Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Rapporti disciplinari: quale valore?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
sos



Messaggi : 420
Data d'iscrizione : 17.09.10

MessaggioOggetto: Rapporti disciplinari: quale valore?   Ven Apr 13, 2012 11:26 pm

Riflettevo su questa cosa proprio oggi, mettendo una nota...
Quante volte, nell'atto di prendere il registro per scrivere il vostro rapporto disciplinare, vi siete sentiti dire dall'alunno interessato: "E chi se ne frega! Tanto di note ne ho prese già tante e non è mai successo niente!". Ed effettivamente è così, perché ormai nella scuola, concretamente, non si agisce più.
Cosa pensate di tutto questo?
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47824
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Sab Apr 14, 2012 12:50 pm

Che se rinunci a metterle è ancora peggio. Poi bisognerebbe fare una battaglia nelle sedi opportune per far sì che contassero qualcosa. Ma finchè ci sono colleghi che le note non le mettono per principio, perchè non servono o perchè si illudono di risolvere i problemi con il "dialogo" (in realtà solo perchè non vogliono far sapere ai colleghi che hanno problemi a gestire certe classi), è chiaro che i pochi che le mettono passano per nevrotici, intolleranti o incapaci a seconda delle circostanze.
Peraltro sono contrario anche agli automatismi: in certe scuole si dice che con un certo numero di note scatta una sanzione, un abbassamento del voto in condotta ecc. Questo può finire per inibire più il docente che non vuole essere responsabile di una sanzione così pesante e che si astiene dal segnalare comportamenti che invece dovrebbero essere segnalati. Poi a fine quadrimestre si potrà stabilire se è stato un episodio isolato su cui si può soprassedere o se è una spia di un atteggiamento costantemente negativo.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4608
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Sab Apr 14, 2012 10:05 pm

Dec ha scritto:
Che se rinunci a metterle è ancora peggio. Poi bisognerebbe fare una battaglia nelle sedi opportune per far sì che contassero qualcosa. Ma finchè ci sono colleghi che le note non le mettono per principio, perchè non servono o perchè si illudono di risolvere i problemi con il "dialogo" (in realtà solo perchè non vogliono far sapere ai colleghi che hanno problemi a gestire certe classi), è chiaro che i pochi che le mettono passano per nevrotici, intolleranti o incapaci a seconda delle circostanze.
Peraltro sono contrario anche agli automatismi: in certe scuole si dice che con un certo numero di note scatta una sanzione, un abbassamento del voto in condotta ecc. Questo può finire per inibire più il docente che non vuole essere responsabile di una sanzione così pesante e che si astiene dal segnalare comportamenti che invece dovrebbero essere segnalati. Poi a fine quadrimestre si potrà stabilire se è stato un episodio isolato su cui si può soprassedere o se è una spia di un atteggiamento costantemente negativo.
Quoto tutto, proprio tutto.
Tornare in alto Andare in basso
sos



Messaggi : 420
Data d'iscrizione : 17.09.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 11:43 am

Dec ha scritto:
Che se rinunci a metterle è ancora peggio. Poi bisognerebbe fare una battaglia nelle sedi opportune per far sì che contassero qualcosa. Ma finchè ci sono colleghi che le note non le mettono per principio, perchè non servono o perchè si illudono di risolvere i problemi con il "dialogo" (in realtà solo perchè non vogliono far sapere ai colleghi che hanno problemi a gestire certe classi), è chiaro che i pochi che le mettono passano per nevrotici, intolleranti o incapaci a seconda delle circostanze.
E proprio qui che volevo arrivare. Il discorso che tu fai - giustissimo - ha un problema di fondo: se io non metto note, è ancora peggio, ma, se le metto, è peggio del peggio per due motivi! Il primo è che sono l'unico a mettere le note, dato che i miei colleghi ritengono ormai di dover lasciar correre e di cercare di tirare a campare;pertanto, alla resa dei conti, l'immagine negativa ricardrà solo su di me, poiché persona non in grado di gestire una classe. La seconda è che, conseguentemente, quelle note non avranno peso.

in certe scuole si dice che con un certo numero di note scatta una sanzione, un abbassamento del voto in condotta ecc.
In certe scuole - quasi in tutte ormai - si dice di tutto, ma non si "quaglia" niente! E se ciò succede la colpa è solo ed esclusivamente del corpo docente.
Tornare in alto Andare in basso
titifra



Messaggi : 6720
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 11:50 am

sos ha scritto:
Dec ha scritto:
Che se rinunci a metterle è ancora peggio. Poi bisognerebbe fare una battaglia nelle sedi opportune per far sì che contassero qualcosa. Ma finchè ci sono colleghi che le note non le mettono per principio, perchè non servono o perchè si illudono di risolvere i problemi con il "dialogo" (in realtà solo perchè non vogliono far sapere ai colleghi che hanno problemi a gestire certe classi), è chiaro che i pochi che le mettono passano per nevrotici, intolleranti o incapaci a seconda delle circostanze.
E proprio qui che volevo arrivare. Il discorso che tu fai - giustissimo - ha un problema di fondo: se io non metto note, è ancora peggio, ma, se le metto, è peggio del peggio per due motivi! Il primo è che sono l'unico a mettere le note, dato che i miei colleghi ritengono ormai di dover lasciar correre e di cercare di tirare a campare;pertanto, alla resa dei conti, l'immagine negativa ricardrà solo su di me, poiché persona non in grado di gestire una classe. La seconda è che, conseguentemente, quelle note non avranno peso.

in certe scuole si dice che con un certo numero di note scatta una sanzione, un abbassamento del voto in condotta ecc.
In certe scuole - quasi in tutte ormai - si dice di tutto, ma non si "quaglia" niente! E se ciò succede la colpa è solo ed esclusivamente del corpo docente.

C'è di peggio... Ci sono anche colleghi e DS che ti fanno capire più o meno apertamente che il tuo atteggiamento rigoroso e le tue note li infastidiscono e/o creano problemi...
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47824
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 12:04 pm

Se è per questo, ci sono anche quelli che ti incoraggiano a metterle, ma loro non le mettono mai; così, se poi il ds se la prende con qualcuno, non è certo con loro.
Purtroppo anch'io quando arrivo in una scuola cerco di guardare se ci sono altre note sul registro, quali studenti le hanno avute, per quali motivi, se le mette sempre lo stesso insegnante o se sono abbastanzaa distribuite, perchè purtroppo bisogna sopravvivere in certi ambienti.
Alla fine ne metto qualcuna, ma molte meno di quelle che secondo me sarebbero necessarie.
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 12:04 pm

appunto, è proprio così....

le note vanno bene se le usano tutti allo stesso modo, altrimenti no, il docente che le mette ha solo problemi...
nella mia scuola non si mettono x principio.... io ne ho data qualcuna ma mi hanno detta di starci molto attenta...
Tornare in alto Andare in basso
sos



Messaggi : 420
Data d'iscrizione : 17.09.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 12:25 pm

Per fare il resoconto della situazione, allo stato dei fatti siamo all'incirca in queste condizioni: un docente oggi ha la bocca cucita. Non si può nemmeno far accenno all'alunno di una eventuale bocciatura, perché altrimenti il poveretto va in crisi, smette di studiare e scatta pure lo spauracchio del ricorso. Al contrario, se un alunno ti offende, fai finta di niente, perché c'è poco da fare (e non lo dico io, ma è la filosofia della maggior parte del corpo docente attuale, soprattutto dei veterani!).
Morale della favola: l'insegnante non ha più una dignità personale, perché sia il contesto che lo circonda sia la propria rassegnazione hanno contribuito a distruggerla.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 6:55 pm

Il mio preside non mette gli 8 in condotta (parlo di 8!!!) perchè non "ci sono note nel registro", nonostante la maggior parte dei componenti del consiglio propendano, citando episodi o comportamenti conetinuativi, propendano per quel voto. "Se volete l'8", dice "mettete le note".
Poi quando metti le note, ti dice che non sai tenere la classe....
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47824
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 7:02 pm

Sì, nulla di nuovo; anche questo è un discorso molto comune. Però almeno il secondo anno dovreste aver capito che è meglio mettere le note e pazienza se vi dice che non sapete tenere la classe. Il problema è che sono i docenti a non essere uniti tra loro, altrimenti i presidi non potrebbero fare il bello e il cattivo tempo.
Tornare in alto Andare in basso
sos



Messaggi : 420
Data d'iscrizione : 17.09.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 10:51 pm

Dec ha scritto:
Il problema è che sono i docenti a non essere uniti tra loro, altrimenti i presidi non potrebbero fare il bello e il cattivo tempo.

Tristissimo, ma vero...
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 15, 2012 11:02 pm

Tabeta ha scritto:
Il mio preside non mette gli 8 in condotta (parlo di 8!!!) perchè non "ci sono note nel registro", nonostante la maggior parte dei componenti del consiglio propendano, citando episodi o comportamenti conetinuativi, propendano per quel voto. "Se volete l'8", dice "mettete le note".
Poi quando metti le note, ti dice che non sai tenere la classe....

Cioè, senza note prende almeno 9? Ma che tipo di scuola è? Ma avete una griglia di valutazione della condotta?
Tornare in alto Andare in basso
Indignazione



Messaggi : 215
Data d'iscrizione : 11.04.12

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Lun Apr 16, 2012 6:14 pm

sos ha scritto:
Per fare il resoconto della situazione, allo stato dei fatti siamo all'incirca in queste condizioni: un docente oggi ha la bocca cucita. Non si può nemmeno far accenno all'alunno di una eventuale bocciatura, perché altrimenti il poveretto va in crisi, smette di studiare e scatta pure lo spauracchio del ricorso. Al contrario, se un alunno ti offende, fai finta di niente, perché c'è poco da fare (e non lo dico io, ma è la filosofia della maggior parte del corpo docente attuale, soprattutto dei veterani!).
Morale della favola: l'insegnante non ha più una dignità personale, perché sia il contesto che lo circonda sia la propria rassegnazione hanno contribuito a distruggerla.


Non ha proprio più dignità, perché viene pure apostrofato per strada, ci vuole un ghetto per lui, deve avere un coprifuoco!

Domandina: ma i sindacati che cosa hanno fatto per denunciare tutta questa situazione?
Tornare in alto Andare in basso
sos



Messaggi : 420
Data d'iscrizione : 17.09.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Lun Apr 16, 2012 7:25 pm

Il problema non sono i sindacati. Il problema è nella scuola (DS e docenti).
Tornare in alto Andare in basso
Posidonia



Messaggi : 1604
Data d'iscrizione : 05.11.09

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Lun Apr 16, 2012 8:06 pm

sos ha scritto:
Il problema non sono i sindacati. Il problema è nella scuola (DS e docenti).

a questo aggiungo il principale frutto avvelenato dell'autonomia: lo strapotere dei presidi che a volte si credono dei veri e propri sovrani!
Tornare in alto Andare in basso
sos



Messaggi : 420
Data d'iscrizione : 17.09.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Lun Apr 16, 2012 8:09 pm

...e la poca stima che i docenti hanno di se stessi...
Tornare in alto Andare in basso
bianca_60



Messaggi : 13
Data d'iscrizione : 23.03.12

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Gio Apr 19, 2012 4:43 pm

Posidonia ha scritto:
sos ha scritto:
Il problema non sono i sindacati. Il problema è nella scuola (DS e docenti).

a questo aggiungo il principale frutto avvelenato dell'autonomia: lo strapotere dei presidi che a volte si credono dei veri e propri sovrani!
Ma quale sarebbe lo strapotere dei DS? Nella mia scuola ci sono diversi docenti che danno un mucchio di problemi (assenze continue, ritardi, apatia nel fare lezione, disimpegno ecc. ecc.) eppure il DS non riesce a liberarsene...
Tornare in alto Andare in basso
sos



Messaggi : 420
Data d'iscrizione : 17.09.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Gio Apr 19, 2012 11:23 pm

Infatti, ribadisco che per me il problema nasce da entrambi, non solo dai presidi. Il problema dei presidi è che, nel momento in cui iniziano a rivestire questa carica, dimenticano cosa vuol dire insegnare...
Tornare in alto Andare in basso
Forum educazione fisica



Messaggi : 610
Data d'iscrizione : 09.12.11

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Sab Apr 21, 2012 4:30 pm

sos ha scritto:
Per fare il resoconto della situazione, allo stato dei fatti siamo all'incirca in queste condizioni: un docente oggi ha la bocca cucita. Non si può nemmeno far accenno all'alunno di una eventuale bocciatura, perché altrimenti il poveretto va in crisi, smette di studiare e scatta pure lo spauracchio del ricorso. Al contrario, se un alunno ti offende, fai finta di niente, perché c'è poco da fare (e non lo dico io, ma è la filosofia della maggior parte del corpo docente attuale, soprattutto dei veterani!).
Morale della favola: l'insegnante non ha più una dignità personale, perché sia il contesto che lo circonda sia la propria rassegnazione hanno contribuito a distruggerla.

Finalmente ci siamo arrivati!
Tornare in alto Andare in basso
http://educazionefisica.freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=1
Forum educazione fisica



Messaggi : 610
Data d'iscrizione : 09.12.11

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Sab Apr 21, 2012 4:31 pm

sos ha scritto:
...e la poca stima che i docenti hanno di se stessi...

No, troppo facile. In quel caso la stima è fin troppa. Hanno deciso di non lavorare sull'educazione. Fanno più danni quelli che ci provano che quelli che si rassegnano.
Tornare in alto Andare in basso
http://educazionefisica.freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=1
Forum educazione fisica



Messaggi : 610
Data d'iscrizione : 09.12.11

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Sab Apr 21, 2012 4:40 pm

sos ha scritto:
Il problema non sono i sindacati. Il problema è nella scuola (DS e docenti).

Dico di più, il problema è nella società. La scuola ha soltanto la colpa di essere un'istituzione dove le relazioni sociali hanno una grande importanza.
Tornare in alto Andare in basso
http://educazionefisica.freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=1
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47824
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Sab Apr 21, 2012 5:45 pm

Forum educazione fisica ha scritto:
sos ha scritto:
...e la poca stima che i docenti hanno di se stessi...

No, troppo facile. In quel caso la stima è fin troppa. Hanno deciso di non lavorare sull'educazione. Fanno più danni quelli che ci provano che quelli che si rassegnano.
Questa non l'ho capita. Mi spieghi cosa volevi dire?
Tornare in alto Andare in basso
Forum educazione fisica



Messaggi : 610
Data d'iscrizione : 09.12.11

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Sab Apr 21, 2012 7:54 pm

OK.
La scuola non è un'isola etica o un'isola di terrore; è solo un posto dove le relazioni sociali hanno grande importanza. Sbaglia chi pensa che la scuola sia un posto virtuoso, dove gli insegnanti siano angeli senza peccato, mosche bianche della società. L'assenza di valori e di conoscenze colpisce anche il corpo docente.
I miei colleghi non sono esempi; la categoria dei docenti non mi ha impressionato positivamente. Per questo che faccia meno danni uno che pensa di non avere doti di psicologo, che un montato che vuole imporsi (ovviamente poi dipende dai contenuti delle sue imposizioni).

Ad esempio, ho inteso in alcune realtà dove ho lavorato che la bravura di un insegnante si vedeva soprattutto dal parametro dell'urlo; cioè se uno è una scimmia urlatrice e non si stanca per tutta l'ora, è un bravo insegnante e viene rispettato; in una scuola del genere, quando sarebbe utile un insegnante calmo e posato? Poco, se viene considerato un debole dall'ambiente, parecchio se gli altri lo rispettano.
L'ambiente è il vero punto debole di molti professori, costretti a frustrare il loro bisogno di individuazione, per diventare sempre più insicuri e impersonali. Copiare gli altri è la regola che subisce ogni supplente, solo che gli altri sono gli altri e sarebbe meglio di fare male di testa propria che bene scopiazzando.
Nella nostra società, il bene è il male, e il male è il bene, oppure ci siamo molto vicini.
Tornare in alto Andare in basso
http://educazionefisica.freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=1
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47824
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Sab Apr 21, 2012 11:29 pm

Forum educazione fisica ha scritto:
OK.
La scuola non è un'isola etica o un'isola di terrore; è solo un posto dove le relazioni sociali hanno grande importanza.
Fin qua siamo d'accordo.
Sbaglia chi pensa che la scuola sia un posto virtuoso, dove gli insegnanti siano angeli senza peccato, mosche bianche della società. L'assenza di valori e di conoscenze colpisce anche il corpo docente.
Anche su questo siamo d'accordo.
I miei colleghi non sono esempi; la categoria dei docenti non mi ha impressionato positivamente.
Sei stato sfortunato. Qualcuno che può essere un esempio secondo me c'è (certo non tutti).
Per questo che faccia meno danni uno che pensa di non avere doti di psicologo, che un montato che vuole imporsi (ovviamente poi dipende dai contenuti delle sue imposizioni).
L'umiltà è importante, ma secondo me non bisogna rinunciare a provare ad educare e a lanciare dei messaggi, anche se il più delle volte sembra fiato sprecato e verrebbe voglia di fregarsene e fare il minimo sindacale.
Ad esempio, ho inteso in alcune realtà dove ho lavorato che la bravura di un insegnante si vedeva soprattutto dal parametro dell'urlo; cioè se uno è una scimmia urlatrice e non si stanca per tutta l'ora, è un bravo insegnante e viene rispettato; Questo è strano; in genere viene considerato esattamente il contrario. in una scuola del genere, quando sarebbe utile un insegnante calmo e posato? Poco, se viene considerato un debole dall'ambiente, parecchio se gli altri lo rispettano.
L'ambiente è il vero punto debole di molti professori, costretti a frustrare il loro bisogno di individuazione, per diventare sempre più insicuri e impersonali. Copiare gli altri è la regola che subisce ogni supplente, solo che gli altri sono gli altri e sarebbe meglio di fare male di testa propria che bene scopiazzando.
Un po' bisogna adattarsi all'ambiente, ma è vero che uno essenzialmente è sempre se stesso.
Nella nostra società, il bene è il male, e il male è il bene, oppure ci siamo molto vicini.
Questa è una visione molto pessimistica. Nella società forse è vero, ma io credo che ci sia sempre qualcosa che è giusto e qualcosa che non lo è e forse i ragazzi, che sono in genere meno corrotti degli adulti, sono ancora in grado di riconoscerlo.
Tornare in alto Andare in basso
Forum educazione fisica



Messaggi : 610
Data d'iscrizione : 09.12.11

MessaggioOggetto: Re: Rapporti disciplinari: quale valore?   Dom Apr 22, 2012 9:43 pm

Temo di essermi avventurato nell'esporre dei concetti, in tempi troppo prematuri. Ritornerò sull'argomento in futuro, in maniera meno diretta e quindi più comprensibile.
Tornare in alto Andare in basso
http://educazionefisica.freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=1
 
Rapporti disciplinari: quale valore?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Quale libro state leggendo?
» Rapporti tempistica
» QUALE NOME E' PIU' BELLO
» terzo prelievo. valore beta 152
» Il valore della vita

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: