Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 A quando il nuovo contratto?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
gugu



Messaggi : 25613
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: A quando il nuovo contratto?   Mar Dic 24, 2013 6:14 pm



Come affermato da Carrozza nel 2014 si avvierà il rinnovo contrattuale, ma con il blocco della parte economica per tutto il 2014 cosa succederà? Verrà ipotizzato un contratto per il 2015-2016? Si faranno solo cambiamenti normativi rilevanti o meno?

A quando i primi incontri con le OOSS ?
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 16430
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: A quando il nuovo contratto?   Mar Dic 24, 2013 6:31 pm

Non ho seguito gli ultimi sviluppi, ma un contratto può essere rinnovato solo per la parte normativa, confermando le tabelle stipendiali allegate al precedente.
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25613
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: A quando il nuovo contratto?   Mar Dic 24, 2013 7:55 pm

fradacla ha scritto:
Non ho seguito gli ultimi sviluppi, ma un contratto può essere rinnovato solo per la parte normativa, confermando le tabelle stipendiali allegate al precedente.


E proprio in questa parte che qualcuno temeva oneri aggiuntivi a parità di stipendio.
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 16430
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: A quando il nuovo contratto?   Mer Dic 25, 2013 7:01 pm

Volevo solo dire che il blocco degli stipendi non è d'ostacolo al rinnovo della parte normativa.

Che poi si possa temere un peggioramento (in qualunque senso) delle condizioni contrattuali, è altro discorso :-(
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: A quando il nuovo contratto?   Mer Dic 25, 2013 8:27 pm

fradacla ha scritto:
Volevo solo dire che il blocco degli stipendi non è d'ostacolo al rinnovo della parte normativa.

Per il momento a loro basta ridurci il montante retributivo (con il blocco dei contratti e degli scatti), a cui si applicherà l'aliquota del 33% (cioè una riduzione del 66%) per determinare il montante contributivo, a cui si aggiungerà un misero 1% di tasso di capitaliazzazione Istat (valore medio quinquennale del Pil) e questa somma verrà decapitata mediante il coefficiente di trasformazione che sarà del 5,65% per chi andrà in pensione a 67 anni (ma il coeff. di trasformazione viene cambiato ogni triennio, quindi ci aspettiamo il peggio). Questa la ferrea legge del sistema pensionistico contributivo, che i pensionati retributivi non si immaginano neanche! Le fortune di essere nati trent'anni prima e di essersi avvantaggiati - anche nel piccolo - di un sistema Politico che ha raschiato il barile a scapito delle giovani generazioni.

Ogni rinnovo economico del Contratto cancellato e ogni anno perduto nell'anzianità di carriera è un investimento di risparmio non tanto per gli stipendi attuali, quanto per le pensioni future... oggi che utilizziamo il sistema di calcolo contributivo, che non regala nulla (ma anzi, toglie) rispetto alle pensioni regalate retributive.

Il brutto è che al momento non ce ne rendiamo conto, perchè il montante retributivo inganna (e non dà il senso del montante contributivo): ma... basta farsi il calcoletto è tutto diventa chiaro!

---

Ma le pensioni (retributive regalate) continuano ad essere adeguate al costo della vita (dopo il blocco Fornero): e gli stipendi dei lavoratori in servizio non serve adeguarli al costo della vita ma anzi vengono bloccati sia come rinnovi contrattuali che come scatti, anche in previsione del montante contributivo utile per la pensione?

Ovvio che no, perchè siamo in una Societàm gerontocratica e il Sindacato ha un enorme bacino di utenza tra i Pensionati.

Si può - per chi volesse - revocare la delega sindacale, senza muoversi da casa, inviando una mail Pec.
1) Scaricare il modulo da
http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&cad=rja&ved=0CC8QFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.anief.org%2Fuserfiles%2Ffile%2FMODELLOREVOCA.doc&ei=qe62UobgF6TByQOS-YFw&usg=AFQjCNFEU4WMA5bk6tiFxe2dnk2GMDXvAw&bvm=bv.58187178,d.bGQ

2) Stamparlo, firmarlo, scannerizzare il modulo compilato.
3) Anche se ne modulo è presente l'indirizzo della Scuola e del Sindacato, non serve nè inviare alla Scuola nè al Sindacato: inviare solo alla Ragioneria Provinciale.
4) Fotocopiare e scannerizzare il documento di identità.
5) Trovare in web l'indirizzo di posta elettronica CERTIFICATA della Ragioneria Territoriale pagatrice della propria provincia.
6) Spedire da un proprio indirizzo di posta elettronica CERTIFICATA all'indirizzo Pec della Ragioneria territoriale i due allegati (modulo e fotocopia documento).
7) La trattenuta sarà revocata già dal mese successivo o al massimo in due mesi.

Con la stessa tempistica, si può - quando lo si vuole - riattivare la delega sindacale con la stessa procedura e col modulo reperibile nel sito del Sindacato scelto.
Tornare in alto Andare in basso
 
A quando il nuovo contratto?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Astensione obbligatoria e facoltativa con contratto a tempo determinato.
» Di nuovo pioggia di capelli
» Quando bisogna mangiare tanta carne?
» Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando è nata Benedetta
» di nuovo pressione alta

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: