Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 14, 2012 10:12 pm

Promemoria primo messaggio :

Cerco di spostare qui una discussione sorta in un altro therad che ci ha portati off topic.
Al nostro amico un po' ostile alla traduzione desidero rispondere con alcune considerazioni che ho postato di là, ma che ho cancellato e ricopio qui.

Ormai molti teorici spiegano l'avversione alla traduzione che dominava fino alla fine del secolo scorso come una specie di "caccia alle streghe", una reazione eccessiva al metodo che vedeva nella traduzione uno degli strumenti principali dell'apprendimento della L2. Se è vero che un approccio basato in via principale sulla traduzione è ormai considerato non valido, è altrettanto vero, a mio avviso, che un approccio integrato che utilizzi anche questo strumento non andrebbe demonizzato. E del resto dal 2000 in poi si assite a un superamento di questa rigida posizione da parte di molti teorici, basata anche su preconcetti ideologici, a mio avviso.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
mad



Messaggi : 1029
Data d'iscrizione : 27.08.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Gio Feb 16, 2012 6:32 pm

Valerie ha scritto:
mad ha scritto:
pensate che un alunno non porta francese da fine novembre. mi faccio venire l'ulcera? no, lo ignoro, gli ho piazzato un bel quattro in pagella e conto di fare altrettanto a giugno.
Purtroppo non ci riesco...

sai come me lo spiega? a me il francese non piace!!! pensa che assegnando i compiti per domani ho scoperto scritto sulla pagina del suo diario relativa al 17 febbraio: non portare francese!!ha 14 anni compiuti, è intelligente, sano e non DSA, non fa nulla tutto il giorno (il mio 4 era solo uno tra i tanti) e lo dovrei pure capire, comprendere, considerare, aiutare, motivare..?? (tutti suggerimenti che mi hanno dato da settembre in poi chi lo conosce, io son lì solo da quest'anno..)no, grazie.
tu sei troppo buona!!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Gio Feb 16, 2012 6:37 pm

mad ha scritto:
tu sei troppo buona!!!!!!
Lo so... hai ragione!!! Non fa bene alla mia salute...
Tornare in alto Andare in basso
Online
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Gio Feb 16, 2012 8:07 pm

Valerie ha scritto:
forza ha scritto:
Agli stranieri x forza faccio fare altro, anke xkè all'inizio dell'anno la maggiorparte era ancora nel loro paese
Cosa fai fare? Si fa tanta fatica con loro. Poveretti. Ne parliamo qui o in un apposito topic?

magari qllo che ho fatto precedentemente ai compagni, ma più lessico che latro visto cha almeno fanno il confronto con l'italiano, dipende anche dal loro livello...

con uno ho fatto un po' di verbi perchè li stava facendo in italiano, per gli altri lessico della scuola, materie, giorni, mesi....

magari qualche funzione base, del tipo come ti chiami e qunati anni hai
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Gio Feb 16, 2012 8:08 pm

Valerie ha scritto:
forza ha scritto:
Valerie ha scritto:
Vedo di tutto, borsoni di roba, maschi con i vestiti della mamma, femmine con i vestiti dei fratelli, cartelli. Ma si divertono un sacco. Il bello è che anche i più indietro partecipano.
scusa ma la preparazione quanto tempo ti prende? se devono pure travestirsi parte metà lezione....
Intanto che alcuni fanno la scena, gli altri vanno in bagno a prepararsi. Guarda che i dialoghi sono brevi eh!
ma così alcuni non assistono all'esibizione die compagni!
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Gio Feb 16, 2012 8:10 pm

mad ha scritto:

è logico che ogni tanto capita chi non fa i compiti scritti, la prima volta nota sul libretto, la seconda si pigliano un impreparato sul registro. a parte il caso sopracitato, nessuno è arrivato alla terza dimenticanza (non ho ancora pensato a come sanzionarla)..qui questa modalità funziona, in realtà più difficili non saprei e francamente spero di non trovarmi mai nella situazione per scoprirlo :):)
oddio, io ho gente che non li fa abitualmente.... ho gente che in un quadrimestre tra dimenticanze di compiti o materiale ha 20 e passa dimenticanze....
Tornare in alto Andare in basso
dobredanburdan



Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 05.01.12

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 21, 2012 11:03 am

Dunque, non sono riuscito a leggere tutti gli interventi per cui può darsi che ripeta qualcosa già detto da altri...Secondo me - e soprattutto secondo la mia esperienza - il criterio dovrebbe essere quello di utilizzare tutti gli approcci in una certa misura, senza esagerare da una parte o dall'altra. I nostri testi non propongono per niente esercizi di traduzione, ma io mi accorgo spesso che molti alunni, pur costruendo la frase correttamente, non sanno cosa stanno dicendo o leggendo! Poi, considerando che abbiamo alunni che non hanno sviluppato un valido metodo di studio, la memorizzazione dei vocaboli e del loro significato finisce per essere l'unico modo per coinvolgerli. Quando - non mi ricordo chi - dice che da ragazzo/a utilizzava le canzoni per imparare l'inglese, voglio ricordarvi che eravate già sensibili a certi apprendimenti, non a caso siete finiti a fare gli insegnanti di lingue straniere. Anch'io rimango sconvolto quando mi arrivano i ragazzi che ascoltano tutta musica in lingua inglese e a volte non mi sanno dire neanche il titolo di una canzone. Eravamo già predestinati! Non possiamo misurarci con loro. Quindi consiglio di fare tradurre, a patto che siano frasi significative, utilizzabili.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 21, 2012 11:14 am

dobredanburdan ha scritto:
Dunque, non sono riuscito a leggere tutti gli interventi per cui può darsi che ripeta qualcosa già detto da altri...Secondo me - e soprattutto secondo la mia esperienza - il criterio dovrebbe essere quello di utilizzare tutti gli approcci in una certa misura, senza esagerare da una parte o dall'altra. I nostri testi non propongono per niente esercizi di traduzione,

Su due dei tre testi adottati con cui ho lavorato si prevedono esercizi di traduzione: i testi sono Advantage (Pearson Longman) e New Horizons (Oxford). Inoltre sono presenti in due dei tre libri di microlingua che utilizzo On Charge (Petrini), Ae il libro per la quinta turistico di cui non ho qui i riferimenti.

dobredanburdan ha scritto:
ma io mi accorgo spesso che molti alunni, pur costruendo la frase correttamente, non sanno cosa stanno dicendo o leggendo!
E' vero. Quelle poche volte che ho fatto tradurre in classe qualche frase del testo di microlingua che stavano leggendo, ho scoperto che non avevano capito, anche se avevano fatto gli esercizi di comprensione indicati e se avevano risposto alle domande sul testo.
Citazione :

Poi, considerando che abbiamo alunni che non hanno sviluppato un valido metodo di studio, la memorizzazione dei vocaboli e del loro significato finisce per essere l'unico modo per coinvolgerli. Quando - non mi ricordo chi - dice che da ragazzo/a utilizzava le canzoni per imparare l'inglese,

IO, IO... Bruce Springsteen. E non c'era Internet per trovare le traduzioni dei testi. Non mi bastava sapere le parole, volevo capirne ogni sfumatura, e via pomeriggi a tradurre. Con vocabolari. Ma poi andando in biblioteca per capire certe cose che sembravano intraducibili... Mi sembrava una caccia al tesoro. [/quote]

Citazione :
voglio ricordarvi che eravate già sensibili a certi apprendimenti, non a caso siete finiti a fare gli insegnanti di lingue straniere. Anch'io rimango sconvolto quando mi arrivano i ragazzi che ascoltano tutta musica in lingua inglese e a volte non mi sanno dire neanche il titolo di una canzone. Eravamo già predestinati! Non possiamo misurarci con loro. Quindi consiglio di fare tradurre, a patto che siano frasi significative, utilizzabili.

Quoto tutto. Che è diverso dal fare una didattica improntata alla traduzione. Va bene come strumento tra tanti.
Tornare in alto Andare in basso
tortacaprese



Messaggi : 647
Data d'iscrizione : 08.01.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 12:57 pm

Anch'io faccio parte della schiera che, pur non concentrandosi esclusivamente sulla grammatica, la ritiene imprescindibile. Non sono una "fissata", per me la parte comunicativa e la pronuncia sono fondamentali ed infatti sfinisco i ragazzi di ascolti, visione film e quant'altro, li faccio dialogare il più possibile, li stimolo alla comunicazione etc, ma proprio non riesco a passare sulla grammatica. Altrimenti che senso ha studiare una lingua? Se fosse possibile prescindere dalle strutture si potrebbe tranquillamente aprire un dizionario e prendere le parole, tanto a comunicare si comunica comunque. Anch'io propendo per l'integrazione di metodi e approcci adattandoli alla platea scolastica con la quale mi ritrovo a lavorare e se c'è da tagliare lo faccio, ma cercando di mantere un equilibrio tra le quattro abilità. Sinceramente sono molto accattivata dai post di Valerie ed infatti tante idee le sto copiando con sommo gaudio dei miei alunni (quindi GRAZIEEEEEEEEEE), ma trovo che riduca un po' troppo all'ossicino le strutture, se devo essere sincera (mia opinione, naturellement)
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 3:11 pm

tortacaprese ha scritto:
trovo che riduca un po' troppo all'ossicino le strutture, se devo essere sincera (mia opinione, naturellement)
No, non è una tua opinione. E' proprio così. Però devo precisare una cosa. Io ho ridotto lo studio analitico delle strutture, non le strutture. Io mi limito ad analizzare le strutture essenziali, quelle che loro hanno già studiato in italiano nelle lezioni di grammatica. Su queste facciamo una lavoro di riflessione, seguito da alcuni esercizi grammaticali, classici e non. Insomma, queste regole grammaticali le studiamo. Per me questo è far grammatica in modo esplicito.
Poi c'è tutta una serie di regole che loro imparano in modo implicito. Per es. sanno usare, pronunciare e scrivere in modo corretto la frase "je voudrais", ma non sanno come si fa il condizionale. Ai fini della comunicazione, però, sono efficaci.
Ieri sera mio figlio di 4 anni ha detto al fratello: "se non dovessi andare a letto presto, quale cartone animato guarderesti?" Secondo voi la frase è corretta? Io dico che è perfetta, se pensiamo che l'ha detta un bambino di 4 anni è addirittura sorprendente. Secondo voi mio figlio sa come si fa il condizionale? Sa a cosa serve? Nooooo, ve lo assicuro! Eppure l'ha usato! E in modo corretto!
Non so se ho reso l'idea. Molto spesso noi insegnanti confondiamo la competenza linguistica (sapere usare una lingua) con la consapevolezza (sapere come una lingua funzioni e perché). Secondo me alle elementari e alle medie ci si potrebbe fermare alla prima (a maggior ragione per la seconda lingua straniera) e lasciare la seconda per quanti intendono specializzarsi in lingue al liceo o all'università. Preferisco dare ai miei alunni tante frasi, tante funzioni, tanti vocaboli inseriti in contesto concreto che potrebbero essere utili in un viaggio o per lavoro, piuttosto che la coniugazione completa di tutti i verbi a tutti i modi e in tutti i tempi ma astratta. Se stai morendo di fame hai bisogno di dire "je voudrais du pain" non "je voudrais, tu voudrais, il voudrait, elle voudrait, on voudrait, nous voudrions, etc."
Non ci vedo nulla di male a voler insegnare la lingua straniera seguendo le stesse tappe che abbiamo percorso nell'apprendimento spontaneo della nostra lingua madre. A qualcuno sembra una cosa incompleta, a me sembra una cosa naturale. ;-)
P.S. Copia pure tutto ciò che ritieni opportuno: gli scambi sui forum servono anche a questo! :-))
Tornare in alto Andare in basso
Online
tortacaprese



Messaggi : 647
Data d'iscrizione : 08.01.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 4:05 pm

neanche io ci vedo nulla di male, anzi condivido! Anche i miei imparano prima l'uso concreto (quindi prima tappa l'ascolto, seconda la ripetizione "meccanica", terza il reimpiego in altri contesti), ma poi c'è la necessaria sistematizzazione per cui, per riprendere il tuo, validissimo esempio, dopo aver imparato "je voudrais" è proprio il caso che sappiano come si coniuga tutto il verbo e che conoscano le regole che utilizzano.
PS: Complimenti al tuo piccino, per lui da grande, studiare il condizionale sarà una passeggiata,ma ciò non toglie che dovrà farsela questa camminativa :-)
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 4:53 pm

Ciao Valerie. Tu mi avevi parlato di Porcelli. Ieri sera mi sono resa conto che è l'autore di uno dei testi (sulla valutazione) che mi girano per casa da anni... Piccolo il mondo.
Tornare in alto Andare in basso
tortacaprese



Messaggi : 647
Data d'iscrizione : 08.01.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 6:08 pm

beh, Porcelli è uno degli autori maggiormente studiati sia negli esami di glottodidattica all'università che per le preparazioni ai concorsi e/o abilitazioni all'insegnamento. Un must, insomma :-)
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 6:32 pm

tortacaprese ha scritto:
beh, Porcelli è uno degli autori maggiormente studiati sia negli esami di glottodidattica all'università che per le preparazioni ai concorsi e/o abilitazioni all'insegnamento. Un must, insomma :-)
E' stato mio insegnante all'università. Quello su cui mi baso viene da lui:
“Il cemento e i mattoni: a che serve la grammatica se non si sanno i vocaboli?”, Gianfranco Porcelli, http://www.gporcelli.it/.
;-)


Ultima modifica di Valerie il Mar Feb 28, 2012 7:01 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 7:01 pm

tortacaprese ha scritto:
dopo aver imparato "je voudrais" è proprio il caso che sappiano come si coniuga tutto il verbo e che conoscano le regole che utilizzano.
Siamo sicuri che sia PROPRIO il caso? Per me, a 11-12 anni, quando ancora non sanno formare né usare bene il condizionale in italiano, non è necessariamente il caso che lo sappiano in francese, seconda lingua straniera.
Credo che in fondo sia questa la differenza tra noi: usiamo tutti più o meno lo stesso metodo, calcando più la mano su uno o l'altro aspetto. Non trovi anche tu?
Io per es., piuttosto che trattare con completezza tutte le regole grammaticali, preferisco approfondirne solo alcune e dedicare il resto del poco tempo che abbiamo all'approche actionnelle in modo da tenere alto l'interesse e la motivazione, con la speranza di far nascere la passione per le lingue straniere, l'amore per la comunicazione, il desiderio di contatto con il resto del mondo. E queste attività, come hai potuto notare anche tu, appassionano e intrigano più della grammatica. E non solo i miei alunni, ma anche me. ;-)
tortacaprese ha scritto:
PS: Complimenti al tuo piccino, per lui da grande, studiare il condizionale sarà una passeggiata,ma ciò non toglie che dovrà farsela questa camminativa :-)
Hai ragione, si farà la camminata. E' giusto. Ma quando sarà GRANDE: comincerà a ragionare sul condizionale dopo aver parlato l'italiano per 8-9 anni. ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Online
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 7:36 pm

Valerie ha scritto:
tortacaprese ha scritto:
beh, Porcelli è uno degli autori maggiormente studiati sia negli esami di glottodidattica all'università che per le preparazioni ai concorsi e/o abilitazioni all'insegnamento. Un must, insomma :-)
E' stato mio insegnante all'università. Quello su cui mi baso viene da lui:
“Il cemento e i mattoni: a che serve la grammatica se non si sanno i vocaboli?”, Gianfranco Porcelli, http://www.gporcelli.it/.
;-)

ma dai!!! è stato il mio controrelatore alla laurea!!!
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 7:38 pm

forza ha scritto:
Valerie ha scritto:
tortacaprese ha scritto:
beh, Porcelli è uno degli autori maggiormente studiati sia negli esami di glottodidattica all'università che per le preparazioni ai concorsi e/o abilitazioni all'insegnamento. Un must, insomma :-)
E' stato mio insegnante all'università. Quello su cui mi baso viene da lui:
“Il cemento e i mattoni: a che serve la grammatica se non si sanno i vocaboli?”, Gianfranco Porcelli, http://www.gporcelli.it/.
;-)

ma dai!!! è stato il mio controrelatore alla laurea!!!
Noooooo!!!! Non ci credo!!!!!! Che c---!!! ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Online
tortacaprese



Messaggi : 647
Data d'iscrizione : 08.01.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 7:59 pm

Valerie ha scritto:
tortacaprese ha scritto:
dopo aver imparato "je voudrais" è proprio il caso che sappiano come si coniuga tutto il verbo e che conoscano le regole che utilizzano.
Siamo sicuri che sia PROPRIO il caso? Per me, a 11-12 anni, quando ancora non sanno formare né usare bene il condizionale in italiano, non è necessariamente il caso che lo sappiano in francese, seconda lingua straniera.
Credo che in fondo sia questa la differenza tra noi: usiamo tutti più o meno lo stesso metodo, calcando più la mano su uno o l'altro aspetto. Non trovi anche tu?
Io per es., piuttosto che trattare con completezza tutte le regole grammaticali, preferisco approfondirne solo alcune e dedicare il resto del poco tempo che abbiamo all'approche actionnelle in modo da tenere alto l'interesse e la motivazione, con la speranza di far nascere la passione per le lingue straniere, l'amore per la comunicazione, il desiderio di contatto con il resto del mondo. E queste attività, come hai potuto notare anche tu, appassionano e intrigano più della grammatica. E non solo i miei alunni, ma anche me. ;-)
tortacaprese ha scritto:
PS: Complimenti al tuo piccino, per lui da grande, studiare il condizionale sarà una passeggiata,ma ciò non toglie che dovrà farsela questa camminativa :-)
Hai ragione, si farà la camminata. E' giusto. Ma quando sarà GRANDE: comincerà a ragionare sul condizionale dopo aver parlato l'italiano per 8-9 anni. ;-)

si anche io penso che i metodi di tutti/e noi si somiglino molto poi c'è chi batte più su un tasto e chi su un altro. Di fatto, il porci tutti questi quesiti, il metterci tanto in discussione e il nostro cercare un confronto fa di noi insegnanti in gamba (ma si, diciamocelo) e appassionati!!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mar Feb 28, 2012 8:02 pm

tortacaprese ha scritto:
noi insegnanti in gamba (ma si, diciamocelo) e appassionati!!!!!!
Sì, appassionati, fin dai tempi di Bruce Springsteen!!!! ;-)
Anche se le primissime canzoni che ho cercato di tradurre ai tempi delle medie sono Disco bambina di Heather Parisi e Words dont'come easy di non so nemmeno chi!
Tornare in alto Andare in basso
Online
tortacaprese



Messaggi : 647
Data d'iscrizione : 08.01.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Mer Feb 29, 2012 2:04 pm

no, io ho inaugurato coni Duran Duran .... :-)
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Ven Mar 02, 2012 10:37 pm

Valerie ha scritto:
tortacaprese ha scritto:
noi insegnanti in gamba (ma si, diciamocelo) e appassionati!!!!!!
Sì, appassionati, fin dai tempi di Bruce Springsteen!!!! ;-)
Anche se le primissime canzoni che ho cercato di tradurre ai tempi delle medie sono Disco bambina di Heather Parisi e Words dont'come easy di non so nemmeno chi!
F.R. David.
Io con The River.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Ven Mar 02, 2012 10:39 pm

Epperò il Porcelli nel libro che io ho in casa, parla del dettato (non ortografico) come di un metodo di valutazione da riscattare (anche se non perfetto). C'è un capitolo apposito...
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Sab Mar 03, 2012 2:23 pm

Tabeta ha scritto:
Epperò il Porcelli nel libro che io ho in casa, parla del dettato (non ortografico) come di un metodo di valutazione da riscattare (anche se non perfetto). C'è un capitolo apposito...
Sono d'accordo sul dettato NON ortografico, ma per il francese è difficile metterlo in pratica.
Se uno mi scrive "je prend" fa un errore di ortografia che però è anche un errore di grammatica, anche se in realtà non si "sente" nella pronuncia. Come lo trattiamo? Non lo consideriamo? Lo consideriamo errore ortografico? Lo consideriamo errore di grammatica? La questione è troppo complicata perché valga la pena di attuarla ad un livello così basso come quello della seconda lingua straniera alle medie (A1, solo per i più bravi A2).
Forse è più praticabile per l'inglese, lingua a cui Porcelli si riferisce spesso nei suoi esempi, se non erro.
E sicuramente alle superiori più che alle medie.
Certo rimane un metodo non perfetto... come tutti gli altri del resto!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Lun Mar 05, 2012 2:54 pm

tortacaprese ha scritto:
Altrimenti che senso ha studiare una lingua?
Questa frase mi era sfuggita. Ma mi sembra molto interessante. Vale la pena di approfondirla. Guardiamo per un attimo la questione dal punto di vista di chi studia e non di chi insegna. E non mettiamoci nei panni di noi stessi quando avevamo 12 anni perché, come ha detto qualcuno più sopra, noi siamo casi "particolari": infatti abbiamo finito col laurearci in lingue. Facciamo finta che siamo uno studente medio-mediocre (i più numerosi) e rispondiamo sinceramente: che senso ha studiare una lingua?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Lun Mar 05, 2012 2:56 pm

tortacaprese ha scritto:
tante idee le sto copiando con sommo gaudio dei miei alunni
Guarda Torta, proprio oggi ho trovato questo post nel blog della prof. Milani:
http://laprofessoressavirisponde.blogspot.com/2012/03/mi-accorgo-di-trovare-invece-difficolta.html
Tornare in alto Andare in basso
Online
lizzybennet



Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 25.02.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese   Lun Mar 05, 2012 7:15 pm

Ciao a tutti/tutte,
incredibilmente interessante questo post!
Ne ho ricavato molti spunti di riflessione sul modo di fare lezione / proporre gli argomenti in classe.
Anch'io faccio di tutto per rendere interessanti/divertenti le lezioni (almeno ci provo), perché trovo che se un minimo si divertono riescono anche ad imparare qualcosa, se invece studiano solo per imparare la regola e prendere un buon voto alla verifica, dopo la verifica è difficile che ricordino qualcosa... o forse ricordano solo la regola. Avevo una classe 3 anni fa in cui erano così abituati solo ad imparare la regola/fare la verifica che quando si trattava di parlare applicando quella stessa regola (che ne so, raccontami cosa hai fatto ieri usando il passé composé) mi dicevano "allora, il passé composé si fa con l'ausiliare essere o avere etc....." Mi pareva totalmente assurdo! Ho faticato tanto solo per farli iniziare a parlare!

In ogni caso è molto più semplice se in classe c'è la LIM, perché ci sono infinite possibilità di interessarli. Io ho trovato che la musica apre molte porte... sia quelle della fonetica che quelle della pronuncia, e poi interessa anche i più refrattari, soprattutto se accompagnata dal video.
Gli ultimi successi nelle mie classi (il che vuol dire che li adottano poi come suonerie per i cell) sono stati:
Mika - elle me dit
Simple plan - jet lag
Tal - le sens de la vie
Da notare che la canzone dei Simple plan esiste in versione francese e in vers. inglese (loro sono canadesi) con doppio video, quindi loro si prestano a più usi (anche ai fini della civiltà, quando si studia la francofonia).
E sono sempre a caccia di nuovi possibili successi ;-)))

PS: ciao Valerie, ciao Forza, sono sempre io eowin-lizzie rediviva...
Tornare in alto Andare in basso
 
Sulla traduzione e sulla grammatica per l'apprendimento della lingua inglese
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 5Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» La sinistra si fonda sull'ignoranza, sulla menzogna e sulla sopraffazione
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Ragazze ricordate lo speciale sulla fecondazione che era in onda su Sky?
» Giudizio sulla scuola...
» Considerazioni sulla Bibbia

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: