Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
nemo78



Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 15.09.12

MessaggioOggetto: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Sab Set 15, 2012 3:15 pm

la scuola è iniziata solo da poco, ma in questi giorni non ho praticamente chiuso occhio...
questi i fatti: mi è stato assegnato un caso gravissimo, un tetraplegico che negli anni a fronte del rifiuto sistematico dei genitori di un pei differenziato è stato portato in seconda superiore con il programma curricolare per obiettivi minimi... come questo sia stato possibile è presto detto
1. la famiglia ha rifiutato qualsiasi valutazione del qi
2. il gom non ha preso posizione
3. il consiglio di classe non ha preso posizione unanime e si è piegato alle pressioni della famiglia e alle minacce di andare per le vie legali
4. la famiglia afferma di aver diritto alle prove equipollenti e pretende che gli obiettivi minimi debbano essere calibrati sull'handicap

di fatto il ragazzo non sa leggere perché non può ... per quale motivo non è chiaro
non parla: si limita al si e no
non sa scrivere, e probabilmente non è neanche in grado di usare un computer
la famiglia pretende un lavoro sulla comunicazione alternativa aumentativa (io l'ho usata con una sindrome autistica su pei differenziato e non su curricolare)

a quanto so il ministero prevede che gli obiettivi minimi siano sulla classe e non sull'handicap
che le prove equipollenti siano strutturate in base al bisogno, ma si parla di testi in braille per i non vedenti, di prove scritte per i non udenti e di strumenti compensativi e dispensativi per i dsa...
le prove equipollenti che pretende la famiglia sono di tipo binario (stile vero falso, cioè si o no) e l'insegnante di sostegno gli deve leggere il testo...
il Vertecchi, esperto di didattica e valutazione, si esprime chiaramente rispetto alla validità di quest'ultima tipologia di prova, affermando che essa deve essere inclusa in un test che preveda quesiti a risposta multipla e completamenti, ecc, altrimenti perde qualsiasi validità la verifica stessa...
qualsiasi risposta e riferimento normativo sarà una benedizione, perché non posso prendere l'esaurimento nervoso come le mie due colleghe dell'anno scorso ... che per inciso hanno chiesto il trasferimento ... e neanche voglio rischiare una denuncia...
sono abbastanza avvilita perché a quanto mi è stato riferito, se una verifica va male, la madre se la prende con l'insegnante di sostegno e si permette anche di dare suggerimenti di tipo didattico...
ho il pieno rispetto per il dolore di questa famiglia e per gli sforzi che stanno facendo... ma sono oltremodo convinta che la CAA (comunicazione alternativa aumentativa) potrebbe dare risultati meravigliosi e positivi al di là della pretesa di fare qualcosa che sembra superiore alle forze del ragazzo stesso...
grazie
dopo aver scritto tutto questo mi sento già meno sola
Tornare in alto Andare in basso
sweetbaby863



Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Sab Set 15, 2012 6:47 pm

nemo78 ha scritto:
la scuola è iniziata solo da poco, ma in questi giorni non ho praticamente chiuso occhio...
questi i fatti: mi è stato assegnato un caso gravissimo, un tetraplegico che negli anni a fronte del rifiuto sistematico dei genitori di un pei differenziato è stato portato in seconda superiore con il programma curricolare per obiettivi minimi... come questo sia stato possibile è presto detto
1. la famiglia ha rifiutato qualsiasi valutazione del qi
2. il gom non ha preso posizione
3. il consiglio di classe non ha preso posizione unanime e si è piegato alle pressioni della famiglia e alle minacce di andare per le vie legali
4. la famiglia afferma di aver diritto alle prove equipollenti e pretende che gli obiettivi minimi debbano essere calibrati sull'handicap

di fatto il ragazzo non sa leggere perché non può ... per quale motivo non è chiaro
non parla: si limita al si e no
non sa scrivere, e probabilmente non è neanche in grado di usare un computer
la famiglia pretende un lavoro sulla comunicazione alternativa aumentativa (io l'ho usata con una sindrome autistica su pei differenziato e non su curricolare)

a quanto so il ministero prevede che gli obiettivi minimi siano sulla classe e non sull'handicap
che le prove equipollenti siano strutturate in base al bisogno, ma si parla di testi in braille per i non vedenti, di prove scritte per i non udenti e di strumenti compensativi e dispensativi per i dsa...
le prove equipollenti che pretende la famiglia sono di tipo binario (stile vero falso, cioè si o no) e l'insegnante di sostegno gli deve leggere il testo...
il Vertecchi, esperto di didattica e valutazione, si esprime chiaramente rispetto alla validità di quest'ultima tipologia di prova, affermando che essa deve essere inclusa in un test che preveda quesiti a risposta multipla e completamenti, ecc, altrimenti perde qualsiasi validità la verifica stessa...
qualsiasi risposta e riferimento normativo sarà una benedizione, perché non posso prendere l'esaurimento nervoso come le mie due colleghe dell'anno scorso ... che per inciso hanno chiesto il trasferimento ... e neanche voglio rischiare una denuncia...
sono abbastanza avvilita perché a quanto mi è stato riferito, se una verifica va male, la madre se la prende con l'insegnante di sostegno e si permette anche di dare suggerimenti di tipo didattico...
ho il pieno rispetto per il dolore di questa famiglia e per gli sforzi che stanno facendo... ma sono oltremodo convinta che la CAA (comunicazione alternativa aumentativa) potrebbe dare risultati meravigliosi e positivi al di là della pretesa di fare qualcosa che sembra superiore alle forze del ragazzo stesso...
grazie
dopo aver scritto tutto questo mi sento già meno sola
Il cdc propone la differenziata ma se i genitori rifiutano si devono perseguire gli obiettivi minimi.
Gli obiettivi minimi li trovi nella programmazione dei tuoi colleghi.
Prova a fargli raggiungere gli obiettivi minimi.
Un tempo sarei stata più battagliera, ma ho capito che prima di tutto viene la mia sanità psicofisica, quindi se il ragazzo ha avuto la sfortuna di avere dei genitori così "intelligenti" peggio per lui, tu fai di tutto per fargli raggiungere gli obiettivi minimi, poi tanto nessuno si prende la rogna di bocciarlo e sarà promosso.
Te lo dico sinceramente, chi te lo fa fare dare vita a battaglia nelle quali poi ti ritroveresti sola (altrimenti già gli anni scorsi questo "problema" sarebbe stato risolto dal DS).
Hai ragione, una bella programmazione differenziata magari con attività realmente utili al ragazzo sarebbe migliore per il ragazzo, ma mica è colpa tua se ha dei genitori deficienti...
Ascoltami, fa la brava e non cercarti le rogne...te lo dico per esperienza...purtroppo a volte questi genitori sono "esasperati" dalla loro situazione e magari, anche incosciamente, tendono a cercare il "capro" su cui scaricare la propria rabbia e frustrazione...stai attenta perchè poi oltre ai genitori ti ritrovi contro DS e colleghe (e ti ripeto se avessero voluto risolvere il "problema" lo avrebbero fatto negli anni scorsi).
Quindi io ti consiglio di farli contenti...non sai quanti colleghi ho nella tua situazione...spesso li vedo fare lezione al disabile (che avrebbe davvero bisogno di altro)...poi scrivere sul quadernino "oggi con X abbiamo fatto l'Eneide, è stato bravissimo e attento ed è sembrato interessantissimo, abbiamo incollato i personaggi principali e lui li ha riconosciuti" (quando in verità il ragazzo X non ha ascoltato una parola, non c'ha capito una mazza, il collega ha incollato i personaggi e poi passando il dito sulla figura e ripetendo il nome del personaggio ad alta voce ha "colto" (ahahah) l'assenso (quale??') del disabile!!!)...così facendo però i genitori sono contentissimi che il figlio fa "le cose dei ragazzi normali", il docente di sostegno "è bravissimo", ed il figlio "è contentissimo" e "si vede che lavora"...
Ascoltami a volte meglio una confortante bugia che una verità che porterebbe rogne a tutti.
Poi fai come vuoi.
Tornare in alto Andare in basso
nemo78



Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 15.09.12

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Sab Set 15, 2012 7:57 pm

Ti ringrazio molto della tua risposta, avevo già messo in conto quanto mi dici, cercherò di fare del mio meglio... anche perché a quanto pare non ci sono pezze d'appoggio legali a cui aggrapparsi... ho sentito parlare di una sentenza del tar che aveva dato torto ai genitori in quanto avevano chiesto all'insegnante di sostegno di eccedere nella mediazione, ma finora non mi è riuscito di trovarla... il ds è nuovo, vedremo che posizione prenderà e che atteggiamento avranno le mie colleghe... cosa faranno mettere a verbale, ecc. non sono disposta a fare le battaglie contro i mulini a vento... comunque sia non so proprio come regolarmi, il lavoro per i curricolari è diverso in tutto e per tutto dall'impiego di tempo anche per la CAA, e i genitori pretendono l'uno e l'altro di lavoro...
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Sab Set 15, 2012 8:32 pm

Condivido pienamente la posizione di sweetbaby863. Durante il corso SOS una docente ci disse che mai e poi mai avremmo dovuto fare certe osservazioni ai genitori perché noi conoscevamo loro e il loro figlio dopo 10/15 anni o più di aspettative frustrate e disattese.

Questi genitori poi vanno un gradino oltre: prevengono tutto, minacciano denunce, entrano a gamba tesa nella didattica, e quindi di fatto mi sembrano ciechi e sordi ai reali progressi (non dico bisogni didattici) del figlio.

Allora, come si dice a Napoli, meglio farli "fessi e contenti".

Si vede che tu ci tieni e hai immaginato un percorso realmente utile o almeno potenzialmente utile per il ragazzo, ma qui bisogna intendersi: se poi il sistema non funziona ovvero i risultati sono poco visibili o apprezzabili sul medio/lungo periodo, tutto il non fatto, dal punto di vista dei genitori, sarà dovuto alle TUE scelte didattiche (rischi di trovarti in grane enormi, se poi il DS non ti dà man forte...).

Allora l'unica cosa è prendere gli obiettivi minimi dei colleghi, ricalibrarli sull'handicap (e purtroppo ciò vale a falsificarli, perché una verifica sì/no pura è statisticamente inaccettabile, dato che col 50% di possibilità, siamo nella non verifica dei risultati). Direi che le strategie suggerite da sweetbaby siano le più adatte.

Del resto noi siamo insegnanti, non assistenti sociali né messia salvatori: se il ragazzo ha dei genitori che hanno deciso che il bene del figlio passa anche per un percorso scolastico siffatto, forse nemmeno è detto che sia sbagliato a priori.

So che può essere vagamente umiliante, ma cerca di capire cosa davvero vogliono e cerca di accontentarli: non credo poi che il ragazzo, dopo anni di queste non pratiche, sia recuperabile (e lo dico con grande dispiacere, ma esistono battaglie perse in partenza e persino battaglia già abbondantemente perse, e questa mi pare fra queste ultime...).
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Sab Set 15, 2012 8:50 pm

e' la storia di una creatura accettata si, ma a condizione che faccia quello che fanno gli altri. E siccome la scuola non e' un'istituzione e noi non siamo professionisti, nessuno si prende cura effettivamente del ragazzo.
e noi insegnanti di sostesto lottiamo e ci mortifichiamo di far perdere tempo al ragazzino con Dante, quando si potrebbe lavorare tanto sulla percezione, la cinestetica, le abilita' oculo-manuali. mi sento di dirti, se non sei appoggiato da nessuno, di non lottare invano. i colleghi hanno ragione, anche perche' e' il consiglio che decide e non tu.

Tornare in alto Andare in basso
nemo78



Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 15.09.12

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Sab Set 15, 2012 8:57 pm

Grazie a tutte, cercherò di stare calma e di cercare di capire cosa vogliono i genitori, non voglio ferirli in alcun modo, anche se da questa cecità deriva la mia sofferenza, perché è vero, potremmo fare tante cose...
Tornare in alto Andare in basso
sweetbaby863



Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Lun Set 17, 2012 2:23 am

nemo78 ha scritto:
Grazie a tutte, cercherò di stare calma e di cercare di capire cosa vogliono i genitori, non voglio ferirli in alcun modo, anche se da questa cecità deriva la mia sofferenza, perché è vero, potremmo fare tante cose...
SOFFERENZA...ti racconto una cosa...
C'era un caso di autismo grave ma una memoria di ferro...il disabile stava perennemente nel suo mondo, non raccontava mai nulla di sè, un mondo tutto suo,un mondo parallelo fatto di personaggi dal lui inventati e lui era uno di quei personaggi...lo vedevi ridere o piangere a seconda di cosa accadesse nella sua testa...ma aveva una gran memoria (almeno a breve termine) così passava il suo tempo a ricopiare intere pagine, poi dopo aver ricopiato molte volte, si costruiva un test a risposta multipla, lui memorizzava le risposte, almeno nel breve termine, nemmeno le leggeva, sapeva associare al numero della domanda la risposta (tipo 1A, 2B, 3C).
Lo presi al quinto anno, provai il metodo usato per 4 anni, funzionava, provai a cambiare l'ordine delle risposte, sbagliava sempre, quindi capii che aveva una grande memoria visuo-spaziale, ma in effetti non capiva nulla di quanto scritto e del test in sè.
Cominciai a non fare più quel tipo di "insegnamento", ci mettevamo lì e passavamo ore nel tentativo di parlare di lui, cosa hai fatto ieri? dove sei andato? come stai? come ti senti? insomma volevo farlo uscire dal suo isolamento profondo, piano piano arrivammo a fare una conversazione di 4-5 minuti sulla realtà (all'inizio dopo la prima risposta si metteva ad urlare, riproduceva le sue stereotipie ecc...)...pensai che bello, riesce ad esprimere se stesso, i suoi stati d'animo, a raccontare di sè (e noi abbiamo un'identità nella misura in cui siamo in grado di raccontarci, di capire la nostra storia, di dirla agli altri e di sentircela dire dagli altri). Nella scuola, maledettamente, tutti sapevano del "suo" mondo, e tutti molto "stupidamente" gli chiedevano del suo mondo interiore (tipo, allora come sta "il topo Alfredo", faccio un esempio, e lui rispondeva con piacere...al contrario quando gli chiedevi "tu come stai?" Urlava e quindi nessuno chiedeva mai di lui e del suo mondo reale)
Ero così contenta, pensai di farle fare un diario, con delle immagini delle cose che raccontava, con i suoi luoghi, le cose che le piacevano, pensai anche di leggerli qualche libro, piano piano, farle provare qualche emozione in cui potesse indentificarsi.
Cominciai ed i suoi quaderni smagrirono, non c'erano più quei paginoni ricopiati come un automa, nè quegli stupidi test ai quali rispondeva tipo cane di Pavlov...c'erano delle bravi frasi scritte da lui, brevi ma era sue, erano lui come si sentiva, erano i suoi pensieri, era il mondo reale e non il suo mondo di finzione nel quale si era rintanato e dal quale sembrava non volere uscire assolutamente.
La madre si incavolò da bestia, disse che le colleghe degli anni scorsi erano bravissime ed io invece non volevo lavorare, disse che stavo mortificando le grandi potenzialità del figlio, l'intelligenza e la memoria prodigiosa del figlio, disse "due anni fa con l'insegnante X ha fatto pure la Divina Commedia, l'Eneide, aveva i quaderni pieni pieni di cose fatte, faceva pure le interrogazioni, ora ne parlo con il DS".
Una collega più anziana mi disse "ma tu devi fare l'insegnante, devi fare le materie come faceva gli anni scorsi".
Mi sentii morire, mi sentii umiliata e provai una rabbia smisurata...
Mi scusai, dissi che forse mi ero sbagliata...
Ritornammo a scrivere i paginoni,intere ore, scriveva, poi cominciava a dondolare, io gli fermavo la testa, lui riprendeva a scrivere...intere ore...poi gli preparavo la verifica...la provavamo una decina di volte...poi gliela davo, in 2 minuti rispondeva a tutto, nemmeno leggeva, le azzeccava tutte...senza leggere... facemmo tutte le verifiche tipo cane di Pavlov, facemmo pure le interrogazioni, sempre tipo cane di Pavlov...
Alla fine la madre mi disse "vede, glielo dicevo, mio figlio è intelligente ed ha una gran memoria"!!!
Ancora adesso mi chiedo se qualcuno gli chiede "oggi come stai? cosa hai fatto ieri? cosa ti piacerebbe fare domani? perchè sei triste? cosa ti fa essere allegro?"...
Quando ci penso soffro, e soffro davvero tanto...
Tornare in alto Andare in basso
sweetbaby863



Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Lun Set 17, 2012 8:47 pm

Durante il corso SOS una docente ci disse che mai e poi mai avremmo dovuto fare certe osservazioni ai genitori perché noi conoscevamo loro e il loro figlio dopo 10/15 anni o più di aspettative frustrate e disattese.

Sai Albith oggi mi sono ripetuta a mente un'infinita di volte queste tue parole mentre parlavo con la madre di un ragazzo.
Cosa vuoi dire ad una madre che si fa 50 kilometri per lasciare il figlio a scuola e poi resta 5 ore "in zona" così se avete bisogno mi chiamate?
Credo che ci sia l'istinto materno, sviluppato all'ennesima potenza...come se dopo la grave ingiustizia subita dal figlio da "madre natura", la madre biologica facesse il possibile e l'impossibile per far si che nessuno, mai più, possa fare la minima ingiustizia al figlio.
Io credo che quella madre si sarebbe fatta uccidere piuttosto che permettere la minima ingiustizia al figlio, e "purtroppo" IN 15 ANNI DI ATTESE FRUSTRATE E DISATTESE, la madre ha maturato fortissimamente cosa sia giusto per il figlio, e credo che per "quel che è giusto per mio figlio" si sarebbe fatta torturare.
Ed io, cosa avrei dovuto dirle? Che il suo concetto di "giusto per suo figlio" non aveva nessun fondamento didattico? Che vedeva in suo figlio potenzialità che non ci sono nella maniera più assoluta? Che doveva "rassegnarsi" che suo figlio "le cose che fanno gli altri" è solo una perdita di tempo? (e lo penso) Che negli anni scorsi, i miei colleghi precedenti, per evitare rogne la hanno sempre assecondata ma che è stato tutto un bluff?
Comincio davvero a fare fatica a capire cosa sia giusto fare...mi trovo paralizzata.
Tornare in alto Andare in basso
totò



Messaggi : 662
Data d'iscrizione : 26.03.11
Età : 46
Località : Milano

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Mar Set 18, 2012 1:47 pm

sweetbaby863 ha scritto:
nemo78 ha scritto:
la scuola è iniziata solo da poco, ma in questi giorni non ho praticamente chiuso occhio...
questi i fatti: mi è stato assegnato un caso gravissimo, un tetraplegico che negli anni a fronte del rifiuto sistematico dei genitori di un pei differenziato è stato portato in seconda superiore con il programma curricolare per obiettivi minimi... come questo sia stato possibile è presto detto
1. la famiglia ha rifiutato qualsiasi valutazione del qi
2. il gom non ha preso posizione
3. il consiglio di classe non ha preso posizione unanime e si è piegato alle pressioni della famiglia e alle minacce di andare per le vie legali
4. la famiglia afferma di aver diritto alle prove equipollenti e pretende che gli obiettivi minimi debbano essere calibrati sull'handicap

di fatto il ragazzo non sa leggere perché non può ... per quale motivo non è chiaro
non parla: si limita al si e no
non sa scrivere, e probabilmente non è neanche in grado di usare un computer
la famiglia pretende un lavoro sulla comunicazione alternativa aumentativa (io l'ho usata con una sindrome autistica su pei differenziato e non su curricolare)

a quanto so il ministero prevede che gli obiettivi minimi siano sulla classe e non sull'handicap
che le prove equipollenti siano strutturate in base al bisogno, ma si parla di testi in braille per i non vedenti, di prove scritte per i non udenti e di strumenti compensativi e dispensativi per i dsa...
le prove equipollenti che pretende la famiglia sono di tipo binario (stile vero falso, cioè si o no) e l'insegnante di sostegno gli deve leggere il testo...
il Vertecchi, esperto di didattica e valutazione, si esprime chiaramente rispetto alla validità di quest'ultima tipologia di prova, affermando che essa deve essere inclusa in un test che preveda quesiti a risposta multipla e completamenti, ecc, altrimenti perde qualsiasi validità la verifica stessa...
qualsiasi risposta e riferimento normativo sarà una benedizione, perché non posso prendere l'esaurimento nervoso come le mie due colleghe dell'anno scorso ... che per inciso hanno chiesto il trasferimento ... e neanche voglio rischiare una denuncia...
sono abbastanza avvilita perché a quanto mi è stato riferito, se una verifica va male, la madre se la prende con l'insegnante di sostegno e si permette anche di dare suggerimenti di tipo didattico...
ho il pieno rispetto per il dolore di questa famiglia e per gli sforzi che stanno facendo... ma sono oltremodo convinta che la CAA (comunicazione alternativa aumentativa) potrebbe dare risultati meravigliosi e positivi al di là della pretesa di fare qualcosa che sembra superiore alle forze del ragazzo stesso...
grazie
dopo aver scritto tutto questo mi sento già meno sola
Il cdc propone la differenziata ma se i genitori rifiutano si devono perseguire gli obiettivi minimi.
Gli obiettivi minimi li trovi nella programmazione dei tuoi colleghi.
Prova a fargli raggiungere gli obiettivi minimi.
Un tempo sarei stata più battagliera, ma ho capito che prima di tutto viene la mia sanità psicofisica, quindi se il ragazzo ha avuto la sfortuna di avere dei genitori così "intelligenti" peggio per lui, tu fai di tutto per fargli raggiungere gli obiettivi minimi, poi tanto nessuno si prende la rogna di bocciarlo e sarà promosso.
Te lo dico sinceramente, chi te lo fa fare dare vita a battaglia nelle quali poi ti ritroveresti sola (altrimenti già gli anni scorsi questo "problema" sarebbe stato risolto dal DS).
Hai ragione, una bella programmazione differenziata magari con attività realmente utili al ragazzo sarebbe migliore per il ragazzo, ma mica è colpa tua se ha dei genitori deficienti...
Ascoltami, fa la brava e non cercarti le rogne...te lo dico per esperienza...purtroppo a volte questi genitori sono "esasperati" dalla loro situazione e magari, anche incosciamente, tendono a cercare il "capro" su cui scaricare la propria rabbia e frustrazione...stai attenta perchè poi oltre ai genitori ti ritrovi contro DS e colleghe (e ti ripeto se avessero voluto risolvere il "problema" lo avrebbero fatto negli anni scorsi).
Quindi io ti consiglio di farli contenti...non sai quanti colleghi ho nella tua situazione...spesso li vedo fare lezione al disabile (che avrebbe davvero bisogno di altro)...poi scrivere sul quadernino "oggi con X abbiamo fatto l'Eneide, è stato bravissimo e attento ed è sembrato interessantissimo, abbiamo incollato i personaggi principali e lui li ha riconosciuti" (quando in verità il ragazzo X non ha ascoltato una parola, non c'ha capito una mazza, il collega ha incollato i personaggi e poi passando il dito sulla figura e ripetendo il nome del personaggio ad alta voce ha "colto" (ahahah) l'assenso (quale??') del disabile!!!)...così facendo però i genitori sono contentissimi che il figlio fa "le cose dei ragazzi normali", il docente di sostegno "è bravissimo", ed il figlio "è contentissimo" e "si vede che lavora"...
Ascoltami a volte meglio una confortante bugia che una verità che porterebbe rogne a tutti.
Poi fai come vuoi.


Io sono doc. di sostegno da 10 anni, quanta esperienza sul sost. hai sweetbaby??? Devo dire che sei brava e hai capito tutto come va la vita e come devono andare le cose. Complimenti condivido molto di quello che hai detto.

Al mio paese c'è un detto "Lega l'asino dove vuole il padrone"
Tornare in alto Andare in basso
nemo78



Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 15.09.12

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Mar Set 18, 2012 2:49 pm

Vi ringrazio tutti, i vostri interventi mi hanno commosso, e senz'altro mi sento meno sola... e mi piace il detto di totò! Devo dire che farò tesoro dei vostri consigli e nell'incertezza, se non vi spiace, chiederò ancora consiglio...
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Mar Set 18, 2012 4:31 pm

sweetbaby863 ha scritto:
Durante il corso SOS una docente ci disse che mai e poi mai avremmo dovuto fare certe osservazioni ai genitori perché noi conoscevamo loro e il loro figlio dopo 10/15 anni o più di aspettative frustrate e disattese.

Sai Albith oggi mi sono ripetuta a mente un'infinita di volte queste tue parole mentre parlavo con la madre di un ragazzo.
Cosa vuoi dire ad una madre che si fa 50 kilometri per lasciare il figlio a scuola e poi resta 5 ore "in zona" così se avete bisogno mi chiamate?
Credo che ci sia l'istinto materno, sviluppato all'ennesima potenza...come se dopo la grave ingiustizia subita dal figlio da "madre natura", la madre biologica facesse il possibile e l'impossibile per far si che nessuno, mai più, possa fare la minima ingiustizia al figlio.
Io credo che quella madre si sarebbe fatta uccidere piuttosto che permettere la minima ingiustizia al figlio, e "purtroppo" IN 15 ANNI DI ATTESE FRUSTRATE E DISATTESE, la madre ha maturato fortissimamente cosa sia giusto per il figlio, e credo che per "quel che è giusto per mio figlio" si sarebbe fatta torturare.
Ed io, cosa avrei dovuto dirle? Che il suo concetto di "giusto per suo figlio" non aveva nessun fondamento didattico? Che vedeva in suo figlio potenzialità che non ci sono nella maniera più assoluta? Che doveva "rassegnarsi" che suo figlio "le cose che fanno gli altri" è solo una perdita di tempo? (e lo penso) Che negli anni scorsi, i miei colleghi precedenti, per evitare rogne la hanno sempre assecondata ma che è stato tutto un bluff?
Comincio davvero a fare fatica a capire cosa sia giusto fare...mi trovo paralizzata.

Ti contestualizzo la frase, che non è mia ma appunto di una docente di sostegno che ci fece alcune lezioni durante il corso di specializzazione.

Lei ci tenne a dire che quando incontravamo un genitore era "meglio" non fare i presuntuosi o i sapientoni (anche in buonissima fede) suggerendo questa cura o quell'altra soluzione didattica/pedagogica. Sue parole: "volete che un genitore non le abbia provate tutte e anche di più?" e di qui la frase "voi li incontrate dopo 10/15 di aspettative disattese e frustrate".

Allora cos'è il meglio? Innanzitutto non credo nel concetto del "meglio" bensì, al massimo, dell'obiettivo. Che obiettivo voglio, devo e posso avere?

Fare la quadra non è facile: forse ho ancora troppa poca esperienza, per il momento seguo ancora molto l'istinto. Però quella frase è un mio faro: certo, qualche rischio di spiaggiare c'è sempre, ma cerco di rimanere a galla ;-)
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Mar Set 18, 2012 6:29 pm

Pongo il problema in un'altra ottica. La differenza molto grande tra chi insegna alle elementari, medie, infanzia e chi insegna alle superiori e' che i secondo hanno vincoli normativi ben precisi. O prende il diploma o non lo prende. e siccome un diploma e' un titolo, e la commissione esaminatrice e' composta da pubblici ufficiali, prima degli esami sono tutti buoni e ti fanno passare di tutto, all'atto dell'ammissione poi tutti ti dicono che un ragazzo cosi' non potrebbe mai superare l'esame di Stato. e non lo ammettono. Tutto legale ovviamente. ma la legge perche' prende il sopravvento solo nel momento in cui non si vogliono rogne? perche' non si spiega congiuntamente, anche con l'aiuto degli assistenti sociali scolastici e i neuropsichiatri, alla famiglia che la strada da percorrere e' diversa?
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato   Mar Set 18, 2012 6:38 pm

carla75 ha scritto:
Pongo il problema in un'altra ottica. La differenza molto grande tra chi insegna alle elementari, medie, infanzia e chi insegna alle superiori e' che i secondo hanno vincoli normativi ben precisi. O prende il diploma o non lo prende. e siccome un diploma e' un titolo, e la commissione esaminatrice e' composta da pubblici ufficiali, prima degli esami sono tutti buoni e ti fanno passare di tutto, all'atto dell'ammissione poi tutti ti dicono che un ragazzo cosi' non potrebbe mai superare l'esame di Stato. e non lo ammettono. Tutto legale ovviamente. ma la legge perche' prende il sopravvento solo nel momento in cui non si vogliono rogne? perche' non si spiega congiuntamente, anche con l'aiuto degli assistenti sociali scolastici e i neuropsichiatri, alla famiglia che la strada da percorrere e' diversa?

L'hai appena detto: non si vogliono rogne.

Se la maturità fosse gestibile in autonomia come la licenza media, avremmo frotte di diplomati H certificati, anzi le certificazioni alle superiori, notoriamente di molto inferiori a quelle delle medie, avrebbero un'impennata.

E' sgradevole dirlo, ma è così...
Tornare in alto Andare in basso
 
prove equipollenti e famiglia che non vuole accettare pei differenziato
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» le prove
» Prove sul Creazionismo
» Famiglia allargata: e poi?
» mio marito non vuole continuare!!!
» Vi racconto del bisnonno, una storia di famiglia

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Sostegno-
Andare verso: