Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Dareste un suggerimento a una mamma?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Milady



Messaggi : 386
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioOggetto: Dareste un suggerimento a una mamma?   Sab Set 21, 2013 9:53 pm

Gentili colleghi,
ho bisogno di consigli su come affrontare una situazione delicata. Mio figlio, terza elementare, ha un disturbo evolutivo che non rientra specificatamente nei dsa conosciuti, quelli su cui si è detto e scritto tanto, per capirci. E' stata fatta una valutazione qualche mese fa, su mia idea (pensavo fosse discalculico, ma non lo è, i problemi in matematica sono un disturbo secondario). Quando ha iniziato ad essere seguito, ho organizzato un incontro con la dottoressa e le maestre.
La dottoressa ha detto le solite cose che sento dire anche da insegnante: lui deve avere la possibilità di usare strumenti compensativi e dispensativi, come previsto, ma può fare quello che fanno gli altri compagni di classe.
Ieri è tornato a casa e, dando un'occhiata ai compiti, mi sono sentita male: aveva una scheda presa da un libro di prima! 0+0, 0+1, 1+2...cose così.
Ho chiesto un colloquio con l'insegnante e dovrei andare a parlarci in settimana (lo leggerà domani).
Mi date un suggerimento su come impostare il colloquio?
Vorrei semplicemente dire che non è giusto che mio figlio faccia gli esercizi di 2 anni fa primo perchè deve fare le cose di terza (dato che chi lo segue ha detto che è in grado di farle) e secondo perchè così facendo si vanifica tutto il lavoro che faccio per incrementare la sua autostima.
Il problema è che rischio di "schlerare" perchè mi sembra che sia trattato come un deficiente! Tra l'altro, mi sembra che dato che non c'è niente di scritto in proposito, non esistano motivi per assegnargli compiti diversi.
Si accettano suggerimenti su cosa dire, come dirlo, quale espressione assumere...come evitare che la maestra reagisca male eccetera...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 10:52 am

Signora maestra, le vorrei parlare e le chiedo scusa se le darò l'impressione di essere aggressiva, sono molto preoccupata per mio figlio e ho bisogno del suo aiuto.
La questione che mi spinge a venire qui è che ho visto questo..... ho paura che ciò mini l'autostima del bimbo.

Temo che una volta spento il suo entusiasmo per la scuola tutto diventi più diffficile per lui, per noi famiglia e per voi scuola. Non crede che potremmo provare a vedere come risponde alle prove che fanno tutti? vorrei che gli dessimo fiducia, poi siamo sempre in tempo a modificare ciò che gli si chiede in base alle effettive risposte. 

Ho paura, signora maestra, sono preoccupata e vorrei che agissimo per il meglio.

Rivolgiti più o meno in questo modo. Ti assicuro che già la frase iniziale spegne qualsiasi chiusura o arroccamento, apri davvero il tuo cuore, metti in primo piano le esigenze di tuo figlio come persona e chiedi/offri collaborazione-

Hai ragione a dire che la maestra non lo poteva fare non essendoci alcun pdp (autorizzazione della famiglia) che prevedesse questo, non parlarne per ora, lascia proprio fuori l'argomento. Lo utilizzerai se dovrai dare battaglia.
Penso che la maestra abbia fatto quello che ha fatto, sbagliando, in buona fede, per aiutare il tuo bambino. Vai e parlagliene, senza accusare e senza paura di essere accusata.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
tellina



Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 1:31 pm

cospargersi il capo di cenere presentandosi in qualità di genitore e non di collega...è davvero fondamentale.
chiedere spiegazioni è lecito, sollecitare altro...con cortesia...ci sta.
ma prima di tutto...tu, a casa, magari presentandolo come un gioco...prova a far fare a tuo figlio compiti di terza elementare e stabilisci, fuor da ogni dubbio e sentimentalismi, se è realmente in grado di affrontarli già ora o se necessita di ulteriore tempo.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 1:54 pm

Ciao tellina. Ho dato per scontato, e vedrai che è così, che milady sappia esattamente cosa può affrontare suo figlio.   :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
tellina



Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 3:33 pm

ottimo.
ma io ormai ho imparato a non dar mai nulla per scontato... ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 3:48 pm

sei più saggia di me :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 3:49 pm

Non sono convinta che non dovresti usare le tue competenze nel colloquio con le insegnanti e soprattutto che non dovresti chiedere conto di una situazione di cui conosci obblighi e procedure meglio degli altri genitori.
Nella situazione che descrivi, tutti noi, da professionisti, sappiamo che si dovrebbe agire diversamente da come sta facendo la maestra. Affrontala serenamente, ma senza occultare la tua preparazione in merito, ovviamente non sei lì per parlarle da collega e non credo ti interessi un colloquio del genere, ma questo riguarda la sfera dei rapporti umani e saprai sicuramente usare sufficiente buona creanza, senza stucchevoli piaggerie! Meglio parlarsi chiaro e dichiarare preventivamente il proprio punto di vista (qualificato)... Proprio il tuo essere insegnante dovrebbe anzi aiutarti a evitare anche gli errori e gli eccessi che vediamo compiere ad alcuni genitori in queste situazioni.
non perdere tempo in tatticismi, soprattutto visto che, come dici  il percorso è appena iniziato, per il tuo ragazzo, per te, per le insegnanti. auguri
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 4:23 pm

Cara Milady, tu conosci tuo figlio meglio di chiunque altro e sei consapevole di ciò che sa fare. Secondo me dovresti far capire all'insegnante quello che lui riesce a fare a casa, in un ambiente sicuramente più tranquillo e magari con un po' di aiuto! Però io non credo che la maestra avrebbe assegnato a tuo figlio dei compiti differenziati rispetto a quelli della classe se avesse ritenuto che il bambino fosse in grado di svolgere la medesima attività degli altri! Differenziare il programma per le insegnanti è sempre un lavoro in più... e credo che nessuno di noi voglia complicarsi ulteriormente la vita se non è veramente necessario... bastano già le incombenze a cui dobbiamo far fronte tutti i giorni! Ti auguro che tutto vada per il meglio... e ti sono vicina come maestra e come mamma!
Tornare in alto Andare in basso
mafald@



Messaggi : 46
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 4:50 pm

La situazione è delicata. Il bambino rischia più di tutti e questo noi come insegnanti dobbiamo sempre tenerlo presente. In effetti ci sono disturbi di apprendimento così difficili da definire che diventa anche difficile scegliere le strategie d' intervento più adatte.Allora, magari,io pensi sia meglio procedere con prudenza, per tentativi, prima presentando le stesse attività previste per il resto della classe, poi dopo aver valutato le difficoltà incontrate e superate per procedere via via adeguando.
La scelta operata dall'insegnante è davvero la più semplicistica e sconcertante.Io, che sono ben poco diplomatica e molto viscerale, sarei tentata di consigliarti di cercare per il bambino insegnanti più preparati..una maestra che ha un approccio come quello descritto secondo me o non ha avuto tempo per pensarci su e preparare un compito adatto- e ci sta e sarebbe scusabile, in parte- ..oppure segue uno schema di approccio ai problemi scolastici tanto vecchio e banale quanto diffuso... e allora personalmente abbandonerei quel campo perchè docenti così non le cambi e spesso finiscono col percepire un bambino con queste difficoltà come una "grana" in più..
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 5:16 pm

Quindi le consiglieresti di cambiare scuola?
Certo, una risposta radicale.
Generalmente non la vedo una buona scelta, ritengo sia meglio insegnare ai bimbi, anche con l'esempio, che i problemi si affrontano e si cercano soluzioni per risolverli.
Cambiare scuola non è certo una scelta da fare con leggerezza e solo perchè il primo approccio di una insegnante è stato discutibile. Lo si discute, non si scappa, ihho.

Vorrei chiarire, Milady, che il mio consiglio non ha nulla a che vedere con il spargersi la cenere in capo e via dicendo. Il mio consiglio nasce dalla consapevolezza che sei davvero tesa (e a ragione) e che tu stessa ammetti che potresti sclerare (ed è compensibile)

Il tuo stato emotivo non è certo dei migliori per affrontare un discorso sereno e costruttivo con una insegnante (ancora comprensibilmente). Se molto brava a rendertene conto ed è per questo, tra l'altro, che chiedevi un consiglio, un confronto su come affrontare la situazione.

A me è capitato più di una volta di sentirmi come te, più di una volta sono dovuta intervenire subito e intervenire subito non depone a favore delle bocce ferme che sono indispensabili invece per non far sorgere conflitti invece che confronti costruttivi.

Prova a pensare a come vorresti tu che una mamma si relazionasse con te: immaginati una persona che ti dicesse: mi scusi professoressa, sono qui per parlarle perchè sono molto preoccupata e mi rendo conto che potrei addirittura sembrarle aggressiva. La prego di perdonarmi per questo ma vede il fatto è che......

Prova a pensare invece a una che ti viene a dire:  cara professoressa, sono anche io una insegnante e so che quello che hai fatto è sbagliato, io so che .....

in quale dei due casi ti sentiresti più disposta ad ascoltare e a riconsiderare ciò che hai fatto?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mafald@



Messaggi : 46
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 5:33 pm

@Ire,no, non dico che lo consiglierei ma dico che sarei tentata di farlo...
nella mia esperienza mi sono trovata a vedere bambini maturare un'esperienza devastante dal punto di vista dell'autostima e della motivazione allo studio durante l'intero quinquennio, accusati quando di essere "infingardi", svogliati, interessati solo "a cosa piace a loro"; e ho visto anche mamme stressate e angosciate, scisse tra la necessità di "costruire una relazione positiva" con la maestra e consolare il figlio in lacrime che non capiva perchè a scuola lo trattassero come un deficiente..ho visto i rapporti diplomatici e reverenziali via via trasformarsi in rapporti pieni di rabbia e di risentimento...e ho visto che chi ha più potere spesso ha la meglio...e il potere non lo hanno i bambini
certo tutto questo fa parte della vita e affrontare tutto questo fortifica...
ed è anche certo anche che ogni storia è una storia a sè..e io ho raccontato la mia personalissima.

ma è per queste ragioni che sarei tentata di consigliare un cambiamento, quasi a voler far risparmiare tempo ed energie, tuttavia utilizzo il condizionale proprio perchè la ragionevolezza propende verso altre scelte,che in ultima istanza sono sempre soggettive
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 6:03 pm

ah. che verrebbe voglia lo capisco. Sai quante volte............ :-)


Ma non è utile.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 6:37 pm

Scusate ma dal post di Milady non sembra che la maestra di matematica sia nuova... se così fosse magari ci potrebbe anche stare l'aver assegnato un compito troppo semplice... siamo ancora agli inizi e non conosce gli alunni. Ma se l'insegnante è la stessa che ha seguito il bambino anche in prima e in seconda... secondo me c'è un po' da riflettere... ci sarà un motivo se gli ha assegnato un lavoro di questo tipo... Inoltre mi sembra molto strano che Milady dica: "E' stata fatta una valutazione qualche mese fa, su mia idea..." ma le maestre non si sono accorte di niente? Di solito siamo noi le prime ad avvisare i genitori se c'è qualche difficoltà e a richiedere (sempre con molta cautela e delicatezza) una valutazione da parte di uno specialista...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 7:04 pm

E' una bella cosa quella che dici tu, maemonica, evidentemente tu e il tuo team siete attente e informate. Non è sempre così, non era così in passato, e questo ci sta, ma spesso non è così nemmeno ora. Sai quanti sono i docenti che non "credono" alle difficoltà non imputabili a "stupidità"? sai quanti sono quelli che dicono è Disattento, Svogliato, Asino?
Potrebbe essere benissimo che questa docente sia stata più realista del re, che abbia pensato: un bimbo così ha bisogno degli strumenti, io glieli concedo.  E può essere, anzi, credo che sia, assolutamente in buona fede.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Maryangel



Messaggi : 2902
Data d'iscrizione : 16.02.13

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 7:15 pm

Io sono d'accordo con Ire, il dialogo paga sempre. Quando ho avuto bisogno di parlare con le insegnanti dei miei figli (sia primaria che medie) non mi sono mai presentata come collega ma come mamma. Con gentilezza e rispetto del lavoro altrui, quando ho avuto dubbi sul metodo di insegnamento ho sempre chiesto e i docenti hanno chiarito tranquillamente.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 7:57 pm

Maryangel ha scritto:
Io sono d'accordo con Ire, il dialogo paga sempre. Quando ho avuto  bisogno di parlare con le insegnanti dei miei figli (sia primaria che medie) non mi sono mai presentata come collega ma come mamma. Con gentilezza e rispetto del lavoro altrui, quando ho avuto dubbi sul metodo di insegnamento ho sempre chiesto e i docenti hanno chiarito tranquillamente.
su questo sono d'accordo anche io! Il dialogo, la gentilezza e il rispetto credo che vadano bene in tutti gli ambiti... non solo a scuola!
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 9:37 pm

mah...secondo me invece è anche possibile che l'insegnante che già conosce i ragazzini, all'inizio del nuovo anno decida comunque di partir per gradi, spesso poi durante l'estate molti inciampano nell'effetto "regressione da svacco estivo"  facilmente superabile proprio con un rapidissimo ripasso dell'anno o degli anni passati.
ah...sì sì, sono io quella che suggeriva di cospargersi il capo di cenere... non c'è nulla, ma proprio nulla, ma nullanulla di peggio che affrontare il docente di tuo figlio facendo capire "che ne sai e spesso più del docente in questione"...fosse anche vero e non è detto anche considerando il coinvolgimento emotivo inevitabile che può portare a veri e propri svarioni interpretativi ecc... fosse anche vero comunque...inimicarsi l'adulto che passerà tante ore con tuo figlio non è il caso, non temo e non parlo di vendette o ritorsioni, spero che la maggior parte dei docenti, la maggior parte di noi insomma, sia meglio di come vien dipinta... ma non si sa mai...e poi l'antipatia per il genitore modifica comunque il rapporto docente/alunno, anche in maniera inconscia...
cambiar scuola deve essere il passo estremo, è comunque una fuga ed è il messaggio peggiore da passare ad un ragazzino in crescita, per non parlar del trauma causato dal cambio di ambiente scolastico e amici...percarità, per ora non pensiamoci nemmeno (piuttosto sarà la famiglia, a casa, a proporre passi avanti graduali così da affiancare, a casa, il percorso scolastico magari un po' rallentato da problemi vari -ambiente, elasticità e preparazione del docente,  alto numero di alunni con problematiche varie da seguire ecc-).
Tornare in alto Andare in basso
mafald@



Messaggi : 46
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Dom Set 22, 2013 10:10 pm

tellina ha scritto:

cambiar scuola deve essere il passo estremo, è comunque una fuga ed è il messaggio peggiore da passare ad un ragazzino in crescita, per non parlar del trauma causato dal cambio di ambiente scolastico e amici...percarità, per ora non pensiamoci nemmeno (piuttosto sarà la famiglia, a casa, a proporre passi avanti graduali così da affiancare, a casa, il percorso scolastico magari un po' rallentato da problemi vari -ambiente, elasticità e preparazione del docente,  alto numero di alunni con problematiche varie da seguire ecc-).
concordo che il cambiamento di scuola sia un passo estremo e radicale...non concordo che sia una fuga,almeno non in  questo caso


Ultima modifica di smill@ il Ven Ago 29, 2014 4:32 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8338
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Lun Set 23, 2013 8:20 am

@ Tellina, non so se si è capito, ma la penso esattamente come te. Semplicemente non lo chiamo cospargersi il capo di cenere ma essere un po' furbi
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Milady



Messaggi : 386
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Lun Set 23, 2013 2:00 pm

Grazie a tutte per i consigli.
Ora mi sento già un pochino più calma, dopo tre giorni.
La maestra lo segue fin dalla prima e l'idea di farlo valutare è stata mia (lei ha sempre detto che gli altri erano più avanti perchè secondi/terzi figli o cresciuti con i cugini più grandi).
@tellina: l'insegnante non è partita per gradi con tutti. Mercoledì c'era un amico a fare i compiti da noi e aveva cose completamente diverse...lì per lì ho pensato che mio figlio non avesse finito di copiare i compiti, invece lui ha detto che la maestra non glieli aveva fatti scrivere, dandogliene altri.
Adesso aspetto di sapere quando ci sarà il colloquio, poi vi farò sapere!
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Lun Set 23, 2013 3:52 pm

eh ma appunto...mica tutti devon ripartir per gradi...
se serve...si fa.
in caso contrario si evita volentieri anche perchè, come qualcuno ha già ben sottolineato, diversificare e personalizzare, seppure apparentemente "al ribasso e semplificando" richiede comunque un impegno maggiore della programmazione unica, uguale per tutti.
in bocca al lupo per tutto...non solo per il colloquio...
Tornare in alto Andare in basso
Milady



Messaggi : 386
Data d'iscrizione : 04.09.12

MessaggioOggetto: Re: Dareste un suggerimento a una mamma?   Lun Set 23, 2013 8:26 pm

Grazie, crepi il lupo!
Tornare in alto Andare in basso
 
Dareste un suggerimento a una mamma?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» [Articolo] Il bambino "troppo" amato - Processo a mamma e nonni
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» mia mamma e mio marito insistono...voi fareste un test?
» Finalmente sono mamma!!
» Ma ci sta tutto questo amore nel cuore di una mamma?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: