Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 ORIENTAMENTO:ANCORA UNA VOLTA IL MINISTRO PROFUMO DIMOSTRA DI NON CONOSCERE COME OPERANO MOLTE SCUOLE ITALIANE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: ORIENTAMENTO:ANCORA UNA VOLTA IL MINISTRO PROFUMO DIMOSTRA DI NON CONOSCERE COME OPERANO MOLTE SCUOLE ITALIANE   Ven Lug 06, 2012 12:19 pm

"L'orientamento alla scelta della facoltà universitaria dovrebbe iniziare già al quarto anno delle superiori". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo durante una visita alla redazione della rivista Corriere dell'Università Job, a Roma
"Sto pensando - ha detto Profumo - a un sistema di orientamento che coinvolga gli studenti più grandi, e agli operatori del mondo del lavoro, ad esempio con visite nelle aziende, oltre ovviamente alle istituzioni, che devono fare la loro parte. Anticipare questo aspetto al quarto anno permetterebbe agli studenti una scelta più consapevole".
"In tutti i paesi normali ci si prepara un anno prima per i test d'ammissione all'università - ha ribadito - iniziare a luglio o agosto è sbagliato". Nei paesi stranieri si inizia a prepararsi almeno un anno prima".

IL mio commento è:
Perché Profumo non si informa su come operano molte scuole italiane?
Da diversi anni in molti istituti, forse non in tutti, l’orientamento comincia nelle classi quarte, per poi completarsi in quinta. Nell’intervista da per scontato che questo in Italia non si verifichi e parla degli altri Paesi come “normali”…….. l’Italia cosa sarebbe allora????

Cosa ne pensate?
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47867
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: ORIENTAMENTO:ANCORA UNA VOLTA IL MINISTRO PROFUMO DIMOSTRA DI NON CONOSCERE COME OPERANO MOLTE SCUOLE ITALIANE   Ven Lug 06, 2012 1:08 pm

Che hai ragione tu. Anche nelle scuole dove ho lavorato io, l'orientamento inizia in quarta.
Inoltre si nota anche da queste dichiarazioni come le sue preoccupazioni siano orientate solo all'università e non alla scuola superiore. Quando dice che "in tutti i paesi normali ci si prepara un anno prima per i test d'ammissione all'università", mi chiedo se durante la quinta dobbiamo fare il normale programma e prepararli all'esame di stato o concentrarci solo sui test di ammissione all'università. Io direi invece che, se questi test hanno lo scopo di verificare la preparazione ottenuta nelle scuole superiori e necessaria per affrontare gli studi universitari, dovrebbero essere più coerenti con quello che si fa a scuola (non li ho mai studiati bene, quindi non so se già lo siano, ma leggo che ogni anno ci sono polemiche), così svolgendo il programma scolastico e preparando gli studenti all'esame di stato li si preparerebbe anche per i test universitari, senza che le due cose siano messe in contrapposizione.
Non si può ignorare infine che non tutti coloro che frequentano una scuola superiore sono intenzionati ad iscriversi alle università e ancor meno ad una facoltà a numero chiuso, quindi queste attività dovrebbero rimanere opzionali ed essere svolte in orario extra-curricolare.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: ORIENTAMENTO:ANCORA UNA VOLTA IL MINISTRO PROFUMO DIMOSTRA DI NON CONOSCERE COME OPERANO MOLTE SCUOLE ITALIANE   Ven Lug 06, 2012 5:26 pm

Inserisco un 2° commento

Un' altra considerazione che ritengo importante, che Profumo non ha, "stranamente", considerato è la seguente:
L'attività di orientamento ha dei costi che devono essere coperti con il Fondo di istituto che, ormai, è ridotto all'osso in tutte le scuole.
In ogni scuola penso che esista la figura della Funzione strumentale che si occupa dell'orientamento in entrata e in uscita. Spesso il responsabile della Funzione ha le mani legate in quanto non può organizzare, programmare e portare avanti attività e progetti legati all'orientamento perchè la scuola "non ha soldi". Alcune attività possono essere portate avanti solo per gruppi non molto numerosi e questo porta inevitabilmente all'esclusione delle classi quarte.
In molte scuole mi è capitato che per poter partecipare alla "Giornata dell'orientamento" o per visite guidate presso i diversi Atenei, gli studenti si dovessero "quotare" per noleggiare il mezzo con il quale recarsi nei centri dove avavano sede le strutture da visitare, proprio per mancanza di fondi da parte delle scuole.
Come mai di questo Profumo non ne ha tenuto conto, nel suo intervento?
Quello che a me pare inconcepibile è che simili discorsi vengono fatti in questo periodo, con la Spending Review che stabilisce ancora una volta tagli per la Scuola pubblica, per l'Università e per la Ricerca,ma....UDITE UDITE.....vengono stanziati 200 milioni come previsione di spesa per il sistema degli istituti non statali
Tornare in alto Andare in basso
 
ORIENTAMENTO:ANCORA UNA VOLTA IL MINISTRO PROFUMO DIMOSTRA DI NON CONOSCERE COME OPERANO MOLTE SCUOLE ITALIANE
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Zia per la seconda volta
» sperando sia la volta buona.....
» Ora di religione: cosa propone Profumo?
» La mia prima volta con lo smalto semipermanente :)
» ... ho sentito il suo cuore battere,

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: