Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Scuole paritarie cattoliche e docente laico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, ... 9, 10, 11  Seguente
AutoreMessaggio
precary80



Messaggi : 2011
Data d'iscrizione : 26.08.10

MessaggioOggetto: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mer Lug 03, 2013 8:26 am

Promemoria primo messaggio :

Avevo una curiosità: nelle scuole paritarie cattoliche (II grado) i docenti laici sono coinvolti in attività religiose come ad esempio le preghiere?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 1:37 pm

Non ti permettere, Lisa, e lo dico sul serio, non ti permettere mai più di giudicare cosa io approvi o non approvi del mondo dei "cattolici" dei quali sono parte integrante.

Non mi conosci abbastanza per farlo e non mi conosci nemmeno per dire che sono una persona che "si fa andare bene" qualcosa.
Quando lo faccio, e obtorto collo, lo faccio, come lo facciamo tutti, perchè senza compromessi, nella vita vera, non si vive, ho l'onestà di ammetterlo qui come a tu per tu davanti ad una tazza di caffè, qui come davanti ad una assemblea che mi ascolta (capita anche questo).

chiarito questo, spero per sempre, andiamo avanti :-)

Mi dispiace per peppino, ha cercato lavoro in un posto dove non era richiesta la sua prestazione.
Probabilmente se pierino fosse andato a chiedere lavoro presso la roccaforte "comunista" (apparentemente non esiste più, ma solo apparentemente) non l'avrebbe ottenuto e la situazione sarebbe ribaltata.

E' la legge di mercato, Lisa. Non tutto è giusto al mondo, sarebbe giusto che anche peppino riuscisse ad avere un posto di lavoro nella scuola pubblica che più lo rappresenta, magari in sostituzione del suo collega incapace, immorale, fanca@@ista che invece rimane lì, bello arroccato e magari di ruolo.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 2:15 pm

Innanzi tutto io giudico quanto mi pare il contenuto di quello che tu scegli di scrivere in pubblico, quindi ti consiglierei di evitare le minacce o gli strilli di indignazione scandalizzata, perché sono proprio fuori contesto. Non giudico te come persona, o le tue scelte di coscienza personale in ciò che fai fuori di qui, ma ci mancherebbe altro che, su un forum di discussione pubblica, non si potesse nemmeno giudicare CIO' CHE SCRIVI. Se uno non vuole che le sue idee siano commentate, giudicate o criticate, oppure vuole che siano commentate solo in positivo, può benissimo scegliere di non esprimerle, oppure assicurarsi di scriverle in un forum ad accesso ristretto in cui sa già che la pensano tutti allo stesso modo. Se si sceglie di intervenire su un forum pubblico aperto a tutti, si accetta anche la possibilità di essere criticati e disapprovati, come la accetto io e l'accettiamo tutti.

Detto questo, il punto è che continui a confondere disinvoltamente il concetto di "mercato" con quello di "servizi pubblici".

Io NON HO MAI detto che la scuola cattolica non dovrebbe esistere.

Pierino ha fatto benissimo a farsi assumere lì, e farebbe bene a rimanerci a oltranza, se ritenesse che quello è l'ambiente che gli va più a genio. Quello che trovo vergognoso è che possa usarla come trampolino di lancio per poi entrare più facilmente nella scuola pubblica, superando persone che avevano i suoi stessi titoli ma che sono state discriminate su base ideologica.

Io avrei il massimo rispetto per il professor Pierino se decidesse che continuare per tutta la sua vita lavorativa a insegnare in una scuola confessionale è la cosa più congeniale alle sue inclinazioni, e che rispecchia meglio il suo modo di intendere l'insegnamento, e rimanesse lì.

Quello che non trovo accettabile è che questo gli garantisca dei titoli in più per farsi poi assumere dallo stato, visto che quei titoli non li ha acquisiti per migliore professionalità, migliore preparazione o per maggiore voglia di lavorare, ma li ha acquisiti SOLO grazie a un'appartenenza religiosa (che normalmente la legge dello stato, in qulsiasi altro contesto, VIETA di utilizzare come strumento di selezione). Cosa che, appunto, porta a transitare per le scuole private anche un sacco di insegnanti ai quali del famoso "progetto educativo complessivo" non je ne può frega' 'dde meno, ma ai quali fa comodo rimanere parcheggiati lì per qualche anno, in attesa di maturare punteggio, per poi scappare nella scuola di stato appena possono (cosa che non mi sembra particolarmente coerente con questa presunta "attenzione speciale" al progetto educativo specifico, che le scuole confessionali vantano largamente).

Un dirigente di una scuola pubblica NON PUO' dire a un supplente, che ha tutti i titoli professionali in regola, "ti assumo solo se sei cattolico". Se ci provasse, finirebbe immediatamente denunciato.

La scuola privata, invece, pretende di poterlo fare?

E allora non dovrebbe avere gli stessi riconoscimenti di quella pubblica, spendibili poi anche in quella pubblica, tutto lì.

I casi sono due: o si adegua agli stessi criteri della scuola di stato, e allora la parificazione è perfettamente ragionevole... oppure pretende di violare le norme previste dallo stato, e allora la parificazione non dovrebbe averla.

Possibile che sia da considerare un ragionamento tanto estremista, o tanto difficile da seguire?????

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 2:26 pm

Paniscus, hai parlato di "finto di candore" quindi mi hai giudicata, e hai parlato di me come "persona intelligente" quindi mi hai giudicata (bene, ma sempre giudizio è ;-) )
Hai detto che mi faccio andare bene, quindi mi hai giudicata.

Insomma... torto torto non ho.

Poi, mi scuso, fallo un po' finchè ti pare, non è che io cambio il mio modo di essere in base al tuo giudizio quando non ritengo tu abbia ragione.

Il fatto che non entra in testa a te, invece, è che quello che succede nel privato non può succedere nel pubblico. Per accordi contrattuali, solo per questo.

Il privato lavora nell'ambito del proprio "regno", il pubblico è soggetto ad altri vincoli.

servizio pubblico o mercato, la legge non cambia.

L'ospedale è un servizio pubblico?

direi di sì

un medico che lavora in un ambulatorio privato può essere ugualmente o maggiormente bravo di uno che lavora in un ospedale?

direi di sì

i titoli che derivano dal suo lavoro nel privato possono essere ugualmente spendibili di quelli derivati da un lavoro nel pubblico?

direi di sì (fa lo stesso lavoro)

la stessa cosa nella scuola.

L'insegnante privato insegna e impara ad insegnare lavorando nel privato così come nel pubblico.
Il punteggio è conseguente.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 2:34 pm

Cioè, nell'ambito medico, l'aver lavorato in un ambulatorio privato "fa punteggio" per essere assunti in una struttura pubblica? In ambito tecnico, l'aver lavorato in uno studio privato di ingegneria "fa punteggio" per essere assunti in un ufficio pubblico? Ti risulta davvero?

E soprattutto: tu dici che se "quello che può succedere nel privato non può succedere nel pubblico" è solo per ragioni di singoli accordi contrattuali. Non è proprio così. Esistono criteri di scelta che effettivamente sono consentiti all'uno sì e all'altro no per accordi contrattuali, questo è vero... ma esistono anche criteri di scelta che sono VIETATI per legge a entrambi, perché violano norme fondamentali dello stato.

Magari si tende a dimenticarselo, ma esiste una legge che dice che è vietato discriminare sul lavoro per motivi etnici, religiosi, politici, di genere, o di scelte familiari, o di comportamenti nella vita personale.

Non solo nello stato, ma anche nel privato.

Qualsiasi datore di lavoro che non ti accetta perchè sei nero, non ti accetta perché sei meridionale, non ti accetta perché sei ateo, non ti accetta perché sei ebreo, non ti accetta perché sei omosessuale, o non ti accetta perché convivi senza matrimonio, non ti accetta perché hai troppi figli, o non ti accetta perché sei iscritto a un'associazione politica che non gli piace, commette un abuso.

Il fatto che "spesso nel privato lo facciano ugualmente", non è una sfumatura di diritto contrattuale, ma è una plateale violazione della legge, che dovrebbe essere sanzionata. Quindi, non vedo proprio alcun motivo di doverne estendere la validità anche al sistema pubblico, dove oltretutto diventa esclusivamente una forma pura e semplice di clientelismo e raccomandazione.

Lisa


Ultima modifica di paniscus il Lun Lug 08, 2013 2:46 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 2:40 pm

sì, mi risulta.
Quando il concorso è per titoli ed esami mi risulta sì.
Gli esami sono superati egregiamente da chi ha esperienza comunque se la sia fatta
i titoli sono titoli
tot anni di lavoro presso
ecc ecc ecc
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 4:33 pm

Però, Ire, mi sembra che affronti la questione con il paraocchi e scusa se te lo dico, non mi sembri per niente obiettiva!! Ti sembra quindi giusto e corretto, che docenti che si dichiarano "cattolici" utilizzino la scuola privata come "passerella" di qualche anno per fare punteggio e passare poi alla scuola pubblica scavalcando altri insegnanti che non hanno le "giuste" conoscenze o le "credenziali" obbligatorie per poter lavorare nella scuola privata??
Ciò che dice Paniscus non è solo giusto, è SACROSANTA VERITA'....puoi "girarla" come vuoi, cara Ire, ma la sostanza non cambia...non nascondiamoci dietro un dito per difendere un "sistema" che è INDIFENDIBILE...e i "furbi" e gli "accozzati" vanno avanti a discapito degli altri!!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 9:13 pm

Tu non stai parlando di quello di cui parla paniscus, almeno credo :-0

Paniscus parlava di due precari uno dei quali trova lavoro perchè è apprezzato dalla privata, l'altro non lo trova perchè il suo pensiero non è conforme.

Questo, a mio parere, come ho cercato di dimostrare, ci sta

(per inciso avevo sottolineato che non è per niente giusto che il secondo non trovi lavoro perchè un posto è occupato da qualcuno attaccato alla cattedra senza averne i requisiti)

Tu parli di qualcuno che si fa i suoi anni tranquilli nella privata accumula punteggio e in odor di pensione va a scavalcare qualcun altro per sistemare i contributi.
Non mi pareva giusto questo quando l'ho vissuto. No, non mi pareva affatto giusto.

Però............ non scandalizziamoci della privata non è situazione che capita solo lì.
Quanti anche nella scuola pubblica vengono trasferiti perchè il loro posto è stato richiesto da chi aveva più punteggio? Con sberleffi alla continuità didattica?

Non è dove ti sei procurato il punteggio che non funziona, è il sistema delle assegnazioni che non va.

sbaglio?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 9:38 pm

Ire ha scritto:

Il privato lavora nell'ambito del proprio "regno", il pubblico è soggetto ad altri vincoli.

servizio pubblico o mercato, la legge non cambia.

L'ospedale è un servizio pubblico?

direi di sì

un medico che lavora in un ambulatorio privato può essere ugualmente o maggiormente bravo di uno che lavora in un ospedale?

direi di sì

i titoli che derivano dal suo lavoro nel privato possono essere ugualmente spendibili di quelli derivati da un lavoro nel pubblico?

direi di sì  (fa lo stesso lavoro)

Non mi risulta che negli ospedali privati le assunzioni avvengano sulla base della fede religiosa, e sono anzi convinto che se succedesse ci sarebbero gli estremi per intentare causa.

Quindi il paragone non regge proprio.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 9:44 pm

vuoi andare a vedere per favore la clinica Toniolo a Bologna, tanto per dirne una? Non posso certo permettermi di dire che vengano assunti per fede religiosa, no, non lo dico proprio.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 9:52 pm

Ire ha scritto:
Tu non stai parlando di quello di cui parla paniscus, almeno credo  :-0

Paniscus parlava di due precari uno dei quali trova lavoro perchè è apprezzato dalla privata, l'altro non lo trova perchè il suo pensiero non è conforme.

Questo, a mio parere, come ho cercato di dimostrare, ci sta

Però hai detto che consideri GIUSTO che il punteggio sia equiparato "perché tanto si tratta dello stesso lavoro"... anche se uno quel lavoro se l'è beccato per discriminazione ideologica o per raccomandazione personale. Il problema è solo quello.

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 10:38 pm

ma che cosa contribuisce a formare il punteggio?
Il lavoro svolto o la modalità di assunzione?

Perchè se è il lavoro svolto, non credo ci possa essere differenza
se è la modalità di assunzione, ancora non credo ci possa essere differenza

Ci sono istituzioni forti, che hanno la possibilità di tenere in piedi scuole nelle quali hanno piacere di assumere chi ritengono idoneo, essendo istituzioni private, hanno diritto di farlo.

Non possiamo colpevolizzare loro per il fatto che non esistano o esistano poche scuole gestite da istituzioni di fede diversa che potrebbero assumere i pippi o i pierini che rimangono esclusi dalla scelta della istituzione di cui sopra.

Non si parlava di questo
si parlava di punteggio per gli insegnanti
che sono insegnanti sia che insegnino nella scuola pubblica
sia che insegnino nella scuola privata
con i medesimi titoli di studio
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Lun Lug 08, 2013 11:14 pm

paniscus esprime in modo pulito ed efficace ciò che penso anch'io, in ogni virgola
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 12:38 am

Ire ha scritto:
Tu parli di qualcuno che si fa i suoi anni tranquilli nella privata accumula punteggio e in odor di pensione va a scavalcare qualcun altro per sistemare i contributi.
Non mi pareva giusto questo quando l'ho vissuto. No, non mi pareva affatto giusto.
Non quando è in odore di pensione (per fortuna non potrebbe), ma quando gli arriva il ruolo. Del resto, visto come sono trattati i miei amici che lavorano nelle paritarie, non mi sento proprio di dar loro torto se scappano via alla prima occasione, dopo aver sorriso per anni fingendo che andasse tutto bene, come in un perenne spot pubblicitario.
Ire ha scritto:

Però............ non scandalizziamoci della privata non è situazione che capita solo lì.
Quanti anche nella scuola pubblica vengono trasferiti perchè il loro posto è stato richiesto da chi aveva più punteggio?  Con sberleffi alla continuità didattica?
La questione è completamente diversa. Tra l'altro nessun insegnante di ruolo può perdere il posto perchè qualcuno chiede il trasferimento nella sua scuola. La salvaguardia delle titolarità è sempre la prima regola.
Ire ha scritto:

Non è dove ti sei procurato il punteggio che non funziona, è il sistema delle assegnazioni che non va.
sbaglio?
Dal mio punto di vista, sbagli completamente. Il sistema delle assegnazioni funziona discretamente e comunque sicuramente meglio di come funziona nelle private. Il problema è che le paritarie non dovrebbero farne parte o dovrebbero farne parte con oneri e onori; invece vogliono solo questi ultimi.
Anch'io quoto paniscus al 100% (e lo dico da cattolico).
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 12:55 am

Ah, dimenticavo:

alle ipotetiche figure del Pierino (cattolico osservante e coerente, che va a lavorare nella scuola confessionale perché ci crede) e del Peppino (non-cattolico altrettanto coerente, che viene lasciato fuori dagli incarichi e dai punteggi riconducibili alla scuola cattolica, perché non ha voglia di recitare la sceneggiata facendo finta di crederci)...

...andrebbe aggiunta una terza tipologia, quella, che so, del Paoletto, che non è credente e non ci pensa nemmeno di striscio di condurre vita da cattolico, però non gliene frega abbastanza della coerenza, e quindi è disposto a fingersi cattolico per avere il posto in quella scuola.

Tipo che Peppino e Paoletto sono entrambi miscredenti, ma uno lo dichiara e l'altro no, e quindi uno viene assunto e l'altro no;

oppure sono entrambi conviventi senza matrimonio, solo che il primo lo dice chiaramente, e quindi viene escluso, mentre il secondo si limita a dire di essere "fidanzato" senza specificare che la fidanzata vive nella sua stessa casa, e quindi viene considerato accettabile.

Geniale. Con questi criteri, basta un minimo di spirito di iniziativa o di fantasia, e posso passare per cattolica pure io : - )
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:11 am

Dec ha scritto:

Non quando è in odore di pensione (per fortuna non potrebbe), ma quando gli arriva il ruolo. Del resto, visto come sono trattati i miei amici che lavorano nelle paritarie, non mi sento proprio di dar loro torto se scappano via alla prima occasione, dopo aver sorriso per anni fingendo che andasse tutto bene, come in un perenne spot pubblicitario.


assolutissimamente d'accordo con te se guardo la cosa dal tuo punto di vista.

Per quanto riguarda il tuo discorso sulla coerenza, Lisa, hai ragione, ma non è colpa di nessun altro che della persona che agisce. Non puoi, per referendum, eliminare gli immorali. Non ha senso non dare finanziamenti alle paritarie perchè ci può essere (e c'è) qualcuno che si vende.

Però nessuno mi ha detto cosa succederebbe di questi discorsi se anche i "rossi" o i testimoni di geova o chiunque altro avesse la forza di mettere in piedi una scuola paritaria e desse lavoro ai vari carletti che vengono esclusi dagli altri perchè non conformi. Non andrebbe bene così? Ognuno potrebbe lavorare tra "i suoi" e allora, visto che non tutti lo fanno, non lo può fare nessuno? anche questo mi sembra un non senso per giustificare il mancato finanziamento alle paritarie (che ora per la maggior parte, almeno nella mia realtà, sono cattoliche)

Stiamo facendo il processo alla confessione regliosa o un discorso diverso?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
gugu



Messaggi : 25586
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 9:03 am

Ire ha scritto:


Però nessuno mi ha detto cosa succederebbe di questi discorsi se anche i "rossi" o i testimoni di geova o chiunque altro avesse la forza di mettere in piedi una scuola paritaria e desse lavoro ai vari carletti che vengono esclusi dagli altri perchè non conformi.  



A Milano c'è la scuola ebraica.

Il problema, mi pare non ti sia chiaro, non è che le paritarie possano assumere a loro piacimento ma che diano lo stesso punteggio in graduatoria di chi lavora nella statale, con la differenza che nella statale se ha pochi punti non ti chiama nessuno, mentre nella paritaria anche se hai 1 punto puoi essere assunto. Il problema che si viene a creare è che il docente paritario fa 12 punti ogni anno e gli altri zero; dopo pochi anni il docente paritario dirà ciao-ciao e andrà alla statale perchè ormai ha tanti punti mentre gli altri non chiamati dallo stato saranno ancora al palo.
Dunque, o si differenzia il punteggio o le paritarie assumono da GE, magari tappandosi il naso se arriva un docente non gradito (non ho dubbi che sceglierebbero l'opzione del punteggio dimezzato, ma così troverebbero meno gente). Si noti che fino al pre-Moratti le paritarie davano in effetti 6 punti all'anno invece di 12.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 9:39 am

grazie gugu, aiutami a capire :-)

Per me il fulcro della questione è: un docente nella paritaria fa lo stesso lavoro di un docente nella pubblica
il primno, per questo lavoro acquisisce tanti punti quanti ne acquisisce quello pubblico

E' giusto questo, visto che essendo gradito al datore di lavoro può più facilmente trovare posto?

Continuo a dire: perchè no?

non è la stessa cosa per tutti i lavori e tutti i lavoratori del privato avere un po' più facilità di altri di trovare posto grazie ad alcune caratteristiche che possono essere conoscenze personali, sesso, età, possesso della patente o tiramenti di sedere del datore di lavoro?

Cos'è, visto che sei stato assunto ti diamo meno punteggio per punirti?

Ma..... il lavoro non è uguale?

Perchè chi lavora nel pubblico non fa domanda sul privato, dove naturalmente può essere assunto con più facilità? Naturalmente dove il suo credo è gradito.

non saltatemi fuori a dire che la scuola è un servizio e non un lavoro perchè vi rintraccio tanti di post qui sopra dove è stato detto il contrario che....... :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 9:49 am

Ire ha scritto:
  Stiamo facendo il processo alla confessione regliosa o un discorso diverso?

Credevo di aver detto molto ma molto chiaramente questo, che riquoto integralmente:

Citazione :
...e comunque aggiungo una considerazione più generale: io sarei per principio contraria a qualsiasi equiparazione di qualsiasi scuola PRIVATA, che sia religiosa o meno cambia poco.

Per il semplice motivo che un'azienda a fini di lucro, per quanto possa confezionare bene la propria immagine, NON PUO' avere gli stessi obiettivi e le stesse modalità di lavoro di un servizio pubblico a fini educativi, tutto lì.

E non c'entra niente il giudizio morale, non entro assolutamente nel merito se tale istituzione sia "buona" o "cattiva": semplicemente, è un'istituzione dagli obiettivi diversi, e non vedo perchè negarlo.

Ma tu vedi solo la persecuzione ideologica contro i poveri cattolici discriminati dagli estremisti laicisti, e ti parte immediatamente la lamentazione rituale.

Io allibisco ogni volta, a rendermi conto di quanto, su questo argomento, sia distorta la percezione diffusa della realtà.

Si sta parlando di una chiesa organizzata (NON ENTRO nel merito del messaggio spirituale, parlo esclusivamente dell'aspetto di istituzione organizzata) che, almeno in Italia, gode GIA' di privilegi enormi rispetto a qualsiasi altro gruppo religioso, ideologico o culturale, sia in termini di aiuti economici dallo stato, sia in termini di visibilità pubblica e di potere sociale.

Si sta parlando di un'organizzazione che ha il diritto legale di insegnare la propria ideologia nelle scuole di stato (cosa che non veiene consentita a nessun altro gruppo confessionale di nessun genere) e di piazzare dei propri raccomandati nelle fila dell'impiego statale aggirando tutte le procedure di concorso previste per chiunque altro.

Si sta parlando di un'organizzazione che ha disseminato i suoi simboli dappertutto (e non parlo di opere d'arte o di luoghi di culto, parlo di pure e semplici "marcature di territorio" in luoghi che non c'entrano niente)....

...e tuttavia, c'è pure qualcuno che ha il coraggio di dire che i cattolici sono ingiustamente discriminati e che ci sono dei fanatici laicisti malvagi che vorrebbero metterli a tacere per puro e semplice pregiudizio ideologico??????

Altro che paraocchi, qua siamo sui livelli della maschera da saldatore integrale!

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 11:44 am

Ire ha scritto:

Ma..... il lavoro non è uguale?

ma le modalità per ottenerlo no. E siccome tutto quello che conta è il punteggio, non se e come hai lavorato, quali competenze hai acquisito, ecc., ma solo ed esclusivamente il punteggio, nel privato (confessionale o no, non ha alcuna importanza) succedono le cose più turpi per avere quel punteggio, come può dirti chiunque ne ha avuto esperienza diretta o attraverso testimonianze di amici e/o colleghi.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 12:55 pm

E comunque, no, evidentemente anche il lavoro non è uguale.

O almeno, sono i gestori stessi delle scuole private religiose, a ritenere che non sia uguale, e a dimostrare chiaramente che sono loro a pensarla così.

Se non fosse così, non vedo perchè dovrebbero preoccuparsi tanto di accettare solo insegnanti allineati con la loro dottrina; se il lavoro fosse uguale, quale sarebbe il problema, nell'assumere anche insegnanti atei, agnostici, o credenti di fedi diverse da quella cattolica? Tanto li assumono per fare gli insegnanti, mica i catechisti, i consiglieri spirituali o i sagrestani.

Se sono loro stessi a ritenere che ci sia una differenza strutturale tra il lavoro richiesto a un insegnante cattolico e quello richiesto a un insegnante qualsiasi, e di aver quindi bisogno specifico del primo ma non del secondo, vuol dire che il lavoro non è affatto uguale... non è un'invenzione malevola degli oppositori, è proprio un'evidenza che ammettono loro stessi!

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 1:41 pm

paniscus ha scritto:
E comunque, no, evidentemente anche il lavoro non è uguale.

O almeno, sono i gestori stessi delle scuole private religiose, a ritenere che non sia uguale, e a dimostrare chiaramente che sono loro a pensarla così.

Se non fosse così, non vedo perchè dovrebbero preoccuparsi tanto di accettare solo insegnanti allineati con la loro dottrina; se il lavoro fosse uguale, quale sarebbe il problema, nell'assumere anche insegnanti atei, agnostici, o credenti di fedi diverse da quella cattolica? Tanto li assumono per fare gli insegnanti, mica i catechisti, i consiglieri spirituali o i sagrestani.

Se sono loro stessi a ritenere che ci sia una differenza strutturale tra il lavoro richiesto a un insegnante cattolico e quello richiesto a un insegnante qualsiasi, e di aver quindi bisogno specifico del primo ma non del secondo, vuol dire che il lavoro non è affatto uguale... non è un'invenzione malevola degli oppositori, è proprio un'evidenza che ammettono loro stessi!

Lisa

Standing ovation!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 1:53 pm

Ire ha scritto:
Però nessuno mi ha detto cosa succederebbe di questi discorsi se anche i "rossi" o i testimoni di geova o chiunque altro avesse la forza di mettere in piedi una scuola paritaria e desse lavoro ai vari carletti che vengono esclusi dagli altri perchè non conformi.  Non andrebbe bene così? Ognuno potrebbe lavorare tra "i suoi" e allora, visto che non tutti lo fanno, non lo può fare nessuno? anche questo mi sembra un non senso per giustificare il mancato finanziamento alle paritarie (che ora per la maggior parte, almeno nella mia realtà, sono cattoliche)
Sarebbe ancora peggio. I cattolici mediamente sono più moderati (per ragioni storiche; lo so anch'io, paniscus, che in passato ci sono state le crociate e l'inquisizione), ma ci pensi a scuole gestite da integralisti islamici o da gente indottrinata come i comunisti di una volta? Lo dico soprattutto per i ragazzi e per la società in genere. Io vado oltre e contesto il diritto di queste scuole a dare l'educazione che vogliono e quella che è richiesta dalla famiglia: questi poveri bambini e ragazzi quando potrebbero confrontarsi con culture ed ideologie diverse se in casa sentono solo una versione e quando vanno a scuola sentono la stessa versione? Che facciano delle attività integrative in orario extracurricolare per promuovere la loro cultura, religione o ideologia, ma l'attività curricolare (quella che dà diritto alla parità) lasciamola fuori da questa logica dei "loro" e degli altri. Non si può essere paritari quando si vuole, ma poi pretendere mano libera quando fa comodo.
Per quanto riguarda gli insegnanti, è chiaro che non potrebbero essere rappresentate tutte le categorie, perchè ci sarebbe sempre una minoranza per la quale non ci potrebbero essere scuole per la semplice ragione che non ci sarebbero abbastanza iscritti.
Ho precisato di essere cattolico e di non aver nessun problema a partecipare a delle messe, ma che questo sia un requisito per fare il mio lavoro lo trovo una mancanza di rispetto sia verso la mia formazione e il mio lavoro sia verso la mia stessa fede. Quindi il discorso del processo alla religione, almeno con me, proprio non attacca.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 2:11 pm

No, Paniscus, no Mac

Non sono catechisti e non fanno i catechisti, te lo assicuro, lo sai, l'ho sperimentato.
Sono docenti e fanno i docenti.



Il datore di lavoro (così come l'utente direi) si preoccupa però che il messaggio educativo che deriva anche solo dall'atteggiamento o dalla modalità di affrontare la vita sia in linea col proprio pensiero. Potrebbe non esserlo se si assumessero persone che la pensano in maniera tanto diversa. Dico potrebbe, non dico che sarebbe.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 2:16 pm

Ma certo Dec, sono d'accordo con te. Ma non si parlava di questo, si parlava solo di lavoro e di punteggio in graduatoria.

Per amor del cielo, il fato ci liberi dagli estremisti, islamici, cattolici, veganiani o quant'altro
Parlavo solo di possibilità di lavoro.

Fare di tutta l'erba un fascio rende difficile il discorso, se invece separiamo le cose arriviamo anche a capirci
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 2:21 pm

Ire ha scritto:
No, Paniscus, no Mac

Non sono catechisti e non fanno i catechisti, te lo assicuro, lo sai, l'ho sperimentato.
Sono docenti e fanno i docenti.



Il datore di lavoro (così come l'utente direi) si preoccupa però che il messaggio educativo che deriva anche solo dall'atteggiamento o dalla modalità di affrontare la vita sia in linea col proprio pensiero. Potrebbe non esserlo se si assumessero persone che la pensano in maniera tanto diversa.  Dico potrebbe, non dico che sarebbe.

Appunto, quello che in una scuola pubblica non avviene, e meno male!

In quelle scuole bisogna indottrinare, non istruire e educare alla diversità e alla laicità.
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Scuole paritarie cattoliche e docente laico
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 11Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, ... 9, 10, 11  Seguente
 Argomenti simili
-
» METODI PER INSEGNARE GEOGRAFIA NELLE SCUOLE MEDIE
» Scelta scuole: grandi e centrali o medio/piccole e periferiche???
» scuole medie a indirizzo musicale
» codici meccanografici scuole per AP
» Scuole comunali

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: