Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Mer Ago 15, 2012 11:45 pm

Non sono sicura che sia il sottoforum adatto, eventualmente inviterei i moderatori a spostarlo in un luogo più opportuno.

Ennesima discussione (come se proprio il giorno di Ferragosto la gente non avesse altro da fare), con l'ennesima ignorante, ottusa e invelenita, che sostiene che io "abbia tre mesi di ferie", e che questo sia un'inqualificabile ingiustizia.

Cerco di farle presente, con la massima tranquillità possibile, che ho finito gli esami il 12 luglio e che ricomincio il primo settembre (che è pure sabato), e che quindi questi famigerati giorni di libertà saranno oggettivamente un po' di più rispetto alla media di altri lavoratori, ma che non sono affatto "tre mesi"... e che quindi, se continua a ripetere ossessivamente che sono tre mesi, vuol dire che è in malafede.

Allora riparte con uno sproloquio in cui accusa me di essere in malafede, perché lo sanno tutti che gli insegnanti hanno tre mesi di ferie, e io sono una ignobile viziata che "non ha mai avuto il problema di dove piazzare i figli d'estate quando la scuola è chiusa", a differenza delle persone che lavorano davvero (come se io, dalla metà di giugno alla metà di luglio, li lasciassi soli a casa, o me li portassi a fare esami con me).

Poi, di solito, in casi del genere, interviene qualcun altro a dire che in fondo il mio accusatore ha ragione perché, anche se non è vero che siano proprio tre mesi, sono sempre "troppi", e quindi è vero che devo sentirmi in colpa lo stesso.

Giuro, non ce la faccio più.
E la scuola non è ancora ricominciata.

Lisa

Tornare in alto Andare in basso
ori79



Messaggi : 1284
Data d'iscrizione : 14.06.11

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 12:38 am

Non ragioniam di loro, ma guarda e passa...
Spiega una sola volta poi sorridi e lascia parlare. Smetteranno ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 1:00 am

paniscus ha scritto:
Non sono sicura che sia il sottoforum adatto, eventualmente inviterei i moderatori a spostarlo in un luogo più opportuno.

Ennesima discussione (come se proprio il giorno di Ferragosto la gente non avesse altro da fare), con l'ennesima ignorante, ottusa e invelenita, che sostiene che io "abbia tre mesi di ferie", e che questo sia un'inqualificabile ingiustizia.

Cerco di farle presente, con la massima tranquillità possibile, che ho finito gli esami il 12 luglio e che ricomincio il primo settembre (che è pure sabato), e che quindi questi famigerati giorni di libertà saranno oggettivamente un po' di più rispetto alla media di altri lavoratori, ma che non sono affatto "tre mesi"... e che quindi, se continua a ripetere ossessivamente che sono tre mesi, vuol dire che è in malafede.

Allora riparte con uno sproloquio in cui accusa me di essere in malafede, perché lo sanno tutti che gli insegnanti hanno tre mesi di ferie, e io sono una ignobile viziata che "non ha mai avuto il problema di dove piazzare i figli d'estate quando la scuola è chiusa", a differenza delle persone che lavorano davvero (come se io, dalla metà di giugno alla metà di luglio, li lasciassi soli a casa, o me li portassi a fare esami con me).

Poi, di solito, in casi del genere, interviene qualcun altro a dire che in fondo il mio accusatore ha ragione perché, anche se non è vero che siano proprio tre mesi, sono sempre "troppi", e quindi è vero che devo sentirmi in colpa lo stesso.

Giuro, non ce la faccio più.
E la scuola non è ancora ricominciata.

Lisa

Io ti direi di mandarla a..............
Perchè non ha fatto, la signora in questione, il tuo percorso di studi ed è diventata insegnante, dal momento che lo ritiene un lavoro ....riposante????
Nessuno glielo avrà impedito!
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 8:21 am

Mi incuriosisce l'aspetto di "dover piazzare i figli quando la scuola è chiusa". Vorrebbero forse che i figli andassero a scuola anche tutto luglio e tutto settembre e magari anche una settimana ad agosto?

E poi magari 8 ore al giorno minimo?

Giusto per capire questa visione dei figli modello valigie ingombranti da lasciare in un deposito bagagli dagli orari comodi...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 9:11 am

per Albith: ma certo... si vede che non hai mai frequentato un forum (o anche un giardinetto pubblico) ad alta densità di Mamme Italiane Medie.

La scuola dovrebbe essere aperta tutta l'estate, perché altrimenti i genitori non hanno nessuno che faccia da baby sitter ai loro figli mentre loro lavorano. Però dovrebbe essere aperta solo facoltativamente, senza obblighi, senza compiti, senza lezioni e senza voti, altrimenti sarebbe una crudeltà perché fa caldo e quei poveri cocchi si stancano troppo... e poi guai a mettere in dubbio il diritto assoluto delle famiglie di decidere quando e come portarseli in vacanza.

Ossia, in pratica la scuola dovrebbe essere sempre aperta, tranne al massimo una settimana o due a metà agosto, come le fabbriche metalmeccaniche, gli insegnanti dovrebbero essere costretti a venire a scuola anche se non c'è nessuno (perché altrimenti non è giusto nei confronti di altri lavoratori che hanno le ferie più brevi), e se c'è qualcuno dovrebbero solo limitarsi a fare da animatori e intrattenitori, ma non certo a fare lezione.

Questo vale soprattutto per gli insegnanti delle elementari e delle medie: tale preoccupazione, miracolosamente, svanisce di colpo non appena i ragazzi sono abbastanza grandi da essere lasciati per qualche ora a casa soli, o per andare in vacanza senza genitori. Allora, misteriosamente, questo genere di genitori si dimentica completamente di tutta l'emergenza assoluta lamentata fino a un anno o due prima, e comincia a lamentarsi dell'esatto contrario... ovvero, che quei bastardi di insegnanti hanno fissato il corso di recupero estivo proprio nella settimana in cui il pupo deve andare in Inghilterra, o in cui è stato invitato al mare dai cugini, e che lo fanno apposta per fare dispetto alle famiglie.

Ovviamente, quando vengono accusati di riempire sadicamente l'estate di impegni ricattatori, fatti apposta per rovinare la vita alle famiglie, vengono CONTEMPORANEAMENTE anche accusati di avere tre mesi di ferie.

Davvero non lo sapevi? : - )

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
pulsar



Messaggi : 221
Data d'iscrizione : 21.07.12

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 9:32 am

Quante cose condivisibili hai scritto,Lisa!
A quella gentile signora potevi chiedere cosa fa la sera a casa dopo il lavoro.Io trascorro un paio di orette a cercare materiale e a pensare come risolvere problemi.Potevi anche dire che i giorni di ferie sono 32+4 e che esse,salvo 6 giorni(a determinate condizioni),si possono godere solo a scuole chiuse.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 11:43 am

Albith ha scritto:
Mi incuriosisce l'aspetto di "dover piazzare i figli quando la scuola è chiusa". Vorrebbero forse che i figli andassero a scuola anche tutto luglio e tutto settembre e magari anche una settimana ad agosto?

E poi magari 8 ore al giorno minimo?

Giusto per capire questa visione dei figli modello valigie ingombranti da lasciare in un deposito bagagli dagli orari comodi...

Mi è capitato di assistere a una scena...aberrante!!!!
Una mia amica era scocciata e si lamentava con un'altra su amica, perchè alla scuola elmentare facevano il ponte per il martedì grasso, quindi doveva sorbirsi il figlio per tre giorni di seguito!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 2:51 pm

Barbara: da questo punto di vista, però, il problema pratico posso anche capirlo, perché una famiglia in cui i genitori lavorano entrambi a tempo pieno (magari in aziende piccolissime in cui l'organizzazione dei permessi e delle sostituzioni è molto più complicata che per noi), e che non ha aiuti familiari disponibili facilmente... il problema di come tamponare le lunghe interruzioni delle attività scolastiche, quando i genitori hanno solo pochi giorni di ferie, esiste davvero.

E in molte scuole esiste davvero il malcostume di annunciare i ponti e le interruzioni con pochissimi giorni di anticipo. E' capitato anche a me con la scuola elementare di mia figlia, in cui la sospensione per il ponte di Carnevale è stata comunicata solo due giorni prima.

Per me non era un problema grosso, perché ho la fortuna di avere i genitoti vicino, e un marito che lavora con orari molto liberi, quindi ho potuto organizzarmi in altro modo... ma capisco che per il dipendente di una piccola ditta privata, o magari di un negozio, in cui i permessi vanno richiesti molti giorni prima altrimenti si blocca tutto, e che non ha nonni disponibili, la difficoltà esiste eccome. Per cui, che una mamma lavoratrice sia molto risentita perché si è trovata improvvisamente da coprire due o tre giorni in più, venendone a conoscenza solo all'ultimo momento, e dovendo per questo bruciarsi dei giorni di ferie che poi dovrà scalare dal totale di quelli estivi, umanamente lo posso capire eccome.

Quello che non sopporto è che venga scaricato sulle spalle degli insegnanti, sostenendo che lavorino troppo poco, che siano pagati troppo per quel poco che lavorano, e che quindi (per "giustizia" verso gli altri lavoratori) dovrebbero essere caricati del compito di fare comunque da babysitter anche quando non c'è lezione. Tutte le volte che c'è una qualsiasi interruzione dell'attività didattica, qualsiasi, per qualunque motivo più disparato (dallo sciopero, all'assemblea sindacale, all'emergenza climatica), torna fuori questo tormentone: "non gli basta avere tre mesi di ferie, adesso pure lo sciopero?"... oppure "anche se nevica, io al lavoro ci devo andare lo stesso, e invece quei privilegiati degli insegnanti se ne stanno a poltrire a casa..."

E la cosa più paradossale, tanto che non ho MAI capito come sia nato questo equivoco, tutti sono convinti che gli insegnanti (oltre ad avere 'sti mitici tre mesi di ferie) abbiano anche permessi ILLIMITATI e abbiano la possibilità di starsene sempre a casa ogni volta che vogliono. La percentuale di genitori che si lamenta che gli insegnanti del proprio figlio "sono sempre assenti", e che si facciano le settimane intere di vacanza a sbafo, è altissima.

E' possibile capire da dove arrivi questa leggenda... visto che io, per prendermi un unico giorno libero fuori programma, devo sputare sangue per supplicare i colleghi di sostituirmi gratis, o devo feudalmente raccontare i cavoli miei al preside, che giudica se la mia motivazione è abbastanza seria o no?

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
webprof1977



Messaggi : 887
Data d'iscrizione : 03.05.11
Località : Cuneo

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 3:03 pm

negli anni ho sperimentato una risposta infallibile che non ha mai deluso le aspettative: dov'eri negli ultimi 15 anni quando io passavo le notti a studiare? in discoteca? in giro con le amiche? ecco... adesso tocca a me! potevi studiare per diventare insegnante e goderti i tre mesi di vacanze (che poi non sia vero nulla, è inutile specificarlo, perchè queste persone la pensano in un certo modo e restano della stessa opinione, come per i pargoli pacchetto!). ti assicuro che mi è capitato tantissime volte e non ho mai ricevuto replica.
Tornare in alto Andare in basso
webprof1977



Messaggi : 887
Data d'iscrizione : 03.05.11
Località : Cuneo

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 3:05 pm

p.s. volevo sottoscrivere che quanto scritto sopra dai colleghi è assolutamente vero anche per me! normalmente, le persone che fanno di queste obiezioni hanno anche quei deliziosi figlioli che metterebbero sì a scuola volendo anche più del dovuto, ma per scaldare le sedie.
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25625
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 3:12 pm

webprof1977 ha scritto:
negli anni ho sperimentato una risposta infallibile che non ha mai deluso le aspettative: dov'eri negli ultimi 15 anni quando io passavo le notti a studiare? in discoteca? in giro con le amiche? ecco... adesso tocca a me! potevi studiare per diventare insegnante e goderti i tre mesi di vacanze (che poi non sia vero nulla, è inutile specificarlo, perchè queste persone la pensano in un certo modo e restano della stessa opinione, come per i pargoli pacchetto!). ti assicuro che mi è capitato tantissime volte e non ho mai ricevuto replica.



Certo bisogna vedere cosa fanno questi personaggi. Se con il diploma guadagnano il doppio o il triplo dell'insegnante non si sentiranno di certo scalfiti...
Tornare in alto Andare in basso
AlessiaM



Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 12.03.11

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 3:17 pm

Bisognerebbe farle fare una settimana di lavoro a scuola, da precaria, in classe indomabile, con colloqui genitori, infortuni, genitori polemici e gita scolastica non pagata perchè non ci sono soldi: vediamo se la pensa ancora così. poi son d'accordo che ci siano anche tanti insegnanti che si lamentino eccessivamente.
Tornare in alto Andare in basso
Anto79



Messaggi : 249
Data d'iscrizione : 10.05.11

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 3:19 pm

Io rispondo sempre: "E allora perché non hai scelto di fare l'insegnante anche tu?
Sei proprio scemo, eh, mentre io ho capito tutto della vita!"

Nessuno ha mai replicato dopo.
Tornare in alto Andare in basso
webprof1977



Messaggi : 887
Data d'iscrizione : 03.05.11
Località : Cuneo

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 3:37 pm

Anto79 ha scritto:
Io rispondo sempre: "E allora perché non hai scelto di fare l'insegnante anche tu?
Sei proprio scemo, eh, mentre io ho capito tutto della vita!"

Nessuno ha mai replicato dopo.

90 minuti di applausi!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 3:38 pm

Ma in tal caso sarebbe facilissimo rispondere... "e allora di che ti lamenti? tu non sopporteresti mai di guadagnare tanto poco quanto un insegnante, io non sopporterei mai di dover lavorare tanto quanto te, quindi siamo felici tutti e due!".

Salvo poi che non partano con il tormentone di riserva (anche quello, molto diffuso) secondo cui gli insegnanti "si lamentano di guadagnare poco ma poi vivono nel lusso" perché sono tutti borghesi benestanti di famiglia, o perché si arricchiscono con le ripetizioni al nero, oppure perché sono donne con mariti primari medici o supermanager.

Quando invece, in realtà, sono ragionevolmente sicura che quella categoria di colleghe (signore benestanti, con eredità di famiglia e con mariti facoltosi, che vivono molto al di sopra del livello del proprio stipendio) sia stata comune in passato, ma adesso sia diventata rarissima e prossima all'estinzione... quelle poche che ci sono sono tutte anziane, e considerate macchiette ridicole da tutti gli altri!

Ma il confronto con quel genere di personaggi macchiettistici proprio non mi interessa.

Quello che mi fa venire il travaso di bile è quando, a farci la guerra ideologica, sono invece persone che, da un punto di vista economico e sociale, stanno combinate quasi identicamente come noi, guadagnano quanto noi (o magari anche un po' di più), hanno diritti uguali ai nostri in materia sindacale, previdenziale e simili, e hanno problemi quasi identici ai nostri in tutti gli aspetti della vita familiare quotidiana.

Voglio dire, posso umanamente comprendere che la lamentela arrivi dalla commessa precaria e sfruttatissima che fa turni insostenibili senza un contratto regolare, alla quale non hanno consentito nemmeno di prendersi la maternità obbligatoria... ma per quale stracavolo di motivo dovrebbe venire da un'impiegata del comune, o dal dipendente di una ditta di informatica, che si sbatte più o meno quanto noi, e che ha tutte le garanzie di legge che abbiamo noi, è questo che mi fa specie!

Invece no, stanno a rodersi il fegato nella convinzione che noi abbiamo infiniti privilegi più di loro, e che stiamo rubando qualcosa a loro!...
Tornare in alto Andare in basso
webprof1977



Messaggi : 887
Data d'iscrizione : 03.05.11
Località : Cuneo

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 3:39 pm

gugu ha scritto:
Certo bisogna vedere cosa fanno questi personaggi. Se con il diploma guadagnano il doppio o il triplo dell'insegnante non si sentiranno di certo scalfiti...

di solito guadagnano il triplo, hanno figli insopportabili che non sanno gestire, e non hanno tempo nè per godersi i loro soldi, nè i figli... il nostro è il mestiere più bello del mondo! un mestiere bello sia quando sei in aula che fuori. e io me la godo. non vedo l'ora di tornare in aula genteeeeeeeeeeeeee! :-D
Tornare in alto Andare in basso
Il volpino di Pomerania



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 08.08.12
Età : 40
Località : Bergamo

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 8:32 pm

Futtitavìnn (fottetevene) che è meglio...
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 8:49 pm

paniscus ha scritto:
Barbara: da questo punto di vista, però, il problema pratico posso anche capirlo
No Lisa, non era un problema pratico...
La persona che ha fatto questa affermazione la conosco bene; semplicemente era stressata dal figlio, un bambino quasi "ipercinetico".
Ora, io posso capire che i figli stressino, ma chi fa figli dovrebbe sapere che i bambini non sono angioletti caduti dal cielo :-)
Tornare in alto Andare in basso
JaneEyre



Messaggi : 1257
Data d'iscrizione : 25.11.11

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 8:59 pm

Anto79 ha scritto:
Io rispondo sempre: "E allora perché non hai scelto di fare l'insegnante anche tu?
Sei proprio scemo, eh, mentre io ho capito tutto della vita!"

Nessuno ha mai replicato dopo.

Sì sì, funziona! Anch'io rispondo così, anche agli studenti. Una volta me lo disse uno studente di quinta tutto droghe e discoteca (che faccia tosta!): "voi professori non fate niente e prendete i soldi lo stesso". Gli ho risposto proprio di laurearsi e fare il professore allora, visto che è così bello prendere soldi facendo nulla. Non è più ritornato sull'argomento, in seguito ha fatto scena muta all'orale di maturità ed è stato bocciato.
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 10:08 pm

In verità alcuni forum ad alta densità di madri l'ho frequentato di striscio per un po', su argomenti però moooolto lontani dalla scuola...

Sì, la mia era un'osservazione di cui già so la risposta e il contesto :-)

Beh, a me l'osservazione dei tre mesi forse me l'hanno anche fatta, e per noi delle medie in qualche modo corrisponde anche a verità a ben vedere, specie se non abbiamo esami.

Boh, è un privilegio? Ok, e quindi? Perché i detrattori non combattono per averlo anch'essi? Non ce l'hanno loro e ci devo rinunciare anche io?

È come se noi gay, che in Italia non possiamo sposarci, invece di lottare per avere il matrimonio anche noi, proponessimo di abrogarlo pet tutti...

Ma anche no, scusate eh...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 10:14 pm

Ma guarda che (da eterosessuale con famiglia stablilissima) io non ci troverei nulla di male nel considerare anche l'eventuale ipotesi che il matrimonio fosse abolito per tutti, eh : - )

Ma questo non avverrà realisticamente mai, e quindi per il momento è meglio fare come dici tu, e rivendicare il diritto al matrimonio anche per i gay!

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 10:21 pm

Albith sei gay? E' un outing? O mi sono persa qualcosa;-))

Si sente che fa caldo eh!!!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 10:24 pm

paniscus ha scritto:
Ma guarda che (da eterosessuale con famiglia stablilissima) io non ci troverei nulla di male nel considerare anche l'eventuale ipotesi che il matrimonio fosse abolito per tutti, eh : - )

Ma questo non avverrà realisticamente mai, e quindi per il momento è meglio fare come dici tu, e rivendicare il diritto al matrimonio anche per i gay!

Lisa
Per abolire il matrimonio, basta non sposarsi...
Si evita così anche il divorzio...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 10:30 pm

barbar@79 ha scritto:
Albith sei gay? E' un outing? O mi sono persa qualcosa;-))

No, semmai è un "coming out".

L' "outing" è un'altra cosa, e molto meno simpatica...

Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)   Gio Ago 16, 2012 10:31 pm

barbar@79 ha scritto:
paniscus ha scritto:
Ma guarda che (da eterosessuale con famiglia stablilissima) io non ci troverei nulla di male nel considerare anche l'eventuale ipotesi che il matrimonio fosse abolito per tutti, eh : - )

Ma questo non avverrà realisticamente mai, e quindi per il momento è meglio fare come dici tu, e rivendicare il diritto al matrimonio anche per i gay!

Lisa
Per abolire il matrimonio, basta non sposarsi...
Si evita così anche il divorzio...

Ma io sono favorevolissima a questa scelta.

Basta che poi non vengano a dirci che le coppie conviventi "non sono vere famiglie"...
Tornare in alto Andare in basso
 
E non ne posso più... (pregiudizi e luoghi comuni)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Proverbi, luoghi comuni e modi di dire sbagliati!
» cosa posso regalare ho bisogno di consigli
» c'ho la sciatica,la gamba mi fa male...non posso stare a letto..
» Ditemi che posso sperare!
» posso usare gel colorati di marche diverse?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: