Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

  Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Sab Mag 25, 2013 3:44 pm

Promemoria primo messaggio :

Sono sconvolta, amareggiata...
In servizio presso una scuola pubblica dal 4 aprile. Insegno italiano in tre classi (2 prime e una seconda). Mi accorgo sin da subito che i voti della collega che mi ha preceduto (situazione molto più evidente nella seconda) molto si discostano dai miei. Mi ritrovo a dare nella prima verifica scritta voti quali 4 e 5 in presenza di gravissimi errori (es: haveva) nei temi e di un contenuto modestissimo. Nel momento della trascrizione dei voti mi accorgo che gli alunni che io avevo valutato 4 o 5 (per mezzo di un'articolata griglia di valutazione sia per il contenuto che per la forma) hanno al primo quadrimestre 8 o 9 allo scritto. Al primo consiglio di classe faccio presente la situazione generalizzata e la mia difficoltà nella valutazione di questa classe al secondo quadrimestre perchè mi ritrovo al primo quadrimestre voto poco corrispondenti alla realtà attuale delle cose!
Trovo sostegno tra i colleghi che confermano la "bontà" eccessiva della collega della collega e mi invitano a valutare il mio lavoro (3 verifiche scritte: 2 temi e una verifica di analisi logica) come ritengo giusto. Solo la collega di musica (vicepreside della scuola) si trova in disaccordo con me entrando nel merito del mio lavoro e della mia valutazione e mi dice (in sintesi) che io sono una supplente e che non so fare il mio lavoro.
Oggi mi chiede un colloquio e mi intima di alzare i voti, altrimenti non mi farà prorogare il contratto (che scade il 31 maggio). Di fronte al mio netto rifiuto a scendere a patti mi minaccia che sarò denunciata per omessa vigilanza e mandata via prima del 31 maggio. Sostiene che troverà i testimoni (qualche alunno insoddisfatto dei miei voti, immagino) dicendo che durante la ricreazione oggi si è verificata una zuffa mentre io non c'ero (ero a colloquio con lei)!!!!
Le dico che mi rivolgerò al preside facendo presenti le sue minacce e mi sento rispondere che la chiacchierata intimidatoria di oggi è stata concordata col preside (cosa che verificherò quanto prima) e che dal momento che io non scendo a patti prenderanno provvedimenti nei miei confronti.
Come tutelarmi? Ci sono i presupposti per una denuncia per mobbing????


Ultima modifica di gioiaange il Dom Mag 26, 2013 11:15 pm, modificato 4 volte
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 7:12 am

gioiaange ha scritto:


Quello che so è che in questa classe sono tutti "figli di papà", altamente selezionati.

Non ti dice nulla questo?
Se non hai problemi nelle altre classi, se ti riconoscono la capacità di valutare gli altri ragazzi ma non questi, e se due più due fa quattro, in questa classe ci sono forti pressioni, psicologiche o di altro tipo, che spingono a far in modo che risulti un livello alto.

Con la collega di prima non riesci a parlare? magari chiedendole suggerimenti su come fare visto che lei riusciva a tirare fuori da questi ragazzi il meglio mentre con te non si impegnano e tirano fuori lavori impossibili. E' chiaro che non è così ma devi stare attenta a non farla sentire sotto accusa, devi metterla a suo agio, magari così salta fuori qualcosa.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 8:16 am

Ire ha scritto:
gioiaange ha scritto:


Quello che so è che in questa classe sono tutti "figli di papà", altamente selezionati.

Non ti dice nulla questo?
Se non hai problemi nelle altre classi, se ti riconoscono la capacità di valutare gli altri ragazzi ma non questi, e se due più due fa quattro, in questa classe ci sono forti pressioni, psicologiche o di altro tipo, che spingono a far in modo che risulti un livello alto.

Con la collega di prima non riesci a parlare? magari chiedendole suggerimenti su come fare visto che lei riusciva a tirare fuori da questi ragazzi il meglio mentre con te non si impegnano e tirano fuori lavori impossibili. E' chiaro che non è così ma devi stare attenta a non farla sentire sotto accusa, devi metterla a suo agio, magari così salta fuori qualcosa.
In questa classe le forti pressioni psicologiche le fanno i genitori! Pretendono ad ogni costo il voto alto, senza badare alle abilità dei ragazzi, a cosa sanno fare. Tra i ragazzi c'è una concorrenza sleale (tutti contro tutti), una specie di guerra per i voti e questo ultimo aspetto è stato messo a verbale e condiviso da tutto il consiglio di classe, che ha evidenziato inoltre il poco impegno dei ragazzi, lo studio superficiale. Insomma il consiglio di classe la pensa come me, cioè che questi ragazzi si impegnino poco e che loro e rispettivi genitori pretendano il massimo risultato col minimo sforzo.
In passato sembra ci siano state guerre con la collega di italiano (coordinatrice della classe) e alla fine i colleghi si sono adeguati (ma con dignità) ai voti altissimi di italiano, con dei voti un po' più alti rispetto a quelli meritati (per non esserci troppa distanza tra italiano e altre materie)
Tornare in alto Andare in basso
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 8:23 am

francesca.d ha scritto:
Hai fatto bene a rivolgerti al sindacato: il comportamento della vicepreside è incredibile.
Al tuo posto, però, cercherei anche di capire bene il perchè di questa discrepanza nella valutazione. Forse la collega che ti ha preceduta ha svolto soprattutto verifiche di grammatica? Che obiettivi ha verificato? Che tipo di lavoro ha svolto coi ragazzi?
Voglio dire che non mi chiuderei in un atteggiamento di giudizio, ma cercherei di comprendere questa anomalia e tenterei anche di proporre più prove, in modo da essere assolutamente tranquilla rispetto alla mia valutazione.
Poi magari eviterei, a fine anno, di stravolgere completamente i voti (anche se indubbiamente dovrai abbassarli).
Francamente vedere tanti volti alti trasformarsi in voti bassi sarebbe una situazione alquanto anomala.
Per me le possibilità sono 2:
1) l'insegnante che ti ha preceduta era una specie di pazza scriteriata;
2) l'insegnante che ti ha preceduta era un tantinello larga di manica e, nello stesso tempo, tu ancora non hai avuto il tempo di conoscere e valutare con più completezza le competenze dei tuoi alunni.
Anche se gli errori che elenchi farebbero pensare alla prima ipotesi, lavorando da tanti anni della scuola mi sento di dare delle possibilità anche alla seconda

La collega che mi ha preceduto non ha mai svolto una verifica di grammatica, che è il punto debole della classe. Il loro secondo punto debole è che scrivono facendo tantissimi errori molto gravi (3/4 della classe). Nella lettura e nella comprensione sono più capaci (ma non brillanti).
Tornare in alto Andare in basso
choir



Messaggi : 144
Data d'iscrizione : 22.01.11

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 8:38 am

"Trovo sostegno tra i colleghi che confermano la "bontà" eccessiva della collega della collega e mi invitano a valutare il mio lavoro come ritengo giusto."
Porta in consiglio i voti che ritieni giusti e vedi cosa fa il resto dei suoi membri: ricorda che in quella sede noi li proponiamo, ma li adotta il Consiglio a maggioranza: se ti mettono in minoranza fallo verbalizzare (e ricorda anche che sul tutto vige la segretezza, quindi se qualcuno si azzarda a parlare con i genitori, rivelando come si è arrivati al voto di Consiglio e mettendoti in difficoltà con loro, è denunciabile).
Tornare in alto Andare in basso
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 12:28 pm

choir ha scritto:
"Trovo sostegno tra i colleghi che confermano la "bontà" eccessiva della collega della collega e mi invitano a valutare il mio lavoro come ritengo giusto."
Porta in consiglio i voti che ritieni giusti e vedi cosa fa il resto dei suoi membri: ricorda che in quella sede noi li proponiamo, ma li adotta il Consiglio a maggioranza: se ti mettono in minoranza fallo verbalizzare (e ricorda anche che sul tutto vige la segretezza, quindi se qualcuno si azzarda a parlare con i genitori, rivelando come si è arrivati al voto di Consiglio e mettendoti in difficoltà con loro, è denunciabile).
Farò così! Ho informato il dirigente delle minacce subite e si è dimostrato estraneo alla vicenda e si è ripromesso di tutelarmi.
Speriamo bene. Io porterò in consiglio i voti che i ragazzi meritano, riservandomi con equlibrio e con dignità professionale di discuterne alcuni con il consiglio di classe. Io non voglio come dice la vicepreside "affossare" i ragazzi, voglio solo valutare in modo equo, rivelando in alcuni casi le gravi carenze che alcuni alunni hanno (nonostante gli 8 e 9 in pagella). Esempio: In presenza di un 8 in pagella e di un generoso 4 nei temi pienissimi di errori ortografici, e di un meritato 6 all'orale, non proporrò al consiglio un'insufficienza, ma neanche un 9 (risultato atteso che volevano costringermi con le minacce a mettere)!!!
:(((((((
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 16402
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 1:22 pm

gioiaange ha scritto:
Io porterò in consiglio i voti che i ragazzi meritano, riservandomi con equlibrio e con dignità professionale di discuterne alcuni con il consiglio di classe.
Ti consiglio anche un'altra cosa.
Tieni a portata di mano, in consiglio, qualche compito significativo degli alunni per i quali la discrepanza è maggiore.
Se la discussione dovesse farsi difficile, con molta serenità chiedi al Dirigente e ai colleghi di dare un'occhiata anche loro.

Mi è capitato più volte qualche caso del genere: anche i colleghi più in malafede, di fronte a verifiche esibite in Cdc (senza acrimonia, senza polemiche, con un sorriso), erano in grossa difficoltà a mantenere la posizione di attacco. ;-)
Tornare in alto Andare in basso
stefi2010



Messaggi : 640
Data d'iscrizione : 02.12.10

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 2:18 pm

Hai tutta la mie solidarietà. Mi permetto solo di darti qualche consiglio per il futuro.
Noi precari da un po' di tempo siamo visti come fumo negli occhi da alcuni dirigenti scolastici o forse per la mia esperienza quest'ultimo anno mi ha dato questa sensazione.

I mesi iniziali del mio ultimo incarico annuale sono stati incredibili. Sarà stato un caso, ma non c'era giorno in cui alcuni collaboratori scolastici non aprivano la porta dell'aula in cui ero davano uno sguardo a 180 gradi e solo dopo chiedevano "C'è il Prof. Tizio?"

E' durato un paio di mesi. Oggi il prof. Tizio non lo cerca più nessuno. Ma la cosa mi infastidiva parecchio. Potrebbe essere stata una mia sensazione, ma prospettando la cosa ad alcuni colleghi fidati, mi hanno detto che non era affatto un'ipotesi infondata.

Siamo controllati perché estranei a certi meccanismi ed equilibri interni all'istituto. Scrivi della minaccia perché mentre eri a colloquio con questa strana collega (ho usato un eufemismo), sarebbe avvenuta una rissa e tu saresti colpevole di mancata vigilanza. Ho la sensazione che la cosa sia stata studiata a tavolino. Chi ti ha convocata per l'edificante colloquio? Hai davvero lasciato la classe scoperta? Se è così hai peccato di ingenuità e tutto sommato ti sei esposta ad un potenziale richiamo.

Per il futuro, non lasciare mai neanche per un secondo la classe non vigilata, chiama un collaboratore o rifiutati di essere distolta da quella che è la nostra incombenza più faticosa e stressante, guardare i cari "pargoli" che ci sono affidati dai genitori e sono sotto la nostra diretta responsabilità.

Poi consultati con un avvocato che sia davvero di fiducia: è la tua parola contro quella della collega.

Inoltre cerca di sembrare più conciliante: è difficile lo so ma non puoi cambiare da sola tutto un sistema, che purtroppo va avanti così da anni, riconoscendo meriti e competenze ai docenti che mettono voti alti. E questo per colpa di un' errata concezione della scuola che ha attribuito un valore enorme alla voce della componente genitoriale impoverendo del tutto il nostro ruolo professionale.

So che ti sto consigliando di forzare la tua natura e, credimi, capisco bene quanto questo faccia male. Ma siamo onesti, noi precari non abbiamo alcun potere. Se deciderai poi di portare avanti questa tua battaglia personale, ti esprimo tutta la mia umana comprensione e ti invio un sincero "in bocca al lupo"!
Tornare in alto Andare in basso
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 3:42 pm

[quote="stefi2010"]Hai tutta la mie solidarietà. Mi permetto solo di darti qualche consiglio per il futuro.
Noi precari da un po' di tempo siamo visti come fumo negli occhi da alcuni dirigenti scolastici o forse per la mia esperienza quest'ultimo anno mi ha dato questa sensazione.

I mesi iniziali del mio ultimo incarico annuale sono stati incredibili. Sarà stato un caso, ma non c'era giorno in cui alcuni collaboratori scolastici non aprivano la porta dell'aula in cui ero davano uno sguardo a 180 gradi e solo dopo chiedevano "C'è il Prof. Tizio?"

E' durato un paio di mesi. Oggi il prof. Tizio non lo cerca più nessuno. Ma la cosa mi infastidiva parecchio. Potrebbe essere stata una mia sensazione, ma prospettando la cosa ad alcuni colleghi fidati, mi hanno detto che non era affatto un'ipotesi infondata.

Siamo controllati perché estranei a certi meccanismi ed equilibri interni all'istituto. Scrivi della minaccia perché mentre eri a colloquio con questa strana collega (ho usato un eufemismo), sarebbe avvenuta una rissa e tu saresti colpevole di mancata vigilanza. Ho la sensazione che la cosa sia stata studiata a tavolino. Chi ti ha convocata per l'edificante colloquio? Hai davvero lasciato la classe scoperta? Se è così hai peccato di ingenuità e tutto sommato ti sei esposta ad un potenziale richiamo.

Per il futuro, non lasciare mai neanche per un secondo la classe non vigilata, chiama un collaboratore o rifiutati di essere distolta da quella che è la nostra incombenza più faticosa e stressante, guardare i cari "pargoli" che ci sono affidati dai genitori e sono sotto la nostra diretta responsabilità.

Poi consultati con un avvocato che sia davvero di fiducia: è la tua parola contro quella della collega.

Inoltre cerca di sembrare più conciliante: è difficile lo so ma non puoi cambiare da sola tutto un sistema, che purtroppo va avanti così da anni, riconoscendo meriti e competenze ai docenti che mettono voti alti. E questo per colpa di un' errata concezione della scuola che ha attribuito un valore enorme alla voce della componente genitoriale impoverendo del tutto il nostro ruolo professionale.

So che ti sto consigliando di forzare la tua natura e, credimi, capisco bene quanto questo faccia male. Ma siamo onesti, noi precari non abbiamo alcun potere. Se deciderai poi di portare avanti questa tua battaglia personale, ti esprimo tutta la mia umana comprensione e ti invio un sincero "in bocca al lupo"![/quote
Grazie per i preziosi consigli e per la solidarietà. Hai ben compreso tutta la situazione!
Tornare in alto Andare in basso
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 3:43 pm

fradacla ha scritto:
gioiaange ha scritto:
Io porterò in consiglio i voti che i ragazzi meritano, riservandomi con equlibrio e con dignità professionale di discuterne alcuni con il consiglio di classe.
Ti consiglio anche un'altra cosa.
Tieni a portata di mano, in consiglio, qualche compito significativo degli alunni per i quali la discrepanza è maggiore.
Se la discussione dovesse farsi difficile, con molta serenità chiedi al Dirigente e ai colleghi di dare un'occhiata anche loro.

Mi è capitato più volte qualche caso del genere: anche i colleghi più in malafede, di fronte a verifiche esibite in Cdc (senza acrimonia, senza polemiche, con un sorriso), erano in grossa difficoltà a mantenere la posizione di attacco. ;-)

Avevo già pensato di andare agli scrutini con delle prove tangibili della mia buona fede: porterò con me i compiti.
Tornare in alto Andare in basso
Achille piè veloce



Messaggi : 205
Data d'iscrizione : 27.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Dom Mag 26, 2013 9:26 pm

gioiaange ha scritto:
Io lavoro con serietà, con professionalità e con trasparenza. I temi che sono stata costretta a valutare 4 o 5 riportano errori del tipo "havere" "all'ora" al posto di allora, è/e, a/ha (non un errore di questo genere in un compito, ma decine!!). Ho sempre sostenuto che la valutazione deve essere formativa, ma mi trovo in grosse difficoltà a dare 8 o 9 a chi fa questi errori nello scritto di italiano. E nessuno mi costringerà a farlo minacciandomi.


Ho letto con attenzione quanto hai evidenziato e, a mio avviso, non dovresti temere alcunchè. Solitamente, per quanto riguarda gli elaborati, ci si dovrebbe attenere ad una griglia di valutazione, condivisa all'interno del dipartimento disciplinare di appartenza. Se non dovesse esistere, avrai sicuramente la possibilità di visionare i temi della tua precedente collega e gli errori commessi. In tal caso vedrai sicuramente se gli alunni avevano commesso i medesimi errori e potrai avere maggiori elementi per la tua valutazione. Per quanto riguarda l'analisi logica...bhè c'è ben poco da fare: è analisi logica! Un elemento da considerare (non so se sia il tuo caso) è se nella classe vi siano ragazzi con handicap o dsa o stranieri ( in questi casi gli errori vanno rapportati agli obiettivi da raggiungere). Tieni sempre conto che la valutazione finale ,poi, deve tenere sempre in conto, oltre ai dati 'oggettivi' delle verifiche, della situazione di partenza e di quella finale, osservando se si siano verificati progressi, se si è attuata ogni strategia per superare le difficoltà dell'alunno/a ecc... Ad ogni modo, lavora serena e non farti intimorire da nessuno: verba volant, scripta manent.
Tornare in alto Andare in basso
miranda



Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 30.08.10

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Lun Mag 27, 2013 9:26 am

Ho letto il tuo sfogo. Come Ds ti posso dire che alcuni vicari, senza il titolo necessario o bocciati nel concorso a dirigente, sfogano le loro frustazioni sui colleghi. Non ho questo problema nella mia sede di ruolo, ma l'ho visto quando lo scorso anno ero in reggenza su altra sede. Innanzitutto porta le verifiche in scrutinio, non ostinarti con insufficienze come valutazione finale, perchè in questa rientra anche quella della collega che abusava dei 9 (difficile 9 in verifiche di italiano!), quindi proponi dei 6 o 7 onesti. Hai fatto bene a rivolgerti al sindacato, anche il DS più memefreghista li teme, soprattutto se sa che il vicario ha abusato del suo potere. Per quanto riguarda la vicaria, ignorala con classe. Tra l'altro informati sul suo titolo di studio: gli insegnanti di musica possono accedere a ruoli dirigenziali solo se hanno 10 anni di conservatorio(pianoforte o violino) o laurea. Se è diplomata in uno strumento (tromba, oboe, ecc) con 7 anni, nelle secondarie di qualsiasi grado NON può sostitutire in toto il DS, ma solo collaborare.
Tornare in alto Andare in basso
Danitristesse



Messaggi : 210
Data d'iscrizione : 18.06.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Lun Mag 27, 2013 10:49 am

Per esperienza ti posso dire che un DS, quandov ede che il docente non si sottomette, alla fine molla, per non rischiare.

Ad ogni modo, non serve a nulla andare al sindacato, io sono andata a parlare in Provveditorato, direttamente con il vice provveditore, che riceve esposti contro i presidi ogni giorno
Tornare in alto Andare in basso
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Lun Mag 27, 2013 2:27 pm

miranda ha scritto:
Ho letto il tuo sfogo. Come Ds ti posso dire che alcuni vicari, senza il titolo necessario o bocciati nel concorso a dirigente, sfogano le loro frustazioni sui colleghi. Non ho questo problema nella mia sede di ruolo, ma l'ho visto quando lo scorso anno ero in reggenza su altra sede. Innanzitutto porta le verifiche in scrutinio, non ostinarti con insufficienze come valutazione finale, perchè in questa rientra anche quella della collega che abusava dei 9 (difficile 9 in verifiche di italiano!), quindi proponi dei 6 o 7 onesti. Hai fatto bene a rivolgerti al sindacato, anche il DS più memefreghista li teme, soprattutto se sa che il vicario ha abusato del suo potere. Per quanto riguarda la vicaria, ignorala con classe. Tra l'altro informati sul suo titolo di studio: gli insegnanti di musica possono accedere a ruoli dirigenziali solo se hanno 10 anni di conservatorio(pianoforte o violino) o laurea. Se è diplomata in uno strumento (tromba, oboe, ecc) con 7 anni, nelle secondarie di qualsiasi grado NON può sostitutire in toto il DS, ma solo collaborare.

Anche nel caso di gravissime carenze allo scritto, non presenterò nessuno dei ragazzi con 4 proprio tenendo conto della generosissima valutazione della docente che mi ha preceduto (che non condivido, ma della quale devo pure tener conto). La mia intenzione, già comunicata alla vicaria, anche prima delle sue "pressioni" è sempre stata quella di agire con equilibrio, ma con dignità professionale. In presenza di più prove scritte gravemente insufficienti e di un modesto (o più che modesto) impegno all'orale mi terrò su un onesto e dignitoso 6 o 7 (a seconda dei casi). Ma sembra che questo non basti perchè una delle mie 3 classi in particolare è ufficialmente la migliore classe dell'istituto!
Professionalemente mi sento molto delusa perchè per 2 mesi ho lavorato tantissimo nel tentativo di migliorare le abilità dei ragazzi (e in alcuni casi ho ottenuto qualche risultato), ma sembra che ciò che è importante per la vicaria e per parecchi genitori, sia il voto, non cosa i ragazzi sanno fare! E in quest'ottica il bravo insegnante è colui che è prodigo di voti alti (immeritati), non chi sviluppa in loro delle competenze. Che tristezza!
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mar Mag 28, 2013 2:25 pm

Se la vicepreside ha l'abitudine di minacciare i docenti in questo modo, si capisce anche perché in questa scuola gli insegnanti danno 9 con molta facilità...
Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mar Mag 28, 2013 3:01 pm

Carissima, sono lieta della felice risoluzione di un evento quanto meno spiacevole !
Alle medie il trend generale è promuovere promuovere promuovere... ma qui mi pare che qualcuno ha esagerato !
Inoltre, il ricatto è una bieca forma di controllo che merita senz'altro un'adeguata risposta.

Però vedi, al di là di questo, da quel che ci scrivi, io penso anche che se la collega che ti ha preceduto non li ha formati al tipo di verifiche e di studio che gli fai fare tu, pure loro, poveretti, non è colpa loro se non sanno scrivere e se "non brillano"...
I miei studenti di francese (ho fatto supplenza su posto vacante per tutto l'anno) non sapevano scrivere un verbo in maniera decente nonostante la loro prof degli anni trascorsi fosse in gamba e adottasse un metodo abbastanza tradizionale. La prima verifica, sui verbi, fatta poco dopo che li conobbi, fu uno scempio. Annullai il voto perché non glieli avevo insegnati io, non mi pareva giusto penalizzarli valutandoli io per qualcosa che non avevano avuto modo di apprendere da me. Poi integrai i metodi più classici con altri, più idonei alle lingue (sto facendo il TFA, li ho appresi lì), come la didattica per task.

Penso che, in linea generale, e senza regalare nulla, ovvio, dobbiamo anche saper venire incontro ai nostri alunni, ideando forme didattiche idonee a loro e al loro background. Sennò, se confrontati con troppi insuccessi, cala la motivazione, nasce un muro con loro e con i genitori - e soprattutto, i ragazzi non colgono la bellezza e non nasce la passione per lo studio, e noi insegnanti avremo i nostri striminziti 6 in pagella - ma loro non ameranno mai Flaubert o Pirandello, per capirci ;-)

Un abbraccio

Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mar Mag 28, 2013 3:23 pm

fra l'altro, la nota n. 8 del marzo 2013 ci impone una didattica personalizzata ed individualizzata per i B.E.S., dunque, anche non certificati... anche se, da qui alla vicepreside kapò, ci corre un fiume, chiaro !!
Tornare in alto Andare in basso
ORSETTA



Messaggi : 737
Data d'iscrizione : 02.04.13

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mar Mag 28, 2013 3:48 pm

spero di non essere fraintesa

ma a me sembra evidente che i nostri ragazzi abbiano grosse lacune in Italiano o, addirittura, che non conoscano affatto la propria lingua

Tuttavia molti colleghi compiacenti di Lettere li mandano avanti anche con voti alti malgrado siano a conoscenza dell'ignoranza dei propri allievi

Io insegno altre materie.....ma spesso sono obbligata a spiegare le richieste di un esercizio scritto in Italiano

Le difficoltà spesso riguardano l'analisi del testo

Mancano i prerequisiti per far lezione
e lavoro in uno dei migliori licei.......di.....

Ora mi chiedo come sia possibile tutto ciò ma una risposta non l'ho ancora trovata

ciao
Tornare in alto Andare in basso
elisetta



Messaggi : 91
Data d'iscrizione : 23.02.13

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mar Mag 28, 2013 4:14 pm

Ma questa vice preside - che secondo me è solo collaboratrice del preside o delegata del preside - deve essere una povera donna frustrata. Certo che la devono smettere di minacciare i giovani o non giovani insegnanti precari, agitando il pennacchio dell'allontanamento dal lavoro.
Inoltre, la vigilanza nell'intervallo è solo un atto stabilito dal collegio docenti e non rientra per nulla nelle competenze della professionalità docente: l'unica culpa è quella di questa vice preside o presunta tale in scelera perpetrando.

Non vale la pena scendere a conflitto con loro perché si sentano finalmente qualcuno: se rompono troppo, l'accusa di rivolgersi ai sindacati per mobbing dovrebbe spaventarli per timore di intaccare quel buon nome della scuola che sembra essere l'unico scopo della loro vita meschina. Felice di sapere che tutto va bene ora. In futuro, sappiti regolare e tasta prima il terreno, il che non significa derogare ai propri obiettivi etici - che ti fanno onore -, ma cercare di capire quale è il contesto in cui operi per poi utilizzare i tasti giusti al momento giusto, lo so che è triste, ma bisogna coglier ei punti di forza e di debolezza del sistema scolastico in modo tale da difendersene quando si viene ingiustamente attaccati. Good luck!
Tornare in alto Andare in basso
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mar Mag 28, 2013 9:18 pm

elisetta ha scritto:
Ma questa vice preside - che secondo me è solo collaboratrice del preside o delegata del preside - deve essere una povera donna frustrata. Certo che la devono smettere di minacciare i giovani o non giovani insegnanti precari, agitando il pennacchio dell'allontanamento dal lavoro.
Inoltre, la vigilanza nell'intervallo è solo un atto stabilito dal collegio docenti e non rientra per nulla nelle competenze della professionalità docente: l'unica culpa è quella di questa vice preside o presunta tale in scelera perpetrando.

Non vale la pena scendere a conflitto con loro perché si sentano finalmente qualcuno: se rompono troppo, l'accusa di rivolgersi ai sindacati per mobbing dovrebbe spaventarli per timore di intaccare quel buon nome della scuola che sembra essere l'unico scopo della loro vita meschina. Felice di sapere che tutto va bene ora. In futuro, sappiti regolare e tasta prima il terreno, il che non significa derogare ai propri obiettivi etici - che ti fanno onore -, ma cercare di capire quale è il contesto in cui operi per poi utilizzare i tasti giusti al momento giusto, lo so che è triste, ma bisogna coglier ei punti di forza e di debolezza del sistema scolastico in modo tale da difendersene quando si viene ingiustamente attaccati. Good luck!

Che tristezza! La tipa non si arrenderà facilmente. Al momento non mi rivolge la parola e mi ha tolto il saluto perchè sa che ho parlato col preside. Secondo me farà rientrare la sua amica sensibile e professionale giusto in tempo per gli scrutini (la poveretta è gravemente malata e sarebbe stato bene non romperle le scatole...).
Alla fine a per me sarebbe stato più comodo confermare i bei voti... tanto lo stipendio (quando me lo daranno, aspetto ancora marzo), sarebbe stato proprio uguale uguale!
Vi tengo aggiornati!!
Grazie per il sostegno e per i buoni consigli.
Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mer Mag 29, 2013 11:30 am

ORSETTA ha scritto:
spero di non essere fraintesa

ma a me sembra evidente che i nostri ragazzi abbiano grosse lacune in Italiano o, addirittura, che non conoscano affatto la propria lingua

Tuttavia molti colleghi compiacenti di Lettere li mandano avanti anche con voti alti malgrado siano a conoscenza dell'ignoranza dei propri allievi

Io insegno altre materie.....ma spesso sono obbligata a spiegare le richieste di un esercizio scritto in Italiano

Le difficoltà spesso riguardano l'analisi del testo

Mancano i prerequisiti per far lezione
e lavoro in uno dei migliori licei.......di.....

Ora mi chiedo come sia possibile tutto ciò ma una risposta non l'ho ancora trovata

ciao

Purtroppo quanto scrivi è vero, e il problema sta a monte, ancor prima delle medie, alle elementari direi.
E' anche vero che la riforma della primaria è stata disastrosa, e che pure le maestre, con 30 bambini in classe (e i bambini di oggi, che se li rimproveri ti trovi i genitori che ti bucano le gomme dell'auto, e lo dico perché conosco di persona dei casi!), poverette mica possono fare miracoli... certo non più di quanti ne possiamo fare noi insegnanti delle secondarie, anzi forse pure di meno, vista l'età degli alunni.

Insomma, al di là delle capacità della classe docente, c'è da fare i conti con una realtà politica (nel senso generale) e "di politica" dei Presidi, una realtà sociale e anche educativa alquanto ostica, direi - perché se tanti ragazzi sono quel che sono, lo ripeto, con le isolate eccezioni delle "pecore nere", la colpa non è loro, ma è di chi li dovrebbe educare, scuola ma in primis famiglia, visto che noi li vediamo tre ore a settimana o poco più.

Certo quando arrivano al liceo è già tardino ; magari in quel caso si può parlare con i colleghi di italiano e vedere se sono disposti a fare un breve e rapido "recupero in itinere" delle fondamenta. Non muore nessuno, in fin dei conti. Ma tutto sta a vedere come la pensano loro.
Alla fine quel che scrive la nostra gioangele è vero, ossia che, stando le cose come stanno, è più comodo il compromesso, adeguarsi, alzare i voti e tanti saluti - sembra anche l'unica strada possibile di fronte alla prospettiva di licenziamento prematuro che lei a questo punto teme.

Io ci avevo già pensato ma non te l'avevo scritto, ora però te lo consiglio : secondo me, avrai tempo e modo di poter impostare la tua classe come desiderari, ora forse ti conviene davvero ammorbidirti e adeguarti un poco... magari una via di mezzo, non proprio una resa, ecco, giusto farti vedere un po' più disponibile a rivedere alcune cose.
Per lo meno, fai punteggio e porti a casa un po' di soldi.
Scusate la prosaicità, e un saluto affettuoso !
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mer Mag 29, 2013 11:45 am

laclefdesonges ha scritto:

Alla fine quel che scrive la nostra gioangele è vero, ossia che, stando le cose come stanno, è più comodo il compromesso, adeguarsi, alzare i voti e tanti saluti - sembra anche l'unica strada possibile di fronte alla prospettiva di licenziamento prematuro che lei a questo punto teme.

Io ci avevo già pensato ma non te l'avevo scritto, ora però te lo consiglio : secondo me, avrai tempo e modo di poter impostare la tua classe come desiderari, ora forse ti conviene davvero ammorbidirti e adeguarti un poco... magari una via di mezzo, non proprio una resa, ecco, giusto farti vedere un po' più disponibile a rivedere alcune cose.
Per lo meno, fai punteggio e porti a casa un po' di soldi.
Scusate la prosaicità, e un saluto affettuoso !
Non condivido il consiglio...adeguarsi significherebbe sottostare a minacce e ricatti e la cosa non è tollerabile!!!
Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mer Mag 29, 2013 1:56 pm

giovanna onnis ha scritto:
laclefdesonges ha scritto:

Alla fine quel che scrive la nostra gioangele è vero, ossia che, stando le cose come stanno, è più comodo il compromesso, adeguarsi, alzare i voti e tanti saluti - sembra anche l'unica strada possibile di fronte alla prospettiva di licenziamento prematuro che lei a questo punto teme.

Io ci avevo già pensato ma non te l'avevo scritto, ora però te lo consiglio : secondo me, avrai tempo e modo di poter impostare la tua classe come desiderari, ora forse ti conviene davvero ammorbidirti e adeguarti un poco... magari una via di mezzo, non proprio una resa, ecco, giusto farti vedere un po' più disponibile a rivedere alcune cose.
Per lo meno, fai punteggio e porti a casa un po' di soldi.
Scusate la prosaicità, e un saluto affettuoso !
Non condivido il consiglio...adeguarsi significherebbe sottostare a minacce e ricatti e la cosa non è tollerabile!!!

Tu magari sei di ruolo o meno precaria di noi e l'urgenza di soldi e lavoro per vivere è meno pressante per te. Forse, la nostra amica come me, si trova in maggiori condizioni di bisogno. E poi ricordiamo che lei è subentrata a un'altra professoressa, e sappiamo tutti che per i ragazzi non è facile adeguarsi a un cambiamento simile. Magari anche lei, non volendolo, nel proporre delle prove cui non erano affatto abituati e preparati, come ha scritto lei stessa, non li ha messi nella condizione ottimale per instaurare un rapporto proficuo e si è creato il problema che si è creato ora.
Dico solo di cercare di mediare, non di "sottostare a minacce e ricatti", come scrivi tu.

Mi spiego però meglio : la colpa, evidentemente, non è dei ragazzi se fanno tutti pena in grammatica, ci sono delle lacune pregresse. E' chiaro che il rapporto con loro è partito con il piede sbagliato, cosa che a noi supplenti capita spesso purtroppo. In questo tempo la nostra collega avrà però avuto modo di spiegargli cose nuove, e di rimediare quanto meno in parte alle lacune. Potrebbe allora proporre un ultimo compito in classe (tanto il tempo c'è) basato non su quelli che oramai sa essere i punti deboli (ripeto, non dovuti a loro né a lei, ma alla professoressa di ruolo) dei ragazzi, ma magari sulle nozioni e sul lavoro che lei stessa ha avuto modo di fare.

Per me la scuola non è solo mettere voti, ma costruire un rapporto di rispetto e per quanto possibile proficuo con i ragazzi, facendo nascere in loro la voglia di studiare e motivandoli il più possibile. In questa storia, la nostra collega alla fine si è inimicata tutti, e al di là del fatto che ciò non sia affatto colpa sua e che le vicende con la vicepreside sono a dir poco deplorevoli, la situazione non è certo piacevole per lei, che ora rischia anche di avere una ricaduta economica-professionale.

Ammorbidirsi un poco e trovare una soluzione per recuperare il rapporto, certo non per regalare i voti, mi sembra una via saggia e da cui anche a lei potrebbe ricavare vantaggio, dal punto di vista economico certo, ma soprattutto umano - perché i ragazzi e i genitori riconoscerebbero certo, se non tutti per lo meno alcuni, la sua apertura, ne sono sicura. E magari potrebbero anche dimostrarle a livello pratico di meritare quel mezzo voto in più che la vicepreside vorrebbe che lei regalasse loro.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mer Mag 29, 2013 3:55 pm

laclefdesonges ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
laclefdesonges ha scritto:

Alla fine quel che scrive la nostra gioangele è vero, ossia che, stando le cose come stanno, è più comodo il compromesso, adeguarsi, alzare i voti e tanti saluti - sembra anche l'unica strada possibile di fronte alla prospettiva di licenziamento prematuro che lei a questo punto teme.

Io ci avevo già pensato ma non te l'avevo scritto, ora però te lo consiglio : secondo me, avrai tempo e modo di poter impostare la tua classe come desiderari, ora forse ti conviene davvero ammorbidirti e adeguarti un poco... magari una via di mezzo, non proprio una resa, ecco, giusto farti vedere un po' più disponibile a rivedere alcune cose.
Per lo meno, fai punteggio e porti a casa un po' di soldi.
Scusate la prosaicità, e un saluto affettuoso !
Non condivido il consiglio...adeguarsi significherebbe sottostare a minacce e ricatti e la cosa non è tollerabile!!!

Tu magari sei di ruolo o meno precaria di noi e l'urgenza di soldi e lavoro per vivere è meno pressante per te.
Forse, la nostra amica come me, si trova in maggiori condizioni di bisogno. E poi ricordiamo che lei è subentrata a un'altra professoressa, e sappiamo tutti che per i ragazzi non è facile adeguarsi a un cambiamento simile. Magari anche lei, non volendolo, nel proporre delle prove cui non erano affatto abituati e preparati, come ha scritto lei stessa, non li ha messi nella condizione ottimale per instaurare un rapporto proficuo e si è creato il problema che si è creato ora.
Dico solo di cercare di mediare, non di "sottostare a minacce e ricatti", come scrivi tu.

Mi spiego però meglio : la colpa, evidentemente, non è dei ragazzi se fanno tutti pena in grammatica, ci sono delle lacune pregresse. E' chiaro che il rapporto con loro è partito con il piede sbagliato, cosa che a noi supplenti capita spesso purtroppo. In questo tempo la nostra collega avrà però avuto modo di spiegargli cose nuove, e di rimediare quanto meno in parte alle lacune. Potrebbe allora proporre un ultimo compito in classe (tanto il tempo c'è) basato non su quelli che oramai sa essere i punti deboli (ripeto, non dovuti a loro né a lei, ma alla professoressa di ruolo) dei ragazzi, ma magari sulle nozioni e sul lavoro che lei stessa ha avuto modo di fare.

Per me la scuola non è solo mettere voti, ma costruire un rapporto di rispetto e per quanto possibile proficuo con i ragazzi, facendo nascere in loro la voglia di studiare e motivandoli il più possibile. In questa storia, la nostra collega alla fine si è inimicata tutti, e al di là del fatto che ciò non sia affatto colpa sua e che le vicende con la vicepreside sono a dir poco deplorevoli, la situazione non è certo piacevole per lei, che ora rischia anche di avere una ricaduta economica-professionale.

Ammorbidirsi un poco e trovare una soluzione per recuperare il rapporto, certo non per regalare i voti, mi sembra una via saggia e da cui anche a lei potrebbe ricavare vantaggio, dal punto di vista economico certo, ma soprattutto umano - perché i ragazzi e i genitori riconoscerebbero certo, se non tutti per lo meno alcuni, la sua apertura, ne sono sicura. E magari potrebbero anche dimostrarle a livello pratico di meritare quel mezzo voto in più che la vicepreside vorrebbe che lei regalasse loro.
Tu forse sei precaria e io sicuramente sono di ruolo, ma questo cosa c'entra????? L'urgenza di soldi e lavoro per vivere (che ho anche io insegnante di ruolo!!!!) lo ha anche Gioiaange, precaria come te, ma non per questo disposta a scendere a compromessi proprio per dignità professionale come si evince dai suoi interventi.
Gioiaange mi sembra che sia una collega che sa il fatto suo e che non si fa mettere i piedi in testa da nessuno, come è giusto che sia. Essere precari…..( anche io lo sono stata, non sono nata come docente di ruolo) non significa mediare a tutti i costi o accettare a tutti i costi i compromessi imposti dal DS o dalla vicaria di turno solo per il “quieto vivere”.
Trovo ottime le reazioni di Gioiaange “il mio netto rifiuto a scendere a patti” – “io tenterò con tutti i mezzi di non farmi intimidire e di fare il mio lavoro come meglio posso e di valutare nel modo più equo possibile.” - “Io porterò in consiglio i voti che i ragazzi meritano, riservandomi con equlibrio e con dignità professionale di discuterne alcuni con il consiglio di classe.” – “agire con equilibrio, ma con dignità professionale.” – “Professionalmente mi sento molto delusa………in quest'ottica il bravo insegnante è colui che è prodigo di voti alti (immeritati), non chi sviluppa in loro delle competenze. Che tristezza!”

Poi scusa Laclefdesonges sostieni che per te "la scuola non è solo mettere voti, ma costruire un rapporto di rispetto e per quanto possibile proficuo con i ragazzi, facendo nascere in loro la voglia di studiare e motivandoli il più possibile.", frase con la quale mi trovi pienamente d'accordo, ma che ritengo sia in contrasto netto con le altre cose che dici e con i consigli che dai a Gioiaange che se ritenesse importanti solo e soltanto i voti, si limiterebbe a quello senza porsi problemi, magari nel "gioco al rialzo" adattandosi alle richieste minacciose della vicaria senza curarsi in questo modo dei reali interessi dei ragazzi.
Ti contesto, scusami ancora, anche la successiva affermazione dove ritieni che, per Gioiaange, "ammorbidirsi" potrebbe essere utile ,come aiuto, per riìcavare vantaggi economici e umani...non sono per niente d'accordo con questo tuo concetto di "morbidezza"!!
Per concludere aggiungo che la serietà professionale di Gioiaange si evidenzia anche da questa sua frase: “Alla fine a per me sarebbe stato più comodo confermare i bei voti... tanto lo stipendio (quando me lo daranno, aspetto ancora marzo), sarebbe stato proprio uguale uguale!” , frase che ritengo molto, molto significativa e decisamente in contrasto con alcune tue affermazioni-consigli!!

Tornare in alto Andare in basso
gioiaange



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.08.12

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mer Mag 29, 2013 5:13 pm

Sicuramente per me sarebbe più comodo scendere a patti ed essere certa di mantenere il mio posto di lavoro per altre 2 settimane. I soldini fanno comodo a tutti, il mio conto è in rosso da tempo (cuasa ritardi nei pagamenti) e ho un bambino da crescere (da sola tra l'altro)
"la scuola non è solo mettere voti, ma costruire un rapporto di rispetto e per quanto possibile proficuo con i ragazzi, facendo nascere in loro la voglia di studiare e motivandoli il più possibile." Pienamente d'accordo con laclefdesonges! Ed è anche vero che sicuramente non giova ai ragazzi cambiare insegnante in corsa. Ma della particolarità della mia vicenda forse è sfuggito qualcosa:
- insegno italiano in tre classi (tutte le classi della prof di cui sono la supplente) e solo in una di queste ho riscontrato serie difficoltà nell'adeguarmi alla sua valutazione (quindi "gatta ci cova"). Nelle altre 2 non ci sono casi clamorosi (tranne uno solo) di 8 e 9 in corrispondenza di una grave insufficienza da me riscontrata.
- Delle mie 3 verifiche scritte solo 1 è di grammatica, le altre sono temi (e anche piuttosto semplici) in cui riscontro gravissimi errori (e generossime valutazioni corrispondenti di chi mi ha preceduto, al primo quadrimestre)
- le verifiche della collega ( mi sono permessa di sbirciarle, non per farmi gli affari suoi, ma piuttosto quelli miei; per capire!!) sono piene zeppe di errori (talvolta preferibile chiamarli "orrori") tanto quanto le mie (forse anche di più).
- Con i ragazzi delle altre 2 classi ho un rapporto splendido. Con quelli della classe in questione c'è stato un muro, dovuto alla mia onesta (ho mediato, ho mediato fin troppo, ma con dignità) valutazione in contrasto con i voti ai quali erano abituati. Anche loro hanno capito, e in molti si sono rimboccati le maniche per migliorare.

Dunque: ho mediato e continuerò a farlo, ma con onestà e con professionalità perchè so bene che in questa brutta storia la colpa non è dei ragazzi. Ma se avessi fatto finta di niente, sarei stata complice di un sistema che non mi piace. Spero che ai ragazzi (e alle loro famiglie) arrivi questo messaggio per mezzo della mia presa di posizione: non è importante avere 9, pur sapendo di non meritarlo; preferibile avere un onestoe meritato 6 e saper, saper fare, aver voglia di imparare e di crescere, di migliorarsi...
Tornare in alto Andare in basso
stefi2010



Messaggi : 640
Data d'iscrizione : 02.12.10

MessaggioOggetto: Re: Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!   Mer Mag 29, 2013 8:06 pm

Cara gioiaange temo che la lezione questo tipo di pargoli non siano in grado di apprezzarla, né tantomeno le loro famiglie (la mela non cade mai troppo lontano dall'albero).

Mettiti nei loro panni: vegetavano a scuola, prendendo 9 semplicemente respirando, arrivi tu, per giunta "supplente" e li riporti alla cruda realtà, che difficilmente riusciranno a riconoscere come tale. Tu sarai la perfida, quella che non ha capito niente e che ha rovinato le loro belle medie ad un soffio dal "colpaccio".

Noi sappiamo bene quale è la realtà: oggi conviene super-valutare gli studenti, per essere considerati insegnanti comprensivi, accomodanti ed adeguati alle situazioni contingenti.

Perché i problemi solo con questa classe e non con le altre? Se ho capito bene la titolare è sempre la stessa. Bene, nella mia esperienza mi è capitato di trovare classi in cui veniva inserita la "crème de la crème" della gioventù locale tutti figli di...persone importanti (che hai pensato?!).

E' la peggiore situazione, qui i genitori comandano, spesso anche supportati dalle alte sfere all'interno. Ti farai molti nemici e lo sai. Ma comunque ammiro molto la tua tenacia e la tua serietà. Tieni duro!
Tornare in alto Andare in basso
 
Scuola pubblica - Minacciata di essere denunciata per mancata vigilanza o mandata a casa se non metto i voti che vuole la vicepreside!!
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» La scuola pubblica diventa privata.
» Vigilanza alunni uscita scuole medie
» Dubbi su completamento di orario tra scuola statale e scuola paritaria
» Consiglio per passaggio da scuola privata a statale per immissione in ruolo
» Per essere membri della chat (non considerare questo post si riferisce alla chat precedente)

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: