Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Argomento "violento" della lezione?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Argomento "violento" della lezione?   Dom Ott 20, 2013 9:26 pm

Buona domenica sera a tutti.
Sono un insegnante di lettere alle scuole medie.
Ho una classe seconda, oltre che ad una terza, in cui insegno storia. La scorsa lezione ho trattato un approfondimento sugli strumenti di tortura utilizzati nel periodo della Controriforma. La lezione è stata a tratti frontale ed a tratti con l'uso della LIM (mi ero già preparato delle slide con i concetti chiave e con delle immagini raffiguranti principalmente gli strumenti - limitatamente a quelli che ho trovato sul web).

Ecco, il problema è che questa classe è indisciplinata, senza autocontrollo e soprattutto piuttosto poco omogenea (quelli più scalmanati, comunque, sono riusciti nel loro intento già l'anno scorso - da quel che mi è stato detto -, ovvero far casino durante l'ora di lezione, rendendo la classe uno zoo di animali.

Continuando, comunque, i ragazzi si sono mostrati piuttosto interessanti all'argomento, almeno inizialmente. Poi, però, è iniziato nuovamente lo zoo in classe ed io sono stato costretto a minacciarli con "Se non la smettete, queste cose le chiederò in verifica e nelle prossime interrogazioni" (non ho mai minacciato).
L'effetto è stato boomerang : hanno iniziato ad inveire contro di me, dicendomi che i loro genitori sarebbero andati a protestare dal preside per i contenuti violenti della mia lezione.
Subito me ne frego, poi parlo un secondo con la collega di inglese e vengo a sapere che quella classe è piuttosto famosa per le frequenti lamentele dei genitori al preside, sia sulla didattica sia su altre questioni.

Ecco, cosa faccio? I contenuti della lezione erano quelli che erano...quando si parla di strumenti di tortura e di uccisione non si parla di sicuro di pace ed amore!

A cosa andrò incontro? Help me! Grazie a tutti coloro che mi risponderanno!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Dom Ott 20, 2013 9:33 pm

Tranquilla e soprattutto non vacillare di fronte alle minacce di quattro ragazzini. La tua lezione era quella. I contenuti sono disciplinari e coerenti. Se la preside è abituata a prestare orecchio a cose del genere, non ha bisogno di lezioni sulla tortura. Magari però brucia i facinorosi sul tempo e vai direttamente tu dal dirigente a esporre i fatti, ma indignata per la reazione, non certo pentita. Di fronte a minacce così esplicite ci sarebbe stata una bella nota sul registro. Per chi ha pronunciato direttamente la minaccia, anche la sospensione
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Dom Ott 20, 2013 10:45 pm

Sono un uomo...
Comunque, il problema è che temo per i contenuti. Alcune torture, anche se spiegate il più terra-terra possibile, facevano ridere gli studenti
(alcune coinvolgevano organi sessuali femminili e femminili, altri il retto). Ciò mi ha fatto riflettere su quanto possa essere matura quella classe. Ovviamente, ciò che è stato fatto, è stato fatto. I genitori accontentano i figli ed allo stesso tempo, almeno dalle storie della collega di inglese, la Preside non sembra disposta al dialogo ed in modo particolare non vuole problemi.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Dom Ott 20, 2013 11:11 pm

Boh, ma è proprio necessario entrare in tutti quei dettagli truculenti, con tanto di immagini, parlando con una seconda media? Mi sembra evidente che, nel migliore dei casi, la prenderanno come un'eccitante trasgressione splatter invece che una lezione seria, ed è normalissimo che la buttino in caciara, specialmente se si tratta di una classe già agitata di suo! Cosa pensavi, che si sarebbero messi a riflettere, tutti compunti e moralmente coinvolti, sulla tragedia delle violazioni dei diritti umani nella storia?


Ultima modifica di paniscus il Dom Ott 20, 2013 11:55 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Dom Ott 20, 2013 11:39 pm

Concordo con le considerazioni di paniscus. A prescindere dall'intento educativo di alcuni contenuti andrebbe anche fatta un'analisi benefici-costi. E il contesto descritto propende per un maggior peso dei costi sui benefici.

Detto questo, visto che il dado è tratto, in caso di strascichi porterei il problema in sede di collegio dei docenti: il dirigente scolastico può anche inchinarsi alle pressioni di un gruppo di genitori incivili (non trovo un termine più benevolo) il corpo docente, almeno in via formale, no. E, a casa mia, gli obiettivi educativi li formula il collegio dei docenti, non il capoccia della bottega.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 12:21 pm

Effettivamente sei stato un po' troppo pulp visto il contesto...


Ultima modifica di lucetta10 il Lun Ott 21, 2013 12:32 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8321
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 12:30 pm

Ma è sempre il medesimo discorso: se avrai qualche lamentela difenditi dicendo che non hai raccontato panzane, che quelle cose sono avvenute davvero e che non si possono cancellare dalla storia non parlandone. E' bene sapere cosa abbiano fatto i nostri avi per rendersi conto che davvero nulla è nuovo sotto il sole ed è bene che i ragazzi non vivano solo di "amici" della defilippi.


Nessuno ti può fare nulla se non dirti che sei stato un po' ingenuo. Non sei tu il torturatore e i responsabili delle torture, di quelle torture, ormai sono morti.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
balanzoneXXI



Messaggi : 663
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 1:16 pm

A che cosa vai incontro?

Se ti lasci impressionare da queste fesserie ti verrà un burn-out galoppante.

Lasciali berciare, procedi con la verifica e fai fioccare le insufficienze senza nessuna remora.

Adesso dobbiamo farci mettere soggezione da quattro birbantelli.

Tanto non ti lascerebbero vivere in ogni caso.


Forse , come ti hanno fatto osservare alcuni colleghi, potevi evitare di proporre a ragazzi allevati alle forche argomenti un po' scabrosi( sebbene gioventù moderna sia perfettamente edotta sull'ultraviolenza) , ma ormai è fatta.

D'altronde, proprio perché l'hanno buttata in caciara, qualcosa in quelle testoline dovrebbe rimanere e poi tutto fa brodo, considerando che il futuro lascia intravedere una crescita del terziario "coercitivo". :-)

Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 1:37 pm

Vado controcorrente. Io, in questo caso, glisserei, eviterei la verifica e passerei oltre, sperando che la cosa finisca lì. Non concordo con Balanzone. Se procedi alla verifica e fai fioccare insufficienze, sicuramente arriverà qualche genitore e io, sinceramente, non trovo molto opportuno trattare l'argomento torture, tanto meno con organi genitali, in una seconda media. Sinceramente non lo farei nemmeno in V superiore. Non perchè sia coinvolto il sesso (in quinta parliamo di Aids e malattie a trasmissione sessuale, ma il tema in oggetto mi sembra un po' troppo). Posso immaginare che più di un tuo collega o il preside la pensi come me.
Tornare in alto Andare in basso
Ale78



Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 02.11.10

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 1:52 pm

Io in effetti credo che, in tutta onestà, il contenuto proposto sia di fatto adatto ad un pubblico adulto o, al più, a ragazzi di 4-5 superiore; infatti la riflessione sulle violazioni dei diritti umani poteva benissimo essere proposta anche senza far ricorso ad immagini così esplicite e che contemplavano anche le torture attraverso organi genitali. Mi immagino benissimo la scena, i commenti della classe, le battute oscene e provocatorie e quant'altro, ma credo che qualsiasi classe, anche relativamente educata, avrebbe reagito in modo simile. A volte anche il contenuto più educativo può diventare diseducativo se presentato in un certo modo, ovviamente non ti giudico, ma mi sembra che, da come descrivi il materiale, esso non fosse adatto a quel pubblico di ragazzini a cui insegni.
E poi, che cosa chiederesti nella verifica, di descrivere le torture con tanto di particolari? Uhmm, mi sembra un esercizio macabro fine a se stesso, se proprio voglio dirla tutta.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1782
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 2:09 pm

C'è libertà di insegnamento, nessuno ti può contestare la lezione che hai fatto, il modo in cui presentare il programma lo scegli tu.
Metti bene in chiaro questa cosa: sei il responsabile del tuo corso e nessun allievo o genitore può venirti a dire come svolgere il corso. Usa però bene la tua libertà: se ti accorgi (come forse in questo caso) di aver sbagliato direzione, non farti scrupolo di cambiarla! Basta che sia chiaro che è una TUA scelta, e non il frutto delle minacce strampalate della classe.
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 663
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 2:26 pm

A parte il fatto che ogni percorso didattico dovrebbe prevedere una verifica, secondo me ormai  non ti conviene tirarti indietro cedendo ai loro ricatti.

Nella mia ormai lunga carriera non mi sono mai fatto ricattare da qualche ragazzotto maleducato; semmai certe rogne ho cercato, per quanto possibile, di prevenirle.

Anche io sarei rimasto più sul generico parlando di inquisizione, ma tu non hai fatto niente di male,
anzi.

 Comunque, un insegnante non dovrebbe mai minacciare invano.

La verifica può essere benissimo congegnata in modo da evitare dettagli truculenti.Al limite non la preparare troppo difficile, così salvi capra e cavoli.

In questi casi ti devi chiedere : qual è il decisione più adatta a preservare il mio equilibrio mentale e la mia dignità professionale ?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 3:03 pm

Va bene, allora limitiamoci a quello che dice il libro, non svolgiamo approfondimenti di nessun tipo e soprattutto, inculchiamo agli studenti solamente nozioni in cui la Chiesa non sia dalla parte del torto. Stando a quello che dice il libro, infatti, l'Inquisizione Spagnola (che cita in nemmeno mezza riga) fu un periodo di proibizioni, di censura e di persecuzioni. Va bene, però non tocca realmente il problema; lo cita, a differenza.
Come fa uno studente a comprendere realmente l'inquisizione senza avere approfondimenti sulla caccia alle streghe, su Torquemada e sugli strumenti terribili che vennero usati per torturare e per uccidere? Si parla di un genocidio, non di pane e vino.

La prossima volta che mi capiterà dirò che la vittima veniva uccisa per condurla in un mondo migliore, va bene così?
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7526
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 3:15 pm

l'approfondimento in questo caso...ci sta.
appassiona, incuriosisce e solletica il lato splatter di ogni adolescente.
parlar di strumenti di tortura medievale potrebbe effettivamente farti guadagnar punti in una classe rognosa.
...ció detto però, considerata l'età e il mio ormai ben allenato spirito di sopravvivenza...unito ad una pratica di slalom tra temi rognosi che manco il Tomba dei tempi migliori mi sarebbe stato dietro...
ciò detto c'è modo e modo e soprattutto dettaglio e dettaglio.
hai esagerato? probabile, la prossima volta ci farai più attenzione...tutti noi impariamo anche e soprattutto dalle cantonate! ;-)
quanto alla verifica scritta anche io glisserei...fai una verifica generale sul programma di quel periodo e mettici un paio di domande sulle torture, la lezione l'hai fatta e bene anche...vanificarla mi sembrerebbe assurdo...
poi sta a te decidere quanto brrrrivido provare...se vuoi rischiare vai di domanda aperta se invece vuoi respirare meglio fai in modo di blindare la risposta.
...e buone tortur ehm...e buon lavoro!

p.s. io non imparo mai ed ogni anno, in terza media, parlando del realismo prendo sempre ad esempio "l'origine del mondo" di Courbet...ed ogni anno incrocio le dita (quest'opera in tanti anni di insegnamento ed altrettanti libri incontrati l'ho vista stampata solo un paio di volte...son passati secoli ma fa ancora. ..scandalo! ;-) ma appunto...a me ogni tanto piace provare il bbrrrrrrivido eheheh!).
Tornare in alto Andare in basso
Online
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 3:43 pm

Ciao, ti parlo oltre che da collega, da agnostica e critica letteraria con un forte interesse per la storia e per il Medio Evo.

Io posso dirti che, a trentacinque anni compiuti, con tutto che ne ho lette e viste di cose, mi sento svenire quando vedo strumenti di tortura medievale (cosa che mi capita d'altronde spesso, viaggiando molto e visitando castelli, fortezze etc), nonché quando ne sento parlare. Più che mai quando hanno a che fare con il sesso e le torture sessuali.

Tu sei un uomo, Santiago, e scusami se te lo dico, ma non puoi avere la stessa sensibilità di una donna di fronte a un certo tipo di argomenti spiegati con tanto di immagini e di dettagli, che a mio avviso sono più da specialisti dell'argomento o comunque da adulti, che non da ragazzi.

Figuriamoci la sensibilità di una ragazzina delle medie, che magari a quell'età volesse il cielo non è nemmeno necessariamente troppo smaliziata con il sesso (lasciamo stare che molte sue compagne lo sono). Perché costringerle a subite queste visioni, scusa ?
Hai mai pensato che potrebbero non dormirci la notte ?

Ci sono ambiti di ricerca, seminari e quant'altro ove le tue competenze troveranno senz'altro un luogo di esposizione e di apprezzamento congruo. Ci sono "call for papers" a bizzeffe sul medioevo e proprio sulla stessa tematica della tortura, sto partecipando io stessa a uno di questi, pensa.

In una scuola, mi limiterei a elencare dei dati evitando di scendere in troppi particolari, e ad usare espressioni comunque forti, quanto lo può esser la nozione di "bruciata viva" o di "vergine di ferro", ma evitando di parlare della tortura sessuale, che è quanto di più abietto e tremendo possa esistere al mondo - e che, per di più, potrebbe anche essere stata vissuta dal tuo pubblico, cosa ne sai tu se i tuoi alunni non l'hanno mai provata ?

Te lo dico sinceramente : se fossi la mamma di uno di quei ragazzini, io ti pianterei una grana a non finire, anche perché temerei (e di fatto non possiamo sapere) che certe immagini, in menti poco formate come quelle di un tredicenne, possano sortire l'effetto opposto e spingerli all'emulazione, a discapito proprio di mia figlia o mio figlio - o, chissà, forse proprio indurre in loro il desiderio di sperimentarli.

Non a caso, se esistono dei contenuti visivi la cui visione è riservata a un pubblico adulto, che non sono necessariamente pornografici ma vanno comunque a toccare una particolare zona della psiche quale la sessualità perversa, un motivo c'è - e te lo può confermare qualsiasi psicologo.

A me sembra questione di buon senso.

Non vedo perché considerare dei ragazzini delle medie, per quanto scalmanati e indisciplinati e esasperanti quali quelli che descrivi, come ciò che essi che non sono - ossia un pubblico adulto capace di vivere un'esperienza forte quale la visione e la descrizione di un materiale scioccante con le protezioni e le consapevolezze che solo un adulto può avere in quanto, appunto, ha una psiche più matura.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 3:53 pm

Ok, ma il fulcro della lezione non erano le torture attuate sugli organi sessuali. TRA LE TANTE, due o tre erano circa quell'argomento. Se i contenuti erano violenti ed i ragazzi lo hanno capito, benissimo, non dovrebbero avere problemi al non ripetere l'esperienza.
Tornare in alto Andare in basso
Tabeta



Messaggi : 1320
Data d'iscrizione : 10.10.10
Età : 47

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 3:58 pm

SantiagoM. ha scritto:
Va bene, allora limitiamoci a quello che dice il libro, non svolgiamo approfondimenti di nessun tipo e soprattutto, inculchiamo agli studenti solamente nozioni in cui la Chiesa non sia dalla parte del torto. Stando a quello che dice il libro, infatti, l'Inquisizione Spagnola (che cita in nemmeno mezza riga) fu un periodo di proibizioni, di censura e di persecuzioni. Va bene, però non tocca realmente il problema; lo cita, a differenza.
Come fa uno studente a comprendere realmente l'inquisizione senza avere approfondimenti sulla caccia alle streghe, su Torquemada e sugli strumenti terribili che vennero usati per torturare e per uccidere? Si parla di un genocidio, non di pane e vino.

La prossima volta che mi capiterà dirò che la vittima veniva uccisa per condurla in un mondo migliore, va bene così?
Ma cosa c'entra? Un conto è raccontare favole, un conto è parlare di torture agli organi genitali. Perchè vedi solo gli estremi? Non credi ci sia un limite?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 4:06 pm

SantiagoM. ha scritto:
Va bene, allora limitiamoci a quello che dice il libro, non svolgiamo approfondimenti di nessun tipo e soprattutto, inculchiamo agli studenti solamente nozioni in cui la Chiesa non sia dalla parte del torto. Stando a quello che dice il libro, infatti, l'Inquisizione Spagnola (che cita in nemmeno mezza riga) fu un periodo di proibizioni, di censura e di persecuzioni. Va bene, però non tocca realmente il problema; lo cita, a differenza.
Come fa uno studente a comprendere realmente l'inquisizione senza avere approfondimenti sulla caccia alle streghe, su Torquemada e sugli strumenti terribili che vennero usati per torturare e per uccidere? Si parla di un genocidio, non di pane e vino.

La prossima volta che mi capiterà dirò che la vittima veniva uccisa per condurla in un mondo migliore, va bene così?
Mi pare che ora tu stia estremizzando, e non nascondo qualche perplessità, anche per questi toni da iconoclasta, che mi paiono fuori luogo.
Prima manifesti il dubbio che la lezione proposta non fosse adatta, poi tu stesso ne esponi i contenuti, decisamente forti, probabilmente non adatti a far passare il messaggio, magari perchè proposti alla classe sbagliata, quindi inefficaci (che la lezione non abbia raggiunto l'obiettivo di "far comprendere realmente l'inquisizione" mi pare pacifico e su questo molti colleghi ti invitavano a riflettere).
Poi cambi idea e difendi le tue ragioni in nome di una battaglia di civiltà, che ci può anche stare.
Solo tu sai cosa hai proposto veramente e se la classe, che è la tua, era una destinataria adatta. Non condividere l'utilizzo di immagini di torture su organi genitali per un uditorio di dodicenni, non significa certo avallare una visione edulcorata e reazionaria della storia!
Decidi tu, ma se la tua lezione era adatta e coerente e ne rivendichi modalità e materiali con orgoglio, schiena dritta anche con potenziali contestatori vis à vis, alunni, preside, genitori. E fai la tua verifica: magari chiedi di commentare una delle immagini proposte.
Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 4:09 pm

Vedi caro Santiago io sono certa che tu hai agito con le migliori intenzioni possibili. Ma, probabilmente, non ti sei reso conto che avevi una materia troppo "incandescente" fra le mani.

Certe immagini, anche solo una o due, possono iscriversi nella mente di una persona e turbarla profondamente, in tutti i sensi. E noi non possiamo sapere come certe suggestioni possono essere colte o possono "fermentare".

Io ora non ti voglio angosciare e dire che nascerà il nuovo mostro di Milwakee, o che le ragazzine non dormiranno per colpa tua ! Io non ci avrei dormito di certo, te l'ho detto, anche ora mi ci sento male... magari per loro non sarà così.

Però ecco la "pedagogia" deve essere un concetto fondante dell'insegnante, così come la psicologia dell'età dello sviluppo. Dunque è opportuno tenerlo presente, altrimenti, se vogliamo fare come liberi pensatori svincolati da qualsiasi dovere o premura verso i nostri uditori, dovremmo andare tutti su una cattedra universitaria a parlare agli adulti e tanti saluti...

circa la verifica, ecco si io a questo punto lascerei da parte la tortura e mi concentrerei su altri aspetti, tipo le cause e gli interessi dell'Inquisizione e vedere il nesso fra la supersitzione e su quale terreo abbiano fermentato.
C'è, lo saprai meglio di me, Il Crogiuolo di Arthur Miller che è un capolavoro al riguardo. Perché non coinvolgerli in una recita tratta dall'opera ?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 4:11 pm

SantiagoM. ha scritto:
Va bene, allora limitiamoci a quello che dice il libro, non svolgiamo approfondimenti di nessun tipo e soprattutto, inculchiamo agli studenti solamente nozioni in cui la Chiesa non sia dalla parte del torto.
E adesso che c'entra il difendere la Chiesa?

Io non ho assolutamente detto una parola sulla chiesa, ho parlato solo di inopportunità di scendere in dettagli cruenti, e avrei detto esattamente la stessa cosa se quelle torture fossero state inflitte dai khmer rossi, dai nazisti, dai fenici o dagli aztechi, o anche dagli alieni.

Secondo me, semplicemente, non è opportuno invitare un gruppo di dodicenni (per di più descritti come particolarmente più agitati della media) a sguazzare nei dettagli truculenti di quello che loro, inevitabilmente, NON visualizzeranno come un serio invito alla riflessione, ma solo come un ghiottissimo fumetto dell'orrore, per di più di quelli che normalmente a casa sarebbero vietati, o comunque disapprovati...

...e che quindi, invece di far riflettere sull'orrore della violenza, non fanno altro che esaltare il brivido della provocazione e dell'umorismo di cattivo gusto.

Ovvero, tanto per ribadire il concetto: io, a differenza di altri intervenuti dopo, non mi sono sognata di dire che sia stato inopportuno parlare di dettagli anatomici sulle torture "perché altrimenti si traumatizzano", ma semmai esattamente il contrario: ho detto che secondo me è inopportuno perché si rischia di cogliere l'effetto esattamente opposto, ossia che la percepiscano come una cosa eccitante e trasgressiva, INVECE che come una cosa drammatica e adatta a far riflettere.

Certo che è veramente il colmo, io che vengo accusata di difendere la chiesa  : - )  

L.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 4:34 pm

SantiagoM. ha scritto:
Ok, ma il fulcro della lezione non erano le torture attuate sugli organi sessuali. TRA LE TANTE, due o tre erano circa quell'argomento. Se i contenuti erano violenti ed i ragazzi lo hanno capito, benissimo, non dovrebbero avere problemi al non ripetere l'esperienza.

Purtroppo però lo sono diventate (2-3 non sono mica poche!), e un insegnante dovrebbe prevederlo. Detta così sembra quasi che tu voglia rieducarli tipo Arancia Meccanica
Tornare in alto Andare in basso
Maryangel



Messaggi : 2902
Data d'iscrizione : 16.02.13

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 5:13 pm

tellina ha scritto:
l'approfondimento in questo caso...ci sta.
appassiona, incuriosisce e solletica il lato splatter di ogni adolescente.
parlar di strumenti di tortura medievale potrebbe effettivamente farti guadagnar punti in una classe rognosa.
...ció detto però, considerata l'età e il mio ormai ben allenato spirito di sopravvivenza...unito ad una pratica di slalom tra temi rognosi che manco il Tomba dei tempi migliori mi sarebbe stato dietro...
ciò detto c'è modo e modo e soprattutto dettaglio e dettaglio.
hai esagerato? probabile, la prossima volta ci farai più attenzione...tutti noi impariamo anche e soprattutto dalle cantonate! ;-)
quanto alla verifica scritta anche io glisserei...fai una verifica generale sul programma di quel periodo e mettici un paio di domande sulle torture, la lezione l'hai fatta e bene anche...vanificarla mi sembrerebbe assurdo...
poi sta a te decidere quanto brrrrivido provare...se vuoi rischiare vai di domanda aperta se invece vuoi respirare meglio fai in modo di blindare la risposta.
...e buone tortur ehm...e buon lavoro!

p.s. io non imparo mai ed ogni anno, in terza media, parlando del realismo prendo sempre ad esempio "l'origine del mondo" di Courbet...ed ogni anno incrocio le dita (quest'opera in tanti anni di insegnamento ed altrettanti libri incontrati l'ho vista stampata solo un paio di volte...son passati secoli ma fa ancora. ..scandalo! ;-) ma appunto...a me ogni tanto piace provare il bbrrrrrrivido eheheh!).

D:
Per me sei da denuncia!

Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 5:42 pm

Maryangel ha scritto:
tellina ha scritto:
l'approfondimento in questo caso...ci sta.
appassiona, incuriosisce e solletica il lato splatter di ogni adolescente.
parlar di strumenti di tortura medievale potrebbe effettivamente farti guadagnar punti in una classe rognosa.
...ció detto però, considerata l'età e il mio ormai ben allenato spirito di sopravvivenza...unito ad una pratica di slalom tra temi rognosi che manco il Tomba dei tempi migliori mi sarebbe stato dietro...
ciò detto c'è modo e modo e soprattutto dettaglio e dettaglio.
hai esagerato? probabile, la prossima volta ci farai più attenzione...tutti noi impariamo anche e soprattutto dalle cantonate! ;-)
quanto alla verifica scritta anche io glisserei...fai una verifica generale sul programma di quel periodo e mettici un paio di domande sulle torture, la lezione l'hai fatta e bene anche...vanificarla mi sembrerebbe assurdo...
poi sta a te decidere quanto brrrrivido provare...se vuoi rischiare vai di domanda aperta se invece vuoi respirare meglio fai in modo di blindare la risposta.
...e buone tortur ehm...e buon lavoro!

p.s. io non imparo mai ed ogni anno, in terza media, parlando del realismo prendo sempre ad esempio "l'origine del mondo" di Courbet...ed ogni anno incrocio le dita (quest'opera in tanti anni di insegnamento ed altrettanti libri incontrati l'ho vista stampata solo un paio di volte...son passati secoli ma fa ancora. ..scandalo! ;-) ma appunto...a me ogni tanto piace provare il bbrrrrrrivido eheheh!).
D:
Per me sei da denuncia!


direi che c'è una bella differenza tra una patata e una tortura su una patata!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 5:47 pm

Le immagini erano sugli strumenti di tortura più utilizzati (Vergine di Ferro, parlando della caccia alle streghe, il rogo o, comunque, quelli più generali!)

Non ho per nulla incluso, nelle immagini, cose che riguardassero gli organi genitali (parlato sì, mostrato immagini no!).

Io non rieduco in stile "Arancia Meccanica". Ho trattato :
- Mutilazione, sedia del tuffo, garrotta, sega, gogna, rogo, vergine di Ferro, ghigliottina, bollitura, lapidazione, morte per malattie o per carenze nutritive E la "pera".
Ecco, la pera è la benedetta arma del delitto.

Ero a metà lezione quando la cito molto velocemente (le slide erano di una classe 4º - l'anno scorso ero in un istituto tecnico) , anche perché gli studenti l'avevano già notata dalla slide ed avevano iniziato a chiedere cosa fosse (retoricamente), iniziando a ridere.
Tornare in alto Andare in basso
Ale78



Messaggi : 566
Data d'iscrizione : 02.11.10

MessaggioOggetto: Re: Argomento "violento" della lezione?   Lun Ott 21, 2013 6:40 pm

E ti sembra poco? Hai citato tutti gli strumenti di tortura possibili e IMMAGINABILI, non ne manca nessuno......................eppure, io francamente ho il sospetto che tu sia un fake, noi dialoghiamo tramite tastiera e non ci vediamo vis à vis, quindi per quanto mi riguarda il dubbio che tu non sia un docente e che il tuo post sia solo provocatorio è legittimo.
Tornare in alto Andare in basso
 
Argomento "violento" della lezione?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» [articolo] Lezione di sesso troppo esplicita
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» La settimana della passione (parlamentare)
» Armonia della Perfezione

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: