Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

  Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Dom Mag 05, 2013 9:59 pm

http://www.orizzontescuola.it/news/impegno-letta-che-tempo-che-fa-se-ci-saranno-tagli-cultura-scuola-e-ricerca-mi-dimetter
Tornare in alto Andare in basso
A0quarantasette



Messaggi : 2948
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 06, 2013 11:13 am

In realtà, ha detto che si dimette se ci saranno ancora tagli a cultura, ricerca e università. Sulla scuola ha taciuto.
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 06, 2013 7:19 pm

La scuola non fa parte della cultura? Ah no, hai ragione... dimenticavo che la scuola sta diventando un'azienda in cui i docenti/baby sitter devono accontentare le richieste degli studenti/clienti...
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17791
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 06, 2013 7:20 pm

E' vero, A0quarantasette, ha parlato di Università, ma speriamo che con il termine "cultura" intendesse implicitamente anche "scuola"
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Briganti



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 29.04.13

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Gio Mag 09, 2013 6:18 pm

Il problema è come allocare le risorse che si hanno. Tagliare o non tagliare di per se non vuol dire nulla. Di sicuro per i prossimi anni ce la dovremmo smettere con le teorie Keynesiane.
Qualche piccolo taglio agli stipendi degli insegnanti è auspicabile.
Tornare in alto Andare in basso
SoleRosso



Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 20.12.10

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Gio Mag 09, 2013 6:31 pm

Tagliare gli stipendi è auspicabile? Io prendo 1260 al mese, cosa dovrei fare?
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17791
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Gio Mag 09, 2013 6:53 pm

Paolo Briganti ha scritto:
Il problema è come allocare le risorse che si hanno. Tagliare o non tagliare di per se non vuol dire nulla. Di sicuro per i prossimi anni ce la dovremmo smettere con le teorie Keynesiane.
Qualche piccolo taglio agli stipendi degli insegnanti è auspicabile.
Ero convinta che non fiosse così, ma forse Paniscus ha proprio ragione...lei è soltanto un troll con il gusto e l'obiettivo della provocazione.
Se non riesce a motivare le castronerie che dice le consiglio di cambiare aria!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Briganti



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 29.04.13

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Gio Mag 09, 2013 6:54 pm

Io non conosco la sua posizione perciò non la commenterò... posso dire che con certe riforme dell'istruzione che devono essere fatte esclusivamente per il miglioramento della didattica indirettamente si possono tagliare gli stipendi... Abolendo esami vari estivi si possono tagliare gli stipendi in alcuni mesi. Razionalizzando le risorse e impiegandole meglio si può pagare di più, solo nei mesi che si lavora a un numero di ore svolte.
Il modello che si può applicare con certe regole e con i pochi insegnanti meritevoli si possono stabilire salari minimi di 2000 euro.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Gio Mag 09, 2013 6:55 pm

Letta : "Non governeremo mai con Berlusconi"
Letta: "Se ci saranno tagli a cultura,scuola e ricerca mi dimetterò"


Serve aggiungere altro?

Fesso chi ci crede.
Tornare in alto Andare in basso
fulmine94



Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 26.04.13

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Dom Mag 12, 2013 1:14 pm

speriamo che questo governo ''costruisca'', e non ''demolisca'' la scuola come è successo in passato.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5356
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Dom Mag 12, 2013 1:50 pm

Paolo Briganti ha scritto:
Io non conosco la sua posizione perciò non la commenterò... posso dire che con certe riforme dell'istruzione che devono essere fatte esclusivamente per il miglioramento della didattica indirettamente si possono tagliare gli stipendi... Abolendo esami vari estivi si possono tagliare gli stipendi in alcuni mesi. Razionalizzando le risorse e impiegandole meglio si può pagare di più, solo nei mesi che si lavora a un numero di ore svolte.
Il modello che si può applicare con certe regole e con i pochi insegnanti meritevoli si possono stabilire salari minimi di 2000 euro.


mi sono persa degli esami estivi da tagliare? quelli di riparazione vengono pagati a parte? vuoi abolire quelli di stato? di che stai parlando?
Non sarò un economista, ma mi spieghi come faccio a arrivare a 2000 euro (minimo!) se mi pagano di più nei mesi in cui lavoro e non mi pagano in quelli in cui farei inutili "esami vari estivi"? Sempre ammesso, ovviamente, che io sia una dei "pochi insegnanti meritevoli".
Sorvolo sul fatto che ci sarebbero da fare "certe" (quante? quali?) "riforme per il miglioramento della didattica" che, a quanto pare, permetterebbero il taglio degli stipendi: un capolavoro di nonsense
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5356
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Dom Mag 12, 2013 1:51 pm

fulmine94 ha scritto:
speriamo che questo governo ''costruisca'', e non ''demolisca'' la scuola come è successo in passato.


più di così la vedo difficile: siamo al tubo del gas
Tornare in alto Andare in basso
Jankele



Messaggi : 273
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Dom Mag 12, 2013 8:36 pm

Caro Dr. Briganti; a parte il fatto che le teorie keynesiane in Italia non sono mai state applicate (e keynesiane si scrive minuscolo)le politiche sociali sono state abbandonate dopo la revoca degli accordi di Bretton Woods, contestualmente alla crisi petrolifera. Da allora è stato tutto un susseguirsi di tagli, a vantaggio della speculazione finanziaria. La produttività va a picco perché solo le rendite arricchiscono. Mi pare che tu aderisca alla scuola neoliberista, quella che ha contribuito al disastro finanziario dell'Occidente. Studiosi come Stiglitz, Krugman, Rifkin e molti altri, che valgono mille volte di più di Giannino e Zingales, potrebbero spiegartelo meglio di me. Perfino Giulio Tremonti potrebbe aiutarti un po'. Il pluralismo di questo forum dà diritto di cittadinanza alle tue idee, ma sappi che un'impostazione di tagli allo stato sociale implica una tendenziale privatizzazione dell'insegnamento, con conseguente competizione fra istituti ad accaparrarsi i clienti, come se si trattasse di lavatrici, e fine del diritto allo studio, che è una delle più grandi conquiste della storia dei diritti umani. La logica della competizione fra istituti, fattelo dire da tutti quelli che insegnano da anni, è ANTAGONISTA all'apprendimento, ne svilisce la dignità e lo sposta su un piano "estetico", ovvero di vetrina, impoverendolo qualitativamente e quantitativamente.
Spero tu sia solo un troll, altrimenti sappi che operi ai danni dell'istruzione
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Briganti



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 29.04.13

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 13, 2013 6:54 pm

Lucetta10 ovviamente 2000 euro è un parametro fisso minimo che ho dato tenendo conto di una vera riorganizzazione dell'istruzione. E ovviamente da percepire solo nei mesi giusti. Mi spiego meglio con un esempio. Tagliando via tutti gli inutili esami d'estate i professori lavorerebbero da ottobre a maggio. Ho tagliato Settembre e Maggio perché è giusto che i ragazzi non vadano a scuola in quei giorni.
Perciò consideriamo 8 mesi lavorativi. Perciò si portano a casa 2000 euro netti mensili per 8 mesi.
Privatizzando le università si recuperano una montagna di soldi. Le scuole superiori facendole finire un anno primo si risparmiano un anno di stipendi.
Ma ripeto non propongo queste riforme per trovare soldi. Da riforme utili indirettamente e senza volerlo ci si risparmia anche.
Ve l'ho messa in questa prospettiva economica-finanziaria per rispondere alle vostre perplessità.
Ovviamente non si lavora solo alla mattina. Al pomeriggio si fanno riunioni, ricerca, ripassi, ricevimenti, tavoli di lavoro. Niente giorno libero.
Eliminerei il Sabato mattina per tutti.
Come vedi tagliare non significa meno efficienza e meno efficacia. Imparate dalle imprese signori professori. Basta con il parassitismo. La scuola non è un ammortizzatore sociale.
Tornare in alto Andare in basso
elisetta



Messaggi : 91
Data d'iscrizione : 23.02.13

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 13, 2013 7:15 pm

Lucetta10 ovviamente 2000 euro è un parametro fisso minimo che ho dato tenendo conto di una vera riorganizzazione dell'istruzione. E ovviamente da percepire solo nei mesi giusti. Mi spiego meglio con un esempio. Tagliando via tutti gli inutili esami d'estate i professori lavorerebbero da ottobre a maggio. Ho tagliato Settembre e Maggio perché è giusto che i ragazzi non vadano a scuola in quei giorni.
Perciò consideriamo 8 mesi lavorativi. Perciò si portano a casa 2000 euro netti mensili per 8 mesi.
Privatizzando le università si recuperano una montagna di soldi. Le scuole superiori facendole finire un anno primo si risparmiano un anno di stipendi. CERTO, SENZA CONSIDERARE PERO' L'IGNORANZA MAGGIORE DEGLI ALUNNI EUN PICCOLISSIMO AUMENTO NEL TASSO DI LICENZIAMENTI DI COENTI DI RUOLO, UNA SCIOCCHEZZUOLA...
Ma ripeto non propongo queste riforme per trovare soldi. Da riforme utili indirettamente e senza volerlo ci si risparmia anche.
Ve l'ho messa in questa prospettiva economica-finanziaria per rispondere alle vostre perplessità.
Ovviamente non si lavora solo alla mattina. Al pomeriggio si fanno riunioni, ricerca, ripassi, ricevimenti, tavoli di lavoro. AGGIUNGEREI UN BEL CORSO OBBLIGATORIO DI BRISCOLA E SCACCHI ASSAI UTILI PER L'INTELLIGENZA DEL DISCENTE Niente giorno libero. HAI RAGIONE: Perché AVERE UN GIORNO LIBERO DURANT EIL QUALE MAGARI CORREGGERE I COMPITI E PIANIFICARE LE LEZIONI, COSE TRITE E RITRITE.
Eliminerei il Sabato mattina per tutti.
Come vedi tagliare non significa meno efficienza e meno efficacia. Imparate dalle imprese signori professori. LA SCUOLA NON è UN'IMPRESA Basta con il parassitismo. IL PARASSITISMO C'è ANCHE NELLE IMPRESE NELLE QUALI MAGARI ORARI DI LAVORO CONTINUATI PRODUCONO RISULTATI NON CONFORMI AGLI OBIETTIVI, RIDUCIAMO L'ORARIO DI LAVORO DELLE IMPRESE. IMMAGINIAMO IL GUADAGNO NETTO PER IL BUON IMPRENDITORE CHE, COME GESù CRISTO, POTERA' I RAMI SECCHI, APPLICANDO IL NUOVO TREND DELLA GESTIONE DELLE HUMAN RESOURCES La scuola non è un ammortizzatore sociale. Neppure un laboratorio di sperimentazioneper manager in vena di corbellerie...
Tornare in alto Andare in basso
Indignazione



Messaggi : 214
Data d'iscrizione : 11.04.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 13, 2013 7:27 pm

Paolo Briganti ha scritto:
Il problema è come allocare le risorse che si hanno. Tagliare o non tagliare di per se non vuol dire nulla. Di sicuro per i prossimi anni ce la dovremmo smettere con le teorie Keynesiane.
Qualche piccolo taglio agli stipendi degli insegnanti è auspicabile.

Qualche taglio di stipendio ai docenti che Le hanno insegnato la lingua italiana sarebbe opportuno. O forse Lei non si applicava e, quindi, poveretti.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Briganti



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 29.04.13

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 13, 2013 8:03 pm

Mettetela come volete... bisogna tagliare la spesa!!! Ma come vedete ho espresso una mia opinione per migliorare le cose con meno soldi.
Vorrei sentire la vostra opinione al riguardo.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5356
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 13, 2013 8:37 pm

Paolo Briganti ha scritto:
Lucetta10 ovviamente 2000 euro è un parametro fisso minimo che ho dato tenendo conto di una vera riorganizzazione dell'istruzione. E ovviamente da percepire solo nei mesi giusti. Mi spiego meglio con un esempio. Tagliando via tutti gli inutili esami d'estate i professori lavorerebbero da ottobre a maggio. Ho tagliato Settembre e Maggio perché è giusto che i ragazzi non vadano a scuola in quei giorni.
Perciò consideriamo 8 mesi lavorativi. Perciò si portano a casa 2000 euro netti mensili per 8 mesi.
Privatizzando le università si recuperano una montagna di soldi. Le scuole superiori facendole finire un anno primo si risparmiano un anno di stipendi.
Ma ripeto non propongo queste riforme per trovare soldi. Da riforme utili indirettamente e senza volerlo ci si risparmia anche.
Ve l'ho messa in questa prospettiva economica-finanziaria per rispondere alle vostre perplessità.
Ovviamente non si lavora solo alla mattina. Al pomeriggio si fanno riunioni, ricerca, ripassi, ricevimenti, tavoli di lavoro. Niente giorno libero.
Eliminerei il Sabato mattina per tutti.
Come vedi tagliare non significa meno efficienza e meno efficacia. Imparate dalle imprese signori professori. Basta con il parassitismo. La scuola non è un ammortizzatore sociale.


Ma è uno scherzo! sono solo una povera insegnante di lettere, ma i conti in tasca me li so fare discretamente. Ora guadagno 1350 euro nette per 12 mesi, totale 16200 euro nette annue (esclusa tredicesima, che immagino taglieresti). Se guadagnassi 2000 (che prima erano un aumento, ora sono diventati un "parametro minimo"..) euro per 8 mesi totalizzerei 16000 euro!!!! Che aumento sarebbe? E poi toglieresti anche il diritto alle ferie retribuite solo per gli insegnanti, ma perchè, le imprese non le pagano? Per uno stipendio più basso dovrei lavorare pure il pomeriggio? Ma che discorsi squinternati sono questi?
Per l'anno in meno di scuole superiori: (a parte l'orribile anacoluto) ma cosa significa che finendo un anno prima si risparmia un anno di stipendio? Mica ci pagano a ciclo di istruzione! Aridaje con gli "inutili esami d'estate": che roba è? Un corso di vela? Un torneo di beach volley?
Che la scuola è un ammortizzatore e un serbatoio di parassitismo, con tutto il rispetto, lo dici a tuo nonno! la scuola è un diritto sancito dalla costituzione.
Ma quali perplessità e quale prospettiva economico-finanziaria! leggo solo frasi deliranti e offensive.
Tornare in alto Andare in basso
Jankele



Messaggi : 273
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 13, 2013 10:53 pm

briganti curati
Tornare in alto Andare in basso
Alessandro Cerracchio



Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 18.05.13
Età : 58
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Dom Mag 19, 2013 4:19 pm

Paolo Briganti ha scritto:
Basta con il parassitismo. La scuola non è un ammortizzatore sociale.

E' VERO....Basta con il parassitismo. Chiudiamo coerentemente però il Parlamento europeo, ad esempio, dove le pensioni elevatissime sono "anche" ESENTI DA IRPEF!!!
E basta però anche sempre con questo riferimento alle imprese...La produttività di queste non è confrontabile MAI con il lavoro del docente per il semplice fatto che le imprese possono essere suddivise in due categorie : quelle che producono manufatti ed operano su MATERIALE NON UMANO ( quindi dov'è il confronto proponibile? ) e quelle come ad es. il cinema, il teatro, la televisione che producono operando sì con materiale umano ma CHE DIPENDE DA SE STESSO...Un attore o un cantante, ad es., dimostra le proprie capacità per quello che produce DA SOLO. Se volessimo invece valutare la qualità del docente in modo "indiretto" attraverso il livello di preparazione dei propri alunni il dato sarebbe totalmente inattendibile perché il materiale umano che va a plasmare incide fortemente sul risultato finale che in definitiva risulta più dipendente da se stesso che non dal docente che solo in minima parte e solo in taluni casi ha possibilità di incidenza....voglio dire che..."non c'è peggior sordo di chi non vuole ascoltare" e dunque potremmo trovarci in due casi limite: uno di una classe formata da alunni TUTTI SCARSI E SVOGLIATI con un docente preparato e motivato e un secondo di un'altra classe formata da alunni TUTTI AUTONOMI NELLO STUDIO e VOLENTEROSI con un docente distratto e svogliato...quale sarebbe il risultato se mettessimo a "confronto" le due scoiaresche?
Tornare in alto Andare in basso
Alessandro Cerracchio



Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 18.05.13
Età : 58
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Dom Mag 19, 2013 4:35 pm

Paolo Briganti ha scritto:
Mettetela come volete... bisogna tagliare la spesa!!! Ma come vedete ho espresso una mia opinione per migliorare le cose con meno soldi.
Vorrei sentire la vostra opinione al riguardo.

TAGLIARE COSA? Se ti piace "tagliare" c'è sempre la possibilità della castrazione...non ti attira?
Brtiganti (di nome e di fatto?) per quelli che conosco bene con la tua mentalità si potrebbe risolvere il problema dei costi delle pensioni magari con la "soluzione" di mandare in una camera a gas i docenti all'età di 75 anni, perché no appena ultimato l'ultimo anno di servizio obbligatorio!
Vai a leggere tutti gli altri miei post e...discutiamo seriamente su tutti gli aspetti contraddittori della nostra degradata società!!!
P.S. Sarei proprio curioso di conoscere la tua risposta al mio quiz sui soldi accumulati da M. Bean a 54 anni di età...( cercalo in un mio post...)
Non ti offendere...sono solo provocatorio per invogliarti a dialogare....avrei la "presunzione" di volerti far cambiare idea su molte cose...speriamo!
Un abbraccio.
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 20, 2013 2:04 pm

Provocatorio per invogliarlo a dialogare? E lo abbracci pure?! Io mi limiterei ad ignorarlo...
Tornare in alto Andare in basso
Alessandro Cerracchio



Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 18.05.13
Età : 58
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Lun Mag 20, 2013 11:14 pm

Stellastellina1975 ha scritto:
Provocatorio per invogliarlo a dialogare? E lo abbracci pure?! Io mi limiterei ad ignorarlo...

Io credo che, forse anche per deformazione professionale, che in questo caso chiamerei più "formazione professionale", noi tutti abbiamo l'obbligo di spiegare le nostre ragioni a qualsiasi interlocutore che dobbiamo comunque rispettare consapevoli però che, colpendo la sua coscienza, ci giochiamo una chance di farlo addivenire pian piano alle nostre stesse conclusioni.
Tornare in alto Andare in basso
Maria Assunta



Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 24.05.13

MessaggioOggetto: Re: Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò   Ven Mag 31, 2013 10:01 pm

Per Lucetta10
Spero che non ci siano in circolazione tanti Paolo Briganti : tutti gli insegnanti, leggendo il suo messaggio, si metterebbero a ridere a crepapelle, se non ci fosse tanto da piangere per la situazione in cui versa il mondo della scuola.
Tornare in alto Andare in basso
 
Impegno di Letta a "Che tempo che fa": se ci saranno tagli a cultura, scuola e ricerca mi dimetterò
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il tempo
» il tempo esiste?
» TEMPO TRA INIZIO TERAPIA E GIORNO DEL PICK UP
» In quanto tempo le beta si azzerano?
» Dopo la cura di antibiotico, quanto tempo si deve aspettare per ripetere spermiogramma e spermiocultura?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: