Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 BES (Bisogni educativi speciali)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
AutoreMessaggio
Valeria2



Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 27.10.10

MessaggioOggetto: BES (Bisogni educativi speciali)   Gio Mar 07, 2013 4:06 pm

Promemoria primo messaggio :

Ho letto la circolare sugli alunni con BES (bisogni educativi speciali) e mi chiedo:
ma che si fa ora? si fanno PDP in corso d'anno? E si fanno per tutti i ragazzini che hanno difficoltà?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 5:48 pm

Albith ha scritto:
Io temo invece proprio che alla fine "istituzionalizzeremo" la non valutazione dei DSA

Concordo con Allibitch, per i frequentatori del sito Alb; aggiungo, l'istituzionalizzazione della non valutazione dei BES. E poi perderemo pure gli altri, per mancanza di motivazione.

La "volontà" non esiste più, è stata spazzata via dal determinismo della Psicologia, a cui la Pedagogia si è adeguata trasformandosi in Pedagogia contemporanea. Chi non "vuol" studiare in realtà - dice questo pensiero relativistico - non "può" studiare per una serie e serie di ragioni psicologiche individuali e psicologiche ambientali, psicologiche attuali e psicologiche pregresse. E psico-sociali. Perchè l'individuo è un sistema complesso e multidimensionale, continua il pensiero relativistico della Psicologia, a cui la Pedagogia si è adeguata trasformandosi in Pedagogia contemporanea.

http://www.orizzontescuolaforum.net/t56528-bes-bisogni-educativi-speciali

Peccato che decenni fa questo pensiero andava bene perchè c'era il problema della democratizzazione della cultura contro l'analfabetismo, oggi - che la cultura si è democratizzata e tutti vi accedono (bene!)- non si pone più il problema del diritto allo studio ma del diritto allo studio collegato al diritto al lavoro e per lavorare bisogna essere preparati per competere con gli altri. Son cambiate le epoche!
Tornare in alto Andare in basso
francesca.d



Messaggi : 87
Data d'iscrizione : 15.03.13

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 5:58 pm

Ire ha scritto:
beh, mi sembra che si esageri.

Il pdp per un dsa (di questo mi occupo io) non significa fare due crocette. Il pdp significa leggere la diagnosi, conoscere il ragazzo, proporre didattiche individualizzate e l'utilizzo di strumenti compensativi e dispensativi ritenuti opportuni, discutere del tutto con la famiglia, sentirne le necessità e le osservazioni, condividere il progetto con la firma e adottare quanto indicato per tutto l'anno scolastico.

concordo.
io lavoro in una primaria e da noi esiste un raccoglitore in cui sono inseriti i certificati relativi ai BES (fino a quest'anno solo DSA e ADHD) e i relativi PDP, raccoglitore che viene aggiornato ogni anno con i PDP che si preparano collegialmente e che vengono completati anche insieme alle famiglie.
Personalmente ho, nelle mie due classi, tre DSA (uno anche ADHD) e per tutti e tre predispongo misure compensative e dispensative. E' un lavoraccio quotidiano, altro che due crocette su un modulo! Ritengo che il principio sia corretto, ma come sempre manchino le risorse. Avere diversi BES in classe significa, di fatto, lavorare di più, senza compensi aggiuntivi nè aiuti da parte di colleghi/risorse formate. Non esistono neanche più le compresenze... immaginatevi come riesca io a gestire la lezione predisponendo ogni volta almeno 2 livelli diversi di lavoro (e vi ricordo che uno è anche un caso di ADHD...) Spero, il prossimo ciclo, di avere meno BES in classe, perchè è da pazzi. Dovremmo essere in 2 per lavorare come si deve.
Oggi ho passato il pomeriggio a predisporre verifiche di geografia e storia individualizzate in base alle specifiche caratteristiche di questi 3 alunni e, avendo anche due alunne certificate con il sostegno (non ci facciamo mancare niente), ho dovuto preparare anche le loro (la collega di sostegno è presente per pochissimo ore, 5 e 6 ore alla settimana per i due casi e riesce a seguirle, in parte, solo in italiano e matematica).
Temo molto un ulteriore carico di lavoro per noi insegnanti curricolari.
Tornare in alto Andare in basso
francesca.d



Messaggi : 87
Data d'iscrizione : 15.03.13

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:08 pm

scusate ma i DSA da voi sono in qualche modo gestiti dagli insegnanti di sostegno? magari fosse così!
In questi anni le ore di sostegno sono diminuite vertiginosamente e non bastano neanche a seguire decentemente i casi assegnati. DSA, ADHD, stranieri (nella mia zona sono una percentuale rilevante), casi di disagio sociale ecc sono gestiti dagli insegnanti di classe. E tutto questo con classi sempre più numerose.
Per quanto riguarda le diagnosi di H, a me pare che ultimamente i centri di neuropsichiatria siano indirizzati a certificare sempre di meno e solo i casi più seri.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:10 pm

mac67 ha scritto:



Io vedo fonti di grosse tensioni e difficoltà per il nostro lavoro in classe. Se trovi genitori ragionevoli, non hai grossi problemi, in fondo si tratta di ufficializzare quello che già facevamo: quando sappiamo che un alunno ha difficoltà in famiglia, difficoltà linguistiche (perché straniero) o altro abbiamo sempre un occhio di riguardo per la sua situazione.

perfetto. Non spaventatevi più di tanto per sta storia, dovete solo fare quello che fate già. con un po' più di rotture burocratiche

Citazione :
Le difficoltà le vedo per quei genitori che sfrutteranno questa nuova possibilità per ottenere una scuola più facile per i loro figli. Voglio vedere come fa una scuola a rifiutare un PDP a un genitore che lo chiede con una motivazione che magari sappiamo non rispondere al vero, o che seppur vera non è causa dello scarso rendimento dell'alunno/a.

Non lo rifuta, fa quello standard e va avanti con quelli che vogliono andare avanti, cosa ci potete fare voi? Nulla se non adeguarvi.


Citazione :

In lontananza vedo due cose: l'abolizione del valore legale del titolo di studio e l'abolizione dell'insegnante di sostegno, almeno come lo conosciamo oggi.

spero non in una abolizione ma in una forte revisione.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:12 pm

francesca.d ha scritto:
scusate ma i DSA da voi sono in qualche modo gestiti dagli insegnanti di sostegno? magari fosse così!

Non ne hanno diritto, purtroppo (in alcuni casi)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:21 pm

francesca.d ha scritto:


concordo.
io lavoro in una primaria e da noi esiste un raccoglitore in cui sono inseriti i certificati relativi ai BES (fino a quest'anno solo DSA e ADHD) e i relativi PDP, raccoglitore che viene aggiornato ogni anno con i PDP che si preparano collegialmente e che vengono completati anche insieme alle famiglie.
2 livelli diversi di lavoro (e vi ricordo che uno è anche un caso di ADHD...) . CUT


Sono un genitore fuori dal coro e ti do ragione al massimo.

Se mi legge qualcuno di mia conoscenza mi banna da tutti i forum esistenti sul web ;-)

E' assolutamente vero che in teoria un dsa non ha bisogno di sostegno che con gli strumenti adeguati e le attenzioni giuste può raggiungere i massimi livelli di apprendimento superando anche i compagni normolettori ma...........

col cavolo che queste cose possono essere fatte così in due e due quattro.

Per esperienza personale so quanto tempo ho impiegato (sembra finita ora) per aiutare i miei figli a studiare all'inizio del percorso e a raggiungere l'autonomia in questi ultimi tempi.

Pomeriggi passati a fare disegni, a riscrivere passaggi di testo troppo complessi..... insomma tutte queste cose le sapete.

Ora, se in una classe ce ne sono due o tre e nessuno è uguale all'altro, io sfido chiunque a riuscire a fare un buon lavoro.

Il sostegno non si può perchè è "umiliante" secondo alcuni scemi genitori, in realtà perchè non ci sono soldi secondo il ministero.

E allora?

Allora, su le maniche e lavorare, cari miei, cercando la collaborazione della famiglia, se non è di quelle che pensa che sia compito vostro perchè così dice la legge.

E' una pretesa assurda.

Chiedete, non abbiate paura, dovranno convincersi.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:31 pm

Ire ha scritto:

Citazione :
Le difficoltà le vedo per quei genitori che sfrutteranno questa nuova possibilità per ottenere una scuola più facile per i loro figli. Voglio vedere come fa una scuola a rifiutare un PDP a un genitore che lo chiede con una motivazione che magari sappiamo non rispondere al vero, o che seppur vera non è causa dello scarso rendimento dell'alunno/a.

Non lo rifuta, fa quello standard e va avanti con quelli che vogliono andare avanti, cosa ci potete fare voi? Nulla se non adeguarvi.

Mi spieghi che vuol dire? Che cos'è un PDP standard, un ossimoro?

Se in classe mi trovo con 3-4 alunni BES (insegno matematica e fisica allo scientifico) come posso lavorare decentemente per tutti? Ma si ha idea di che cosa significa? Già il tempo non basta mai in una classe senza PDP, con 2 o 3 PDP diventa asilo per bimbi cresciuti.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:40 pm

Carina, Mac

L'ossimoro mi piace un sacco ed era proprio quello che intendevo.

Viene qualcuno che non ne ha bisogno a chiedervi il pdp perchè vuole promozione facile?

Gli fate un bel

interrogazioni programmate con argomenti a scelta
verifiche scritte dimezzate
calcolatrice
lettore multimediale
formulari
mappe
schemi
possibilità di recupero orale per verifiche scritte andate storte

6 accademico con calcio nel sedere


Ma cosa potete fare? l'hai detto tu, non si può salvare chi non vuole essere salvato.
Voi fate il pdp, promuovete quei pargoli, ci penserà la vita.

Impegnatevi per chi ne ha davvero bisogno.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:45 pm

mac67 ha scritto:
Se in classe mi trovo con 3-4 alunni BES (insegno matematica e fisica allo scientifico) come posso lavorare decentemente per tutti?

Se non sai lavorare PER TUTTI E PER CIASCUNO - come dicono i pedagogisti dell'Accademia - non sei una brava insegnante, mi dispiace!!!

Si deve fare per tutti e per ciascuno, così come sa fare Dio con gli uomini!!!

P.S. A me a studiare ha insegnato mia madre, che ha passato con me tantissimo tempo nei pomeriggi a fare schemi, riassunti, sentirmi, etc. etc. E mia madre lavorava pure! Ok, era una madre laureata. Gli insegnanti non insegnavano a studiare oppure davano solo qualche dritta ma il lavoro era tutto dello studente e della famiglia.

Insomma, chi mi ha "imparato a imparare" (per ripetere il neologismo della pedagogia contemporanea, una delle life-skill) sono stato io e la famiglia. E senza sconti, anzi con aggravi di spesa per le lezioni private.

Forse che la famiglia dovrebbe riprendersi qualche suo ruolo, senza appoggiarsi più di tanto (o nel giusto modo) a Scuola e Psicologi?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:46 pm

mac67 ha scritto:


Se in classe mi trovo con 3-4 alunni BES (insegno matematica e fisica allo scientifico) come posso lavorare decentemente per tutti? Ma si ha idea di che cosa significa? Già il tempo non basta mai in una classe senza PDP, con 2 o 3 PDP diventa asilo per bimbi cresciuti.


Hai letto quello che ho scritto prima?

VI ho dato ragione, Mac. Lo so, ho idea.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:50 pm

LucaPS ha scritto:
Gli insegnanti non insegnavano a studiare oppure davano solo qualche dritta ma il lavoro era tutto dello studente e della famiglia.


Sono d'accordo con quasi tutto il resto, con questo no.

Per come la vedo io, non avendo voi la possibilità di insegnare tutto lo scibile sulla vostra materia, l'unico vero vostro compito sarebbe quello di insegnare come studiarla e di farla amare.



Non mi va nemmeno, in condizioni normali e non di bes, che ci sia bisogno di lezioni private.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 6:57 pm

Ire ha scritto:
Per come la vedo io, non avendo voi la possibilità di insegnare tutto lo scibile sulla vostra materia, l'unico vero vostro compito sarebbe quello di insegnare come studiarla e di farla amare.

Chi ha mai detto che bisogna insegnare tutto lo scibile umano sulla materia; un insegnante anzi deve fare il contrario e cioè selezionare e organizzare il materiale: neanche le Indicazioni Nazionali sono lo scibile umano.

In secondo luogo, un insegnante che abbia come unico vero compito quello di insegnare a studiare la materia (cioè che trasformi la didattica in metadidattica e la cognizione in metacognitizione) e di farla amare (la disciplna ridotta a principio di piacere), mi fa paura! Non è mai stato così, se ci pensi bene: perchè dovrebbe esserlo oggi? Siamo forse noi i più bravi, in quest'epoca, che pensiamo di aver scoperto l'acqua calda dei principi psicopedagogici e di essere nell'ombelico del tempo e della Storia?


Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 7:11 pm

LucaPS ha scritto:
mac67 ha scritto:
Se in classe mi trovo con 3-4 alunni BES (insegno matematica e fisica allo scientifico) come posso lavorare decentemente per tutti?

Se non sai lavorare PER TUTTI E PER CIASCUNO - come dicono i pedagogisti dell'Accademia - non sei una brava insegnante, mi dispiace!!!


Correzione: bravo insegnante.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 7:18 pm

Ire ha scritto:
Carina, Mac

L'ossimoro mi piace un sacco ed era proprio quello che intendevo.

Viene qualcuno che non ne ha bisogno a chiedervi il pdp perchè vuole promozione facile?

Gli fate un bel

interrogazioni programmate con argomenti a scelta
verifiche scritte dimezzate
calcolatrice
lettore multimediale
formulari
mappe
schemi
possibilità di recupero orale per verifiche scritte andate storte

6 accademico con calcio nel sedere


Ma cosa potete fare? l'hai detto tu, non si può salvare chi non vuole essere salvato.
Voi fate il pdp, promuovete quei pargoli, ci penserà la vita.

Impegnatevi per chi ne ha davvero bisogno.

Se la cosa finisse lì, sarebbe ancora niente.

Il problema è che demotiva e rende ostili gli altri alunni, che vedono i loro compagni PDP alleggeriti, mentre loro si devono sudare la sufficienza. Vagli a spiegare che studiano per loro e per il loro futuro. Già un adulto fatica a restare onesto quando è circondato da disonesti. Figuriamoci se un adolescente medio riesce a mantenere salda la barra.

Poi confesso che mi viene l'orticaria quando leggo che bisogna amare una disciplina o suscitare passione. Il massimo che si può onestamente pretendere da un insegnante è che spieghi con chiarezza e riesca a suscitare attenzione e curiosità.

Amore e passione, per favore, lasciamoli fuori dal discorso, sono altri sentimenti. Ho avuto sempre ottimi voti a scuola, ma la passione l'ho riservata a una minima parte di cose, come è naturale che sia per ognuno di noi.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 7:31 pm

No, per favore, prendi del fargan e ascoltami.

Se non ami una materia, almeno nel momento in cui la studi, non ti entra in testa nemmeno se la apri letteralmente la testa.

Va bene, ho letto ora, curiosità mi sta bene come sinonimo dell'amore che intendevo io.

E voi ci dovete mettere passione, altrimenti siamo da capo.

Sul fatto che poi gli altri protestano, che dire?

E' vero.

Ma qui torniamo al discorso trito e ritrito della necessità di insegnare qualcosa di più a questi ragazzi.

Un discorso banalissimo per capire cosa sia questo qualcosa di più mac?

tanto so che con te non ho bisogno di lanciarmi nei miei chilometrici discorsi.

Bambini, togliereste gli occhiali ad un ipovedente?
Bambini, vi sembra che un ipovedente che porta gli occhiali abbia qualcosa in più di voi? una facilitazione in più?

Capito cosa bisogna insegnare?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 7:58 pm

Ire ha scritto:

Bambini, togliereste gli occhiali ad un ipovedente?
Bambini, vi sembra che un ipovedente che porta gli occhiali abbia qualcosa in più di voi? una facilitazione in più?

Capito cosa bisogna insegnare?

Sì, lo so. Esempio di vita ordinaria di classe. Riporti un compito o valuti un'interrogazione, spieghi che questo lo dovevi fare così, qua avresti dovuto dire questo e fare quest'altro, il tuo metodo va bene in questo ma devi migliorare questo e così via; la risposta è "ma quanto mi mette?".
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Dom Mar 17, 2013 8:42 pm

della serie: ha capito tutto! ;-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Lun Mar 18, 2013 10:55 am

mac67 ha scritto:
Ire ha scritto:

Bambini, togliereste gli occhiali ad un ipovedente?
Bambini, vi sembra che un ipovedente che porta gli occhiali abbia qualcosa in più di voi? una facilitazione in più?

Capito cosa bisogna insegnare?

Sì, lo so. Esempio di vita ordinaria di classe. Riporti un compito o valuti un'interrogazione, spieghi che questo lo dovevi fare così, qua avresti dovuto dire questo e fare quest'altro, il tuo metodo va bene in questo ma devi migliorare questo e così via; la risposta è "ma quanto mi mette?".

Ah Ah!!! Sono ragazzini...
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Lun Mar 18, 2013 12:31 pm

parvati ha scritto:
mac67 ha scritto:
Ire ha scritto:

Bambini, togliereste gli occhiali ad un ipovedente?
Bambini, vi sembra che un ipovedente che porta gli occhiali abbia qualcosa in più di voi? una facilitazione in più?

Capito cosa bisogna insegnare?

Sì, lo so. Esempio di vita ordinaria di classe. Riporti un compito o valuti un'interrogazione, spieghi che questo lo dovevi fare così, qua avresti dovuto dire questo e fare quest'altro, il tuo metodo va bene in questo ma devi migliorare questo e così via; la risposta è "ma quanto mi mette?".

Ah Ah!!! Sono ragazzini...

I miei vanno dai 16 ai 18 anni.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Lun Mar 18, 2013 1:04 pm

sono ragazzini ugualmente.


Mi ha fatto sorridere il tuo post, mac. E anche se a te non ha suscitato lo stesso entusiasmo, mi ha fatto sorridere anche l'intervento di parvati.

Ad ognuno il proprio ruolo.

Loro vogliono passare questi benedetti inutili anni quindi sono interessati al voto (cioè ad avercela fatta)

il docente deve comunque dare la spiegazione e le indicazioni sulla prova effettuata. Non risponderanno nulla in merito a questa, ma la terranno in mente. Lo so, fanno così.

Se tu volessi avere alunni che almeno formalmente avessero il timore di chiedere il voto ma fossero interessati o fintamente interessati a capire gli errori forse dovresti insegnare ad un serale e trovare studenti over 35. Allora forse avresti questo tipo di soddisfazione.

Non sperarla in ragazzini under 20, non sarebbe normale.

Ma ti ascoltano. (almeno, la maggioranza lo fa)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Lun Mar 18, 2013 2:11 pm

Ire ha scritto:

Citazione :

In lontananza vedo due cose: l'abolizione del valore legale del titolo di studio e l'abolizione dell'insegnante di sostegno, almeno come lo conosciamo oggi.

spero non in una abolizione ma in una forte revisione.

In che senso, Ire, una revisione?
Tornare in alto Andare in basso
eragon



Messaggi : 605
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Lun Mar 18, 2013 2:49 pm

Se la cosa finisse lì, sarebbe ancora niente.

Il problema è che demotiva e rende ostili gli altri alunni, che vedono i loro compagni PDP alleggeriti, mentre loro si devono sudare la sufficienza. Vagli a spiegare che studiano per loro e per il loro futuro. Già un adulto fatica a restare onesto quando è circondato da disonesti. Figuriamoci se un adolescente medio riesce a mantenere salda la barra.

Poi confesso che mi viene l'orticaria quando leggo che bisogna amare una disciplina o suscitare passione. Il massimo che si può onestamente pretendere da un insegnante è che spieghi con chiarezza e riesca a suscitare attenzione e curiosità.

Amore e passione, per favore, lasciamoli fuori dal discorso, sono altri sentimenti. Ho avuto sempre ottimi voti a scuola, ma la passione l'ho riservata a una minima parte di cose, come è naturale che sia per ognuno di noi.[/quote]

Il problema è che sono dei ragazzini stravizziati ed idioti, e lo dico con cognizione di causa. Al professionale ho visto un' umanità commovente, NESSUNO di quei ragazzi si sarebbe sognato di storcere il muso perchè l'alunno H era aiutato.
Al liceo, patria dei ragazzini dalla vita facile, mi è capitato che una collega di matematica mi dicesse "sai la verifica all'alunno H la do uguale agli altri altrimenti si lamentanto!!!"
COSAAAAAAAAAAAAA!!!! Ora che questa idiozia possa essere pensata da sedicenni fannullonni che vorrebbero anche loro in qualche modo potere studiare di meno ci può stare (ma forse bisognerebbe spiegargli per bene come funziona), ma che dei colleghi si pieghino a queste pazzie mi fa inorridire.
Nell'occasione ho detto alla collega "tu digli che li tratteremo come trattiamo l'alunno H se anche loro rinunciano a deambulare e cominciano ad usare la carrozzina e se anche loro rinunciano ad articolare bene il linguaggio e cominciano a biascicare le parole in modo incomprensibile!!!" Ho evitato di citare la famosa frase di Don Milani perchè mi sembrava di sprecarla davvero (perle ai porci).
Pertanto basta con questa storia che i ragazzi H, BES ecc vengono visti come dei privilegiati, con gli idioti non si discute, pertanto quando qualche alunno si "lamenta" gli si spiega che se vuole anche lui il pei, ed il pdp, si sbattesse la testa al muro e si procurasse qualche lesione cerebrale (magari un danno all'area del linguaggio basta) e dopo siamo pronti a fare pure per lui il pei, il pdp.
E' una cosa vergognosa, ed è vergognosa che alcuni "docenti" si prestino a queste stronzate (scusate ma questa è la parola adatta).
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Lun Mar 18, 2013 6:17 pm


beh, eragon, non avrei mai osato dirlo come l'hai detto tu, ma concordo in pieno. E quante volte mi sono arrabbiata con i professori dei miei figli che ci provavano con me a dirmi che non potevano per quel motivo!!


giovanna onnis ha scritto:

In che senso, Ire, una revisione?


Fiuu, Giovanna, ho fatto una affermazione pesante e adesso motivarla mi porterà a scontrarmi. Ma, tant'è!! :-)


Non credo in questa scuola, nella sua utilità, così come è fatta, così come è portata avanti.

L'unico titolo di studio che riconosco valido è quello della scuola primaria, che attesta che il bambino ha imparato a scrivere leggere e far di conto.

Dopo è il macello totale.

Cosa attesta la scuola media? che ha imparato di nuovo quello che aveva imparato alle elementari, perchè non si va molto più avanti di lì. Piccoli particolari a parte.

E la scuola superiore? cosa attesta il diploma? che l'alunno ha acquisito competenza in qualcosa? come può essere se le verifiche delle competenze sono tre al quadrimestre, quando va bene quattro, ma ne ho viste davvero poche, come può essere se per "rimediare" basta avere un bel voto nell'ultima verifica che parla di argomenti completamente diversi da quelli non compresi nelle verifiche precedenti?

Non sto dicendo che è colpa vostra, Giovanna, è proprio la scuola che non va e non porta a niente e il titolo di studio acquisito, se non è carta straccia, poco ci manca.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Lun Mar 18, 2013 7:43 pm

Ire ha scritto:
sono ragazzini ugualmente.

Se tu volessi avere alunni che almeno formalmente avessero il timore di chiedere il voto ma fossero interessati o fintamente interessati a capire gli errori forse dovresti insegnare ad un serale e trovare studenti over 35. Allora forse avresti questo tipo di soddisfazione.

Non sperarla in ragazzini under 20, non sarebbe normale.

Allora, facciamo a capirsi.

La legge (oltre che una serie di prassi consolidate) riconosce ai ragazzi a partire dai 18 anni TUTTA la piena capacità di intendere e di volere di un adulto, e le normali responsabilità richieste a un adulto; e già a partire dai 14 riconosce loro una serie di abilità "parziali" che, limitatamente a certi settori della vita, sono paragonabili a quelle di un adulto.

La legge dice che un giovane, a 14 anni, può dare un consenso consapevole e valido a rapporti sessuali.

La legge dice che a 14 anni può guidare autonomamente veicoli a motore (certamente non tutti, ma alcuni sì).

La legge dice che a 14 anni può essere direttamente ascoltato in tribunale e avere voce in capitolo autonoma su cose che lo riguardano (tipo, affidamento a un genitore piuttosto che all'altro, o simili).

La legge dice che a 14 anni può essere chiamato a rispondere civilmente e penalmente delle proprie azioni, e che se commette illegalità può essere imputato, processato e condannato.

La legge dice che a 16 anni può svolgere attività lavorative retribuite e guadagnarsi da vivere.

La legge dice che a 16 anni può riconoscere legalmente un figlio come suo, anche se l'altro genitore non c'è, e anche se i PROPRI genitori (ossia, i nonni del bambino) non danno il consenso.

La legge dice che a 18 anni può votare, può guidare automobili, può sposarsi, può arruolarsi in un corpo militare, può fare tutto quello che cavolo vuole, esattamente come un trentenne, un cinquantenne o un sessantenne.

E noi stiamo ancora qui a farci tutti 'sti problemi sul fatto che il poverino, a 16 anni, ma anche a 18, o magari anche a 19 o a 20, "tutto sommato è ancora un ragazzino" e che "bisogna sempre dargli una mano", e che "non si può mica pretendere da lui che si prenda da solo la responsabilità di darsi da fare per ottenere un risultato valido"... e che bisogna accettare bonariamente che pensi solo ai comodi suoi, sbracciandoci NOI per convincerlo a fare il minimo indispensabile, e mediando per strappare un compromesso meno indegno possibile?

E basta, BASTA, per carità, non se ne può più!

Ma cazzarola, un adolescente è considerato abbastanza maturo per andare a fare le quattro di notte in discoteca guidando una moto di grossa cilindrata senza alcun controllo né dei genitori né di altri adulti, e poi CONTEMPORANEAMENTE si pretende che a scuola venga considerato un povero piccolo bambino inconsapevole, dal quale non si può pretendere la sia pur minima assunzione di responsabilità perché biologicamente non è capace? E addirittura la cosa dovrebbe essere estesa anche ai maggiorenni, perché tanto è normale che prima dei 20 anni, o magari anche dei 30, non possano arrivarci?

Scsuate lo sfogo, ma veramente non se ne può più!

L.
Tornare in alto Andare in basso
francesca.d



Messaggi : 87
Data d'iscrizione : 15.03.13

MessaggioOggetto: Re: BES (Bisogni educativi speciali)   Lun Mar 18, 2013 8:09 pm

eragon ha scritto:

Il problema è che sono dei ragazzini stravizziati ed idioti, e lo dico con cognizione di causa. Al professionale ho visto un' umanità commovente, NESSUNO di quei ragazzi si sarebbe sognato di storcere il muso perchè l'alunno H era aiutato.
Al liceo, patria dei ragazzini dalla vita facile, mi è capitato che una collega di matematica mi dicesse "sai la verifica all'alunno H la do uguale agli altri altrimenti si lamentanto!!!"
COSAAAAAAAAAAAAA!!!! Ora che questa idiozia possa essere pensata da sedicenni fannullonni che vorrebbero anche loro in qualche modo potere studiare di meno ci può stare (ma forse bisognerebbe spiegargli per bene come funziona), ma che dei colleghi si pieghino a queste pazzie mi fa inorridire.
Nell'occasione ho detto alla collega "tu digli che li tratteremo come trattiamo l'alunno H se anche loro rinunciano a deambulare e cominciano ad usare la carrozzina e se anche loro rinunciano ad articolare bene il linguaggio e cominciano a biascicare le parole in modo incomprensibile!!!" Ho evitato di citare la famosa frase di Don Milani perchè mi sembrava di sprecarla davvero (perle ai porci).
Pertanto basta con questa storia che i ragazzi H, BES ecc vengono visti come dei privilegiati, con gli idioti non si discute, pertanto quando qualche alunno si "lamenta" gli si spiega che se vuole anche lui il pei, ed il pdp, si sbattesse la testa al muro e si procurasse qualche lesione cerebrale (magari un danno all'area del linguaggio basta) e dopo siamo pronti a fare pure per lui il pei, il pdp.
E' una cosa vergognosa, ed è vergognosa che alcuni "docenti" si prestino a queste stronzate (scusate ma questa è la parola adatta).

condivido al cento per cento e rimango allibita che alle superiori ci siano di questi problemi.
Tornare in alto Andare in basso
 
BES (Bisogni educativi speciali)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 6Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
 Argomenti simili
-
» AUGURI SPECIALI
» ho bisogno di voi
» Auguri di Buon Natale a tutte voi
» ho conosciuto una persona fantastica
» UNA DEDICA SPECIALE....

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Sostegno-
Andare verso: