Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
AutoreMessaggio
andrea_ding



Messaggi : 283
Data d'iscrizione : 26.07.11

MessaggioOggetto: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Lun Nov 05, 2012 10:04 am

Promemoria primo messaggio :

Parlando con alcuni colleghi di altre scuole ho sentito dire che permettono ai loro alunni di portare a casa i compiti in classe corretti in modo che i loro genitori mettano una firma per presa visione.

Quest'anno in classe, tanto per cambiare, ho un esercito di fannulloni che non studiano, molto bravi a copiare e con genitori attaccabrighe che si attaccano a tutto per consentire ai loro figli di ottenere il diploma.
Si tratta di quella specie di genitori che danno sempre e comunque ragione ai propri figli, pronti a fare ricorso per ottenere l'annullamento di una valutazione negativa, completamente disinteressati all'educazione all'impegno e alla partecipazione dei figli alle attività didattiche, ma affamati di risultati positivi che i loro figli dovrebbero ottenere "gratuitamente".

Sul regolamento d'istituto non c'è scritto nulla al riguardo: il nostro regolamento è un elenco di buoni propositi molto distante dalla realtà.

Qualcuno con un po' di esperienza può consigliarmi?

Grazie.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 9:45 pm

Certo, la soluzione ufficiale è quella che porti tu, Carla.
Domanda ai sensi della legge 241/90

Ma dove va a finire la partecipazione della famiglia?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 9:51 pm

Ire ha scritto:
sono molto d'accordo con te Gian, anche se

Ad alcuni figli, e ad alcuni genitori, fa piacere discutere insieme dei lavori fatti.
Metti un tema. Quando usava la brutta copia, mio figlio me la dava spesso da leggere e non c'era problema. Ora che non si fa più, o si fa solo in parte magari per passaggi un po' difficili questo non può accadere e a noi dispiace.

Ma lascia stare il tema, la stessa cosa a casa mia succedeva con qualsiasi lavoro di scuola. (anche con le stime agrarie ) I miei figli hanno soddisfazione nel dimostrarmi "come siano stati bravi" o desiderano discutere con me quello che hanno scritto.

Quindi il vedere il lavoro svolto, che concordo con te in caso di problemi sia bene affrontare con il docente, non ha solo valenza negativa. A me piace gratificare i miei ragazzi per la sostanza, non tanto per il voto. (quando mi portano a casa un bel voto dico sempre: mi piacerebbe vedere il compito)
Beh, quello che descrivi è un caso ben diverso e ha una sua valenza. Ma nulla vieta di fare una copia del compito su richiesta, magari su scanner e inviarla per email (si risparmia carta e si sfrutta la copia integrale a colori). In questo modo si viene facilmente incontro a esigenze particolari più che giustificate, in un contesto che esula dagli ordinari obblighi della scuola nei confronti dei genitori.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 9:54 pm

Ire ha scritto:
carla75 ha scritto:
io rimango basita!ma questi ragazzi quando crescono?
In che senso, Carla, ti riferisci ai ragazzi come i miei figli che fanno partecipi i genitori del loro lavoro?
no no. io mi riferivo a tutti i commenti. un conto e' raccontare quello che succede a scuola, cosa si e' scritto su di un tema, come e' andato il compito di matematica. ma pretendere che un docente invii ai genitori che ne fanno richiesta tramite email il compito in classe mi sembra assurdo. se si vuole prendere visione si viene a scuola e si fa richiesta.
Ps. mia madre faceva l'operaia. prendeva un ora di permesso e veniva a parlare con i docenti. era sempre l'ultima ad arrivare: ma era contenta perche' era quella che usciva per prima. una volta venne con le mani blu perché aveva cucito i jeans e chiedeva scusa ai miei professori quando dava loro la mano. Io penso che anche in periodi difficili un genitore se vuole, puo'. quante mamme vengono la mattina ad accompagnare i figli che entrano la seconda ora?
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 9:57 pm

Ire ha scritto:
Certo, la soluzione ufficiale è quella che porti tu, Carla.
Domanda ai sensi della legge 241/90

Ma dove va a finire la partecipazione della famiglia?
la famiglia che vuole partecipare viene a scuola. siamo disponibili un'ora alla settimana per i colloqui gratuitamente.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 9:59 pm

piperitapatty85 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
gian ha scritto:
piperitapatty85 ha scritto:

mi spieghi il nesso tra la consegna a casa delle verifiche e la tua ironica proposta?
la mia idea è che consegnare i compiti sia utile ai ragazzi. Noi siamo insegnanti e abbiamo il compito di educare i ragazzi e fare in modo che capiscano.
1) è illegale (inprecedenza ho spiegato perché)
2) educare si può, iniziando dall'educazione dei genitori: i genitori responsabili si recano a scuola o contattano il corpo docente con uno dei tanti mezzi di comunicazione oggi disponibili. I genitori responsabili confidano nella serietà professionale dell'insegnante.

Tutto il resto si può svolgere tranquillamente nell'ordinaria vita scolastica: io i compiti li correggo con i ragazzi, discuto le valutazioni e li aiuto a sviluppare l'autovalutazione. Tutto questo si fa in classe secondo la *mia* metodologia didattica. Non sono tenuto a rendere conto al genitore della mia metodologia, solo dei risultati. E i risultati sono espressi sinteticamente dal voto. Se il genitore vuole assicurarsi della congruenza del voto che assegno alza il sederino dalla sua poltroncina e chiede un colloquio. Io ho un solo dovere (nella fattispecie): garantire che il compito svolto dal figlio sia accuratamente custodito dalla manipolazione, dalla perdita, dalla distruzione, dalla visione da parte di estranei. Ma scherziamo?
Assolutamente d'accordo. Triste è percepire che se i compiti non vengono mandati a casa la maggior parte dei genitori se ne disinteressa completamente... e che alcuni colleghi pensino che sia compito loro stare a sollecitare un interesse che non c'è.
Ribadisco anche io che i miei compiti, documenti ufficiali, non varcano la soglia dell'istituto con il mio consenso
triste è invece, per me, sentire colleghi che si lamentano per qualsiasi compito vada oltre la lezione in classe. Se avessi letto il mio intervento averli capito che per me le correzioni hanno una valenza didattica, quindi ritengo sia un mio compito consegnare le verifiche agli alunni.
Capisco chi non concorda con me per gli eventuali rischi legali di questa scelta, non capisco invece chi non consegna le verifiche "perché poi è un lavoraccio recuperarle". Se i genitori se ne fregano ok, pazienza, questo non vuol dire che io non possa cercare di fare quella che ritengo essere la mia parte. Comunque vi assicuro che si riesce serenamente sia a far lezione che a recuperare tutte le verifiche, almeno in certe materie che non implicano l' avere un sacco di classi.
La valenza didattica non è però rivolta ai genitori, che assolutamente non sono destinatari di un mio intervento didattico. Ai ragazzi mostro i compiti anche 100 volte, li correggo con loro, chiarisco ogni aspetto: cosa cambia per loro se li portano a casa (cosa che tra l'altro, al di là delle nostre opinioni personali, non si può fare e punto!)? Che un genitore severo li punirà o che uno lassista se ne fregherà? Entrambe le cose non rientrano nella mia sfera didattica, non perchè vadano "oltre la lezione", ma perchè riguardano un aspetto sul quale non voglio e non posso intervenire. Non posso interessare un genitore ai risultati del figlio, posso solo (e voglio solo) interessare e rendere consapevole l'alunno rispetto ai suoi propri risultati. A prescindere da quale ritieni che sia, non hai "una parte" nell'interessare i genitori ai risultati scolastici dei propri figli, hai "una parte", e importante, solo con i figli e i rapporti che hai con i genitori non servono in alcun modo a migliorarne la capacità genitoriale, anche perchè ciò presupporrebbe una tua approfondita conoscenza della situazione, o una tua indebita supposizione: questo è un grande fraintendimento del nostro ruolo.
Il lavoraccio del recuperarli. Se un compito si smarrisce puoi "lavoracciare" anche all'infinito, battere ogni strada e vicolo, setacciare ogni zaino: il compito ormai sarà al macero, tra le fauci di un cagnaccio rognoso o ai bordi di una tangenziale. Capita, soprattutto con gli adolescenti. Anche parlare di "rischi legali" è scorretto: far uscire un documento pubblico dalla sua sede naturale non si può fare, non soltanto perchè se ti beccano "ti si bevono" come si dice dalle mie parti, ma per il solo fatto che non si deve fare. Non conta il rischio: anche se non ci fosse, sarebbe un comportamento censurabile. E' come dire: prendo sempre la stradina sotto casa contromano tanto sono dieci metri e non passa mai nessuno. Il rischio può non esserci, ma non si fa e se mi si chiede: si va in una stradina contromano? Rispondo "no", anche se penso possa avere un grosso valore perchè mi impedice di fare un giro di un chilometro e mi fa ridurre le emissioni e salvaguardare l'ambiente
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:05 pm

carla75 ha scritto:
Ire ha scritto:

1) verifiche disponibili durante i colloqui
in un alberghiero un insegnante di diritto ha nove classi, venticinque alunni per classe. viene ai colloqui con la carriola? ;-)
Il genitore ha il diritto insindacabile di prendere visione di tutti gli atti che riguardano il proprio figlio (trasparenza e accessibilità agli atti). Magari si adotta una procedura che eviti il ricorso alla carriola o un allungamento eccessivo dei tempi nel corso dei colloqui generali per ragioni organizzative. I colloqui individuali sono concepiti proprio per gli eventuali approfondimenti.
Una cosa è certa: se un genitore chiede di visionare i compiti del figlio sei tenuta a dare un riscontro.

carla75 ha scritto:
Ire ha scritto:

2) fotocopia a pagamento per chi lo richiede
3) trasmissione via email per chi lo richiede
chi svolge tale funzione? per mandare un compito via mail, immagino si debba scannerizzare. vi immaginate la docente di lettere che scannerizza i temi di tutti coloro che lo richiedono? (partendo dal presupposto che a scuola ci siano gli scanner). i compiti si fanno a scuola e restano a scuola. se un genitore lo vuole vedere viene a scuola e chiede per iscritto la visione al dirigente.
La probabilità che mille mila genitori facciano una richiesta del genere (avere una copia) è virtualmente nulla. Se una o poche famiglie fanno questa richiesta non credo ci siano grossi impedimenti a soddisfarla. Cinque minuti non si negano per una cortesia, che diamine!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:08 pm

Ire ha scritto:
però Paniscus, una volta nella maggior parte delle famiglie c'era mamma a casa che poteva tranquillamente venire ai colloqui senza impazzire a prendere permessi al lavoro.

Se un genitore ha problemi a venire ai colloqui si cerca sempre una diversa modalità! Si danno appuntamenti ad hoc, colloqui telefonici, e ci sono poi gli incontri pomeridiani, fatti proprio per andare incontro alle famiglie. Se un genitore non può venire mai non vado certo io a casa sua, non mi si può chiedere di farmene carico. Chi vuole si organizza, il problema non mi pare proprio sia questo
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:09 pm

Se sia il docente che il genitore spiegano al ragazzo dove sia stato l'errore probabilmente il ragazzo riuscirà a capire meglio cosa gli serve per correggerlo.

Il docente analizza un aspetto: questo esercizio l'hai sbagliato perchè ti sei dimenticato che la formula.... ecc ecc ecc

il genitore ne analizza un altro: come mai ti sei dimenticato? avevi fretta? non avevi studiato? non hai capito? è stata una svista?

Insieme è meglio ed è per questo che ritengo necessario che i genitori conoscano almeno i lavori andati male.

Non si puniscono i figli per i brutti voti. Già il brutto voto è una punizione per loro.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:11 pm

gian ha scritto:
carla75 ha scritto:
Ire ha scritto:

1) verifiche disponibili durante i colloqui
in un alberghiero un insegnante di diritto ha nove classi, venticinque alunni per classe. viene ai colloqui con la carriola? ;-)
Il genitore ha il diritto insindacabile di prendere visione di tutti gli atti che riguardano il proprio figlio (trasparenza e accessibilità agli atti). Magari si adotta una procedura che eviti il ricorso alla carriola o un allungamento eccessivo dei tempi nel corso dei colloqui generali per ragioni organizzative. I colloqui individuali sono concepiti proprio per gli eventuali approfondimenti.
Una cosa è certa: se un genitore chiede di visionare i compiti del figlio sei tenuta a dare un riscontro.

questo e' pacifico

carla75 ha scritto:
Ire ha scritto:

2) fotocopia a pagamento per chi lo richiede
3) trasmissione via email per chi lo richiede
chi svolge tale funzione? per mandare un compito via mail, immagino si debba scannerizzare. vi immaginate la docente di lettere che scannerizza i temi di tutti coloro che lo richiedono? (partendo dal presupposto che a scuola ci siano gli scanner). i compiti si fanno a scuola e restano a scuola. se un genitore lo vuole vedere viene a scuola e chiede per iscritto la visione al dirigente.
La probabilità che mille mila genitori facciano una richiesta del genere (avere una copia) è virtualmente nulla. Se una o poche famiglie fanno questa richiesta non credo ci siano grossi impedimenti a soddisfarla. Cinque minuti non si negano per una cortesia, che diamine!
su questo non ci giurerei.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:13 pm

No per carità, a meno che non sia indispensabile non tiriamo fuori le verifiche durante i colloqui generali.
Sia il docente che lo fa che il genitore che lo chiede potrebbero essere massacrati dall'orda alle spalle :-D

Intendevo i colloqui individuali, naturalmente.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:15 pm

Ire ha scritto:
Se sia il docente che il genitore spiegano al ragazzo dove sia stato l'errore probabilmente il ragazzo riuscirà a capire meglio cosa gli serve per correggerlo.

Il docente analizza un aspetto: questo esercizio l'hai sbagliato perchè ti sei dimenticato che la formula.... ecc ecc ecc

il genitore ne analizza un altro: come mai ti sei dimenticato? avevi fretta? non avevi studiato? non hai capito? è stata una svista?

Insieme è meglio ed è per questo che ritengo necessario che i genitori conoscano almeno i lavori andati male.

Non si puniscono i figli per i brutti voti. Già il brutto voto è una punizione per loro.

hai ragione. ma per questo un genitore non ha bisogno di prendere visione di un compito. basta chiedere al ragazzo che voto ha preso. se poi il problema e' che il ragazzo mente, allora un genitore dovrebbe chiedersi perché lo fa. in questo senso dico che i ragazzi devono crescere, il che significa anche affrontare un brutto voto e avere il coraggio di dirlo ad un genitore, che potra' sedersi con te e capire dove hai sbagliato o puo' toglierti il telefonino per una settimana. ma anche questo significa crescere.


Ultima modifica di carla75 il Sab Ott 26, 2013 10:18 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:18 pm

Ire ha scritto:
Se sia il docente che il genitore spiegano al ragazzo dove sia stato l'errore probabilmente il ragazzo riuscirà a capire meglio cosa gli serve per correggerlo.

Il docente analizza un aspetto: questo esercizio l'hai sbagliato perchè ti sei dimenticato che la formula.... ecc ecc ecc

il genitore ne analizza un altro: come mai ti sei dimenticato? avevi fretta? non avevi studiato? non hai capito? è stata una svista?

Insieme è meglio ed è per questo che ritengo necessario che i genitori conoscano almeno i lavori andati male.

Non si puniscono i figli per i brutti voti. Già il brutto voto è una punizione per loro.

Veramente questo lo fa anche l'insegnante! Non ci chiediamo se i ragazzi hanno studiato? E che ci stiamo a fare?
Ho ben presenti i volti rigati dalle lacrime di alunni prostrati da un brutto voto e ridotti quasi alla disperazione, succede continuamente nelle nostre classi! Ma per favore! Sicuramente però è questo che credono la maggior parte dei genitori, che per questo motivo non usano più dare una sana, sanissima (che questo è decisamente compito del genitore) punizione al figlio somaro: per non aver studiato, perchè distratto, perchè ha fatto le cose con fretta e sciatteria, perchè non ha capito e non ha chiesto al momento in cui avrebbe dovuto. Una volta si diceva: se piangi ti do il resto! L'insegnante mette 4, il genitore rinforza il valore negativo del 4 con il suo disappunto e rende il ragazzo consapevole del fatto che prendere 4 è male. Così si collabora


Ultima modifica di lucetta10 il Sab Ott 26, 2013 10:19 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:19 pm

Boh, senti, può darsi che io sia un po' tonta (e lo sono sicuramente) forse sono dsa non lo so, ma io ho bisogno di vedere il problema, ho bisogno che me lo spieghi il docente così da essere sicura di non fare confusione nella testa di mio filglio, così da essere sicura di sapere di cosa parlo.

Il voto a me interessa poco o nulla.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:23 pm

Non so se stai dicendo, Lucetta, che noi genitori dobbiamo stare fuori anche da questo.
Voi potete fare tutte le domande, dovete farle, ma con i figli dobbiamo parlarci pure noi, e sapendo di cosa parliamo.

Non do una sana punizione a mio figlio se prende un 4 perchè per lui già un 4 è una punizione (anche se ne prendesse sempre di quattro, o spesso) preferisco cercare di capire insieme a lui come mai è successo e se capiamo che è perchè non ha studiato a lui basta la mia delusione.
Ed è molto molto molto più efficace un bel sorriso od un abbraccio quando dopo quel quattro arriva il 6.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:35 pm

Ire, secondo me noi stiamo partendo da due piani diversi. Tu parli da mamma di un ragazzo che studia e che, se prende 4, ci rimane male. Noi ci stiamo allacciando al messaggio iniziale: il collega vuole far firmare i compiti svolti perché si trova in una classe di braccia tolte all'agricoltura. Adolescenti che ti ridono in faccia per un 4, perché nella loro profondissima ignoranza tu docente sei meno di quel 4. Intanto i loro genitori, convinti di avere in casa l'ennesimo Einstein che viene rimandato in matematica, cercano di salvare il corso della storia con l'ascia in mano: se va bene paventano ricorsi, se va male ti dicono che ti aspettano fuori. La storia dei bes, se leggi il preambolo della normativa, nasce da questo ".....onde evitare ricorsi..."
e non sto scherzando.


Ultima modifica di carla75 il Sab Ott 26, 2013 11:09 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 10:42 pm

Non so, io stavo solo cercando di fare capire a cosa possa servire ad un genitore vedere la verifica del figlio.

Cosa vuol dire "onde evitare i ricorsi"?

La normativa bes è nata da quello e lo scrivono su una norma? Dimmi invece che vuoi farmi lo scherzo di halloween ti prego.

Non ricordo di averlo letto, dai, se lo avessi letto mi sarebbe balzato agli occhi e ne sarei rimasta quantomeno sconcertata.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Sab Ott 26, 2013 11:05 pm

circolare n. 8 6 marzo 2013

"Ove non sia presente certificazione clinica o diagnosi, il Consiglio di classe o il team dei docenti
motiveranno opportunamente, verbalizzandole, le decisioni assunte sulla base di considerazioni
pedagogiche e didattiche; ciò al fine di evitare contenzioso."

in soldoni, io membro del consiglio di classe, quando non esiste una certificazione, mi assumo la responsabilita' motivandola di stabilire quando e perché un ragazzo sia un alunno Bes: tutto cio', scritto papale papale nella circolare, per evitare ricorsi.
Tornare in alto Andare in basso
piperitapatty85



Messaggi : 674
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Dom Ott 27, 2013 12:59 am

gian ha scritto:



Detto questo, immagino che concordiamo sul fatto che le correzioni abbiano una valenza didattica. Ma la valenza didattica non si esaurisce certo nella consegna informale - a domicilio - dei compiti in classe corretti con relativo voto. La correzione e la valutazione la faccio in classe con lo studente perché è lo studente in prima persona che deve capire dove sbaglia e dove può migliorarsi in un confronto diretto tra me, insegnante, e lui, discente. Verso la famiglia ho solo l'obbligo della trasparenza del processo di valutazione e la normativa ha predisposto il protocollo secondo il quale deve assolversi tale obbligo: la disponibilità ai colloqui, che si svolgono a scuola e non a domicilio. La consegna di un compito ad una famiglia, usando come vettore-intermediario lo studente, è una spersonalizzazione del rapporto scuola-famiglia: che tipo di relazione e quali sinergie potrà mai svilupparsi con un protocollo di comunicazione che prevede la trasmissione e relativa sottoscrizione per presa visione di un pezzo di carta recante delle correzioni piatte, decontestualizzate, da interpretare e, a margine, un numero che sintetizza un giudizio? Cosa può capire, il genitore, di un voto che ho messo se non discute con me, docente, il contesto in cui si è sviluppato quel voto?

Se il genitore è interessato solo a questo aspetto, si notifica il voto e punto: far visionare un compito è del tutto asettico e privo di qualsiasi utilità. Se invece vuole conoscere e approfondire il giudizio espresso sul processo di apprendimento allora è indispensabile un confronto diretto, in cui analizzare, di concerto, l'intero contesto. E questo si può fare solo con il colloquio. Questa è valenza didattica. Non la trasmissione a distanza di un pezzo di carta controfirmato.

Se un genitore non lo capisce dovrebbe prendere in considerazione l'ipotesi che ha ancora qualcosa da imparare nella vita: essere un genitore responsabile e presente. E allora, educhiamoli questi genitori, smettiamo di assecondare i loro capricci e i loro limiti con azioni che non hanno nulla a che vedere con il principio dell'offerta formativa.
Quello che forse non sono stata in grado di farvi capire è il perché io ritengo utile la consegna dei compiti, posto che so che la verifica è solo una delle tante tappe del percorso formativo degli studenti. Il rapporto con la famiglia per me conta moltissimo, ma la mia scelta di consegnare le verifiche a casa non è legata al fatto che la famiglia debba essere informata di ogni respiro, ogni errore, ogni parola del ragazzo (anche se un coinvolgimento maggiore dei genitori sarebbe auspicabile nonostante, ahimè, spesso questo sia un desiderio solo degli insegnanti, dato che alcune famiglie latitano), bensì per i seguenti motivi:
1 Se il ragazzo va a ripetizioni chi lo segue vedendo il compito capisce come lavora l'insegnante, che tipo di esercizi propone e quali sono gli errori dello studente. Chi ha ricevuto o impartito lezioni sa che, in genere, la persona che fa ripetizioni chiede sempre nei dettagli informazioni sul compito, informazioni che spesso il ragazzo non sa/vuole dare.
2 Un conto è una verifica disastrosa in storia, in cui lo studente ha palesemente sbagliato tutte le date perché non le ha studiate, un altro, ad esempio, è un tema. Dato che, come molti, non mi limito a mettere il voto ma scrivo un papiro di complimenti/critiche/osservazioni a seconda dei casi, io consegno il tema da portare a casa affinché l'alunno legga bene i commenti e le correzioni e ragioni ad esempio sul suo uso errato dei tempi verbali, o sul lessico poco curato, o sui connettivi usati a caso. Ovviamente i commenti li faccio anche de visu, ma preferisco che il ragazzo si rilegga tutto con calma e mi riporti, oltre al tema firmato, anche la correzione dello stesso. Lo studente se ne frega delle correzioni e si interessa solo del voto? Capita molto spesso, ma pazienza. Il docente non può obbligare nessuno.
3 Perdonatemi l'ingenuità dettata dalla consuetudine (che lo so, non è certo legge) e forse anche dalla scarsa esperienza, ma non avrei MAI immaginato che questo mio modo di operare destasse così sconcerto. Ripeto, ho lavorato in tre scuole diverse, ho fatto il tirocinio in una quarta, conosco ragazzi che frequentano la secondaria sia di primo che di secondo grado e non mi è mai davvero capitato di sentire di insegnanti contrari alla consegna dei compiti a casa. Sono quindi un po' stupita dai commenti, su cui comunque ragionerò (per quanto riguarda l'aspetto legale).
Aggiungo che lo scorso anno un mio alunno ha perso la versione di latino (tra l'altro era un 9!), ho comunicato la cosa a chi di dovere e mi è stato solo chiesto di far firmare al genitore una dichiarazione di smarrimento. I miei colleghi tra l'altro non si sono stupiti della faccenda, dato che non era la prima volta che capitava. Sono sempre stati fortunati e non hanno mai dovuto subire ricorsi? Può darsi. Come ho detto, ragionerò su questo aspetto.
Comunque sia ovviamente la verifica a casa non viene più data se lo studente non la riconsegna entro un tot di giorni (massimo tre). L'idea delle fotocopie sarebbe un buon compromesso, ma in tante scuole medie la fotocopiatrice non ha una tessera e chiedere un contributo forfettario a inizio anno creerebbe lotte intestine tra i genitori della classe; per quanto riguarda lo scanner, beh...no comment, è già una fortuna avere un pc.

Ecco, spero di essermi finalmente spiegata.
Vi ringrazio comunque per il confronto, è sempre utile!


Ultima modifica di piperitapatty85 il Dom Ott 27, 2013 1:09 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Dom Ott 27, 2013 1:08 am

[quote="piperitapatty85"]
gian ha scritto:

Spero di essermi finalmente spiegata.
Vi ringrazio comunque per il confronto!
Chiarissima, e in effetti le motivazioni che porti sono ineccepibili e, almeno per me, uno spunto di riflessione
Tornare in alto Andare in basso
caminante



Messaggi : 2017
Data d'iscrizione : 20.08.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Dom Ott 27, 2013 7:29 am

Ciao a tutti/e, desideravo inserire la mia situazione: quest'anno nella media dove insegno non si fanno portare a casa i compiti in classe. La correzione avviene in classe e durante i colloqui si fanno vedere le prove ai genitori. E' ovviamente lecito al genitore recarsi a scuola per visionare la prova.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Dom Ott 27, 2013 7:33 am

caminante ha scritto:
Ciao a tutti/e, desideravo inserire la mia situazione: quest'anno nella media dove insegno non si fanno portare a casa i compiti in classe. La correzione avviene in classe e durante i colloqui si fanno vedere le prove ai genitori. E' ovviamente lecito al genitore recarsi a scuola per visionare la prova.

Di scuole ne ho girate molte, sia da precaria che da insegnante di ruolo, secondarie di primo e second grado. In questi anni ho incontrato solo una volta un collega che dava i compiti in visione a casa, e lo faceva di sua iniziativa perchè abituato dalla scuola privata da cui proveniva, il resto dei colleghi dello stesso istituto no. Davvero mi stupisce che la consuetudine sia così diffusa da ipotizzare che sia lecita
Tornare in alto Andare in basso
caminante



Messaggi : 2017
Data d'iscrizione : 20.08.10

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Dom Ott 27, 2013 7:48 am

@lucetta hai ragione.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Dom Ott 27, 2013 9:00 am

Anch'io ho un'esperienza completamente opposta: non ho MAI visto nessuna scuola in cui ci fosse l'abitudine di far portare a casa le verifiche, e non conosco NESSUN collega che sia favorevole a una possibilità del genere, nemmeno se ipotizzata lontanamente.

Nel mio ambiente, se venisse prospettata, anche solo come possibilità teorica, ci sarebbero le sollevazioni di massa, peggio ancora di quando è stato prospettato l'aumento dell'orario...

L.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Dom Ott 27, 2013 9:05 am

paniscus ha scritto:
Anch'io ho un'esperienza completamente opposta: non ho MAI visto nessuna scuola in cui ci fosse l'abitudine di far portare a casa le verifiche, e non conosco NESSUN collega che sia favorevole a una possibilità del genere, nemmeno se ipotizzata lontanamente.

Nel mio ambiente, se venisse prospettata, anche solo come possibilità teorica, ci sarebbero le sollevazioni di massa, peggio ancora di quando è stato prospettato l'aumento dell'orario...

L.
A parte le sollevazioni di massa, per il resto stessa identica esperienza
Tornare in alto Andare in basso
piperitapatty85



Messaggi : 674
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioOggetto: Re: NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?   Dom Ott 27, 2013 9:25 am

paniscus ha scritto:
Anch'io ho un'esperienza completamente opposta: non ho MAI visto nessuna scuola in cui ci fosse l'abitudine di far portare a casa le verifiche, e non conosco NESSUN collega che sia favorevole a una possibilità del genere, nemmeno se ipotizzata lontanamente.

Nel mio ambiente, se venisse prospettata, anche solo come possibilità teorica, ci sarebbero le sollevazioni di massa, peggio ancora di quando è stato prospettato l'aumento dell'orario...

L.
mah, a questo punto mi viene da pensare che ci sia un vuoto normativo a riguardo, vista la disparità tra le varie scuole. Avrò occasione di discuterne con i colleghi, ormai sono curiosa di avere altri pareri sulla questione :-)
Tornare in alto Andare in basso
 
NECESSARIO PERMETTERE AGLI ALUNNI PERMETTERE DI PORTARE A CASA I COMPITI IN CLASSE CORRETTI?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 6Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
 Argomenti simili
-
» Presentazione dei Professori e degli alunni.
» Agli occhi di Dio sono tutti uguali.
» Affidare la Chiesa agli Atei
» Scherzi agli sposi!
» non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: