Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Valutazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4 ... 10 ... 17  Seguente
AutoreMessaggio
stellina1228



Messaggi : 89
Data d'iscrizione : 13.10.09

MessaggioOggetto: Valutazione   Dom Ott 03, 2010 6:45 pm

Promemoria primo messaggio :

Qualcuno sa se la normativa più recente prevede per le verifiche orali e scritte solo voti interi o se è possibile utilizzare anche i mezzi voti? Grazie!!!!
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Lun Nov 01, 2010 6:50 pm

Paolo1974 ha scritto:
forza ha scritto:
cmq vedo ke in scuole dove i voti vanno dall'1 al 10 alcuni colleghi li usano solo dal 4, dove vanno dal 4 alcuni usano anke qlli inferiori... le percentuali sì, le fornisce la scuola, ma poi alcuni hanno le loro.... boh, ,ma che serve allora?
io mi sn sempre attenuta a quanto stabilito dal cd, certo, ogni tanto faccio aggiustamenti del caso con i voti alti alti xkè a volte le percentuali sono punitive, ma solo di rado

Teoricamente potrebbero farlo, l'importante è che partano dall'1 al 10 o dal 4 al 10 (appunto a seconda di come stabilito nella scuola) agli scrutini e quindi come voto in pagella. Anche se in effetti utilizzando i voti in decimi sarebbe bene uniformarsi alla scala stabilita dal collegio anche durante le verifiche. Ma non è obbligatorio.


mi sfugge qcs.... quindi io ke sn in uan scuola ke ha stabilito di usare dal 4 al 10, nelle verifiche potrei usare anke l'1, il 2 o il 3?
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4608
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Lun Nov 01, 2010 7:09 pm

Paolo1974 ha scritto:
Comunque vi dovreste sempre attenere senza fare aggiustamenti, al limite gli aggiustamenti li fate (anzi li dovete fare) al voto intermedio e finale e quindi a ciò che dovreste far risultare in pagella. Se si stabiliscono delle percentuali per le verifiche oggettive (si chiamano oggettive non a caso), dovreste utilizzare sempre la stessa tabella
Infatti, Paolo, è così che facciamo. Se la scuola stabilisce una tabella, la rispettiamo: ci mancherebbe. Il mio ritocco non è mai sulle percentuali, ma sul punteggio. Ti faccio un es. In una verifica decido a priori che un certo esercizio vale 10 punti. Se il punteggio totale è 50, quell'esercizio vale 1/5 della verifica. In realtà in fase di correzione mi rendo conto che tutta la classe ha avuto problemi con quell'esercizio, il che può accadere per svariati motivi (non ho spiegato bene, non ci siamo esercitati abbastanza, ho sopravvalutato la classe o sottovalutato l'esercizio, le consegne non erano chiare, etc.). Cosa dovrei fare? Penalizzare tutta la classe? No, io preferisco abbassare il valore di quell'esercizio, a, mettiamo, 5 punti in modo che valga 1/10 della verifica. Lo stesso vale anche per il caso contrario. Se avessi comunicato in anticipo a tutti il valore dell'esercizio dovrei poi anche giustificare tutto il procedimento di aggiustamento: non ne vengo fuori più!!

Paolo1974 ha scritto:
(aggiungo che ormai è consolidato che la percentuale della sufficienza è del 60% e non del 55 o meno).
Cioè? Com'è la vostra scansione delle percentuali?

Paolo1974 ha scritto:
Non dimentichiamo poi che stiamo parlando di singole verifiche, ma poi la valutazione finale è un'altra cosa, ma non insisto, non vorrei passare di nuovo per futurista.
Ovvio, nella valutazione finale intervengono tanti fattori, non si può ridurre il tutto alla media matematica, l'abbiamo già chiarito. Non sei un futurista, eh eh ;-)

Paolo1974 ha scritto:
Il problema è che se non cominciamo noi a capire che la valutazione è degli studenti e non appartiene solo a noi, non usciamo fuori dal pensare che diamo troppa confidenza o tuteliamo troppo gli allievi. Per me tutelarli vuol dire anche che quando attribuiamo loro un voto, sanno benissimo come e perché se lo sono meriati. Ma non mi dilungo più di tanto.
Sono pienamente d'accordo Paolo, io voglio usare i voti per il bene dei ragazzi. Mi pongo il problema proprio per questo. Non è una questione di troppa confidenza, è che la cosa è troppo delicata e non mi va di ridurla a mero punteggio prestabilito. Voglio dare a ciascuno ciò che si merita. Tieni conto che, a parte qualche esercizio di grammatica, una verifica di lingua straniera è sempre più per competenze che per conoscenze e che è difficile che sia del tutto oggettiva. Ti faccio un esempio: c'è una sola risposta corretta alla domanda "2+2=?", ma ci sono molti modi per tradurre una frase in lingua straniera. Scusa se mi sono dilungata...
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 6573
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Lun Nov 01, 2010 7:28 pm

Valerie ha scritto:
Paolo1974 ha scritto:
Comunque vi dovreste sempre attenere senza fare aggiustamenti, al limite gli aggiustamenti li fate (anzi li dovete fare) al voto intermedio e finale e quindi a ciò che dovreste far risultare in pagella. Se si stabiliscono delle percentuali per le verifiche oggettive (si chiamano oggettive non a caso), dovreste utilizzare sempre la stessa tabella
Infatti, Paolo, è così che facciamo. Se la scuola stabilisce una tabella, la rispettiamo: ci mancherebbe. Il mio ritocco non è mai sulle percentuali, ma sul punteggio. Ti faccio un es. In una verifica decido a priori che un certo esercizio vale 10 punti. Se il punteggio totale è 50, quell'esercizio vale 1/5 della verifica. In realtà in fase di correzione mi rendo conto che tutta la classe ha avuto problemi con quell'esercizio, il che può accadere per svariati motivi (non ho spiegato bene, non ci siamo esercitati abbastanza, ho sopravvalutato la classe o sottovalutato l'esercizio, le consegne non erano chiare, etc.). Cosa dovrei fare? Penalizzare tutta la classe? No, io preferisco abbassare il valore di quell'esercizio, a, mettiamo, 5 punti in modo che valga 1/10 della verifica. Lo stesso vale anche per il caso contrario. Se avessi comunicato in anticipo a tutti il valore dell'esercizio dovrei poi anche giustificare tutto il procedimento di aggiustamento: non ne vengo fuori più!!

Paolo1974 ha scritto:
(aggiungo che ormai è consolidato che la percentuale della sufficienza è del 60% e non del 55 o meno).
Cioè? Com'è la vostra scansione delle percentuali?

Paolo1974 ha scritto:
Non dimentichiamo poi che stiamo parlando di singole verifiche, ma poi la valutazione finale è un'altra cosa, ma non insisto, non vorrei passare di nuovo per futurista.
Ovvio, nella valutazione finale intervengono tanti fattori, non si può ridurre il tutto alla media matematica, l'abbiamo già chiarito. Non sei un futurista, eh eh ;-)

Paolo1974 ha scritto:
Il problema è che se non cominciamo noi a capire che la valutazione è degli studenti e non appartiene solo a noi, non usciamo fuori dal pensare che diamo troppa confidenza o tuteliamo troppo gli allievi. Per me tutelarli vuol dire anche che quando attribuiamo loro un voto, sanno benissimo come e perché se lo sono meriati. Ma non mi dilungo più di tanto.
Sono pienamente d'accordo Paolo, io voglio usare i voti per il bene dei ragazzi. Mi pongo il problema proprio per questo. Non è una questione di troppa confidenza, è che la cosa è troppo delicata e non mi va di ridurla a mero punteggio prestabilito. Voglio dare a ciascuno ciò che si merita. Tieni conto che, a parte qualche esercizio di grammatica, una verifica di lingua straniera è sempre più per competenze che per conoscenze e che è difficile che sia del tutto oggettiva. Ti faccio un esempio: c'è una sola risposta corretta alla domanda "2+2=?", ma ci sono molti modi per tradurre una frase in lingua straniera. Scusa se mi sono dilungata...

1. Secondo me, parere personale, il tiro non lo dovresti comunque aggiustare. Quando uno decide la somministrazione della verifica non deve mai aggiustare il tiro durante la correzione, ma solo dopo.

La valutazione va fatta in base a ciò che avevi stabilito e solo dopo devi andare ad appurare effettivamente quali sono le cause che hanno portato tutta la classe a quel risultato (anche negativo). E se invece tutta la classe con quell'esercizio ha raggiunto il massimo del punteggio penseresti che era troppo facile o che hai attribuito troppo punteggio?. Le verifiche servono proprio a questo, a dare una fotografia, negativa o positiva, ad un lavoro, nel breve o medio periodo, che abbiamo svolto con la classe. Dai risultati di quella verifica io vado poi ad agire su tutto ciò che viene fuori e di cui mi rendo conto e che tu hai perfettamente anticipato come possibili cause di un risultato negativo anche in riferimento ad una sola domanda: "non ho spiegato bene, non ci siamo esercitati abbastanza, ho sopravvalutato la classe o sottovalutato l'esercizio, le consegne non erano chiare".

E' probabilmente anche per questo che prima di una cosiddetta verifica sommativa bisognerebbe soffermarsi su quelle formative, magari stabilendo solo dei livelli, che possono essere 1, 2 e 3 oppure solo delle soglie di accettabilità o di eccellenza, oppure una soglia di punteggio minimo al quale l'allievo deve arrivare per ritenere soddisfatta la prova. In base a questo poi somministrare la prova sommativa che sarà ovviamente più complessa e che avrà i voti in decimi di cui parliamo. A quel punto non c'è appello per i ragazzi, tranne ovviamente poi andare a recuperare delle cose che magari risultano davvero complesse a tutta la classe.
Se si lavora però bene nella prima fase, secondo me la seconda fase (quella sommativa) diventerà un buon lavoro.

2. Diciamo che ormai al soglia della sufficienza è il 60%, al di sotto di questa soglia si ritiene ci sia l'insuffcienza. E' ormai una prassi più che consolidata, che comunque può sempre cambiare da scuola a scuola.

3. Hai perfettamente ragione. In effetti con la lingua diventa sicuramente più complesso, soprattutto per ciò che riguarda la traduzione.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4608
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Lun Nov 01, 2010 7:59 pm

Paolo1974 ha scritto:

1. Secondo me, parere personale, il tiro non lo dovresti comunque aggiustare. Quando uno decide la somministrazione della verifica non deve mai aggiustare il tiro durante la correzione, ma solo dopo. La valutazione va fatta in base a ciò che avevi stabilito e solo dopo devi andare ad appurare effettivamente quali sono le cause che hanno portato tutta la classe a quel risultato (anche negativo).
Quindi lasceresti i voti come sono per quella verifica. Poi, dopo aver capito i motivi, ci si lavora su su e magari si mette un esercizio sullo stesso argomento nella verifica successiva? Oppure nella valutazione finale si tiene conto del fatto che il voto di quella verifica era particolarmente basso per tale e tal altro motivo e quindi si aggiusta il tiro in quel momento? In effetti sarebbe un'alternativa. Non ci avevo pensato ;-)

Paolo1974 ha scritto:
E' probabilmente anche per questo che prima di una cosiddetta verifica sommativa bisognerebbe soffermarsi su quelle formative.
Beh, in realtà io stavo parlando proprio di quelle formative. Poi una cosa che farò quest'anno visto che il testo adottato è ricco di materiale e mi permetterà di farlo, sarà un'esercitazione in classe simile alla verifica con autovalutazione a cui farà seguito la verifica sommativa.

Paolo1974 ha scritto:

2. Diciamo che ormai al soglia della sufficienza è il 60%, al di sotto di questa soglia si ritiene ci sia l'insuffcienza. E' ormai una prassi più che consolidata, che comunque può sempre cambiare da scuola a scuola.
Ok per il 6 con il 60%, ma il 65% a cosa corrisponderebbe? e il 75%? L'arrotondamento per eccesso dal 0,5 in su lo tenete buono per i voti più alti del 6 o no? Te lo chiedo perché noi abbiamo adottato la scaletta delle prove invalsi, ma non siamo soddisfatti di quel 5,5 (dovuto ad un 55%) trasformato in 6.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 6573
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Mar Nov 02, 2010 10:36 am

Valerie ha scritto:
Paolo1974 ha scritto:

1. Secondo me, parere personale, il tiro non lo dovresti comunque aggiustare. Quando uno decide la somministrazione della verifica non deve mai aggiustare il tiro durante la correzione, ma solo dopo. La valutazione va fatta in base a ciò che avevi stabilito e solo dopo devi andare ad appurare effettivamente quali sono le cause che hanno portato tutta la classe a quel risultato (anche negativo).
Quindi lasceresti i voti come sono per quella verifica. Poi, dopo aver capito i motivi, ci si lavora su su e magari si mette un esercizio sullo stesso argomento nella verifica successiva? Oppure nella valutazione finale si tiene conto del fatto che il voto di quella verifica era particolarmente basso per tale e tal altro motivo e quindi si aggiusta il tiro in quel momento? In effetti sarebbe un'alternativa. Non ci avevo pensato ;-)

Paolo1974 ha scritto:
E' probabilmente anche per questo che prima di una cosiddetta verifica sommativa bisognerebbe soffermarsi su quelle formative.
Beh, in realtà io stavo parlando proprio di quelle formative. Poi una cosa che farò quest'anno visto che il testo adottato è ricco di materiale e mi permetterà di farlo, sarà un'esercitazione in classe simile alla verifica con autovalutazione a cui farà seguito la verifica sommativa.

Paolo1974 ha scritto:

2. Diciamo che ormai al soglia della sufficienza è il 60%, al di sotto di questa soglia si ritiene ci sia l'insuffcienza. E' ormai una prassi più che consolidata, che comunque può sempre cambiare da scuola a scuola.
Ok per il 6 con il 60%, ma il 65% a cosa corrisponderebbe? e il 75%? L'arrotondamento per eccesso dal 0,5 in su lo tenete buono per i voti più alti del 6 o no? Te lo chiedo perché noi abbiamo adottato la scaletta delle prove invalsi, ma non siamo soddisfatti di quel 5,5 (dovuto ad un 55%) trasformato in 6.


Scuola che vai percentuali che trovi. Anche perché dipende poi dal fatto se si utilizza o no tutta la scala in decimi per ciò che riguarda i voti insufficienti.

Per quanto però riguarda la sufficienza e i mezzi voti se li vuoi utilizzare, io mi trovo molto bene con questa proposta (era una proposta che aveva fatto il comitato tecnico di valutazione della regione Umbria),

0-30 4
31-59 5
60-72 6
73-82 7
83-90 8
91-96 9
97-100 10


Un mio caro collega mi ha anche fatto un documento excel con queste percentuali in cui basta mettere il punteggio finale delle verifiche e fa tutto in automatico (io non mai provato a farlo ma credo che non sia difficile), in modo che non devi stare lì ogni volta a calcolare il voto a seconda del punteggio ottenuto.

Per i mezzi voti la cosa è semplice perché puoi decidere tu liberamente se utilizzarli. Se il 7 va da 73 a 82 come percentuale, ammesso che il punteggio della verifica sia 90 il voto 7 è compreso tra 66 e 74 punti ottenuti. Puoi decidere che il 7.5 va da 73 a 74, dal momento che l'8 parte dal punteggio ottenuto di 75.

Ne ho diverse tabelle excel, a seconda della percentuale che si utilizza. Se mi date l'email ve le posso mandare.
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Mar Nov 02, 2010 8:43 pm

Paolo, hai tralasciato la mia domanda ;-)
ps: la mia mail la conosci già ;-) ;-)

Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 6573
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Mar Nov 02, 2010 8:46 pm

forza ha scritto:
Paolo1974 ha scritto:
forza ha scritto:
cmq vedo ke in scuole dove i voti vanno dall'1 al 10 alcuni colleghi li usano solo dal 4, dove vanno dal 4 alcuni usano anke qlli inferiori... le percentuali sì, le fornisce la scuola, ma poi alcuni hanno le loro.... boh, ,ma che serve allora?
io mi sn sempre attenuta a quanto stabilito dal cd, certo, ogni tanto faccio aggiustamenti del caso con i voti alti alti xkè a volte le percentuali sono punitive, ma solo di rado

Teoricamente potrebbero farlo, l'importante è che partano dall'1 al 10 o dal 4 al 10 (appunto a seconda di come stabilito nella scuola) agli scrutini e quindi come voto in pagella. Anche se in effetti utilizzando i voti in decimi sarebbe bene uniformarsi alla scala stabilita dal collegio anche durante le verifiche. Ma non è obbligatorio.


mi sfugge qcs.... quindi io ke sn in uan scuola ke ha stabilito di usare dal 4 al 10, nelle verifiche potrei usare anke l'1, il 2 o il 3?

Se è stato stabilito da un regolamento interno, no. Difficile però che un regolamento interno consideri anche le prove "quotidiane", di solito si delibera la scala in decimi da utilizzare agli scrutini (periodici e finali). Se però tutti i docenti utilizzano la stessa scala decimale anche alle prove è meglio attenersi a quella.
Tornare in alto Andare in basso
happyprof



Messaggi : 445
Data d'iscrizione : 14.10.09
Località : BARI

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 13, 2010 4:14 pm

scusate, a tal proposito, potreste darmi una mano,per favore?
sono alla mia prima supplenza su lettere. svolgo solo alcune ore di geografia in diverse classi.
ho somministrato loro una prova di verifica preparata da me e relativa agli argomenti affrontati insieme in poco meno di un mese(da quando,cioè, e cominciata la mia supplenza). la verifica in questione è una prova che prevede 10 quesiti con domanda a risposta multipla + un esercizio di completamento(in tutto 10 vocaboli da inserire negli appositi spazi).
Io avevo pensato di valutare ogni risposta corretta 0,5 punti per un totale di 20 risposte= (voto) 10
Correggendole però, mi sono resa conto(e non me lo aspettavo perchè si trattava di una verifica piuttosto semplice) che più di un alunno ha dato meno di 8 risposte corrette(che dovrebbero equivalere ad un 4). Davvero non credevo di dover correggere compiti con solo 3 o 4 risposte esatte. Il problema è che non posso mettere 2. inoltre, c'è chi ha dato 20 risposte corrette.cosa gli metto...10?????
Sapreste consigliarmi voi una griglia di valutazione???
come suddividere il punteggio su un totale di 20 risposte richieste dalla prova?

vi prego, aiutatemi!!! qui i genitori sono sempre sul piede di guerra e, essendo alla mia prima esperienza silla c.d.c., non mi va di fare la figura della sprovveduta


Ultima modifica di happyprof il Sab Nov 13, 2010 4:17 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 6573
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 13, 2010 4:16 pm

happyprof ha scritto:
scusate, a tal proposito, potreste darmi una mano,per favore?
sono alla mia prima supplenza su lettere. svolgo solo alcune ore di geografia in diverse classi.
ho somministrato loro una prova di verifica preparata da me e relativa agli argomenti affrontati insieme in poco meno di un mese(da quando,cioè, e cominciata la mia supplenza). la verifica in questione è una prova che prevede 10 quesiti con domanda a risposta multipla + un esercizio di completamento(in tutto 10 vocaboli da inserire negli appositi spazi).
Io avevo pensato di valutare ogni risposta corretta 0,5 punti per un totale di 20 risposte= (voto) 10
Correggendole però, mi sono resa conto(e non me lo aspettavo perchè si trattava di una verifica piuttosto semplice) che più di un alunno ha dato meno di 8 risposte corrette(che dovrebbero equivalere ad un 4). Davvero non credevo di dover correggere compito don sole 3 o 4 risposte esatte. Il problema è che non posso mettere 2.
Quindi, sapreste consigliarmi voi una griglia di valutazione???
come suddividere il punteggio su un totale di 20 risposte richieste dalla prova?
vi prego, aiutatemi!!! qui i genitori sono sempre sul piede di guerra e, essendo alla mia prima esperienza silla c.d.c., non mi va di fare la figura della sprovveduta

Non puoi mettere 2 perché non è previsto come voto più basso? Da che voto parte l'insufficienza?
Tornare in alto Andare in basso
happyprof



Messaggi : 445
Data d'iscrizione : 14.10.09
Località : BARI

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 13, 2010 4:21 pm

Paolo1974 ha scritto:
happyprof ha scritto:
scusate, a tal proposito, potreste darmi una mano,per favore?
sono alla mia prima supplenza su lettere. svolgo solo alcune ore di geografia in diverse classi.
ho somministrato loro una prova di verifica preparata da me e relativa agli argomenti affrontati insieme in poco meno di un mese(da quando,cioè, e cominciata la mia supplenza). la verifica in questione è una prova che prevede 10 quesiti con domanda a risposta multipla + un esercizio di completamento(in tutto 10 vocaboli da inserire negli appositi spazi).
Io avevo pensato di valutare ogni risposta corretta 0,5 punti per un totale di 20 risposte= (voto) 10
Correggendole però, mi sono resa conto(e non me lo aspettavo perchè si trattava di una verifica piuttosto semplice) che più di un alunno ha dato meno di 8 risposte corrette(che dovrebbero equivalere ad un 4). Davvero non credevo di dover correggere compito don sole 3 o 4 risposte esatte. Il problema è che non posso mettere 2.
Quindi, sapreste consigliarmi voi una griglia di valutazione???
come suddividere il punteggio su un totale di 20 risposte richieste dalla prova?
vi prego, aiutatemi!!! qui i genitori sono sempre sul piede di guerra e, essendo alla mia prima esperienza silla c.d.c., non mi va di fare la figura della sprovveduta



Non puoi mettere 2 perché non è previsto come voto più basso? Da che voto parte l'insufficienza?


No, Paolo, a dire il vero non so se sia vietato un voto sotto il 2,ma il problema è che vorrei evitare di mettere un voto così basso per il fatto che ce ne sarebbero diversi. E quanto al 10...che mi dici?
Potrei fare così:
meno di 8 risposte = voto 4
e poi, da 9 in poi farle corrispondere ad un valore di 0,5 per ogni risposta corretta?
forse sto dicendo delle sciocchezze......sono nel pallone!
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 6573
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 13, 2010 4:35 pm

happyprof ha scritto:
Paolo1974 ha scritto:
happyprof ha scritto:
scusate, a tal proposito, potreste darmi una mano,per favore?
sono alla mia prima supplenza su lettere. svolgo solo alcune ore di geografia in diverse classi.
ho somministrato loro una prova di verifica preparata da me e relativa agli argomenti affrontati insieme in poco meno di un mese(da quando,cioè, e cominciata la mia supplenza). la verifica in questione è una prova che prevede 10 quesiti con domanda a risposta multipla + un esercizio di completamento(in tutto 10 vocaboli da inserire negli appositi spazi).
Io avevo pensato di valutare ogni risposta corretta 0,5 punti per un totale di 20 risposte= (voto) 10
Correggendole però, mi sono resa conto(e non me lo aspettavo perchè si trattava di una verifica piuttosto semplice) che più di un alunno ha dato meno di 8 risposte corrette(che dovrebbero equivalere ad un 4). Davvero non credevo di dover correggere compito don sole 3 o 4 risposte esatte. Il problema è che non posso mettere 2.
Quindi, sapreste consigliarmi voi una griglia di valutazione???
come suddividere il punteggio su un totale di 20 risposte richieste dalla prova?
vi prego, aiutatemi!!! qui i genitori sono sempre sul piede di guerra e, essendo alla mia prima esperienza silla c.d.c., non mi va di fare la figura della sprovveduta



Non puoi mettere 2 perché non è previsto come voto più basso? Da che voto parte l'insufficienza?


No, Paolo, a dire il vero non so se sia vietato un voto sotto il 2,ma il problema è che vorrei evitare di mettere un voto così basso per il fatto che ce ne sarebbero diversi. E quanto al 10...che mi dici?
Potrei fare così:
meno di 8 risposte = voto 4
e poi, da 9 in poi farle corrispondere ad un valore di 0,5 per ogni risposta corretta?
forse sto dicendo delle sciocchezze......sono nel pallone!

Trattandosi, come mi pare di capire, di verifica oggettiva a punteggio, la soluzione migliore, per ora, visto che la verifica l'hai già effettuata è attenersi ad una griglia di correzione in termini percentuali.

Per esempio:

CENTESIMI/PERCENTUALE VOTO
0-30 4
31-59 5
60-69 6
70-79 7
80-89 8
90-96 9
97-100 10


Ciò vuol dire che dato il punteggio massimo alla verifica, per esempio 20 punti, i voti sono questi:

fino a 6 risposte esatte voto 4, che è il 30% delle risposte esatte rispetto al totale che è 20

da 7 a 12 voto 5 fino al 59%

da 13 a 14 voto 6 ecc. ecc.

da 15 a 16 voto 7

da 17 a 18 voto 8

19 risposte voto 9

20 risposte voto 10


E' prassi stabilire sempre il livello di sufficienza a più della metà delle risposte esatte, cioè la 60% del totale, nel tuo caso almeno 13 risposte esatte.


A seconda quindi di qual è il punteggio massimo della prova applicherai sempre la stessa tabella percentuale.

Io sconsiglio sempre di dare lo stesso punteggio a tutti i quesiti, ma di calibrare il punteggio a seconda della difficoltà della domanda, ma nel caso di prove completamente oggettive di fare il calcolo poi del voto comunque utilizzando una tabella del genere in modo tale di essere più obiettivi possibile.

Mi pare di capire che la verifica è stata un disastro, utilizzando o no la tabella percentuale. Se tutta la classe è così, intanto fai valere la verifica appunto per come sono i risultati, poi vai a trovare quali sono i motivi di questo disastro.





Tornare in alto Andare in basso
happyprof



Messaggi : 445
Data d'iscrizione : 14.10.09
Località : BARI

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Dom Nov 14, 2010 12:17 pm

Paolo1974 ha scritto:
happyprof ha scritto:
Paolo1974 ha scritto:
happyprof ha scritto:
scusate, a tal proposito, potreste darmi una mano,per favore?
sono alla mia prima supplenza su lettere. svolgo solo alcune ore di geografia in diverse classi.
ho somministrato loro una prova di verifica preparata da me e relativa agli argomenti affrontati insieme in poco meno di un mese(da quando,cioè, e cominciata la mia supplenza). la verifica in questione è una prova che prevede 10 quesiti con domanda a risposta multipla + un esercizio di completamento(in tutto 10 vocaboli da inserire negli appositi spazi).
Io avevo pensato di valutare ogni risposta corretta 0,5 punti per un totale di 20 risposte= (voto) 10
Correggendole però, mi sono resa conto(e non me lo aspettavo perchè si trattava di una verifica piuttosto semplice) che più di un alunno ha dato meno di 8 risposte corrette(che dovrebbero equivalere ad un 4). Davvero non credevo di dover correggere compito don sole 3 o 4 risposte esatte. Il problema è che non posso mettere 2.
Quindi, sapreste consigliarmi voi una griglia di valutazione???
come suddividere il punteggio su un totale di 20 risposte richieste dalla prova?
vi prego, aiutatemi!!! qui i genitori sono sempre sul piede di guerra e, essendo alla mia prima esperienza silla c.d.c., non mi va di fare la figura della sprovveduta



Non puoi mettere 2 perché non è previsto come voto più basso? Da che voto parte l'insufficienza?


No, Paolo, a dire il vero non so se sia vietato un voto sotto il 2,ma il problema è che vorrei evitare di mettere un voto così basso per il fatto che ce ne sarebbero diversi. E quanto al 10...che mi dici?
Potrei fare così:
meno di 8 risposte = voto 4
e poi, da 9 in poi farle corrispondere ad un valore di 0,5 per ogni risposta corretta?
forse sto dicendo delle sciocchezze......sono nel pallone!

Trattandosi, come mi pare di capire, di verifica oggettiva a punteggio, la soluzione migliore, per ora, visto che la verifica l'hai già effettuata è attenersi ad una griglia di correzione in termini percentuali.

Per esempio:

CENTESIMI/PERCENTUALE VOTO
0-30 4
31-59 5
60-69 6
70-79 7
80-89 8
90-96 9
97-100 10


Ciò vuol dire che dato il punteggio massimo alla verifica, per esempio 20 punti, i voti sono questi:

fino a 6 risposte esatte voto 4, che è il 30% delle risposte esatte rispetto al totale che è 20

da 7 a 12 voto 5 fino al 59%

da 13 a 14 voto 6 ecc. ecc.

da 15 a 16 voto 7

da 17 a 18 voto 8

19 risposte voto 9

20 risposte voto 10


E' prassi stabilire sempre il livello di sufficienza a più della metà delle risposte esatte, cioè la 60% del totale, nel tuo caso almeno 13 risposte esatte.


A seconda quindi di qual è il punteggio massimo della prova applicherai sempre la stessa tabella percentuale.

Io sconsiglio sempre di dare lo stesso punteggio a tutti i quesiti, ma di calibrare il punteggio a seconda della difficoltà della domanda, ma nel caso di prove completamente oggettive di fare il calcolo poi del voto comunque utilizzando una tabella del genere in modo tale di essere più obiettivi possibile.

Mi pare di capire che la verifica è stata un disastro, utilizzando o no la tabella percentuale. Se tutta la classe è così, intanto fai valere la verifica appunto per come sono i risultati, poi vai a trovare quali sono i motivi di questo disastro.






No, Paolo, la verifica non è stata un disastro per tutti ma per solo per 4-5 su 23. Per quanto riguarda l'eccellenza(un alunno ha riposto a tutte le domande in modo corretto), trattandosi dell'inizio dell'anno, vorrei evitare di dare un 10,ma piuttosto, preferirei tenermi sul 9 come voto max. Anche perchè riuscire a mantenere il 10 non è cosa facile. secondo te questa scala andrebbe bene?

meno di 8 risposte= voto 4
da 8 a 9= 5
da 10 a 12= 6
da 13 a 15= 7
da 16 a 18= 8
da 19 a 20= 9
che ne dici?
Avevo pensato di scrivere alla lavagna i criteri di valutazione e poi farla copiare sul diario agli alunni. pensi vada bene o ritieni debba riportarla io stessa su ogni verifica, accanto al voto. Inoltre, come potrei motivare il fatto di aver scelto di evitare il 10 come voto max? I genitori in questa scuola sono davvero assillanti (e spesso arroganti) e sono soliti sindacare su tutto, pertanto, vorrei evitare il più possibile lamentele(anche perchè è loro prassi rivolgersi alla preside prima ancora che ai docenti interessati). E' davvero brutto lavorare in una scuola troppo "in"! non credevo di poterlo dire,ma .....preferisco le altre scuole(in aree a rischio) dove ho lavorato. si respira un aria di più umana comprensione.
Come se non bastasse,il figlio di una collega ha dato solo 4 risposte esatte....ora statti pure a sentire questa che viene ad allisciarti(traduco= a cercare di convincerti che ci sarà chissa quale strana motivazione)!!!!
scusate lo sfogo, ma è una dura lotta ogni giorno...GRAZIE!
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Dom Nov 14, 2010 12:28 pm

scusa, se uno ha dato il max x kè non gli vuoi dare 10? mica sei obbligata a mantenerlo poi....
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 6573
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Dom Nov 14, 2010 12:40 pm

Sono d'accordo con Forza. Se ad una verifica indichi come voto max 10, quindi sai a priori che chi risponderà a tutte le domande deve avere 10 non puoi poi non darlo. In questi casi dovresti decidere prima che il voto massimo non sarà 10.

Inoltre, come si intiusce anche dall rispo di Forza questa è solo una verifica, non il voto finale in decimi del primo quadrimestre.

Quindi la tua valutazione poi complessiva deve tenere conto di questo 10, ma siamo ancora a novembre.

Il problema genitore non deve esistere, per quanto assillanti siano. Stabilisci una scala di percentuali, come ti ho fatto vedere, conservala nel registro e se qualche genitore poi volesse essere a conoscenza o ha qualcosa da dire sul voto, una volta dimostrati gli errori e il metodo utilizzato per la correzione, giusto se proprio si vuole dimostrare qualcosa, si mostra.

Tenendo però presente e quindi dicendolo più volte anche al genitore, che il voto finale di quadrimestre e poi di fine anno non si baserà solo su una o più prove di queste tipo, ma verrà fuori da una serie di considerazioni e motivazioni che non si limiteranno solo ed esclusivamente a queste prove, anche perché ci sono le verifiche orali e altri parametri da prendere in considerazione. E che poi queste cose verranno valutate dall'intero consiglio di classe. E' importante che i genitori per primi, e i gli allievi poi capiscano queste cose.

Nella tua tabella secondo me non è giusta la soglia della sufficienza, che deve essere almeno al 60% rispetto il totale delle risposte. Ma questo t elo dico perché ormai la prassi è questa, ma poi ognuno è ovvio che si può regolare come vuole.

Aggiungo però che la tabella te la dovrestii costruire prima della verifica e non dopo averla corretta, potresti se no indirettamente non essere oggettiva.

Tornare in alto Andare in basso
happyprof



Messaggi : 445
Data d'iscrizione : 14.10.09
Località : BARI

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Dom Nov 14, 2010 12:58 pm

Paolo1974 ha scritto:
Sono d'accordo con Forza. Se ad una verifica indichi come voto max 10, quindi sai a priori che chi risponderà a tutte le domande deve avere 10 non puoi poi non darlo. In questi casi dovresti decidere prima che il voto massimo non sarà 10.

Inoltre, come si intiusce anche dall rispo di Forza questa è solo una verifica, non il voto finale in decimi del primo quadrimestre.

Quindi la tua valutazione poi complessiva deve tenere conto di questo 10, ma siamo ancora a novembre.

Il problema genitore non deve esistere, per quanto assillanti siano. Stabilisci una scala di percentuali, come ti ho fatto vedere, conservala nel registro e se qualche genitore poi volesse essere a conoscenza o ha qualcosa da dire sul voto, una volta dimostrati gli errori e il metodo utilizzato per la correzione, giusto se proprio si vuole dimostrare qualcosa, si mostra.

Tenendo però presente e quindi dicendolo più volte anche al genitore, che il voto finale di quadrimestre e poi di fine anno non si baserà solo su una o più prove di queste tipo, ma verrà fuori da una serie di considerazioni e motivazioni che non si limiteranno solo ed esclusivamente a queste prove, anche perché ci sono le verifiche orali e altri parametri da prendere in considerazione. E che poi queste cose verranno valutate dall'intero consiglio di classe. E' importante che i genitori per primi, e i gli allievi poi capiscano queste cose.

Nella tua tabella secondo me non è giusta la soglia della sufficienza, che deve essere almeno al 60% rispetto il totale delle risposte. Ma questo t elo dico perché ormai la prassi è questa, ma poi ognuno è ovvio che si può regolare come vuole.

Aggiungo però che la tabella te la dovrestii costruire prima della verifica e non dopo averla corretta, potresti se no indirettamente non essere oggettiva.


Avete ragione, ma,come vi dicevo, sono alla mia prima esperienza sulla materia e, inoltre, gestire 6 classi(in cui faccio solo geografia) non è affatto semplice. Quanto alla valutazione, sulla fotocopia data ai ragazzi non ho scritto nulla che si riferisse alla valutazione. Ho solo indicato, alla fine di ogni esercizio risposte corrette:
Risposte corrette..../10
e, alla fine della pagina, ho scritto Totale risposte corrette:..../20
Voto:.......
A prescindere dal fatto che non avessi ancora stabilito una griglia precisa per la valutazione, ho cmq voluto evitare di riportarla sul loro foglio di verifica perchè già così stavano cominciando a farsi dei conticini e a fare domande su quante risposte facevano avere il 6, quante il 7, etc.(il tutto mentre altri ancora dovevano consegnare).
Paolo, penso proprio che userò la tua griglia....GRAZIE PER TUTTE LE DRITTE CHE MI HAI DATO!!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Paolo1974
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 6573
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Dom Nov 14, 2010 1:29 pm

happyprof ha scritto:
Paolo1974 ha scritto:
Sono d'accordo con Forza. Se ad una verifica indichi come voto max 10, quindi sai a priori che chi risponderà a tutte le domande deve avere 10 non puoi poi non darlo. In questi casi dovresti decidere prima che il voto massimo non sarà 10.

Inoltre, come si intiusce anche dall rispo di Forza questa è solo una verifica, non il voto finale in decimi del primo quadrimestre.

Quindi la tua valutazione poi complessiva deve tenere conto di questo 10, ma siamo ancora a novembre.

Il problema genitore non deve esistere, per quanto assillanti siano. Stabilisci una scala di percentuali, come ti ho fatto vedere, conservala nel registro e se qualche genitore poi volesse essere a conoscenza o ha qualcosa da dire sul voto, una volta dimostrati gli errori e il metodo utilizzato per la correzione, giusto se proprio si vuole dimostrare qualcosa, si mostra.

Tenendo però presente e quindi dicendolo più volte anche al genitore, che il voto finale di quadrimestre e poi di fine anno non si baserà solo su una o più prove di queste tipo, ma verrà fuori da una serie di considerazioni e motivazioni che non si limiteranno solo ed esclusivamente a queste prove, anche perché ci sono le verifiche orali e altri parametri da prendere in considerazione. E che poi queste cose verranno valutate dall'intero consiglio di classe. E' importante che i genitori per primi, e i gli allievi poi capiscano queste cose.

Nella tua tabella secondo me non è giusta la soglia della sufficienza, che deve essere almeno al 60% rispetto il totale delle risposte. Ma questo t elo dico perché ormai la prassi è questa, ma poi ognuno è ovvio che si può regolare come vuole.

Aggiungo però che la tabella te la dovrestii costruire prima della verifica e non dopo averla corretta, potresti se no indirettamente non essere oggettiva.


Avete ragione, ma,come vi dicevo, sono alla mia prima esperienza sulla materia e, inoltre, gestire 6 classi(in cui faccio solo geografia) non è affatto semplice. Quanto alla valutazione, sulla fotocopia data ai ragazzi non ho scritto nulla che si riferisse alla valutazione. Ho solo indicato, alla fine di ogni esercizio risposte corrette:
Risposte corrette..../10
e, alla fine della pagina, ho scritto Totale risposte corrette:..../20
Voto:.......
A prescindere dal fatto che non avessi ancora stabilito una griglia precisa per la valutazione, ho cmq voluto evitare di riportarla sul loro foglio di verifica perchè già così stavano cominciando a farsi dei conticini e a fare domande su quante risposte facevano avere il 6, quante il 7, etc.(il tutto mentre altri ancora dovevano consegnare).
Paolo, penso proprio che userò la tua griglia....GRAZIE PER TUTTE LE DRITTE CHE MI HAI DATO!!!!!!

Comunque non c'è bisogno di indicarla sul foglio. La puoi tenere a parte e poi utilizzarla per la correzione.

Magari agli allievi fai solo un discoso generale dicendo loro che hai un medoto appunto oggettivo di valutazione e che si basa, uguale per tutti, sul numero delle risposte corrette.
Tornare in alto Andare in basso
happyprof



Messaggi : 445
Data d'iscrizione : 14.10.09
Località : BARI

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Dom Nov 14, 2010 3:14 pm



Magari agli allievi fai solo un discoso generale dicendo loro che hai un medoto appunto oggettivo di valutazione e che si basa, uguale per tutti, sul numero delle risposte corrette.[/quote]

Ed è proprio quello che ho detto loro ;-)
Tornare in alto Andare in basso
giggi



Messaggi : 396
Data d'iscrizione : 30.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Dom Nov 21, 2010 10:53 pm

Paolo1974 ha scritto:

Trattandosi, come mi pare di capire, di verifica oggettiva a punteggio, la soluzione migliore, per ora, visto che la verifica l'hai già effettuata è attenersi ad una griglia di correzione in termini percentuali.

Per esempio:

CENTESIMI/PERCENTUALE VOTO
0-30 4
31-59 5
60-69 6
70-79 7
80-89 8
90-96 9
97-100 10


Ciò vuol dire che dato il punteggio massimo alla verifica, per esempio 20 punti, i voti sono questi:

fino a 6 risposte esatte voto 4, che è il 30% delle risposte esatte rispetto al totale che è 20

da 7 a 12 voto 5 fino al 59%

da 13 a 14 voto 6 ecc. ecc.

da 15 a 16 voto 7

da 17 a 18 voto 8

19 risposte voto 9

20 risposte voto 10


E' prassi stabilire sempre il livello di sufficienza a più della metà delle risposte esatte, cioè la 60% del totale, nel tuo caso almeno 13 risposte esatte.


io non mi trovo molto d'accordo con questa tabella percentuale perchè praticamente appiattisce nel "5" tutti quelli che -ad esempio - hanno risposto correttamente ad un 31% di quesiti e quelli che hanno risposto al 54%..e sono differenze notevoli che secondo me vanno evidenziate perchè nel secondo caso si è più vicini alla sufficienza di chi ha risposto solo al 38% di quiz.
Potendo io eprimere voti che vanno dal 4 al 10 (per decisione del collegio docenti), quando faccio le prove oggettive utilizzo la formula che una volta postò forzanaturale (mi sembra): totale risposte esatte da dare : voto massimo (=10) = totale risposte date : voto alunno. Più o meno quello che ne ricavo è restringibile in una tabella percentuale così suddivisa:

fino al 49% = 4
dal 50 al 59% = 5
dal 60 al 69% = 6
ecc...
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4608
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Lun Nov 22, 2010 6:50 pm

giggi ha scritto:
Più o meno quello che ne ricavo è restringibile in una tabella percentuale così suddivisa:
fino al 49% = 4
dal 50 al 59% = 5
dal 60 al 69% = 6
ecc...
Scusa, per curiosità, il 10 corrisponde al 100%? Dal 90 al 99 è smpre 9?
Tornare in alto Andare in basso
giggi



Messaggi : 396
Data d'iscrizione : 30.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Lun Nov 22, 2010 7:05 pm

Valerie ha scritto:

Scusa, per curiosità, il 10 corrisponde al 100%?

sì, anche perchè nelle verifiche inserisco a volte un quesito in più che serve proprio a "migliorare" il punteggio, lo calcolo cioè al di fuori della somma dei punteggi, in modo che può addirittura capitarmi il caso di tutte risposte esatte nei quiz conteggiati normalmente + risposta esatta a questo quesito "jolly"...e mi è capitato
ovviamente preferisco la formula voto che ho inserito prima,perchè si può stabilire come voto massimo anche 8 o 9 mica per forza 10, dal calcolo mi viene un risultato che è direttamente il voto dell'alunno.
Faccio un es:
totale risposte esatte: 10 = risposte date : voto alunno
voto alunno= risposte date x 10 / risposte esatte
voto alunno = 19 x 10 / 55 = 3,45
28 x 10 / 55 = 5,09
ecc
Tornare in alto Andare in basso
giggi



Messaggi : 396
Data d'iscrizione : 30.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 27, 2010 6:06 pm

a propostio di valutazione, quando pur adottando indicatori e descrittori, formule e percentuali, ci si ritrova con discordanze importanti tra insegnanti di diverse discipline come bisogna fare? intendo dire: se un alunno in italiano ad es prende voti sul 7 e 4 pieno in matematica, insieme a delle insufficienze nelle altre materie, come bisogna comportarsi?
perchè è la seconda volta che mi capita di avere un alunno che scrive benissimo i temi (senza errori, pensieri logici e coerenti), fa anche bene gli esercizi di analisi logica, ma non studia l'orale, quindi nelle altre discipline è un totale disastro. Ne è conseguito un attacco al mio modo di valutarlo, eccessivamente "largo"...ma come si deve fare quando la prova che si ha davanti è obiettivamente più che sufficiente (anche considerando che il resto della classe viene valutata con un 6 anche di fronte a errori gravi di ortografia e sintassi)? Io tendo a considerare comunque ciascuna prova singolarmente, evitando di farmi influenzare eccessivamente dalle altre prestazioni (si può essere portati per qualcosa più che per altre), ma essendo stato messo in discussione questo modo di valutare, ora sono in crisi....
(Anche perchè c'è da dire che io sono una supplente e mi è stato detto che probabilmente sono stata "raggirata" dal ragazzino che dalla titolare veniva valutato in maniera negativa e ha quasi rischiato la bocciatura l'anno scorso... al che son cascata dale nuvole, visto che questo ragazzino durante le mie ore è l'unico che sembra capire qualcosa ed ero convinta fosse uno dei più bravi...mentre gli altri che con me hanno la "sufficienza" con la titolare erano "7" che, visti i numerosi errori, sono stati da me ridimensionati..e non quanto sarebbe necessario in verità..)
Si possono prendere abbagli così gravi? Insomma, si possono avere metri di valutazione così distanti e differenti pur utilizzando tutti gli strumenti possibili che dovrebbero garantire uniformità di valutazione?...cosa sto sbagliando?
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47811
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 27, 2010 6:47 pm

Da quello che racconti, non stai sbagliando nulla, anzi sembrerebbe di capire che fosse la titolare che lo valutava tenendo un po' troppo conto dell'andamento nelle altre materie. Da che mondo è mondo, ci sono materie in cui si va meglio e altre in cui si va peggio, perchè piacciono di meno (e quindi ci si impegna di meno) o perchè richiedono competenze diverse. Non farti problemi e continua a valutare le prove secondo coscienza: le colleghe brontoleranno, ma non possono farci niente; oltre tutto, se sono prove scritte, puoi dimostrare al ds o a chi per lui che le tue valutazioni sono fondate e che hai applicato le griglie e gli indicatori della scuola. Non è assolutamente giusto penalizzare un ragazzo anche dove va bene perchè va male in altre materie. Tra l'altro rischieresti molto di più se lo penalizzassi senza motivo e dovessi poi rendere conto ai genitori della valutazione, senza esserne convinta tu per prima. Se agli scrutini vorranno bocciarlo, si voterà e si vedrà come va a finire.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 27, 2010 8:15 pm

giggi ha scritto:
Valerie ha scritto:

Scusa, per curiosità, il 10 corrisponde al 100%?

sì, anche perchè nelle verifiche inserisco a volte un quesito in più che serve proprio a "migliorare" il punteggio, lo calcolo cioè al di fuori della somma dei punteggi, in modo che può addirittura capitarmi il caso di tutte risposte esatte nei quiz conteggiati normalmente + risposta esatta a questo quesito "jolly"...e mi è capitato
ovviamente preferisco la formula voto che ho inserito prima,perchè si può stabilire come voto massimo anche 8 o 9 mica per forza 10, dal calcolo mi viene un risultato che è direttamente il voto dell'alunno.
Faccio un es:
totale risposte esatte: 10 = risposte date : voto alunno
voto alunno= risposte date x 10 / risposte esatte
voto alunno = 19 x 10 / 55 = 3,45
28 x 10 / 55 = 5,09
ecc
Ma se tutta la prova era giusta e la domanda jolly pure, come facevi? Davi 10, come se non avesse risposto alla domanda jolly?
E se uno prende 9, o 7, e poi rispondeva correttamente alla domanda jolly, quanto la valutavi? Di quanto migliorava il voto?
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 27, 2010 8:20 pm

giggi ha scritto:
a propostio di valutazione, quando pur adottando indicatori e descrittori, formule e percentuali, ci si ritrova con discordanze importanti tra insegnanti di diverse discipline come bisogna fare? intendo dire: se un alunno in italiano ad es prende voti sul 7 e 4 pieno in matematica, insieme a delle insufficienze nelle altre materie, come bisogna comportarsi?
perchè è la seconda volta che mi capita di avere un alunno che scrive benissimo i temi (senza errori, pensieri logici e coerenti), fa anche bene gli esercizi di analisi logica, ma non studia l'orale, quindi nelle altre discipline è un totale disastro. Ne è conseguito un attacco al mio modo di valutarlo, eccessivamente "largo"...ma come si deve fare quando la prova che si ha davanti è obiettivamente più che sufficiente (anche considerando che il resto della classe viene valutata con un 6 anche di fronte a errori gravi di ortografia e sintassi)? Io tendo a considerare comunque ciascuna prova singolarmente, evitando di farmi influenzare eccessivamente dalle altre prestazioni (si può essere portati per qualcosa più che per altre), ma essendo stato messo in discussione questo modo di valutare, ora sono in crisi....
(Anche perchè c'è da dire che io sono una supplente e mi è stato detto che probabilmente sono stata "raggirata" dal ragazzino che dalla titolare veniva valutato in maniera negativa e ha quasi rischiato la bocciatura l'anno scorso... al che son cascata dale nuvole, visto che questo ragazzino durante le mie ore è l'unico che sembra capire qualcosa ed ero convinta fosse uno dei più bravi...mentre gli altri che con me hanno la "sufficienza" con la titolare erano "7" che, visti i numerosi errori, sono stati da me ridimensionati..e non quanto sarebbe necessario in verità..)
Si possono prendere abbagli così gravi? Insomma, si possono avere metri di valutazione così distanti e differenti pur utilizzando tutti gli strumenti possibili che dovrebbero garantire uniformità di valutazione?...cosa sto sbagliando?

gli abbagli si possono prendere, ma personalmente ho ragazzi ke con me sono sul 4 maentre in altre materia viaggiano sull'8/9, cosa dovrei fare, dar loro 8 e 9? e viceversa gente che con me è bravina ma ke è giù in altre materie.... ogni materia è a sè stante e ogni insegnnate è a sè stante x la valutazione finale si vedrà agli scrutini ke fare, nulla impedisce di promuovere uno con tutti 10 e un 6 asteriscato come nulla impedisce di bocciare uno con qualke 10 ma anke varie insufficienze...


Ultima modifica di forza il Sab Nov 27, 2010 9:30 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
clarissa



Messaggi : 769
Data d'iscrizione : 23.10.09

MessaggioOggetto: Re: Valutazione   Sab Nov 27, 2010 9:22 pm

Una volta mi sono trovata agli scrutini finali con un alunno che nella mia materia (italiano) aveva la sufficienza e aveva invece insufficienze in quasi TUTTE le altre materie. La preside mi ha chiesto come mai questa discrepanza ma io ho spiegato che l'alunno era oggettivamente bravissimo a scrivere, i suoi elaborati erano eccellenti sia nel contenuto che nella forma. Aveva poca (quasi nessuna) voglia di studiare perciò i voti dell'orale facevano scendere di molto quelli dello scritto, ma riusciva a rimanere cmq sulla sufficienza. E' stato bocciato, ma nessuno ha avuto da dire sulla mia valutazione (e anch'io sono una supplente).
Tornare in alto Andare in basso
 
Valutazione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 17Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4 ... 10 ... 17  Seguente
 Argomenti simili
-
» Valutazione e selezione degli ovociti per la fecondazione in vitro
» Valutazione spermiogramma di mio marito
» La valutazione della riserva ovarica
» Valutazione dell'embrione prima del transfer
» Sulla meritocrazia nel pubblico impiego...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: