Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Ale78



Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 02.11.10

MessaggioOggetto: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Ven Ott 18, 2013 6:08 pm

Promemoria primo messaggio :

Secondo voi, se proponessi alla classe (una terza media) un tema sull'omosessualità andrei incontro a contestazioni e polemiche (o perplessità) da parte dei genitori degli alunni? Il tema sarebbe impostato su questa traccia: "L'atteggiamento della società nei confronti dell'omosessualità è stato spesso feroce e, nonostante l'attuale atteggiamento di apparente tolleranza, l'omofobia risulta ancora essere un problema molto grave. Che cosa ne pensi? Sviluppa l'argomento esponendo le tue opinioni e facendo riferimento anche a fatti di cronaca". In classe in effetti ne ho parlato nelle lezioni di educazione civica, facendo riferimento anche al caso del ragazzo gay di 14 anni morto suicida, ma ne ho parlato nel quadro più generale di una discussione sul fenomeno del razzismo.
Secondo voi, un tema specifico sull'omosessualità susciterebbe polemiche? Accetto pareri, penso di far fare il tema verso fine mese.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mar Ott 22, 2013 9:15 am

Mi domando come fra tutti i possibili esempi alternativi di "non discriminazione", partendo dall'omosessualità, si sia scelto un tema abbastanza eccentrico di "non discriminazione di un criminale"! A parte che c'è, a mio avviso, differenza morale e sostanziale fra un crimine da diritto civile, uno da penale o uno da amministrativo (quindi non metterei sullo stesso piano chi ha una condanna per multe non pagate e chi per uxoricidio, tanto per iniziare).

Ma poi, in linea generale, l'accostamento è proprio venuto così spontaneo per puro caso? O è un'associazione di idee radicata e profonda?

Da omosessuale trovo questa discussione, come altre avvenute su questo forum sul medesimo argomento, estremamente offensiva e urticante, anche se forse non ve ne rendete nemmeno conto, anzi mi pare che proprio vi manchino gli strumenti perché ve ne rendiate conto. E da insegnante ritengo che tutti gli argomenti, che siano la letteratura o la matematica o la chimica o il disegno, andrebbero proposti solo da chi se ne intende e sa di cosa sta parlando. Detto altrimenti, non improvvisatevi che ci si accorge subito del vostro bluff...

Ripeto quindi che la sensazione che l'argomento sarebbe lanciato così, a mo' di esplosivo per vedere l'effetto detonante finale, continua a essere molto forte, e tutta questa discussione me ne dà piena conferma.

Infine, quale sarebbe l'obiettivo pedagogico nell'affrontare questo tema?

Il bullismo omofobo, il senso di disorientamento di un ragazzo gay che si scopre tale, una società finto-perbenista che a parole predica bene ma negli atti razzola così male che persino Hitler se ne vergognerebbe, sono tutte cose che stanno lì, tronfie, come il monolite di Kubrick. E quindi o ve la sentite di affrontare questi argomenti, che un tema sulla discriminazione verso i gay porta con sé, oppure è meglio evitare: il minimo che può capitarvi è un genitore che arriva a scuola chiedendo spiegazioni al dirigente (cosa che è stata, appunto, ricordata e anzi quasi minacciata). E poi come la affrontate? Quali sarebbero i vostri argomenti a difesa? E già che io parli di "difesa" fa capire che il tema non è neutro, va giustificato e rischia la stigmatizzazione.

Tornerei senza indugi ai buoni vecchi temi sulle vacanze di Natale, l'ultimo film visto e qualche argomento di letteratura. Ricordiamoci sempre che siamo in Italia, non in Svezia o in Canada... cioè, prima di affrontare l'università, pensiamo a prendere la 5ª elementare...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mar Ott 22, 2013 9:34 am

Perdonami Albith. Se ho detto qualcosa che ti ha offeso, ancora non era mia intenzione.
E' evidente che non abbiamo gli strumenti, almeno quelli di noi che omosessuali non sono.
In questa, come in tutte le situazioni, se non le vivi non capisci e puoi solo cercare di non fare troppi danni.

Ho accostato la discriminazione verso i criminali a quella verso gli omosessuali non intendendola in questo senso ma intendendola (la discriminazione verso i criminali) l'unica forma di discriminazione che io, Irene, non riesco a superare.

Non volevo assimilare omosessuali e criminali.
Oppure esisteranno anche omosessuali criminali ma se li discrimino non lo faccio certo per le loro scelte di genere.

Cerco di venire incontro a te, che dichiari di essere omosessuale, ma ti prego di non arroccarti sulla tua posizione. Cerca tu di venire incontro a noi comprendendo che se qualcuno di noi "vi" difende è perchè sta facendo un percorso partito dal rifiuto culturale instillato dalla società in cui viviamo per arrivare all'accettazione della realtà che non tutti siamo uguali e che va bene così. Questo percorso, passa inevitabilmente per discussioni interiori che ascoltano i pro e i contro, le accuse e le difese. Siamo forse alla fase di difesa :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mar Ott 22, 2013 10:15 am

Ogni tanto farei a meno di certi "aiuti in difesa"... sembrano quelli di alcune ONG che ti chiedono 5 euro per aiutare i bambini affamati e poi ti mandano riviste patinate sul loro operato che ne costano 6,50 fra carta, imballaggio e spedizione...

L'inferno è lastricato di buone intenzioni, ma gradirei di più un bell'intervento di vigili del fuoco con canadair antincendio... proprio perché arroccato non sono, o forse così sembro a chi è ancora incatenato nella grotta a guardare ombre sul muro considerandole l'unico mondo possibile...
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mar Ott 22, 2013 10:58 am

Trovo anche io assolutamente inappropriato l'accostamento con la criminalità, ma non mi ci soffermerei. Detto questo però sembra quasi che per parlare di omosessualità si debba essere necessariamente gay, come se per parlare di rispetto delle donne si dovesse essere donna.
Pur riconoscendo molti limiti, qualche dilettantismo, e magari del pregiudizio malcelato in chi cerca di approcciare il tema con buone intenzioni, ma strumenti insufficienti; non credo proprio che quella di provocare l'uditorio (qui poi si parla di un uditorio di 12enni!) con temi "scabrosi e magari pruriginosi" sia nelle intenzioni di chi appronta un modulo, una lezione o una discussione in classe sul tema. Quasi che ci si voglia dipingere come "gente di mondo" parlando a ragazzini imberbi di omosessualità.
Spesso ci si trova ad affrontare questi temi su sollecitazione dell'uditorio e proprio per le finalità didattiche che cita Albith: per scardinare dal linguaggio abusate espressioni relative all'omosessualità rivolte a mo' di offesa, o per affrontare il disagio di uno o più alunni. Certo, di fronte a queste situazioni si possono riconoscere i propri limiti e far fare il tema sul Natale in attesa di aver raggiunto un grado di preparazione tale da meritare di parlarne, ma non capisco che vantaggio ne possa derivare alla classe.
Per tutto ciò che non riguarda strettamente il programma curricolare, i nostri strumenti sono quelli che sono. Lungi da me il volermi appellare al buonsenso, dal momento che la maggior parte delle persone (insegnanti compresi... giustamente si ricorda che siamo in Italia) non ne ha, ma si dovrebbe anche tenere in considerazione che gli "argomenti a difesa" variano con il contesto, e un insegnante che voglia essere efficace dovrebbe avere la capacità di modularli a seconda delle esigenze e delle possibilità della classe (che era poi il tema del post). Ho assistito a corsi rivolti ai ragazzi da psicologi preparatissimi e straordinariamente edotti sul tema, provenienti da associazioni, incapaci però di parlare nel linguaggio adatto: anche per loro si è percepito il bluff. L'insegnante della classe ha invece il vantaggio di saper riconoscere i temi giusti, approcciarli correttamente, presentarli nel modo adeguato: questo, ovviamente, in teoria...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mar Ott 22, 2013 11:41 am

Albith ha scritto:
Ogni tanto farei a meno di certi "aiuti in difesa"... sembrano quelli di alcune ONG che ti chiedono 5 euro per aiutare i bambini affamati e poi ti mandano riviste patinate sul loro operato che ne costano 6,50 fra carta, imballaggio e spedizione...

L'inferno è lastricato di buone intenzioni, ma gradirei di più un bell'intervento di vigili del fuoco con canadair antincendio... proprio perché arroccato non sono, o forse così sembro a chi è ancora incatenato nella grotta a guardare ombre sul muro considerandole l'unico mondo possibile...
O sei ingiusto o io non riesco a farmi capire ( e può succedere)

Non spreco le mie risorse a mandare riviste patinate di me stessa, credi.
Le sto mettendo tutte a disposizione "per aiutare i bambini affamati" e a dire la verità non ricevo nemmeno i 5 euro da nessuno.

Probabilmente sbaglio termini e toni parlando di omosessualità non essendo omosessuale, ma credimi, succede in ogni ambito di diversità e bisogna metterlo in conto-

Succede a me quando mi dicono
tuo figlio è dsa? ma poverino, guarirà?
che peccato un così bel ragazzo
dobbiamo lavorare sull'inclusione

tuo figlio è celiaco? scusami sai se abbiamo fatto la festa di compleanno senza di lui ma non sapevo come fare

Per te queste non sono sofferenze, non capisci come possano essere sofferenze, per me, se non sto attenta a cercare di capire che chi parla ha buone intenzioni possono essere la molla per farmi partire come una tigre a difesa dei miei cuccioli.

ti sembra di non essere arroccato. Lo sei invece. Ma ci sta.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mar Ott 22, 2013 5:42 pm

Beh, ma l'omosessualità non è un disturbo cognitivo e neppure alimentare, né ne soffro.

Forse sarò arroccato, ma davanti a un simile fuoco di fila vorrei ben vedere...
Tornare in alto Andare in basso
Ciccio8



Messaggi : 432
Data d'iscrizione : 25.11.12

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mer Ott 23, 2013 12:32 pm

Permesso... scusate, oooops, scivoloso qui! Mi reggo ad Albith se permette, in tutti i sensi, dato che condivido in pieno le sue sensazioni e i suoi commenti, poi saluto e vi lascio.

L'ultimo post di lucetta10 mi sembra un buon punto di osservazione della realtà, ricco di spunti giuti, sui quali meditare e dai quali ripartire. Non bisogna essere necessariamente gay per affrontare l'argomento, no... ma un'adeguata preparazione (almeno minima) anche per valutare correttamente quando e a quali soggetti rivolgere la lezione è certamente d'obbligo, l'impatto che esso continua ad avere sulla società, tutta - mamme/insegnanti comprese - è sempre motivo di amare riflessioni.

Un vigile del fuoco di passaggio.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mer Ott 23, 2013 12:48 pm

bella roba arrivare sentenziare e salutare :-D

ma che si fa così?

Devo dire che hai sentenziato in modo che mi piace, per cui ti lascio andare :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mer Ott 23, 2013 1:56 pm

Ale78 ha scritto:
"L'atteggiamento della società nei confronti dell'omosessualità è stato spesso feroce e, nonostante l'attuale atteggiamento di apparente tolleranza, l'omofobia risulta ancora essere un problema molto grave. Che cosa ne pensi? Sviluppa l'argomento esponendo le tue opinioni e facendo riferimento anche a fatti di cronaca".
Non trovo che la scuola debba farsi portavoce di tutte le problematiche del mondo odierno, né di proporle (anzi, imporle) ai ragazzi di quell'età. Non è che io sia fautrice di una scuola "sterile", decontestualizzata, senza alcun legame con il cosiddetto "mondo reale" e le sue attualità... comunque, per una riflessione scritta andrebbero proposte quelle tematiche, quelle dinamiche più consoni allo sviluppo cognitivo ed emozionale dei ragazzi... e anche meno "provocatorie", sinceramente.

Se è vero che ci sono dei ragazzi per cui la questione della loro sessualità è una questione bruciante, già a quell'età - fatto che non metto in discussione - è altrettanto vero che ci sono dei ragazzi per cui le questioni del genere, dell'orientamento sessuale, delle dinamiche sociali (presenti o del passato) e/o della "politicizazzione" di questo argomento difficilmente sono all'ordine del giorno alle medie, che non si troverebbero a loro agio con l'argomento e le cui coscienze, forse, dovrebbero anche essere prese in considerazione.

Se è vero che ci sono insegnanti e genitori che sono di opinione che la scuola debba esporre ragazzi a tutto, discutere tutto - niente taboo, niente argomenti rimandati a dopo ecc. - è altrettanto vero che ce ne sono ancora tanti che preferiscono NON aprire certi discorsi (soprattutto se giudicati essere fuori dalla portata cognitiva e/o esperienziale di un tredicenne medio) fin quando i ragazzi non siano in grado di affrontarli in una maniera più matura.

Può darsi che tu abbia una classe atipica.
La strangrande maggioranza di loro coetanei, per quanto io ne possa giudicare, non saprebbero nemmeno pienamente distinguere il wiring neurologico dalle scelte personali; saprebbero dir ben poco sullo sviluppo storico di un trattamento in chiave "moralista" dell'argomento, sugli intrecci di prospettive religiose con le dinamiche politiche; non avrebbero alcuna chiarezza concettuale sul ruolo della (pseudo-)scienza nel merito (cfr. la catalogazione storica dell'omosessualità come una malattia psichiatrica) - figuriamoci dire qualcosina sui vari ordinamenti giuridici e come trattano la questione (cfr. la questione del victimless crime e quadri etici e giuridici per cui il consenso non è il criterio massimo della legittimità e/o legalità di una transazione tra le parti); sulla dicriminazione de iure vs. quella de facto e in quali ambiti sono applicabili e/o praticate; sulla "politicizazzione" dell'argomento sia dalla destra che dalla sinistra e il ruolo dei media... e penso che perfino inquadrare l'argomento in un discorso più ampio sul razzismo sarebbe molto problematico (non so quanti di loro avrebbero la chiarezza concettuale necessaria per poter argomentare se si tratta di una sottospecie del razzismo o di un fenomeno a parte, spiegando in base ai quali criteri la pensano come la pensano).

Temo che si finirebbe per avere una banalizzazione dell'argomento - che è già di per sé un potenziale danno - come di solito succede quando ci si immischia in argomenti di cui si sa ben poco, sia a livello fondamentale, sia per via esperienziale.

Parlando poi in veste genitoriale, il tema mi darebbe fastidio, ma non nel senso che ci cercherei "secondi fini" nella scelta dell'argomento, e sicuramente non farei storie. Lo penserei però un'espressione di quella tendenza pedagogica - come la vedo io - di imporre certi argomenti troppo delicati e troppo sofisticati a età sempre più basse, con cui si rischia il doppio peccato della loro banalizzazione e della presunzione, svolgendo il tema, di capirne i legami e le dinamiche ben oltre la portata di un tredicenne medio. Trovo che non sempre si deve avere un'opinione su tutto, soprattutto non a tutte le età e soprattutto non avendo a disposizione, ancora, una rete personale di conoscenze che permetta a una persona di ambientare l'argomento e poi posizionarsi anche rispetto al proprio retaggio culturale-religioso e considerando le proprie esperienze nel merito.

Sinceramente, penso che ragazzini di terza media non siano all'altezza del tema proposto, in qualsiasi senso, e che la correzione dei compiti sarebbe molto frustrante.
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mer Ott 23, 2013 4:03 pm

Tendenzialmente dei ragazzi di terza media, come anche purtroppo spesso e volentieri (come si evince dagli esami di maturità) i ragazzi di quinta superiore, non sono all'altezza di una marea di temi possibili, proposti e non.

Comunque la scuola è amplissimamente decontestualizzata e non è che deve o non deve farsi portavoce di certe o tutte le problematiche di oggi. Semplicemente non può: facciamocene una ragione.

Molti di noi possono infatti ben dire di essere diventati adulti non grazie alla scuola bensì nonostante la scuola...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mer Ott 23, 2013 8:40 pm

Molti di noi possono infatti ben dire di essere diventati adulti non grazie alla scuola bensì nonostante la scuola..

già
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Mer Ott 23, 2013 11:51 pm

Albith ha scritto:
Molti di noi possono infatti ben dire di essere diventati adulti non grazie alla scuola bensì nonostante la scuola...
Direi che tutti siamo diventati adulti nonostante la scuola, le nostre esperienze di crescita e di maturazione personale non possono essere riconducibili alla scolarizzazione. :-)

Non lo considero un difetto della scuola però, penso che le cose dovrebbero essere così. Se l'universo interiore di un ragazzo è praticamente circoscritto alla scuola, determinato dalle esperienze scolastiche e poco altro, non è una buona cosa né per lo sviluppo intellettuale, né per lo sviluppo emotivo o sociale.

(Vorrei anche aggiungere che mi dispiace se risulto troppo "fervente" nel mio intervento precedente - rileggendolo mi rendo conto che è anche troppo lungo - è solo che davvero penso che temi del genere siano poco raccomandabili a quell'età, a prescindere dalle buone intenzioni del docente e dall'importanza sociale e politica dell'argomento in un quadro più ampio della convivenza civile. Spero di non aver offeso nessuno.)
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Gio Ott 24, 2013 12:17 am

I temi non sono poco raccomandabili per l'età dei discenti, ma per l'età della società.

Un tempo erano tabù temi come la parità fra uomo e donna, il divorzio, la discriminazione razziale. Concordo: ci sono temi, e l'omosessualità è solo uno fra i tanti, che una società, e quindi la sua scuola, ancora infantile non può e, direi anche, non deve affrontare. Le singole persone, avanzando nell'età adulta, li affronteranno da sé, appunto nonostante la scuola e si spera, soprattutto, nonostante la società.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 12:35 pm

Albith ha scritto:
I temi non sono poco raccomandabili per l'età dei discenti, ma per l'età della società.

Un tempo erano tabù temi come la parità fra uomo e donna, il divorzio, la discriminazione razziale. Concordo: ci sono temi, e l'omosessualità è solo uno fra i tanti, che una società, e quindi la sua scuola, ancora infantile non può e, direi anche, non deve affrontare. Le singole persone, avanzando nell'età adulta, li affronteranno da sé, appunto nonostante la scuola e si spera, soprattutto, nonostante la società.
Recupero quest'ultimo post per chiedere il vostro parere su un fatto che mio nipote, studente di liceo, mi ha raccontato, e che lo ha indignato molto.
L'insegnante di italiano ha proposto ai ragazzi di suggerire argomenti sui quali gli sarebbe piaciuto scrivere il prossimo tema. Tra le proposte, c'è stata quella di un tema sull'omofobia. L'insegnante, in uno slancio di quello che ha definito "democrazia" ha fatto votare le proposte arrivate. Tra queste, i maggiori voti li ha raccolti proprio il nostro tema. A quel punto però si è tirato inaspettatamente indietro, dicendo che con un tema del genere avrebbe messo tutte insufficienze, frase sibillina, di cui i ragazzi, su due piedi, non hanno chiesto ragione, e contro cui hanno abbozzato solo debolissime proteste, più sul metodo che sul merito.
Secondo quello che ha scritto qui sopra Albith, ha fatto bene questo docente? Io posso solo raccontare della reazione di mio nipote, che è rimasto molto deluso dell'atteggiamento del suo insegnante, me lo ha raccontato indignato quasi ne scaricasse la responsabilità anche su di me in quanto insegnante, ha interpretato il gesto come segnale di intolleranza, addirittura di omofobia. Continua a rimuginarci a casa, il suo insegnante ha perduto ai suoi occhi l'autorevolezza e la caratura che gli attribuiva prima. E' possibile che l'insegnante si sia ritenuto non all'altezza di trattare l'argomento e quindi si sia tirato indietro, ma ha fatto bene? In questo caso, la mancanza di una risposta a una sollecitazione dei ragazzi, non è stata più dannosa di una eventuale risposta inadeguata?


Ultima modifica di lucetta10 il Lun Nov 11, 2013 12:52 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 12:48 pm

Ha fatto malissimo. Se hai qualche problema con qualche situazione è piuttosto imprudente lasciare la scelta agli altri, devi prevedere che qualcuno possa sollevare un argomento che tu trovi difficile.

Cosa significa metto insufficienze a tutti?
sia a quelli che sono pro sia a quelli che sono contro?

O sei sereno nell'affrontare la vita per come si presenta o cerca di fare in modo che si presenti come la desideri tu.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 1:08 pm

Aldilà del fatto che, certo, non si sarebbe dovuto mettere in questa situazione, ammettiamo però che l'insegnante sia partito dalle considerazioni di Albith, che ritengo assolutamente sensate e anche condivisibili: che fare? Come evitare, in questo ma mi viene da pensare in molte altre circostanze, che il silenzio venga interpretato come una risposta omofoba?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 1:13 pm

Non stando in silenzio, ma spiegando che non si desidera affrontare l'argomento in un tema perchè.....

Fino a quando non sono grandi i fanciulli capiscono le cose se gliele si spiega ;-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 1:22 pm

e se non c'è stato casus belli?
L'episodio mi ha fatto pensare: non è possibile che i ragazzi interpretino come omofobo anche l'atteggiamento di un insegnante che elude sistematicamente un argomento così caldo per le stesse considerazioni che fa Albith? Che parlarne non sia forse effettivamente raccomandabile "per l'età della società", ma che non parlandone l'insegnante venga considerato come colpevole spalleggiatore di quella società e di quel sistema di valori? Come se ne esce?
Tornare in alto Andare in basso
laylac



Messaggi : 718
Data d'iscrizione : 26.08.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 1:38 pm

Scusate, proprio non capisco una serie di obiezioni. In realtà tutti gli argomenti possono essere affrontati (quasi) ad ogni età. Basta essere preparati a farlo e svolgerli in modo adeguato all'età di chi si ha davanti.
Ai miei figli, avendo molte carissime amiche omosessuali, ho sempre parlato tranquillamente dell'argomento fin da quando sono piccoli. Per loro oggi è del tutto naturale pensare che ci si possa innamorare di chi si vuole. I problemi sono arrivati quando a scuola i compagni hanno comincia ad usare il termine gay (magari...le varianti locali) come insulto. Se la scuola affrontasse l'argomento non farebbe un soldo di danno !
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 1:38 pm

se non c'è stato casus belli non vedo il problema.

Ci sono mille cose di cui non si parla a scuola e non è che questo significhi qualcosa di più del non averne parlato.

Voglio dire, se l'argomento non viene mai fuori, stai certa che è perchè ai ragazzi non interessa parlarne e/o non interessa conoscere il parere dell'insegnante altrimenti un casus belli lo creano ed è lì che il docente preparato decide: sono in grado di gestire la cosa? va bene parliamone
non sono in grado di farlo: va bene, spiego ai ragazzi il motivo per il quale non ritengo opportuno parlarne.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 1:44 pm

@laylac, per come la vedo io hai ragione da vendere. Tu però non tieni presente che anche qui abbiamo avuto una insegnante (che parlava in qualità di mamma) che ha onestamente affermato che si sarebbe inviperita se la scuola l'avesse fatto.
Tu però non tieni presente l'inspiegabile reazione del docente che ha raccontato lucetta.

Se non si è pronti, sarebbe bene prepararsi, diversamente meglio spiegare la non prontezza ed evitare.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
laylac



Messaggi : 718
Data d'iscrizione : 26.08.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 1:50 pm

Ire. Concordo in pieno ! Diciamo però che è alquanto triste che, nel 2013, ci siano EDUCATORI che non si sentano pronti e preparati ad affrontare l'argomento !
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 1:52 pm

si certo, ma non trattando altri temi non necessariamente si potrebbe incorrere nell'accusa o anche nel solo sospetto di essere omofobi.
Il fatto è che i ragazzi, e spesso giustamente, semplificano dove noi facciamo dialettica e sofismi (come probabilmente dimostrano per primi i miei dubbi), e quindi sono portati a credere, quasi spontaneamente, che l'insegnante che non cita mai l'omosessualità sia omofobo, con la conseguenza che quelli di loro (e ce ne sono molti) che omofobi già lo sono si sentano non dico spalleggiati ma autorizzati, e quelli che come mio nipote e i figli di laylac, che non lo sono, si indignano, ci guardano con sospetto e sentono che al loro modo di vivere la questione viene data pari dignità che a quello degli altri
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 2:26 pm

Mi sa che l'Italia è ancora il paese nel quale il genitore medio si preoccupa di più se l'insegnante di suo figlio è omosessuale che se è omofobo!
Tornare in alto Andare in basso
laylac



Messaggi : 718
Data d'iscrizione : 26.08.10

MessaggioOggetto: Re: Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?   Lun Nov 11, 2013 2:37 pm

Senza "mi sa" :-(
Tornare in alto Andare in basso
 
Tema sull'omosessualità: è proponibile a ragazzini di terza media?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» L'omosessualità piace a Satana
» consumismo natalizio
» Ma cos'è la disonestà?
» Per restare a tema!
» Thrive - Gioco sull'evoluzione

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: