Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» Bonus 500 euro
Oggi a 12:55 am Da avidodinformazioni

» "Le bambine si tappino le orecchie !"
Oggi a 12:53 am Da rita

» Obbligo recupero ore
Oggi a 12:23 am Da iaiataf

» Equiparazione dottorato di ricerca e abilitazione
Ieri a 11:57 pm Da Ciope1981

» Congedo pare tale e malattia
Ieri a 11:55 pm Da Giorgia11

» detrazioni figli a carico
Ieri a 11:33 pm Da CUBA71

» Gestione della rabbia
Ieri a 11:21 pm Da Masaniello

» Urgente congedo
Ieri a 11:07 pm Da Mlc

» Gestione della rabbia
Ieri a 11:02 pm Da alice74

Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 3:55 am

La scorsa settimana due miei alunni, due ragazzi tra i migliori della classe, senza una sola nota dall'inizio dell'anno, con una condotta che è sempre stata irreprensibile, anzi, da 10 e lode, si sono azzuffati tra di loro e abbiamo dovuto intervenire in 3 per dividerli.
Tra i due non c'era nessun precedente, mai una lite, mai una discussione, anzi uno dei due è sempre silenzioso, tranquillo, insomma, mai mi sarei aspettato un comportamento simile da loro due.
Alla fine il ragazzino più aggressivo si è messo a piangere e ha spiegato che era stanco di essere deriso dai compagni e che un gesto che facevano sempre, ma che io avevo visto e prontamente sanzionato una sola volta durante le mie lezioni, gli aveva fatto perdere la pazienza. Il gesto in questione, era semplicemente l'atto di prenderlo a quadernate o librate in testa.
Era solo la seconda volta che io vedevo un comportamento simile e la volta precedente l'atto era stato compiuto da un altro compagno e non da quello coinvolto nella rissa del giorno, che tra l'altro si era scusato promettendo di non farlo più. Lì per lì non sapendo come comportarmi ho imposto ai due di consegnarmi il diario e ho scritto a entrambi una nota per le famiglie. Si tratta di una scuola media e nessuno si è fatto male. Ma a mio avviso si è trattato di un comportamento inaccettabile. Inoltre in classe non abbiamo più il registro cartaceo e quel giorno non funzionava internet quindi anche se avessi voluto non avrei potuto mettere una nota sul registro.
Ho parlato con il docente che coordina la classe e mi ha detto di mettere note anche sul registro perchè l'anno scorso i due alunni in questione avevano già avuto una situazione identica. Io non ne ero al corrente e questo è il primo anno che insegno in quella classe. Ritengo che avrei dovuto essere informato del fatto che nella classe ci sono simili situazioni pregresse...e non so se ho agito bene.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 11:07 am

Si tratta di bullismo e di reazione da parte della vittima.

Hai fatto bene, a mio parere, ad agire così perchè la scelta della reazione è stata sbagliata.
Ora però bisognerebbe parlare con il ragazzo che subiva, sentire come va, parlare con i suoi genitori e spiegare sia il motivo della nota sia la necessità di intervenire affinchè questi episodi smettano di verificarsi, bisogna stare vicini al ragazzo spiegandogli che sarebbe stato meglio reagire in modo diverso, che avrebbe dovuto parlarne con qualcuno piuttosto che picchiare.

Guarda, potrebbe anche essere che la sua reazione abbia interrotto il tutto,che chi lo prendeva in giro ora non lo farà più. In questo caso sarebbe bene sorvegliare la classe per vedere se qualcun altro fosse preso di mira. Magari fare un discorso in generale sul bullismo, le sue implicazioni, la possibilità di interromperlo e la responsabilità di tutti sia nel sostenerlo che nell'impedirlo.

Insomma, ritengo che sia una situazione da monitorare sia in generale, sia seguendo il ragazzino che ha reagito per vedere come va. potrebbe pensare: non reagivo e mi trattavano male i compagni
ho reagito e mi trattano male gli adulti.

Molto pericolosa potenzialmente questa situazione, potrebbe essere anche una di quelle che portano il ragazzo a pensare che non ci sia possibilità di stare bene e a credere che sia meglio farla finita
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 12:13 pm

A noi insegnanti è richiesto di essere educatori, ma educatori come ? Possiamo educare secondo coscienza come faremmo con i nostri figli ? O dobbiamo ammaestrare i nostri ragazzi ad essere rispettosi di tutte le norme che lo stato impone, anche le più insulse (ricordo che le leggi razziali erano leggi) ?
Se fossi stato io l'insegnante sarei stato combattuto tra il dovere che sento di educare i ragazzi come educherei mio figlio cioè come ritengo sia giusto (ovviamente posso sbagliarmi, ma la mia convinzione è questa) o come il sentimento di giustizia più comune vorrebbe.

Premetto che possiamo parlare di bullismo solo se la vittima in questione è l'unica, se invece fosse "usanza" prendersi tutti a quadernate allora il fenomeno sarebbe da derubricare a "gioco stupido".

Se fosse bullismo io penso che la vittima abbia fatto benissimo a reagire e che non avrebbe potuto fare altrimenti.
La deontologia vorrebbe che la vittima informasse l'autorità (insegnante) e che questa intervenisse sul/sui carnefici per porre fine al fenomeno.
Il risultato di un simile ingenuo comportamento sarebbe rendere la vittima più invisa ai carnefici (spione) ed ad acuire il fenomeno.
Il bullo sceglie la propria vittima in un ragazzo che non si ribella, perché sa che così le sue angherie sono gratuite, non le deve pagare con schiaffoni ricevuti o cose simili.
Questa è una questione fondamentale: vessare gli altri è divertente (per il bullo) ma non poi così tanto, se si deve mettere in conto uno schiaffone il divertimento cessa o comunque non è tale da giustificare il prezzo.
E' fondamentale che la vittima si ribelli e che presenti il conto al carnefice.
Peccato che lo stato voglia che la vittima faccia lo splendido, il superiore, il perfetto.
Questa è una delle situazioni in cui penso che lo stato se ne debba andare a fancbiip.

Io avrei sedato la rissa (non esiste che si picchino davanti a me), avrei messo la nota, avrei fatto la ramanzina, ed in un secondo tempo avrei preso la vittima da parte e gli avrei detto che la mia reazione verso di lui era un atto dovuto per me, che non potevo comportarmi diversamente, ma che in cuor mio ero con lui, che aveva fatto bene, che era l'unica cosa che poteva fare, che non avrebbe avuto altre sanzioni e che quella chiacchierata non era mai esistita, che l'avrei negata senza pudore.

Diseducativo ? Autorizzazione a farsi giustizia da solo ? Autorizzazione a mentire ? Comportamento ipocrita ? Si.
Sbagliato ? No, non secondo me.
Le leggi tendono all'utopia, la gente si scontra tutti i giorni con una realtà che ne è ben lontana.
Dobbiamo formare persone oneste, non zerbini.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 12:22 pm

Una vittima che si ribella smette automaticamente di essere vittima.

E così deve essere.

naturalmente deve scegliere la ribellione corretta.

Se picchia non la fa la scelta corretta, soprattutto se picchia in risposta ad insulti.
Se picchia quindi non per difendersi ma per sfogarsi.

Una vittima che parla con un adulto è uno spione?

Siamo noi che avvalliamo e suggeriamo questo concetto, avido.

dobbiamo insegnare che una vittima che parla con un adulto è un ragazzo maturo che ha fatto la scelta migliore non solo per se stesso ma anche per eventuali altri presi di mira dal "suo" bullo.

Ha scelto di rivolgersi all'autorità (come noi denunciamo un sopruso nei nostri confronti) naturalmente l'autorità non deve fare finta di nulla.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 12:26 pm

Inutile che ti dica io che il bullismo è un fenomeno dilagante.
La scuola è il teatro privilegiato dei soprusi e a scuola ci siete voi come adulti che avete il dovere di intervenire almeno per interrompere l'emergenza.

Come?

Come un genitore?

Il buon senso, è logico, è la prima abilità da attivare in una situazione critica, ma non sempre il buon senso conosce le risposte giuste.

La risposta alla tua domanda, avido, è, a parere mio: agisci come un genitore se come genitore sei a conoscenza del fenomeno, delle sue manifestazioni, implicazioni, motivazioni, e possibilità.
Conosci il tuo "nemico" e affrontalo.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 2:28 pm

Ire ha scritto:
Se picchia non la fa la scelta  corretta, soprattutto se picchia in risposta ad insulti.
Se picchia quindi non per difendersi ma per sfogarsi.

Sono uno strenuo sostenitore della proporzionalità tra offesa e difesa, purtroppo questa pratica richiede chiarezza nella visone dello stato delle cose, misura della loro effettiva portata; in buona sostanza maturità e sangue freddo; due caratteristiche di cui i giovani per "statuto" sono carenti.
L'alternativa è l'escalation; si parte dalla critica, si procede con l'insulto personale, si avanza verso l'insulto alla famiglia, si passa allo spintone , allo schiaffo, al pestaggio.

So bene che la regola del "non farsi giustizia da soli" ha come finalità quella di evitare tutto questo, ma so anche che una reazione brutale iniziale, mette in chiaro che "se continui a fare il bullo con me non la passi liscia" e quindi è molto più efficace di mille predicozzi.

I predicozzi attecchiscono solo se chi li subisce ha stima di te, se ha solo timore hanno come effetto che ciò che fa lo fa più di nascosto, se non ha neanche timore l'effetto è che gli eventi si intensificheranno anche sotto il tuo naso.


Una vittima che parla con un adulto è uno spione?

Siamo noi che avvalliamo e suggeriamo questo concetto, avido.

Se con "noi" intendi la società, si, è vero; io personalmente no; questo non mi impedisce di prenderne atto e di tenere conto di questo nei miei comportamenti.

Io fotografo la realtà e non mi sembra che tu stia dicendo che la realtà è diversa, che i ragazzi non penserebbero mai che la vittima è uno spione.

L'adulto (io in questo caso) non può controllare i bulli in ogni istante quando sono a scuola, figuriamoci quando sono fuori; che ne sarebbe dello "spione" ? Vessato per i corridoi ? Umiliato fuori scuola ? Escluso dalla compagnia ? Ciberbullato ?
Se reagisce, nulla di tutto questo.
La reazione per altro fa bene anche al bullo, gli insegna a non sottovalutare il prossimo.
Tornare in alto Andare in basso
Online
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 4:14 pm

Il mio atteggiamento è dubbioso in quanto, essendo stato anche io vittima dei bulli, per quella che è la mia esperienza personale so che hanno smesso di rompermi le scatole solo quando ho riempito di botte uno di loro. Non se l'aspettava e ne ha prese così tante che gli è passata la voglia di fare il furbetto con me ...da allora anche altri ragazzi sullo scuolabus hanno iniziato a ribellarsi al bullo e ai suoi amichetti e così sono anche stati denunciati per un episodio eclatante per il quale nessuno prima aveva avuto il coraggio di parlare...
Le "molestie" dei bulli nel mio caso non avvenivano in classe ma sullo scuolabus.
.Ma come docente non posso certo dire a quel ragazzo che ha fatto bene a picchiare il compagno.
La mia domanda è: devo segnalare il fatto anche al DS?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 6:07 pm

samuelescuola ha scritto:
Il mio atteggiamento è dubbioso in quanto, essendo stato anche io vittima dei bulli, per quella che è la mia esperienza personale so che hanno smesso di rompermi le scatole solo quando ho riempito di botte uno di loro. Non se l'aspettava e ne ha prese così tante che gli è passata la voglia di fare il furbetto con me ...da allora anche altri ragazzi sullo scuolabus hanno iniziato a ribellarsi al bullo e ai suoi amichetti  e così sono anche stati denunciati per un episodio eclatante per il quale nessuno prima aveva avuto il coraggio di parlare...
Le "molestie" dei bulli nel mio caso non avvenivano in classe ma sullo scuolabus.
.Ma come docente non posso certo dire a quel ragazzo che ha fatto bene a picchiare il compagno.
La mia domanda è: devo segnalare il fatto anche al DS?
Non in pubblico e non mettendoci la faccia; non lo farei nemmeno io.

Anche chi aiutava gli ebrei lo faceva di nascosto, mica siamo votati al martirio !
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Sab Mar 08, 2014 8:07 pm

Da quando è in vigore la follia del registro elettronico (che non funziona mai bene e quindi non è possibile mettere la nota istantaneamente, facendo perdere a questo strumento "punitivo" gran parte del suo potere) io personalmente mi sono dotato di un'agendina sulla quale prendo appunti ("prendo Nota", appunto)e scrivo la nota sul registro elettronico quando c'è la linea.
Nel fare ciò mi limito ad esporre i fatti, in maniera ESTREMAMENTE sintetica (oserei dire telegrafica) e corretta, e solo quando la violazione del regolamento è oggettiva e incontestabile.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Dom Mar 09, 2014 10:20 am

Avido, tu fotografi la realtà, ed è una fotografia che ho anche io tra le mani, uguale alla tua. L'abbiamo fatta, questa fotografia, io e te, in due parti diverse di Italia ed è venuta uguale uguale.

La differenza è l'utilizzo che facciamo di questa fotografia.

Tu la prendi per mettere in piedi la protezione

Io la prendo per mettere in piedi la protezione cercando di andare verso il cambiamento.


Tutto quello che tu dici è esatto ma non corretto. So che si può fare qualcosa e so come si deve fare, o almeno so quale sia la strada.

Sono quasi due anni che studio il bullismo insieme ad esperti titolati e sono passati sei mesi da quando ho cominciato a parlarne ai ragazzi indicando soluzioni diverse e rispondendo al:
non posso farlo perchè poi mi dicono che sono una spia - non lo faccio altrimenti ne prendo di più

Piano piano con loro analizziamo queste cose e dico quello che devo dire.

Giusto un paio di settimane fa ho avuto i primi riscontri positivi. Ho parlato con gli insegnanti di una classe dove eravamo stati e hanno visto qualche miglioramento. Qualche episodio positivo.

Non grandi cose, ma segnali di cose grandi.

Il bullismo non è un fatto privato- Parlando di bullismo parliamo di un fenomeno che coinvolge almeno tre figure:

il bullo, la vittima e gli osservatori. Il cambiamento avviene tramite questi ultimi.

Il cambiamento avviene tramite l'assunzione di consapevolezza che per stare bene tutti nessuno deve stare male e che ognuno di noi è responsabile di questo, ognuno deve contribuire, uscire da se stesso e agire.



Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mark12



Messaggi : 137
Data d'iscrizione : 20.12.13

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Dom Mar 09, 2014 11:08 am

Prima facciamo le guerre al bullismo e poi quando una persona si ribella al bullismo come madre natura ci ha insegnato passa dal torto?

Io direi che va fatto un discorso ad entrambi.
Soprattutto al bullo...
Alla fine quello che ha reagito ha sbagliato e va fatto un discorso, ma l ha fatto solo perche studfo, cosa doveva fare? Parlarne con qualcuno che poi magari lo difendeva? In questo modo al 50% l avrebbero preso ancora più in giro.


Tenendo conto che per quanto sia sbagliato per una specie "superiore" come quella umana tutti da piccoli ci siamo dovuti azzuffare (che non vuol dire ammazzarsi ) una volta per far capire chi siamo, è la legge della natura e non ne siamo esenti, anzi spesso le migliori amicizie nascono dai peggiori nemici.

Forse chi dice che non è vero ha vissuto in una bolla di sapone.


Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Dom Mar 09, 2014 1:00 pm

[quote="Ire"]Parlando di bullismo parliamo di un fenomeno che coinvolge almeno tre figure:

il bullo, la vittima e gli osservatori.   Il cambiamento avviene tramite questi ultimi./quote]
Si, il nemico n°1 non è il bullo ma il branco che lo sostiene o quantomeno lo legittima, ma sai che far evolvere il branco non è cosa né facile né immediata, richiede un'attività prolungata ed assidua, più da terapia di gruppo che da scuola.
Ma anche se la scuola fosse l'istituzione giusta, non potrebbe dare risultati immediati, i risultati di cui la vittima necessita.
Un bel pugno sul naso invece ..... poi con calma li si recupera.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Dom Mar 09, 2014 1:06 pm

L'emergenza, il pericolo, vanno risolti immediatamente.

E se la soluzione passa per un pugno sul naso...........
che ci vuoi fare.

Ma deve essere uno, al momento giusto, ben piazzato e meritato.

Poi con calma li si recupera, ma lo si fa.
Non ci si deve dimenticare dell'accaduto.
Si parla col bullo, con la vittima, con il gruppo.

Affinchè emergenze non ne insorgano più
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Dom Mar 09, 2014 1:08 pm

avido ha scritto:
Si, il nemico n°1 non è il bullo ma il branco che lo sostiene o quantomeno lo legittima


Il nemico numero uno è non il branco, che già dà l'idea di cattiveria.

Il subdolo nemico numero uno è La maggioranza silenziosa
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Dom Mar 09, 2014 2:02 pm

mark12 ha scritto:
Tenendo conto che per quanto sia sbagliato per una specie "superiore" come quella umana tutti da piccoli ci siamo dovuti azzuffare (che non vuol dire ammazzarsi ) una volta per far capire chi siamo, è la legge della natura e non ne siamo esenti, anzi spesso le migliori amicizie nascono dai peggiori nemici.

la zuffa non è bullismo.

La zuffa è conflitto tra pari, ognuno dei contendenti ha possibilità di esprimersi.

I cuccioli di ogni specie lo fanno e una scazzottata tra due ragazzini non è la fine del mondo.

Altro è il bullismo.

Il bullismo è un atto di prepotenza da parte di una persona che si sente forte nei confronti di una persona che non sa difendersi e che magari quando ha la misura colma o reagisce con violenza inaudita, all'improvviso, o si ammazza.

Non si tratta di essere vissuti in una bolla di sapone quando si fanno discorsi sul bullismo, si tratta di guardare un po' oltre le esperienze personali e di analizzare il fenomeno nella sua interezza e reale dimensione.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
franca60



Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 03.06.11

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Lun Mar 24, 2014 6:54 pm

Scusate vorrei un vostro parere su una questione: oggi ho subito un'aggressione da un papà (ho poi scoperto che è stato cocainomane e in effetti il comportamento lo faceva sospettare) insieme alla povera moglie perchè mentre cambiavo i posti (sono la coordinatrice di classe e spetta a me la rogna) la figlia di I mi ha chiesto di poter cambiare subito i nomi su una griglia attaccata alla cattedra ( la collega di tecnologia non riesce ad imparare i nomi degli alunni a memoria). Non ho dato il permesso alla figlia che cmq ha voluto il foglio con la promessa di farlo successivamente. Mi sono accorta che invece lo stava facendo contravvenendo alla promessa fatta. L'ho sgridata, mi sono arrabbiata ed ho buttato il foglio nella raccolta carta. Successivamente la stessa alunna ha girato il libro per far leggere e favorire una compagna interrogata prendendomi di nuovo in giro. A quel punto le ho scritto due note sul registro di classe: una per il nuovo comportamento e un'altra per quello precedente. Vi sembra che ho esagerato? I genitori si son presi la briga di andare dalla Preside pensando non so cosa dal momento che non ho nessun timore della Preside e non capisco perchè dovrei averne. La madre pretendeva che togliessi le note alla figlia e che facessi pace con lei dandole un bacio. Ma come hanno potuto pensare che fossi arrabiata con una bambina che per quanto predisposta alla truffa (si vede dai piccoli gesti) non ha nessuna colpa per certi comportamenti se non quello di vivere in una simile famiglia? Il papà mi ha accusato di violenza perchè ho strappato e buttato il foglio e mi ha minacciato (testimoni presenti) di fare esposto alla procura della repubblica.Ovviamente non ho nessun timore in quanto non ci sono i presupposti per nessuna denuncia da parte loro invece ci sarebbero da parte mia poichè sono stata aggredita. Un altro genitore che ha assistito alla scena mi ha detto di essersi vergognato per il comportamento indegno di quell'uomo. Ora la mia preoccupazione è che se è effettivamente ex o attualmente eroinomane qual'è il comportamento da seguire? Di sicuro non avrà più note perchè non mi interessa "educare" alla correttezza figli di gente di tale livello. Ma a livello didattico? devo metterli voti alti per il papà malato? non se ne parla neanche...Che consiglio potete darmi? Non ho mai avuto a che fare con gente simile, se veramente il genitore è eroinomane e sinceramnte la cosa mi spaventa...Grazie se volete darmi un consiglio
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Lun Mar 24, 2014 8:10 pm

Ti hanno mai contestato i voti i genitori di questa ragazza?

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
franca60



Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 03.06.11

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Lun Mar 24, 2014 9:13 pm

Ire, non hanno parlato di voti...boh. La mamma mi diceva di abbracciare la figlia, darle un bacio, ho risposto che non bacio i ragazzi e che le note non le avrei tolte in quanto strumento per evidenziare comportamenti scorretti. Probabilmente la bambina teme di non essere ben vista da me a causa delle note ma non è così, l'ho usate come strumento correttivo e basta. I genitori sono fuori di testa perchè avrebbero dovuto rassicurare la ragazzina e non creare questa situazione...come possono pensare degli adulti che ce la prendiamo con i bambini. Sono molto stimata dai genitori della classe e forse non vogliono perdere le mie attenzioni. Solo che il papà vuole ottenere le attenzioni con i metodi violenti e allora si sbaglia di grosso perchè non transigo: sono molto disponibile perchè credo che la matematica si apprenda in un clima affettivo e sereno ( Bruno D'Amore docet) ma devono comportarsi bene, non tollero maleducazione e scorrettezze di sorta verso me o i compagni. Per i voti sono oggettiva, uso i punti in percentuale di risposte esatte sul totale e nessuno me le può contestare, non ho preferenze, non posso averle con quel tipo di valutazione.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Lun Mar 24, 2014 9:27 pm

cercavo di ragionare con te sulle domande che avevi fatto.

non mi sembra ti si ponga il problema di doverle dare sempre voti alti per paura dei genitori.

vista la loro eccitabilità probabilmente ti si pone in problema delle eventuali future note, ma pensaci bene a non dargliele se le dovesse meritare: magari i suoi genitori starebbero tranquilli ma potresti trovarti a dover dare risposte ad altri genitori e ad altri alunni: perchè questa ragazza è immune da note? Il non dargliele legittima il comportamento aggressivo.

se ti senti minacciata denuncia il genitore

una piccola osservazione: non è stato un po' eccessivo strapparle il foglio e buttarlo nel cestino?
non era sufficiente requisirlo?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Lun Mar 24, 2014 10:12 pm

franca60 ha scritto:
..come possono pensare degli adulti che ce la prendiamo con i bambini. ...

Solo che il papà vuole ottenere le attenzioni con i metodi violenti ......

Per i voti sono oggettiva, uso i punti in percentuale di risposte esatte sul totale e nessuno me le può contestare, non ho preferenze, non posso averle con quel tipo di valutazione.

Da che mondo è mondo l'arbitro "è cornuto" ed il professore "ce l'ha con me".
I genitori che sono stati alunni mediocri hanno questa convinzione e nessuno gliela toglierà mai (qualche caso isolato di insegnante vendicativo ad onor del vero c'è).
I genitori lassisti (la maggioranza) sono convinti che quello sia il modo migliore di comportarsi, quando vedono un insegnante che impone regole e le fa rispettare pensano di subire una violazione dei diritti umani; ne sono proprio convinti.

Per ottenere attenzione con metodi civili ci vuole cervello; un tossicodipendente tanto cervello non doveva averne neanche prima, altrimenti ..... ;poi si sa che le droghe bruciano i neuroni, quindi come puoi pretendere un comportamento diverso da quello che ha avuto ?

Anch'io che sono un tecnico uso il tuo metodo oggettivo di valutazione .... almeno quando decido di comportarmi seriamente ... poi a fine anno .... Ok cambiamo discorso.
Purtroppo le teorie didattico-fuffologiche che vanno per la maggiore dicono che dovremmo valutare l'impegno, ed il miglioramento, indipendentemente dal risultato raggiunto e tenendo in conto le "condizioni al contorno".

La tua alunna, con quei genitori, potrebbe addirittura essere considerata una BES e con il suo carattere esuberante una ADHD.
Altri insegnanti non esiterebbero ad applicargli un metro di valutazione personalizzato.

Il mio consiglio è di comportarti secondo coscienza; se non farai bene alla ragazzina almeno farai bene a te stessa; con qualsiasi altro comportamento faresti certamente male a te stessa senza essere sicura di far bene (e non far male) a lei.

Infine, così come un prete pedofilo è prima un pedofilo e poi in estremo subordine è un prete, allo stesso modo un genitore delinquente è prima un delinquente e solo in ultima analisi un genitore.
Se ti sembra che ce ne siano gli estremi (aggredita in che senso ?) segui il consiglio di ire e vai dai carabinieri, come faresti con qualsiasi altro delinquente.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Lun Mar 24, 2014 10:17 pm

Ire ha scritto:
non è stato un po' eccessivo strapparle il foglio e buttarlo nel cestino?
non era sufficiente requisirlo?
Non era un oggetto, era un foglio scritto e "scarabocchiato", ormai aveva perso la sua utilità, il cestino era "la morte sua".
Se c'è stata violenza è stata nello strapparglielo di mano, non nel cestinarlo.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Mar Mar 25, 2014 8:07 am

avido ha scritto:
Se c'è stata violenza è stata nello strapparglielo di mano, non nel cestinarlo.

Va bene, concordo.

Violenza....................... una parola grossa in questo caso.


Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
franca60



Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 03.06.11

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Mar Mar 25, 2014 8:24 am

In effetti l'ho prima sequestrato e poi arrabbiata cestinato nella raccolta carta era la sua naturale fine e poi cosa mi importa della collega di tecnologia a cui serviva e che non ricorda i nomi perchè odia gli alunni. Per la bambina avrei deciso di non usare più il mio metodo educativo rigido del rispetto delle regole, certo dovrò far finta di non vedere le sue piccole truffe, la considererò "sei fuori" come si usa dire ora. Non dovrebbe essere difficile perchè la ragazzina, a parte la propensione alla truffa è timida e silenziosa. Sarebbe la prima volta per me avere l'atteggiamento opportunistico che invece hanno solitamente i miei collegi che quando vedono il brutto invertono rotta. Devo lavorare su me stessa ed essere furba: valutarla giustamente come mio solito e non vedere le probabili prossime truffe. Dite che ce la farò. Un caro saluto a voi
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Mar Mar 25, 2014 3:53 pm

franca60 ha scritto:
.... collega di tecnologia a cui serviva e che non ricorda i nomi perchè odia gli alunni. ....
Spero che il tuo sia solo uno sfogo !
Amore ed odio sono due sentimenti molto impegnativi e dispendiosi d'energie; un buon insegnante non odierebbe mai i suoi alunni, un cattivo insegnante non sprecherebbe mai le sue energie ad odiarli; solo una cattiva persona ci riuscirebbe.

Io fatico molto ad imparare i nomi dei miei alunni ed indovina un po' ...... i primi nomi che imparo sono quelli dei ragazzi che mi fanno girare di più i coglioni; a seguire quelli che mi danno più soddisfazioni.

Io non credo che la sua sia una questione di odio.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?   Mar Mar 25, 2014 6:27 pm

sì, credo e spero che tutto quello che ha detto franca sia conseguenza della frustrazione/rabbia/paura provata durante l'aggressione verbale del genitore ex tossico.

@franca,
Non ha colpa, la figlia, dell'aggressività o del cervello bruciato del genitore. Se "truffa" lo fa perchè nel suo quotidiano quello vede. Non che tu la debba educare ma non può essere abbandonata "facendo finta di non vedere" Ha il diritto di essere trattata come gli altri, anche con le note che le segnalino in qualche modo che il suo comportamento è sbagliato. Se poi serviranno o meno, queste note, può non essere problema tuo.

Ripeto ancora, l'unica cosa che hai il diritto di fare in questo caso è segnalare alle autorità il comportamento del genitore se ti sembra superi l'accettabile.
Non sei tenuta affatto a tollerarlo.

Ma l'approccio che ti proponi verso la ragazza non è professionale e non è corretto.

Dalla lettura del tuo post mi sono fatta l'idea che non sarai capace di comportarti come ti verrebbe voglia di fare. Penso che dopo aver sbottato e mandato tutti a quel paese come hai fatto qui sarai la prima a comportarti correttamente.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
Prevenire i conflitti in classe, mica è sempre possibile?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» L'allievo supera sempre il maestro
» e continuerò per sempre a dire grazie alla vita
» la testa va sempre lì
» lo amo sempre di più
» Sempre a proposito di scienziati e studiosi atei o meno

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: