Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Bullismo al femminile

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Bai Xue



Messaggi : 348
Data d'iscrizione : 18.09.11

MessaggioOggetto: Bullismo al femminile   Lun Lug 08, 2013 8:34 pm

Buonasera!
Ho letto poco fa un articolo online su orizzonte scuola sul bullismo al femminile e visto che mi è capitato un caso in classe...ero interessata ad approfondire l'argomento anche in vista della mia tesina di TFA.

Ho trovato un testo in biblioteca Il bullismo femminile di Luca Bernardo...sapreste indicarmi altro?

Il mio caso in classe non è stato facile da individuare in quanto ci sono altre forme di bullismo tra gli altri compagni: gregario, ma anche dichiaratamente aggressivo.
Ho anche notato una difficoltà di comunicazione tra colleghi e questo non ha aiutato affatto...
Potete raccontarmi le vostre esperienze a riguardo?
Tornare in alto Andare in basso
fulmine94



Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 26.04.13

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Mar Lug 09, 2013 8:19 pm

prova anche con ''camminare, correre, volare'' di Sabrina Rondinelli
http://www.ibs.it/code/9788847723528/rondinelli-sabrina/camminare-correre-volare.html

Tornare in alto Andare in basso
Bai Xue



Messaggi : 348
Data d'iscrizione : 18.09.11

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Mar Lug 09, 2013 8:43 pm

Grazie mille!

Potrei anche proporre una lettura in classe, giusto per far riflettere.

E' un'ottima idea!
Tornare in alto Andare in basso
Bai Xue



Messaggi : 348
Data d'iscrizione : 18.09.11

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Mar Lug 09, 2013 9:40 pm

Ho trovato un link ad un forum francese di neoprof
http://www.neoprofs.org/t61917-suicide-d-une-collegienne-les-parents-denoncent-le-harcelement-dont-elle-etait-victime

Tornare in alto Andare in basso
alessia giulia



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Ven Lug 12, 2013 2:09 pm

in "la solitudine dei numeri primi" è descritto un episodio di bullismo al femminile
Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Mar Ago 06, 2013 2:14 pm

ciao ! quando ero nella scuola privata, conobbi una ragazza molto bella che era stata picchiata selvaggiamente da altre ragazzine (sue ex compagne della pubblica) proprio per la sua bellezza.... attirava troppo le attenzioni dei maschi.
Anche a me da ragazzina è capitato di avere a che fare con bulle, ma essendo già alta quasi un metro e settanta a 12 anni, mi sono saputa difendere da questa tipa, che voleva schiaffeggiarmi per motivi inesistenti. L'ho fermata fisicamente e quando ha sentito che il mio braccio aveva più forza del suo, ha smesso di insidiarmi. Mia cugina, invece, ebbe la peggio con una ragazza-armadio che gliene ha date, sempre per puro gusto del bullismo. Andavamo in una scuola media di un quartiere vicino alla Magliana, ovviamente l'ambiente conta, purtroppo.

E' un fenomeno sui generis (diverse sono le motivazioni) ma non meno riprorevole di quello del bullismo maschile, che trova negli strumenti mediatici nuove e più sottili forme di diffusione, sul quale bisognerebbe attirare maggiormente l'attenzione e che andrebbe prevenuto molto di più di quanto non si faccia ora..........
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Mar Ago 06, 2013 5:44 pm

Si parla tanto di bullismo e spesso lo si confonde con il teppismo. Sono fenomeni entrambi preoccupanti ma le strategie di intervento devono essere diverse.

Il bullo è una persona che non prova alcuna empatia, che si accanisce in modo continuato e prolungato SEMPRE contro una persona che non ha le sue stesse possibilità fisiche o psichiche di resistenza ed è sempre uno contro un altro, seppur contornato e sostenuto da gregari che gli fanno da spalla.

Il teppista invece può compiere gli stessi atti del bullo ma non è detto che si accanisca contro una persona, non è detto che sia solo e non è detto nemmeno che sia attento a scegliere una vittima debole.

Il bullismo al femminile poi assume caratteristiche ancora diverse ed è più difficilmente individuabile perchè raramente (anche se accade) le aggressioni sono fisiche, si tratta piuttosto di esclusioni dal gruppo, derisioni, minacce o scherzi.
La differenza però è solo qui, solo nelle manifestazioni, perchè è un atteggiamento ugualmente antisociale e che può fare davvero molto male alla vittima.

In effetti se ne parla tanto ma non sempre in maniera adeguata, spesso scambiando per teppismo atti di bullismo si sottovaluta e non si interviene adeguatamente sul gruppo che ne è coinvolto
(bullo, gregario, vittima e osservatori) oppure si scambia per bullismo un atto di teppismo e ugualmente l'intervento è sbagliato.

Sono d'accordo nella maniera più assoluta sulla prevenzione che prima di tutto deve partire dal parlarne con i ragazzi in modo chiaro, preciso e interattivo.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Mer Ago 07, 2013 11:41 am

Molto interessante e importante la precisazione !

Ma che le botte al femminile siano rare non ci giurerei tanto, purtroppo... ho raccontato solo un caso, ma troppi ne conosco e ne ho visti, ahimé.

Penso che le esclusioni e gli scherzi - ovviamente entro una certa misura - sono un meccanismo comune dell'adolescenza (specie le esclusioni, le ragazze sono più settarie dei maschi), non si può parlare di bullismo se non in presenza di una componente degenerativa. E' un compito davvero difficile e delicato quello di intervenire, specie se il compito ricade solo su una persona e non su un'intera équipe che lavori in modo costante.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Mer Ago 07, 2013 1:30 pm

Certo, Laclef, tu sei stata testimone di qualche episodio di violenza fisica agito da femmine, purtroppo ci sono, ho detto che sono rari se confrontati con le modalità maschili e in relazione agli episodi più subdoli che vedono protagoniste bulle femmine.

Quello che dici tu rispetto alle esclusioni ed agli scherzi, fa purtroppo parte, perdonami, della poca dimestichezza che si ha con questi fenomeni. L'adolescenza e la selettività femminile non hanno nulla a che vedere con esclusioni dal gruppo (classe, team sportivo, parrocchia, ecc) o con scherzi rivolti sempre alla stessa persona e per un prolungato periodo di tempo. Quando siamo in presenza di queste caratteristiche possiamo e dobbiamo parlare di bullismo e dobbiamo attivarci per risolvere il problema.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Mer Ago 07, 2013 9:54 pm

Ire ha scritto:
Certo, Laclef, tu sei stata testimone di qualche episodio di violenza fisica agito da femmine, purtroppo ci sono, ho detto che sono rari se confrontati con le modalità maschili e in relazione agli episodi più subdoli che vedono protagoniste bulle femmine.

Quello che dici tu rispetto alle esclusioni ed agli scherzi, fa purtroppo parte, perdonami, della poca dimestichezza che si ha con questi fenomeni. L'adolescenza e la selettività femminile non hanno nulla a che vedere con esclusioni dal gruppo (classe, team sportivo, parrocchia, ecc)  o con scherzi rivolti sempre alla stessa persona e per un prolungato periodo di tempo. Quando siamo in presenza di queste caratteristiche possiamo e dobbiamo parlare di bullismo e dobbiamo attivarci per risolvere il problema.


si certo, è l'accanimento e l'ostracismo che fa la differenza, oltre alla qualità dello scherzo.
Sul filo di questa tematica, mi ricordo "Carrie lo sguardo di Satana" di Stephen King, lì in fin dei conti era proprio un caso di bullismo al femminile che partiva dall'emarginazione e sfociava in vessazioni crescenti, sino al terribile "scherzo" del ballo di fine anno.
Certo, visione del film solo per pubblico adulto, ma il libro, magari un estratto in un quinto, chissà... io lo lessi proprio al liceo, in quarta, i miei compagni avevano "Stagioni diverse", ne lessi un brano e da lì iniziai a leggere quasi tutto King.

fra l'altro, sia il libro/film che molte vicende di cui sono stata testimone (e che ho letto sui giornali) hanno una componente di invidia e di rivalità amorosa, diciamo così. Il bullismo diventa così un modo di punire la ragazza "colpevole" di attirare troppo l'attenzione dei maschi. Diciamo che la solidarietà al femminile, su questo punto, è spesso debole, ahimé !
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Gio Ago 08, 2013 9:07 am

Lo so, sono pedante, ma è materia che sto studiando proprio in questo periodo all'interno dell'associazione di cui faccio parte.
Ci stanno dicendo che è importante definire bene i contorni delle azioni additate come bullismo proprio perchè gli interventi sia di prevenzione che di riequilibrio sono diversi, molto diversi.

Punire una ragazza perchè attira troppo i maschi non è azione di bullismo.
La vittima non è in situazione di debolezza rispetto a chi compie verso di lei azioni violente, c'è un preciso disegno nel metterle in atto e un preciso perchè.

Queste caratteristiche non corrispondono al profilo "bullo"

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Gio Ago 08, 2013 11:55 am

Ire ha scritto:
Lo so, sono pedante, ma è materia che sto studiando proprio in questo periodo all'interno dell'associazione di cui faccio parte.
Ci stanno dicendo che è importante definire bene i contorni delle azioni additate come bullismo proprio perchè gli interventi sia di prevenzione che di riequilibrio  sono diversi, molto diversi.

Punire una ragazza perchè attira troppo i maschi non è azione di bullismo.
La vittima non è in situazione di debolezza rispetto a chi compie verso di lei azioni violente, c'è un preciso disegno nel metterle in atto e un preciso perchè.

Queste caratteristiche non corrispondono al profilo "bullo"


Figurati, a me fa piacere apprendere, specialmente in una materia così importante ! Anzi, se mi spieghi meglio mi fa ancora più piacere :-)
Anche perché così uno sa proporre i rimedi giusti nell'uno e nell'altro caso.
A livello letterario, pensa te!, mi è venuta in mente anche "Cendrillon" (Cenerentola) di Perrault, e le sue sorellastre - che non ricordo se sono nella versione originale o un'aggiunta disenyana, devo rileggerla. Però, se sto capendo bene il ragionamento, non rientrerebbe nella casistica stretta del bullismo, giusto ?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Gio Ago 08, 2013 1:11 pm

Tieni presente che "bullismo" si riferisce al fenomeno nel suo complesso e include i comportamenti del bullo, quelli della vittima e anche di chi assiste (gli osservatori). protagonisti sono sempre bambini o ragazzi, in genere in età scolare, che condividono lo stesso contesto, -
Ad un primo ragionamento su Cenerentola, mi verrebbe da dire che nel caso delle sorellastre non siamo di fronte a bullismo, vuoi per l'età delle ragazze che hanno ormai superato l'adolescenza, vuoi perchè il contesto in cui avvengono le prevaricazioni è l'ambiente famigliare dove non sono presenti le tre entità specifiche del fenomeno.
Pensandoci un po' di più se ne potrebbe discutere prendendo la matrigna come "osservatrice" e considerando comunque che al ballo vengono invitate le ragazze da marito, che all'epoca erano molto giovani. Forse hai visto giusto :-)

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Bullismo al femminile   Lun Ago 12, 2013 12:06 pm

Ire ha scritto:
Tieni presente che "bullismo" si riferisce al fenomeno nel suo complesso e include i comportamenti del bullo, quelli della vittima e anche di chi assiste (gli osservatori).   protagonisti sono sempre bambini o ragazzi, in genere in età scolare, che condividono lo stesso contesto, -
Ad un primo ragionamento su Cenerentola, mi verrebbe da dire che nel caso delle sorellastre non siamo di fronte a bullismo, vuoi per l'età delle ragazze che hanno ormai superato l'adolescenza, vuoi perchè il contesto in cui avvengono le prevaricazioni è l'ambiente famigliare dove non sono presenti le tre entità specifiche del fenomeno.
Pensandoci un po' di più se ne potrebbe discutere prendendo la matrigna come "osservatrice" e considerando comunque che al ballo vengono invitate le ragazze da marito, che all'epoca erano molto giovani.  Forse hai visto giusto :-)

:-D come sempre, le fiabe hanno raccontato quello che Freud avrebbe svelato lustri e lustri più tardi...

quando hai modo di condividere qualche rimedio/tattica che gli insegnanti possono adottare in questi frangenti, facci sapere :-)
Tornare in alto Andare in basso
 
Bullismo al femminile
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» E' più grave un problema maschile o femminile?
» Lingua italiana - maschile e femminile
» Bullismo!!
» Le tasche piene di sassi...
» Ciao a tutte mi ripresento

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: