Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 passare dallo scientifico al classico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: passare dallo scientifico al classico   Dom Ott 20, 2013 6:25 pm

Approfitto ancora di voi per ragionare un po'.

Il mio ragazzino che frequenta la 3 scientifico è un po' (molto) in difficoltà quest'anno proprio con matematica e fisica mentre va spedito e adora la filosofia, l'italiano e il latino.

E' davvero molto a disagio e proprio 5 minuti fa era qui a chiedermi di cambiare scuola e di andare al classico.

A parte che non so se sia una cosa che si possa fare, cosa ne pensate? riuscirebbe a recuperare il greco di due anni? ci sono altre materie molto diverse tra i due tipi di studi?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
serpina



Messaggi : 508
Data d'iscrizione : 21.02.13

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Dom Ott 20, 2013 6:36 pm

tutto si può fare: dovrebbe fare un esame integrativo per le materie che non ha fatto e per quelle con monte ore e programma diverso. questo però l'anno prossimo perchè ormai quest'anno è cominciato.
onestamente però mi sembra molto molto difficile che possa studiare il greco da solo: è una materia con cui hanno molte difficoltà anche i ragazzi che frequentano normalmente.

credo che le difficoltà del tuo ragazzo dipendano dal fatto che la terza è l'anno più rognoso alle superiori: il salto è grosso e può essere traumatico. penso che con l'avanzare dell'anno le cose andranno meglio.
puoi forse proporgli di studiare privatamente il greco per poi valutare insieme l'anno prossimo il da farsi, così sarà lui stesso a rendersi conto della fattibilità della cosa.

in bocca al lupo.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4700
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Dom Ott 20, 2013 6:59 pm

Con l'anno già iniziato le cose sono complicate.

Di sicuro dovrebbe fare un esame integrativo di greco, e ci vuole tempo per prepararlo, quindi non credo possiate ragionevolmente farlo prima dell'anno prossimo.

Dopo un mese di scuola, però, mi pare presto per alzare bandiera bianca. Certo che matematica e fisica allo scientifico pesano.
Tornare in alto Andare in basso
Woland



Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 01.09.13

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 12:17 am

Mi sembra molto difficile, non soltanto per il greco (due anni di biennio, in cui si studia tutta la grammatica, comprensiva di infiniti paradigmi da mandare a memoria), ma anche per il latino, la cui grammatica, allo scientifico, viene ormai da anni "spalmata" almeno su tre anni, se non su quattro; anche la tipologia di verifiche non è sempre equipollente; certo, il recupero potrebbe essere molto più facile, specie se sostenuto da un'adeguata motivazione, ma il problema del greco resterebbe - e, lo dico per esperienza, l'incontro con il greco del triennio è devastante già per chi abbia alle spalle un biennio tradizionale. Aggiungo che, ai tempi del (per me) terrificante "classico sperimentale", i passaggi da quest'ultimo a quello tradizionale avevano esiti spesso sconfortanti in termini di successo scolastico. E, parlando con onestà, dubito che, dopo un anno di greco appreso a lezione, un ragazzo possa essere in grado di affrontare il quarto anno (Isocrate, Platone in tutte le salse, e via dicendo).
Una strada meno irta di difficoltà, a mio parere, potrebbe essere invece quella del liceo pedagogico, che, se affrontato seriamente, può offrire una buona formazione umanistica a tutto tondo (greco a parte).

(P.S.: non volevo fare terrorismo psicologico, lo giuro; semplicemente, memore di trasferimenti di questo genere, intendevo fornire una panoramica chiara dei possibili scogli da affrontare, e sui quali riflettere con attenzione.)
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 16484
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 10:04 am

Woland ha scritto:

..................
Ho insegnato per più di 30 anni nel biennio ginnasiale e sottoscrivo in pieno le riflessioni di Woland :-)
Un passaggio dal terzo scientifico (ipotizzando la promozione a giugno 2014) al quarto liceo classico (perché di questo si tratterebbe, se non si volesse gettar via un anno) non è difficile, è impossibile.
Anche se ci trovassimo di fronte ad una volontà di ferro, anche immaginando un insegnante privato che impostasse un corso intensivo di greco per i mesi che mancano al termine dell'anno scolastico, nel frattempo ci sarebbe da seguire il normale curricolo del terzo scientifico per garantirsi la promozione.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 12:13 pm

Vi ringrazio. Farò leggere a mio figlio le vostre competenti osservazioni.

Lui ha l'impressione che mentre alcuni compagni capiscono subito la materia (ed è a mio avviso cosa possibile ma anche probabilmente solo una sua impressione) lui fatica molto ed è sconfortato.

Quello che gli ho detto io, e vi chiedo di confermarmi se il mio pensiero sia o meno giusto, è che innanzitutto deve guardare al proprio andamento scolastico e non a quello degli altri perchè ognuno a casa propria ha problemi che magari non racconta in giro. Intendendo che magari sì c'è chi ha facilità ma ci può benissimo essere chi non dice di prendere lezioni private.
Inoltre penso che ci possano essere argomenti più o meno ostici, anche se al liceo queste sono materie toste, e non è detto che essendo ora in difficoltà significhi esserlo sempre.
Gli ho chiesto di fare un promemoria delle cose che non ha capito e:
subito (non il giorno della verifica) andare dal professore con l'esercizio di casa fatto solo fino a dove lui riesce ad arrivare e chiedergli di spiegare di nuovo quello che non ha capito.

In alternativa di fare la stessa cosa e subito, non dopo tre argomenti che non ha capito, andare a ripetizione dal professore che già conosciamo e che abbiamo già sperimentato sa rendergli le cose chiare.

A lui dispiace essere costretto a prendere lezioni perchè si sente stupido (non è dsa e non è affatto stupido). Io non la vedo così. Vedo la terza liceo come un anno molto difficile e non vedo nulla di male ad avere un supporto in più.

Potrebbe usare anche altre strategie? E' giusto ciò che gli ho detto?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47879
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 2:06 pm

E' giusto. La terza è un anno di passaggio e presenta le sue difficoltà. Non so come sia andato il biennio, ma non sarà nè il primo nè l'ultimo studente del liceo scientifico che ha bisogno di qualche ripetizione in matematica e fisica. Il mio consiglio è quello di parlare con gli insegnanti: se ti dicono che è un momento di difficoltà, ma che può farcela, continua così; se ti dicono che invece lui e la matematica sono poco compatibili (ma avresti dovuto scoprirlo prima della terza), considera l'ipotesi di un riorientamento, ma non verso il liceo classico, per le ragioni che ti hanno spiegato.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 2:14 pm

Ha letto e il suo commento è stato: Ah, oh, se dicono così, ci proverò ancora.

Parlerò con gli insegnanti (ma non ha avuto che normali difficoltà nel biennio) e prenderà lezioni.

Grazie davvero.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 3:02 pm

Ci sono due punti che hai messo in rilievo: uno, che il ragazzo ha delle difficoltà nelle materie scientifiche, e due, che adora le materie umanistiche e filologiche.

A me interesserebbe di più quest'ultimo punto e, soprattutto, il contesto della sua genesi: se è un interesse "reazionario", una "crisi di identità intellettuale" (per dirla così) che nasce con le difficoltà con le materie che erano il suo interesse primario (in base a cui ha scelto lo scientifico), è una cosa. Allora anziché cambiare il percorso scolastico si dovrebbe forse puntare di più sulla soluzione dei problemi là dove ci siamo - perché di ostacoli ce ne saranno sempre, bisogna sforzarsi, studiare di più o cambiare metodi di studio, e affrontare le difficoltà, non "scappare" in un'altra scuola. Soprattutto se, in fondo, lui è interessato alle materie scientifiche e questo sarebbe il primo grande ostacolo che deve affrontare.

COMUNQUE, se il suo interesse alle materie umanistiche non è qualcosa di "reazionario", ma una vera passione, è un'altra cosa: può darsi che il ragazzo si sia sbagliato con la scelta della scuola superiore - e perché non offrirgli la possibilità di recuperare ciò che deve recuperare per affrontare gli esami integrativi? Meglio tardi che mai; inoltre, la formazione che offre un buon liceo classico è davvero la scelta migliore per ragazzi che hanno tali interessi.

Quanto al greco, capisco (e per esperienza personale! :-)) ragionamenti che ti sono stati offerti, infatti sarebbe un gran sacrificio per tuo figlio, il programma è impegnativo. Recuperare 2-3 anni di studio in un anno vuol dire che sicuramente dovrebbe rinunciare ad alcuni interessi, dedicare del tempo libero allo studio, investire dei soldi nelle lezioni private (probabilmente ne avrà bisogno, come aiuto), e soprattutto investire le sue energie che allora ovviamente non potrebbero essere investite in altre cose... è un sacrificio, sì. A quell'età, MOLTO pesante.
Ma... in fin dei conti, è una materia come tutte le altre. VOLENDO, si può fare in un anno - l'unica vera questione è l'analisi costi-benefici.


Ultima modifica di Chocolate il Lun Ott 21, 2013 3:26 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 3:17 pm

Questo è un ragazzo interessato a tutto.
Mi fai pensare a lui e ricordo che già alle elementari uno dei suoi passatempi preferiti era fare ricerche di storia.
Prendeva i libri dei fratelli più grandi, li confrontava con articoli che trovava in internet e produceva i suoi "libri" con le sue parole che raccoglievano le informazioni che aveva letto di qua e di là.
Non erano compiti di scuola, erano proprio passatempi per lui.
Però... anche adesso spesso quando ci capita di trovarci a tavola soli io e lui o in macchina mi intrattiene con spiegazioni dei vari fenomeni fisici
Lo sai mamma perchè se accelleri noi veniamo spinti all'indietro?

e mi spiega. E mi spiega bene.

A lui piace tutto, l'unica  cosa che veramente lo scoraggia è avere impressione di non capire. Si abbatte subito.
Ora sembra (almeno per questo pomeriggio) che le vostre parole lo abbiano convinto.
Lui sa che io sono disposta a fare qualsiasi cosa lo aiuti ad essere sereno, naturalmente dopo attenta analisi, come giustamente dici tu, compreso sobbarcarmi costi di ripetizioni e stanchezze varie  (che tanto si stanca lui, ma se la scarica su di me).  Vedremo.

Tra l'altro mi hai fatto ricordare, e ti ringrazio davvero per quello che hai scritto chi mi ha costretta a pensare, che al momento di scegliere la scuola superiore abbiamo cercato di proporgli la visita a tutte le scuole, come avevamo fatto per i fratelli. Non c'è stato verso, l'unica cosa che abbiamo potuto fare è stata visitare tutti gli scientifici in modo che lui potesse scegliere quello che gli piaceva di più. Non era quello che avrei scelto io, tra l'altro, ma alla fine aveva pure ragione. Fino ad ora si è dimostrata un'ottima scuola (episodi sporadici a parte)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4700
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 3:47 pm

Andando nel concreto, quali argomenti gli sono ostici?

Una parte sostanziosa del terzo anno di matematica è la geometria analitica. Si tratta di quello? Può usare un software gratuito, Geogebra, di grande utilità per rappresentare rette, circonferenze, ecc., lo conosce? Lo usa già?

Oppure si tratta delle equazioni irrazionali? Uno di quegli argomenti che sanno veramente bene solo 2 o 3 per classe?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 5:03 pm

Geogebra lo conosce e lo usa.

Valori assoluti, disequazioni ed equazioni il problema.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4700
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 5:39 pm

Ire ha scritto:
Geogebra lo conosce e lo usa.

Valori assoluti, disequazioni ed equazioni il problema.
Tipico, non mi meraviglia. Il problema è che bisogna ragionarci, non basta imparare una regola, come per le equazioni di primo e secondo grado.

So per esperienza che è difficile, ha provato a studiarla dal libro di testo (qual è, a proposito)?

Segnalo i video delle lezioni del professor Gobbino dell'università di Pisa, in particolare i pre-corsi, dove questi argomenti vengono spiegati. Chissà che non siano la soluzione.

Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 5:44 pm

Bergamini Trifone Barozzi - Manuale blu 2.0 di matematica

Grazie mille Mac, andrà a vedere le lezioni che hai segnalato. Ti farò sapere.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4700
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 6:03 pm

Ire ha scritto:
Bergamini Trifone Barozzi - Manuale blu 2.0 di matematica

Grazie mille  Mac, andrà a vedere le lezioni che hai segnalato. Ti farò sapere.  
La teoria del valore assoluto è spiegata bene, con la procedura da seguire ed esempi svolti. So che studiare dal libro è difficile, ma ha un buon testo, su cui forse vale la pena fare uno sforzo, ne guadagnerà in seguito. L'importante è capire il perché si procede in un certo modo.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Lun Ott 21, 2013 6:14 pm

grazie anche di questo
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
spielrein



Messaggi : 962
Data d'iscrizione : 14.11.12

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Gio Ott 24, 2013 2:00 pm

deve essere un ragazzo molto in gamba, fai bene ad essere così orgogliosa di lui.
Se va bene in filosofia e latino è strano che abbia dei problemi in matematica. Sei sicura che, invece di capire poco, il problema non sia che invece capisce "troppo"? a volte un'eccessiva inteligenza può essere causa di momentanei blocchi nel rendimento scolastico; problema, questo, spesso sottovalutato.
Forse si pone dei problemi troppo profondi... potrebbe essere. Succede spesso, ad esempio, nello studio della lingua straniera, dove ragazzi con una espressività linguistica spiccata e una particolare profondità di pensiero sembrano, in un primo tempo, avere dei problemi di apprendimento, mentre invece stanno solo cercando un loro equilibrio cognitivo interno, un modo per trovare i vocaboli straniere adatti ad esprimere concetti più complessi. In questi casi è solo questione di tempo, poi il salto di qualità avviene, se si riesce ad andare avanti con un po' di fiducia. Io ho scarsi ricordi di matematica, pur avendola amata molto al liceo, ma la dicitura stessa "equazione irrazionale" mi fa pensare a qualcosa di complesso che, paradossalmente, in un primo momento potrebbe creare problemi ad una mente pronta e profonda, che magari valuta aspetti di cui altri non si rendono neanche conto, senza avere uhn riscontro da parte dell'insegnante. Prova a fargli leggere anche questo post, per vedere se c'è qualcosa in cui si riconosce
Tornare in alto Andare in basso
spielrein



Messaggi : 962
Data d'iscrizione : 14.11.12

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Gio Ott 24, 2013 2:09 pm

... poi considera anche l'ipotesi che il suo sia un più generale problema di identità, anche questo spesso presente in ragazzi che "sanno fare tutto bene". Arriva il momento delle scelte, delle delimitazione dei confini, delle identificazioni. Qualcosa deve essere lasciato per strada, abbandonato, e altre materie invece vengono approfondite perché sono considerate più funzionali allo sviluppo dell'identità. Sa la scelta non è così consapevole (e non può esserlo del tutto, a quell'età) può darsi che un blocco cognitivo sia solo un aggiustamento, un modo per decidere quale strada prendere senza fare una scelta del tutto cosciente. Ci si orienta verso un'epistemologia coerente, le altre si abbandonano man mano. Anche questo è segno di intelligenza acutissima
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Gio Ott 24, 2013 3:18 pm

Ti ringrazio spielrein, mi piace molto quello che hai scritto perchè in alcuni momenti ritrovo in mio figlio un blocco che sentivo inspiegabile. Vista come l'hai posta tu, alcuni episodi si spiegano bene e il quadro si fa più chiaro.

Non sembra però questo ciò che accade in matematica e fisica.

Ieri sera ho incontrato gli altri genitori all'elezione dei rappresentanti diversamente dalle altre volte eravamo davvero tanti (addirittura la coordinatrice si è stupita della nostra massiccia presenza - aveva preparato poche schede di votazione e abbiamo dovuto farne fare all'ultimo momento).

Già questa la dice lunga.... quando siamo rimasti soli per le votazioni sono cominciati i primi timidi tentativi di sentire dagli altri ... non appena ci si è resi conto che il problema è comune si è delineato un po' meglio quello che sembra stia succedendo:

questa docente è la classica ballerina di classe in classe di anno in anno perchè tutti si lamentano e la soluzione adottata dalla dirigenza è di affibbiarla di volta in volta ad una classe diversa, si suddivide il peso della sua incompetenza assoluta tra tutti quanti.

Qualcuno che anche già la conosceva dice che la voce su di lei è che sia "anafettiva".

Qualche ragazzo ha provato a chiederle spiegazioni su cose che non aveva capito ed è stato zittito con, non sei stato attento.
La verifica disastrosa che hanno appena fatto, c'è stato un unico 6, gli altri voti andavano dal 2 al 4/5 era basata su argomenti che lei riteneva avessero dovuto conoscere perchè programma di prima.
I ragazzi le hanno detto che era un argomento che non avevano mai trattato, lei sulla verifica non ci ha creduto, poi evidentemente rendendosi conto della strage ha affermato che se non l'hanno trattato è peggio per loro, che si tratta di cose che avrebbero dovuto sapere e che lei certo non riprende il programma di prima. Che se le vedano da sè.

Abbiamo deciso di tenere sott'occhio la situazione.

Per quanto riguarda matematica, invece, la coordinatrice ha detto che in consiglio di classe si è pensato di attivare un percorso di riallineamento perchè si sono evidenziati diversi livelli di partenza. I ragazzi vengono da tre seconde diverse.

@mac, finalmente ieri il bimbetto ha deciso di andarsi a vedere quello che avevi suggerito. Si è chiuso un paio d'ore nella stanza del pc e ne è uscito sorridendo. Naturalmente mi ha detto di non aver capito nulla. Ma non sono le parole quelle che mi interessano, è il sorriso. Questo invece mi dice che le cose ora gli sono chiare. Grazie davvero.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
spielrein



Messaggi : 962
Data d'iscrizione : 14.11.12

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Gio Ott 24, 2013 4:19 pm

era giusto quello che temevo, nel mio timido ed eufemistico riferimento all'"insegnante che non riesce a cogliere"

non ti resta altro da fare, purtroppo, che aiutare tuo figlio a capire che il problema non è suo ma è della classe, è un problema collettivo che non deve portare sulle sue spalle da solo e che non deve portarlo a mettersi in discussione in modo così drastico.
Da mamma e per esperienza diretta, invece, ti posso solo consigliare di tenere duro per quest'anno. Sono rarissimi i casi in cui un insegnante viene allontanato ad anno scolastico avviato, se non per motivi gravissimi che non sono mai inerenti alla didattica. Spera solo che riescano ad allontanarla l'anno prossimo, senza che abbia nel frattempo causato troppi guai. Ricorda a tuo figlio che di per sè l'inserimento in un liceo classico non sarebbe una garanzia assoluta, anche lì potrebbe trovare un docente poco adatto al ruolo che ricopre, queste purtroppo sono cose imponderabili. In bocca al lupo :))
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Gio Ott 24, 2013 4:28 pm

Sì, ne sono consapevole, si tratta di organizzarsi un po' e per quest'anno supplire in qualche modo a ciò che il docente non riesce a capire.

Hai colto perfettamente la natura di mio figlio. E' esattamente il ragazzo che hai descritto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4700
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Gio Ott 24, 2013 5:00 pm

Ire ha scritto:

questa docente è la classica ballerina di classe in classe di anno in anno perchè tutti si lamentano e la soluzione adottata dalla dirigenza è di affibbiarla di volta in volta ad una classe diversa, si suddivide il peso della sua incompetenza assoluta tra tutti quanti.
Purtroppo questi casi esistono, perché nessuno si prende più la responsabilità di decidere "no, lei non ha i requisiti per l'abilitazione". Ne conosco anch'io, personalmente. Sono una iattura. In questi casi, il libro diventa la principale ancora di salvataggio.

Ire ha scritto:

Qualcuno che anche già la conosceva dice che la voce su di lei è che sia "anafettiva".
Questo dovrebbe avere poca rilevanza, se fosse competente. Cosa che pare non sia, da quello che dici dopo.

Ire ha scritto:

@mac, finalmente ieri il bimbetto ha deciso di andarsi a vedere quello che avevi suggerito. Si è chiuso un paio d'ore nella stanza del pc e ne è uscito sorridendo. Naturalmente mi ha detto di non aver capito nulla. Ma non sono le parole quelle che mi interessano, è il sorriso. Questo invece mi dice che le cose ora gli sono chiare. Grazie davvero.
Bene, spero sia servito. Questi video hanno anche il vantaggio (ovviamente) di potere essere rivisti più volte e i file pdf delle lezioni consentono di avere sottomano l'intera lezione "da sfogliare".
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Gio Ott 24, 2013 5:22 pm

Qui purtroppo i problemi sembrano tanti che non ci fermiamo certo sull'anafettività anche se non sono proprio d'accordo sul fatto che non abbia importanza in un docente.
Se non riesci a percepire l'angoscia dei tuoi studenti, la loro effettiva preoccupazione, come fai ad interrogarti sulle ragioni del cattivo andamento della classe? Non arriverai mai a pensare che potresti essere tu che ti poni in modo sbagliato.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
spielrein



Messaggi : 962
Data d'iscrizione : 14.11.12

MessaggioOggetto: Re: passare dallo scientifico al classico   Gio Ott 24, 2013 5:41 pm

a me più che un problema di anafettività sembra proprio una questione di logica. A cosa servono le verifiche iniziali, se non a testare i livelli di competenza della classe ed agire di conseguenza? il dovere di tenere conto dei livelli di partenza individuali è sancito per legge, figuriamoci quando si tratta di una classe intera. non se ne può fregare in questo modo.
Tornare in alto Andare in basso
 
passare dallo scientifico al classico
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» metodo sperimentale VS fede!
» Presentata alla Camera la terza giornata nazionale dello sbattezzo
» per quelle che non hanno allattato al seno
» con il tiralatte sparisce il latte?
» passaggio dalla culla al lettino

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: