Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 SOS PRIMA SUPPLENZA cl. 37A - FILOSOFIA e STORIA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Marte80



Messaggi : 60
Data d'iscrizione : 25.06.12

MessaggioOggetto: SOS PRIMA SUPPLENZA cl. 37A - FILOSOFIA e STORIA   Mer Ott 03, 2012 1:21 pm

Chiedo aiuto perchè mi hanno chiamato questa mattina, previo avviso ieri pomeriggio via pec che ero tra i candidati al posto, per iniziare oggi stesso (ho spostato a domani perchè tra l'altro faccio un altro lavoro come cocopro) le supplenze in soria e filosofia presso il Liceo Scientifico della mia città. Sono piuttosto terrorizzata e non so da dove cominciare. 18 ore settimanali. Mi hanno comunicato giorni e orari ma non le classi e la durata complessiva della supplenza.

Chiedo soccorso, anche perchè la signora che mi ha telefonato dalla segreteria della scuola è stata piuttosto indisponente e restia a fornirmi informazioni.

Questa sera - notte dovrò cercare di 'inventarmi' qualcosa...fortuna domani ho solo due ore! Tutti i consigli sono ben accetti GRAZIE!

Marta
Tornare in alto Andare in basso
Marte80



Messaggi : 60
Data d'iscrizione : 25.06.12

MessaggioOggetto: Re: SOS PRIMA SUPPLENZA cl. 37A - FILOSOFIA e STORIA   Mar Ott 09, 2012 3:24 pm

Descrivo l'esperienza: magari potrà essere di aiuto a qualcuno nel momento del bisogno come mi sono trovata io.

Iscritta in III fascia (classe 37A fil. e sto.) dal 2007, per la prima volta sono stata chiamata (il 2 mi chiedevano conferma perchè io andassi il giorno dopo stesso!!!) quest'anno per una supplenza di 18 ore settimanali, 4 classi (3, 4, 4, 5 ed entrambe le materie su 3 delle 4 classi) fino a nomina avente diritto. Avendo un altro lavoro a tempo pieno (ma come cocopro), essendo da qualche anno lontana dagli studi ma volendo comunque sfruttare la possibilità di fare questa esperienza sono caduta in uno stato di grande agitazione ma alla fine ho deciso di provare.
Ho accettato la chiamata (dopo averne parlato con il mio capo ovviamente) via pec: tra l'altro mi si chiedeva di confermare l'accettazione della supplenza entro 24h via pec o fax....è regolare?
Alla fine del primo giorno di supplenza, al momento della stipula del contratto in segreteria, dopo aver parlato con prof. (molto di sfuggita) e segretarie amministrative della mole di lavoro richiesta (anche pomeridiana) e dopo che mi è stato comunicato che la supplenza non sarebbe stata necessariamente breve ma avrebbe potuto protrarsi per più di un mese e mezzo, ho firmato il contratto (oramai avevo firmato i registri di classe) e poi fatto la rinuncia essendomi resa conto dell'impossibilità di conciliarlo con la mia altra occupazione che mi garantisce un fisso mensile da due anni circa (contratto rinnovato di anno in anno).
Inoltre ho avuto un bruttissimo impatto con la parte burocratica dell'insegnamento. I registri personali dei prof. infatti sono arrivati proprio il giorno della mia supplenza quindi mi sono trovata in mano questi 3 'registri' uno con 4, uno con 2 e uno con 1 fascicolo e non capivo come doverli compilare. Solo tardi mi hanno spiegato (a spizzichi e bocconi come si dice dalle mie parti e persone diverse, non con una versione univoca) che ad ogni materia e classe corrisponde un singolo fascicolo con relativa ripetizione e 'ricopiatura' dei nomi degli appartenenti alla classe e che avrei dovuto ricopiare gli appunti della precedente insegnante su questi registri e che ci avrei dovuto ricopiare sopra anche i nomi degli assenti ecc...un casino totale, sono entrata nel panico (e pensare che con i ragazzi l'impatto è stato tranquillo!). Oltrettutto segnavano come assenti anche gli studenti arrivati con 10 minuti di ritardo e non capivo come dovevano essere registrati sul registro 'personale'.
Inoltre non capisco la necessità di scrivere due volte i nomi e le presenze/assenze se uno ha entrambi gli insegnamenti di storia e filosofia. Trovo il sistema molto macchinoso.
Fastidioso anche il fatto che gli altri prof. (vicepreside e aiutante del vicepreside) mi abbiano detto "è semplice" quando, a meno il sopraggiungere di una mia improvvisa completa stupidità, non la cosa non fosse semplice affatto ma anzi fosse necessaria una spiegazione meticolosa e tranquilla non 2 secondi prima di entrare in classe e 'strasbattendosene' del fatto che fossi alla mia prima supplenza. Certo loro hanno più di 50 anni e chi sa quanta esprienza alle spalle, io zero: "ti piace giocare facile?" diceva qualcuno.
Alla fine nonostante tutto, sono stata contenta di aver constatao personalmente di cosa si tratta.
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 16479
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: SOS PRIMA SUPPLENZA cl. 37A - FILOSOFIA e STORIA   Mar Ott 09, 2012 4:51 pm

Marte80 ha scritto:

(il 2 mi chiedevano conferma perchè io andassi il giorno dopo stesso!!!)
Di solito si suppone che chi aspira ad una supplenza non veda l'ora di cominciare per non perdere servizio e stipendio nemmeno per un giorno :-)

Marte80 ha scritto:
tra l'altro mi si chiedeva di confermare l'accettazione della supplenza entro 24h via pec o fax....è regolare?
Se ci sono classi scoperte, è normale che si cerchi di velocizzare le operazioni di nomina: non si possono dare tre giorni a ciascun aspirante per decidere e passare oltre in caso di rifiuto.

Marte80 ha scritto:

Inoltre ho avuto un bruttissimo impatto con la parte burocratica dell'insegnamento. I registri personali dei prof. infatti sono arrivati proprio il giorno della mia supplenza ....... Solo tardi mi hanno spiegato (a spizzichi e bocconi come si dice dalle mie parti e persone diverse, non con una versione univoca) che ad ogni materia e classe corrisponde un singolo fascicolo con relativa ripetizione e 'ricopiatura' dei nomi degli appartenenti alla classe e che avrei dovuto ricopiare gli appunti della precedente insegnante su questi registri e che ci avrei dovuto ricopiare sopra anche i nomi degli assenti ecc......
Inoltre non capisco la necessità di scrivere due volte i nomi e le presenze/assenze se uno ha entrambi gli insegnamenti di storia e filosofia. Trovo il sistema molto macchinoso.
Quando hai cominciato il primo giorno il tuo lavoro da cocopro, sapevi già tutto? Immagino di no: avrai fatto un po' di gavetta, avrai chiesto consigli, ma non tutto insieme e tutto nei corridoi, magari al cambio dell'ora, quando i colleghi hanno fretta di entrare in classe.

Anche se fosse stato in uso il registro elettronico ti sarebbe apparso macchinoso la prima volta.
Capita che l'ordinazione dei registri cartacei venga fatta in ritardo e non siano disponibili il primo giorno di scuola: quando arrivano, si può compilarli un po' alla volta nei giorni successivi, continuando ad annotare su un'agenda o simili le cose essenziali.
Ho imparato dopo qualche anno d'insegnamento che, avendo tre o due materie nella stessa classe, non era necessario fare l'amanuense con i nomi: preparavo una tabella con Word, ci scrivevo i nomi, poi la duplicavo, ritagliavo e incollavo sui registri. Quando i colleghi hanno visto, tutto il Consiglio di classe me ne ha chiesto le ristampe :-))
Se hai più materie, le assenze vanno segnate separatamente, semplicemente perché si calcolano ad ore e può capitare che l'alunno, presente a Storia, nell'ora di Filosofia esca anticipatamente. Non dimenticare che si tratta quasi sempre di minorenni, per i quali l'assenza va registrata e/o comunicata alle famiglie.

Marte80 ha scritto:
Fastidioso anche il fatto che gli altri prof. (vicepreside e aiutante del vicepreside) mi abbiano detto "è semplice" quando... fosse necessaria una spiegazione meticolosa e tranquilla non 2 secondi prima di entrare in classe e 'strasbattendosene' del fatto che fossi alla mia prima supplenza. Certo loro hanno più di 50 anni e chi sa quanta esprienza alle spalle, io zero: "ti piace giocare facile?" diceva qualcuno.
Alla fine nonostante tutto, sono stata contenta di aver constatao personalmente di cosa si tratta.
Ritorniamo alle circostanze: vai a scuola, prendi servizio, devi andare in classe. Non è previsto che ci sia un tutor per chi è alla prima esperienza, è invece possibile ottenere un supporto da un collega chiedendogli gentilmente se può fermarsi, dopo le lezioni, per dare un po' di dritte. Durante le lezioni, purtroppo, non ci sono pause, perché il cambio dell'ora basta appena per spostarsi da un'aula all'altra. I colleghi sono, come in tutti gli ambienti di lavoro, molto vari: qualcuno ti avrebbe detto di non aver tempo, qualcun altro avrebbe fatto buon viso a cattivo gioco, qualcuno ti avrebbe offerto con generosità il suo aiuto.
Bastava non essere così impazienti....
Il punto è che tu, per tua fortuna, hai un'alternativa, un lavoro ragionevolmente sicuro e stabile; diversamente, avresti visto le cose meno negativamente.
Intendiamoci, non è che sia tutto rose e fiori, ma tu hai descritto un incubo. :-))
Tornare in alto Andare in basso
Marte80



Messaggi : 60
Data d'iscrizione : 25.06.12

MessaggioOggetto: Re: SOS PRIMA SUPPLENZA cl. 37A - FILOSOFIA e STORIA   Mar Ott 09, 2012 6:18 pm

Ecco forse dovrebbe essere previsto un minimo di tutoraggio per le supplenze e non far venire una persona e 'buttarla' in classe come viene viene. Nei miei lavori precedenti e quello attuale posso dire che non è stato assolutamente così: non ti dicono tutto ma neanche al livello che ho vissuto a scuola!
Per quanto riguarda la parte burocratica confermo che è stato un incubo e, a meno di non avere già esperienza nel settore, non si può pensare di fare un periodo di supplenza avendo un'altra occupazione impegnativa e che richieda presenza almeno part - time in ufficio (mi avrebbero comunque fatto un favore a concedermi di non venire in ufficio per tutto il giorno tutti i giorni come faccio abitualmente visto che sono segretaria amministrativa).
Sono contenta di come è andata con i ragazzi. E' stato un approccio tranquillo ma proprio parlando con loro ho preso piena coscienza di un fatto fondamentale: bisogna essere preparati e appassionati, altrimenti a questi ragazzi rimane quasi niente. La passione non mi manca ma la preparazione va senz'altro 'rispolverata'. Inoltre, essendo la mia materia 'regina' filosofia, ho avuto modo di constare che i ragazzi (tranne 3 - 4 su 3 classi) non sono rimasti colpiti negli anni di studio da niente di ciò che hanno trattato, pensano che la filosofia sia solo un'astrazione lontana e avulsa dalla vita, che non serva a nulla e che i temi trattati dalla filosofia, ribadisco, non hanno alcun collegamento con il loro mondo...Dopo l'università, con un master e un corso di perfezionamento, mi sono proprio interessata alla filosofia pratica (alla philosophy for children in particolare), alla riscoperta della filosofia come pratica di vita, per cui il dato di cui sopra mi ha sconvolto. Ho visto barlumi di interesse in V indirizzo tecnologico solo quando abbiamo letto insieme (avevo io un'antologia di Severino e a turno li ho fatti venire alla cattedra a leggere prendendo i soggetti dai gruppi dove sentivo più brusio) un brano dal Mondo come Volontà e rappresentazione di Schopenauer, che avevano trattato a loro diure, ma di cui non ricordavano nulla.
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 16479
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: SOS PRIMA SUPPLENZA cl. 37A - FILOSOFIA e STORIA   Mar Ott 09, 2012 11:53 pm

Marte80 ha scritto:
Ecco forse dovrebbe essere previsto un minimo di tutoraggio per le supplenze e non far venire una persona e 'buttarla' in classe come viene viene.
Purtroppo, a meno di pensare ad uno sbarramento all'iscrizione in graduatoria (se non hai fatto un corso preliminare, non puoi essere inserito...) non c'è soluzione. Quando una o più classi restano scoperte, non ci sono i tempi, né le risorse materiali per preparare adeguatamente il supplente, se è alla prima esperienza.
E' sbagliato, convengo con te, ed è paradossale che prima si immetta in ruolo un docente, poi si designi il tutor per il nuovo assunto. :-(

Marte80 ha scritto:
... non si può pensare di fare un periodo di supplenza avendo un'altra occupazione impegnativa e che richieda presenza almeno part - time in ufficio (mi avrebbero comunque fatto un favore a concedermi di non venire in ufficio per tutto il giorno tutti i giorni come faccio abitualmente visto che sono segretaria amministrativa).
Verissimo: a scuola le 18 ore in classe sono solo la parte visibile dell'iceberg. Avresti dovuto fare molto altro a casa e garantire la presenza pomeridiana alle riunioni programmate.

Marte80 ha scritto:
ho avuto modo di constare che i ragazzi.... pensano che la filosofia sia solo un'astrazione lontana e avulsa dalla vita, che non serva a nulla e che i temi trattati dalla filosofia, ribadisco, non hanno alcun collegamento con il loro mondo....
La solita vecchia storia che si recitava ai miei tempi del Liceo "La filosofia è quella cosa con la quale o senza la quale il mondo rimane tale e quale".... :-))
Tornare in alto Andare in basso
 
SOS PRIMA SUPPLENZA cl. 37A - FILOSOFIA e STORIA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Prima supplenza e sono piena di dubbi
» prima supplenza
» Ho fatto la mia prima IUI
» prima eco di monitoraggio
» storia dell'ateismo

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: