Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Gen 08, 2014 4:17 pm

http://www.azzurro.it/it/news-ed-eventi/news/286


mi permetto di segnalare questo articolo che mi sembra dia un bel po' da pensare
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Gio Gen 09, 2014 2:44 am

Il dibattito sull'influsso che device sempre più avanzati e connessi sta avendo su bambini e adolescenti nel mondo è più che mai aperto, e al di là delle considerazioni di tipo sociologico sono numerose le équipe di scienziati e ricercatori che si stanno applicando con metodi sperimentali

L'intelligenza dei relatori è inversamente proporzionale all'uso inutile di parole straniere.
device (DEVICES) = dispositivi; le èqipe = i gruppi.

C'era bisogno di dirlo che gli scienziati applicano metodi sperimentali ? Che scienziati del cazzo sarebbero altrimenti ?


"Nel passato era molto raro che i teenager diventassero campioni di scacchi: quando Bobby Fischer lo fece nel 1958, il mondo lo salutò come un prodigio e il suo record tenne fino al 1991. Da allora, con i computer e le partite in linea, quel primato è stato infranto venti volte. «Se ci sono modi di aiutarli a imparare, ripetere e pensare, puoi aprire la strada a queste notevoli fioriture di pensiero critico nei bambini a un’età che quando ero piccolo io sarebbe stata inconcepibile», dice Thompson"

Non sarà che internet ha ampliato la platea e più gente significa pià gente brava ?


"Sposta l’attenzione sul libro quando il gioco è in un momento di morta o mentre ne sta caricando uno nuovo e la sua attenzione torna allo schermo quando il gioco riparte. Questo genere di spostamento di attenzione è molto diverso dall’essere interrotti da una telefonata, che non controlli e ti spezza la concentrazione"

Se il compito è giocare e l'intermezzo è leggere ha ragione; legge quando può e il compito non ne soffre.
Se è il contrario, il gioco riparte quando vuole lui, esattamente come succede per la telefonata.


"Dobbiamo smettere di fare dell’allarmismo sulla tecnologia, non solo perché è sbagliato, ma perché è nocivo"

Se non fosse nocivo non sarebbe sbagliato; sbagliato = nocivo

"Siwak coinvolge i suoi alunni in progetti su Twitter in cui, per esempio, per un’intera giornata i bambini discutono con gente di tutto il mondo su un libro che parla di Shoah"

Ma prima lo hanno letto ? Oppure ne hanno letto solo la recensione (magari ad opera di un neonazista) ?



A me sembra che l'articolo sia frutto di un operazione multitasking, ovvero una googlata qua, un control c control v la, un'occhiata a questo studio, un'occhiata a quell'altro.

Più volte si elogia la capacità di allargare gli orizzonti, trascurando quasi del tutto che ad un certo punto bisogna finalizzare; dimenticandosi che fare e fare bene sono due cose molto diverse.

Spesso i miei alunni quando gli mostro che metà delle cose che hanno fatto sono sbagliate mi rispondono che (essendo per metà giuste) più o meno ci hanno azzeccato.
E' esattamente la superficialità del multitasking che emerge.

Uomo di tutti i mestieri maestro di niente; oggi diremmo: multitasker multimediocre
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Gio Gen 09, 2014 9:04 am

avido ha scritto:
Spesso i miei alunni quando gli mostro che metà delle cose che hanno fatto sono sbagliate mi rispondono che (essendo per metà giuste) più o meno ci hanno azzeccato.


:-)  Li adoro


Dopo risposte del genere sta a te rilanciare la palla..... ed è qui la sfida intrigante, la capacità di dimostrare che con un adulto coi controcoglioni non ce la possono fare.


Per quanto riguarda l'articolo, sono rimasta perplessa quasi quanto te.  Non l'ho trovato particolarmente positivo


Edit:

ops, ho detto una parolaccia, ma mi sembra dia l'esatta immagine di quelloche volevo esprimere quindi, col vostro permesso, la lascio
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Gio Gen 09, 2014 10:20 am

Ire ha scritto:
.....Dopo risposte del genere sta a te rilanciare la palla.....
Come insegnante tecnico di una scuola tencnica è abbastanza facile, "il tuo telefonino funziona perfettemente ma a metà: invia e non riceve; tutto sommato non è male vero ?"

Il problema dello "studio multitasking" è che non si comprende neanche la dimensione delle cose che hai davanti; noti la superficie di ogni cosa e quasi nulla dello "spessore".
Tutto ti sembra facile, ne apprendi solo la parte che noti ma sei convinto di padroneggiare tutto.
Infine l'arroganza tipicamente giovanile fa il resto: se il prof ti fa notare che sei carente ne deduci che il prof non comprende il tuo genio.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Gio Gen 09, 2014 10:32 am

Bella l'immagine del telefonino. Li fa sicuramente pensare.

Sullo studio multitasking :

come dice anche l'articolo in questione, il nostro cervello riesce a svolgere un solo impegno cognitivo alla volta, e su questo non ci piove. Non è detto però che per un ragazzo che studia con la televisione accesa, col sottofondo della musica e col collegamento web attivo, questi siano impegni cognitivi.

Voglio dire, probabilmente la sua concentrazione è sullo studio mentre gli altri sono automatismi che possono essere compiuti insieme anche in notevole quantità.

Noi questa frammentazione non la comprendiamo (io come donna, per antonomasia multitasking, forse meglio di te uomo pratico e concreto un po' semplice ;-) - capisci vero che non ti sto insultado? ) ma dobbiamo renderci conto che volenti o nolenti gli stimoli che ora hanno i ragazzi sono questi e con questi devono crescere, crescono. Il loro cervello si struttura in quel modo.
Non possiamo certo riportarli ad una vita stile 800 che non c'è più.

Quindi devono intervenire gli studiosi a studiare come conciliare il tutto (e se non studiano gli studiosi, come giustamente dici tu, che @azzo fanno nella vita?)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Gio Gen 09, 2014 10:50 am

Ire ha scritto:
Voglio dire, probabilmente la sua concentrazione è sullo studio mentre gli altri sono automatismi che possono essere compiuti insieme anche in notevole quantità.
Ti sarà capitato di guidare, con l'autoradio accesa e pensare ai fatti tuoi, forse ti sarà capitato anche di fare la strada "solita" mentre quel giorno avresti dovuto farne un'altra.
Il risultato è che la musica non te la sei goduta, la strada l'hai sbagliata e probabilmente non hai neanche gestito i fatti tuoi al meglio.
Si possono fare più cose contemporaneamente sfruttando gli automatismi, ma la qualità sono convinto che ne risenta.
Personalmente riesco a leggere con mia moglie che parla al telefono nelle vicinanze, non riesco invece a studiare nelle stesse condizioni.
Studiare è ad un livello superiore rispetto a leggere, richiede di fare collegamenti, prescinde dall'interesse che hai verso quello che devi assimilare; richiede energie mentali superiori, e secondo me un impegno esclusivo.
Io comunque vedo i miei alunni "migliori" che non sanno neanche che argomento sto affrontando se "condividono" le loro risorse mentali con un giochino al cellulare (al professionale capita spesso).
Ma se sono così bravi, perchè non fanno i compiti di matematica con la mano destra e quelli di storia con la sinistra ? Finirebbero in metà tempo e poi potrebbero giocare (a più giochi contemporaneamente) senza che nessuno gli rompa più le balle. Io farei così.
Tornare in alto Andare in basso
farm80



Messaggi : 811
Data d'iscrizione : 28.07.12

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Gio Gen 09, 2014 11:07 am

Secondo me, in ogni caso, il punto di forza potrebbe essere quello di sfruttare a scuola il multitasking...è diventato il loro modo di ragionare. Pensiamo alla pagina web, mentre noi stessi leggiamo una notizia si aprono una serie di collegamenti e link che facilmente fanno passare da una stanza all'altra. Parto con una ricerca su Bill Gates e mi ritrovo con il blog delle scienze in cucina!!!!! La capacità che noto nei ragazzi è che, però, facilmente, ritornano sui vari link a ritroso, per poi riprenderli, aprire altri collegamenti. Da tutta questa frammentazione ne ricavano alla fine una loro sintesi. Immaginate ora per quanto tempo fanno questo i ragazzi da soli!!!!! E' un'arma micidiale. Presentando una lezione in multitasking, li dovremmo aiutare a non perdersi  tra le varie informazioni, a selezionare quelle giuste, scegliere dove calibrare l'attenzione ed aiutarli a costruire un' idea finale di sintesi il più possibile corretta. Ritornando all'esempio, se parto con la ricerca di Bill Gates devo riuscire ad ottenere tutte le informazioni possibili che riguardino l'argomento, senza subire il fascino di altre "distrazioni" che facciano perdere il filo del ragionamento. Proprio perché non è possibile svolgere più compiti cognitivi insieme, dovremmo aiutarli a dosare l'attenzione dove serve mentre operano in multitasking.
Questo potrebbe essere il vantaggio,non me la sento, però, di parlare di demenza infantile, ma di un nuovo modo di pensare e di ragionare sulla realtà che li circonda. Meglio prenderne atto!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 10:22 am

Ieri è stato celebrato il safer internet day 2014

mi fa piacere condividere con voi le considerazioni del direttore di Wired

http://www.wired.it/attualita/2014/02/11/altro-che-safer-internet-day-nostri-figli-hanno-superpoteri-sarebbe-ora-che-non-genitori-vedessimo-il-digitale-come-opportunita-e-non-come-rischio/
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 10:57 am

Ire ha scritto:
Ieri è stato celebrato il safer internet day 2014

mi fa piacere condividere con voi le considerazioni del direttore di Wired

http://www.wired.it/attualita/2014/02/11/altro-che-safer-internet-day-nostri-figli-hanno-superpoteri-sarebbe-ora-che-non-genitori-vedessimo-il-digitale-come-opportunita-e-non-come-rischio/
"Non esiste più da tempo, almeno per una parte di questo paese (di cui i nostri figli sono cittadini naturali), una separazione tra reale e virtuale."
Lo scrive ma non capisce cosa significhi veramente.
E' innamorato della rete, e l'amore si sa, è una brutta malattia mentale; impedisce di fare ragionamenti coerenti.
Poverino ... guarirà !
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 11:02 am

Ire ha scritto:
mi fa piacere condividere con voi le considerazioni del direttore di Wired

Un diamante è per sempre : De Beers.

Chissà se possedere quasi il monopolio dei diamanti abbia stimolato la produazione di questa pillola di saggezza.

Prima o poi Ferrero dirà: la nutella accresce gli addominali; e noi tutti li a mangiarne.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 11:02 am

avido, ho bisogno del disegnino
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 11:06 am

avidodinformazioni ha scritto:
Ire ha scritto:
mi fa piacere condividere con voi le considerazioni del direttore di Wired

Un diamante è per sempre : De Beers.

Chissà se possedere quasi il monopolio dei diamanti abbia stimolato la produazione di questa pillola di saggezza.

Prima o poi Ferrero dirà: la nutella accresce gli addominali; e noi tutti li a mangiarne.

sai, avevo previsto l'obiezione :-)

e mi ero preparata la risposta.

Se voglio un giudizio sulla rete vado da chi la conosce e non da chi la usacchia o usicchia, poi visto che la uso anche io unisco e scremo

Se voglio un giudizio sulla nutella leggo le dichiarazioni sugli ingredienti e gli studi fatti da chi la nutella la conosce, poi visto che la mangio anche io, unisco e scremo.


non ho postato per ottenere che foste d'accordo, ho postato per farvi conoscere quel parere
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 3:08 pm

Ire ha scritto:
avido, ho bisogno del disegnino
Non l'ho capita ... credo.
Ti sei offesa per il "Lo scrive ma non capisce cosa significhi veramente." ?
Non era rivolto a te ma a lui.

Lui l'ha scritto e deve comprenderne il significato; chi lo legge (tu, io, gli altri)
può farlo frettolosamente, senza soffermarsi e senza comprenderne tutti i risvolti.

"Non esiste più da tempo, almeno per una parte di questo paese (di cui i nostri figli sono cittadini naturali), una separazione tra reale e virtuale" significa che per alcuni non c'è differenza tra realtà e fantasia; lui è uno di questi, nella sua fantasia ha i superpoteri, nella realtà non ha discernimento. Poverino.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 3:15 pm

Wired è un giornale e deve essere venduto. Chi lo fa ha interesse a dire qualsiasi cosa pur di venderlo.
Hai mai sentito un cantante in concerto urlare al pubblico "siete fantastici !!!!"
Li sta prendendo per il culo.
Fantastici perchè ? Che fanno di speciale ? Applaudono ? Canticchiano i motivetti ? Capirai, qualsiasi pirla è capace di farlo.
Sono fantastici perchè pagano il biglietto.
Il direttore di Wired dice alla sua platea che hanno i superpoteri, li gasa e li invoglia a comprare il giornale diretto da uno che li apprezza, nella speranza (e sarà sicuramente così) di trovarvi altre forme di gratificazione.
Un diamante è per sempre, te lo dice De Beers che te lo vuole vendere; non ti dice che a te nel giro di 50 anni ti mangeranno i vermi che cagheranno sul diamante, altrimenti la vendita sfuma.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 3:16 pm

come si scrive bonjour finesse ?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 3:26 pm

no no, non mi sono offesa, non ho capito cosa significa quello che hai detto.

Non ti sei accorto anche tu che nei giovani non esiste più la separazione tra mondo reale e virtuale e che le azioni compiute in virtuale hanno effetto sul reale?


I superpoteri sono certo una licenza poetica, anche se..............

sicuramente un giovane di oggi, rispetto a noi alla sua età, ha, tramite l'internet, il superpotere di vedere in tempo reale un fatto che accade dall'altra parte del mondo - ed è un superpotere

ha la possibilità di stare connesso con chi vuole in qualsiasi luogo egli sia - ed è un superpotere

ma da adulti e da consumatori intelligenti e critici quali siamo, sappiamo molte cose e sappiamo valutare che uno dei motivi per cui il dir di wired ha parlato così. Sappiamo anche capire se comunque ci sia qualcosa di vero oppure no
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 3:41 pm

Ire ha scritto:
Non ti sei accorto anche tu che nei giovani non esiste più la separazione tra mondo reale e virtuale e che le azioni compiute in virtuale hanno effetto sul reale?

I bambini che si buttavano dal terzo piano per fare come superman c'erano anche 40 anni fa; confondevano mondo reale e mondo virtuale, ma nessuno ne osannava l'intelligenza; non dicevi che erano degli imbecilli per rispetto alla loro morte ed alla loro ingenuità di fanciulli, però ......
Nella loro testa non esiste separazione, questo non significa che non ci sia.
Quando una ragazza si fa adescare da uno che su internet ha un profilo splendido, ma è uno stupratore seriale, può chiaramente rendersi conto che la differenza tra reale e virtuale c'è.


sicuramente un giovane di oggi, rispetto a noi alla sua età, ha, tramite l'internet, il superpotere di vedere in tempo reale un fatto  che accade dall'altra parte del mondo  -  ed è un superpotere

Quindi io ho il superpotere di trasferirmi da Torino a Reggio Calabria in meno di un giorno ! Mio nonno a dorso d'asino non ci sarebbe mai riuscito, io invece, tieniti forte, ho la patente.
I superpoteri ce li hanno gli ingegneri che hanno reso possibile tutto questo non le persone comuni che usano queste tecnologie.

Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?   Mer Feb 12, 2014 4:13 pm

attento avido, non si parla di differenza tra i due mondi, ma di separazione.

E penso sia una cosa ben diversa.

quando una ragazza cade nella trappola del bravo ragazzo virtuale /stupratore seriale reale unisce i due mondi.

Quando compriamo un servizio di piatti su amazon, uniamo i due mondi

quando i ragazzi parlano dei loro problemi su insegreti, uniscono i due mondi: sono problemi, pensieri, gioie e dolori reali quelli che confidano al virtuale

per quanto riguarda i superpoteri: certo super sono gli ingegneri, grazie a loro però ne traiamo vantaggio tutti.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
internet e bambini: demenza digitale o nuova intelligenza multitasking?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Enti autorizzati: Ai. Bi Associazione amici dei bambini
» Conoscere i bambini e le situazioni di disagio
» Perché sgozzare i bambini è sbagliato?
» Tanti aggiornamenti ma sono senza internet :(
» Messaggio per fermare il bavaglio a internet

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: