Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
ivan



Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 09.08.11

MessaggioOggetto: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 7:37 pm

care/i colleghe/i volevo chiedervi un parere: ma secondo voi è giusto fare studiare a memoria interi dialoghi delle varie unità di apprendimento in inglese, francese o in generale in qualunque altra lingua straniera? Puo' servire?
Io sui dialoghi faccio un lavoro di ascolto, comprensione, trascrizione, traduzione ma non li faccio studiare a memoria. Alcuni colleghi li fanno studiare come poesie. Io trovo questo lavoro inutile, al contrario faccio studiare a memoria i vocaboli e faccio creare liberamente i dialoghi in base alla situazione e all'interlocutore. Grazie per i vostri consigli
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 9:54 pm

anche la prof. che insegnava nei corsi che ho io quest'anno usava questo metodo. A memoria proprio come poesie, in generale non mi sembra che i risultati si vedono (cioè a giudicare dalla preparazione generale).
Io faccio un po' come fai tu per consentire agli studenti di usare la lingua e appropriarsi di questa, di farla diventare loro, certo faccio sottolineare e dico di studiare a memoria delle espressioni o frasi ma tutto a memoria no.
Tuttavia, mi è venuta l'idea (che poi non è così originale ;-) di far fare delle specie di scenette (Valerie docet) in cui recitano i dialoghi facendo anche le azioni del dialogo (stamattina l'ho fatto fare in prima - per chi conosce il testo "Look!" si tratta del dialogo della Unit 3) e ho detto per es. alle 2° di studiare il dialogo della nuova Unit per la prox. volta, solo che i maschi studiano la parte maschile e le femmine quella femminile e poi dunque la interpretano, ovviamente non sono obbligati a studiarlo come una poesia e declamarla ma possono anche rendere il senso... vediamo come va... poi vi racconto.
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25640
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 9:58 pm

E' un metodo anni 60 che dovrebbe sparire con lo svecchiamento della classe docente. Io lo trovo inutile, noioso, inutile e noioso. Mai adottato. Faccio un mea culpa sulla traduzione, faccio tradurre troppo dall'italiano in inglese, altro metodo troppo vecchio e rigido.
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:02 pm

gugu ha scritto:
E' un metodo anni 60 che dovrebbe sparire con lo svecchiamento della classe docente. Io lo trovo inutile, noioso, inutile e noioso. Mai adottato. Faccio un mea culpa sulla traduzione, faccio tradurre troppo dall'italiano in inglese, altro metodo troppo vecchio e rigido.

ho dimenticato di dire che la collega che mi ha preceduto insegnava/insegna alle medie.

però fare le traduzioni di frasi serve, ora alle medie lo faccio fare molto meno ma ogni tanto sì. In effetti noto che con le varie abilità da testare la traduzione delle frasi non riesco a farla fare molto. Per testare la produzione scritta nelle 1° hanno fatto una lettera in cui presentano se stessi e la famiglia (nel modo semplice e con le conoscenze che hanno finora) e nelle 2° hanno descritto un disegno/figura in cui dovevano descrivere oggetti, persone (cosa facevano e aspetto)
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:04 pm

Ciao Ivan, io insegno francese alle medie. Per il livello su cui lavoro ritengo inutile fare la traduzione dei dialoghi, perché distoglie i ragazzi dallo sviluppare adeguate strategie di comprensione. In un contesto di comunicazione reale non ci viene chiesto di tradurre parola per parola quello che sentiamo, ma di capire il messaggio anche se il significato di alcune parole ci sfugge. È questo che insegno ai miei alunni, quindi niente traduzione, anzi, siccome loro hanno la tendenza a tradurre, io cerco di togliere loro questo 'vizio'.
Io faccio imparare a memoria i dialoghi, ma non voglio che li recitino come una poesia. Li trasformo invece in rappresentazioni teatrali, con tanto di scenografia, costumi, etc. Ho scelto un libro di testo che presenta dialoghi simpatici, trovo che molti testi invece presentino dialoghi scontati o troppo lunghi e noiosi che non si prestano a questa attività.
La drammatizzazione piace molto ed ha anche un forte valore educativo. Inoltre costituisce un'attività preparatoria al reperimento delle funzioni da parte dei ragazzi e al riutilizzo di queste ultime in contesti diversi. Il passo successivo è infatti il jeu de rôle.
Cerco di evitare lo studio mnemonico di vocaboli. Ho notato che i ragazzi fanno meno fatica a memorizzare i vocaboli inseriti in un dialogo piuttosto che una lista di vocaboli tout court. Quindi anche per la memorizzione del lessico, uso piccoli dialoghi che devono imparare a recitare.
Poi uso anche giochi e canzoni, almeno una per ogni unità, con esercizi di tpr.
Dedico molte ore agli esercizi di comprensione e produzione orale, anche se la gestione della classe è ovviamente più difficile, soprattutto perché ho classi di 28-29 alunni.
Questa è la metodologia che uso io, ma so già che riceverai qui nel forum molte risposte nelle quali si sostengono idee metodologiche opposte alle mie. Ognuno di noi fa quello in cui crede. Io credo in uno studio della lingua che possa servire a livello pratico in contesti extra scolastici, per esempio in occasione di un viaggio all'estero, e su questo baso la mia didattica, utilizzando un metodo veramente comunicativo. In quest'ottica la correttezza grammaticale o ortografica che viene spesso perseguita a livello scolastico mi interessa meno.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:07 pm

Valerie ha scritto:
In quest'ottica la correttezza grammaticale o ortografica che viene spesso perseguita a livello scolastico mi interessa meno.

scusa, non so se te l'avevo già chiesto...
ma non fai mai verifiche di grammatica? e per la produzione scritta come valuti gli errori grammaticali?
Tornare in alto Andare in basso
ivan



Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 09.08.11

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:07 pm

gugu ha scritto:
E' un metodo anni 60 che dovrebbe sparire con lo svecchiamento della classe docente. Io lo trovo inutile, noioso, inutile e noioso. Mai adottato. Faccio un mea culpa sulla traduzione, faccio tradurre troppo dall'italiano in inglese, altro metodo troppo vecchio e rigido.

secondo me la traduzione è molto importante e bisogna farla! Anch'io giudico noioso e inutile far studiare a memoria i dialoghi
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:11 pm

Valerie ha scritto:
Ciao Ivan, io insegno francese alle medie. Per il livello su cui lavoro ritengo inutile fare la traduzione dei dialoghi, perché distoglie i ragazzi dallo sviluppare adeguate strategie di comprensione. In un contesto di comunicazione reale non ci viene chiesto di tradurre parola per parola quello che sentiamo, ma di capire il messaggio anche se il significato di alcune parole ci sfugge. È questo che insegno ai miei alunni, quindi niente traduzione, anzi, siccome loro hanno la tendenza a tradurre, io cerco di togliere loro questo 'vizio'.

anche secondo me è molto importante capire il significato generale di un dialogo/testo, infatti i testi che usiamo per le reading comprehension non li traduciamo, ma vedo che i ragazzi hanno piacere e trovano importante tradurre almeno i dialoghi delle unit e lo faccio fare, almeno imparano bene quelle frasi.
Poi ad es. ieri stavamo facendo un breve esercizio e un alunno ha chiesto se potevamo tradurlo perchè evidentemente non aveva capito il significato di molte parole e l'ho assecondato.

Tornare in alto Andare in basso
ivan



Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 09.08.11

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:16 pm

grazie valerie per i tuoi consigli e per l'illustrazione del tuo metodo. E' giusto confrontarsi sui vari metodi. Nel mio libro di testo i dialoghi sono molto lunghi e articolati, lo studio a memoria sarebbe un problema per gli allievi. Io faccio studiare a memoria le funzioni comunicative e il lessico e poi loro riescono a creare liberamente i dialoghi in base all'interlocutore e alla situazione.



Valerie ha scritto:
Ciao Ivan, io insegno francese alle medie. Per il livello su cui lavoro ritengo inutile fare la traduzione dei dialoghi, perché distoglie i ragazzi dallo sviluppare adeguate strategie di comprensione. In un contesto di comunicazione reale non ci viene chiesto di tradurre parola per parola quello che sentiamo, ma di capire il messaggio anche se il significato di alcune parole ci sfugge. È questo che insegno ai miei alunni, quindi niente traduzione, anzi, siccome loro hanno la tendenza a tradurre, io cerco di togliere loro questo 'vizio'.
Io faccio imparare a memoria i dialoghi, ma non voglio che li recitino come una poesia. Li trasformo invece in rappresentazioni teatrali, con tanto di scenografia, costumi, etc. Ho scelto un libro di testo che presenta dialoghi simpatici, trovo che molti testi invece presentino dialoghi scontati o troppo lunghi e noiosi che non si prestano a questa attività.
La drammatizzazione piace molto ed ha anche un forte valore educativo. Inoltre costituisce un'attività preparatoria al reperimento delle funzioni da parte dei ragazzi e al riutilizzo di queste ultime in contesti diversi. Il passo successivo è infatti il jeu de rôle.
Cerco di evitare lo studio mnemonico di vocaboli. Ho notato che i ragazzi fanno meno fatica a memorizzare i vocaboli inseriti in un dialogo piuttosto che una lista di vocaboli tout court. Quindi anche per la memorizzione del lessico, uso piccoli dialoghi che devono imparare a recitare.
Poi uso anche giochi e canzoni, almeno una per ogni unità, con esercizi di tpr.
Dedico molte ore agli esercizi di comprensione e produzione orale, anche se la gestione della classe è ovviamente più difficile, soprattutto perché ho classi di 28-29 alunni.
Questa è la metodologia che uso io, ma so già che riceverai qui nel forum molte risposte nelle quali si sostengono idee metodologiche opposte alle mie. Ognuno di noi fa quello in cui crede. Io credo in uno studio della lingua che possa servire a livello pratico in contesti extra scolastici, per esempio in occasione di un viaggio all'estero, e su questo baso la mia didattica, utilizzando un metodo veramente comunicativo. In quest'ottica la correttezza grammaticale o ortografica che viene spesso perseguita a livello scolastico mi interessa meno.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:23 pm

Laura70 ha scritto:
Valerie ha scritto:
In quest'ottica la correttezza grammaticale o ortografica che viene spesso perseguita a livello scolastico mi interessa meno.

scusa, non so se te l'avevo già chiesto...
ma non fai mai verifiche di grammatica? e per la produzione scritta come valuti gli errori grammaticali?
Sì, certo che faccio anche la grammatica, ma ha un ruolo marginale. Su 15 lezioni che ho fatto in prima, per esempio, solo 3 sono di grammatica propriamente detta, le altre sono di esercitazioni su funzioni e lessico, comprensione e produzione orale.
Nella verifica metto anche esercizi di grammatica, per esempio, per restare sulla classe suddetta, su articoli, plurale e verbo essere.
Nella produzione scritta, che non metto in verifica ma faccio fare a casa, valuto gli errori di grammatica come nel DELF.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ivan



Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 09.08.11

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:25 pm

vi ringrazio colleghe/i per i vostri interventi. Credo che cmq ogni metodo sia valido se si raggiungono dei bei risultati! Io ho un metodo molto tradizionale basato su grammatica, traduzione, dettati, molta fonetica ma non tralascio assolutamente l'aspetto comunicativo. I miei allievi vengono sempre alla cattedra e applicano le strutture linguistiche attraverso dialoghi liberi, giochi di ruolo, conversazioni con me e tra compagni. E vi dirò anche di più... sono i genitori a chiedere tutto questo oltre che gli allievi. Tra l'altro, se non diamo loro una solida base linguistica anche dal punto di vista grammaticale, quando poi arrivano al liceo si prendono tante e tante batoste e se la prendono con noi, docenti delle medie...
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:37 pm

ivan ha scritto:
Nel mio libro di testo i dialoghi sono molto lunghi e articolati, lo studio a memoria sarebbe un problema per gli allievi.
Sì, lo so, molti testi sono così purtroppo! In quel caso è davvero assurdo farli studiare, meglio creare altri dialoghi più realistici e simpatici.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ivan



Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 09.08.11

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:42 pm

Valerie ha scritto:
ivan ha scritto:
Nel mio libro di testo i dialoghi sono molto lunghi e articolati, lo studio a memoria sarebbe un problema per gli allievi.
Sì, lo so, molti testi sono così purtroppo! In quel caso è davvero assurdo farli studiare, meglio creare altri dialoghi più realistici e simpatici.

per curiosità, come si chiama il testo di francese che hai adottato?
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:43 pm

ivan ha scritto:
Tra l'altro, se non diamo loro una solida base linguistica anche dal punto di vista grammaticale, quando poi arrivano al liceo si prendono tante e tante batoste e se la prendono con noi, docenti delle medie...

esatto... tu insegni inglese?
io ho lavorato soprattutto alle superiori e in particolare al biennio (liceo/tecnico) si lavora molto sulla grammatica, oltre naturalmente sulla lingua parlata.
Tornare in alto Andare in basso
ivan



Messaggi : 470
Data d'iscrizione : 09.08.11

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:46 pm

Laura70 ha scritto:
ivan ha scritto:
Tra l'altro, se non diamo loro una solida base linguistica anche dal punto di vista grammaticale, quando poi arrivano al liceo si prendono tante e tante batoste e se la prendono con noi, docenti delle medie...

esatto... tu insegni inglese?
io ho lavorato soprattutto alle superiori e in particolare al biennio (liceo/tecnico) si lavora molto sulla grammatica, oltre naturalmente sulla lingua parlata.

francese medie
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:46 pm

ivan ha scritto:
quando poi arrivano al liceo si prendono tante e tante batoste e se la prendono con noi, docenti delle medie...
Per ora mai successo, ma anche se dovesse succedere, ti dirò che francamente me ne infischio. Non condivido infatti questo ragionamento. Alle medie si fa il lavoro delle medie, alle superiori quello delle superiori. Allora gli insegnanti di matematica cosa dovrebbero fare? Gli integrali alle medie perché altrimenti quando arrivano al liceo...? allora già che ci siamo facciamo studiare Dante direttamente alle elementari, altrimenti quando arrivano alle medie...! No Ivan, a ogni età la sua scuola e a ogni scuola il suo obiettivo. Mica tutti gli alunni delle medie andranno al liceo, ci andranno solo i più bravi e stai tranquillo che se la caveranno bene, avranno più ore di lingua e migliori capacità di astrazione/organizzazione. ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Online
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:46 pm

io per la valutazione mi base anche su delle griglie che ha stabilito il dipartimento di lingue e che mi hanno fornito ad inizio anno e sia per la comprensione scritta che per la composizione della lettera si tiene in considerazione sia la comprensione/aderenza alla traccia sia l'ultilizzo delle strutture linguistiche e grammaticali.

ma il delf non è solo orale come il trinity?
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:47 pm

no, al liceo le ore di inglese rimaranno le stesse, anzi in un tecnico dove sono stata in 5° avevano solo due ore!

tu hai detto molte volte che la maggior parte dei tuoi studenti abbandonerà lo studio del francese della terza media per cui i tuoi obiettivi sono diversi anche per questo, vero?
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:48 pm

Laura70 ha scritto:
ma il delf non è solo orale come il trinity?
No, il delf testa tutte le 4 competenze, comprensione orale, comprensione scritta, produzione orale, produzione scritta.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:50 pm

Laura70 ha scritto:
no, al liceo le ore di inglese rimaranno le stesse, anzi in un tecnico dove sono stata in 5° avevano solo due ore!
tu hai detto molte volte che la maggior parte dei tuoi studenti abbandonerà lo studio del francese della terza media per cui i tuoi obiettivi sono diversi anche per questo, vero?
Credo che Ivan si riferisse al liceo linguistico.
Sono diversi perché il francese comincia alle medie. Anche se in effetti, per come è organizzata la scuola italiana, l'inglese alle elementari... Lasciamo perdere!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:53 pm

Valerie ha scritto:
ivan ha scritto:
quando poi arrivano al liceo si prendono tante e tante batoste e se la prendono con noi, docenti delle medie...
Per ora mai successo, ma anche se dovesse succedere, ti dirò che francamente me ne infischio. Non condivido infatti questo ragionamento. Alle medie si fa il lavoro delle medie, alle superiori quello delle superiori. Allora gli insegnanti di matematica cosa dovrebbero fare? Gli integrali alle medie perché altrimenti quando arrivano al liceo...? allora già che ci siamo facciamo studiare Dante direttamente alle elementari, altrimenti quando arrivano alle medie...! No Ivan, a ogni età la sua scuola e a ogni scuola il suo obiettivo. Mica tutti gli alunni delle medie andranno al liceo, ci andranno solo i più bravi e stai tranquillo che se la caveranno bene, avranno più ore di lingua e migliori capacità di astrazione/organizzazione. ;-)

secondo me l'esempio della matematica e degli integrali non funziona ;-)
alle medie si gettano anche le basi per poter affrontare lo studio in futuro...
tutti coloro che andranno alle superiori continueranno a studiare inglese ad un certo livello (letteratura, microlingua, linguaggi di settore) e per potersi esprimere bene la grammatica devono conoscerla, altrimenti non riescono ad esprimersi in modo comprensibile o a scrivere in modo corretto. Almeno questo è quello che penso io
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:54 pm

Valerie ha scritto:
Laura70 ha scritto:
no, al liceo le ore di inglese rimaranno le stesse, anzi in un tecnico dove sono stata in 5° avevano solo due ore!
tu hai detto molte volte che la maggior parte dei tuoi studenti abbandonerà lo studio del francese della terza media per cui i tuoi obiettivi sono diversi anche per questo, vero?
Credo che Ivan si riferisse al liceo linguistico.
Sono diversi perché il francese comincia alle medie. Anche se in effetti, per come è organizzata la scuola italiana, l'inglese alle elementari... Lasciamo perdere!

eh... l'inglese alle elementari non lo conterei, purtroppo. Noi iniziamo praticamente da capo e meno male!
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:56 pm

Laura70 ha scritto:
... ma vedo che i ragazzi hanno piacere e trovano importante tradurre almeno i dialoghi delle unit ...
Infatti, loro pensano che sia imprtante, ma gli insegnanti siamo noi!
La loro è anche pigrizia, la traduzione dell'insegnante è più comoda rispetto ad un ragionamento induttivo/deduttivo/comparativo. ;-)

Laura70 ha scritto:
...e lo faccio fare, almeno imparano bene quelle frasi.
Nella mia esperienza ho notato che la traduzione non migliora l'apprendimento, anzi! Alla fine si corre il rischio di sentirli dire: 'combien d'ans tu as' o altri orrori del genere! :-))
Tornare in alto Andare in basso
Online
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 10:59 pm

escus moi :-) non capisco i tuoi orrori :-)

ma la traduzione non l'ho fatta io, l'ha fatta una sua compagna.

tutto sommato uso un po' tutti e due i metodi "induttivo/deduttivo/comparativo" e ad es. introducendo i verbi irregolari li facevo cercare nel testo e facevo indovinare da che infinito derivavano.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi   Ven Nov 23, 2012 11:01 pm

Laura70 ha scritto:
...alle medie si gettano anche le basi per poter affrontare lo studio in futuro...
Infatti, io getto le basi e poi alle superiori studiano in modo approfondito. Gettare le basi e studiare non sono la stessa cosa per me. Ti faccio un esempio: io insegno la regola generale del plurale, poi alle superiori, chi farà ancora francese, studierà le eccezioni. Chi non studierà più francese cosa se ne fa ora alle medie di smalti, gufi e sassolini? ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
lingue straniere e studio a memoria dei dialoghi
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 5Andare alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» Requisiti minimi per l'ammissione lingue pag.4 modello A2
» Alzheimer, parlare 2 lingue fa bene
» CAMPANIA - GRAGNANO (Na) - Studio A.G.O.I. del Dott. A. M. Irollo
» Puglia - BARI - Studio medico San Luca
» LAZIO-Roma - A.S.I.C. - Associazione per lo Studio dell'Infertilità di Coppia

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: