Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 caso "imbarazzante" agli esami di recupero

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Mar Set 03, 2013 10:16 am

Nelle prove di verifica del giudizio sospeso, mi sono trovata a dover sostituire all'ultimo momento un collega che è in malattia. Il compito scritto (matematica per prime e seconde del liceo scientifico, indirizzo di scienze applicate) l'aveva preparato lui, e poi l'ho corretto io, confrontandomi anche con le sue indicazioni. Con il collega ho confidenza e ci troviamo in sintonia su tante cose, quindi di per sé l'incarico non è un problema, ma di sicuro non conosco nulla delle classi e dei ragazzi.

Fra le varie cose, ci siamo trovati il caso di una ragazza del primo anno che aveva SOLO matematica a settembre, e per il resto aveva anche una pagella buona (ossia, non sembra che i voti nelle altre materie le fossero stati regalati), ma che ha fatto un compito disastroso, praticamente quasi in bianco, e quel poco che ha fatto l'ha sbagliato. Praticamente una valutazione da 2, non la sto drammatizzando, ma è un dato di fatto. Era andata a settembre con 4 ed è riuscita a fare molto peggio di come era partita. Ho chiesto al collega che la conosce, e dice che non si stupisce affatto, perché ha fatto così per tutto l'anno, ha SEMPRE consegnato compiti da 2 e da 3, però l'ha sempre fatto solo con la matematica. Domani bisogna interrogarla all'orale, e lui mi ha anticipato che quasi sicuramente le cose non cambieranno, la ragazza spiccicherà qualche parola stentata, forse lo stretto necessario per passare dal 2 al 4, ossia rimarrà sul livello di insufficienza (grave) che aveva sempre avuto e dimostrerà di non aver recuperato niente, però saremo costretti a promuoverla ugualmente, perché si tratta di una materia sola. Visto che complessivamente la ragazza non è stupida, e qualcosa di buono nelle altre materie lo fa, è probabile che la stessa scena frustrante si ripeterà in tutti gli anni successivi.

Ora, la domanda è ovvia: che ci sta a fare 'sta tizia in un liceo scientifico? E oltretutto in una sezione di scienze applicate (che magari la gente ritiene "più facile" solo perché non c'è il latino, ma in cui, se gli insegnanti sono seri, le richieste sulle materie scientifiche aumenteranno sempre in futuro)? Visto che è ancora in prima, non dovrebbe essere uno di quei casi in cui sarebbe eticamente e professionalmente giusto invitarla in modo esplicito a cambiare scuola????? E non per cercare una scuola "più facile" o di livello "più basso", ma proprio per cercare una scuola più adeguata alle sue inclinazioni?

Oltretutto, la legge prevede chiaramente che si possa bocciare anche per una materia sola, se questa è una materia fondamentale di indirizzo, se l'insufficienza è gravissima, e se c'è una situazione di evidente e deliberato RIFIUTO selettivo della materia. Se ci fosse il suo insegnante titolare, si reciterebbe ALMENO la sceneggiata di mettere a verbale che lui si oppone alla promozione, ma che questa viene deliberata a maggioranza e che quel 2 o 4 è passato a 6 per voto di consiglio.

In casi del genere, visto che la ragazza è solo al primo anno, io sarei per accettare il compromesso, ma contemporaneamente inviare una bella lettera formale ai genitori (o meglio ancora, farli convocare di persona dal preside o dal coordinatore) e spiegare loro gentilmente ma "brutalmente" come stanno davvero le cose: ovvero...

- che si è deciso di promuovere solo perché nel dubbio "ci è sembrato opportuno" concedere un'altra possibilità,

- ma che deve essere chiaro che il recupero non è avvenuto, e che le carenze molto gravi in una materia fondamentale del corso ci sono ancora,

- e si ricorda esplicitamente che, se la situazione dovesse permanere negli anni prossimi, la legge prevede esplictamente che si possa anche rischiare la bocciatura per una materia sola, se ve ne sono le condizioni.

Almeno, in altre classi l'abbiamo fatto, in passato.

Ma in questa posizione scomoda (di dover almeno recitare la sceneggiata) mi ci trovo io, che sono estranea al consiglio di classe!...
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Mar Set 03, 2013 10:32 am

Ti capita per la prima volta? A me ogni anno, prima, seconda, quinta, non importa. Che siano alunni miei o di altri. Purtroppo c'è poco da fare in questi casi: puoi anche votare contro la promozione e farlo mettere a verbale, ma finisce lì. Impara a conviverci, altrimenti ti giochi la salute.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Mar Set 03, 2013 11:26 am

Ma non parlo di bocciarla, che è effettivamente improponibile... parlo proprio dell'opportunità di dire in faccia, a lei e soprattutto alla sua famiglia, che sta facendo una sonora q*zzata a rimanere lì, e che dovrebbe cambiare scuola, proprio perché è ancora agli inizi (discorso che invece diventerebbe sempre meno realistico se dovesse arrivare in terza o in quarta nelle stesse condizioni)! E' considerato tanto politicamente scorretto?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Mar Set 03, 2013 11:37 am

paniscus ha scritto:
Ma non parlo di bocciarla, che è effettivamente improponibile... parlo proprio dell'opportunità di dire in faccia, a lei e soprattutto alla sua famiglia, che sta facendo una sonora q*zzata a rimanere lì, e che dovrebbe cambiare scuola, proprio perché è ancora agli inizi (discorso che invece diventerebbe sempre meno realistico se dovesse arrivare in terza o in quarta nelle stesse condizioni)! E' considerato tanto politicamente scorretto?
Dai colleghi che sono all'ultimo posto in graduatoria e sarebbero perdenti sede in caso di contrazione delle classi, sicuramente sì. Tanto, del futuro di questi ragazzi non importa davvero a nessuno: né ai genitori, che altrimenti non verrebbero a lamentarsi quando mettiamo voti negativi, né alla scuola, che altrimenti li orienterebbe verso studi a loro più adatti,né infine a loro, che vogliono solo essere promossi. Loro sono giustificati per la giovane età, noi adulti un po' (diciamo così) meno.
Tornare in alto Andare in basso
Online
serpina



Messaggi : 503
Data d'iscrizione : 21.02.13

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Mar Set 03, 2013 5:00 pm

paniscus ha scritto:
Ma non parlo di bocciarla, che è effettivamente improponibile... parlo proprio dell'opportunità di dire in faccia, a lei e soprattutto alla sua famiglia, che sta facendo una sonora q*zzata a rimanere lì, e che dovrebbe cambiare scuola, proprio perché è ancora agli inizi (discorso che invece diventerebbe sempre meno realistico se dovesse arrivare in terza o in quarta nelle stesse condizioni)! E' considerato tanto politicamente scorretto?
sempre fatto, generalmente con lettera.
però, onestamente: è una cosa da idioti. ma come? li promuoviamo e poi diciamo ai genitori che non è la scuola per loro?? e allora perchè non li avete bocciati, ci rispondono, e hanno ragione.

quanto alla bocciatura: a me è capitato, in queste condizioni. chiaramente ci vuole un cdc compatto, e chiaramente è cosa rara.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Mar Set 03, 2013 5:28 pm

Anche a me è capitato e anche con voto a maggioranza (e quindi cdc spaccato). Tu presenta il tuo 4 e vota per la bocciatura, poi dipende dai colleghi o dal ds. Non è una tua classe e non puoi certo essere tu a convocare la famiglia o a scrivere, perciò che se la sbrighino loro.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Gio Set 05, 2013 12:52 am

serpina ha scritto:
quanto alla bocciatura: a me è capitato, in queste condizioni. chiaramente ci vuole un cdc compatto, e chiaramente è cosa rara.
A me è capitato una volta di veder bocciare un alunno (non a settembre, ma direttamente a giugno) non per una sola materia, ma comunque per DUE materie, avendo la sufficienza piena in tutte le altre.

Ma non era in prima, bensì in quarta, era già maggiorenne, e si trattava di due insufficienze gravissime in materie fondamentali di indirizzo, che per tutti gli anni precedenti il ragazzo aveva sempre lucidamente scelto di non fare, ma se l'era sempre cavata lo stesso, in base al principio che "non si può bocciare per due materie sole" (che appunto non è vero).

C'è da dire che si era anche in una situazione particolare, perché era il primo anno in cui erano stati ripristinati gli esami formali di recupero, e quindi si sarebbe anche potuto scegliere di sospendere il giudizio in quelle due materie, e poi eventualmente bocciarlo a settembre.

Ma nella votazione a maggioranza prevalse la linea secondo cui le insufficienze erano così gravi che non si configurava la possibilità realistica di un recupero serio in poche settimane.

(e questo era anche abbastanza vero, perché non si trattava di carenze sul programma dell'anno in corso, ma di TUTTI gli anni precedenti, dato che il nostro, in quelle due materie, non aveva mai fatto nulla di nulla, e con il vecchio sistema se l'era sempre cavata facendosi "promuovere con debito", senza mai recuperarlo)

In ogni caso, mi aspettavo che lo studente tentasse un ricorso, e mi aspettavo anche che lo perdesse, e infatti andò effettivamente così. Il tribunale diede direttamente il "non luogo a procedere" e non si arrivò nemmeno a riconvocare il consiglio di classe, proprio perché tutti erano stati scrupolosissimi sull'aspetto burocratico, la documentazione era ineccepibile, e nessuno riuscì a trovare il benché minimo difetto di forma.

In particolare, i due insegnanti delle materie incriminate, vista l'esperienza di anni precedenti, erano sempre stati attentissimi ad annotare sui registri TUTTI i dettagli che testimoniavano il boicottaggio consapevole: il fatto che il ragazzo avesse rifiutato di farsi interrogare, avesse consegnato il compito in bianco, avesse concordato una verifica programmata per poi non presentarsi, e amenità del genere.

Questa per me è rimasta la prova definitiva che se si lavora correttamente e se si rispettano rigorosamente le normative, NON SI DEVE aver paura dei ricorsi, perché tanto non vengono accolti!

Ma comunque sono andata OT, non c'entra molto col caso iniziale!
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Gio Set 05, 2013 11:01 am

Adesso vi scandalizzerò, ma non credo che la ragazza debba necessariamente cambiare scuola per una materia, anche se è matematica allo scientifico. Io ho fatto lo scientifico e sono sempre andata male in matematica e basta. Nelle altre bene o molto bene. Poi mi sono laureata in lingue con 110 e lode, ho vinto un concorso e faccio l'insegnante. Sono grata a quella scuola che mi ha fatto vivere di rendita all'università in inglese per i primi due anni, letteratura inglese, letteratura italiana, storia, filosofia e in generale credo mi abbia dato gli strumenti di cui avevo e ho bisogno. Sarà che facevamo talmente poche ore di matematica rispetto alle materie letterarie... Se poi la ragazza andasse male in più materie, allora la mia opinione sarebbe diversa. Ma se la scuola la sta formando, lei è bene inserita e sta crescendo "bene", pur con questo buco nero matematico, non mi sentirei di dire che dovrebbe cambiare scuola...
Tornare in alto Andare in basso
serpina



Messaggi : 503
Data d'iscrizione : 21.02.13

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Gio Set 05, 2013 3:48 pm

il curricolo di una scuola è pensato per essere armonico nella sua articolazione disciplinare (e il monte ore disciplinare stabilisce delle aree prevalenti): in questo senso il successo formativo prevede il raggiungimento almeno degli obiettivi minimi (valutazione sufficiente) in tutte le materie del curricolo, non solo in alcune (infatti il titolo che l'alunno consegue alla fine lo certifica).
naturalmente i casi possono essere diversi e il cdc è giudice assoluto, com'è giusto che sia.
nel caso di cui parliamo mi sembra importante:
1- valutare il livello delle lacune (l'estrema gravità a me sembra condizione sufficiente per la bocciatura)
2- valutare le capacità dell'alunno per capire se gli sarebbe possibile recuperare e se il suo profitto sia il risultato di una lucida determinazione di non studiare una determinata materia

Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Gio Set 05, 2013 5:25 pm

Tabeta ha scritto:
Adesso vi scandalizzerò, ma non credo che la ragazza debba necessariamente cambiare scuola per una materia, anche se è matematica allo scientifico. Io ho fatto lo scientifico e sono sempre andata male in matematica e basta. Nelle altre bene o molto bene.
Scusa, ma tu "sei sempre andata male in matematica" per quale motivo?

a) perché pur sforzandoti non ci riuscivi, e rimanevi arenata su un livello di insufficienza lieve, ma dimostrando di averci provato...

b)...oppure perché avevi deciso lucidamente di non fare assolutamente nulla in quella materia, non aprivi libro, consegnavi compiti in bianco e incassavi seraficamente sfilze di 2 e di 3, contando sul fatto che tanto non avrebbero mai osato bocciarti per una materia sola, e ti stava bene così?

Perché la cosa è diversa, eh.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Gio Set 05, 2013 5:37 pm

paniscus ha scritto:
Tabeta ha scritto:
Adesso vi scandalizzerò, ma non credo che la ragazza debba necessariamente cambiare scuola per una materia, anche se è matematica allo scientifico. Io ho fatto lo scientifico e sono sempre andata male in matematica e basta. Nelle altre bene o molto bene.
Scusa, ma tu "sei sempre andata male in matematica" per quale motivo?

a) perché pur sforzandoti non ci riuscivi, e rimanevi arenata su un livello di insufficienza lieve, ma dimostrando di averci provato...

b)...oppure perché avevi deciso lucidamente di non fare assolutamente nulla in quella materia, non aprivi libro, consegnavi compiti in bianco e incassavi seraficamente sfilze di 2 e di 3, contando sul fatto che tanto non avrebbero mai osato bocciarti per una materia sola, e ti stava bene così?

Perché la cosa è diversa, eh.

L.
Al biennio andavo bene ed ero terrorizzata dalla professoressa che aveva soprannomi irripetibili. Al triennio il professore ci portava a vedere le discese di alberto tomba in laboratorio o a giocare a calcio in giardino. Così io ho deciso che forse non valeva proprio la pena di studiare matematica. I due e 3 non si usavano. Avevo mediamente 4. Non avevo capito che non avrebbero osato bocciarmi quindi mi rassegnavo a riparare a settembre e poi 4-5 giorni prima dell'esame mi mettevo a studiare preoccupandomi tantissimo.
Che la ragazza vada bocciata lo penso. Non penso però che dirle che la scuola non faccia per lei sia una cosa giusta.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Gio Set 05, 2013 5:38 pm

Intendo dire che ci portava a fare quelle cose nelle sue ore di lezione.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Gio Set 05, 2013 9:53 pm

Secondo quanto riportato, la ragazza andrebbe bocciata, ma non concordo con un eventuale consiglio di cambiare scuola.
Un liceo non è un istituto di formazione specialistica. Almeno non dovrebbe esserlo, non fu concepito così, è sempre una scuola di formazione generale, cui possono accedere anche quei ragazzi che forse non si trovano a loro agio con le materie potenziate di un certo indirizzo, ma sono comunque interessati a quel tipo di formazione.

Io ho fatto il classico e c'era gente che odiava il greco, eccome. Però hanno optato per una scuola in cui si fa il greco. Ed è stata poi una loro scelta, legittima, quella di rimanere in quell'istituto anche di fronte alle difficoltà che avevano con una delle materie principali dell'indirizzo.

Sono favorevole all'integrità accademica, appoggio le bocciature per il mancato raggiungimento degli obiettivi minimi alle superiori e soprattutto nei casi in cui sembra esserci un "rifiuto" della materia, più un capriccio adolescenziale che un "vero" problema con gli studi. Però, bocciata o no, guarda che non è detto che la stessa scena si ripeterà per forza negli anni successivi. Io ero un caso contrario - all'ultimo anno del liceo promossa a pelo a pelo in matematica... sugli stessi argomenti che avevo fatto anni fa, letteralmente, perché per alcuni anni mi affascinava la matematica talmente da prepararmi per alcune gare, facevo matematica potenziata nel tempo libero, perfino sui manuali universitari. E poi mi è successo qualcosa, non ho mai capito veramente che cosa, che mi ha fatto rifiutare la materia. Dalla ragazzina che alle medie e all'inizio liceo alcuni credevano "un potenziale materiale per le olimpiadi" mi sono trasformata in un'adolescente che ha deciso che odiava la matematica, prendeva voti medio-alti grazie alla MEMORIA delle cose che aveva fatto una volta, fino poi ad arrivare all'ultimo anno con scene mute, compiti in bianco, "questo mi ricordo di averlo fatto anni fa, ma non ricordo più come si fa", e altre bellezze di questo tipo. Appena la sufficienza (motivata, non regalata, ma come dissi - a pelo a pelo...).

Quindi non è detto che chi parte male con una materia rimarrà per sempre con le insufficienze, né che un ragazzo "geniale" rimarrà tale durante tutto il percorso scolastico. Il mio sarà stato forse un caso estremo quanto all'intensità del fenomeno, però ne ho visti altri di questo tipo: i ragazzi cambiano, le loro priorità nella vita cambiano, gli interessi cambiano... Se mi avessi chiesto, a 14-15 anni, che cosa avrei fatto "da grande", ti avrei risposto la matematica, o la fisica teorica... e comunque ho scelto di fare il classico, e dopo ho fatto lingue. Le cose cambiano. Chissà, forse appunto quella ragazza che sembra talmente non portata adesso si verificherà poi una persona molto capace proprio in un campo scientifico, compresa la matematica... Avrà comunque scelto la scuola in base a certi INTERESSI, in base a una certa intuizione di che cosa fa bene per lei, e se decide che ha sbagliato, deve essere una SUA scelta, non qualcosa che le è stato suggerito. A me hanno suggerito che ho sbagliato l'indirizzo, all'inizio ovviamente, moltiple volte, indicando lo scientifico (anche se avevo bei voti nelle materie umanistiche), però una formazione classica è stata esattamente quello di cui avevo bisogno, ed è come se lo avessi intuito. Forse è una situazione analoga per lei. O forse le interessano scienze e non ha ancora capito veramente che avrà bisogno della matematica come un veicolo per potersi occupare di ALTRE cose. Chissà.

Dunque, bocciatela, se in base al merito - o promuovetela, se in base ad altre considerazioni - però non etichettate una ragazzina di 14-15 anni come DEFINITIVAMENTE non idonea a quel percorso scolastico, suggerendole di cambiare scuola, e basando questo giudizio sull'insufficienza in UN SOLO anno scolastico in UNA SOLA materia.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Gio Set 05, 2013 11:23 pm

Concordo con ogni parola di Chocolate.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: caso "imbarazzante" agli esami di recupero   Ven Set 06, 2013 10:12 pm

Intanto, almeno, nella tristezza generale, un tocco di buonumore qualche volta arriva:

http://paniscus.org/2013/09/06/la-rivincita-del-coniglio-di-classe/

L

Tornare in alto Andare in basso
 
caso "imbarazzante" agli esami di recupero
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Debiti ed ammissione agli esami
» Esami genetici
» Agli occhi di Dio sono tutti uguali.
» Affidare la Chiesa agli Atei
» celiachia esami

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: