Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Scuole paritarie cattoliche e docente laico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 7, 8, 9, 10, 11  Seguente
AutoreMessaggio
precary80



Messaggi : 2011
Data d'iscrizione : 26.08.10

MessaggioOggetto: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mer Lug 03, 2013 8:26 am

Promemoria primo messaggio :

Avevo una curiosità: nelle scuole paritarie cattoliche (II grado) i docenti laici sono coinvolti in attività religiose come ad esempio le preghiere?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
carletto



Messaggi : 1971
Data d'iscrizione : 27.07.11

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 10:55 am

Ire ha scritto:
No, non leggere quello che non ho scritto.

Chi si rivolge alla rota vuole l'annullamento del matrimonio consacrato  per quanto riguarda l'aspetto religioso (non indago sulle motivazioni ma direi che il farlo, visto che costa ed è lungo allo stesso modo dell'altro, significa che si

è ricchi

Citazione :
desidera essere " a posto " con la coscienza e non ho motivo di pensare che ciò non sia in buona fede )


E' lapalissiano sostenere che chi desidera l'anullamento desidera poi anche il divorzio civile.
Si vuole allontanare dal coniuge in tutti gli ambiti.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 11:23 am

L'annullamento civile viene chiesto per non avere oneri nei confronti del coniuge in materia di assegno divorzile, non essendoci infatti alcun impedimento all'eventuale nuovo matrimonio per un divorziato

L'annullamento religioso viene chiesto per non avere oneri nei confronti della propria coscienza.

Gli effetti civili dell'annullamento religioso sono che:

se l'annullamento religioso viene ottenuto prima che sia decretato il dovorzio civile, (cosa alquanto rara) l'effetto viene esteso all'ambito civile dopo il detto iter burocratico e non ci saranno oneri economici nei confronti dell'altro perchè si ottiene l'annullamento.

Se l'annullamento religioso viene ottenuto dopo la sentenza di divorzio civile, le obbligazioni stabilite dal giudice civile vengono mantenute e il matrimonio civile non è annullato ma sciolto.

Poi le capacità umane di utilizzare il "fatta la legge, gabbato lo santo" sono infinite, ma questo non ha nulla a che vedere con le leggi civili e religiose. Ognuno si guarderà allo specchio la sera e saprà... poi, chi crede, dice anche: ognuno si troverà davanti a Lui un giorno e sarà giudicato.

Non è giusto condannare una legge perchè chi ne è obbligato la aggira.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
alessia giulia



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 12:40 pm

vorrei fare un passo indietro. chiedo se in una privata cattolica capita che si facciano discussioni su temi di attualità, che ci si confronti su temi quali il divorzio piuttosto che l'aborto (capitato quest'anno) e l'eutanasia. ovviamente io conosco la posizione della chiesa su questi argomenti e lungi da me il volerla contestare. quello che io contesto è che una norma morale pretenda di diventare legge dello stato, valida per cattolici e non cattolici. quello che io contesto è che a scuola non si possano prendere in considerazione altri punti di vista.
lo scopo dell'insegnamento, secondo me, consiste proprio nell'educare gli alunni al ragionamento, a riconoscere la complessità del reale senza arroccarsi su posizioni precostituite.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:15 pm

In una scuola cattolica se ne parla e ti dicono che è sbagliato: abortire, divorziare o praticare l'eutanasia. Non credo si possa pretendere altro, visto che è una scuola fondata su quei valori alla quale si iscrive, presumibilmente, chi con quei valori è d'accordo.

La scuola pubblica non può e non deve invece dare giudizi di valore ma eventualmente sentire e presentare tutte le campane, visto che alla scuola pubblica si iscrivono sia i cattolici che i musulmani che gli atei che i ...................

L'ho già detto, ma fece un potenziale gran danno a mio figlio l'insegnante che disse che non amano i figli coloro i quali scelgono di non sposarsi. Non ero sposata ma avevo una famiglia regolare nella quale i figli erano molto amati, grazie a questo "recuperai" la sofferenza e il dubbio e li trasformai in una lezione di tolleranza (verso l'imbecillità della docente).

Ugualmente a fronte di una scuola che ti presenta il proprio punto di vista sulle questioni della vita, quando c'è una famiglia che ha lo stesso punto di vista ma non manda al rogo chi la pensa diversamente piuttosto cerca di capire i punti di forza e i punti deboli del proprio e dell'altrui pensiero, dove è la paura?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:20 pm

Ire ha scritto:
Gli effetti civili dell'annullamento religioso sono che:

se l'annullamento religioso viene ottenuto prima che sia decretato il dovorzio civile, (cosa alquanto rara) l'effetto viene  esteso all'ambito civile dopo il detto iter burocratico e non ci saranno oneri economici nei confronti dell'altro perchè si ottiene l'annullamento.  

Appunto, e io che ho detto? Che è proprio questo che non trovo giusto, SE l'annullamento religioso è stato concesso per motivazioni esclusivamente dottrinali che normalmente non sarebbero riconosciute come motivazioni di nullità ANCHE civile.

Il matrimonio è stato dichiarato religiosamente nullo perché uno dei due non aveva espresso un consenso libero? Bene, allora è giusto che sia confermato anche civilmente, perché la necessità imprecindibile del consenso libero vale anche per il matrimonio civile.

Invece, il matrimonio è stato dichiarato nullo perché uno dei due dichiara che si è andato a sposare non credendo seriamente nello Spirito Santo? Bene, allora CORCAVOLO che il tribunale civile dovrebbe confermarlo, perché il credere nello Spirito Santo non è richiesto per contrarre un matrimonio civile valido.

In entrambi i casi, visto che l'annullamento civile (come hai detto tu stessa) può comportare dei vantaggi in termini economici, e ci può essere qualche furbacchione che lo preferisce APPOSTA, non capisco per quale motivo esso debba essere molto più facile da ottenere per chi si è sposato in chiesa piuttosto che in comune, tutto lì.

Se poi, come varie altre cose di cui si è discusso, anche questo ti sembra "normale" e non ti poni nemmeno il problema che implichi ingiustizie e disparità, torniamo sempre allo stesso punto: a me pare che molti cattolici (non dico TUTTI, ma molti) siano talmente abituati a considerare come ovvio che la loro chiesa debba avere diritto a trattamenti speciali rispetto al resto dei cittadini, che non si rendono nemmeno conto che siano "speciali", ma pensano che faccia parte della norma...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:24 pm

Citazione :
Chi si rivolge alla rota vuole l'annullamento del matrimonio consacrato  per quanto riguarda l'aspetto religioso (non indago sulle motivazioni ma direi che il farlo, visto che costa ed è lungo allo stesso modo dell'altro, significa che si


è ricchi


Non avevo visto il tuo commento, per questo non avevo risposto a questa, permettimi, stupidaggine.

Ora non ti arrabbiare ma penso tu ti sia fatto un po' condizionare dall'annullamento di Caterina di Monaco? o di altri ricchi belli e famosi.

Come ho già detto, al mondo ci siamo tutti, anche giudici corrotti all'interno della chiesa quindi quegli annullamenti possono essere avvenuti anche senza realtà essere dovuti e magari pure dietro pagamento.

Ma dire che bisogna essere ricchi per rivolgersi alla rota è dire una falsità.

Esattamente come dire che tutti i docenti sono imbecilli

o che lo sono tutti i genitori
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:29 pm

Ire ha scritto:
L'ho già detto, ma fece un potenziale gran danno a mio figlio l'insegnante che disse che non amano i figli coloro i quali scelgono di non sposarsi.  Non ero sposata ma avevo una famiglia regolare nella quale i figli erano molto amati,

Certo che è veramente affascinante constatare quanto si possa andare lontano con la sperimentazione dell' "essere cattolico solo su quello che pare a me".

L.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:32 pm

Come mai non riesco a farmi capire?


Prima di tutto, chi ti dice che sia facile da ottenere per chi si è sposato in chiesa? Hai qualche vero esempio, almeno esempio, di qualcuno che l'ha ottenuto facilmente? E chi decide quanto sia stato "facile"?


Poi scindiamo le cose.

Sono credente, ho sposato sia in chiesa con il matrimonio concordatario che ha effetti anche civili, una persona che mentre mi aveva promesso di accettare tutti i figli che fossero venuti (cosa che io quale credente desideravo) poi invece questo tizio cerca di costringermi a prendere un anticoncezionale o ci "pensa" lui a fare in modo che i figli non arrivino.

Non voglio stare sposata con lui, voglio potermi sposare con una persona che condivida il mio desiderio sulla base di quanto ci dice il Vangelo (sono affari nostri, questi, no?)

Chiedo l'annullamento perchè l'esclusione dei figli è causa di nullità e ho bisogno del divorzio civile altrimenti non posso risposarmi.
La motivazione per il religioso sarà l'esclusione dei figli
la motivazione per il civile sarà che mio marito è un mentitore, che mi costringe a fare cose che io non voglio.

Ho bisogno di entrambe le sentenze per essere a posto con la mia coscienza e per poter vivere come credo.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:34 pm

paniscus ha scritto:
Ire ha scritto:
L'ho già detto, ma fece un potenziale gran danno a mio figlio l'insegnante che disse che non amano i figli coloro i quali scelgono di non sposarsi.  Non ero sposata ma avevo una famiglia regolare nella quale i figli erano molto amati,

Certo che è veramente affascinante constatare quanto si possa andare lontano con la sperimentazione dell' "essere cattolico solo su quello che pare a me".

L.

Perchè non ero sposata? Qualche problema, qualche motivo di accusa nei miei confronti? Chi sei tu per permettertelo?

Così, tanto per farti pensare un po', non credi che ci possa essere stato un cammino? o comunque, affari miei e del Signore?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:38 pm

Ire ha scritto:
Perchè non ero sposata?  Qualche problema, qualche motivo di accusa nei miei confronti?  Chi sei tu per permettertelo?

Così, tanto per farti pensare un po', non credi che ci possa essere stato un cammino? o comunque, affari miei e del Signore?

Guarda che pure io ho convissuto e fatto figli senza essere sposata.

Ma, appunto, so benissimo che la chiesa cattolica non lo approva e non me ne può fregare di meno... non vado in giro a dire di essere cattolica, e tantomeno a difendere la chiesa cattolica qualsiasi cosa faccia, come fai tu.

Quello che è fiero e orgoglioso secondo la propria coscienza di fare scelte di vita incompatibili col cattolicesimo, e poi contemporaneamente si straccia le vesti perché "ingiustamente" la chiesa cattolica non le accetta... mi ricorda tanto una lepre che vuole assolutamente iscriversi al Circolo della Caccia, e piange perché non ce la vogliono.

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:45 pm

Amica mia, le motivazioni delle persone sono imperscrutabili, le situazioni pure, i giudizi pericolosi soprattutto se non si hanno tutti gli elementi.

Non mi sono mai stracciata le vesti perchè la chiesa cattolica non accettava la mia scelta così come non ho mai accusato o voluto allontanare nessuno dalla Chiesa quando alla fine mi sono sposata e sono entrata a far parte del "popolo degli eletti".

E con questo il discorso sulle mie motivazioni è chiuso.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 1:46 pm


paniscus ha scritto:
e tantomeno a difendere la chiesa cattolica qualsiasi cosa faccia, come fai tu.

Difendo la Chiesa cattolica quando dico che ci sono giudici consacrati corrotti?

Onestamente non mi sembra.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 2:02 pm

E allora, come minimo, piantatela di dare a destra e a manca di "intolleranti", di "estremisti" o di "antidemocratici" a chi denuncia storture e privilegi che alla chiesa cattolica stanno benissimo e che impattano in maniera negativa sulla vita del resto della cittadinanza, tutto lì...

Perché tutto quello che hai espresso pubblicamente finora, francamente, lascia puntare alla conclusione che gli estremismi discriminatori (tipici del clericalismo cattolico, anche se spesso comuni anche ad altri) li trovi tanto più inaccettabili quanto più si avvicinano alla tua esperienza di vita concreta e mettono in dubbio quella.

Se l'insegnante dice che "chi convive senza essere sposato non ama i propri figli", la cosa ti ferisce perché tu convivevi senza essere sposata, e perché ti sei trovata nella grana concreta di dover rispondere alle domande imbarazzate dei tuoi figli, e spiegare loro come la vostra vita si conciliava con quella contraddizione.

Ma se magari lo stesso insegnante dice che "i genitori omosessuali non amano i propri figli", allora ti disturba molto meno, perché tu non sei omosessuale o non hai omosessuali in famiglia; oppure, se lo stesso insegnante dice che "chi ha fatto la fecondazione eterologa non ama i propri figli",  ti disturba molto meno, perché tu non hai fatto la fecondazione eterologa...

Io, invece, in tutta sincerità, andrei a discutere con quell'insegnante e lo solleverei dal suolo, SIA che avesse espresso discriminazione verso una scelta familiare che riguardava me, SIA che l'avesse fatta verso una scelta che non mi riguardava.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 2:42 pm

Non poteva ferire mio figlio una persona che avesse detto che i genitori omossessuali non amano i figli perchè mio figlio non è figlio di omosessuali

Allo stesso modo in cui non uccide me chi da una pugnalata al mio vicino.


Ma come ti permetti di dire che non avrei protestato ugualmente? Così come ti sogni di dire che non chiederei la condanna dell'assassino?


Ma che ne sai?

Ma perchè invece di cercare di leggere tra le righe, non prendi per buono quello che dico? Forse hai l'abitudine di scrivere fra le righe e cerchi questo dagli altri? Diversamente non mi spiego il tuo continuo affermare: "dalle tue parole si legge"

Dalle parole si deve leggere quello che è scritto, niente altro cara Lisa.


Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
serpina



Messaggi : 508
Data d'iscrizione : 21.02.13

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 4:04 pm

Ire ha scritto:
In una scuola cattolica se ne parla e ti dicono che è sbagliato: abortire, divorziare o praticare l'eutanasia.  Non credo si possa pretendere altro, visto che è una scuola fondata su quei valori alla quale si iscrive, presumibilmente, chi con quei valori è d'accordo.

le tue parole fotografano la realtà.
una realtà in cui educazione familiare, extrafamiliare e scolastica convergono rigidamente e senza possibilità alcuna di far sentire in lontananza il tintinnio di un'altra campana.
personalmente credo che questo modello di educazione sia settario e destinato a crescere settari incapaci di confronto civile.

Ire ha scritto:
La scuola pubblica non può e non deve invece dare giudizi di valore ma eventualmente sentire e presentare tutte le campane, visto che alla scuola pubblica si iscrivono sia i cattolici che i musulmani che gli atei che i ...................

ah ecco. solo quelli devono imparare la tolleranza, il confronto, l'accettazione dell'altro e del diverso.
chi sta nelle private può esserne dispensato.


Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 4:12 pm

boh!
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 4:14 pm

Ire ha scritto:
Ma perchè invece di cercare di leggere tra le righe, non prendi per buono quello che dico?  

Perché tu finora hai sempre espresso molto chiaramente (e non certo "tra le righe") opinioni molto precise sul presunto diritto delle scuole private e di qualsiasi ambiente confessionale a inculcare ai ragazzi valori "di parte" senza tenere conto della normalità del pluralismo di idee che c'è nella società.... e hai sempre difeso il diritto dei genitori a tenere i figli "protetti" in un contesto in cui tutti la pensino come loro, e non c'è pericolo che vengano a contatto con opinioni e stili di vita diversi.

E tutto questo, appunto, l'hai sempre detto IN CHIARO, non certo lasciandolo all'immaginazione del lettore.

E non solo: ma hai sempre sostenuto che questo genere di scuole "svolgono un servizio pubblico" di identico valore di quello statale, e che quindi è giusto che siano equiparate.

Ti prego di rileggerti quello che hai scritto, e poi rifletti un attimo sulla tua accusa di "essermelo inventato io"...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 4:32 pm

Torniamo da capo?
Voglio che i miei figli abbiano un certo tipo di istruzione che per diversi motivi non trovo alla scuola pubblica. Certo tipo di istruzione che significa: voglio che facciano una verifica al mese sugli apprendimenti, un tema alla settimana come compito di casa, una lezione in silenzio perchè solo così possono applicarsi all'ascolto cose di questo tipo dico.
Li iscrivo alla scuola cattolica che ho individuato come buona e che assicura questo (non li iscrivo al collegio san...... dove so che chi paga è promosso)
Non posso certo pretendere di mandare i figli ad una scuola cattolica aspettandomi di sentire qualcuno che avanza la possibilità che il divorzio sia "buona cosa", o che lo sia l'eutanasia.

così come non posso pretendere di andare in farmacia a comprare una bicicletta.

So però che sono in grado sia di andare in farmacia per i farmaci che da tutto sport per la bicicletta quindi sono in grado perfettamente di aiutare i miei figli a capire e valutare, così come mi viene richiesto dall'obbligo educativo che IO prima di tutto ho verso di loro..

Non ho mai detto che la scuola privata svolge un servizio pubblico identico a quello statale ma ho detto che il lavoro dei docenti privati è uguale al lavoro dei docenti pubblici, specificando l'uguale in: ore di lezione, ore di preparazione della lezione, ore di verifica e di interrogazione e ore di riunioni nonchè di ricevimento dei genitori.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
serpina



Messaggi : 508
Data d'iscrizione : 21.02.13

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 4:50 pm

allora, senza entrare nel personale, c'è una cosa che deve essere detta .
le scuole private in italia sono PEGGIORI delle statali.
non è un'opinione mia. è una cosa certificata, ripeto, CERTIFICATA da tutti gli organismi di rilevazione, primo tra tutti l'OCSE.
ci sarà qualche eccezione (e comunque già in questo topic statisticamente sono troppe) ma l'eccezione, come si sa, conferma la regola.

ma diamo pure per buona la qualità dell'insegnamento, proprio per amore di argomentazione. c'è comunque una cosa che la scuola privata confessionale non fa e non vuole fare, cioè sviluppare la tolleranza, promuovere l'incontro col diverso, insegnare la convivenza.
di questo si può fare a meno?
mi si dice: queste cose le insegno io ai miei figli, ma è ovvio che non è possibile: solo ciò che E' diverso può insegnare a relazionarsi col diverso.

questa è la ragione per la quale una scuola confessionale mi sembra l'esatto contrario dell'idea di scuola e quindi un'istituzione inaccettabile.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 5:44 pm

Inaccettabile?

Guarda, dici la stessa cosa che alle volte dicono nella privata: quello che è diverso da me è inaccettabile!

Roba da matti! :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 15, 2013 6:16 pm

e meno male che volevo apportare un po' di leggerezza...

Circa il dibattito sulla Sacra Rota, avevo trovato un link formidabile sugli annullamenti ecclesiastici low-cost. Peccato che questa non è davvero la sede adatta, quindi mettiamoci una croce sopra.

Comunque, il divorzio è sempre una via dolorosa, e non penso che nessun docente, cattolico, laico o buddista, inneggi a tale pratica come a una "cosa buona" di per sé. A meno che non sia un avvocato, oltre che un insegnante.

Un altro dubbio : siamo sicuri la "lezione in silenzio" sia davvero la migliore ? Le teorie didattiche più moderne vanno esattamente in una direzione opposta. Io le ho sperimentate, e davvero i risultati sono sorprendenti !

Per me, infine, la coerenza è sempre una bella cosa, quando è però unita all'apertura mentale e al rispetto degli altri ("tolleranza" non mi piace, mi dà l'idea di qualcosa che mal si sopporta...)
Un saluto a tutti !
Tornare in alto Andare in basso
carletto



Messaggi : 1971
Data d'iscrizione : 27.07.11

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 16, 2013 1:05 am

Ire ha scritto:

Ora non ti arrabbiare ma penso tu ti sia fatto un po' condizionare dall'annullamento di Caterina di Monaco?

???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

...

difficilmente riuscirei a spiegare quanto è distante il pensiero laico da quello dei seguaci di Cristo... ci ho provato tante volte, eh, ma sono proprio due mondi inconciliabili...
Tornare in alto Andare in basso
befeca



Messaggi : 127
Data d'iscrizione : 23.02.11

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 16, 2013 7:50 am

serpina ha scritto:
allora, senza entrare nel personale, c'è una cosa che deve essere detta .
le scuole private in italia sono PEGGIORI delle statali.
non è un'opinione mia. è una cosa certificata, ripeto, CERTIFICATA da tutti gli organismi di rilevazione, primo tra tutti l'OCSE.
ci sarà qualche eccezione (e comunque già in questo topic statisticamente sono troppe) ma l'eccezione, come si sa, conferma la regola.

Molte scuole private NON SONO CATTOLICHE e la maggior parte dei DIPLOMIFICI non lo è.
Chi ha il dovere di farlo, CONTROLLI:


ma diamo pure per buona la qualità dell'insegnamento, proprio per amore di argomentazione. c'è comunque una cosa che la scuola privata confessionale non fa e non vuole fare, cioè sviluppare la tolleranza, promuovere l'incontro col diverso, insegnare la convivenza.
di questo si può fare a meno?
mi si dice: queste cose le insegno io ai miei figli, ma è ovvio che non è possibile: solo ciò che E' diverso può insegnare a relazionarsi col diverso.

Ma per favore!!!!!!
Perchè in tutte le scuole statali si insegna questo?


questa è la ragione per la quale una scuola confessionale mi sembra l'esatto contrario dell'idea di scuola e quindi un'istituzione inaccettabile.

Questa è una tua opinione che io non condivido. Spero mi concedereai questa libertà di pensiero.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 16, 2013 7:56 am

laclefdesonges ha scritto:
....
Circa il dibattito sulla Sacra Rota, avevo trovato un link formidabile sugli annullamenti ecclesiastici low-cost. Peccato che questa non è davvero la sede adatta, quindi mettiamoci una croce sopra.

Comunque, il divorzio è sempre una via dolorosa, e non penso che nessun docente, cattolico, laico o buddista, inneggi a tale pratica come a una "cosa buona" di per sé. A meno che non sia un avvocato, oltre che un insegnante.

Un altro dubbio : siamo sicuri la "lezione in silenzio" sia davvero la migliore ? Le teorie didattiche più moderne vanno esattamente in una direzione opposta. Io le ho sperimentate, e davvero i risultati sono sorprendenti !

Per me, infine, la coerenza è sempre una bella cosa, quando è però unita all'apertura mentale e al rispetto degli altri ("tolleranza" non mi piace, mi dà l'idea di qualcosa che mal si sopporta...)
Un saluto a tutti !


D'accordissimo con te sul fatto che questa non sia la sede adatta per discussioni sulla Sacra Rota, fammi solo dire questo: sappiamo perfettamente che quello che viene scritto e detto dai media è mediato quanto meno dalle visioni personali, dalle indicazioni di parte o a volerla metter giù leggera da informazioni non sempre complete. Mi piace il fatto che tu abbia trovato un link come quello di cui parli ma ti chiedo se sei andata a cercare anche un link che dice l'opposto. Hai verificato se esiste qualcosa che dice l'opposto? E ancora, hai verificato se esiste qualcosa che dice una terza verità?
Solo dopo aver fatto questo, confrontato i dati, visto la paternità dei dati reperiti e fatto una bella collazione del tutto con le sfrangiature del caso si può timidamente affermare di saperne qualcosa di più che potrebbe essere una reale fotografia della situazione. Diversamente sono solo informazioni di cui prendere atto e a cui dare il peso che hanno: molto poco.

Bon, finito discorso :-)

Per quanto riguarda la lezione in silenzio dipende molto da cosa devi fare: sicuramente in una verifica hai bisogno di silenzio, in un momento di ascolto hai bisogno di silenzio altrimenti non senti, mentre se applichi qualche particolare metodologia didattica creativa che chieda un brain storming il silenzio certo non serve. Ma serve il rispetto, il silenzio nell'ascolto di chi parla, e sicuramente non serve che qualcuno si alzi in piedi a minacciare il prof, butti fuori dalla finestra oggetti vari, faccia bum bum e bam bam intanto che il compagno cerca di portare le proprie idee, si alzi in piedi e cammini per la classe spaventando i compagni scoppiando all'improvviso sacchetti di patatine gonfiati d'aria............questo non serve. Nella scuola pubblica succede spesso, non sempre ma spesso, nella privata, anche nelle più schifosissime nelle quali se uno è somaro e ha un papà ricco viene comunque promosso, non succede mai.


Sulla tolleranza: va bene quello che dici, possiamo cambiare la parola con "rispetto" davo lo stesso significato al termine :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
befeca



Messaggi : 127
Data d'iscrizione : 23.02.11

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 16, 2013 8:18 am

Care Paniscus e Serpetta (voi che mi sembrate le più coinvolte), non capisco francamente tutto questo vostro livore nei confronti del mondo cattolico. Avrete le vostre ragioni e non sono di mio interesse.
I vostri discorsi sulla tolleranza e l'apertura mentale stridono un pò con le generalizzazioni e le frasi fatte di cui sono intrisi i vostri commenti però.

Paniscus, parli di ingiustizie spesso, un pò troppo, per quanto mi riguarda. Non è giusto che le scuole private abbiano finanziamenti, non è giusto che i docenti accumulino punteggi, non è nemmeno giusto che si possa volere l'annullamento del matrimonio.
Se sei così convinta che il mondo sia pieno di ingiustizie immagino anche che tu sia una donna estremamente impegnata (a scuola e nel sociale) per combatterle. Perchè se così non fosse mi sembrerebbe proprio il classico lamento della serie: sono l'unica che sa quello che è giusto ma ho altro da fare.

Molte delle vostre affermazioni stridono parecchio con i vostri proclami sulla tolleranza e l'apertura mentale. Ognuno è libero di vivere la propria vita come meglio crede e non ci conosciamo abbastanza per poter giudicare o meno la nostra coerenza o credibilità.

Tutto è partito da una semplice domanda: bisogna pregare se si insegna in una scuola cattolica? La risposta è chiara: in alcune scuole sì, in altre no.

Il mio pensiero riguardo finanziamenti e punteggi è già stato espresso.

Un ultimo pensiero: poveri quei bambini e quei ragazzi che non conosceranno la vita di Gesù.
Comunque la si pensi nessuno potrà negare che sia stato un uomo speciale e che le sue idee di accoglienza, amore, accettazione dell'altro siano state tra le più grandi mai professate.
Tutto quello che è venuto dopo è stato estremamente criticabile e spesso indifendibile.
L'importante è non perdere mai di vista il vero punto di riferimento.
Personalmente a volte ci riesco, a volte no. Sono umana e, nonostante sia cattolica, spesso sbaglio. Ho bisogno di grandi esempi di credibilità intorno a me. Fortunatamente qualcuno c'è ancora, basta saperlo individuare.
Tornare in alto Andare in basso
 
Scuole paritarie cattoliche e docente laico
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 8 di 11Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 7, 8, 9, 10, 11  Seguente
 Argomenti simili
-
» METODI PER INSEGNARE GEOGRAFIA NELLE SCUOLE MEDIE
» Scelta scuole: grandi e centrali o medio/piccole e periferiche???
» codici meccanografici scuole per AP
» Scuole comunali
» Vigilanza alunni uscita scuole medie

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: