Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Bes, si prova a capire

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Bes, si prova a capire   Mer Apr 30, 2014 8:31 am

Promemoria primo messaggio :

vi indico questo documento.

Mi sembra piuttosto ben fatto.


Ultima modifica di Ire il Mer Apr 30, 2014 10:13 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum

AutoreMessaggio
paniscus_2.0



Messaggi : 6201
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 5:03 pm

Io penso semplicemente che ci siano dei furbacchioni che hanno immediatamente approfittato della novità e della confusione iniziale, cosa altro ci sarebbe da pensare?

Per quale altro motivo l'intera comunità dei medici, dei neuropsichiatri e degli psicologi (che normalmente passa anni a battibeccare al proprio interno sul fatto che una certa patologia esista o meno, e su come vada classificata), dovrebbe immediatamente adeguarsi ad adottare come criterio diagnostico quella che è semplicemente una trovata burocratica di qualche funzionario ministeriale che con la professione medica non c'entra niente?????

Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 5:33 pm

russele ha scritto:
Verissimo Paniscus ma  certificazioni e diagnosi di BES cominciano a circolare. Non so che pensare.

Questa cosa è ridicola. O ha un DSA, o ha un ritardo cognitivo, oppure niente che sia di pertinenza dello psicologo.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 6:09 pm

mac67 ha scritto:


Appunto.


Concordo ma ritengo che fare nulla sia peggio.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6201
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 6:13 pm

mac67 ha scritto:
russele ha scritto:
Verissimo Paniscus ma  certificazioni e diagnosi di BES cominciano a circolare. Non so che pensare.

Questa cosa è ridicola. O ha un DSA, o ha un ritardo cognitivo, oppure niente che sia di pertinenza dello psicologo.

Quindi sei d'accordo anche tu che, in linea di massima, un medico o uno psicologo che si permetta di diagnosticare esplicitamente un BES, o è un incompetente, o è un furbacchione che ci marcia, perché ha scoperto una nuova ghiotta fonte di lavoro e di guadagni?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 6:19 pm

russele ha scritto:
Senza dimenticare poi che la normativa ha un buco clamoroso perché non mi dice cosa devo fare e come mi devo comportare durante gli esami. E qui sta la discussione di questi giorni a scuola perché se ti faccio seguire un percorso identico alla tua classe ma ti semplifico esercizi e obiettivi, poi all'esame dovei fare altrettanto: no, nessuno sconto. Ma come! Se mi sono accontentato fino ad oggi, come posso pretendere di cambiare le carte in tavola proprio nel momento più scottante del percorso scolastico?
Francamente un'altra contraddizione per la quale mi piacerebbe continuare il confronto. Parlo di scuola media ma le cose non cambiano altrove.

Se le indicazioni per i BES dicono che per loro si applicano gli strumenti di cui alla 170, in ogni circostanza per loro si applicano gli strumenti di cui alla 170, anche all'esame. Che ci siano o no linee guida in questo senso. e che ci siano o no indicazioni o circolari di qualche USR che prevedono la necessità di avere diagnosi entro l'ultimo anno.

Una non applicazione degli strumenti durante l'esame quando per il percorso scolastico sono stati usati è condanna certa del TAR. (e penserei bene anche all'aspetto penale della faccenda)

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 6:48 pm

avido ha scritto:
Indipendentemente da tutto questo, anche se talvolta ire ha messo in dubbio la didattica di qualcuno, non significa che non comprenda quanto la cosa sia fastidiosa; penso sia sincera quando dice di comprendere le nostre reazioni.
Come me, ire se legge qualcosa che non condivide sente il dovere morale di intervenire, anche nella consapevolezza che il suo intervento possa non essere gradito; talvolta sbaglia intervento, come credo succeda anche a me; l'importante è farlo in buona fede, credendo in ciò che si dice, e non con l'(unica) intenzione di infastidire.

Infastidire è una azione che non rientra proprio nelle mie intenzionali.

Qualche volta provoco, certo, ma assolutamente non per infastidire. Se lo faccio è per invitare al confronto, per superare quella patina di ruolo che spesso incontro quando mi relaziono con professionisti della scuola.

Nel merito della frase incriminata:

1) non sono una docente, la metodologia didattica che ho utilizzato per i miei figli è frutto di sudore e sangue e passione perchè dovevo assolutamente portarli a muoversi autonomamente sfruttando le loro abilità e superando i loro problemi, dovevo farlo non conoscendo nulla di nulla di teorie o protocolli didattici e nemmeno di quello che li stavo aiutando ad apprendere.

Loro erano in gioco, il loro benessere e il loro futuro. Tutto lì, tutto concentrato lì, per me:  I MIEI FIGLI e una fatica cane da parte mia.  Non avrei mai permesso (e non permetto)  a nessuno di criticare (mentre ascolto o chiedo eventualmente idee diverse per risolvere problemi per i quali non trovo soluzione)  Quello che ho studiato per i miei figli va soprattutto bene per loro perchè è impostato sul loro modo di essere che nessuno conosce meglio di me.  

I risultati a scuola ci sono, sono risultati ottimi e gli abbozzi di critica (subito smorzati) erano preventivi al conseguimento del risultato.

Cosa c'entra questo con voi?  cosa c'entra col prendervi in giro?

Voi "lavorate" sui figli degli altri e le passioni che entrano in gioco non sono certo paragonabili-
Inoltre credo che quando qualcuno, io compresa, si permette di dire qualcosa non lo faccia certo sulla didattica ma lo faccia, eventualmente,  sul metodo con cui questa didattica viene applicata o sulla non applicazione di una didattica differenziata.

Confermo comunque che capisco quello che passate così come ribadisco che io non ho fatto l'insegnante nella mia vita. Forse non a caso.  Voi si, cara Paniscus, e fare l'insegnante significa preventivamente doversi confrontare con persone estranee ed esterne che possono non trovare idonei i metodi e che trattandosi in fin dei conti di metodi che hanno influenza sulla loro vita, possono anche avere voglia di contestare.

Nel mio lavoro professionale, quando lavoravo alle dipendenze di qualcuno, pur con la massima autonomia gestivo qualcosa di non mio ed è capitato di dover discutere le scelte che facevo con il proprietario del'azienda o del progetto.  Mi sembra anche più che giusto, trattandosi di cose loro.


Ultima modifica di Ire il Dom Mag 04, 2014 6:55 pm, modificato 3 volte
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 6:50 pm

"In sede di esame di Stato per gli alunni BES  non sono attualmente previste modalità differenziate di verifica degli apprendimenti.
L’uso temporaneo di dispense, di compensazioni e di flessibilità didattica è utile al fine di porre l’alunno e lo studente nelle condizioni di sostenere, al termine del percorso di studi, l’esame di licenza e l’esame di Stato con le stesse modalità ei medesimi tempi degli studenti che non vivono situazioni di BES
L’uso di strumenti compensativi e, solo se necessarie, di misure dispensative non deve generare alcuna dipendenza da parte dell’allievo, aggravandola sua peculiare difficoltà. L’uso di tali dispositivi deve anzi metterlo nella condizione di superare eventuali ritardi e/o problematicità e/o complicanze afferenti l’apprendimento"

Fonte
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 6:53 pm

Grazie Giovanna, non lo conoscevo.

Ci vedo un conflitto che però non è risolvibile se non in sede di ricorso, e non certamente qui. ;-)

E' la circolare BES di qualche USR di cui parlavo (e che immaginavo da qualche parte ci potesse essere)

grazie ancora.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 6:56 pm

Figurati Ire, il confronto è utile anche per questo....ognuno di noi ha sempre da imparare e guai se non fosse così e che qualcuno ritenga di essere "totalmente imparato"....come puoi notare il mio italiano è molto corretto!! :-)))
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6201
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 7:22 pm

Io non ci vedo particolari contraddizioni, considerando che la normativa sui BES prevede appunto che l'intervento didattico personalizzato sia TEMPORANEO, e finalizzato al superamento di una situazione di difficoltà personale transitoria. Poi, può anche essere ripetuto e riconfermato più volte se si constata che la difficoltà non si è ancora risolta, ma ciò non toglie che lo spirito formale della normativa era quello... per cui, non ci vedo niente di strano nel fatto che sia indipendente dagli esami: il BES in teoria dovrebbe servire proprio a quello: fornire all'alunno in difficoltà provvisorie gli strumenti per superare tali difficoltà provvisorie, per poi tornare a fare il percorso normale identico a quello degli altri.

Certo che se invece si pretende di usare il BES in maniera impropria, per mettere una pezza fasulla su problemi che invece transitori non sono, ossia come sostituto di una diagnosi di disabilità o di DSA solo che "un po' meno grave" delle altre, la cosa non ha senso. Ma appunto, è da almeno un anno che andiamo dicendo che NULLA di questa storia ha senso!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 7:30 pm

Sono d'accordo.

Si deve valutare (per quanto possibile e in tutta onestà) se il Bisogno speciale sia superato.

Certo, non deve avvenire che a maggio si decida che da quel momento in poi niente più strumenti.

Comunque NULLA di questa storia ha senso.

Pensiamo ai Borderline cognitivi, come dice Carla: difficilmente sono superati durante il corso di studi e a questi ragazzi che facciamo? secondo la circolare USR Lombardia in sede di esame togliamo tutto?

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 7:36 pm

giovanna onnis ha scritto:
Figurati Ire, il confronto è utile anche per questo....ognuno di noi ha sempre da imparare e guai se non fosse così e che qualcuno ritenga di essere "totalmente imparato"....come puoi notare il mio italiano è molto corretto!! :-)))
Correggiuto
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4614
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 7:39 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
...il BES in teoria dovrebbe servire proprio a quello: fornire all'alunno in difficoltà provvisorie gli strumenti per superare tali difficoltà provvisorie, per poi tornare a fare il percorso normale identico a quello degli altri.
Giusto. Peccato che però l'unica cosa di cui avrebbe bisogno, cioè un insegnante ad hoc, non gliela possiamo dare. Possiamo dargli un sintetizzatore vocale o dispensarlo dalla lettura ad alta voce, ma se non ha un dsa, a cosa servono questi interventi?

paniscus_2.0 ha scritto:
Certo che se invece si pretende di usare il BES in maniera impropria, per mettere una pezza fasulla su problemi che invece transitori non sono, ossia come sostituto di una diagnosi di disabilità o di DSA solo che "un po' meno grave" delle altre, la cosa non ha senso. Ma appunto, è da almeno un anno che andiamo dicendo che NULLA di questa storia ha senso!
È proprio così.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 7:42 pm

avidodinformazioni ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
Figurati Ire, il confronto è utile anche per questo....ognuno di noi ha sempre da imparare e guai se non fosse così e che qualcuno ritenga di essere "totalmente imparato"....come puoi notare il mio italiano è molto corretto!! :-)))
Correggiuto
:-))))
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6201
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 7:55 pm

Ire ha scritto:
Pensiamo ai Borderline cognitivi, come dice Carla: difficilmente sono superati durante il corso di studi e a questi ragazzi che facciamo?

Ma cosa vuoi che facciamo???? Sono mesi che lo si ripete!

Semplicemente, ai borderline cognitivi NON si dovrebbe fare il bes, si dovrebbe fare una regolare certificazione di disabilità, per quanto non gravissima, e dargli il sostegno, come si era sempre fatto in passato!

L'uso dei bes per mascherare degli stati di patologia o di menomazione che implicano tutt'altro, è una TRUFFA!

E quello che molti di noi sostengono è che ci si dovrebbe opporre a questa truffa... invece tu cosa sostieni, esattamente? Che bisogna fare buon gioco e accettare pazientemente la truffa, e anzi rendersene attivamente complici e collaborare a consolidarla e a diffondrla ulteriormente? Boh, giuro che non capisco!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 7:58 pm

Ire ha scritto:
Sono d'accordo.

Si deve valutare (per quanto possibile e in tutta onestà) se il Bisogno speciale sia superato.

Certo, non deve avvenire che a maggio si decida che da quel momento in poi niente più strumenti.

Comunque NULLA di questa storia ha senso.

Pensiamo ai Borderline cognitivi, come dice Carla: difficilmente sono superati durante il corso di studi e a questi ragazzi che facciamo?  secondo la circolare USR Lombardia in sede di esame togliamo tutto?

E' necessario distinguere tra le tipologie di BES.
Nelle tipologie che presentano difficoltà di apprendimento (DSA, non madrelingua, povertà, problemi familiari ecc) l'intervento è finalizzato a fare apprendere nonostante la situazione di BES.
L'esame non è una fase dell'apprendimento e tutto quel che si faceva prima non ha motivo di continuare.
Qui veniamo proprio alla contraddizione dei DSA sulla quale ci sciamo scontrati più volte; se un DSA avesse solo problemi di apprendimento, una volta appreso, sarebbe nelle stesse condizioni degli altri, e potrebbe fare lo stesso esame.
Purtroppo non è così, dietro l'acronimo DSA non c'è nulla di scientifico e di sensato; il dislessico rimane tale anche all'esame, idem il discalculico ecc.
Di questo all'esame bisognerebbe tenerne conto, ma anche in ogni altro ambito; alcuni diplomi ed alcune lauree ai discalculici dovrebbero essere precluse, nel senso che chi li supera con l'aiutino non li ha superati veramente e non deve poterli utilizzare in ambito professionale, non per punizione, ma per proteggere lui e gli altri.

Il borderline cognitivo se è tale prenderà un voto borderline; è al limite della normalità ? Allora prenderà un voto limite (60/100).
Se non è in grado di prendere 60 per deficit cognitivo, allora non è borderline, è H e come tale può ottenere un certificato di frequenza e non il diploma.
Del resto un H che se ne fa del diploma ? Brutto dirlo, ma non per questo meno vero: se troverà lavoro non sarà un lavoro da diplomato e magari sarà una forma di elemosina (assunzione obbligatoria)
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 8:09 pm

avidodinformazioni ha scritto:

E' necessario distinguere tra le tipologie di BES.
Nelle tipologie che presentano difficoltà di apprendimento (DSA, non madrelingua, povertà, problemi familiari ecc) l'intervento è finalizzato a fare apprendere nonostante la situazione di BES.

Stai mettendo nello stesso pentolone cose diverse. I DSA hanno una loro normativa a parte e non fanno parte dei BES. Dal punto di vista normativo, intendo.

avidodinformazioni ha scritto:

L'esame non è una fase dell'apprendimento e tutto quel che si faceva prima non ha motivo di continuare.
Qui veniamo proprio alla contraddizione dei DSA sulla quale ci sciamo scontrati più volte; se un DSA avesse solo problemi di apprendimento, una volta appreso, sarebbe nelle stesse condizioni degli altri, e potrebbe fare lo stesso esame.
Purtroppo non è così, dietro l'acronimo DSA non c'è nulla di scientifico e di sensato; il dislessico rimane tale anche all'esame, idem il discalculico ecc.
Di questo all'esame bisognerebbe tenerne conto, ma anche in ogni altro ambito; alcuni diplomi ed alcune lauree ai discalculici dovrebbero essere precluse, nel senso che chi li supera con l'aiutino non li ha superati veramente e non deve poterli utilizzare in ambito professionale, non per punizione, ma per proteggere lui e gli altri.

Agli esami non sono previste misure dispensative, tocca ripeterlo ancora una volta, le prove sono esattamente identiche per tutti gli alunni. Gli alunni con DSA hanno diritto solamente a misure compensative (pc, più tempo, ecc.).
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 9:01 pm

Ire ha scritto:
russele ha scritto:
Senza dimenticare poi che la normativa ha un buco clamoroso perché non mi dice cosa devo fare e come mi devo comportare durante gli esami. E qui sta la discussione di questi giorni a scuola perché se ti faccio seguire un percorso identico alla tua classe ma ti semplifico esercizi e obiettivi, poi all'esame dovei fare altrettanto: no, nessuno sconto. Ma come! Se mi sono accontentato fino ad oggi, come posso pretendere di cambiare le carte in tavola proprio nel momento più scottante del percorso scolastico?
Francamente un'altra contraddizione per la quale mi piacerebbe continuare il confronto. Parlo di scuola media ma le cose non cambiano altrove.

Se le indicazioni per i BES dicono che per loro si applicano gli strumenti di cui alla 170, in ogni circostanza per loro si applicano gli strumenti di cui alla 170, anche all'esame.  Che ci siano o no linee guida in questo senso.  e che ci siano o no indicazioni o circolari di qualche USR che prevedono la necessità di avere diagnosi entro l'ultimo anno.

non e' una circolare regionale: e' fonte nazionale. Lo ribadisce anche l'avv. Nocera che non e' cero l'ultimo arrivato in materia.

Una non applicazione degli strumenti durante l'esame quando per il percorso scolastico sono stati usati è condanna certa del TAR.  (e penserei bene anche all'aspetto penale della faccenda)


Sul penale la vedo dura. Pero' qui ci dobbiamo mettere d'accordo. Prima si dice che non ha senso applicare la 170 per i BES perché non hanno certo gli stessi problemi dei ragazzi con DSA (forse, in alcuni casi, andrebbero bene i tempi piu' lunghi...). poi pero' all'esame di Stato applichiamo gli strumenti della 170. vabbe'....
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 9:25 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ire ha scritto:
Pensiamo ai Borderline cognitivi, come dice Carla: difficilmente sono superati durante il corso di studi e a questi ragazzi che facciamo?

Ma cosa vuoi che facciamo???? Sono mesi che lo si ripete!

Semplicemente, ai borderline cognitivi NON si dovrebbe fare il bes, si dovrebbe fare una regolare certificazione di disabilità, per quanto non gravissima, e dargli il sostegno, come si era sempre fatto in passato!

L'uso dei bes per mascherare degli stati di patologia o di menomazione che implicano tutt'altro, è una TRUFFA!

E quello che molti di noi sostengono è che ci si dovrebbe opporre a questa truffa... invece tu cosa sostieni, esattamente? Che bisogna fare buon gioco e accettare pazientemente la truffa, e anzi rendersene attivamente complici e collaborare a consolidarla e a diffondrla ulteriormente? Boh, giuro che non capisco!

ecco. Appunto. ma quello che mi sorprende non e' Ire, che e' una mamma, e che da mamma, ancorche' informata, vede le cose della scuola. a me stupiscono questi "esperti" che scrivono sui giornali per annunciare la grande novita' dei BES!
due sono le cose:
- o non conoscono la situazione del sostegno in Italia (ovviamente pre BES)
- oppure sono consapevoli della cosa e vogliono far credere alla massa che la novita' e' vera e fattibile.
non si rendono conto pero' che la massa ha figli che vanno a scuola. e i figli raccontano che in classe c'e' Paolino, iperattivo, che tira le penne e i righelli. E la maestra deve seguirlo, perché senno fa male a qualcuno, e, ovviamente, non puo' fare lezione!
Ma la maestra non potrebbe dare a Paolino le sintesi vocali? cosi' non tira piu' le penne!

Sui borderline ho detto prima. se le misure per i Bes sono eventuali e contingenti certo i borderline non dovrebbero rientrare in questa categoria come pacificamente viene ormai detto.
Mi piace pero' pensare a P. il mio primo alunno, borderline (e con problemi motori), che vive in un paese dell'Emilia lontano dal mio. P. lavora part-time con la comunita' montana. e' un impiegato d'ordine. la paga non e' alta, ma e' contento. il diploma gli e' servito, cosi' come le cose che gli ho insegnato a forza di ripetere le cose 10mila volte e con le martellate in testa!
A saperlo prima che bastava una mappa e un cooperative Learning...
Tornare in alto Andare in basso
russele



Messaggi : 495
Data d'iscrizione : 06.03.12

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 9:44 pm

Per i BES devono essere utilizzati strumenti compensativi e/o dispensativi tali da aiutare l'alunno a superare l'impasse momentaneo. In qualche modo fai ciò che fai con un DSA con la sola differenza che i primi dovrebbero superare l'ostacolo e poi non servirsene più, i secondi faranno di questi strumenti il mezzo con cui raggiungere il successo formativo vitanaturaldurante. Quanto al fatto che si applica anche all'esame ciò che prevede la 170 lo so benissimo ma qui vedo il busillis perchè, lo state dicendo tutti e sottoscrivo, l'alunno con BES è temporaneo e quindi già all'esame dovrebbe dimostrare di essersi allineato ai compagni dopo un anno di strumenti, mappe e altro ma se io faccio per lui un esame con dispense e compensazioni (cioè faccio come farei con un DSA), consegno al ciclo successivo un alunno che ha problematiche che di temporaneo non hanno nulla, ergo forse non è un BES ma è uno svogliato (e allora perchè non bocciarlo?), o DSA (e allora gli ho fatto perdere fin troppo tempo perchè ha bisogno di una certificazione ), o borderline cognitivo (e allora idem come prima se non peggio), mille altre cose. E qui esprimo nuovamente la mia perplessità e cioè che la scuola da sola non è in grado e non deve bollare un alunno senza il sostegno di chi di dovere perchè di danni potrebbe farne e pure di gravi.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6201
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 10:14 pm

russele ha scritto:
Per i BES devono essere utilizzati strumenti compensativi e/o dispensativi tali da aiutare l'alunno a superare l'impasse momentaneo. In qualche modo fai ciò che fai con un DSA con la sola differenza che i primi dovrebbero superare l'ostacolo e poi non servirsene più, i secondi faranno di questi strumenti il mezzo con cui raggiungere il successo formativo vitanaturaldurante.

Scusa un attimo, ma qui sorge comunque un altro problema sostanziale: perché mai gli STESSI strumenti di ausilio che normalmente si utilizzano per i DSA, e che sono collaudati e tagliati su misura per le problematiche dei DSA (cioè, problematiche di lentezza nella lettura, di coordinazione visuospaziale, di confusione nella memoria a breve termine, di scarso controllo dei movimenti fini della mano, e quant'altro) dovrebbero essere automaticamente validi anche per qualsiasi caso di BES, che potrebbe anche riguardare un alunno che non ha nessuno di questi problemi, e che magari è stato dichiarato BES per tutt'altra ragione?

Al massimo posso immaginare che funzionino in un unico caso, ossia quello del disagio linguistico per un alunno che sia appena arrivato dall'estero e che deve imparare a comunicare... ma in tutti gli altri casi, che piffero c'entrano?

Se uno viene dichiarato BES per ragioni psicologiche, sociali e familiari, ma sa leggere e scrivere perfettamente e sa fare calcoli con velocità normale, che senso ha "aiutarlo" concedendogli il correttore ortografico, la calcolatrice o il diritto a portarsi dietro le tabelle da consultare, di cui NON ha bisogno? Se ha una capacità di memoria normale, che senso ha "aiutarlo" concedendogli di spezzettare l'interrogazione in due o tre tempi diversi, o esonerandolo dalle verifiche scritte, o concedendogli compiti facilitati?

A meno che non si voglia tacitamente implicare che, in realtà, tutta questa storia degli "strumenti compensativi e dispensativi" sia solo una elegante pantomima per nascondere una realtà completamente diversa, ovvero la semplice indicazione di "pretendere di meno, alleggerirgli il programma, dargli la verifica più facile, ed essere di manica più larga con i voti", indipendentemente da quale sia il suo vero problema specifico.

Se le cose stanno così, beh, allora è vero che tale gattopardesca strategia si attaglia facilmente a qualunque situazione, sia ai DSA, sia ai borderline cognitivi, sia ai BES qualsiasi... ma basta dirlo!
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 10:18 pm

russele ha scritto:
ma se io faccio per lui un esame con dispense e compensazioni (cioè faccio come farei con un DSA),

Ancora una volta: per i DSA non sono previste dispense agli esami, con l'eccezione delle verifiche scritte di lingua straniera.
Tornare in alto Andare in basso
russele



Messaggi : 495
Data d'iscrizione : 06.03.12

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 10:55 pm

Scusa. Insegnando inglese facevo riferimento a ciò che dici generalizzando a torto e comunque dicevo misure dispensative e compensative così come cita la normativa ma avendo bene in mente le diferenze. Piccolo misunderstanding.
Quanto al mio riferimento alle medesime misure, non intendevo che BES e DSA hanno le stesse misure. I problemi sono diversi e diverse sono le misure. Anzi, dovrei fare misure "su misura".
Sono assolutamente in linea con Paniscus perchè (OK, crocifiggetemi) non credo affatto a questa storia dei BES. Ne sono referente ma più siamo andati avanti, più mi sono accorta che molti di noi hanno fatto PDP copia e in colla e in classe hanno ridotto verifiche ed interrogazioni ad una disgustosa farsa. Il mio stesso PDP è sbagliato per alcuni perchè alcune misure compensative non sono assolutamente adatte a tizio, mentre lo sono per caio. Io stessa, con tre ore alla settimana, non sono riuscita a personalizzare verifiche e contenuti per tutti i DSA e BES che ho in classe. Se davo retta a uno, lasciavo l'altro e sicuramente ho abbandonato i più meritevoli, stufi di sentire per la centesima volta il paradigma del verbo avere.
A dire la verità, su un alunno ho avuto un buon riscontro. Ma era uno in classe, solo lui. L'ho seguito davvero ben benino nel triennio e ora farà l'esame come tutti gli altri ma solo con un pò di tempo in più. Ma è uno. In prima ho 24 alunni di cui tre BES perchè stranieri appena giunti in Italia, uno borderline cognitivo non certificato, uno con sindrome La Tourette e uno con mutismo selettivo. Come posso in tre ore lavorare con tutti???
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Dom Mag 04, 2014 11:05 pm

russele ha scritto:
Scusa. Insegnando inglese facevo riferimento a ciò che dici generalizzando a torto e comunque dicevo misure dispensative e compensative così come cita la normativa ma avendo bene in mente le diferenze. Piccolo misunderstanding.
Quanto al mio riferimento alle medesime misure, non intendevo che BES e DSA hanno le stesse misure. I problemi sono diversi e diverse sono le misure. Anzi, dovrei fare misure "su misura".
Sono assolutamente in linea con Paniscus perchè (OK, crocifiggetemi) non credo affatto a questa storia dei BES. Ne sono referente ma più siamo andati avanti, più mi sono accorta che molti di noi hanno fatto PDP copia e in colla e in classe hanno ridotto verifiche ed interrogazioni ad una disgustosa farsa. Il mio stesso PDP è sbagliato per alcuni perchè alcune misure compensative non sono assolutamente adatte a tizio, mentre lo sono per caio. Io stessa, con tre ore alla settimana, non sono riuscita a personalizzare verifiche e contenuti per tutti i DSA e BES che ho in classe. Se davo retta a uno, lasciavo l'altro e sicuramente ho abbandonato i più meritevoli, stufi di sentire per la centesima volta il paradigma del verbo avere.
A dire la verità, su un alunno ho avuto un buon riscontro. Ma era uno in classe, solo lui. L'ho seguito davvero ben benino nel triennio e ora farà l'esame come tutti gli altri ma solo con un pò di tempo in più. Ma è uno. In prima ho 24 alunni di cui tre BES perchè stranieri appena giunti in Italia, uno borderline cognitivo non certificato, uno con sindrome La Tourette e uno con mutismo selettivo. Come posso in tre ore lavorare con tutti???

bisognerebbe far entrare in classe i dottoroni che perorano questo scempio e i funzionari del Miur.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Bes, si prova a capire   Lun Mag 05, 2014 1:39 pm

russele ha scritto:
Scusa un attimo, ma qui sorge comunque un altro problema sostanziale: perché mai gli STESSI strumenti di ausilio che normalmente si utilizzano per i DSA, e che sono collaudati e tagliati su misura per le problematiche dei DSA (cioè, problematiche di lentezza nella lettura, di coordinazione visuospaziale, di confusione nella memoria a breve termine, di scarso controllo dei movimenti fini della mano, e quant'altro) dovrebbero essere automaticamente validi anche per qualsiasi caso di BES, che potrebbe anche riguardare un alunno che non ha nessuno di questi problemi, e che magari è stato dichiarato BES per tutt'altra ragione?

quando si pensa a strumenti secondo la 170 si pensa a quello che hai ricordato perdendo il senso stesso delle garanzie di legge.

quelli che riporti tu sono gli standard degli strumenti ma non sono solo quelli. Dsa non è solo non memorizzare, aver problemi di orientamento spaziale, o disprassie, tutti problemi risolvibili con:
calcolatrice, sintesi vocale, videoscrittura, programmi di grafica, registratori, dsa è problema di scarsa autostima, incapacità di organizzazione, paura di esporsi, dsa è bisogno educativo speciale sotto questo aspetto.
quando si dice di evitare la richiesta di lettura ad alta voce non lo si fa per far imparare al ragazzo a seguire con la mente la lettura dei compagni, lo si fa per evitargli l'ansia da prestazione o la sperimentazione della derisione sull'insuccesso.

La 170 impone di fornire anche questo tipo di strumenti, che sono in linea di massima i dispensativi, la 170 dice di tutelare questi ragazzi che non hanno solo problemi meccanici.

per i bes si raccomanda la stessa cosa: si chiede di tutelarli ed accogliere il loro bisogno speciale ed è importante la valutazione attenta del bisogno: inutile dare la sintesi vocale ad un ragazzo che legge perfettamente ma che per un qualche motivo è affetto da mutismo selettivo e non parla perchè "non vuole" (ho semplificato all'estremo) a lui si concederà la dispensa dalle interrogazioni orali a favore di compiti scritti fino a quando non sia risolto il suo problema.

Sintetizzo: non è che ai bes vadano necessriamente concessi gli strumenti per i dsa.
ai bes vanno concessi strumenti allo stesso modo nel quale vanno concessi ai dsa. Vanno tutelati come sono tutelati i dsa, come? secondo esigenza.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
Bes, si prova a capire
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 5Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» Non ci spero ma voglio capire
» ciao a tutti aiuto a capire uno spermiogramma
» Prova dell'esistenza di dio
» Prova dell' esistenza di Dio
» L'onere della prova

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: