Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Gli scatti recuperati il 22-11 non concorrono all'anzianità?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Gli scatti recuperati il 22-11 non concorrono all'anzianità?   Sab Gen 19, 2013 11:34 pm

“Gli scatti - eventualmente recuperati - non sono utili per la ricostruzione di carriera dei neoassunti negli ultimi due anni e per l'anzianità economica maturata da tutto il personale della scuola, a meno che nel prossimo cedolino si recuperi per lo scatto la data prevista nel cedolino del dicembre 2010. Bastava seguire la strada giudiziaria intrapresa dall'Anief, sulla scia di quella portata avanti dagli stessi giudici: senza contrattare niente, i tribunali avrebbero provveduto a far prevalere quella giustizia che chi governa oggi la scuola intende ancora una volta negare”.

http://www.anief.org/content_pages.php?pag=5023&sid

---

Il blocco non si risolve con un accordo, perchè la legge afferma che gli anni sono irrecuperabili. Fino a che non si assoda il contrario, questi soldi recuperati (sottraendoli ad altre voci) son solo una una tantum.

Non si può superare una legge con un accordo, ma bisogna rivolgersi alla Corte costituzionale (come ha fatto - continuava Anief in quel link - la categoria dei magi8strati che è ricorsa alla Corte Costiutuzionale e ha riottenuto gli scatti che gli avevan tolto). Perchè, dunque, Anief si chiede i magistrati non hanno pensato di fare "accordi notturni" (tipo quello del 22-11 tra Miur e Sindacati Scuola) per riottenere gli scatti ma son subito ricorsi alla Corte? Eh sì che i magistrati se ne intendono di Legge, quindi se non hanno scelto la via degli accordi (notturni), ci sarà pure un motivo!

---

Non si può superare una legge con un accordo, ma bisogna rivolgersi alla Corte costituzionale.
L’atto di indirizzo a un giorno dallo Sciopero predisposto dal Governo per il ventilato recupero della validità dell'anno 2011 ai fini delle progressioni di carriera e il relativo pagamento degli scatti di anzianità non può essere considerato un obiettivo centrato: non si può superare una legge con un accordo, ma bisogna rivolgersi alla Corte costituzionale, come ha fatto la categoria dei Magistrati che si è rivolta alla Corte Costituzionale e ha riottenuto gli scatti bloccati. Chi conosce la legislazione sa che il contratto e la progressione di carriera per il 2010/2013 è bloccato e sa che tale blocco è incostituzionale. Quello che sta accadendo ha dell’incredibile, perché in cambio del pagamento di un’una tantum, che non avrà effetti sulla copertura pensionistica, si decide di far comunque privare i lavoratori degli altri fondi necessari allo svolgimento e al potenziamento dell'attività didattica.

http://www.anief.org/content_pages.php?pag=4631&sid=

---

Una prova? Le ricostruzioni di carriera bloccate.
A tal proposito, è indicativo che alcune Direzioni Provinciali del Tesoro abbiano in questi giorni rifiutato di effettuare la ricostruzione di carriera del personale assunto il 1° settembre 2010: poiché si tratta dell’anno che CISL, UIL, GILDA e SNALS reputano aver di sanato, attraverso l’accordo con il Mef sul recupero del 30% dei soldi risparmiati sugli stipendi dei precari e sulla qualità della didattica, per quale motivo viene negata la ricostruzione di carriera a dei dipendenti assunti proprio durante quell’anno? La risposta è semplice: quella concessa ai sindacati rappresentativi è soltanto un’una tantum, che non è conteggiabile ai fini dell'anzianità retributiva e dei gradoni stipendiali, come del resto specificato nel decreto interministeriale n. 3 del 14 gennaio 2012. E per lo stesso motivo non è possibile richiedere un atto di indirizzo all'ARAN per la firma di un contratto che non può essere firmato per legge fino al 2014.

http://www.anief.org/content_pages.php?pag=4383&sid=

---

"Fino al 2014, infatti, i neo-assunti a partire dal 1 settembre 2010
percepiranno lo stesso stipendio che da precari, in quanto laddove anche
ottengano un decreto di ricostruzione di carriera - che per legge deve
essere corrisposto entro 30 giorni dalla domanda protocollata - questo
varrà ai soli fini giuridici e non economici, nonostante - per alcuni
sindacati - siano state trovate le risorse per pagare gli scatti a chi li
avrebbe maturati nel 2010 o nel 2011.

Anche chi a partire dal 1 settembre 2010 ha ottenuto un passaggio di ruolo
continuerà a percepire lo stesso stipendio ricevuto l’anno precedente.

D’altronde, l’una tantum - come ribattezzata da Anief - erogata nel
2011 per il 2010 e quella che nel 2013 dovrebbe essere erogata per il
2011, fino a quando non cambierà la norma non potrà essere utile alla
progressione stipendiale di tutto il personale a tempo indeterminato.

http://www.anief.org/content_pages.php?pag=4907&sid=
Tornare in alto Andare in basso
 
Gli scatti recuperati il 22-11 non concorrono all'anzianità?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Scatti: tabella di O.S .errata?
» dubbio su scatti stipendiali
» Scatti 2011
» ricostruzione di carriera e scatti stipendiali

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: