Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".   Mar Giu 03, 2014 6:42 pm

Promemoria primo messaggio :

A chi si può scrivere o come si possono far sapere queste due questioni, dette e ridette:


può avere un senso per l'Europa in quanto in Europa gli stipendi sono più alti degli stipendi in Italia; mentre un senso non ce l'ha in Italia dove gli stipendi sono bassi.

http://www.indire.it/eurydice/content/index.php?action=read_notizie&id_cnt=12646

E a luglio il Ministro vuole presentare la proposta di togliere gli aumenti automatici di poche decine di euro tra primo e secondo gradone e così via?

B) In più c'è il lavoro sommerso degli insegnanti, per cui essi svolgono più di 18 ore.

http://www.orizzontescuola.it/news/docenti-lavorano-1643-ore-annue-met-sono-sommerse-valgono-14mila-euro-se-vogliamo-parlare-merit

Dovremo riempire le mail dei Sindacati per far presente questi due punti.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".   Lun Giu 09, 2014 11:58 pm

chiedo scusa, ma dopo una giornata di 16 ore di lavoro (escluso il tempo impiegato a smazzarmi 160 km di auto), crollo dal sonno. Risponderò domani a mente più fresca :-P
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".   Mar Giu 10, 2014 9:00 pm

Questo articolo risponde meglio di te e di me messi insieme (senza offesa gian):

http://www.orizzontescuola.it/news/arrivo-pagelle-ai-docenti-dieci-solo-ai-pi-furbi
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".   Ven Giu 13, 2014 8:57 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
dami ha scritto:
Si dovrebbero incentivare economicamente i docenti che se la sentono di andare nelle scuole peggiori.
E' giusto che chi lavora in scuole con un forte disagio sociale sia meglio retribuito. Le scuole con questo tipo di problemi andrebbero monitorate a parte e andrebbero predisposti progetti educativi ad hoc contro la dispersione scolastica, comprendenti una migliore retribuzione per i docenti di frontiera che vi operano.
Altri tipi di "merito" non ne vedo...
Se uno già lavora in una bella classettina tranquilla, i buoni risultati degli studenti già lo ripagheranno della fatica dell'insegnamento...

Scusa la polemica, ma... secondo me il risultato sarebbe esattamente il contrario.

Ovvero, supponiamo che dovesse realmente passare l'idea che debba essere pagato di più l'insegnante che accetta di andare in una scuola di livello culturale e sociale "basso".

Nel giro di pochissimo tempo, come andrebbe a finire ?

Andrebbe a finire che (salvo una piccolissima minoranza di idealisti illusi, che saranno pure bravissime persone ma che hanno molto più la forma mentale da assistenti sociali e da crocerossine piuttosto che da insegnanti), chiederebbero in massa di andarci proprio i colleghi meno preparati, meno aggiornati, e che non hanno voglia di fare niente, e che la vedrebbero esclusivamente come un'ottima occasione per guadagnare di più con la minima fatica. In certi tipi di scuole, il lavativo che insegna pochissimo, pretende pochissimo, si accattiva la simpatia degli studenti facendo l'amicone e facendoli chiacchierare del più e del meno invece che farli studiare, e che promuove tutti senza il minimo sforzo, ha vita MOLTO ma MOLTO più facile che in una scuola dalle richieste elevate.

Io ci sono stata diversi anni, in un istituto tecnico dall'utenza piuttosto "scaciata", e adesso sono in un liceo: oggettivamente, adesso fatico il doppio.

Non ho nulla da recriminare, proprio perché questa situazione mi sta bene: siccome, appunto, io non sono di quelli che hanno la mentalità della crocerossina ma quella dell'insegnante, semplicemente MI PIACE molto di più dovermi preoccupare di mantenere alto il livello didattico piuttosto che di risovere i problemi di disagio sociale.

Ma oggettivamente, dal punto di vista delle ore di lavoro a casa, dell'aggiornamento, della necessità di trovare sempre approfondimenti nuovi, fatico molto di più di prima.

Ho scelto io di chiedere il trasferimento in una scuola diversa pur sapendo benissimo che avrei dovuto lavorare di più, e sono contenta di averlo fatto.

Ma nei tecnici e nei professionali di livello scarso, ne ho visti tanti, di colleghi che stavano lì apposta per fare il meno possibile, per rifilare alle classi sempre le stesse quattro stupidaggini di livello minimo, senza mai preoccuparsi di aprire un libro per aggiornarsi e proporre qualcosa di nuovo, e alla fine promuovendo tutti (tranne al limite i bulli e i disturbatori estremi)... e che ammettevano letteralmente di non avere la minima intenzione di andare in una scuola più esigente, perché altrimenti ci sarebbe stato da faticare di più.

Se a questa gente venisse anche sbandierato il miraggio di uno stipendio più alto, sarebbe un delirio assoluto!

L.

Io non ho mai inteso dire che lo stipendio maggiore andrebbe dato a tutti quelli che semplicemente accettassero di andare a lavorare nelle scuole disagiate, come nullafacenti...
Il mio discorso è completamente diverso: lo stipendio maggiore andrebbe dato a tutti quelli che operassero su progetti volti al miglioramento dei risultati scolastici degli studenti all'interno delle scuole disagiate...
I progressi dovrebbero essere sottoposti a valutazione.
I voti che vengono dati a scuola non credo che abbiano nulla che fare con il reale apprendimento degli studenti. I programmi andrebbero revisionati, ma non ridotti.
Il giudizio sul lavoro svolto non dovrebbe certo sottostare al gradimento espresso dai ragazzi sulle attività svolte.
Non facciamo finta di non capire cosa intendessi.
Se tu ti senti più gratificata ora che insegni al liceo, anche se impieghi più tempo a prepararti, stai perfettamente dentro al mio discorso. Non c'è bisogno di pagarti di più. Sei contenta perché fai il lavoro che ti piace!
Spesso chi insegna alla secondaria fa questo lavoro perché ha amore per le discipline che insegna ed è già gratificato dal poter occuparsi del sapere e della sua trasmissione.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6138
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".   Ven Giu 13, 2014 9:44 pm

Comunque anche l'idea che "chi ha la fortuna di fare un lavoro che gli piace" allora è giusto che sia pagato poco, perché è già abbastanza gratificato così, mi sembra una bella zappata sui piedi non solo a noi, ma TUTTI i lavoratori, eh...
Tornare in alto Andare in basso
dami



Messaggi : 1159
Data d'iscrizione : 28.08.11

MessaggioOggetto: Re: "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".   Sab Giu 14, 2014 12:10 am

paniscus_2.0 ha scritto:
Comunque anche l'idea che "chi ha la fortuna di fare un lavoro che gli piace" allora è giusto che sia pagato poco, perché è già abbastanza gratificato così, mi sembra una bella zappata sui piedi non solo a noi, ma TUTTI i lavoratori, eh...
E' anche una questione di domanda-offerta sul mercato del lavoro.
E' duro da dire, ma è così.
Io sono d'accordo ad aumentare lo stipendio a tutti, naturalmente: guarda però quanto prendono i ricercatori in università...
Tornare in alto Andare in basso
Pierucci



Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 06.10.10
Età : 58

MessaggioOggetto: Re: "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".   Sab Lug 12, 2014 7:49 pm

jenny63 ha scritto:
So di essere impopolare, ma sono fermamente convinta che l'Europa abbia ragione. Lavoro nella scuola da molti anni e la mancanza di valorizzazione del merito ha creato molti danni.Stipendi livellati verso il basso, un senso di frustrazione imperante, la consapevolezza diffusa che lavorare con professionalità non paga.Ed è vero. Nelle scuole in cui ho insegnato ho incontrato docenti brillanti e altri che "vivacchiavano". Perchè pagarli allo stesso modo? Perchè calibrare sempre verso il basso? Perchè alcuni Sindacati, in nome di una presunta "democrazia" fanno finta di non capire il clima di insoddisfazione che serpeggia nella scuola, soprattutto fra i docenti più meritevoli?
Non so dire quale potrebbe essere la strada giusta da seguire, ma trovo interessante il modello francese. Ho conosciuto una coppia di docenti francesi : lavorano in scuola che potremmo equiparare alla nostra secondaria di primo grado, hanno poco più di 50 anni. La loro cattedra è di 18 ore settimanali. Lei percepisce uno stipendio di 2500 euro, lui 3000.La differenza di stipendio deriva dal fatto che il marito, nel corso della sua carriera, ha chiesto e ottenuto per tre volte la visita ispettiva e dato che il risultato è stato positivo ha un ottimo stipendio. Perchè non copiamo?
APPROVO PIENAMENTE!!!!! Pensa che quest'anno un'insegnante di sostegno che non è stata in grado di preparare il suo alunno per l'esame di terza media è stata affiancata da un'altra insegnante (nominata dal Comune) e l'esame è stato condotto dall'insegnante di italiano. Così va il mondo della scuola!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6138
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: "Mettere mano alla carriera degli insegnanti".   Sab Lug 12, 2014 7:52 pm

Cosa c'è, la gita organizzata dei troll?
Tornare in alto Andare in basso
 
"Mettere mano alla carriera degli insegnanti".
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» La situazione degli insegnanti di Religione
» G.I. fino alla nomina degli aventi diritto
» Mano finta o dita?
» Richiesta abilitazione - Problematiche degli Onicotecnici
» Il Dio degli Eserciti...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: