Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 7:56 am

Nella mia città (Milano) ormai le ore di assistenza sui dva effettuate dagli educatori comunali hanno quasi raggiunto le ore di sostegno assegnate ai bambini, in cui si richiede l'effettiva presenza di insegnanti (specializzati sul sostegno). Quindi gli educatori spesso svolgono lo stesso lavoro che svolgono gli insegnanti, con una imbarazzante sovrapposizione di ruoli che squalifica, secondo me, il lavoro (didattico) degli insegnanti di sostegno...
Dal momento che per fare gli educatori non serve né una laurea specifica, né una specializzazione (le cooperative infatti assumono un po' chi vogliono...), mi sembra che questa situazione stia prendendo una brutta piega.
Mi piacerebbe sapere se anche in "provincia" o in città più piccole si stia verificando lo stesso fenomeno.
Tornare in alto Andare in basso
marisaallasia



Messaggi : 58
Data d'iscrizione : 01.08.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 3:53 pm

sinceramente non sapevo che gli educatori non dovessero avere titolo specifico...andiamo bene
Tornare in alto Andare in basso
annaVG



Messaggi : 717
Data d'iscrizione : 08.11.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 4:01 pm

io so che per essere personale educativo ed essere in graduatoria devi aver superato un concorso! di che educatori stiamo parlando???? che tipo di cooperative sono ?
Tornare in alto Andare in basso
LaVale



Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 5:00 pm

Gli educatori che si trovano in graduatoria sono quelli che lavorano nei convitti, mentre gli educatori che lavorano per le cooperative sono gli Assistenti Educatori e si occupano della sfera educativa e sociale dell'alunno.
E' vero che molti di questi ultimi non sono in possesso di titolo specifico, ma per quel che riguarda la mia esperienza, ho sempre trovato persone comunque competenti, che sapevano fare il proprio lavoro. Per questo non sono d'accordo con dami quando dice che "squalificano" il nostro lavoro. Probabilmente sono stata fortunata!!!!
Non credo che sia il titolo a fare la differenza, ma la voglia di fare al meglio il proprio lavoro, di impegnarsi per il bene dell'alunno, di confrontarsi in maniera costruttiva.
Credo che in un periodo di tagli al monte ore assegnato agli alunni sia necessario sfruttare al meglio ogni risorsa e quindi anche gli educatori.
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 7:31 pm

E' vero che ci sono educatori molto bravi (anche io ne conosco) ed anche educatori laureati in Scienze dell'educazione, il punto è che le cooperative talora mandano persone non preparate e perdipiù spesso non controllano a sufficienza la qualità del lavoro svolto a scuola. Il personale delle cooperative in molti casi viene e va, poiché le persone vengono pagate con stipendi da miseria e quindi, non appena possono, cambiano lavoro.
Teniamo presente però che la maggioranza degli insegnanti di sostegno (di ruolo) allo stato attuale è laureata o quantomeno specializzata. Diversi educatori che ho incontrato non hanno nemmeno fatto le vecchie magistrali.
Gli insegnanti di sostegno sono comunque esperti di didattica, mentre gli educatori si occupano principalmente della sfera relazionale e sociale.
Non mi sembra giusto che gli educatori vengano utilizzati nelle ore di lezione al posto degli insegnanti di sostegno, che hanno studiato appositamente per svolgere un certo tipo di lavoro...
Secondo me è in corso una deriva di tipo istituzionale: allo Stato conviene la delega al Territorio di quei servizi che ritiene non siano poi così essenziali ed importanti (tra cui anche il sostegno). Stando così le cose potrebbe verificarsi che nei comuni più ricchi i dva possano beneficiare di abbastanza ore di assistenza, mentre in quelli più poveri di molte meno...
Tornare in alto Andare in basso
sweetbaby863



Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 7:53 pm

Dipende dalle scuole...in alcune i ruoli sono ben distinti e si ha chiara la divisione di ruoli e la "distanza" tra i ruoli, in altre scuole, purtroppo le due figure (educatore e insegnante di sostegno) sono messe sulle stesso piano creando tensioni e situazioni "ambigue".
Per quanto riguarda il titolo...la maggioranza hanno il diploma di scuola superiore altre che specializzazione!!!
Tornare in alto Andare in basso
Mary M



Messaggi : 1229
Data d'iscrizione : 31.10.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 7:58 pm

Per quello che ho visto io educatori e insegnanti facevano lo stesso identico lavoro!
Diciamo che l'educatore, insegnante mancato di solito perchè vittima dell'equivoco scienze educazione/formazione primaria, faceva il lavoro dell'insegnante.
La logica è semplice.. l'educatore costa meno... e avrà piano piano più ore dell'insegnante. Scomettete?
Tornare in alto Andare in basso
AlessiaM



Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 12.03.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 8:13 pm

Nella primaria, spesso gli educatori sono laureati in scienze dell'educazione, contro i solo diplomati magistrale. Generalmente gli educatori hanno almeno il diploma magistrale o equipollente, perchè le cooperative richiedono una formazione di questo tipo. Se assunti dal comune, è proprio richiesto il titolo specifico, perchè passano una selezione/concorso. Io ne ho incontrati di molto in gamba.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mar Apr 24, 2012 10:26 pm

per essere educatori basta il diploma. quelli inseriti in cooperative hanno svolto, in genere, un corso di formazione professionale (a meno che non abbiano una laurea in ambito educativo). anche io ho incontrato educatori bravi e altri che volevano prevaricare. e' vero anche che molto spesso, sono anche i colleghi di sostegno a "sfruttare" le capacita' degli educatori che poi si sentono in diritto di decidere al posto nostro.
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mer Apr 25, 2012 8:41 am

La serietà degli educatori che vengono mandati nelle scuole dipende molto dalla cooperativa che li manda e da come li sostiene nello svolgimento delle loro funzioni. E' vero che fanno dei corsi di formazione interni alla cooperativa, ma ho scoperto che in alcuni casi si tratta di corsi di 6/8 ore (distribuiti su uno/due giorni, quando va bene...). Francamente non mi sembra che in così poco tempo si possano acquisire le competenze adatte per il lavoro da svolgere.
Spesso inoltre gli educatori non leggono la documentazione del bambino/ragazzo che devono assistere: con la motivazione che magari non si tratta di ore pagate (ma anche per noi è così). Inoltre è talora carente/non adatto il progetto educativo, nonché la relazione relativa al lavoro svolto. Gli insegnanti di sostegno documentano molto di più il loro lavoro. Cosa fanno gli educatori è talora un mistero, poiché non rimane traccia scritta delle attività da loro svolte...
La mia impressione è che in alcuni casi si limitino a tenere compagnia all'alunno e veglino solo sulla sua incolumità fisica o che in alternativa vengano loro affidate le stesse mansioni di tipo didattico dell'insegnante di sostegno.
Quel che intendo dire è in definitiva che il ruolo degli educatori è "ambiguo", non ben definito. Secondo me l'educatore "squalifica" l'insegnante di sostegno perché spesso svolge un ruolo sovrapponibile senza avere la competenza didattica adatta e senza pianificare e documentare il percorso. Naturalmente la colpa di ciò non è dei singoli educatori (che possono essere molto in gamba e adattabili), bensì del sistema: si trovano effettivamente a sostituire gli insegnanti di sostegno, perché all'inizio dell'anno non vengono date risorse sufficienti alla scuola per sostenere i ragazzi dva nel proprio percorso scolastico.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mer Apr 25, 2012 9:23 am

dami su questo hai ragione. l'anno scorso io avevo una ragazza per 6 ore el'educatrice per 18. e' ovvio che lei la conosceva meglio di me e per la ragazza il punto di riferimento era lei e non io. ovviamente queste, prendeno uno stipendio inferiore ad una donna delle pulizie costano molto meno di noi e sono piu' convenienti . sulla documentazione pero' ti dico che la legge non consente loro l'accesso poiche' la legge 104 non prevede il loro coinvolgimento nella redazione. per quanto riguarda il loro operato sta a noi controllarlo. l'educatrice con cui collaboro (davvero in gamba e rispettosa) non fa nulla che io non le abbia preparato. mi chiede il cosa e il come deve fare e io le do le direttive. poi controllo i quaderni.
Tornare in alto Andare in basso
LaVale



Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mer Apr 25, 2012 9:49 am

Più che di controllo, io parlerei di collaborazione, di concordare il lavoro, soprattutto nei casi in cui si ha a che fare con persone competenti.
E' vero che a volte è necessario imporsi e vigilare sul lavoro svolto, ma questo accade anche con molti colleghi parcheggiati sul sostegno, anch'essi senza titolo né voglia!!!!

A proposito di compiti, doveri, mansioni, ecc. nella mia scuola è stato redatto un breve vademecum per gli insegnanti di sostegno (visto che troppi non sanno cosa fare!), in cui sono elencate anche le mansioni degli assistenti educatori, in modo che non sorgano equivoci.

Concordo con voi quando dite che, costando meno di noi, sono più convenienti e rischiamo di vederci soffiare le ore da sotto il naso. Sebbene negli ultimi anni anche i comuni stiano tagliando allegramente le ore di assistenza educativa sui disabili.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Mer Apr 25, 2012 10:13 am

il controllo dei quaderni non e' dovoto al fatto che voglio vedere se ha lavorato o meno, ma per verificare se il ragazzo ha capito la consegna, se devo rivedere la linea didattica che ho affrontato ecc.... ricordiamoci sempre che la didattica e' nostro compito e dovere. le assistenti collaborano con noi per la realizzazione del programma che, noi (insieme ai curriculari!?!) abbiamo redatto
Tornare in alto Andare in basso
Daniela.m



Messaggi : 58
Data d'iscrizione : 24.05.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 12:40 pm

Anche nella mia esperienza nelle scuole di Sassari ho potuto constatare che le educatrici inviate dalle cooperative non sono titolate. Spesso sono diplomate e non hanno acuna competenza di tipo educativo e riabilitativo. Prima di fare l'insegnante di sostegno, io facevo l'educatrice ma ero laureata in pedagogia con tanto di corsi e specializzazioni.
Ma ora le cooperative, per risparmiare sulle paghe, definiscano "educatori" chi non ha il titolo e la formazione appropriatache si ottiene con la laurea in scienze dell'educazione. Nella scuola invece mandano assistenti, ma non educatori.
Non posso negare la buona volontà e l'impegno di alcune di queste persone, ma sarebbe giusto che denunciassimo una situazione intollerabile, che lede il bambino e il suo diritto ad essere supportato da persone competenti e non solo di buona volontà. Inoltre questi assistenti/educatori, come già avete segnalato, svolgono spesso molte più ore dell'insegnante di sostegno: non sarà forse un modo di far risparmiare la scuola a spese della didattica del bambino diversamente abile?
Inoltre, ritengo che l'educatore sia una figura fondamentale: egli interviene in minima parte a scuola (dove l'integrazione avviene in modo predominante attraverso la didattica); la sua funzione di facilitatore nell'integrazione sociale avviene soprattutto nell'ambito educativo familiare ed extrascolastico, attraverso il sostegno alla genitorialità e facilitando le relazioni informali nell'extrascuola.
Cari colleghi specializzati nel sostegno, cosa ne pensate di segnalare questa situazione? Avete qualche idea su come fare?
Tornare in alto Andare in basso
gufix



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 15.01.12

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 1:05 pm

Prima di insegnare ho fatto per molto tempo l'educatrice LIS (lingua italiana dei segni) per persone prive dell'udito.
Ero laureata in pedagogia e in aggiunta avevo seguito un corso triennale di Lingua dei segni, svariati seminari di logogenia e didattica mirata e un corso annuale a frequenza obbligatoria della Provincia.
Ormai da parecchi anni le cooperative possono partecipare agli appalti solo se il personale è in regola e titolato, quindi la maggior degli educatori ha la necessaria laurea in scienze dell'educazione. Che io abbia visto ci sono due motivi di deroga: le sostituzioni (in cui in effetti non si guarda tanto per il sottile) e gli educatori che risultavano già assunti (i quali però avrebbero dovuto fare la cosiddetta riqualifica).
L'educatore ha una sua professionalità che può benissimo esprimersi a scuola (per esempio non ci fossi stata io il 99% dei docenti curriculari e di sostegno non avrebbe potuto in alcun modo comunicare con gli allievi).
Non è assolutamente vero che non lavora così senza progetti e direttive, ogni ragazzo ha il suo PEI educativo (devo dire in genere molto più accurato e centrato di quelli che ho visto a scuola che talvolta si tramandano nei secoli dei secoli).
Non è compito dell'insegnante controllare o indirizzare l'educatore perchè c'è già una supervisione a monte.
L'utilizzo del monteore educativo è deciso in accordo con i servizi sociali e con la famiglia del ragazzo, la scuola può o fare richieste ma non sono vincolanti.
Questo vale ovviamente per gli educatori territoriali, alcune scuole hanno educatori interni e la gestione è chiaramente diversa.
Gli assistenti sono figure diverse, generalmente provvedeno all'alimentazione e all'igiene. Per bambini piccoli o con disabilità gravi chiaramente il loro compito può essere più sfumato.
Tornare in alto Andare in basso
sweetbaby863



Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 1:34 pm

gufix ha scritto:
Prima di insegnare ho fatto per molto tempo l'educatrice LIS (lingua italiana dei segni) per persone prive dell'udito.
Ero laureata in pedagogia e in aggiunta avevo seguito un corso triennale di Lingua dei segni, svariati seminari di logogenia e didattica mirata e un corso annuale a frequenza obbligatoria della Provincia.
Ormai da parecchi anni le cooperative possono partecipare agli appalti solo se il personale è in regola e titolato, quindi la maggior degli educatori ha la necessaria laurea in scienze dell'educazione. Che io abbia visto ci sono due motivi di deroga: le sostituzioni (in cui in effetti non si guarda tanto per il sottile) e gli educatori che risultavano già assunti (i quali però avrebbero dovuto fare la cosiddetta riqualifica).
L'educatore ha una sua professionalità che può benissimo esprimersi a scuola (per esempio non ci fossi stata io il 99% dei docenti curriculari e di sostegno non avrebbe potuto in alcun modo comunicare con gli allievi).
Non è assolutamente vero che non lavora così senza progetti e direttive, ogni ragazzo ha il suo PEI educativo (devo dire in genere molto più accurato e centrato di quelli che ho visto a scuola che talvolta si tramandano nei secoli dei secoli).
Non è compito dell'insegnante controllare o indirizzare l'educatore perchè c'è già una supervisione a monte.
L'utilizzo del monteore educativo è deciso in accordo con i servizi sociali e con la famiglia del ragazzo, la scuola può o fare richieste ma non sono vincolanti.
Questo vale ovviamente per gli educatori territoriali, alcune scuole hanno educatori interni e la gestione è chiaramente diversa.
Gli assistenti sono figure diverse, generalmente provvedeno all'alimentazione e all'igiene. Per bambini piccoli o con disabilità gravi chiaramente il loro compito può essere più sfumato.
Il tuo è un caso particolare, dalla mia esperienza (breve ma cmq significativa) ti dico che una mia educatrice aveva il diploma di liceo classico, un'altra liceo linguistico, un altro geometra...nessuno di loro andava all'università....
Poi non capisco in che senso l'insegnante non può indirizzare l'educatore...cioè ognuno lavora per i fatti propri???
Semmai il problema è proprio che spesso si chiamano educatori dei semplici assistenti...in quei casi sono pure io d'accordo che l'assistente dovrebbe provvedere a curare alimentazione, igiene e spostamenti e a non fare altro perchè non ne ha le competenze...
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 1:42 pm

Il fatto che esista una normativa, o una regola per partecipare agli appalti, che richieda la laurea in Scienze della formazione/educazione - o altro titolo analogo - per svolgere il lavoro di educatore non raoppresenta evidentemente una sufficiente garanzia, dal momento che molti educatori che lavorano nelle scuole non hanno ancora titoli adeguati per il loro ruolo. Probabilmente ogni Comune ha regole diverse, o forse non ci sono sufficienti controlli rispetto ai requisiti da dimostrare per poter svolgere il servizio di educatori. Propendo per l'ipotesi che le cooperative che gestiscono questi servizi siano talora superficiali nella gestione degli incarichi.
Ho visto ormai diversi progetti/osservazioni/relazioni che non spiccano per qualità, che mi consentono di affermare che esiste talora poco controllo sulla qualità di questo tipo di lavoro...
Tornare in alto Andare in basso
gufix



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 15.01.12

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 3:37 pm

Sinceramente a Torino ( a parte le brevi sostituzioni in genere affidate a studenti) non ho mai e dico mai trovato un educatore che non fosse laureato se giovane o non avesse fatto la scuola per educatori o la riqualifica (della durata di tre anni). Spulciando un po' in giro vedo che anche in altri regioni è richiesta la laurea in scienze dell'educazione. Non volevo certo dire che ognuno lavora con il paraocchi per i fatti suoi ma solo rimarcare che un educatore non è un nostro sottoposto (e sinceramente senza false mnodestie devo dire che io avevo competenze ben superiori a quelle dell'insegnante).
Io ho visto dei Pei scolastici da brivido, cose trite e ritrite magari portate avanti dalla prima elementare. Per dire sto visionando proprio ora il Pei di una mia allieva di 5 superiore (io sono arrivata da poco) in cui uno degli obiettivi è la lettura dell'ora. Ma scherziamo? Ovviamente non vi sto a dettagliare il caso ma garantisco che la competenza sarà acquisita da una decina di anni almeno. Mi pare evidente che sia stata una ricopiatura pedestre. Avendo fatto entrambi i lavori devo ammettere che i miei Pei da educatrice erano molto più "controllati", c'era un incontro apposito con tutta l'equipe formativa, famiglia, medici e servizi sociali.
A scuola tipicamente lo mollo alla segretaria di qualche NPI e poi viene inghiottito da qualche oscuro armadione...
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 5:22 pm

nessuna normativa italiana prevede la laurea per l'educatore.dico questo perche' mi sono informata anche per motivi strettamente personali. che poi le cooperative si avvalgano di pesonale lauerato questo lo riscontro anche nelle tante scuole dove ho lavorato (anche se non e' la regola). se poi, ribadisco, lo Stato italiano consente ad un diplomato di fare l'insegnante di sostegno, non vedo perche' l'educatore debba avere una laurea(per otto euro a ora....)


Tornare in alto Andare in basso
gufix



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 15.01.12

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 5:30 pm

Non è assolutamente vero (come ho già scritto ho fatto l'educatrice per 10 anni) Il titolo di educatore professionale lo si ottiene solo con la laurea. Le cooperative si avvalgono di personale laureato perchè sono obbligate, potessero sottrarsi credo lo farebbero ben volentieri. Guarda anche i requisiti per i concorsi, è sempre richiesta la laurea in scienze dell'educazione (con indirizzo specifico tra l'altro). La mia laurea in pedagogia era valida perchè era stata dichiarata equipollente
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 5:36 pm

mi posti la normativa a cui ti riferisci?
Tornare in alto Andare in basso
gufix



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 15.01.12

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 5:56 pm

Il primo riferimento è il Decreto Ministero Sanità 8 ottobre 1998, n. 520
In questo momento non ho la necessaria tranquillità per cercare ma ricordo che c'erano degli aggiornamenti dato che erano cambiati gli indirizzi di scienze dell'educazione.
In Piemonte c'è la delibera della Giunta Regionale n. 30-3773 dove si specifica il curriculum dell'educatore.
A me i titoli li hanno sempre richiesti (anzi ho spesso dovuto battagliare per la laurea in pedagogia equipollente a scienze dell'educazione come da decreto 18 giugno 1998)
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 6:58 pm

gufix ha scritto:
Il primo riferimento è il Decreto Ministero Sanità 8 ottobre 1998, n. 520
In questo momento non ho la necessaria tranquillità per cercare ma ricordo che c'erano degli aggiornamenti dato che erano cambiati gli indirizzi di scienze dell'educazione.
In Piemonte c'è la delibera della Giunta Regionale n. 30-3773 dove si specifica il curriculum dell'educatore.
A me i titoli li hanno sempre richiesti (anzi ho spesso dovuto battagliare per la laurea in pedagogia equipollente a scienze dell'educazione come da decreto 18 giugno 1998)

Affinché non si ingeneri confusione, vorrei far notare che nelle scuole non operano educatori professionali, ma semplici educatori.
Cito a proposito un articolo della legge su menzionata:

Art. 3.

1. La formazione dell'educatore professionale avviene presso le strutture sanitarie del Servizio sanitario nazionale e le strutture di assistenza socio-sanitaria degli enti pubblici individuate nei protocolli d'intesa fra le regioni e le università. Le università provvedono alla formazione attraverso la facoltà di medicina e chirurgia in collegamento con le facoltà di psicologia, sociologia e scienza dell'educazione.

Il titolo di educatore professionale, che viene richiesto per lavorare nel settore socio-sanitario, è rilasciato da corsi a numero chiuso delle Università di Medicina e chirurgia e non ha niente a che vedere col titolo che rilasciano le Facoltà di Scienze dell'educazione - che è un titolo generico, che non permette l'accesso alla professione di educatore professionale -.
Lo so che può sembrar strano, ma già una decina di anni fa, nell'Università da me frequentata, gli studenti si erano posti il problema e ne avevano parlato anche i rappresentanti degli studenti in Consiglio di Facoltà... ma non è stato possibile ottenere l' "abilitazione" alla professione tramite il corso di laurea attivato, proprio a causa della legge qui menzionata.
Non illudiamoci: non sono questi educatori qualificati che curano i nostri bambini.
I "veri" educatori professionali sono quelli che provenivano dai vecchi corsi professionali della Regione e i laureati nelle Università di medicina, ma sono pochissimissimi...
Diverse cooperative si avvalgono invece di semplici diplomati, oppure di giovani laureati/laureandi in Scienze dell'educazione. Il problema è comunque quello che chi lavora per le coooperative non viene pagato per stendere il progetto educativo al ragazzo o per documentare il proprio percorso... Le cooperative si intascano la metà dei soldi che i comuni pagano per le ore degli educatori, ma non per questo garantiscono che il servizio reso sia di qualità... gli educatori vengono e vanno perché sottopagati... dopo una certa età preferiscono, se possono, cambiare lavoro (e questo anche se si sono laureati in Scienze dell'educazione, che è divenuto ormai un titolo inflazionato).
Tornare in alto Andare in basso
gufix



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 15.01.12

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 7:14 pm

A scuola operano educatori professionali (e io lo ero per esempio, ho ancora i contratti). Sono sicura che vi sia una normativa più recente perchè il percorso citato dalla legge non mi pare manco esista più. Era per dire che sono assolutamente certa che le cooperative debbano assumere secondo certi criteri. Secondo me qui si sta parlando di altre figure. Ho anche lavorato per una cooperativa (e per una scuola speciale) e ho sempre ma proprio sempre provveduto alla stesura del Pei (per cui ero anche regolarmente pagata, segnavo le ore sul foglio firma).
Come già detto in tutte le scuole in cui mi è capitato di lavorare in Piemonte ho sempre visto persone titolate al loro ruolo (tra l'altro molti, tra cui la sottoscritta si sono poi abilitati per l'insegnamento)
Direi che ho visto molti più insegnanti di sostegno privi della specializzazione (me compresa) e mi pare anche che la continuità sia minore. Da educatrice ho seguito utenti per anni mentre da insegnante cambio ogni anno
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?   Lun Mag 07, 2012 8:24 pm

gufix ha scritto:
A scuola operano educatori professionali (e io lo ero per esempio, ho ancora i contratti). Sono sicura che vi sia una normativa più recente perchè il percorso citato dalla legge non mi pare manco esista più. Era per dire che sono assolutamente certa che le cooperative debbano assumere secondo certi criteri. Secondo me qui si sta parlando di altre figure. Ho anche lavorato per una cooperativa (e per una scuola speciale) e ho sempre ma proprio sempre provveduto alla stesura del Pei (per cui ero anche regolarmente pagata, segnavo le ore sul foglio firma).
Come già detto in tutte le scuole in cui mi è capitato di lavorare in Piemonte ho sempre visto persone titolate al loro ruolo (tra l'altro molti, tra cui la sottoscritta si sono poi abilitati per l'insegnamento)
Direi che ho visto molti più insegnanti di sostegno privi della specializzazione (me compresa) e mi pare anche che la continuità sia minore. Da educatrice ho seguito utenti per anni mentre da insegnante cambio ogni anno
Sono sicura che nel tuo caso le cose stiano come dici. E probabilmente in Piemonte la normativa è più avanzata che altrove. Non credo che la tua situazione si possa però generalizzare...
Anche riguardo agli insegnanti che operano su sostegno a scuola, si sa benissimo che molti non hanno l'abilitazione per svolgere questo lavoro e che il lavoro può essere discontinuo, ma questo è un problema delle amministrazioni che reclutano... che sono insensibili alle problematiche dei diversamente abili e perseguono la politica dei posti al 30/6 (ci sono scuole sul mio territorio in rapporto 1:3 o 1:4 tra insegnanti di ruolo e precari, su sostegno).
Avendo io frequentato sia Scienze dell'educazione, che Scienze della formazione primaria, che il corso ADA per il sostegno, posso però dire che le informazioni e conoscenze utili per insegnare su sostegno non le ho acquisite frequentando il corso di Scienze dell'educazione, in cui le problematiche e tematiche scolastiche erano scarsamente trattate. Le competenze di tipo didattico le ho invece acquisite con SFP e sono quelle che mi aiutano ad aiutare i bambini in difficoltà.
Nella mia scuola l'anno scorso ho visto lavorare degli educatori che non conoscevano l'italiano (in quanto proprio di lingua madre non italiana), utilizzati con la funzione di supportare dei bambini dva nell'apprendimento della nostra lingua, con degli esiti disastrosi... Se ciò succede non è certo per colpa del singolo educatore, bensì di un sistema che accetta la logica che per aiutare il diversamente abile vada bene chiunque... Mi piacerebbe infatti sapere cosa avrebbe pensato la famiglia nel sapere che le cose stavano così... Altro che setendere un PEI in collaborazione con i familiari! Di certo nessuno è andato a dir loro chi seguiva il bambino. Però queste ore venivano pagate e il singolo bambino non ne traeva nessun beneficio, se non una gran confusione...
Tornare in alto Andare in basso
 
Educatori al posto degli insegnanti di sostegno?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» La situazione degli insegnanti di Religione
» Oggi al posto al sole
» Richiesta abilitazione - Problematiche degli Onicotecnici
» Il Dio degli Eserciti...
» il simbolo degli atei

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Sostegno-
Andare verso: