Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Mer Mar 06, 2013 7:50 pm

Promemoria primo messaggio :

C'è in seconda un ragazzo "difficile". Lui in quella scuola non ci vuole stare. Vorrebbe andare al liceo, non all'ITI e sta scientificamente mettendo in atto ogni strategia per fare in modo che i genitori, sordi alle sue richieste, lo tolgano dalla scuola. Così brutti voti, note, richiami, cacciate dalla classe, urlate dal preside non solo non sortiscono alcun effetto, addirittura mi sembra lo facciano contento. Spera che richiamiamo i genitori (cosa già fatta) chissà che lo levino da quella scuola in cui non sta bene. In classe non si riesce a lavorare. Continua a chiacchierare, indifferente ai richiami. Fa versi, parla anche da solo, sberleffi, insulta i compagni. Di una professoressa ha detto "morirà pure lei". Molti di noi hanno perso la pazienza. Anche io, ad un certo punto. E ho visto che non ho fatto altro che fomentare ulteriormente i suoi comportamenti. Il libro non lo apre, non fa nulla.
Ho seguito i consigli della mitica prof. Milani.
Lo ho chiamato fuori per parlargli in separata sede. Gli ho detto che io ero lì per aiutarlo, perchè è uno in gamba, e che però se lui non voleva essere aiutato non potevo certo obbligarlo, ma che speravo tanto che lui me lo lasciasse fare. Gli ho anche detto che però non avrei accettato, perchè non era giusto, che lui mancasse di rispetto a me o ai suoi compagni che vogliono ascoltare. Lui ha risposto solo "tanto non cambia niente".
La volta successiva era un po' più tranquillo, ma non troppo. Io non ho accettato provocazioni, ho finto di non sentire qualche commento, ad altri ho risposto con pacatezza. Tipo quando ha detto che sono antipatica, gli ho risposto che mi dispiaceva perchè lui invece a me è simpatico. La lezione è andata via abbastanza liscia, ma quello che era vicino a lui ha cominciato a parlare anche lui. Alla fine della lezione ho avvisato la classe che avevo detto a lui che se non voleva studiare non potevo obbligarlo, ma che chi non vuole ascoltare deve spostarsi con il banco a lato della porta per non disturbare gli altri. Ovviamente (o per fortuna) nessuno ha avuto il coraggio di spostarsi, la lezione è filata liscia e a un certo punto il ragazzo in questione ha ADDIRITTURA cominciato a guardare il libro. Insomma, un po' di tolleranza ha contenuto la cosa.
Il problema ora però è un altro. Questa tolleranza verso di lui ha fatto sì che un altro paio di ragazzi si siano messi a parlare. Ovviamente non posso richiamare loro e l'altro no. Come me la cavo ora? Avete suggerimenti per la prossima mossa?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 08, 2013 5:36 pm

paniscus ha scritto:
Scusate un attimo, però: fermo restando che i genitori hanno sbagliato a monte, e che avrebbero dovuto dargli un po' più di fiducia molto prima... ma ADESSO, dopo due anni (anzi, tre), un minimo di attenuante gliela darei, se sono critici contro l'idea del cambio di corso.

In altri termini, se veramente il ragazzo dimostra di non fare nulla, di non aprire libro, e va male praticamente in tutte le materie (e non sono in quelle specialistiche), cosa penserebbe di ottenere cambiando scuola?

Potrei caldeggiare appassionatamente il cambio, se questo ragazzo avesse risultati negativi solo in fisica, in chimica, in disegno tecnico e nelle altre materie caratterizzanti di indirizzo, ma se la cavasse bene in quelle di cultura generale.

Ma se non fa nulla nemmeno in italiano, in storia, in inglese, in matematica, in scienze naturali, e si becca sfilze di insufficienze gravi anche in quelle, che cosa si aspetta di ottenere andando in un liceo? O in generale, andando in qualsiasi altra scuola, dove quelle stesse materie se le ritroverebbe tali e quali?

Io e ho avuti tanti, ma veramente tanti, di alunni di prima e di seconda che andavano male in quasi tutte le materie, comprese quelle assolutamente generali (e che andavano male sostanzialmente perché non aprivano libro), che hanno cominciato a dire che "si trovavano male" e che "l'ambiente non gli piaceva", e che quindi hanno cambiato scuola sperando che miracolosamente le sfilze di 3 e di 4 diventassero 6 o 7 per il solo fatto di trovarsi in un ambiente che gradivano di più... ma che poi si sono fatti prontamente bocciare anche nella nuova scuola!

Questi ragazzi devono capire che, anche nella scuola "che ti piace di più", se non fai assolutamente niente, ti bocciano anche lì!

L.

Hai ragione Paniscus, ma il caso di questo studente forse è differente. E se la sua fosse una reazione all'imposizione dei genitori? E se lui deliberatamente non combina niente in nessuna materia perchè vuole "punire" i genitori che lo hanno obbligato a frequentatre quella scuola che lui non gradisce? Questo i genitori avrebbero dovuto capirlo subito...perchè aspettare tre anni?...forse perchè non avevano intenzione di mantenere la promessa di un futuro trasferimento e questo il figlio, che non è stupido, lo ha capito e si comporta di conseguenza. In questa situazione, se così è, hanno massima colpa i genitori e il figlio, in quella scuola, continuerà a non fare niente. Certo non possiamo sapere come si sarebbe comportato nella scuolas dove voleva frequentare...io credo che, forse, si sarebbe impegnato maggiormente
Tornare in alto Andare in basso
Online
spielrein



Messaggi : 962
Data d'iscrizione : 14.11.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 12:05 pm

il (crudele) mandato implicito che questi genitori danno al figlio è: se fai bene quello che stai facendo, ti premieremo permettendoti di smettere di farlo. (contorto già a scriverlo...)
insomma gli stanno chiedendo di investire energie e motivazioni, di "orientare" la sua capaità "desiderante", tanto bella quanto ormai purtroppo rara nei ragazzi delle superiori, su un oggetto specifico, NON scelto da lui e che non costituisce neanche la base di un agire progettuale.

devi ottimizzare questo rapporto se vuoi poterlo poi annullare

io tutto sommato credo (spero :D) di essere una persona equilibrata, ma all'età di questo ragazzo probabilmente avrei dato di matto per molto meno.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 1:32 pm

Beh, il ragazzo ieri mi ha mandata a cagare. Non pensava che lo sentissi, ma così è stato. I genitori hanno acconsentito al cambiamento per il prossimo anno, ma la situazione non è cambiata.
Tornare in alto Andare in basso
baby33



Messaggi : 1181
Data d'iscrizione : 20.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 2:09 pm

Mi è capitato un ragazzo così. Cominciai a tempestare di chiamate la madre (genitori separati) per ogni cosa che faceva. Una persona che non ha voglia di studiare se vuole rimanere a scuola non deve dare fastidio, altrimenti meglio che rimanga a casa. Per fortuna questo ragazzo verso aprile si ritirò da scuola con enorme sollievo da parte di tutti gli insegnanti!
Tornare in alto Andare in basso
Kle



Messaggi : 1091
Data d'iscrizione : 23.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 2:23 pm

Tabeta ha scritto:
paniscus ha scritto:
Scusate un attimo, però: fermo restando che i genitori hanno sbagliato a monte, e che avrebbero dovuto dargli un po' più di fiducia molto prima... ma ADESSO, dopo due anni (anzi, tre), un minimo di attenuante gliela darei, se sono critici contro l'idea del cambio di corso.

In altri termini, se veramente il ragazzo dimostra di non fare nulla, di non aprire libro, e va male praticamente in tutte le materie (e non sono in quelle specialistiche), cosa penserebbe di ottenere cambiando scuola?


Sì, ma lui non va male perché non ci arriva o non ha voglia di impegnarsi. Ho l'impressione che stia deliberatamente sabotando l'anno scolastico. Non disturba come fanno gli altri, chiacchierando. Disturba persino parlando da solo pur di disturbare. In italiano va male, non apre libro, ma la docente ha scoperto che scrive poesie...

Se vuole sabotare l'anno scolastico vuol dire che proprio non gli piace questa scuola... Forse nessuno vuole capirlo questo! Io parlerei con i genitori e cercherei di far capire loro che nn si può costringere nessuno a fare qualcosa che proprio non vuole, neanche un figlio, non è mica un bambino piccolo! Avrà anche lui diritto a scegliere?
Questo ragazzo ha bisogno di essere ascoltato. Anche quel "tanto non cambia niente" mi pare proprio un atteggiamento col quale sembra voler dire: è inutile parlare, nessuno mia ascolta davvero!
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4602
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 2:45 pm

Tabeta ha scritto:
Beh, il ragazzo ieri mi ha mandata a cagare. Non pensava che lo sentissi, ma così è stato. I genitori hanno acconsentito al cambiamento per il prossimo anno, ma la situazione non è cambiata.
Perché aspettare il prossimo anno?
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 3:23 pm

Valerie ha scritto:
Tabeta ha scritto:
Beh, il ragazzo ieri mi ha mandata a cagare. Non pensava che lo sentissi, ma così è stato. I genitori hanno acconsentito al cambiamento per il prossimo anno, ma la situazione non è cambiata.
Perché aspettare il prossimo anno?
Perchè siamo a fine Marzo e forse è un po tardi per fare la "passerella" in un altra scuola..........o percè i genitori, in malafede, non hanno proprio intenzione di andare incontro alle richieste del figlio?????? Atroce dilemma!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 3:26 pm

...che poi ci sarebbe un'altra cosa da capire, o no?

Questo ragazzo, a quanto ho capito, sarebbe in seconda avendo ripetuto un anno, quindi sarebbe già sui 17 anni di età.

Se cambiasse scuola, andrebbe in un corso completamente diverso dal proprio, in cui ci sarebbero da recuperare diverse materie che non ha mai fatto.

Cosa dovrebbe fare, iscriversi direttamente in terza (sempre che quest'anno riesca a farsi promuovere alla terza, cosa che risulta improbabile) con un'infinità di programmi da recuperare... o ricominciare dalla prima, iscrivendosi a 17 anni in una classe in cui tutti ne hanno TRE di meno? Anche questo non sarebbe un problema di poco conto, eh.

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 4:51 pm

Ire ha scritto:
si può proporre di picchiare i genitori?


No eh?

ritiro!
Beh... bisogna essere aperti di mentalità e prendere in considerazione tutte le alternative.

Ritiro anche io...
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 4:52 pm

spielrein ha scritto:
il (crudele) mandato implicito che questi genitori danno al figlio è: se fai bene quello che stai facendo, ti premieremo permettendoti di smettere di farlo. (contorto già a scriverlo...)
insomma gli stanno chiedendo di investire energie e motivazioni, di "orientare" la sua capaità "desiderante", tanto bella quanto ormai purtroppo rara nei ragazzi delle superiori, su un oggetto specifico, NON scelto da lui e che non costituisce neanche la base di un agire progettuale.

devi ottimizzare questo rapporto se vuoi poterlo poi annullare

io tutto sommato credo (spero :D) di essere una persona equilibrata, ma all'età di questo ragazzo probabilmente avrei dato di matto per molto meno.

Ci sto provando...
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 4:54 pm

baby33 ha scritto:
Mi è capitato un ragazzo così. Cominciai a tempestare di chiamate la madre (genitori separati) per ogni cosa che faceva. Una persona che non ha voglia di studiare se vuole rimanere a scuola non deve dare fastidio, altrimenti meglio che rimanga a casa. Per fortuna questo ragazzo verso aprile si ritirò da scuola con enorme sollievo da parte di tutti gli insegnanti!

Dici che incomincio a tempestare? Mi sa che è quello che vuole lui. Ma non ho molte certezze...
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 4:56 pm

Kle ha scritto:
Tabeta ha scritto:
paniscus ha scritto:
Scusate un attimo, però: fermo restando che i genitori hanno sbagliato a monte, e che avrebbero dovuto dargli un po' più di fiducia molto prima... ma ADESSO, dopo due anni (anzi, tre), un minimo di attenuante gliela darei, se sono critici contro l'idea del cambio di corso.

In altri termini, se veramente il ragazzo dimostra di non fare nulla, di non aprire libro, e va male praticamente in tutte le materie (e non sono in quelle specialistiche), cosa penserebbe di ottenere cambiando scuola?


Sì, ma lui non va male perché non ci arriva o non ha voglia di impegnarsi. Ho l'impressione che stia deliberatamente sabotando l'anno scolastico. Non disturba come fanno gli altri, chiacchierando. Disturba persino parlando da solo pur di disturbare. In italiano va male, non apre libro, ma la docente ha scoperto che scrive poesie...

Se vuole sabotare l'anno scolastico vuol dire che proprio non gli piace questa scuola... Forse nessuno vuole capirlo questo! Io parlerei con i genitori e cercherei di far capire loro che nn si può costringere nessuno a fare qualcosa che proprio non vuole, neanche un figlio, non è mica un bambino piccolo! Avrà anche lui diritto a scegliere?
Questo ragazzo ha bisogno di essere ascoltato. Anche quel "tanto non cambia niente" mi pare proprio un atteggiamento col quale sembra voler dire: è inutile parlare, nessuno mia ascolta davvero!

Questa cosa è stata fatta. Di parlare con i suoi. Per quanto riguarda lui ho provato a parlarci tre volte. Non con il predicozzo, ma con atteggiamento di ascolto, dicendo che io ero lì per aiutarlo ma che però non doveva mancare di rispetto a me e soprattutto ai compagni.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 4:57 pm

Valerie ha scritto:
Tabeta ha scritto:
Beh, il ragazzo ieri mi ha mandata a cagare. Non pensava che lo sentissi, ma così è stato. I genitori hanno acconsentito al cambiamento per il prossimo anno, ma la situazione non è cambiata.
Perché aspettare il prossimo anno?
Lui è in seconda (la ripete) e il liceo musicale ha solo la prima. Intende andare il prossimo anno in seconda. Però non ho capito se può, se deve ritirarsi, cosa succede se è promosso e cosa succede se è bocciato...
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 4:58 pm

paniscus ha scritto:
...che poi ci sarebbe un'altra cosa da capire, o no?

Questo ragazzo, a quanto ho capito, sarebbe in seconda avendo ripetuto un anno, quindi sarebbe già sui 17 anni di età.

Se cambiasse scuola, andrebbe in un corso completamente diverso dal proprio, in cui ci sarebbero da recuperare diverse materie che non ha mai fatto.

Cosa dovrebbe fare, iscriversi direttamente in terza (sempre che quest'anno riesca a farsi promuovere alla terza, cosa che risulta improbabile) con un'infinità di programmi da recuperare... o ricominciare dalla prima, iscrivendosi a 17 anni in una classe in cui tutti ne hanno TRE di meno? Anche questo non sarebbe un problema di poco conto, eh.

Lisa

Infatti, come dicevo prima di leggere qui, sta ripetendo la seconda e il prossimo anno potrebbe andare in seconda perchè il liceo è stato attivato quest'anno nella nostra città.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8321
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 5:17 pm

credo che nei primi due anni sia possibile il passaggio senza il ritiro.
Ammesso che venga promosso da voi, a settembre dovrà sostenere gli esami per quelle materie che non fanno parte dell'attuale corso di studi.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 5:20 pm

Dubito che verrà promosso se non si dà da fare per recuperare. La questione è che è in seconda e potrà fare la seconda. Vale anche se è ammesso in terza?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8321
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 5:24 pm

ah, se la terza liceo non c'è, non potrà fare altro che fare la seconda. E per lui sarebbe un bene, direi
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Valerie



Messaggi : 4602
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 5:39 pm

Se fosse mio figlio comincerei giá da adesso a fargli fare le materie che si fanno nell'altra scuola, tralasciando quelle attuali. Alla fine dell'anno sará bocciato nell'attuale scuola, ma almeno sará più pronto ad affrontare la nuova, sempre in seconda.
Tornare in alto Andare in basso
baby33



Messaggi : 1181
Data d'iscrizione : 20.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 5:48 pm

Tabeta ha scritto:
baby33 ha scritto:
Mi è capitato un ragazzo così. Cominciai a tempestare di chiamate la madre (genitori separati) per ogni cosa che faceva. Una persona che non ha voglia di studiare se vuole rimanere a scuola non deve dare fastidio, altrimenti meglio che rimanga a casa. Per fortuna questo ragazzo verso aprile si ritirò da scuola con enorme sollievo da parte di tutti gli insegnanti!

Dici che incomincio a tempestare? Mi sa che è quello che vuole lui. Ma non ho molte certezze...

Io lo farei. Spiegando ai genitori che non solo non ha voglia di fare niente, ma va a scuola proprio per dare fastidio ai docenti e ai compagni che vogliono studiare! Spiega loro che forse ha sbagliato indirizzo di studi. Ma lui non ha intenzione di ritirarsi da scuola?
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 7:37 pm

Ma lo abbiamo già detto ai genitori. E comunque è deciso che farà il musicale, ha detto di "avere fatto il colloquio e di essere stato ammesso", non so cosa intenda, credo sia andato a parlare con il preside e che gli abbia detto "sì, sì vieni"... ma dal prossimo anno, quindi intanto viene da noi...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8321
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Ven Mar 22, 2013 8:30 pm

la sua battaglia l'ha vinta, o quasi, che si metta tranquillo, allora, e che magari cominci a studiare le altre materie.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
baby33



Messaggi : 1181
Data d'iscrizione : 20.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Sab Mar 23, 2013 3:28 pm

Hai provato a dire ai genitori che il figlio è a rischio bocciatura se non si dà subito una svegliata? Fai capire loro che se deve andare a scuola deve studiare e non dare fastidio perché non permette agli altri di lavorare serenamente. Se non ha intenzione di darsi una mossa abbandonasse la scuola. Tanto il suo destino è segnato comunque! Meno male che lo studente che avevo io era consapevole di essere bocciato e decise di ritirarsi da scuola!
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Sab Mar 23, 2013 6:00 pm

Non capisco proprio perchè questi genitori, se hanno veramente l'intenzione di trasferire il figlio l'anno prossimo, non lo abbiano fatto prima quest'anno dal momento che sicuramente verrà bocciato nella scuola in cui è. Avrebbe frequentato la prima nel Liceo musicale, seguendo tutte le materie dell'indirizzo di studi che, per una parte, sicuramente differiscono dall'attuale scuola e sarebbe stato, forse, promosso in seconda......del resto anche trasferendolo l'anno prossimo dovrebbe frequentare la seconda e in più deve dare l'esame di tutte le materie nuove che non ha mai seguito.
Questi genitori mancano proprio di logica...a meno che sia un ulteriore "trucco" e "imbroglio" per il figlio!!!
Tornare in alto Andare in basso
Online
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Sab Mar 23, 2013 6:01 pm

Ire ha scritto:
la sua battaglia l'ha vinta, o quasi, che si metta tranquillo, allora, e che magari cominci a studiare le altre materie.
Sei sicura che l'abbia vinta veramente, Ire???? Io ho qualche dubbio!!!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.   Sab Mar 23, 2013 6:56 pm

baby33 ha scritto:
Hai provato a dire ai genitori che il figlio è a rischio bocciatura se non si dà subito una svegliata? Fai capire loro che se deve andare a scuola deve studiare e non dare fastidio perché non permette agli altri di lavorare serenamente. Se non ha intenzione di darsi una mossa abbandonasse la scuola. Tanto il suo destino è segnato comunque! Meno male che lo studente che avevo io era consapevole di essere bocciato e decise di ritirarsi da scuola!

Ma a lui non gliene frega nulla di essere bocciato... il prossimo anno comunque dovrà rifare la seconda...
Tornare in alto Andare in basso
 
Ragazzo difficile, sembra una partita a scacchi.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» A volte, come oggi, mi sembra di vivere un sogno
» Una decisione davvero difficile.....
» pronti per vedere la partita ............fotza italia
» transfert difficile
» mi sembra di vivere la vita di un' altra

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: