Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Scuole paritarie cattoliche e docente laico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4 ... 9, 10, 11  Seguente
AutoreMessaggio
precary80



Messaggi : 2011
Data d'iscrizione : 26.08.10

MessaggioOggetto: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mer Lug 03, 2013 8:26 am

Promemoria primo messaggio :

Avevo una curiosità: nelle scuole paritarie cattoliche (II grado) i docenti laici sono coinvolti in attività religiose come ad esempio le preghiere?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 2:24 pm

Ire ha scritto:
Dec ha scritto:

Non quando è in odore di pensione (per fortuna non potrebbe), ma quando gli arriva il ruolo. Del resto, visto come sono trattati i miei amici che lavorano nelle paritarie, non mi sento proprio di dar loro torto se scappano via alla prima occasione, dopo aver sorriso per anni fingendo che andasse tutto bene, come in un perenne spot pubblicitario.


assolutissimamente d'accordo con te se guardo la cosa dal tuo punto di vista.

 Per quanto riguarda il tuo discorso sulla coerenza, Lisa, hai ragione, ma non è colpa di nessun altro che della persona che agisce. Non puoi, per referendum, eliminare gli immorali. Non ha senso non dare finanziamenti alle paritarie perchè ci può essere (e c'è) qualcuno che si vende.

A parte il fatto che io sarei contraria ai finanziamenti alle scuole private COMUNQUE, indipendentemente dal fatto che ci sia qualcuno che si vende o meno, il punto è un altro: se c'è qualcuno che si vende, vuol dire che c'è qualcuno che se lo compra. E i primi sono singoli individui, ma i secondi sono le scuole paritarie stesse, che mentre si comportano così, continuano a pretendere riconoscimento, finanziamenti ed equiparazione del punteggio.

Il mercato delle vacche, con contrattazioni vergognose di nomine fasulle, o di gente che accetta di lavorare gratis o a compensi da fame, esiste solo ed esclusivamente perché queste scuole hanno in mano lo specchietto per le allodole della promessa di punteggio.

Se questo non ci fosse, nessun disperato accetterebbe di lavorarci con l'unico obiettivo di scappare il prima possibile.

Se le scuole paritarie fossero davvero quelle nobili istituzioni educative che sostieni tu, che ci tengono moltissimo al progetto-educativo-globale-condiviso che va al di là delle conoscenze scolastiche e che presuppone una "grande attenzione all'educazione complessiva della persona"... che interesse avrebbero ad attirare e sfruttare manodopera a basso costo, demotivata, che ci va solo per il punteggio da sfruttare altrove, e che non vede l'ora di scappare?

Dovrebbero aspirare a fare esattamente il contrario, ossia scegliersi con cura gli insegnanti migliori, e trattarli tanto bene che non abbiano la tentazione di andarsene, e che non gliene freghi nulla del punteggio perché tanto sono contenti di rimanere nel sistema di educazione privato.

Com'è che non si battono per quello, invece che rivendicare rabbiosamente che l'equiparazione dei punteggi è giusta e guai a chi la tocca??????

Secondo te una scuola privata che si vanta di avere un progetto educativo speciale, e superiore a quello della scuola di stato, è coerente se si mette ad attirare insegnanti precari e sottopagati solo per il miraggio che "se venite a lavorare qui, poi avrete maggior facilità di entrare nei ruoli della scuola statale"?

L.


Ultima modifica di paniscus il Mar Lug 09, 2013 2:28 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 2:27 pm

mac67 ha scritto:
Ire ha scritto:
Il datore di lavoro (così come l'utente direi) si preoccupa però che il messaggio educativo che deriva anche solo dall'atteggiamento o dalla modalità di affrontare la vita sia in linea col proprio pensiero. Potrebbe non esserlo se si assumessero persone che la pensano in maniera tanto diversa.  Dico potrebbe, non dico che sarebbe.

Appunto, quello che in una scuola pubblica non avviene, e meno male!

In quelle scuole bisogna indottrinare, non istruire e educare alla diversità e alla laicità.

E allora si torna alla risposta base: NO, non è vero che il lavoro è uguale.

E quindi, non vedo perché debba essere riconosciuto con uguale punteggio, in contesti completamente diversi.

Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 4:23 pm

sono tontissima, lo so, rifacciamo il loop? perchè non è uguale il lavoro?

Non ho trovato risposte a questa domanda, eppure ho riletto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 4:52 pm

Cara Ire questa volta sei proprio in minoranza!! Mi scuso per la lunghezza del post, ma i tuoi numerosi interventi non mi trovano per niente d'accordo e vorrei argomentare le mie motivazioni
Ire ha scritto:
Tu non stai parlando di quello di cui parla paniscus, almeno credo :-0

Paniscus parlava di due precari uno dei quali trova lavoro perchè è apprezzato dalla privata, l'altro non lo trova perchè il suo pensiero non è conforme.

Questo, a mio parere, come ho cercato di dimostrare, ci sta
No. Ire, non ci sta proprio per niente!!!
Non ci sta perché la scuola privata, usando un canale di reclutamento totalmente diverso rispetto alla scuola pubblica (anche docenti con pochi titoli e basso punteggio, rispetto a precari storici con tanti punti, anni di esperienza, ma tagliati fuori per questioni “ideologiche”), consente ai docenti di accumulare lo stesso punteggio di un insegnante statale che però viene assunto in base ad una graduatoria pubblica.
Non ci sta assolutamente perchè la scuola privata ottiene dallo Stato finanziamenti, soldi pubblici che sono anche i nostri, ma non si attiene alle regole di una scuola statale
Non ci sta perché la scuola deve essere SCUOLA sia per gli studenti che per i docenti. Religione e pratica religiosa sono una cosa diversa da fare scuola. Il sistema di istruzione in Italia ha come principale obiettivo quello di far acquisire agli studenti conoscenze, abilità e competenze, non quello di indottrinarli con pratiche religiose che devono stare al di fuori del sistema di istruzione.
Non rispondermi che le scuole private sono diverse e gestite privatamente in modo diverso rispetto alla scuola pubblica, ti risponderei che, anche con tutte le loro diversità, una volta che accedono a finanziamenti pubblici, con soldi dello Stato, con soldi NOSTRI, sono pienamente inserite in questo sistema di istruzione e, pertanto, DEVONO attenersi alle regole valide per TUTTE le scuole. Troppo comodo usufruire solo dei vantaggi!
Ire ha scritto:
Quanti anche nella scuola pubblica vengono trasferiti perchè il loro posto è stato richiesto da chi aveva più punteggio? Con sberleffi alla continuità didattica?
Questo non succede nella scuola pubblica, Ire, ti sbagli!!
Parli di “sberleffi” alla continuità didattica, ma questi, nella scuola pubblica non sono decisi dal docente che vorrebbe mantenere la continuità didattica, ma dal MIUR con tutti i tagli agli organici. Forse gli “sberleffi” alla continuità didattica vengono fatti, in misura maggiore, dalla scuola pubblica (e qui senza interventi del MIUR) che vede i propri docenti scappare dopo qualche anno (dopo aver maturato il punteggio necessario per scavalcare in graduatoria docenti statali), senza fare niente per stimolarli a restare…tanto ne trova tanti altri disposti a lavorare pur di fare punteggio. Questo ti sembra rispetto per tutte le categorie coinvolte, studenti e gli stessi docenti??
Ire ha scritto:
Ci sono istituzioni forti, che hanno la possibilità di tenere in piedi scuole nelle quali hanno piacere di assumere chi ritengono idoneo, essendo istituzioni private, hanno diritto di farlo.
Se ritieni che sia giusto e abbiano il diritto di farlo, allora dovresti essere d’accordo sul fatto che, conseguentemente a questo, hanno il diritto e dovere di mantenersi autonomamente, di creare una loro graduatoria di docenti dalla quale attingere a loro piacimento con i criteri che loro stesse potranno stabilire, senza che questo abbia o possa avere interferenze con le graduatorie della scuola pubblica. In pratica sostengo che il servizio nella scuola privata, considerando le modalità e i canali di reclutamento dei docenti, non dovrebbe far maturare nessun punteggio per la scuola pubblica, ma solo per la scuola privata!! Secondo te Ire…..e ti prego di rispondere a questa domanda….con queste premesse la scuola pubblica riuscirebbe a disporre di tutti i docenti che desidera o molti di quelli che si dichiarano cattolici praticanti solo per essere assunti, si tirerebbero indietro non avendo più il tornaconto del punteggio?
Ire ha scritto:
Però nessuno mi ha detto cosa succederebbe di questi discorsi se anche i "rossi" o i testimoni di geova o chiunque altro avesse la forza di mettere in piedi una scuola paritaria e desse lavoro ai vari carletti che vengono esclusi dagli altri perchè non conformi. Non andrebbe bene così? Ognuno potrebbe lavorare tra "i suoi" e allora, visto che non tutti lo fanno, non lo può fare nessuno? anche questo mi sembra un non senso per giustificare il mancato finanziamento alle paritarie (che ora per la maggior parte, almeno nella mia realtà, sono cattoliche)
Qui non si parla ne di “rossi” ne di testimoni di Geova, ma di scuole private che esistono, che assumono quando e come vogliono e che usufruiscono di soldi pubblici…non si possono fare confronti fra ciò che esiste e ciò che è solo ipotetico, ma inesistente…scusa ma è questo un “non senso”
Ire ha scritto:
non è la stessa cosa per tutti i lavori e tutti i lavoratori del privato avere un po' più facilità di altri di trovare posto grazie ad alcune caratteristiche che possono essere conoscenze personali, sesso, età, possesso della patente o tiramenti di sedere del datore di lavoro?
Esatto, Ire, per tutti i lavori e i lavoratori del privato, ma non consideri una cosa importante, la scuola E’ UN SERVIZIO PUBBLICO e noi docenti siamo LAVORATORI DELLO STATO e le regole da seguire DEVONO essere le stesse per tutte le istituzioni scolastiche finanziate dallo Stato.
Perché la scuola privata deve essere equiparata a quella pubblica per i finanziamenti statali e per il punteggio dei docenti, ma considerata un settore privato nella parte importante del reclutamento dei docenti?
Ire ha scritto:
Non sono catechisti e non fanno i catechisti, te lo assicuro, lo sai, l'ho sperimentato.
Sono docenti e fanno i docenti.
Sicuramente faranno anche i docenti, ma le attività specifiche tipiche di catechismo ed oratorio, dovrebbero, a parer mio, essere svolte negli ambienti adatti e non certo a scuola.
Se invece si parla di una scuola privata cattolica totalmente autonoma e che non interferisce in nessun modo con la scuola pubblica e con le finanze dello Stato, allora è liberissima di agire come crede
Ire ha scritto:
Il datore di lavoro (così come l'utente direi) si preoccupa però che il messaggio educativo che deriva anche solo dall'atteggiamento o dalla modalità di affrontare la vita sia in linea col proprio pensiero. Potrebbe non esserlo se si assumessero persone che la pensano in maniera tanto diversa. Dico potrebbe, non dico che sarebbe.
Il messaggio educativo deve essere in linea col pensiero del “datore di lavoro”???? Mamma mia, Ire, che cosa brutta….e questo non sarebbe indottrinamento?
Gli studenti devono poter sviluppare il loro libero pensiero e il loro spirito critico, altrimenti si fa loro un “lavaggio del cervello” e si commette un “crimine” nei loro confronti!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 5:04 pm

Ire ha scritto:
sono tontissima, lo so, rifacciamo il loop? perchè non è uguale il lavoro?

Non ho trovato risposte a questa domanda, eppure ho riletto.

Io l'ho detto chiaramente, il perché.

Forse se rileggi di nuovo, senza la mascherina-filtro di cui si parlava sopra, lo trovi.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 5:11 pm

Ire ha scritto:
perchè non è uguale il lavoro?

Se lo fosse, assumerebbero insegnanti bravi indipendemente dalla loro fede religiosa, dal loro orientamento sessuale, dal loro orientamento politico, dal loro stato civile (vedi i divorziati) visto che nessuna di queste cose, di per sè, rende una persona un docente buono o cattivo. Abbastanza chiaro così?

Ire ha scritto:

Non ho trovato risposte a questa domanda, eppure ho riletto.

Ce l'hai qui sopra.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 5:53 pm

Giovanna, oggi ho dato fondo alle mie energie argomentative perchè visto che sono quasi costretta a letto da un paio di costole molto ammaccate, mi sono divertita sul web e ho passato la giornata in difesa di una torta passera che aveva suscitato scandalo per cui proprio il tuo lungo post non l'affronto :- ) ma non l'affronto oggi, domani sarà la prima cosa che leggerò accendendo il computer. So che meriti risposta attenta, anche se due righe che ho letto mi hanno fatta inviperire (ma erano decontestualizzate e non vale :-) )

Non mi entra in testa, non capisco cosa c'entra la religione col lavoro. Io so che andando a colloquio con i docenti di scuola privata trovavo professori quasi tutti giovani, sì (ma quasi) che però la mattina entravano in scuola alle 8 o 9 o 11 a seconda del loro orario, che avevano le loro belle ore di lezione, quelle di verifica quelle di interrogazione, che ci ricevevano appunto nell'ora settimanale dedicata o nei ricevimenti generali, che avevano le loro belle riunioni di consiglio e onestamente non ho mai trovato differenza da questo punto di vista con quello che incontravo nella pubblica.

Per me questo è il lavoro. Il resto è opinione.

ah, Giovanna, essere in minoranza non mi risulta nuovo, sai. :-D e non solo qui :-*


Certo mi sto interrogando molto visto che i miei miti di OS cercano di dirmi che sbaglio, ma io anche pensandoci e ripensandoci, pur senza mascherina perchè io mi sono sempre vergognata di portare mascherine, persino a carnevale, non sono d'accordo, che ci vuoi fare, sono una testa fatta così
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 5:59 pm

Ire ha scritto:
Però............ non scandalizziamoci della privata non è situazione che capita solo lì.
Quanti anche nella scuola pubblica vengono trasferiti perchè il loro posto è stato richiesto da chi aveva più punteggio?  Con sberleffi alla continuità didattica?

Nella scuola pubblica si viene trasferiti quando si fa domanda spontaneamente, oppure quando l'organico diminuisce e quella cattedra sparisce proprio, non è che rimanga lì e venga occupata da qualcun altro. Per cui, l'ultimo in graduatoria interna perde posto e viene assegnato altrove. Se pensi che un insegnante che NON AVEVA chiesto il trasferimento venga spostato d'ufficio da una cattedra che esiste ancora, solo per darla a qualcun altro che ha chiesto il trasferimento lì, mi sa che hai un'idea piuttosto confusa di cosa siano i trasferimenti.

Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 6:07 pm

Ire ha scritto:
Non mi entra in testa, non capisco cosa c'entra la religione col lavoro.

Veramente siamo noi (io, giovanna, mac67 e diversi altri) a sostenere da quattro o cinque pagine che la religione non dovrebbe entrarci niente col lavoro (e che quindi le scuole private religiose potrebbero tranquillamente assumere anche insegnanti non cattolici) mentre sei stata tu, finora, a dire esattamente il contrario, ossia che trovi giusto che le scuole private selezionino gli insegnanti in base al fatto di essere "in linea col proprio pensiero".

Ire ha scritto:
Il datore di lavoro (così come l'utente direi) si preoccupa però che il messaggio educativo che deriva anche solo dall'atteggiamento o dalla modalità di affrontare la vita sia in linea col proprio pensiero. Potrebbe non esserlo se si assumessero persone che la pensano in maniera tanto diversa. Dico potrebbe, non dico che sarebbe.

Evidentemente allora, fino a poche ore fa pensavi che nel lavoro la religione contasse eccome.

Spiegacelo tu per quale motivo hai cambiato idea di colpo!

Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 6:57 pm

continuo a dire, non capisco cosa c'entra la religione col lavoro, sono quattro o cinque pagine che dico che il lavoro è lo stesso che fate voi e voi dite di no.

La'orientamento religioso c'entra con l'assunzione, l'ho forse negato?


Sì, forse ho una idea confusa o forse me l'hanno spiegato male le volte che è successo che toglievano un insegnante ai miei figli e lo sostituivano con uno diverso dando la colpa al punteggio. Eppure lo sai, Paniscus, che non sono una insegnante e che di queste cose non so nulla, perchè mi tormenti :-)?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:17 pm

E allora scusate, ma perché si fa religione a scuola? E' assurdo! Io vorrei una scuola laica!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:19 pm

ora che ci penso forse era così: era l'insegnante dei miei figli che avendone facoltà grazie al punteggio chiedeva di essere trasferito in un altro posto.

Dite che non poteva esserlo se il posto che desiderava era occupato?

Non lo so, davvero non ne ho idea.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:20 pm

la religione a scuola viene dai patti lateranensi direi, però è facoltativa. Niente ti impedisce di non partecipare alle lezioni.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:25 pm

Ire ha scritto:
continuo a dire, non capisco cosa c'entra la religione col lavoro, sono quattro o cinque pagine che dico che il lavoro è lo stesso che fate voi e voi dite di no.

La'orientamento religioso c'entra con l'assunzione, l'ho forse negato?

Ma se insisti a dire che il lavoro è identico, perché l'orientamento religioso dovrebbe essere preso in considerazione per l'assunzione??????

Se io devo essere assunta per insegnare matematica, cosa cambia se sono cattolica, atea o buddista? Se tu dici (giustamente) che non cambia nulla per l'insegnamento della materia, perché dovrebbe cambiare qualcosa per i criteri di assunzione?

Se un cattolico, un ateo e un buddista insegnano matematica allo stesso modo, PERCHE' nell'assunzione alla scuola privata deve essere privilegiato il cattolico, in maniera completamente diversa da quello che succede nella pubblica? Tanto non deve né insegnare religione, né fare da consulente spirituale ai ragazzi, deve solo insegnare matematica! Se tu stessa sostieni che non esista un "modo cattolico", un "modo ateo" o un "modo buddista" di insegnare la matematica, e che il lavoro sia lo stesso, perché poi contemporaneamente sostieni che un buddista o un ateo non sarebbero adatti a insegnare matematica in una scuola parificata religiosa, e che i gestori di questa hanno ragione a scegliere solo i cattolici? Se il lavoro è uguale, che je frega delle convinzioni religiose personali?

Evidentemente NON E' VERO che viene richiesto un lavoro uguale, altre spiegazioni non ne vedo...

Se poi mi venite a dire che in una scuola parificata religiosa, tra i compiti dell'insegnante ci sono quelli di far recitare le preghiere in classe o di accompagnare i ragazzi a messa (cosa che nella scuola pubblica non esiste nemmeno per gli insegnanti di religione, figuriamoci quelli di matematica), allora come si fa a dire che il lavoro è uguale? Ma 'sti grandissimi stracavoli, non è uguale per niente!!!!!

Ma è mai possibile che tu veramente non ti accorga di quanto sia contraddittoria (e molto comoda) la pretesa di essere considerati un servizio pubblico quando c'è da chiedere soldi o riconoscimenti allo stato, e contemporaneamente di essere considerati un'azienda privata quando c'è da aggirare i criteri di parità e di uguaglianza su cui si fonda lo stato? Oppure te ne accorgi benissimo, ma lo approvi e lo trovi giusto?????

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:40 pm

Aggiungo una cosa, Ire, condividendo in tutto l'intervento di Paniscus...essere obbligati a partecipare alle funzioni religiose con gli studenti o recitare le preghiere in classe, NON fa parte del lavoro di noi docenti!!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:44 pm

Ire ha scritto:
la religione a scuola viene dai patti lateranensi direi, però è facoltativa. Niente ti impedisce di non partecipare alle lezioni.

E' scandaloso che ci sia religione nelle scuole statali, e che gli insegnanti di religione vengano pagati dallo stato.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:49 pm

sono patti che furono decisi per risarcimento dei danni provocati all'allora Stato Pontificio da parte di una qualche guerra ed il pagamento degli IRC fa parte del risarcimento, magari hanno sbagliato a non mettere una scadenza ma....Non ci si può fare nulla. Poi, permettimi, a me fa piacere che chi lo desidera possa fare religione a scuola (i miei figli non l'hanno mai fatta :-O)  a me si, a te no.

Ma tanto, noi possiamo nulla

Essere  obbligati a partecipare alle funzioni religiose non fa parte del lavoro di voi docenti che non volete andare nelle scuole religiose   Quindi, che ne deriva?  che i docenti delle religiose fanno anche lavoro in più?

Eddai. Possibile possibile che io non abbia ragione in nulla? ma proprio in nulla? Comunque come ti ho detto, Giovanna, ti rispondo domani e chissa che tu sia riuscita a convincermi  ;-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 7:53 pm

Ire ha scritto:
sono patti che furono decisi per risarcimento dei danni provocati all'allora Stato Pontificio da parte di una qualche guerra ed il pagamento degli IRC fa parte del risarcimento, magari hanno sbagliato a non mettere una scadenza ma....Non ci si può fare nulla. Poi, permettimi, a me fa piacere che chi lo desidera possa fare religione a scuola (i miei figli non l'hanno mai fatta :-O)  a me si, a te no.

Ma tanto, noi possiamo nulla

Essere  obbligati a partecipare alle funzioni religiose non fa parte del lavoro di voi docenti che non volete andare nelle scuole religiose   Quindi, che ne deriva?  che i docenti delle religiose fanno anche lavoro in più?

Eddai. Possibile possibile che io non abbia ragione in nulla? ma proprio in nulla? Comunque come ti ho detto, Giovanna, ti rispondo domani e chissa che tu sia riuscita a convincermi  ;-)
Ribadisco, cara Ire, che pregare non mi pare possa ritenersi un lavoro...di quale lavoro in più parli?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 8:03 pm

Ire ha scritto:
sono patti che furono decisi per risarcimento dei danni provocati all'allora Stato Pontificio da parte di una qualche guerra ed il pagamento degli IRC fa parte del risarcimento, magari hanno sbagliato a non mettere una scadenza ma....Non ci si può fare nulla. Poi, permettimi, a me fa piacere che chi lo desidera possa fare religione a scuola (i miei figli non l'hanno mai fatta :-O)  a me si, a te no.

Ma tanto, noi possiamo nulla

Ci sono tanti posti dove si può fare, al di fuori della scuola.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 8:03 pm

Ire ha scritto:
la religione a scuola viene dai patti lateranensi direi, però è facoltativa. Niente ti impedisce di non partecipare alle lezioni.

Ma infatti io sono contraria all'ora di religione a scuola mica perché abbia paura che sia obbligatoria, o tantomeno perché abbia paura che costituisca una potentissima fonte di indottrinamento (me vie' 'dda ride al pensiero!): sono contraria per lo stesso motivo per cui sono contraria alla parificazione del punteggio nelle scuole private, ossia che considero inaccettabile che un'istituzione dello stato debba prestarsi a fare da ufficio di collocamento per raccomandati della curia vescovile, tutto lì. Mi sembra una ragione più che sufficiente per essere contrari, e giuro che non c'entra niente con il fatto di non essere cattolica. Ci sono anche moltissimi cattolici che la pensano come me...

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 8:07 pm

giovanna onnis ha scritto:
Ire ha scritto:

Essere  obbligati a partecipare alle funzioni religiose non fa parte del lavoro di voi docenti che non volete andare nelle scuole religiose   Quindi, che ne deriva?  che i docenti delle religiose fanno anche lavoro in più?
Ribadisco, cara Ire, che pregare non mi pare possa ritenersi un lavoro...di quale lavoro in più parli?

E comunque, se fanno del lavoro in più, come si spiega che mediamente siano pagati meno? Devono essere proprio tutti idealisti sacrificali che lavorano solo per la soddisfazione dell proprio istinto di missione sacra!

E quindi, doppiamente, il lavoro non è uguale : - )
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 8:10 pm

Ire ha scritto:
continuo a dire, non capisco cosa c'entra la religione col lavoro, sono quattro o cinque pagine che dico che il lavoro è lo stesso che fate voi e voi dite di no.


Non siamo noi a dire di no, sono i gestori delle scuole religiose a dirlo. Del resto lo confermi anche tu che il "condividere la stessa linea di pensiero" gioca un ruolo. Nelle scuole pubbliche non viene chiesto se si è divorziati o se si professa qualche fede al momento di decidere se assumere o no.

Il docente insegna ed educa. Insegniamo le stesse cose, educhiamo a cose diverse. Non dico di esserne felice: prendo atto. Nelle scuole religiose si educa ai valori cattolici (nota: non ho scritto cristiani), nelle scuole statali no. Dipendesse da me, in tutte le scuole si educherebbe allo stesso modo, che non può essere altro che formare cittadni consapevoli dei propri diritti e doveri, attenti, critici, aperti a ciò che è diverso da loro. Difficile farlo se si è tutti della stessa "parrocchia" (in senso lato).

Ora, anche quando sparissero queste differenze (cosa che auspico, ma non succederà mai) la domanda "ma è lo stesso lavoro o no?" non centra pienamente il problema. Perché il processo di selezione del personale è diverso: concorso pubblico da una parte, totale arbitrio dall'altra.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8313
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 8:27 pm

Ci sono tanti posti dove si può fare, al di fuori della scuola.


A scuola la religione NON E' catechismo. A scuola la religione è storia delle religioni, è attività di confronto e dibattito è tutto tranne che catechismo (o quanto meno dovrebbe esserlo, poi io ho tolto i miei figli proprio perchè ho incontrato un paio - ma solo un paio - di docenti che non la pensavano così e non avevo alcuna voglia di stare a discutere di questo)

Il programma dell'IRC non è di catechesi comunque-

venendo a te, Mac,

Ora, anche quando sparissero queste differenze (cosa che auspico, ma non succederà mai) la domanda "ma è lo stesso lavoro o no?" non centra pienamente il problema. Perché il processo di selezione del personale è diverso: concorso pubblico da una parte, totale arbitrio dall'altra.


aiutami, ti prego: qual'era il problema? (mi sono persa davvero :-( )

La selezione del personale? non c'è selezione nel pubblico ci sono solo graduatorie, nel privato invece c'è selezione, ma questo fa parte della nostra economia di mercato.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 9:03 pm

Ire ha scritto:
A scuola la religione NON E' catechismo.  A scuola la religione è storia delle religioni

BALLE.

Non si chiama "storia delle religioni", si chiama "insegnamento della religione cattolica".

Se fosse "storia delle religioni", non ci sarebbe nessun motivo di affidarla a personale scelto e approvato dalla curia, potrebbe benissimo farla chiunque si sia specializzato in quel ramo di studi, anche se ateo, agnostico, induista, o seguace della gloriosa religione di QUELO.

Esattamente come si insegna la storia della filosofia (senza richiedere che l'insegnante sia personalmente un marxista piuttosto che un esistenzialista o un hegeliano o un wittgensteiniano), o come si insegna la storia dell'arte (senza richiedere che l'insegnante simpatizzi personalmente per il cubismo piuttosto che per il futurismo o per l'arte concettuale): basta che quelle correnti le abbia studiate tutte e le sappia comunicare nel modo corretto.

Che poi spesso possa succedere che i singoli insegnanti di religione si adeguino a fare un po' quello che capita (comprese chiacchierate vaghe del più e del meno, o visione di film di attualità senza il minimo riferimento religioso, o magari sondaggi melliflui per indurre i ragazzi a confidare i loro fatti personali) per rendersi simpatici agli studenti, perché se facessero davvero "religione cattolica", nel senso di teologia, storia della chiesa, eccetera, le iscrizioni crollerebbero in massa, questo è un altro discorso.

Ma dire che il corso di religione, così come sta adesso, sia "storia delle religioni", è una falsità bella e buona.

Lisa


Ultima modifica di paniscus il Mar Lug 09, 2013 10:45 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Scuole paritarie cattoliche e docente laico   Mar Lug 09, 2013 9:15 pm

Ire ha scritto:


A scuola la religione NON E' catechismo.  A scuola la religione è storia delle religioni

Ma per niente, si chiama Insegnamento della Religione Cattolica. Se poi il docente decide di dare un taglio storico, è una sua scelta.

Ire ha scritto:

aiutami, ti prego: qual'era il problema?  (mi sono persa davvero  :-(  )

Che il servizio prestato nelle scuole non statali dia diritto allo stesso punteggio di quell svolto nelle scuole statali.
Tornare in alto Andare in basso
 
Scuole paritarie cattoliche e docente laico
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 11Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4 ... 9, 10, 11  Seguente
 Argomenti simili
-
» METODI PER INSEGNARE GEOGRAFIA NELLE SCUOLE MEDIE
» Scelta scuole: grandi e centrali o medio/piccole e periferiche???
» scuole medie a indirizzo musicale
» codici meccanografici scuole per AP
» Scuole comunali

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: