Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Alunno diabetico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Maestra86



Messaggi : 53
Data d'iscrizione : 30.08.13

MessaggioOggetto: Alunno diabetico   Sab Set 21, 2013 8:14 pm

Qualcuno ha esperienza di insegnamento in una classe con un alunno diabetico? Sono supplente in una scuola primaria e mi servono buoni consigli su come gestire la mia inesperienza ... mi sto documentando sulla malattia, ma non mi è chiaro quali sono i miei obblighi/ quali sono le buone prassi da seguire. Ammetto di voler fare del mio meglio ma mi sento totalmente lasciata a me stessa, visto che il DS non mi ha informata preventivamente.... Grazie !
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Sab Set 21, 2013 8:33 pm

Non sarebbe tuo compito, ma sarebbe buona cosa, per la tua sicurezza interiore, parlare con il medico dell'alunno (ma anche con il tuo medico) per farti spiegare bene quale sia il problema e quali le eventuali crisi che si potrebbero presentare e cosa fare nel caso  (oltre a chiamare immediatamente famiglia e/o118).

Naturalmente ne devi parlare anche con la famiglia chiedendo a loro tutte le informazioni che senti necessarie.  Non c'è nulla di male nemmeno per un docente a non avere esperienza di diabete.
Chiedi, chiedi, chiedi.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Milady



Messaggi : 386
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Sab Set 21, 2013 8:56 pm

Supplente-ssa, sicuramente dovresti parlare col medico che ha in cura il bimbo. Per quanto riguarda la mia esperienza, ci sarà un operatore dell'ASL che verrà a misurargli la glicemia prima della mensa. E' importante la collaborazione dei custodi, perchè il bimbo può essere portato prima degli altri a mensa, a seconda dei valori. Se nella tua scuola c'è l'abitudine di dividere gli alunni, dovresti fotocopiare il foglio che ti daranno con i valori e darlo alle colleghe della classe in cui potrebbe andare. Questo bimbo può essere maggiormente stanco degli altri durante le attività pomeridiane. Nelle belle giornate, se uscite in cortile e fa caldo, non farlo stare troppo al sole e non farlo sudare. Se mi viene in mente altro, te lo scrivo!
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Sab Set 21, 2013 9:40 pm

Parlare con i genitori, anzitutto. Non credo che il medico dell'alunno possa parlare con te, a meno che la famiglia non lo autorizzi (e anche in quel caso non ne sono sicuro). E poi è possibile che l'alunno stesso sappia quel che deve fare (purtroppo per loro, questi bambini crescono in fretta), quindi parlane anche con lui, mantieni attenzione e dialogo costanti, crea un clima di fiducia in modo che, se non si dovesse sentire bene, te lo dica subito e non si vergogni.
Tornare in alto Andare in basso
tata matilda



Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 25.10.11

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Sab Set 21, 2013 10:36 pm

Ma quando mai parlare col medico...mica sei sua madre, non sei tenuta ma soprattutto non sei autorizzata a parlare col medico.
In caso di bisogno non devi intervenire tu, ma chiamare i genitori, o , se è proprio un'emergenza, interverrà il personale opportunamente formato.
Se tale personale non c'è chiama il 118. Non metterti a fare insulina o dare zuccheri perchè se non sai davvero ciò che stai facendo fai danni grossi, e oltre alla responsabilità morale ti sobbarchi anche quella civile e penale perchè noi docenti non siamo autorizzati a prestare cure o attuare interventi di tipo medico.
L'unica cosa che puoi fare è stare attenta se lo vedi particolarmente distratto e lento nel rispondere agli stimoli, o pallido e sudato: sono segnali di ipo e iper glicemia. In quel caso chiama i genitori.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Dom Set 22, 2013 10:43 am

Se la famiglia autorizza il medico può parlare con chiunque sia in possesso di tale autorizzazione.
Non ti è mai capitato Mac, di fare un'indagine diagnostica prima della quale ti abbiano chiesto di indicare il nominativo delle persone con le quali poter parlare delle tue condizioni? 

Ma quando mai parlare con il medico?  quando si desidera conoscere i segnali indicatori di benessere o di immininente crisi senza farseli raccontare da un esperto (più o meno) trovato su un forum.
Tutti noi potremmo essere esperti, ma anche no.
Parlare con un medico, quello del bimbo o quello personale per essere informati e saper agire con correttezza e immediatezza in caso di emergenza ed in attesa del 118 o dei genitori mi sembra molto più utile che pensare di non essere tenuti.

E' evidente che è necessario chiamare aiuto, ma se l'aiuto tarda non si interviene nemmeno con il minimo soccorso perchè non siamo tenuti ad informarci, non siamo autorizzati o non siamo famigliari?
Non so dal punto di vista giuridico come sia la questione in questo caso, dal punto di vista morale ...........A me personalmente, in certi casi, non passa nemmeno per la testa la mia posizione giuridica, penso a cercare di aiutare chi ne ha bisogno, e se sono a conoscenza di cosa poter fare, mi sento molto più sicura. Basterebbe anche sapere ad esempio, che in caso di crisi convulsiva è necessario introdurre un legnetto in bocca per evitare il soffocamento.... basterebbe anche sapere che in caso di crisi ipoglicemica una caramellina può evitare il peggio ........... e sono interventi da attuare immediatamente nei cinque minuti che intercorrono tra la chiamata e l'arrivo dei soccorsi e chi meglio di un medico può dare queste informazioni?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Dom Set 22, 2013 11:45 am

Ire ha scritto:

E' evidente che è necessario chiamare aiuto, ma se l'aiuto tarda non si interviene nemmeno con il minimo soccorso perchè non siamo tenuti ad informarci, non siamo autorizzati o non siamo famigliari?
Non so dal punto di vista giuridico come sia la questione in questo caso, dal punto di vista morale ...........A me personalmente, in certi casi, non passa nemmeno per la testa la mia posizione giuridica, penso a cercare di aiutare chi ne ha bisogno, e se sono a conoscenza di cosa poter fare, mi sento molto più sicura. Basterebbe anche sapere ad esempio, che in caso di crisi convulsiva è necessario introdurre un legnetto in bocca per evitare il soffocamento.... basterebbe anche sapere che in caso di crisi ipoglicemica una caramellina può evitare il peggio ........... e sono interventi da attuare immediatamente nei cinque minuti che intercorrono tra la chiamata e l'arrivo dei soccorsi e chi meglio di un medico può dare queste informazioni?
Nelle scuole alcuni docenti vengono formati per dare un primo soccorso e sono gli unici a potere intervenire, nei
limiti della loro formazione. Portare soccorso senza avere ricevuto una formazione adeguata rischia di aggravare il danno. Inoltre, in quel momento il signor Mario Rossi che interviene non è, appunto, il signor Mario Rossi, ma il docente Rossi, e questo fa una certa differenza dal punto di vista legale.

Aggiungo un commento personale: se avessi voluto fare il medico, avrei fatto studi conseguenti.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Dom Set 22, 2013 1:01 pm

D'accordissimo non prestare mai soccorso senza essere (in) formati.

La vostra collega aveva chiesto come fare con questo bambino diabetico, ne voleva sapere di più per non trovarsi in difficoltà. Le ho dato i suggerimenti che ritengo di buona prassi professionale (quando ti trovi a dover gestire e ad essere responsabile di un minore che potrebbe presentare problemi, formazione dei colleghi, non formazione dei colleghi, professione scelta: medica o di docenza, o variabili le più eterogenee, è buona norma informarsi un minimo sul problema che si potrebbe presentare) e umana  quando ti trovi a........ è buona norma essere informarsi sul problema che si potrebbe presentare.

Per se stessi, per non trovarsi a guardarsi allo specchio e dover dire: accidenti mi sono fidato delle gerarchie istituzionali, degli incarichi assegnati ad altri e me ne sono lavato le mani perchè non mi competeva, Sapevo che quel bambino  affidato a me avrebbe potuto aver bisogno di aiuto immediato: se gli avessi dato una semplice caramellina in attesa dei soccorsi, perchè paralndo con la famiglia o con il medico avevo avuto questo suggerimento, il bimbo non sarebbe andato in coma....

Poi è chiaro, non siete medici, non siete formati al primo soccorso e non vi compete.


Se fossi io a trovarmi nella situazione della vostra collega (che stimo per la preoccupazione che si è posta)  mi informerei sul potenziale problema che ho in mano. Proprio per non fare guai.  Un mia formazione personale che mi verrebbe utile in ogni caso e per sempre anche in situazioni diverse.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
tata matilda



Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 25.10.11

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Dom Set 22, 2013 9:08 pm

Il problema è che ti puoi informare quanto vuoi, ma tanto non puoi e non devi agire.
Devi aspettare il personale qualificato per farlo, e tu docente, per quanto informato, a meno che non abbia ricevuto una specifica formazione, qualificato per fare certe cose non lo sei.
Se poi la collega, dopo essersi "informata", si sente pronta a di somministrare una dose di zuccheri o di insulina(stabilendo anche che tipo di dose), le auguro tutta la fortuna del mondo, perchè ne avrà bisogno.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Lun Set 23, 2013 8:08 am

Che noia questo estremizzare!

Nessuno qui ha parlato di insulina, che va somministrata dopo apposita lettura ematica.
Ho parlato di una caramellina magari somministrata su suggerimento ed in accordo con la famiglia e con il medico in caso di evidente imminente stato di crisi ipoglicemica.  Una volta al corrente che una minima quantità di zuccheri davvero evita la crisi, che fa una docente, non è formata e non la offre, la caramellina?

Ho parlato comunque di essere a conoscenza di cosa può succedere ad un diabetico, anche per sapere se si può rimanere tranquilli ad aspettare un soccorso che magari ha trovato un incidente stradale e non arriva o ci si deve attaccare al telefono per chiamare l'esercito.

Fate vobis.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
zuneta



Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 10.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Lun Set 23, 2013 9:39 am

Ho avuto per 2 anni un alunno diabetico in classe. Se il bambino è in grado, non interverrà nessun operatore Asl, ma il bambino farà tutto da solo, altrimenti verrà a misurare il valore prima della mensa. Nel mio caso il bambino aveva sballi pazzeschi già dal mattino e avevano anche l'assistente all'autonomia in classe (che però a quanto pare non era dovuta). Il nostro bambino non era in grado di autogestirsi, per cui la misurazione, fatta da lui ma con la supervisione dell'assistente avveniva varie volte, e con l'autorizzazione della famiglia, il bambino assumeva succhi o zucchero in caso di necessita o doveva bere molto. Abbiamo avuto anche un incontro con il diabetologo che lo seguiva insieme alla mamma ed è stato molto utile. Mai fare insulina, questo dovrebbe essere ovvio, se il bambino sta male, chiamare il 118 e avvertire la famiglia.
Tornare in alto Andare in basso
jamila82



Messaggi : 612
Data d'iscrizione : 14.10.11

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Lun Set 23, 2013 5:55 pm

Anche io l'anno scorso ho avuto un alunna diabetica, il preside ha organizzato un incontro con il medico, l'infermiere dell' ASL, i genitori e noi insegnanti. Durante l'incontro ci hanno informati di tutto, è stato molto utile. Ti suggerisco di chiedere al preside di organizzare un incontro al più presto, è un diritto essere informati e trovarsi preparati!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunno diabetico   Lun Set 23, 2013 8:27 pm

@supplente_ssa, permettimi un ulteriore consiglio: se deciderai di chiedere che il ds organizzi un incontro tra le figure che gravitano attorno al tuo alunno al fine di essere informata sulle sue necessità, fallo per iscritto, chiedendo il protocollo.  Nel caso in cui la scuola non ti ascoltasse e nella malaugurata ipotesi che si verificasse un problema, tu potrai dimostrare che avevi chiesto di sapere e non ti è stato dato. La responsabilità non sarà più tua.

(Naturlamente mi auguro per il bene del bimbo che questa sia una precauzione inutile e che per lui vada tutto bene, senza alcun problema)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
Alunno diabetico
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Alunno copia versione, ma me ne accorgo solo al momento della correzione
» Alunno introverso
» L'allievo supera sempre il maestro
» Presentazione dei Professori e degli alunni.
» Sospensione e obbligo di frequenza

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: