Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
marika26



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 22.12.10

MessaggioOggetto: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 3:33 pm

La Fornero non ha peli sulla lingua e denuncia nell'intervento a un convegno sull'apprendistato a Torino "i nostri giovani sanno troppo poco. Non conoscono le lingue, l'italiano compreso e neanche i rudimenti della matematica. Non sanno fare di conto".

Il ministro ha citato alcuni dati sui giovani della fascia d'età fra 18 e 24 anni, con titolo di scuola media inferiore e non inseriti in altri percorsi formativi: la media europea è del 14%, in Italia del 18,8%, in Spagna dell'11% e in Francia del 12%.

Alle affermazioni della Fornero ha replicato l'esponente del FLI Marianello: "Il Ministro Fornero non deve attaccare i giovani che non sanno le tabelline. Se i giovani italiani hanno problemi con italiano, matematica e inglese, forse le responsabilità maggiori vanno attribuite al sistema educativo, alla Scuola e agli insegnanti. Le consiglio di farsi già oggi un happy hour con il ministro Profumo e iniziare a buttare giù una seria riforma di Scuola e Università, la principale riforma da fare se si vogliono aiutare i giovani italiani a trovare lavoro".











Tornare in alto Andare in basso
marika26



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 22.12.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 3:41 pm

e io aggiungerei...e continuando così sapranno sempre meno!
Tornare in alto Andare in basso
paolopaolo



Messaggi : 3104
Data d'iscrizione : 12.10.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 3:44 pm

proposte:
- modificare la legge sull'obbligo scolastico
- garantire la libertà d'insegnamento
- eliminare la burocrazia scolastica
- limitare il ruolo dei genitori
- eliminare il precariato
- investire nella scuola
- alzare gli stipendi
- lasciare che gli insegnanti facciano il loro lavoro
Tornare in alto Andare in basso
gis



Messaggi : 123
Data d'iscrizione : 27.10.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 4:01 pm

paolopaolo ha scritto:
proposte:
- modificare la legge sull'obbligo scolastico
- garantire la libertà d'insegnamento
- eliminare la burocrazia scolastica
- limitare il ruolo dei genitori
- eliminare il precariato
- investire nella scuola-
alzare gli stipendi-
lasciare che gli insegnanti facciano il loro lavoro
concordo, soprattutto con quanto messo n grassetto.
aggiungo che gli italiani scolari di 50 anni fa sapevano far di conto già alla fine delle elementari perché se non sapevano venivano bocciati, senza nessuno che li compativa o peggio giustificava promuovendoli a tutti i costi
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 8:58 pm

paolopaolo ha scritto:
proposte:
- modificare la legge sull'obbligo scolastico
- garantire la libertà d'insegnamento
- eliminare la burocrazia scolastica
- limitare il ruolo dei genitori
- eliminare il precariato
- investire nella scuola
- alzare gli stipendi
- lasciare che gli insegnanti facciano il loro lavoro

Magari facciamo anche qualcosa di semplice: alla scuola elementare non si deve usare la calcolatrice.
Tornare in alto Andare in basso
gis



Messaggi : 123
Data d'iscrizione : 27.10.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 9:22 pm

se possibile neanche alle medie, poi bisognerebbe imparare a usare il dizionario cartaceo, ricominciare a scrivere bene in corsivo ecc...
piccole cose che si sono perse, che sembrano dettagli, ma causano disastri se non fatte
Tornare in alto Andare in basso
marika26



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 22.12.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 10:25 pm

gis ha scritto:
paolopaolo ha scritto:
proposte:
- modificare la legge sull'obbligo scolastico
- garantire la libertà d'insegnamento
- eliminare la burocrazia scolastica
- limitare il ruolo dei genitori
- eliminare il precariato
- investire nella scuola-
alzare gli stipendi-
lasciare che gli insegnanti facciano il loro lavoro
concordo, soprattutto con quanto messo n grassetto.
aggiungo che gli italiani scolari di 50 anni fa sapevano far di conto già alla fine delle elementari perché se non sapevano venivano bocciati, senza nessuno che li compativa o peggio giustificava promuovendoli a tutti i costi
Concordo..il problema di oggi è che si vuole promuovere a tutti i costi: i ragazzi sono troppo compatiti e poco responsabilizzati...un tempo non era così e il livello culturale era di gran lunga superiore!
Tornare in alto Andare in basso
marika26



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 22.12.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 10:27 pm

Le ingerenze dei genitori hanno completamente rovinato la scuola!
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mar Mag 08, 2012 10:46 pm

paolopaolo ha scritto:
proposte:
- modificare la legge sull'obbligo scolastico
- garantire la libertà d'insegnamento
- eliminare la burocrazia scolastica
- limitare il ruolo dei genitori
- eliminare il precariato
- investire nella scuola
- alzare gli stipendi
- lasciare che gli insegnanti facciano il loro lavoro

1. Modificare in che direzione? Io sono dell'opinione che esiste il diritto allo studio e il dovere allo studio: durante l'obbligo scolastico lo Stato è depositario dei due aspetti (offre la possibilità di studiare e al contempo obbliga, appunto, a studiare). Superata questa soglia, a mio avviso lo studio è una scelta, ma se non ti applichi, quella è la porta! Anche se ritengo ugualmente che si debbano offrire tutti gli strumenti prima di cedere le armi, ma poi la porta è quella: si apre, si attraversa, si saluta, si chiude e non si fa più ritorno...

2. Libertà di insegnamento? Sicuramente, ma io punterei più sulla separazione dell'insegnamento dalla valutazione e la certificazione: cioè nella stessa figura non devono coincidere i due momenti (non sarà un caso che i genitori più aggressivi verso i docenti dei loro pargoli improvvisamente si preoccupano che non superino la prova INVALSI? forse perché lì sarà solo responsabilità del pargolo il voto che prenderà e non dei docenti cattivi e insensibili?)

3. La burocrazia è un pantano a livello nazionale: bisognerebbe davvero pensare a un azzeramento dei codici civile, penale e amministrativo e riscriverli daccapo. Però magari qualcosa si potrebbe anche fare nel medio termine (ma ne dubito).

4. Oltre quanto già detto al punto 2, direi che cmq i genitori hanno il diritto/dovere di intervenire nell'educazione scolastica dei loro figli, ma ci deve essere appunto una struttura che di base impedisca un'ingerenza oltre misura.

5. Il precariato, altro pantano nazionale. Ricordiamocene nel giorno delle elezioni (e non solo).

6. Vedi punto 5

7. Vedi punto 5

8. Vedi punto 2, e ribadisco: solo gli insegnanti, lasciando ad altri momenti e ad altre figure le certificazioni. Mi spiace dirla in questi termini, ma siamo arrivati a una tale svalutazione del ruolo del docente, da parte di tantissime porzioni della società civile, che solo con una cura d'urto si potrà cambiare rotta. Anelo un sistema scolastico e anche dei diplomi di ogni ordine e grado in cui gli esaminandi debbano letteralmente sputare sangue per ottenere l'agognato pezzo di carta, anche a costo di porre dei tetti da paura (della serie: !di voi mille ne passerà uno solo, fatevene una ragione!"). Chissà se così avremo finalmente studenti che durante le lezioni non si rifanno il trucco guardandosi nello specchietto nascosto nel diario, piccole orge sotto i banchi, spernacchiamenti vari all'indirizzo del docente sfigato, ecc. ecc.

Ok, sì, oggi sono un po' in acido. Capita...
Tornare in alto Andare in basso
paolopaolo



Messaggi : 3104
Data d'iscrizione : 12.10.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mer Mag 09, 2012 6:34 pm

Albith ha scritto:
paolopaolo ha scritto:
proposte:
- modificare la legge sull'obbligo scolastico
- garantire la libertà d'insegnamento
- eliminare la burocrazia scolastica
- limitare il ruolo dei genitori
- eliminare il precariato
- investire nella scuola
- alzare gli stipendi
- lasciare che gli insegnanti facciano il loro lavoro

1. Modificare in che direzione? Io sono dell'opinione che esiste il diritto allo studio e il dovere allo studio: durante l'obbligo scolastico lo Stato è depositario dei due aspetti (offre la possibilità di studiare e al contempo obbliga, appunto, a studiare). Superata questa soglia, a mio avviso lo studio è una scelta, ma se non ti applichi, quella è la porta! Anche se ritengo ugualmente che si debbano offrire tutti gli strumenti prima di cedere le armi, ma poi la porta è quella: si apre, si attraversa, si saluta, si chiude e non si fa più ritorno...

obbligo di andare a scuola fino a 16 anni, ma non di conseguire la terza media
basterebbe semplicemente questo per bocciare chi merita la bocciatura

2. Libertà di insegnamento? Sicuramente, ma io punterei più sulla separazione dell'insegnamento dalla valutazione e la certificazione: cioè nella stessa figura non devono coincidere i due momenti (non sarà un caso che i genitori più aggressivi verso i docenti dei loro pargoli improvvisamente si preoccupano che non superino la prova INVALSI? forse perché lì sarà solo responsabilità del pargolo il voto che prenderà e non dei docenti cattivi e insensibili?)

3. La burocrazia è un pantano a livello nazionale: bisognerebbe davvero pensare a un azzeramento dei codici civile, penale e amministrativo e riscriverli daccapo. Però magari qualcosa si potrebbe anche fare nel medio termine (ma ne dubito).

4. Oltre quanto già detto al punto 2, direi che cmq i genitori hanno il diritto/dovere di intervenire nell'educazione scolastica dei loro figli, ma ci deve essere appunto una struttura che di base impedisca un'ingerenza oltre misura.
quanti intervengono nell'educazione scolastica e non?

5. Il precariato, altro pantano nazionale. Ricordiamocene nel giorno delle elezioni (e non solo).

6. Vedi punto 5

7. Vedi punto 5

8. Vedi punto 2, e ribadisco: solo gli insegnanti, lasciando ad altri momenti e ad altre figure le certificazioni. Mi spiace dirla in questi termini, ma siamo arrivati a una tale svalutazione del ruolo del docente, da parte di tantissime porzioni della società civile, che solo con una cura d'urto si potrà cambiare rotta. Anelo un sistema scolastico e anche dei diplomi di ogni ordine e grado in cui gli esaminandi debbano letteralmente sputare sangue per ottenere l'agognato pezzo di carta, anche a costo di porre dei tetti da paura (della serie: !di voi mille ne passerà uno solo, fatevene una ragione!"). Chissà se così avremo finalmente studenti che durante le lezioni non si rifanno il trucco guardandosi nello specchietto nascosto nel diario, piccole orge sotto i banchi, spernacchiamenti vari all'indirizzo del docente sfigato, ecc. ecc.

Ok, sì, oggi sono un po' in acido. Capita...
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Mer Mag 09, 2012 7:03 pm

Ho un consiglio per il ministro Fornero: ne parli col ministro Profumo, faccia mandare una circolare ai D.S. per fare cambiare i POF e ritornare ai vecchi voti per cui 7 vale BUONO, 8 MOLTO BUONO, 9 DISTINTO, 10 OTTIMO (oggi invece l'8 vale BUONO e il 7 è DISCRETO). Poi mandi una circolare alle famiglie, per il tramite delle Scuole spiegando che, nonostante di fatto, la situazione socio-economica non consenta di collegare la Scuola al post-Scuola (es. lavoro), non per questo si deve adottare una valutazione permissivista, come oggi accade, perchè i figli studieranno sempre meno. E che si studia per la "formazione", come si faceva un tempo. Insomma, una bella circolare educativa per alunnie famiglie, per il tramite dei D.S. che son contenti se la valutazione è permissiva.

Ovviamente, dico io, questo è il dovere delle Scuole Pubbliche. Le Private possono fare ciò che vogliono, anche adottare valutazioni permissiviste, ma non c'è pericolo che le famiglie scappino dalle Scuole Pubbliche perchè c'è una forte crisi economica (quindi non c'è pericolo di soprannumerarietà, derivata dal fatto che gli alunni scappanno dalle Sc. Pubbliche).

Poi scriva alle Università e dica che la smettano - soprattutto le facoltà umanistiche - di valutare con voti 9 e 10 (cioè dal 27 al 30): e dica alle Unviersità che non è onesto badare solo al marketing, perchè la didattica è il primum dell'Università, perchè da questa passa anche il destino dei futuri ricercatori. Ovviamente, le Università non capiranno... perchè da molto tempo sono un mondo autoreferenziale.
Una cosa incresciosa per esempio è successa a Milano Bicocca (facoltà di Psicologia) che ha cancellato tutti i test di ammissione per il numero chiuso e dall'anno prossimo - per far selezione - si baseranno sulla media del 7,5 del terzo e quarto anno di Scuola superiore. Propro le facoltà psicopedagogiche - che organizzano Ssis, Tfa e docimologie fantasiose che impongono alla Scuola - alla fine si astengono dal selezionare in proprio gli studenti e delegano alla Scuola, fomendando la foga al voto più alto da parte di studenti e famiglie.

Insomma, che Fornero prenda in mano carta e penna: perchè ce n'è per tutti.

Mi dispiace solo che le vittime sono i giovani, che questa generazione di adulti - compresi gli insegnanti e anche le nuove infornate di D.S. - hanno ingannato dal punto di vista culturale ed economico (vedi lavoro e pensioni contributive).
Tornare in alto Andare in basso
marika26



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 22.12.10

MessaggioOggetto: Re: Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l   Gio Mag 10, 2012 11:39 am

Pienamente d'accordo con tutti voi..di cose incresciose nelle scuole ne succedono in continuazione e dovremmo prendere anche noi carta e penna e scrivere al ministro o sui giornali!
Tornare in alto Andare in basso
 
Fornero: "i nostri giovani sanno troppo poco: non conoscono le lingue,l'Italiano e neanche i rudimenti di Matematica...." l
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Beta che cresce troppo poco
» ecografia 31 settimane
» [libro] MAMME CHE AMANO TROPPO
» [Articolo] Il bambino "troppo" amato - Processo a mamma e nonni
» Cose che tutti (o quasi) sanno ma che non bisogna dire!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: