Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Patella



Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 2:50 pm

Buongiorno, vi sottopongo una questione che oggi è stata sollevata da una collega di inglese. Nella sua classe ci sono due ragazzi con DSA grave, ai quali è difficile pensare di far sostenere la prova scritta di lingua all'esame. Fino ad ora, in classe la docente ha fatto fare ai ragazzi prove pro-forma, sempre integrate dall'orale, ma ora, di fronte a una prova ufficiale come quella d'esame, si trova in difficoltà e vorrebbe procedere nel modo corretto. Le domande che mi ha fatto sono:
1. E' possibile, attraverso la psicologa che li segue, avanzare una richiesta di esonero dalle prove scritte? (io so che la legge, per quanto riguarda questo aspetto, non è ancora molto chiara, e che l'esonero da una prova - oltre che risultare magari discriminante per i ragazzi- potrebbe anche far correre il rischio ai ragazzi di non ottenere il diploma ma un semplice attestato di frequenza)
2. E' possibile che loro svolgano una prova identica ma da eseguire con modalità diverse (ad esempio si potrebbe somministrare, come prova di comprensione, un testo identico a quello della classe, con domande uguali che prevedano risposte strutturate per i ragazzi con DSA, mentre il resto della classe dovrà dare risposte aperte)? O questo significherebbe "differenziare" la prova e quindi invalidarla? Sono DSA, non disabili, e non hanno diritto a prove differenziate...

Chiedo gentilmente di rispondere prima possibile...nella mia scuola manca un referente DSA e ci si affida al "sentito dire"...io vorrei consigliare la mia collega nel modo migliore...chiedo anche di potermi dare i riferimenti normativi precisi, in modo da togliere ogni dubbio a me, oltre che alla mia collega! Grazie! Patella
Tornare in alto Andare in basso
LaVale



Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 3:17 pm

Entrambe le opzioni sono possibili.
La prima è prevista dalla nuova legge e dalle linee guida ad essa collegate. Naturalmente deve essere lo specialista a indicare la necessità dell'esonero dallo scritto, che viene sostituito da un orale.
Anche la seconda opzione è possibile; fino a prima dell'ultima normativa, questo era l'unico modo di adattare le prove consentito.
La scelta tra le due opzioni deve essere fatta in base alle difficoltà dell'alunno.
Tornare in alto Andare in basso
LaVale



Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 3:19 pm

PS: trovi tutto nella legge sui dsa e sulle linee guida!
Tornare in alto Andare in basso
Patella



Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 3:32 pm

Grazie, LaVale! ti riferisci al DM 12 luglio 2011 + linee guida, giusto? il dubbio mi è venuto perchè, durante un recente convegno sul tema, gli "esperti" hanno sconsigliato vivamente l'esonero...comunque, se le norme sono queste, e non ci sono ulteriori aggiornamenti, mercoledì porto tutto a scuola e ne parlo con la collega!
ciao!
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 3:47 pm

LaVale ha scritto:
Entrambe le opzioni sono possibili.
La prima è prevista dalla nuova legge e dalle linee guida ad essa collegate. Naturalmente deve essere lo specialista a indicare la necessità dell'esonero dallo scritto, che viene sostituito da un orale.
Anche la seconda opzione è possibile; fino a prima dell'ultima normativa, questo era l'unico modo di adattare le prove consentito.
La scelta tra le due opzioni deve essere fatta in base alle difficoltà dell'alunno.
LaVale sei sicuro/a. Nella nuova normativa si parla di esonero?
Tornare in alto Andare in basso
LaVale



Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 4:55 pm

carla75 ha scritto:
LaVale sei sicuro/a. Nella nuova normativa si parla di esonero?

Hai ragione, non è esonero, ma dispensa dalle prove scritte:

4.4 Didattica per le lingue straniere
Poiché la trasparenza linguistica, ossia la corrispondenza fra come una lingua si scrive e come
si legge, influisce sul livello di difficoltà di apprendimento della lingua da parte degli studenti con
DSA, è opportuno che la scuola, in sede di orientamento o al momento di individuare quale lingua
straniera privilegiare, informi la famiglia sull’opportunità di scegliere - ove possibile - una lingua
che ha una trasparenza linguistica maggiore. Analogamente, i docenti di lingue straniere terranno
conto, nelle prestazioni attese e nelle modalità di insegnamento, del principio sopra indicato.
In sede di programmazione didattica si dovrà generalmente assegnare maggiore importanza
allo sviluppo delle abilità orali rispetto a quelle scritte. Poiché i tempi di lettura dell’alunno con
DSA sono più lunghi, è altresì possibile consegnare il testo scritto qualche giorno prima della
lezione, in modo che l’allievo possa concentrarsi a casa sulla decodifica superficiale, lavorando
invece in classe insieme ai compagni sulla comprensione dei contenuti.
In merito agli strumenti compensativi, con riguardo alla lettura, gli alunni e gli studenti con
DSA possono usufruire di audio-libri e di sintesi vocale con i programmi associati. La sintesi vocale
può essere utilizzata sia in corso d’anno che in sede di esame di Stato.
Relativamente alla scrittura, è possibile l’impiego di strumenti compensativi come il computer
con correttore automatico e con dizionario digitale. Anche tali strumenti compensativi possono
essere impiegati in corso d’anno e in sede di esame di Stato.
Per quanto concerne le misure dispensative, gli alunni e gli studenti con DSA possono
usufruire:
· di tempi aggiuntivi;
· di una adeguata riduzione del carico di lavoro;
· in caso di disturbo grave e previa verifica della presenza delle condizioni previste all’Art. 6,
comma 5 del D.M. 12 luglio 2011, è possibile in corso d’anno dispensare l’alunno dalla
valutazione nelle prove scritte e, in sede di esame di Stato, prevedere una prova orale
sostitutiva di quella scritta, i cui contenuti e le cui modalità sono stabiliti dalla
Commissione d’esame sulla base della documentazione fornita dai Consigli di Classe.

Resta fermo che in presenza della dispensa dalla valutazione delle prove scritte, gli studenti
con DSA utilizzeranno comunque il supporto scritto in quanto utile all’apprendimento anche orale
delle lingue straniere, soprattutto in età adolescenziale.
In relazione alle forme di valutazione, per quanto riguarda la comprensione (orale o scritta),
sarà valorizzata la capacità di cogliere il senso generale del messaggio; in fase di produzione sarà
dato più rilievo all’efficacia comunicativa, ossia alla capacità di farsi comprendere in modo chiaro,
anche se non del tutto corretto grammaticalmente.
Lo studio delle lingue straniere implica anche l’approfondimento dei caratteri culturali e
sociali del popolo che parla la lingua studiata e, con l’avanzare del percorso scolastico, anche degli
aspetti letterari. Poiché l’insegnamento di tali aspetti è condotto in lingua materna, saranno in questa
sede applicati gli strumenti compensativi e dispensativi impiegati per le altre materie.
Sulla base della gravità del disturbo, nella scuola secondaria i testi letterari in lingua straniera
assumono importanza minore per l’alunno con DSA: considerate le sue possibili difficoltà di
memorizzazione, risulta conveniente insistere sul potenziamento del lessico ad alta frequenza
piuttosto che focalizzarsi su parole più rare, o di registro colto, come quelle presenti nei testi letterari.
Ai fini della corretta interpretazione delle disposizioni contenute nel decreto attuativo, pare
opportuno precisare che l’ “esonero” riguarda l’insegnamento della lingua straniera nel suo
complesso, mentre la “dispensa” concerne unicamente le prestazioni in forma scritta.


Tratto dalle Linee Guida.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 5:00 pm

LaVale ha scritto:
carla75 ha scritto:
LaVale sei sicuro/a. Nella nuova normativa si parla di esonero?

Hai ragione, non è esonero, ma dispensa dalle prove scritte:

4.4 Didattica per le lingue straniere
Poiché la trasparenza linguistica, ossia la corrispondenza fra come una lingua si scrive e come
si legge, influisce sul livello di difficoltà di apprendimento della lingua da parte degli studenti con
DSA, è opportuno che la scuola, in sede di orientamento o al momento di individuare quale lingua
straniera privilegiare, informi la famiglia sull’opportunità di scegliere - ove possibile - una lingua
che ha una trasparenza linguistica maggiore. Analogamente, i docenti di lingue straniere terranno
conto, nelle prestazioni attese e nelle modalità di insegnamento, del principio sopra indicato.
In sede di programmazione didattica si dovrà generalmente assegnare maggiore importanza
allo sviluppo delle abilità orali rispetto a quelle scritte. Poiché i tempi di lettura dell’alunno con
DSA sono più lunghi, è altresì possibile consegnare il testo scritto qualche giorno prima della
lezione, in modo che l’allievo possa concentrarsi a casa sulla decodifica superficiale, lavorando
invece in classe insieme ai compagni sulla comprensione dei contenuti.
In merito agli strumenti compensativi, con riguardo alla lettura, gli alunni e gli studenti con
DSA possono usufruire di audio-libri e di sintesi vocale con i programmi associati. La sintesi vocale
può essere utilizzata sia in corso d’anno che in sede di esame di Stato.
Relativamente alla scrittura, è possibile l’impiego di strumenti compensativi come il computer
con correttore automatico e con dizionario digitale. Anche tali strumenti compensativi possono
essere impiegati in corso d’anno e in sede di esame di Stato.
Per quanto concerne le misure dispensative, gli alunni e gli studenti con DSA possono
usufruire:
· di tempi aggiuntivi;
· di una adeguata riduzione del carico di lavoro;
· in caso di disturbo grave e previa verifica della presenza delle condizioni previste all’Art. 6,
comma 5 del D.M. 12 luglio 2011, è possibile in corso d’anno dispensare l’alunno dalla
valutazione nelle prove scritte e, in sede di esame di Stato, prevedere una prova orale
sostitutiva di quella scritta, i cui contenuti e le cui modalità sono stabiliti dalla
Commissione d’esame sulla base della documentazione fornita dai Consigli di Classe.

Resta fermo che in presenza della dispensa dalla valutazione delle prove scritte, gli studenti
con DSA utilizzeranno comunque il supporto scritto in quanto utile all’apprendimento anche orale
delle lingue straniere, soprattutto in età adolescenziale.
In relazione alle forme di valutazione, per quanto riguarda la comprensione (orale o scritta),
sarà valorizzata la capacità di cogliere il senso generale del messaggio; in fase di produzione sarà
dato più rilievo all’efficacia comunicativa, ossia alla capacità di farsi comprendere in modo chiaro,
anche se non del tutto corretto grammaticalmente.
Lo studio delle lingue straniere implica anche l’approfondimento dei caratteri culturali e
sociali del popolo che parla la lingua studiata e, con l’avanzare del percorso scolastico, anche degli
aspetti letterari. Poiché l’insegnamento di tali aspetti è condotto in lingua materna, saranno in questa
sede applicati gli strumenti compensativi e dispensativi impiegati per le altre materie.
Sulla base della gravità del disturbo, nella scuola secondaria i testi letterari in lingua straniera
assumono importanza minore per l’alunno con DSA: considerate le sue possibili difficoltà di
memorizzazione, risulta conveniente insistere sul potenziamento del lessico ad alta frequenza
piuttosto che focalizzarsi su parole più rare, o di registro colto, come quelle presenti nei testi letterari.
Ai fini della corretta interpretazione delle disposizioni contenute nel decreto attuativo, pare
opportuno precisare che l’ “esonero” riguarda l’insegnamento della lingua straniera nel suo
complesso, mentre la “dispensa” concerne unicamente le prestazioni in forma scritta.


Tratto dalle Linee Guida.
grazie!
Tornare in alto Andare in basso
LaVale



Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 5:06 pm

prego!!! =)
Tornare in alto Andare in basso
Patella



Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 5:15 pm

Si, stavo rileggendo anche io la normativa: l'esonero comporta la consegna di un semplice attestato, mentre la dispensa dalle prove scritte no. Ma mi chiedo:
1. Sarà da prevedere una prova orale di lingua che compensi la prova scritta? Mi spiego: durante la prova orale l'alunno dovrà svolgere una prova ulteriore di lingua che in qualche modo faccia riferimento allo scritto e lo compensi?
2. Se fino ad ora la collega ha fatto sostenere prove scritte all'alunno (facendo una valutazione diciamo "globale", che ha tenuto conto dello scritto e dell'orale) non dovrà riproporre la stessa modalità di valutazione all'alunno? Se io per tutto l'anno faccio fare prove con un metodo di valutazione "A", è coerente che, alla fine dell'anno, applichi un criterio di valutazione "B"?
Grazie
Tornare in alto Andare in basso
LaVale



Messaggi : 203
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 5:26 pm

In teoria sarebbe bene arrivare all'esame utilizzando le stesse procedure utilizzate durante l'anno, quindi la scelta delle modalità di valutazione dovrebbe essere fatta ad inizio anno.

Riprendendo il tuo primo messaggio, mi sembra ragionevole proporre delle prove d'esame uguali a quelle della classe, ma con domande a risposta chiusa. C'è ancora un mese in cui gli alunni si possono "allenare" a questa modalità.
Io l'ho utilizzata in diversi casi e ha sempre funzionato molto bene, specie se accompagnata dalla registrazione dei testi di comprensione. Questo si può fare anche all'esame, basta che una volta estratta la prova, l'insegnante registri il testo su MP3, in modo che l'alunno possa ascoltarlo quante volte vuole durante la prova (in alternativa si può procedere alla registrazione di tutte 3 le prove una volta che si è fatta la scelta).
Ovviamente, non è il caso di proporre questa modalità per la prima volta il giorno dell'esame.
Tornare in alto Andare in basso
Patella



Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))   Lun Apr 30, 2012 7:06 pm

Ok, grazie ancora!
Tornare in alto Andare in basso
 
ALUNNI DSA E PROVA D'ESAME DI LINGUA INGLESE E FRANCESE (TERZA MEDIA))
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Esame terza media per alunni DSA
» Esami di terza media e obbligo di assistenza alle prove scritte (alunno h non ammesso)
» Qual è il giusto atteggiamento da tenere con gli alunni?
» insegnare una lingua straniera al bimbo
» Lingua italiana - maschile e femminile

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Sostegno-
Andare verso: