Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
anto_67



Messaggi : 45
Data d'iscrizione : 26.08.12

MessaggioOggetto: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Dom Gen 05, 2014 5:27 pm

Promemoria primo messaggio :

“Non oberare gli studenti di lavoro con compiti che diventano dei veri e propri fardelli, ma sostituire con i libri: cibo per la mente, strumenti di crescita divertenti ed appassionanti”

http://27esimaora.corriere.it/articolo/basta-compiti-a-casafanno-male-ai-bambinie-creano-disparita/


Aboliamo anche le verifiche, i compiti in classe e qualsiasi tipo di valutazione?




Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Lun Gen 06, 2014 3:37 pm

Gian, facciamo flick e flock ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Lun Gen 06, 2014 3:45 pm

mark12 ha scritto:
paniscus ha scritto:
Mark, la scuola NON E' un servizio di informazione culturale generica, concepito perché ogni singolo individuo possa andarci liberamente per informarsi sugli argomenti che gli piacciono di più. Per quello ci sono le biblioteche, le associazioni culturali, i cineforum, i musei, i teatri, i centri di aggregazione sociale e i corsi privati a tema specifico.

Lo so, ma infatti sarebbe un mio sogno ovviamente irrealizzabile

Pero stai sicuro che avrei molti più stimoli :-)
Non metto in dubbio che tu approfondiresti le equazioni differenziali a variabili separabili o il pensiero filosofico di Kant, ma i corsi più gettonati sarebbero "tips and tricks in grand theft auto 5" e "il grande fratello: 1000 modi per non essere nominati";il problema è sempre il livello di maturità dell'utenza.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Lun Gen 06, 2014 3:52 pm

Pensate che c'è addirittura gente che è convinta di essere colta perché ha studiato astrologia o cristalloterapia :-)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Lun Gen 06, 2014 3:54 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Gian, facciamo flick e flock ?
usando il gergo wikipediano, ci siamo semplicemente "conflittati" :-)
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Lun Gen 06, 2014 5:57 pm

carla75 ha scritto:
Non capisco perché i compiti a casa debbano essere oggetto di contrattazione con la famiglia. Se faccio il dottore e prescrivo un farmaco mi metto a tavolino e contratto i dosaggi con i pazienti? Quando sento questi discorsi mi rendo conto che la scuola italiana è al capolinea. Mai mia madre si è permessa di sindacare una decisione della mia maestra e i compiti li ho sempre fatti  da sola.  Fare in modo che questi ragazzi crescano no?
Condivido totalmente!!!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Lun Gen 06, 2014 9:28 pm

Copio e incollo integralmente un commento che ho postato lì:

Leggendo i numerosi commenti, noto un dettaglio illuminante: la maggior parte di coloro che concordano con l’articolo caldeggia un ipotetico sistema in cui gli stessi compiti, invece che a casa, si facciano direttamente a scuola, sotto la guida degli stessi insegnanti che li hanno assegnati.
Addirittura c’è qualcuno che sostiene che nelle classi a tempo pieno sia già così, e che “i compiti si facciano a scuola nelle ore di pomeriggio”.

Questo denota, da una parte, una profondissima ignoranza di cosa sia il tempo pieno (che è cosa diversa da un doposcuola), e dall’altra rivela la vera aspirazione di questa categoria di genitori.

Per loro, i compiti a casa non vanno bene, NON perché siano “troppi”, ma solo perché sono “a casa”.
E il grande problema etico non sta nel fatto che “i ragazzini si stancano troppo”, ma sta nel fatto che a casa non hanno voglia di farli, e quindi tocca ai genitori accollarsi l’incomodo di farglieli fare, o almeno di controllare che li abbiano fatti, e di richiamarli se questo non avviene.

Se solo l’incomodo se lo accollasse qualcun altro, allora potrebbero pure starsene sui libri fino a notte, basta che le stesse sceneggiate non avvengano davanti agli occhi dei genitori, che si turbano troppo.

Ovviamente, alla base c’è l’idea che i bambini e ragazzi siano del tutto incapaci di organizzarsi da soli, e che quindi l’impegno dei compiti debba ricadere principalmente su un adulto che si occupa di “farglieli fare”.

Per cui, si finisce con l’accapigliarsi se questo debba spettare ai genitori o agli insegnanti, invece di ipotizzare che i pupi potrebbero essere anche responsabilizzati a pensarci da soli, senza troppe ansie.


E poi aggiungo qui:

è incredibile quanta gente, che però si sente in diritto di dettare istruzioni e direttive su come dovrebbe funzionare la scuola, dimostri tanta profonda ignoranza sui più elementari meccanismi della didattica. Ma è possibile che stiamo ancora a discutere se "i compiti" si debbano fare a casa o a scuola, e se debbano essere guidati dagli insegnanti o dai genitori?

Ma nessuno arriva a capire una cosa tanto elementare, ossia che i cosiddetti "compiti" non sono né ripetizioni superflue delle stesse cose già fatte, né completamenti improvvisati di qualcosa che si sarebbe dovuto finire in classe ma non c'è stato tempo... bensì sono un'attività di apprendimento A PARTE, diversa da quelle che si fanno in classe, e che viene richiesta proprio perché prevede l'esercizio di ALTRE modalità di concentrazione e di ragionamento, completamente diverse da quelle che vengono fuori durante l'ascolto di una spiegazione o durante un'esercitazione di gruppo?

In un contesto simile, che senso avrebbe "fare i compiti" direttamente a scuola, sotto la guida dello stesso insegnante che li ha assegnati, o comunque sotto la guida di un educatore di gruppo che coordina i compiti di una classe intera? Semplicemente, se si facesse così, NON assolverebbero alle stesse funzioni, e non rivestirebbero lo stesso significato!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Lun Gen 06, 2014 10:26 pm

@paniscus: è la stessa ragione per cui siamo tutti esperti di economia e finanza, di tattica calcistica, di moralità, di tutela dell'ambiente, di approvvigionamento energetico, di traffico, ecc. Soprattutto quando questi ambiti intersecano i nostri orticelli. Salvo sfoderare tutta la nostra ingenuità per pendere dalle labbra del primo superman che ti dimostra o ti promette che il suo uovo resterà più in piedi degli altri.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 12:52 am

paniscus ha scritto:
.....Addirittura c’è qualcuno che sostiene che nelle classi a tempo pieno sia già così, e che “i compiti si facciano a scuola nelle ore di pomeriggio”......
Direi che col tempo pieno i compiti non dovrebbero essere dati, non in settimana; altrimenti quante ore al giorno dovrebbero dedicare alla scuola ?
Mio figlio faceva il "modulo" ed i compiti li aveva, in questo caso mi sembra giusto.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 9:19 am

Ma infatti mi risulta che nelle classi in cui c'è tempo pieno tutti i giorni, i compiti si diano solo nel fine settimana o nei periodi di interruzione lunga. A me pare che questo mito dei poveri bambini che "già fanno otto ore di scuola e poi devono pure farsene altre due di compiti a casa" tutti i giorni, sia appunto esclusivamente un mito!

I miei figli nei giorni feriali normali non li hanno quasi mai, non portano nemmeno lo zaino a casa (e quelle poche volte che li hanno avuti, non erano consegne urgenti da un giorno all'altro, ma ricerche e approfondimenti che si potevano anche consegnare una settimana dopo). Ma il punto è un altro, ossia non è vero che non si diano i compiti "perché li hanno già fatti a scuola". Non si danno perché si presume che, con i tempi di didattica più diluiti, e con maggiore spazio dedicato alle spiegazioni e alle esercitazioni di gruppo in classe, si abbia meno bisogno di fissarsi le conoscenze immediatamente a casa il giorno stesso, tutto lì...

Invece la gente pensa che al tempo pieno la mattina "si faccia lezione e si assegnino i compiti", e poi di pomeriggio "si facciano i compiti", ossia che i ragazzini stiano chiusi in un'aula in un silenzio cimiteriale a farsi quei compiti, ognuno per conto suo, come se li facessero a casa, con l'insegnante che sta lì a sorvegliare e basta, e che al massimo interviene se qualcuno gli fa una domanda individuale. Questo NON E' VERO, quando ci arriveranno a capirlo????
Tornare in alto Andare in basso
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 9:44 am

Oltretutto, quello che mi lascia più allibita è la presunta contrapposizione tra obbligo "discriminatorio" di fare fatica coi compiti... e libertà di dedicarsi a tante altre attività altrettanto formative e altrettanto stimolanti intellettualmente.

Ossia, una parte si afferma che i compiti a casa sarebbero "discriminanti socialmente" perché scaverebbero un solco ancora più profondo tra i ragazzi provenienti da famiglie che hanno la possibilità di aiutarli e quelli che non ce l'hanno... ma poi, contemporaneamente, si insiste sull'opportunità che i ragazzi abbiano più tempo per lo sport, per le letture stimolanti, per "gli interessi che aprono la mente" e per gli istruttivi svaghi familiari del tempo libero.

Ma si vorrebbe dire che i compiti sono discriminanti socialmente... mentre lo sport, la musica, la danza, le gite ed escursioni educative, le letture stimolanti, quelli invece no?

A me sembra che un bambino proveniente da una famiglia economicamente e culturalmente deprivata, a tutte 'ste cose abbia accesso in misura molto minore rispetto a uno di famiglia colta e benestante. Per fare i compiti, tutto sommato, basta un po' di sforzo e di buona volontà, mentre per andare in piscina, al corso di violino, al teatro o al museo ci vuole di avere una famiglia abbastanza benestante da poterselo permettere, e abbastanza colta e consapevole da rendersi conto che siano attività formative utili. I ragazzini delle famiglie veramente deprivate, sia su un piano economico che culturale, non passano certo il tempo libero in questo modo... nel migliore dei casi, lo passano stravaccati davanti alla televisione o a passeggio nei centri commerciali, e nel peggiore lo passano ad aiutare clandestinamente i genitori in lavori massacranti.

Quindi, a me sembra che la discriminazione vera non stia nei compiti...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8330
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 10:09 am

Premetto che non ho letto gli altri interventi, dall'ultimo mio.

Quello però che dici, Paniscus, può ache essere vero, magari i ragazzi disagiati non hanno possibilità di accedere a svaghi costosi......

Ma non è un problema causato dallo Stato, non direttamente, almeno.

Mentre se una istituzione di Stato come la scuola impartisce attività discriminanti, non può essere accettato.

Questo non significa affatto che io creda che i compiti siano discriminanti, significa solo che credo che la scuola, di Stato, deve non fare discriminazioni da parte sua.

Le altre non sono sua responsabilità e non se ne deve interessare o prendere come contrappeso per un discorso di questo tipo.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 1:06 pm

Quindi Ire, poiché tutti pensiamo che i compiti non siano discriminanti, non esiste danno causato dallo Stato o peggio dagli insegnanti.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8330
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 1:28 pm

In questo specifico caso direi proprio di no :-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 2:15 pm

A parte il fatto che semmai i compiti, a mio avviso, sono ANTIdiscriminatori, ossia non è che lascino le differenze identiche a prima, ma contribuiscono a diminuirle, il problema specifico è un altro.

Il problema specifico è l'ipocrisia di un pedagogista o addirittura un ministro dell'istruzione che, rivolgendosi agli insegnanti, se ne esce allegramente: "Ma invece dei compiti, dategli dei libri da leggere!" "Ma invece dei compiti, dategli degli stimoli culturali brillanti per aprirsi la mente in altro modo!" E che ci vuole?!

Perché il pedagogista o il ministro, non tanto la signora Rossella che scrive l'articoletto di costume, ma appunto il pedagogista o il ministro, dovrebbero saperlo benissimo che anche tutti quegli altri presunti stimoli culturali (che comunque sarebbero ugualmente da considerare "compiti", non vedo perché mai debbano essere classificati con un termine diverso) sarebbero comunque filtrati dalle possibilità e dalla mentalità della famiglia, esattamente allo stesso modo degli altri compiti più tradizionali.

Se l'insegnante chiede di leggere dei libri, e il ragazzino sta in una famiglia che, per povertà, per ignoranza o per disinteresse, non glieli compra, oppure glieli compra ma poi se ne disinteressa totalmente e non è in grado di sfogliarli con loro e di spiegarglieli se c'è qualcosa che non capiscono... allora l'effetto della discriminazione di origine sociale è IDENTICO, sia se il compito consiste nel leggere un libro, sia che consista nel fare problemi di matematica o frasi di analisi logica.

L'effetto formativo della lettura di un libro sarà sempre completamente diverso se il ragazzo vive in una famiglia in cui i libri sono apprezzati, piuttosto che in una famiglia in cui nessuno è mai stato abituato alla lettura (e magari esiste anche il luogo comune contrario, ossia chi legge troppo è considerato un secchione sfigato).

In una famiglia in cui nessuno legge, e la lettura è considerata una cosa gravosa, noiosa e inutile, anche la lettura di un libro consigliato dalla scuola diventerebbe esattamente uguale a un compito come tutti gli altri, e causerebbe frustrazione e insoddisfazione nel ragazzino esattamente come qualsiasi altro compito. Quindi, con la stessa logica, non si dovrebbe nemmeno suggerire la lettura di libri, perché anche quella diventa discriminatoria. Ovvio che sto facendo un esempio estremo, ma non mi si venga a dire che "dare i compiti" è discriminatorio mentre "dare i libri da leggere" invece no, semplicemente perché anche i libri da leggere verranno vissuti come una forma di compito, e quindi sarà inevitabile che qualcuno li viva come un piacevole arricchimento interessante, e qualcuno come un fardello faticoso e vessatorio.

QUALSIASI richiesta, consiglio o suggerimento proveniente dalla scuola, di qualunque genere, verrà sempre vissuto come potenzialmente discriminante, a seconda che caschi in una famiglia capace di apprezzarlo e di incoraggiarlo oppure no!
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 2:32 pm

Ire ha scritto:
In questo specifico caso direi proprio di no :-)
mia madre ha fatto la quinta elementare e io e mia sorella ci siamo laureate entrambe con il massimo dei voti e credimi non siamo un'eccezione. Io ho fatto il tecnico e passavo i pomeriggi a faregli esercizi di ragioneria da sola. mia sorella alle magistrali studiava ai tempi Dante a memoria. Non mi dite che i ragazzi studiano piu' oggi o che sono piu' svantaggiati perche' non e' vero. Nel caso della ragazza dell'articolo c'e' stata una maestra fantastica che ha fatto molto piu' di quello che le spettava: insegnare di fatto la lingua . La fortuna vuole inoltre che le scuole attuino corsi di recuepero: una volta le ripetizioni le famiglie le pagavano di tasca propria. Scusate io leggo nell'articolo l'attuazione di strumenti di tutela a favore di soggetti svantaggiati. Se questi vengono considerati discriminanti aboliamoli.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8330
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 2:37 pm

paniscus ha scritto:


cut

oppure glieli compra ma poi se ne disinteressa totalmente e non è in grado di sfogliarli con loro e di spiegarglieli se c'è qualcosa che non capiscono... allora l'effetto della discriminazione di origine sociale è IDENTICO, sia se il compito consiste nel leggere un libro, sia che consista nel fare problemi di matematica o frasi di analisi logica.

cut



Questo è quello che non va nei compiti e che risponde a chi diceva che "la mia mamma non mi è mai stata vicina quando li facevo, mi arrangiavo io"

e che rafforza anche le mille volte che ho detto (sì, l'ho fatto) e che cavolo, non avrei mai pensato che avere dei figli significasse ritornare a scuola, a studiare a fare i compiti.

Deve essere la scuola che spiega, non deve essere necessario l'intervento dei genitori in un compito (che sia algebra o lettura) il genitore deve poter star vicino ai figli durante i compiti perchè lo desidera, ma deve anche poter starsene a fare i fatti suoi intanto che il figlio studia. Troppe volte invece succede che i compiti sono assegnati per lavorare a casa con l'aiuto di qualcuno su un programma non svolto bene in classe (non spiegato bene)

Sia inteso, presenti esclusi e solo nelle scuole che conosco direttamente o indirettamente io.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 3:32 pm

Se tuo figlio viene a casa con un compito che non sa svolgere perché non gli è stato spiegato allora hai pienamente diritto di lamentarti. Però ti dico da zia di un bambino che fa la seconda elementare, da docente di sostegno e da ex studentessa che faceva ripetizioni che non mi è mai capitato di vedere compiti assegnati senza una spiegazione precedente. Un tecnica che utilizzavo durante le ripetizioni era la seguente: fotocopiare dal compagno bravo appunti e diario. Mi accorgevo di  quanto fosse l'abisso in termini di impegno e di attenzione dall' una e dall'altra parte. La conferma la tocco adesso da docente e penso che nella società globale i nostri ragazzi siano destinati ai margini,
purtroppo.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8330
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 6:35 pm

Hai ragione. Però seguendo il discorso di Paniscus....

Se il libro glielo comprano e non sono in grado di sfogliarlo con loro e di spiegarglielo se c'è qualcosa che non capiscono...


Questo non deve essere discriminante, non è la famiglia che discrimina, in questo caso sarebbe la scuola che deve spiegare il libro se c'è un passaggio che il ragazzo non capisce, se non lo fa, se assegna il libro e lascia a lui o alla sua famiglia il lavoro di comprensione dell'incomprensibile.......

questione di lana caprina? si, forse si, ma mi sono incaponita un po' sul discorso di Lisa che mi pare brutto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 6:58 pm

Ire ha scritto:
Hai ragione. Però seguendo il discorso di Paniscus....

Se il libro glielo comprano e non sono in grado di sfogliarlo con loro e di spiegarglielo se c'è qualcosa che non capiscono...


Questo non deve essere discriminante, non è la famiglia che discrimina, in questo caso sarebbe la scuola che deve spiegare il libro se c'è un passaggio che il ragazzo non capisce, se non lo fa, se assegna il libro e  lascia a lui o alla sua famiglia il lavoro di comprensione dell'incomprensibile.......

questione di lana caprina?  si, forse si, ma mi sono incaponita un po' sul discorso di Lisa che mi pare brutto.
Come si spiega un libro ? Leggendolo in classe ? Quanto tempo servirebbe ? Poi a casa che fai, lo rileggi ?
Quando assegni una lettura l'unica cosa che puoi fare è discuterne successivamente; anche così però parteciperanno solo i più loquaci, intelligenti, volenterosi.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus



Messaggi : 1607
Data d'iscrizione : 27.04.12

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 7:04 pm

Ire, ma santa pace, allora perché un dirigente scolastico, un professore di pedagogia, o addirittura un ministro dell'istruzione vengono a intortarci con la bufala che dare i compiti sarebbe discriminatorio, mentre dare i libri da leggere invece no?????

I libri da leggere sono compiti come tutti gli altri, q*zzarola!!!!!

Quindi, i casi sono due: o SIA la lettura dei libri, SIA i compiti tradizionali di qualsiasi altro tipo, sono cose che il ragazzo può fare da solo e deve fare da solo, e quindi non vedo dove stia la discriminazione tra quelli che hanno i genitori ricchi o poveri, o tra quelli colti e quelli meno; oppure, i compiti sono una cosa che il ragazzino non può assolutamente fare da solo, e deve per forza essere seguito dalla famiglia, e allora QUALSIASI compito è discriminatorio, anche la lettura di un libro, o la risoluzione di giochi enigmistici!

E' l'ipocrisia pelosa di confondere questi due piani, che mi indigna!

Se almeno avessero avuto la faccia di dire quello che pensano realmente e che sta davvero dietro alle loro belle parole, ossia "non date compiti impegnativi e faticosi, ma date solo compiti frivoli, leggerini e divertenti che non richiedono nessuno sforzo, così le famiglie sono contente e la scuola si rende più popolare e più simpatica", sarebbe stato ugualmente deleterio sul piano culturale, ma almeno sarebbe stato molto più onesto!

Ma inventarsi la balla della discriminazione sociale (per far sentire in colpa gli insegnanti ventilando loro l'accusa di classismo o di razzismo) è veramente stomachevole, scusate, eh...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 7:08 pm

Ire ha scritto:
Deve essere la scuola che spiega, non deve essere necessario l'intervento dei genitori in un compito (che sia algebra o lettura) il genitore deve poter star vicino ai figli durante i compiti perchè lo desidera, ma deve anche poter starsene a fare i fatti suoi intanto che il figlio studia. Troppe volte invece succede che i compiti sono assegnati per lavorare a casa con l'aiuto di qualcuno su un programma non svolto bene in classe (non spiegato bene)
Il risultato finale dei compiti a casa non deve necessariamente essere "tutti i compiti fatti e fatti bene"; se si tenta un compito e non si riesce si prende coscenza di una propria lacuna e si chiede al prof/maestra qualche informazione/suggerimento.
Fa anche piacere che ad inizio lezione qualche studente ponga domande sulle "puntate precedenti".
Se poi si scopre che non si riesce a combinare nulla significa semplicemente che si hanno lacune pregresse o limiti cognitivi.
Anche questo è meglio saperlo che ignorarlo.
Il problema grosso (vissuto da me, osservando mia moglie) è che alle elementari le mamme fanno a gara a chi ha il bambino coi compiti fatti meglio, più ordinati, più colorati ecc; il risultato è che i compiti li fanno le mamme (mio figlio ha sempre fatto schifo a disegnare e mia moglie gli faceva tutte le cornicette) e i bambini, non imparando nulla, non sono in grado di proseguire gli studi in autonomia.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8330
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 7:09 pm

ma te tu c'hai ragione Paniscus. L'è una emerita @azzata!!
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8330
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 7:13 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Il problema grosso (vissuto da me, osservando mia moglie) è che alle elementari le mamme fanno a gara a chi ha il bambino coi compiti fatti meglio, più ordinati, più colorati ecc; il risultato è che i compiti li fanno le mamme (mio figlio ha sempre fatto schifo a disegnare e mia moglie gli faceva tutte le cornicette) e i bambini, non imparando nulla, non sono in grado di proseguire gli studi in autonomia.

Non hai torto nemmeno tu, Avido.

Mi domando però come facciano le mamme a conoscere il contenuto del compito dei compagni del figlio.
Qualche imbecille di mamma che mostra il compito perfetto del figliolo o qualche cretina di maestra che mostra agli alunni il compito perfetto del tale per dire che tutti lo devono fare come lui?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mark12



Messaggi : 137
Data d'iscrizione : 20.12.13

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 7:16 pm

Infatti non capisco questa gara per chi ha i compiti meglio fatti (parlo delle elementari)

Non ha senso... I compiti NON vanno fatti bene se non riescono

Sono fatti apposta per mostrare gli errori e le lacune
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità   Mar Gen 07, 2014 7:19 pm

carla75 ha scritto:
..... Nel caso della ragazza dell'articolo c'e' stata una maestra fantastica che ha fatto molto  piu' di quello che le spettava: insegnare di fatto la lingua ........
Siamo sicuri ? La mamma la giudica una maestra eccellente solo perchè "con lei andava bene".
Ma andava bene veramente ? O semplicemente prendeva tutti 8 e 9 ? Quante volte si danno voti immeritati ?
Una maestra è brava se da 8 e 9 a chi non se lo merita (magari per incoraggiamento) o se porta l'alunno svantaggiato ad un meritato 6-- ?
Secondo me il fatto che adesso la ragazza stia "remando" parla chiaro !
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Basta compiti a casa Fanno male ai bambini e creano disparità
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» dubbio lampade led+CCFL: fanno male come le UV?
» Aiutatemi!!! emergenza gambe...
» LA TEORIA DELL'EVOLUZIONE
» Si possono mangiare le lumache?
» fitte alle ovaie dopo 7 gg dal transfer

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: