Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Lun Ago 19, 2013 7:23 pm

...


Ultima modifica di LM2012 il Dom Ago 25, 2013 10:46 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Lun Ago 19, 2013 8:53 pm

Scritto pieno di spunti molto ma molto interessanti. Sfido chiunque a negarlo : )
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Lun Ago 19, 2013 9:56 pm

Un bel minestrone, piuttosto.

Dubito che ci sia un disegno dei "poteri forti" (ma quali, poi? Ce ne sono tanti, e pronti a farsi le scarpe l'un l'altro) per dequalificare la scuola. Non facciamoli più intelligenti di quel che sono. L'Italia è paese di rendite di posizione: Vaticano da una parte, ceti abbienti dall'altra (vi ricordo che circa il 10% della popolazione detiene quasi il 50% della ricchezza nazionale, dati della Banca d'Italia) tengono ingessato il paese, che d'altra parte a stare ingessato non si lamenta più di tanto (minoranze a parte, s'intende).

Decine di milioni di laureati? Spariamole meno grosse. Ogni anno fanno gli Esami di Stato circa mezzo milione di alunni. Per sfornare 10 milioni di laureati ci vogliono più di 20 anni.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Mar Ago 20, 2013 8:23 am

Vorrei capire chi fa la telefonata e come fa la Chiesa ad impedire, qui piuttosto che in America, di arrivare a scuola armati.

Poi che a livello politico non si senta troppo pressante la necessità di sostenere la scuola, ma direi quasi l'alfabetizzazione, posso anche essere d'accordo.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
JaneEyre



Messaggi : 1251
Data d'iscrizione : 25.11.11

MessaggioOggetto: Re: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Mar Ago 20, 2013 12:51 pm

Io comincio a credere che all'istruzione vengano messe persone ambiziose e poco capaci (purtroppo un bel CV non è garanzia di un buon ministro), che non hanno davvero intenzione di fare riforme importanti per la qualità.
Il Ministro Carrozza ha appena dato inizio a un nuovo percorso di specializzazione sul sostegno dal nulla e non ha preso ancora alcuna decisione per risolvere il problema del precariato. Poi rilascia un'intervista dicendo che servono insegnanti giovani. (Io dieci anni di precariato fa ero molto giovane e abilitata, si vede che allora non servivo...) Intanto però inizia ad assicurare un bel po' di soldi alle università che faranno i corsi sul sostegno.

Adesso se investe soldi a palate per le competenze informatiche dei docenti di ruolo, età media 50 anni, mi conferma che è proprio incapace.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Mar Ago 20, 2013 3:05 pm

Esordì dicendo: "senza soldi me ne vado". Ma i soldi sono proprio necessari ? Un bidello della mia scuola mi dice: "se io fossi il ministro saprei che cosa si deve fare". Ecco, immaginiamo che sia io il ministro ... [si salvi chi può !!!]. Farei questo: 1.) in ogni scuola ci deve essere una commissione, gratis, che analizza i processi e indivua pratiche amminisrative gestionali di eccellenza e il modo per risparmiare, eliminando i costi inutili [attenzione: non grosse rivoluzioni, che incidano sui diritti del personale, anche solo piccole cose ...]; 2.) potenziamento dei deterrenti dei singoli docenti, oltre alla nota e alla convocazione del cdc [non so come, è anche possibile che ogni istituto si scelga i suoi modi, poi approvati dall'alto; se funzionano, queste pratiche si diffondono in altri istituti]; 3.) costruzione di un libretto finalizzato ad instaurare un rapporto tra scuola e famiglie ad esempio per informare queste dei comportamenti dei figli ... [non tanto con riferimento all'autoerotismo ..., ma perchè non ci scappi la ragazza incinta o il figlio drogato o suicida]; 4.) maggiore relazione tra scuola e DSM [centri di salute mentale], senza costi aggiuntivi [bastano le conferenze ...], per ovvie motivazioni: dispersione scolastica, suicidio [per voto, per bocciatura, per bullismo]; 5.) strutturazione del rapporto tra scuola e aziende, con finanziamenti di queste alla scuola, non per condizionarne i programmi o l'orientamento, ma a scopi di "pubbliche relazioni" e di conscenza reciproca; 6.) quindi, maggiore rapporto tra scuola e università, che non si limiti al manifesto pubblicitario dei pochi atenei a scuola [portando i professori e i ricecatori a scuola]; 7.) il tutto, attenzione, lasciando al dirigente scolastico la più ampia facoltà e libertà di iniziativa, senza condizionamento dall'altro; 8.) analisi delle pratiche formative: potenziamento della lezione frontale [ho osservato quanto segue: fuori della classe l'allievo teme il singolo docente e il cdc; dentro la classe il docente teme la classe; quindi serebbe opportuno anche un terzo tipo di rapporto che non ho mai visto in otto anni di insegnamento: porre di fronte il cdc di da una parte, e tutta la classe dall'altra, per far vedere a questa che il cdc lavora come un "team", e quindi il docente non viene più considerato isolato: non solo, ma l'effetto psicologico dei docenti con personalità che si fanno temere si trasferisce agli altri]. Mi fermo qui. Potrei preseguire. Non ho colto forse gli aspetti più urgenti. ma ho dimosrato che molto si può fare "a costo zero", producendo anzi risparmi di costo [che, attenzione, da una parte sono imputati a debito pubblico, e dall'altra possono essere direttamente dati nelle tasche dei docenti, o dei genitori in difficoltà].
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Mar Ago 20, 2013 4:35 pm

LM2012 ha scritto:
... Mi fermo qui. Potrei preseguire.
Te ne siamo molto grati, non immagini quanto.
Tornare in alto Andare in basso
Online
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Mar Ago 20, 2013 7:32 pm

mac67 ha scritto:
LM2012 ha scritto:
... Mi fermo qui. Potrei preseguire.
Te ne siamo molto grati, non immagini quanto.
:-))))......non so se l'ho già scritto in altri post Mac, ma sei veramente simpatico!!!
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo   Mar Ago 20, 2013 7:52 pm

giovanna onnis ha scritto:
mac67 ha scritto:
LM2012 ha scritto:
... Mi fermo qui. Potrei preseguire.
Te ne siamo molto grati, non immagini quanto.
:-))))......non so se l'ho già scritto in altri post Mac, ma sei veramente simpatico!!!
Grazie, ma in certi casi, come questo, non è merito mio.
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Osservazioni sulle politiche scolastiche del governo
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Governo Monti
» Speranza,sto' sulle spine.......
» I veri obiettivi del Governo Renzi
» Prete tenta di camminare sulle acque e muore
» Gli zingari lasciano dei segni misteriosi sulle porte?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: