paritarie, a maggioranza cattolica, avviene così e anche peggio, come abbiamo discusso in un altro post, descrivendo la mera logica di mercato a cui esse sono piegate.

> Poi, immagina, anche qui come sia difficile fare un orario se tu devi accorpare
> tre prime di avvalenti alle superiori. Quanti insegnanti devi mettere d'accordo?
Esattamente come si fa per l'accorpamento-classi per seconda lingua.

Su, su...
Intanto gli accorpamenti non vanno bene nemmeno per gli insegnanti di lingua. Credo che tu intenda dire che, nella medesima classe non tutti gli alunni fanno la stessa seconda lingua. Ma in ogni caso non si deve accorpare. Non arriviamo ad una situazione in cui diciamo agli alunni: "scegli le materie che ti piacciono, ogni 25 adesioni c'è un insegnante apposta". Io anzi, preferirei più uniformità nella scuola. L'autonomia ha creato anche un po' di disordine.
Ma si può essere anche contrari alla mia opinione.
Per quanto riguarda le paritarie, io non capisco perché se ci sono le scuole pubbliche si debba pagare una retta per andare nelle private. Ma è anche questa un'opinione.
D'altra parte chi va nelle private lo fa per fare punteggio. Anche a me erano stati offerti dei posti nelle private, ma preferisco insegnare nelle pubbliche, perché credo che siano melo elitarie. E poi penso che nelle private si venga sfruttati di più. Molte private sono in mano ai preti. Già come idr dipendo molto dalla Chiesa, figuriamoci nelle private.
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mar Gen 24, 2012 11:48 pm

> Ma questo pone anche un altro problema, quello che
> veniva posto nelle prime pagine: perché le maestre di classe
> continuano a fare irc togliendo il posto agli idr specializzati?
E' un accordo implicito tra la Chiesa e lo Stato: lo Stato sta imponendo di calmierare i costi degli IDR attraverso il meccanismo delle maestre elementari. E, dopo il C.O. 2005, la Chiesa è meno libera di prima nei confronti dello Stato per rifiutargli cose. Del resto, le ore prese da alcune maestre agli IDR alle elementari compensano l'ora in più di IRC che, rispetto agli altri gradi di Scuola, è presente alle elementari. I conti, alla buona, tornano. E' un patto di scambio e nessuno dà niente per niente! Se gli IDR fossero pagati come tutti gli altri, la Chiesa avrebbe più forza per pretendere assunzioni in ruolo e cancellare il meccanismo delle maestre.

Evidentemente non ha interesse in questo senso o ha altri interessi, più importanti degli IDR, da rivendicare nei confronti del patto con lo Stato: ad esempio le Scuole Paritarie o l'ICI o molto altro.
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mer Gen 25, 2012 12:03 am

Riguardo al mio post precedente, sulla Chiesa, ribadisco che "per fortuna Dio è davvero un'altra cosa"! E meno male che ho capito questo, cribbio!
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mer Gen 25, 2012 10:53 am

enrico draghi ha scritto:
Dec ha scritto:
giulia franchi 2010 ha scritto:
Io sono che quando andavo alle superiori l'insegnante di lettere aveva delle ore a disposizione. Non so se ci sono ancora. Ma a disposizione di che cosa?
Rispondo solo su quello che mi riguarda. No, non ci sono più, le ha tolte la Gelmini per questioni finanziarie. Servivano per coprire le supplenze. Oggi invece, se manca un insegnante, le classi rimangono da sole o al massimo con un collaboratore scolastico che deve fare altre dieci cose contemporaneamente e a volte qualcuno si fa male, ma si vede che a voi e a chi ci governa va bene così.
Per il resto, se parlate di gente che va a fare passeggiate in centro o a fare shopping in orario di servizio, scrivete ovviamente qualcosa di grave; io realtà del genere non le ho mai viste, non so che scuole frequentate o avete frequentato voi. Gli ITP e gli insegnanti di sostegno, se vorranno, vi risponderanno su quello che li riguarda.
Grazie per la risposta. Quindi vuol dire che una volta c'erano insegnanti con ore a disposizione, cioé insegnanti che stavano in aula insegnanti a far nulla in attesa di sostituire un collega assente. Direi che è più grave dei privilegi di cui siamo accusati noi oggi. Quando manca un insegnante nelle mie scuole gli alunni vengono divisi tra le altre classi.
Questo a me sembra molto più grave, sia per questioni di sicurezza (le classi già in condizioni normali spesso non sono a norma, figuriamoci aggiungendo un altro gruppo) sia perchè questo ostacola inevitabilmente la didattica. Io non trovo nulla di male nell'avere ore a disposizione, anche perchè non è mai stato trovato un sistema alternativo per rispondere ad un'esigenza che esiste quasi tutti i giorni nelle scuole. Sono d'accordo che andrebbero suddivise in modo equo tra gli insegnanti delle varie materie, mentre a volte erano privilegiati gli insegnanti con maggiore anzianità di servizio o di certe discipline (anche perchè si riteneva che avessero un carico maggiore di compiti da correggere).
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato



Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 20.07.11

MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mer Gen 25, 2012 1:44 pm

enrico draghi ha scritto:
Nell'istituto tecnico dove insegnavo io non era così. Credevo che l'ITP non fosse mai da solo.

Le materie dove l'insegnante ITP è solo si chiamano Officina. Si trovano principalmente nei professionali (primo biennio) e rivolto a coloro che vogliono formarsi come operatori (operai). In tali ore l'insegnante ITP insegna l'uso delle macchine utensili. Ad esempio: per colui che vuole diventare operatore meccanico: chi credi dovrebbe insegnare l'uso della fresatrice o del tornio o del trapano a colonna e non? L'insegnante laureato?

Nel successivo triennio, in compresenza con l'insegnante laureato, si occupa della realizzazione di progetti, piu' o meno complessi nei laboratori tecnologici e programmati con l'insegnante laureato. Spero di essere stato chiaro.


Forse hai ragione per gli istituti tecnici. Forse li' da qualche anno sono state eleiminate le materie del biennio di pura officina. Credo sia stata una riforma fatta per favorire l'ingresso nel mondo della scuola di tanti laureati che attendevano alla porta (soprattutto area umanistica). Risultato finale è che oggi non si trovano piu' idraulici, le aziende faticano a trovare tecnici o operai qualificati e fincantieri realizza le sue navi con saldatori che provengono dall'est europa. Le graduatorie della scuola, invece, sembrano piu' lunghe delle liste del vecchio ufficio di collocamento.

La "riforma" Gelmini hai poi drasticamente ridotto le ore di ITP anche per i professionali. Gli effetti li sentiremo tra una decina di anni. Tu addirittura vorresti togliere del tutto gli ITP per avvantaggiare chi? Non certo l'alunno.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mer Gen 25, 2012 5:15 pm

carla75 ha scritto:

scusa Enrico per la precisazione ma non sono assistiti, sono studenti!
noi insegnanti di sostegno non presentiamo il Pei. E' tutto il consiglio di Classe, insieme alla famiglia e i referenti ASl che lo predispone. Quindi non firmi per conoscenza, ma per il fatto che anche tu partecipi a redigerlo! (quindi ti consiglio di leggerlo).
io credo che il problema non sia religione, sostegno o Itp, ma sia, di base, la voglia di lavorare che alcuni non hanno....
ps. prima del blocco delle abilitazioni per fare sostegno occorreva laurea SSIS e SOS (ossia altri tre anni di specializzazione universitaria..), credimi, avrei preso tranquillamente una laurea in medicina....
Bene, grazie per le precisazioni.
Comunque è vero che alcuni non hanno voglia di lavorare.
Forse era davvero meglio fare medicina.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Più insegnanti nella scuola   Mer Gen 25, 2012 5:16 pm

LucaPS ha scritto:
> Ma questo pone anche un altro problema, quello che
> veniva posto nelle prime pagine: perché le maestre di classe
> continuano a fare irc togliendo il posto agli idr specializzati?
E' un accordo implicito tra la Chiesa e lo Stato: lo Stato sta imponendo di calmierare i costi degli IDR attraverso il meccanismo delle maestre elementari. E, dopo il C.O. 2005, la Chiesa è meno libera di prima nei confronti dello Stato per rifiutargli cose. Del resto, le ore prese da alcune maestre agli IDR alle elementari compensano l'ora in più di IRC che, rispetto agli altri gradi di Scuola, è presente alle elementari. I conti, alla buona, tornano. E' un patto di scambio e nessuno dà niente per niente! Se gli IDR fossero pagati come tutti gli altri, la Chiesa avrebbe più forza per pretendere assunzioni in ruolo e cancellare il meccanismo delle maestre.

Evidentemente non ha interesse in questo senso o ha altri interessi, più importanti degli IDR, da rivendicare nei confronti del patto con lo Stato: ad esempio le Scuole Paritarie o l'ICI o molto altro.
Però!
Tornare in alto Andare in basso
 
Più insegnanti nella scuola
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 15 di 16Andare alla pagina : Precedente  1 ... 9 ... 14, 15, 16  Seguente
 Argomenti simili
-
» Religione nella scuola materna
» METODI PER INSEGNARE GEOGRAFIA NELLE SCUOLE MEDIE
» Tutor si può iscrivere...
» chi paga la funzione strumentale?
» come si individuano le COE in OD nella scuola secondaria di secondo grado?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: