Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Intransigenza a tutti i costi?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
gogentle



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 15.01.14

MessaggioOggetto: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 8:25 pm

Buonasera a tutti, mi sono appena iscritta :-)
Questo è il mio primo anno di insegnamento, insegno italiano in un liceo paritario. Fortunatamente i ragazzi sono molto educati e rispettosi ed io non ho problemi nel mantenere la disciplina. Gli studenti sono attenti ed attivi durante le lezioni e attraverso la lettura del giornale riusciamo a parlare di tutto, dalla politica ai problemi ambientali. Insomma, abbiamo un rapporto basato sul rispetto e la fiducia reciproca. Quello che mi chiedo è se per essere un ottimo insegnante occorre essere severi e intransigenti: spesso, per venire incontro agli studenti, permetto loro di organizzarsi con le interrogazioni o posticipo un compito assegnato tempo prima. Per le vacanze natalizie, ad esempio, avevo assegnato loro la lettura di un romanzo, ma al rientro il rappresentante di classe mi ha comunicato che nessuno di loro era riuscito ad iniziare o a completare la lettura. Anzichè dare a tutti un brutto voto, ho preso la seguente decisione: a fine mese dovranno cimentarsi in classe con un compito ad hoc sul romanzo in questione (la valutazione sarà trascritta sul registro).
Sono stata troppo permissiva? Il fatto che con me parlino di tutto rischia di minare la mia autorevolezza?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 8:27 pm

No, se continui a lavorare con loro, se ti lasciano lavorare e lavorano, il tuo approccio li ha conquistati
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
gogentle



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 15.01.14

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 8:37 pm

Ciao, grazie per la tua pronta risposta :-)
Sai, quando ripenso ai miei insegnanti mi rendo conto che mi comporto davvero in modo molto diverso dalla maggior parte di loro. Ricordo che con qualche docente era addirittura impensabile chiacchierare sui problemi di attualità e che in classe regnava sovrano il timore.
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7532
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 8:39 pm

hai avuto la gran fortuna di iniziare con i ragazzi perfetti.
e molto probabilmente tu sei perfetta per loro.
se funziona tutto...perché cambiare?!
Tornare in alto Andare in basso
Online
gogentle



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 15.01.14

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 8:45 pm

Ciao, non lo so, a volte ho paura di essere troppo permissiva. Come dicevo, i miei migliori insegnanti erano davvero severi con noi. Temo che l'essere confidenziale, entro i giusti limiti, possa rendermi poco credibile come insegnante
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 8:46 pm

Attenzione a non confondere l'elasticità e lo spirito collaborativo con il permissivismo. Se un gruppo collabora, partecipa al processo didattico e, nel medio o lungo termine, rispetta le consegne, mi sembra naturale offrire da parte tua un certo grado di elasticità e non perdi certo in autorevolezza. La reciproca collaborazione è di per sé un primo risultato positivo.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 8:50 pm

gogentle ha scritto:
Ciao, non lo so, a volte ho paura di essere troppo permissiva. Come dicevo, i miei migliori insegnanti erano davvero severi con noi. Temo che l'essere confidenziale, entro i giusti limiti, possa rendermi poco credibile come insegnante
E perché mai? La scuola deve educare e formare, non confondiamola con un campo di addestramento per marine. Se ho una buona classe preferisco instaurare un rapporto confidenziale che porti alla reciproca fiducia.
Tornare in alto Andare in basso
gogentle



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 15.01.14

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 8:55 pm

Grazie Gian :-)
I miei alunni sono molto studiosi e a me viene naturale venir loro incontro quando è possibile.
Tornare in alto Andare in basso
mark12



Messaggi : 137
Data d'iscrizione : 20.12.13

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 10:41 pm

Mica sei in caserma.. :-)

Se ti rispettano e il comportamento è nei limiti dell accettabile non vedo motivo di mettere pressione o essere duri..
Per di più se studiano bene..

Alla fine essere duri è uno dei metodi che si applicano se i studenti non studiano o non ti rispettano.. Dovrebbe perche poi alcuni si credono generali dell esercito e non fanno neanche parlare..... li , secondo me, siamo ai limiti dell abuso di potere.
Tornare in alto Andare in basso
mark12



Messaggi : 137
Data d'iscrizione : 20.12.13

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Mer Gen 15, 2014 10:42 pm

E poi l esperienza ti dirà cosa fare meglio di noi
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Gio Gen 16, 2014 12:56 am

Comunque se vedi che peggiorano puoi cogliere l'occasione per diventare più severa e fargli notare che sono stati loro ad obbligarti, perchè ricevendo il dito si sono presi la mano.
Sarebbe comunque un intervento educativo.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Gio Gen 16, 2014 8:35 am

Non capisco proprio il dubbio: lavori bene, i ragazzi ti seguono e lavorano bene anche loro. Perchè inasprire i rapporti? Per lavorare male e metterteli contro?...
A dispetto dell'apparenza, non siamo vocati a domare i leoni, e la nostra professionalità non si misura con le tacche su una clava. Se la classe ce lo lascia fare, preferiamo sempre insegnare, magari con un tono di voce normale e in un clima persino piacevole.
Goditi il momento, non mancheranno occasioni per usare la frusta!
Magari, se posso dare un consiglio, ti metterei in guardia dalla possibilità, che non devi escludere, che anche in questa bella classe possano scoppiare conflitti. Capita che, quando i ragazzi instaurano con i docenti rapporti molto positivi, abbiano poi delle aspettative eccessive e non accettino di buon grado, ad esempio, brutti voti. Ma non è la norma e non puoi fare altro che mettere in conto la possibilità, che tale rimane: capita, a volte!
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Gio Gen 16, 2014 4:02 pm

gian ha scritto:
Attenzione a non confondere l'elasticità e lo spirito collaborativo con il permissivismo. Se un gruppo collabora, partecipa al processo didattico e, nel medio o lungo termine, rispetta le consegne, mi sembra naturale offrire da parte tua un certo grado di elasticità e non perdi certo in autorevolezza. La reciproca collaborazione è di per sé un primo risultato positivo.
Ecco il punto è proprio questo, forse, perchè mi ha colpito questa parte del post di Geogentle: "avevo assegnato loro la lettura di un romanzo, ma al rientro il rappresentante di classe mi ha comunicato che nessuno di loro era riuscito ad iniziare o a completare la lettura. "... capisco non essere riusciti a completarla, ma non averla neanche iniziata mi sembra possa essere "discutibile"!!
Tornare in alto Andare in basso
Gariel



Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 02.08.12

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Gio Gen 16, 2014 4:53 pm

Già proprio questo lascia perplesso anche me...potrebbero stare cominciando a prendersi il palmo della mano, dopo il dito. Fa' attenzione!
Va bene essere buoni e bravi, ma non molli! E soprattutto non devi farti prendere in giro. Altrimenti poi la situazione si deteriorerà inevitabilmente e tu ti incattivirai con loro oltre il dovuto.
Un consiglio: se, come penso, qualche giorno prima del compito venissero a chiederti qualche giorno in più per prepararsi, sii irremovibile.
Tornare in alto Andare in basso
gogentle



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 15.01.14

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Dom Gen 19, 2014 12:25 pm

Grazie a tutti per i consigli :-)
Sì, non ho alcuna intenzione di rimandare il compito sul romanzo. L'ho anche riferito a tutta la classe: se avessero rispettato la consegna, non avrei assegnato loro il compito, ma avremmo semplicemente discusso sul romanzo e avrei lasciato loro una recensione dello stesso da fare a casa. Ma stando così le cose...
Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Gio Gen 23, 2014 6:07 pm

posso dirti una cosa, diffida delle recensioni - sono così facili da scopiazzare da Internet !
I ragazzi vanno in automatico con queste cose, basta Google e il gioco è fatto - i miei alunni riuscirono a copiare una biografia immaginaria di cinque righe che avevo chiesto loro di fare - e stiamo parlando di un LICEO STATALE !

Piuttosto, affida loro una selezione precisa di alcune pagine (che siano pochine per i più svogliati) sulle quali dovranno fare un commento (possibilmente scegli brani minori, sui quali non si trova nulla online).

Poi magari, mettendo assieme i vari commenti, potrete riscostruire in classe la trama del romanzo e la critica del testo. C'est plus facile, e per ragazzi di una paritaria va bene (ho lavorato a lungo anche nel privato, so di cosa si parla insomma).
Calcola anche che alle paritarie in genere il rapporto con i capi con i capi è duro - devi essere gentile e accondiscendente con i ragazzi, ma poi se li bocciano è colpa tua. Da me, per lo meno, era così, anche se so di molte isole felici dove la situazione era meno kafkiana...
Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Gio Gen 23, 2014 6:11 pm

circa parlare di tutto, il mio consiglio è : ascolta pure tutto, ma parla poco e nulla di te - e magari, se sgami che il parlare di tutto è un modo per non fare lezione, a un certo punto, garbatamente, riporta il discorso sulla tua lezione e riprendi a spiegare.

Parlo per esperienza, ripeto - è difatti possibile che fra i ragazzi vada in giro la voce che tanto con te "non si fa nulla", e che tu ne faccia le spese. Non voglio terrorizzarti, per carità, ma la prudenza è sempre meglio :-)
Tornare in alto Andare in basso
gogentle



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 15.01.14

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Gio Gen 23, 2014 6:16 pm

Ciao, grazie mille per i consigli:-) Fortunatamente, la mia è un'isola felice:-)
In realtà avevo intenzione di dar loro un questionario: chiederò loro di riassumere il testo in una misura data, il commento delle parti più importanti e le opinioni personali in merito a personaggi e luoghi.
Tornare in alto Andare in basso
gogentle



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 15.01.14

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Gio Gen 23, 2014 6:21 pm

In realtà gli angoli di conversazione seguono sempre l'attività didattica. In classe facciamo parecchio :-)
Il clima che si respira è sereno, so di dare tanto e pretendo tanto. Capita a volte do venir loro incontro: nel caso in cui quel giorno abbiano un altro compito in classe evito di fissare il mio o permetto loro di organizzarsi con le interrogazioni.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Ven Gen 24, 2014 1:00 am

gogentle ha scritto:
Capita a volte do venir loro incontro: nel caso in cui quel giorno abbiano un altro compito in classe evito di fissare il mio o permetto loro di organizzarsi con le interrogazioni.
Non c'è nulla di male in tutto questo, anzi... il buon senso dovrebbe essere il nostro modus operandi predefinito, invece, per ovviare alla mancata applicazione del buon senso si sta ricorrendo sempre più all'irrigidimento delle prassi via regolamento o via legislativa per creare le condizioni che portano ad un eccesso di buonismo.

Ho sempre applicato il principio del non sovraccarico: ho sempre evitato di assegnare verifiche in giorni già "occupati", ho sempre invitato (ben più di una concessione) all'organizzazione dei "turni" e così via. Il fatto che ci siano docenti che fanno a meno del buon senso ha portato all'istituzione formale delle pratiche di buon senso.
Tornare in alto Andare in basso
laclefdesonges



Messaggi : 952
Data d'iscrizione : 18.05.12

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Ven Gen 24, 2014 2:57 pm

gian ha scritto:
gogentle ha scritto:
Capita a volte do venir loro incontro: nel caso in cui quel giorno abbiano un altro compito in classe evito di fissare il mio o permetto loro di organizzarsi con le interrogazioni.
Non c'è nulla di male in tutto questo, anzi... il buon senso dovrebbe essere il nostro modus operandi predefinito, invece, per ovviare alla mancata applicazione del buon senso si sta ricorrendo sempre più all'irrigidimento delle prassi via regolamento o via legislativa per creare le condizioni che portano ad un eccesso di buonismo.

Ho sempre applicato il principio del non sovraccarico: ho sempre evitato di assegnare verifiche in giorni già "occupati", ho sempre invitato (ben più di una concessione) all'organizzazione dei "turni" e così via. Il fatto che ci siano docenti che fanno a meno del buon senso ha portato all'istituzione formale delle pratiche di buon senso.

quanto è vero quello che scrivi ... il nostro DS è vittima di tale sindrome. Al di là di altre questioni, addirittura, pur di avere la soglia fissata di voti, vorrebbe che uno facesse fare il compito in classe/interrogazione ai ragazzi spesso assenti per lunghi periodi non appena tornano a scuola, il giorno stesso.
Della serie, "cogli l'attimo".....

Anche io comunque ho avuto una classetta carina come quella tua in una scuola privata cui lavorai oramai sette anni fa. La ricordo con molto piacere.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Ven Gen 24, 2014 3:06 pm

laclefdesonges ha scritto:
... pur di avere la soglia fissata di voti, vorrebbe che uno facesse fare il compito in classe/interrogazione ai ragazzi spesso assenti per lunghi periodi non appena tornano a scuola, il giorno stesso.
Della serie, "cogli l'attimo"......
Io lo faccio di prassi.

Il tizio "ricompare", io lo interrogo (si fa per dire), lui non si alza neanche dal banco (sapendo già come va a finire) io gli metto 2 e poi gli dico: "adesso quando voi vieni tu a farti interrogare, io sostituirò il voto vecchio con il nuovo; se non vieni il 2 rimane e fa media; saluti e baci"
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Ven Gen 24, 2014 3:36 pm

Io mi riferivo però all'istituzione formale di prassi come quella di non assegnare più di una verifica nello stesso giorno, oppure non fissare verifiche nel lunedì o al ritorno dalle vacanze, ecc. Queste formalità sono deleterie perché:
1) impongono dei vincoli che irrigidiscono l'impianto della verifica del processo formativo: chi ha più ore in una classe distribuite in 3-4 giorni non avrà problemi a adeguarsi, ma per insegnamenti di sole 2 ore a settimana si rischia di rendere tortuoso il percorso didattico (già difficile di suo).
2) inculcano e rafforzano il concetto errato e deleterio secondo cui per prepararsi per una verifica si studia il giorno prima.
3) offrono ulteriore occasione di "ricorso informale" proprio agli studenti che sfruttano i difetti delle regole per barare.

Poi è ovvio che in caso di scarsa frequenza sono comunque obbligato a chiamare all'interrogazione un "evasore" alla prima occasione utile, dal momento che il "non classificato" non è giustificabile se non per assenze del 100%.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Ven Gen 24, 2014 3:40 pm

gian ha scritto:
IPoi è ovvio che in caso di scarsa frequenza sono comunque obbligato a chiamare all'interrogazione un "evasore" alla prima occasione utile, dal momento che il "non classificato" non è giustificabile se non per assenze del 100%.
Ma anche questo è frutto di una forzatura della forma. A mio parere la valutazione finale si deve esprimere sull'effettiva prestazione dello studente. Se uno studente non partecipa mai alle verifiche (formali e non) il giudizio dovrebbe essere comunque negativo. Tuttavia l'interpretazione diffusa (anche in sede di ricorso, se non ricordo male) è che lo studente deve essere formalmente chiamato ad una verifica (orale o scritta) affinché possa essere formulato un giudizio.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Intransigenza a tutti i costi?   Ven Gen 24, 2014 7:23 pm

gian ha scritto:
Io mi riferivo però all'istituzione formale di prassi come quella di non assegnare più di una verifica nello stesso giorno, oppure non fissare verifiche nel lunedì o al ritorno dalle vacanze, ecc. Queste formalità sono deleterie perché:
1) impongono dei vincoli che irrigidiscono l'impianto della verifica del processo formativo: chi ha più ore in una classe distribuite in 3-4 giorni non avrà problemi a adeguarsi, ma per insegnamenti di sole 2 ore a settimana si rischia di rendere tortuoso il percorso didattico (già difficile di suo).
2) inculcano e rafforzano il concetto errato e deleterio secondo cui per prepararsi per una verifica si studia il giorno prima.
3) offrono ulteriore occasione di "ricorso informale" proprio agli studenti che sfruttano i difetti delle regole per barare.

Poi è ovvio che in caso di scarsa frequenza sono comunque obbligato a chiamare all'interrogazione un "evasore" alla prima occasione utile, dal momento che il "non classificato" non è giustificabile se non per assenze del 100%.

assolutamente d'accordo, soprattutto per il secondo punto!
Tornare in alto Andare in basso
 
Intransigenza a tutti i costi?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Agli occhi di Dio sono tutti uguali.
» Buone vacanze a tutti, io parto...
» Non siamo tutti uguali
» Cose che tutti (o quasi) sanno ma che non bisogna dire!
» informazioni pratiche su costi e procedure della PMA (magari a qualcuno servono)

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: