Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 diverbio con alunno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
roxcano



Messaggi : 758
Data d'iscrizione : 02.09.12

MessaggioOggetto: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 1:53 pm

Insegno in una scuola periferica, ma la platea non è di quelle borderline. Ho accompagnato una classe ad una visita guidata. Un alunno ha iniziato a mangiare patatine in un museo. L'ho richiamato, ma dopo due secondi ha ripreso a mangiare. A quel punto gli ho detto che è maleducato mangiare le patatine in un museo. Apriti cielo. Oggi sono arrivati i genitori a scuola dalla Dirigente perchè io avevo osato tacciare di maleducazione in figlio. Ovviamente la Dirigente se l'è presa con me, ma fin qui diciamo tutto nella norma (lungi da me pensare che un Dirigente dica che sono le famiglie ad avere torto). Il ragazzino ha iniziato una polemica lunghissima, riprendendo quanto accaduto al museo e chiosando il tutto con un "bel" "lei non si può permettere di dirmi che sono maleducato". Gli ho detto che è lui a non potersi permettere di rivolgersi a me in quel modo e lui ha replicato che l'avevo offeso etc. Secondo voi io ora cosa devo fare? Premetto che gli ho già messo una nota con accompagnamento. La Dirigente continuerà a dire che è colpa mia, i genitori anche. Datemi un consiglio. grazie!
Tornare in alto Andare in basso
susanita



Messaggi : 221
Data d'iscrizione : 23.10.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 2:58 pm

Grazie a Dio il mio Preside si è convinto da un bel po' (circa tre anni) a rispondere ai genitori che se un insegnante rimprovera un alunno i suoi motivi li ha.
Naturalmente tu per essere a posto con la normativa essendo quella del Museo un'uscita didattica hai stilato (nei giorni successivi) una relazione che hai fatto poi protocollare in cui hai raccontato anche per filo e per segno tutto e anche il comportamento dell'alunno e il fatto che ha continuato imperterrito a mangiare le patatine al museo fregantosene di te?
C'erano anche altri tuoi colleghi accompagnatori che hanno firmato la relazione?
Hai chiesto la convocazione dei genitori del ragazzo per la maleducazione dimostrata e la segnalazione al Consiglio di classe per discuterne nella prossima riunione?
Hai capito come si fa per mettere le cose a posto nel lungo tempo e nel breve per coprirti le spalle?
Se non hai fatto la relazione falla adesso a maggior ragione che i genitori si sono risentiti ufficiosamente con il Preside. tu invece fallo ufficilamente raccontanto le cose per filo e per segno. Ti vogliono far impaurire ma se li spiazzi così, faranno immediatamente retromarcia tutti.
Si fa come ti ho detto.
Anche il mio preside e tanti genitori in passato si comportavano così, ma io codice civile, penale, leggi varie alla mano e lettere protocollate, ho fatto cambiare idea a tutti.
Si ragiona così: che se è il Preside che ti parla tu chiedigli di mettertelo per iscritto e poi vai da un sindacato tuo amico e ti fai scrivere la risposta che gli devi; se un genitore ti fa direttamente una querela tu recati immediatamente alla caserma e fai una tua controquerela contro loro e anche citi una loro eventuale "culpa in educando". Si calmano immediatamente e ti pregano di ritirarla come poi fanno anche loro. Ciao ;-)
Tornare in alto Andare in basso
roxcano



Messaggi : 758
Data d'iscrizione : 02.09.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 3:24 pm

ti ringrazio per avermi prima interrogato e poi sottolineato che "si fa come mi hai detto" :-) Insegno "solo" da 10 anni nella scuola statale come docente di ruolo e da 5 nella scuola privata, ergo ho un piccolo bagaglio di 15 anni di esperienza. So perfettamente come si fa. Evidentemente nonostante abbia seguito il canonico iter, le cose hanno preso una piega diversa e mi sono trovata da sola a lottare. So che i genitori vogliono intimidirmi, ma hanno sbagliato persona. Quella della querela non è una strada che escludo, ci mancherebbe. Anzi, se me le fanno girare....
Tornare in alto Andare in basso
susanita



Messaggi : 221
Data d'iscrizione : 23.10.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 3:27 pm


Mi piace il tuo umorismo. Ti sono vicina con il pensiero. :-)
Anche io giù per su ho gli stessi tuoi anni di insegnamento.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5347
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 3:43 pm

Non se ne può più di queste storie! Ma possibile che si debba arrivare alla querela, che si debba sempre stare sulla difensiva? Mi domando: dove sta il cortocircuito? Che nelle famiglie ci sia un problema è noto a tutti, ma per quanto riguarda la scuola, quante di queste segnalazioni si potrebbero evitare con dirigenti meno accondiscendenti? Possibile che un insegnante non possa contare sull'appoggio della dirigenza nel dare del "maleducato" a un ragazzo che mangia in un museo! Mi viene in mente un articolo uscito qualche giorno fa sul Corriere
http://www.corriere.it/cronache/13_febbraio_02/genitori-sindacalisti-figli_a671ad3e-6d00-11e2-8cda-116f437864e3.shtml
Tornare in alto Andare in basso
susanita



Messaggi : 221
Data d'iscrizione : 23.10.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 4:58 pm

Cara Lucetta, è proprio la mancanza di querele (ed è questo il cortocircuito) da parte dei docenti che ha incrementato il comportamento delinquenziale di alunni e famiglie con tanto di avallo dei dirigenti e dei colleghi pavidi e che inoltre ha spinto i governi a volerci pestare in ogni modo perchè tanto il voto a certi energumeni lo diamo lo stesso!
Non lo noti come qui in forum abbondano in modo mostruoso i casi di attacco ai docenti, ai compagni di classe e alle regole della scuola?
Non noti come vi è una sorta di passività mentale e un "è così" fra i colleghi che vengono qui a raccontare la "Istoria della loro disgrazia"?

Sto ripetendo in ogni dove che nella mia scuola da quando mi sono ribellata ed ho iniziato un percorso con tanto di codice penale, civile, leggi e lettere protocollate a preside, collegio dei docenti e consiglio di istituto le cose si sono rapidamente messe a posto.

Direi che sono arrivata ad una equazione matematica: se vuoi che diminuiscono i casi di bullismo di famiglie, alunni, dirigenti nei confronti dei docenti e degli alunni che sono vittime, devi aumentare esponenzialmente le richieste per iscritto di risolvere il problema e denunciare quando serve.
Nella mia scuola si studia di più e bene e sono adesso tranquilli da quando si è iniziato a bocciare e a sospendere seguendo il regolamento d'istituto e le leggi a puntino: non una virgola di più e non una di meno.
Per rendere le cose più corrette e inattaccabili dal punto di vista giuridico noi facciamo un Collegio dei docenti di ratifica dopo gli scrutini di primo e secondo quadrimestre.

Allo stesso modo per i carceri io sono contraria all'amnistia perchè anzi serve costruire nuovi carceri e dare certezza della pena.
In tal modo se nonn potranno protestare e dovranno scontare sul serio tutta la loro condanna, tanti la smetteranno di deliquere e saranno ESEMPIO per gli altri. Rapidamente diminuirà il numero di gente corrotta e che compie atti delinquenziali.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 5:15 pm

Ma che conseguenze ci sono in questa storia? Vogliono intidimidirti? e tu non intimidirti. Ha detto che è maleducato mangiare le patatine al museo. Non hai detto che lui è maleducato. Tu hai richiamato una regola.

Se il ragazzino continua a romperti in classe richiamando questa storia tu mettigli note su note perchè disturba la lezione e se i genitori vengono ancora a romperti, attacca tu, con gentilezza, digli però quanto hai affermato prima: ti impediscono di lavorare bene e la cosa potrebbe essere fatta presente alle autorità-

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5347
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 5:25 pm

Mi dispiace ma non credo questa sia la soluzione... magari! Visto l'andazzo è bene certamente che gli insegnanti imparino a difendersi e a far valere i propri diritti, oltre che, come dici giustamente, a far le cose in modo meno sciatto e quindi meno attaccabile. Ma l "equazione matematica" che si riconquisti il prestigio perduto (che di questo si parla: se le famiglie ci percepissero in modo più autorevole "abbasserebbero la cresta"!) a colpi di querela non mi convince proprio. Se riuscissimo solo così a ridurre il contenzioso non sarebbe per una reale percezione del nostro come un ruolo degno di rispetto. I genitori avrebbero semplicemente "evitare impicci", come si dice, e non avremmo risolto il problema: anche il collega pavido o debole deve essere rispettato nel proprio lavoro e ha diritto a essere difeso dal suo dirigente (dal momento che questo è il suo ruolo) in base a una normativa certa ma non per questo rivendicata a botte di carte bollate (i tribunali non sono già troppo affollati? gli avvocati non sono abbastanza ricchi?). Mi disturba il fatto che il dirigente non si assuma la responsabilità di appurare la realtà in certi episodi e quindi difendere (ma nemmeno attaccare quando serve) un insegnante
Tornare in alto Andare in basso
MonicaGuido



Messaggi : 506
Data d'iscrizione : 13.01.11

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 6:39 pm

Mi è stato suggerito di contattare l'ispettore scolastico regionale. Altrimenti non saprei come muovermi. Secondo voi funzionerà? O rischio di essere saltata quando leggo il mio nome in graduatoria?
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17789
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 7:31 pm

roxcano ha scritto:
ti ringrazio per avermi prima interrogato e poi sottolineato che "si fa come mi hai detto" :-)
E' sempre autoritaria la "nostra" Susanita!! :-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Gio Feb 07, 2013 9:50 pm

Non credo sia la mancanza di querele, che per essere credibili e soprattutto per trovare il luogo a procedere e quindi avere qualche appiglio per migliorare le cose, devono essere basate su cose serie, non certo su una stupidaggine come questa

(come era questa in partenza, per carità, non minimizzo la valenza di quanto sta creando, ma all'inizio era proprio una stupidaggine di un ragazzino viziato che si mangiava patatine dove non doveva e che è stato, giustamente ripreso)

Giusto perchè non sono una insegnante non riesco a capire perchè ti devi muovere. Hai avuto una lettera ufficiale o solo un "cazziatone" dalla dirigente che ha scelto questa strada per mettere a tacere la famiglia?

Per come la vedo io, la storia dovrebbe essere finita, ma probabilmente non capisco. Qualcuno di voi ha voglia di presentarmi il quadro delle possibili conseguenze?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5347
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 2:52 pm

Per i non addetti ai lavori (e per gli addetti che vorranno correggermi): nella scuola e per la collega, conseguenze immediate forse non ci saranno. I dirigenti sono gattopardeschi, danno torto ai docenti di fronte ai genitori per non avere rogne e mai ne vorrebbero impelagandosi in richiami, protocollando lettere ecc..., figuriamoci poi per una questione del genere, di cui sono ghiotte le cronache giornalistiche e per la quale il più scalcinato dei sindacalisti vincerebbe il contenzioso! La storia dunque sarà probabilmente chiusa con quello che la collega ci ha raccontato, ma la scuola non è l'ufficio del catasto! Se si "cazzia" un docente di fronte alla famiglia di un alunno in difetto, se ne inficia l'efficacia educativa e si pregiudica il suo lavoro. Per continuare co il paragone, è come se al nostro impiegato del catasto il dirigente, oltre alla cazziata, togliesse le vocali dalla tastiera del computer: continuerebbe a fare il suo lavoro, ma digitando soltanto consonanti!
E la prossima volta che il simpatico pargolo crapulone vorrà farsi uno spuntino a teatro (ammesso che qualcuno voglia ancora portare in gita la classe)? E la scuola, tutti noi, la categoria, la nostra funzione educativa, la nostra autorevolezza, il nostro ruolo?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 3:02 pm

Hai ragione lucetta, sono valori da proteggere.

Ma una azione su questo preciso episodio non protegge nulla. La vostra autorevolezza sta anche nel dire: fate quello che volete, io ho detto che è maleducato chi mangia patatine a teatro. Presentate querela? bene, andiamo a vedere se non si tratti invece di accusa di calunnia che, dopo aver avuto ragione da parte del giudice, presenterò io nei vostri confronti.

Se si fosse potuto parlare prima con i genitori si doveva attaccare, con gentilezza, e chiedere: vi sembra educato chi mangia patatine dove non si può?

Una bella relazione scritta sull'accaduto e via, avanti con l'insegnamento e note su note al ragazzino se dovesse disturbare.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5347
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 3:22 pm

Ire ha scritto:
Hai ragione lucetta, sono valori da proteggere.

Ma una azione su questo preciso episodio non protegge nulla. La vostra autorevolezza sta anche nel dire: fate quello che volete, io ho detto che è maleducato chi mangia patatine a teatro. Presentate querela? bene, andiamo a vedere se non si tratti invece di accusa di calunnia che, dopo aver avuto ragione da parte del giudice, presenterò io nei vostri confronti.

Se si fosse potuto parlare prima con i genitori si doveva attaccare, con gentilezza, e chiedere: vi sembra educato chi mangia patatine dove non si può?

Una bella relazione scritta sull'accaduto e via, avanti con l'insegnamento e note su note al ragazzino se dovesse disturbare.

Invece no, dal momento che la pratica degli ultimi anni si sta riducendo a una sommatoria di episodi come questo, che stanno minando seriamente la nostra possibilità di lavorare, e non possiamo sempre rivolgerci ai carabinieri (che immagino a ridere mentre leggono ricorsi su fatti del genere)! Da come la vedo io l'insegnante è quella figura professionale che proprio non può retrocedere di fronte a questioni di principio: solo così può permettersi di dare del maleducato all'alunno maleducato!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 3:26 pm

ma sono d'accordo con te!

Non deve retrocedere ed è per questo che suggerivo di farla finita e di dare note su note al ragazzo se prosegue a dire "lei non può permettersi".

Non è che avete tanti altri strumenti, sai.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5347
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 3:39 pm

Invece ne abbiamo uno efficacissimo: la sospensione! Il problema sono i dirigenti, è contro di loro che bisogna agire! Se i dirigenti parteggiano per gli alunni (ma guarda... ultimamente anche per i colleghi lavativi!) le note non servono a niente
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 3:46 pm

ah, lo so. purtroppo la sospensione è decisione di consiglio convocato in riunione straordinaria. Pensa te se il ds si è comportato così.......

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5347
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 3:49 pm

Non credo che il DS abbia il potere di negare la convocazione di un CdC (che può essere richiesta da uno qualunque dei suoi membri), di sicuro non ne manipola la decisione!!!! Ne è soltanto membro, al limite lo presiede, ma il consiglio, come si ripete sempre, "è sovrano"! Mi è capitato molte volte, ad esempio, di bocciare con parere contrario (ovviamente "caldamente" promosso) del DS
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 3:52 pm

Questo non lo so, ma a quanto pare, da quello che è successo nel racconto dell'altro topic che anche tu stai seguendo il dirigente può.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
susanita



Messaggi : 221
Data d'iscrizione : 23.10.12

MessaggioOggetto: Re: diverbio con alunno   Ven Feb 08, 2013 11:37 pm

roxano hai pensato di contattare una persona fidata del tuo sindacato e a farti seguire passo passo? In questi casi in cui vi è un dirigente poco preparato e incarognito nelle sue convinzioni i soldi della tessera sono ben spesi e inoltre ti può venire in soccorso in vari modi.
Tornare in alto Andare in basso
 
diverbio con alunno
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Alunno copia versione, ma me ne accorgo solo al momento della correzione
» Alunno introverso
» L'allievo supera sempre il maestro
» Presentazione dei Professori e degli alunni.
» Sospensione e obbligo di frequenza

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: