Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 DSA e diagnosi "datate"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
AutoreMessaggio
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: DSA e diagnosi "datate"   Mer Nov 06, 2013 11:51 pm

Promemoria primo messaggio :

In materia di PDP per gli alunni con disturbi di apprendimento, alle superiori, mi è capitato diverse volte di scontrarmi con questo problema: ogni anno ci si mette attorno a un tavolo a raccontarci le stesse cose, e a dover decidere un piano educativo vincolante per tutta la nostra attività successiva, basato su diagnosi compilate cinque, sei, sette anni fa, e mai più aggiornate.

E a noi tocca stilare un piano di studi personalizzato per un ragazzo di 15 anni, basato su test a cui è stato sottoposto quando ne aveva 8 (e ovviamente aveva una maturità di testa e una capacità di elaborazione autonoma molto diversa da adesso).

Normalmente a quel punto la sequenza teatrale è sempre la stessa: qualcuno di noi che si lamenta che quelle informazioni non sono più significative, e che sarebbe il caso di sollecitare un aggiornamento della diagnosi... e allora interviene il referente DSA della scuola (o in qualche caso, nemmeno il referente DSA, ma una generica collega-buonista-mammista che ha come unica missione nella vita quella di regalare facilitazioni a tutti, anche completamente alla cieca), e ribatte che "Non c'è nessun bisogno di aggiornare la diagnosi, perché tanto la dislessia non guarisce, e quindi tutto quello che è stato segnalato una volta, vale per sempre".

Ora, che la dislessia "non guarisca" lo sa anche il muro, e trovo sinceramente offensivo che me lo debbano venire a ribadire come se fossi una deficiente. Ma il punto è un altro: fermo restando che "non guarisce", è anche automatico che non si evolva in nessun modo, in parallelo con la maturazione generale del ragazzo?

Cioè, è categoricamente escluso che una difficoltà di apprendimento diagnosticata una volta in età precocissima, possa modificarsi nel tempo, possa migliorare o peggiorare, possa assumere forme diverse a seconda delle diverse richieste dei vari stadi di età, o che possa trovare spontaneamente alcune strategie di compensazione che in un quindicenne sono diverse da quelle di un bambino di otto anni?

Gli stessi test utilizzati per fare la diagnosi saranno calibrati sulle varie età e sui vari livelli di scolarizzazione, no? Non credo che per un adolescente a cui viene sospettato per la prima volta il disturbo a 16 anni, dopo 10 anni che va già a scuola, siano utilizzati gli STESSI test che si utilizzano in seconda elementare, e che svelino esattamente gli stessi dettagli...

Invece, nel caso di un ragazzo già certificato in età precoce, si arriva a sostenere che una diagnosi fatta a otto anni debba essere considerata affidabile in eterno, e sempre utilizzabile come base scientifica per stilare un piano didattico individuale adeguato a 15, a 16 o a 18.

Ma è possibile che tutte le malattie, tutte le disabilità, tutti i disturbi fisici, mentali, sensoriali o quant'altro, siano soggetti a evoluzione e mutazione nel tempo (e che tali mutazioni debbano essere giustamente prese in considerazione per gli interventi didattici e sociali)... tranne i DSA, che invece devono rimanere una sentenza inamovibile per sempre?

boh, non capisco...
L.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 3:32 pm

Valerie ha scritto:
paolacl84 ha scritto:
l'ultima fresca di giornata…
premetto che non ho letto completamente la nuova certificazione, ma un mio alunno dsa (dislessico, discalculico, disgrafico e disortografico) con la nuova certificazione non lo è più ma ora ha un QI molto vicino alla soglia più bassa!quindi bes per questo motivo….ma i neuropsichiatri che fanno?? giocano con la vita dei ragazzi???sono sempre più sconcertata….
Nella nostra zona alcuni sono fatti passare per dsa quando invece sono DA! Tutto per motivi di 'risparmio'! Contento il ministero che risparmia, contenti i genitori che pensano che i loro figli siano normodotati o al limite solo dislessici...
Credo che a tutti noi sia almeno una volta venuto il dubbio che il proprio alunno DSA fosse in realtà DA!
Non so quale sia il motivo, voglio augurarmi che i neuropsichiatri non pensino a salvaguardare i tagli alla scuola quando visitano i ragazzi, ma rimane il fatto che alcune diagnosi sollevano più di una perplessità... Sicuramente, come dice Valerie, molti genitori, e posso anche capirlo, si sentono tanto sollevati dalla diagnosi da non voler considerare ulteriori pareri.
Facendo un corso di aggiornamento la settimana scorsa, la formatrice, esperta degnissima e titolatissima, ci ha messo a parte di una ricerca in via di conclusione in cui si stabilirebbe che non è necessario che al DSA si associ un QI nella norma: certo sarebbe una rivoluzione, e spiegherebbe forse in parte alcune perplessità
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 3:45 pm

Non ne ho mai sentito (e questo non vuole dire che non sia argomento di cui si parla, non conosco certo tutto) ma mi sembra abbastanza  azzardato e poco professionale da parte di una esperta degnissima e titolatissima  informare qualcuno degli esiti di una ricerca non ancora conclusa. Comunque anche se così fosse, c'è la diagnosi, che per quanto datata sia indica chiaramente il valore del qi dell'alunno.


Ultima modifica di Ire il Ven Nov 15, 2013 3:53 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 3:45 pm

lucetta10 ha scritto:
Valerie ha scritto:
paolacl84 ha scritto:
l'ultima fresca di giornata…
premetto che non ho letto completamente la nuova certificazione, ma un mio alunno dsa (dislessico, discalculico, disgrafico e disortografico) con la nuova certificazione non lo è più ma ora ha un QI molto vicino alla soglia più bassa!quindi bes per questo motivo….ma i neuropsichiatri che fanno?? giocano con la vita dei ragazzi???sono sempre più sconcertata….
Nella nostra zona alcuni sono fatti passare per dsa quando invece sono DA! Tutto per motivi di 'risparmio'! Contento il ministero che risparmia, contenti i genitori che pensano che i loro figli siano normodotati o al limite solo dislessici...
Credo che a tutti noi sia almeno una volta venuto il dubbio che il proprio alunno DSA fosse in realtà DA!
Non so quale sia il motivo, voglio augurarmi che i neuropsichiatri non pensino a salvaguardare i tagli alla scuola quando visitano i ragazzi, ma rimane il fatto che alcune diagnosi sollevano più di una perplessità... Sicuramente, come dice Valerie, molti genitori, e posso anche capirlo, si sentono tanto sollevati dalla diagnosi da non voler considerare ulteriori pareri.
Facendo un corso di aggiornamento la settimana scorsa, la formatrice, esperta degnissima e titolatissima, ci ha messo a parte di una ricerca in via di conclusione in cui si stabilirebbe che non è necessario che al DSA si associ un QI nella norma: certo sarebbe una rivoluzione, e spiegherebbe forse in parte alcune perplessità
in che senso? io so che il QI sotto una certa soglia fa rientrare i ragazzi nei DA….
comunque è vero…è tutta una realtà in divenire…e noi siamo lì nel mezzo!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 3:50 pm

Ire ha scritto:
Non ne ho mai sentito (e questo non vuole dire che non sia argomento di cui si parla, non conosco certo tutto) ma mi sembra abbastanza  azzardato e poco professionale da parte di una esperta degnissima e titolatissima  mettere informare qualcuno degli esiti di una ricerca non ancora conclusa. Comunque anche se così fosse, c'è la diagnosi, che per quanto datata sia indica chiaramente il valore del qi dell'alunno.
...e perchè scusa? Basta chiarire, con tutte le cautele, che la ricerca non è conclusa e che non di esiti definitivi si tratta. D'altra parte per noi essere messi a parte di una ricerca non comporta assolutamente nulla, i nostri compiti sono ormai chiaramente stabiliti dalla legge.
Le sue informazioni erano di prima mano. Ovvio che nessuno di noi, a meno che non ce lo dica qualcuno addentro alla ricerca, non sa cosa si sta ricercando nelle università. Di sicuro, quello che sappiamo non è ultimativo, dubito che la ricerca sul DSA sia conclusa definitivamente!
Il dubbio di Valerie, che alunni con diagnosi DSA (quindi con QI nella norma - il QI non si misura mica con un prelievo!) siano in realtà DA non certificati correttamente (quindi anche che i valori del QI non siano proprio quelli della diagnosi) è di molti di noi, proprio perchè conoscono e operano con molti alunni DSA e molti alunni DA


Ultima modifica di lucetta10 il Ven Nov 15, 2013 3:57 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 3:55 pm

Perchè se la ricerca non è conclusa i risultati non sono certi. E allora non ha senso mettere "in allarme".

Inoltre abbiamo già il da-
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 4:02 pm

Ire ha scritto:
Perchè se la ricerca non è conclusa i risultati non sono certi. E allora non ha senso mettere "in allarme".

Inoltre abbiamo già il da-
E infatti come tali ci sono stati presentati. Non parlava mica a una platea di creduloni!

A quel punto bisognerebbe vedere come il legislatore interpreterebbe. DSA senza sostegno anche per borderline cognitivi? Non lo escluderei visti i tagli. Nel caso invece si ampliasse il sostegno anche ai "nuovi", ipotetici, DSA o meno, forse gli specialisti le cui diagnosi ci lasciano perplessi si sentirebbero più liberi di certificare reali deficit nel QI, che ora ci sembrano quanto meno dubbi
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 4:21 pm

eheh, cara mia. Sostegno? che è?

poi comunque parliamo sempre di serietà o meno del certificatore.

Sulla meno deve intervenire il codice penale, anche ora.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 4:46 pm

paniscus ha scritto:
Ecco, dopo aver letto gli sviluppi successivi chiarisco meglio che cos'è che contestavo prima, e che cos'è che mi ha sempre profondamente irritata nei discorsi su questo argomento.

Direi che è la sistematica attitudine (da parte dei veri o presunti difensori dei diritti della categoria) a una sorta di gioco dialettico delle tre carte.

Ossia, a seconda di cosa fa comodo dimostrare in quel momento, il DSA è una disfunzione però non lo è, è una condizione svantaggiata però non lo è, è una forma di abilità ridotta però non lo è, e così via.

Nelle pagine scorse abbiamo sentito dire, in ordine sparso:

- che la dislessia e altri DSA siano delle condizioni organiche neurologiche non modificabili, e però contemporaneamente che "non abbiano niente a che fare con l'organismo umano" e che non facciano parte del corpo umano;

- che siano solo "un problema di abitudine culturale", e però contemporaneamente che sono assolutamente strutturali e irreversibili, e che non esiste alcuna possibilità di prevenirle o di attenuarle;

- che guai a dire che la persona con DSA "ha un handicap" o "ha una disabilità", perché è offensivo (che poi, non ho capito, avere davvero una disabilità è offensivo?) però contemporanemente guai anche a richiedergli di fare le stesse cose come gli altri, perché è evidente che non può farcela;

- che la persona con DSA non è affatto "svantaggiata" (insinuare questo sarebbe offensivo), e però contemporaneamente ha bisogno assoluto degli strumenti compensativi "per essere rimessa in condizioni paritarie con gli altri" (e cosa ci sarebbe da compensare, se non è vero che è svantaggiata?);

- che la persona con DSA non ha nessun bisogno di "inclusione" (insinuare questo sarebbe più offensivo che mai) perché si sa includere benissimo da sola, e però contemporaneamente ha bisogno assoluto di strategie personalizzate per essere aiutata a non sentirsi troppo diversa dagli altri;

- addirittura, che il disturbo non sta nelle caratteristiche particolari dell'apprendimento dell'individuo, ma nei metodi sbagliati di insegnamento... e che il problema sarebbe risolto se solo tutto il resto del mondo si adattasse a utilizzare universalmente metodi fatti su misura per i DSA, invece di ostinarsi ingiustamente a utilizzare quelli standard che per secoli sono andati ragionevolmente bene per quasi tutti gli altri, e che ci vorrà mai?

Come a dire che non esistono i sordi, ma esiste solo un sistema sociale ottuso, insensibile e cattivo che si ostina a continuare a comunicare con il linguaggio parlato, quando invece basterebbe che tutto il mondo facesse lo sforzo di rinunciare completamente alla parola e utilizzare solo la lingua dei segni manuale, e i sordi smetterebbero di sentirsi diversi...

Insomma, io (contrariamente a ciò di cui vengo accusata), di preclusioni non ne ho, io solo vorrei essere informata sulle evidenze scientifiche attualmente accettate e condivise su questo argomento, e mi va bene qualsiasi evidenza definiscano e dimostrino gli esperti, basta che sia un quadro COERENTE!!!!!

Se invece mi si racconta contemporaneamente tutto e il contrario di tutto, con l'unica raccomandazione (per nulla scientifica, ma quasi sempre soltanto emotiva e sentimentale) di scegliermi volta per volta un'interpretazione a caso, quella che conviene di più in quel momento, basta che serva a rendere le cose più facili possibile al ragazzo e alla sua famiglia, a farli sentire meno a disagio possibile, e trovare il modo di dargli la sufficienza comunque...

...beh, se permettete, un po' presa in giro mi ci sento!

L.
il tuo ragionamento non fa una piega. Provo a spiegarti quello che ho imparato in questi anni.
secondo la nuova visione ICF la dislessia non e' certo valutabile come malattia. ma nemmeno chi e' sopra una sedia a rotelle ha una malattia. una malattia e' qualcosa che puo' essere curata e una malattia puo' farti anche morire. la dislessia no, la paralisi agli arti nemmeno. E' una stato, una condizione di un essere umano. poi il dislessico puo' compensare con i suoi strumenti (calcolatrice, computer), chi ha una paralisi agli arti inferiori compensa con la carrozzina.

ovviamente entrambi i soggetti si troveranno in difficolta':
- chi e' in carrozzina trovera' barriere architettoniche anche nelle citta' piu' attrezzate,
- chi e' dislessico si trovera' sempre a combattere con la letto - scrittura, anche fuori della scuola, e, anzi, fuori non ricevera' nessuna tutela, soprattutto nel mondo del lavoro.
trovo giusto che la scuola in qualche modo si adatti alle esigenze degli alunni tutti, (infatti l'insegnante di sostegno e' nato proprio per questo, non solo per i ragazzi con disabilita' - e chi dice il contrario evidentemente non e' del mestiere), rimane da chiedersi come questi ragazzi si adatteranno al mondo del lavoro che certo non puo' tutelarli.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 5:29 pm

Scusate, ma che c'entra il DSA con il quoziente intellettivo? Non dovrebbero essere due cose completamente indipendenti l'una dall'altra, e che si valutano su due piani diversi?

Ossia, non vedo il motivo per cui una persona che ha una diagnosi di ritardo mentale non possa essere eventualmente ANCHE dislessica per motivi diversi, né tantomeno il motivo per cui un diagnosticato dislessico non possa avere ANCHE qualche altro problema che non c'entra niente con il DSA. Come a dire che non è possibile che chi è celiaco possa essere anche miope, e siamo seri, che discorso è?

E la stessa cosa vale nella fascia opposta, ossia ho sempre trovato pretestuosa e patetica l'affermazione che "spesso i ragazzi con DSA hanno intelligenza sopra alla media".

Francamente, mi sembra proprio il tipico esempio di luogo comune buonista utilizzato come zuccherino per consolare i genitori che si trovano davanti al problema, rassicurandoli sul fatto che il loro figlio non solo "non è ritardato" (il che sarà verissimo), ma è pure superiore alla media, solo che il mondo crudele non è in grado di riconoscerlo.

Alcuni ragazzi con DSA avranno intelligenza superiore, alcuni inferiore, e alcuni nella fascia intermedia... esattamente come qualunque altra persona senza DSA presa a caso!

L.
Tornare in alto Andare in basso
marcella79



Messaggi : 399
Data d'iscrizione : 01.06.11

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 5:40 pm

paniscus ha scritto:
che c'entra il DSA con il quoziente intellettivo? Non dovrebbero essere due cose completamente indipendenti l'una dall'altra, e che si valutano su due piani diversi?
Assolutamente no. Il criterio della "discrepanza", infatti, cioè la differenza tra quoziente intellettivo e abilità scolastiche, è a tutt'oggi il principale criterio di diagnosi di DSA. Per definizione, dunque, gli alunni con DSA sono intelligenti, ossia hanno un Q.I. che li colloca nella fascia della normalità (da -1 a + 1 deviazioni standard) a fronte di prestazioni nell'ambito della lettura, della scrittura e del calcolo significativamente al di sotto della norma (- 2 deviazioni standard).
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 5:46 pm

Se un ragazzo e' "solo" dislessico non ha diritto al sostegno: per lui si applica la 170/10 poiché si ritiene che chi ha solo questo problema ma un qi nella norma, possa con duvuti accorgimenti compensare. Dove non sia possibile si dispensa.

se il ragazzo non e' solo Dsa, ma ha anche altre disfunzioni (es. un qi bordeline - ossia sotto la soglia della normalita' ma non nella fascia del ritardo mentale) non rientra nel novero della disciplina e per loro la legge prevede il sostegno. anzi direi prevedeva, poiché la normativa bes scarica tutti sui singoli insegnanti.

Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 6:51 pm

Ma se uno "non e' solo dislessico, ma ha anche altre disfunzioni" ha diritto al sostegno PERCHE' ha effettivamente quelle disfunzioni e non perché sia dislessico... ma questo mica vuol dire che se ha diritto al sostegno allora non può essere dislessico!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 7:36 pm

può avere un disturbo di apprendimento.
La stessa cosa dirai tu, e invece no.

Perchè il disturbo specifico di apprendimento si caratterizza proprio per la difficoltà di apprendere secondo modalità usuali. Non ci sono disturbi associati nè cause scatenanti che non siano quelle neurobiologiche che cominciano ad evidenziarsi in questi anni.

Cosa cambia?

Il sintomo è uguale ma non la causa e gli interventi devono essere diversi anche se in alcuni particolari ambiti si sovrappongono.

Esempietto che mi piace tanto e che faccio ai bimbi quando parlo della differenza tra un atto di teppismo e un atto di bullismo

Abbiamo mal di pancia.
possiamo avere mal di pancia perchè abbiamo mangiato porcherie e allora dobbiamo fare un po' di digiuno e passa tutto
possiamo avere mal di pancia perchè abbiamo un attacco di appendicite e allora dobbiamo operarci.

Il mal di pancia si chiama allo stesso modo, anche in caso di appendicite una dieta o un digiuno possono essere utili ma non bastano.

quindi il dsa è un soggetto con solamente un problema nell'apprendimento, assolutamente adeguato dal punto di vista cognitivo e con almeno un qi nella norma.

il da può avere anche problemi che corrispondono ma non ha solo quelli e deve avere supporti anche diversi.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 8:29 pm

Quindi mi stai dicendo che la persona con DSA ha delle strutture neurofisiologiche tali da causare il DSA... e mi stai dicendo CONTEMPORANEAMENTE che però quelle stesse identiche strutture neurofisiologiche, invece, sono causa di DSA soltanto se si presentano da sole, mentre smettono di causare il DSA se sono presenti in contemporanea con altri fattori?

Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 8:42 pm

paniscus ha scritto:
Quindi mi stai dicendo che la persona con DSA ha delle strutture neurofisiologiche tali da causare il DSA... e mi stai dicendo CONTEMPORANEAMENTE che però quelle stesse identiche strutture neurofisiologiche, invece, sono causa di DSA soltanto se si presentano da sole, mentre smettono di causare il DSA se sono presenti in contemporanea con altri fattori?

Lisa
non è che smettono di causare il problema, diciamo che prevale da un punto di vista della valutazione il problema più grave, non nel senso che non sia più dsa ma che la dislessia "passa in secondo piano". Poi tu puoi trattare da dislessico comunque anche un alunno con la legge 104, ma il problema che lo ha fatto rientrare come 104 prevarrà sempre!
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Ven Nov 15, 2013 9:55 pm

un ragazzo dislessico diciamo "puro", e' tale solo perché la parte del cervello che fa scattare l'automatismo della letto-scrittura non si attiva (detto un po' semplicisticamente). il problema e' e deve essere solo quello. allora si avra' DSA. anche il mio ragazzo con la sindrome di down legge male, scrive male, sovrappone lettere e numeri ma la causa e' diversa (nel suo caso e' la sindrome di down che genera cio'). gli effetti nella letto-scrittura sono per sommi capi gli stessi, le cause ovviamente diverse.
quindi se un ragazzo ha diverse problematiche di apprendimento, compreso problemi di letto scrittura , non possiamo definirlo DSA

Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Sab Nov 16, 2013 11:42 am

faccio un'altra riflessione. il fatto che ci siano insegnanti che chiedano in un forum delucidazioni in merito ai DSA mi fa capire che la 170 non funziona. essa infatti prevedeva la formazione dei docenti tutti a carico celle scuole, formazione che nessuna (o pochissime) ha garantito. I docenti si ritrovano a lavorare conseguentemente per tentativi ed errori, anche a danno degli alunni stessi. Oppure, come sta accadendo a me, chiedono all'insegnante di sostegno presente in classe di dargli una mano, cosa che trovo alquanto contraddittoria e inoltre lesiva degli interessi degli alunni che seguo.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Sab Nov 16, 2013 4:10 pm

carla75 ha scritto:
faccio un'altra riflessione. il fatto che ci siano insegnanti che chiedano in un forum delucidazioni in merito ai DSA mi fa capire che la 170 non funziona. essa infatti prevedeva la formazione dei docenti tutti a carico celle scuole, formazione che nessuna (o pochissime) ha garantito. I docenti si ritrovano a lavorare conseguentemente per tentativi ed errori, anche a danno degli alunni stessi. Oppure, come sta accadendo a me, chiedono all'insegnante di sostegno presente in classe di dargli una  mano, cosa che trovo alquanto contraddittoria e inoltre lesiva degli interessi degli alunni che seguo.  
Se il ministero manda sempre meno soldi, come si può seriamente fare formazione? A Roma se ne lavano le mani, hai visto qualche formazione sui nuovi ordini di scuola, entrati in vigore 4 anni fa? Ci lasciano soli, ci massacrano e continueranno finché non siamo ridotti ai minimi termini.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Sab Nov 16, 2013 6:14 pm

paniscus ha scritto:
Quindi mi stai dicendo che la persona con DSA ha delle strutture neurofisiologiche tali da causare il DSA... e mi stai dicendo CONTEMPORANEAMENTE che però quelle stesse identiche strutture neurofisiologiche, invece, sono causa di DSA soltanto se si presentano da sole, mentre smettono di causare il DSA se sono presenti in contemporanea con altri fattori?

Lisa
Affatto.
Ti sto invece dicendo che un disturbo di apprendimento può essere causato da diversi fattori.

Il Disturbo Specifico di Apprendimento per definizione è quello causato da una particolare conformazione neurobiologica che attiva le risposte cerebrali in modo diverso rispetto a quelle di un non dsa e a causa di queste diverse risposte bisogna diverse modalità di input delle informazioni.
Bypassato questo problema il dsa apprende e bypassato il problema della verifica calibrata sulle modalità di un non dsa, il dsa rende perfettamente conto del suo apprendimento.

Il Disturbo di apprendimento non DSA invece è causato non da quella conformazione neurobiologica che attiva le risposte cerebrali in modo diverso ecc ecc ecc
ma da altri fattori:
ritardo cognitivo
sindromi di vario tipo
adhd
traumi
altro

i portatori di questi tipi di disturbi possono senz'altro ottenere qualche beneficio dall'utilizzo dei mezzi comp e disp utilizzati per i dsa. Ma non basta perchè per loro la difficoltà di apprendimento è solo uno dei tanti aspetti del loro problema.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Mer Nov 20, 2013 5:56 pm

vediamo se qualcuno mi risponde ancora…
avevo scritto in questa discussione su un mio alunno passato da dsa a non più dsa. oggi ho letto la certificazione (il solito foglietto fronte-retro scarno) che lo fa rientrare nei bes per un QI basso, borderline. Ho anche scoperto che la neuropsichiatra che ha firmato la certificazione non ha effettuato lei i test ma una ragazza del suo team. Quindi se da dsa non si guarisce la certificazione di prima era errata?o quelli di adesso fatta da un altra persona può dare una valutazione diversa?non credo che la compensazione arrivi al 100 % per nascondere una dislessia o una discalculia….
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4611
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Mer Nov 20, 2013 6:40 pm

Azzardo un'ipotesi: il ragazzo è sempre stato border line cognitivo, ma non gli è mai stato riconosciuto il problema per via dei tagli agli insegnanti di sostegno. Piuttosto che niente gli era stato diagnosticato un DSA in modo che avesse diritto ad una personalizzazione ufficiale con PDP. Ora con la legge sui BES il problema non sussiste più: può essergli riconosciuto un border line in modo che il ragazzo possa rientrare tra i BES e abbia un suo percorso con PDP.
Detto in parole povere, come abbiamo già da tempo capito, i BES altro non sono che una manovra di chi ci governa per risparmiare sugli insegnanti di sostegno e scaricare sulla scuola problemi che essa non può né gestire né tantomeno risolvere.
Gli unici che potrebbero ribellarsi sono i genitori i quali, però, sono contenti di non avere un figlio con handicap, anche se solo sulla carta.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Mer Nov 20, 2013 6:49 pm

io non so più come pensarla…
un QI bordeline (di poco sopra la soglia di allarme) potrebbe starci ma non "togliere" il dsa… se l'anno scorso i test dicevano una cosa ora ne dicono un altra…bah...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Mer Nov 20, 2013 9:36 pm

Scusa, cosa significa fronte retro scarno sulla certificazione?
Qui certo c'è un qualche gioco di prestigio per un qualche motivo.
Non sulla pelle del ragazzo che tanto BES o DSA ha diritto agli strumenti.

Ci devo pensare a quale possa essere la ragione di cancellare un dsa per passarlo a BES. @Valerie, se fosse per il risparmio sul sostegno non avrebbe senso, il dsa non ha sostegno.
Mah, ci ragiono un po'

Per il fatto invece della ragazza del team che ha somministrato i test tranquillizzati è una cosa che succede spessisimo nelle strutture pubbliche che impiegano tirocinanti. La somministrazione è a carico loro e la lettura ed interpretazione è affidata al responsabile.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Valerie



Messaggi : 4611
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Mer Nov 20, 2013 9:39 pm

Ire ha scritto:
@Valerie, se fosse per il risparmio sul sostegno non avrebbe senso, il dsa non ha sostegno.
Appunto! Se invece gli avessero riconosciuto un ritardo cognitivo avrebbero dovuto dargli il sostegno...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: DSA e diagnosi "datate"   Mer Nov 20, 2013 9:43 pm

D'accordo e su questo ci siamo.

Ma perchè togliergli il dsa allora? che lasciassero tutto com'era, facevano meglio figura.

O andavano sul qi nettamente nel ritardo - e allora arrivava il sostegno
ma portarlo a BES e non lasciarlo a DSA cosa è cambiato?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
DSA e diagnosi "datate"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 5 di 6Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
 Argomenti simili
-
» Diagnosi preimpianto
» Procreatec e diagnosi preimpianto
» Diagnosi pre-impianto chi di voi ha fatta e con quale risultato?
» vorrei condividere con voi queste informazioni - diagnosi preimpianto
» Diagnosi online...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: