Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 9:19 am

Gent.le collega, non entro nel merito della tua proposta,

http://www.orizzontescuola.it/news/lettera-perch-non-differenziamo-stipendio-base-disciplina-insegnata

in quanto penso che - come minimo - si debba aspettare la riduzione dei licei da 5 anni a 4 anni (se verrà) per riattribuire la tipologia di verifica (S/O) in base al numero delle ore. Infatti, se le ore diminuiscono (è capitato ad alcune discipline che col Riordino Gelmini hanno ridotto le ore da 3 a 2) saremo tutti costretti a far compiti scritti, penalizzando così i ragazzi in quanto la produzione orale risulta una competenza-chiave nel post-scuola (es. colloquio di lavoro).

---

Integro però la tua lettera. Gli INSEGNANTI DI RELIGIONE (IDR) non prendono quanto gli insegnanti curriculari, ma prendono di più, per la somma delle seguenti ragioni, che hanno effetti sia sul trattamento economico stipendiale, prima, che su quello previdenzziale, poi.

Più volte su O.S. si è discusso se sia equo che queste misure compensative - pensate per il periodo pre-2005 ovvero prima del Concorso a ruoli per IDR (Ministero Moratti), in quanto prima di allora gli IDR non potevano accedere al ruolo - continuassero anche dopo il 2005, cioè quando anche per l'IDR sono stati istituiti i ruoli: il risultato è che gli IDR continuano a ricevere queste misure compensative migliorative anche dopo - nel 2005 -  che è caduto il motivo per il quale le ricevevano.

1) l'insegnante di religione (IDR) delle medie viene pagato di più del collega di matematica o inglese perchè viene pagato come l'insegnante di religione delle superiori;

2) gli IDR hanno rinnovi contrattuali biennali (a partire da Mef Tremonti), mentre gli insegnanti di materia hanno contratti triennali;

3) gli IDR precari hanno la progressione di carriera (le fasce stipendiali) anche da precari, mentre i precari di materia non li hanno;

4) gli IDR precari hanno inoltre scatti stipendiali AGGIUNTIVI biennali del 2,5% calcolati anche sulla I.I.S. oltrechè sullo stipendio tabellare; inoltre nel 2009 per gli IDR è stato permesso il recupero di tali scatti aggiuntivi biennali del 2,5% per ogni biennio a partire dal 2003; non ho ancora capito se questi scatti stipendiali biennali aggiuntivi cessano di essere dati agli IDR precari stabilizzati o cessano di essere dati agli IDR di ruolo;

5) la ricostruzione di carriera degli IDR ha un metodo di calcolo diverso da quella degli insegnanti di materia: per gli IDR tutti gli anni di precariato vengono calcolati al 100%, anzichè al 66% per gli anni successivi al quarto, come avviene per gli insegnanti di materia; questo calcolo peserà molto di più col nuovo sistema pensionistico contributivo;

6) gli IDR vengono "stabilizzati" anche da precari, in quanto la ricostruzione di carriera e la stabilizzazione dell'incarico avviene automaticamente dopo quattro anni di supplenza, anche se - ad esempio - il precario è o sarà soprannumerario); gli IDR hanno quindi la ricostruzione di carriera anche da precari;

7) l'organico degli IDR viene calcolato in base ad una legge che vieta l'accorpamento-classi anche se vi è un solo alunno avvalentesi l'insegnamento di religione cattolica (materia non obbligatoria cioè facoltativa), contrariamente ad esempio all'organico di seconda e terza lingua (materia obbligatoria e opzionale) che invece viene calcolato in base all'accorpamento-classi. Inoltre, sono "accorpati" gli alunni che frequentano attività alternativa alla religione.
Tornare in alto Andare in basso
Enoc



Messaggi : 344
Data d'iscrizione : 31.01.12

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 9:35 am

Io sottolineo soltanto una cosa: il taglio delle ore o dello stipendio è da rigettare a prescindere, in quanto funzionale soltanto a criteri di cassa imposti dall'estero.
Non si tratta di razionalizzazione o efficientamento.
Per cui andrebbe evitata ogni discussione in merito con questo governo e indetto immediatamente uno sciopero generale a oltranza.
Tornare in alto Andare in basso
elisaPA



Messaggi : 277
Data d'iscrizione : 16.03.13

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 9:44 am

Enoc ha scritto:
Io sottolineo soltanto una cosa: il taglio delle ore o dello stipendio è da rigettare a prescindere, in quanto funzionale soltanto a criteri di cassa imposti dall'estero.
Non si tratta di razionalizzazione o efficientamento.
Per cui andrebbe evitata ogni discussione in merito con questo governo e indetto immediatamente uno sciopero generale a oltranza.

Ma non a settembre a cose fatte. Bisogna muoversi già da ora.
Tornare in alto Andare in basso
marcob



Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 12.08.11

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 9:45 am

D'accordo che è assurda la differenziazione di stipendio, ma forse bisognerebbe far notare alla sig.ra Ferro che chi insegna materie orali da due ore settimanali:

1) è costretto a fare prove scritte (anche se la materia è orale), perché con le classi pollaio di 29-30 alunni che ci sono nei tecnici e nei professionali (dubito che al liceo classico dove insegna la sig.ra ci siano classi pollaio) non ci sarebbe tempo per svolgere il programma, perché si passerebbero tre quarti del quadrimestre a interrogare;

2) hanno 9 classi, che moltiplicate per il numero di alunni danno quasi sempre oltre duecento alunni. Quindi semmai sarebbero loro quelli che correggono più verifiche, conti alla mano.

Ricapitolando, ribadendo l'assurdità di una proposta di differenziazione di stipendio, aggiungo che semmai sarebbero loro a dover essere pagati di più, in base allo strampalato ragionamento dell'autrice.
Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 10:34 am

marcob ha scritto:
D'accordo che è assurda la differenziazione di stipendio, ma forse bisognerebbe far notare alla sig.ra Ferro che chi insegna materie orali da due ore settimanali:

1) è costretto a fare prove scritte (anche se la materia è orale), perché con le classi pollaio di 29-30 alunni che ci sono nei tecnici e nei professionali (dubito che al liceo classico dove insegna la sig.ra ci siano classi pollaio) non ci sarebbe tempo per svolgere il programma, perché si passerebbero tre quarti del quadrimestre a interrogare;

2) hanno 9 classi, che moltiplicate per il numero di alunni danno quasi sempre oltre duecento alunni. Quindi semmai sarebbero loro quelli che correggono più verifiche, conti alla mano.

Ricapitolando, ribadendo l'assurdità di una proposta di differenziazione di stipendio, aggiungo che semmai sarebbero loro a dover essere pagati di più, in base allo strampalato ragionamento dell'autrice.

Quoto tutto, tranne che per l'affermazione che le classi-pollaio ci sarebbero solo ai tecnici e i professionali! Sono anni che lavoro nei licei e ho sempre trovato classi affollate. La media è di 28 alunni anche al triennio, quest anno addirittura ho avuto una prima di 31 alunni!
Tornare in alto Andare in basso
elibo



Messaggi : 133
Data d'iscrizione : 29.06.13

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 12:03 pm

E' inutile che prendiamo di mira gli IDR: le differenze rispetto al trattamento economico degli altri docenti purtroppo sono inserite nei patti stipulati con il Vaticano, quindi è materia di diritto internazionale, non scherzo. I docenti IRC delle medie sono equiparati nello stipendio a quelli delle superiori perchè è la medesima "idoneità" che li fa insegnare indifferentemente alle medie o alle superiori. La cosa più scandalosa, dopo il regolare concorso che è stato fatto nel 2004 per la prima volta (non esisteva il ruolo dei docenti IRC, per questo pur essendo incaricati al 31/8 prendevano lo stipendio di quelli di ruolo, come forma di risarcimento...), è che gli incaricati al 31/8, che magari non hanno passato il concorso, prendono comunque lo stipendio con gli scatti stipendiali annessi. Ora che esiste il ruolo IDR, dovrebbero essere equiparati agli altri precari con incarichi al 30/6...inoltre per avere l'incarico dalla curia, oltre alle conoscenze, basta iscriversi a una facoltà teologica (quindi si può insegnare anche con la semplice maturità) e conseguire il titolo, mentre nel frattempo si insegna. A scuola da noi quest'anno c'era un incaricato di 21 anni in questa condizione privilegiata.
Tornare in alto Andare in basso
raganella



Messaggi : 2039
Data d'iscrizione : 24.08.11

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 12:11 pm

Corbellerie!
Anch'io ho una "idoneità" come la definisci tu, che mi permette di insegnare Musica indifferentemente alle medie o alle superiori (cosa che regolarmente faccio), ma nel primo caso lo stipendio che mi viene corrisposto è più basso. Quindi, togliamo di mezzo questa voce dalle pelose giustificazioni
Tornare in alto Andare in basso
elibo



Messaggi : 133
Data d'iscrizione : 29.06.13

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 3:39 pm

non sono pelose giustificazioni, i docenti IDR sono protetti da una trattato internazionale; bisognerebbe abolire il Concordato stipulato ai tempi di Craxi per sanare la questione... anch'io ho un'abilitaione che mi vale per le medie e le superiori, ma alle superiori mi pagano di più...
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Gio Lug 10, 2014 4:23 pm

elibo ha scritto:
E' inutile che prendiamo di mira gli IDR: le differenze rispetto al trattamento economico degli altri docenti purtroppo sono inserite nei patti stipulati con il Vaticano, quindi è materia di diritto internazionale, non scherzo

No, non sono certo norme Concordatarie. Sono accordi annuali tra Miur e Cei; mica Gelmini ha consultato il Concordato per bandire il C.O. 2005; mica Gelmini e Tremonti hanno consultato il Concordato nel 2008 per lasciare biennale la periodicità del rinnovo contrattuale agli IDR e aumentare a tre anni il rinnovo degli altri insegnanti. E così per tutte le altre normative citate, che consentono agli IDR di guadagnare di più mensilmente e a livello previdenziale.

elibo ha scritto:
I docenti IRC delle medie sono equiparati nello stipendio a quelli delle superiori perchè è la medesima "idoneità" che li fa insegnare indifferentemente alle medie o alle superiori.

Non stiamo ragionando sul perchè ma sul fatto che sia equo il collega di Religione alle medie debba prendere di più del collega di matematica o italiano. Il fatto che l'idoneità sia uguale tra medie e superiori per IDR è corretto ma cosa c'entra l'abilitazione-idoneità con l'inquadramento contrattuale; quando insegno alle medie sono inquadrato come KA07 e quando insegno alle superiori sono inquadrato come KA08. Siccome la cattedra è o tutta alle medie o tutta alle superiori, si potrebbe rispettare l'inquadramento contrattuale anche per gli IDR; nel caso rarissimo di cattedre miste o orario interne o orario esterne, se ne potrebbe riparlare e potrebbero essere pagati su KA08 in misura proporzionale alle ore effettuate alle Superiori, dato che le Ragionerie Territoriali i conti se li sanno fare molto bene... anche al millesimo.

raganella ha scritto:
Corbellerie! Anch'io ho una "idoneità" come la definisci tu, che mi permette di insegnare Musica indifferentemente alle medie o alle superiori (cosa che regolarmente faccio), ma nel primo caso lo stipendio che mi viene corrisposto è più basso. Quindi, togliamo di mezzo questa voce dalle pelose giustificazioni
Quoto!

elibo ha scritto:
non sono pelose giustificazioni, i docenti IDR sono protetti da una trattato internazionale; bisognerebbe abolire il Concordato stipulato ai tempi di Craxi per sanare la questione...
Ripeto, non sono norme concordatarie.

elibo ha scritto:
La cosa più scandalosa, dopo il regolare concorso che è stato fatto nel 2004 per la prima volta (non esisteva il ruolo dei docenti IRC, per questo pur essendo incaricati al 31/8 prendevano lo stipendio di quelli di ruolo, come forma di risarcimento...), è che gli incaricati al 31/8, che magari non hanno passato il concorso, prendono comunque lo stipendio con gli scatti stipendiali annessi. Ora che esiste il ruolo IDR, dovrebbero essere equiparati agli altri precari con incarichi al 30/6.
Io sapevo che con la nuova Intesa Vaticano-Miur del giugno 2012 si è ratificato che a partire da settembre 2013 tutti gli IDR sprovvisti di abilitazione (Scienze Religiose) insegneranno da settembre a giugno: prima non era così e il contratto durava fino ad agosto. Ma gli incaricati abilitati - a cui tu ti riferischi - penso possano avere contratto fino a 31-08.

---

Comunque, io non me la prendo con i colleghi di Religione: dico solo che prima di spaccare il capello in due sugli altri insegnanti - di questi tempi, in cui ci tolgono i soldi anche per la malattia -, dovrebbero parificare il trattamento economico degli IDR a quello degli altri insegnanti.

Non è più tempo di privilegi per una parte degli insegnanti, quando sugli altri si sta raschiando il barile.

Non è più tempo di mantenere in vigore una Nota del Miur del 1985 che obbliga ad assumere un IDR anche se in classe vi è un solo alunno avvalentesi (!!!), vientando quindi l'accorpamento delle classi nelle ore di religione, per la salvaguardia dell'organico degli IDR.
Tornare in alto Andare in basso
elibo



Messaggi : 133
Data d'iscrizione : 29.06.13

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Ven Lug 11, 2014 9:43 pm

LucaPS ha scritto:
elibo ha scritto:
E' inutile che prendiamo di mira gli IDR: le differenze rispetto al trattamento economico degli altri docenti purtroppo sono inserite nei patti stipulati con il Vaticano, quindi è materia di diritto internazionale, non scherzo

No, non sono certo norme Concordatarie. Sono accordi annuali tra Miur e Cei; mica Gelmini ha consultato il Concordato per bandire il C.O. 2005; mica Gelmini e Tremonti hanno consultato il Concordato nel 2008 per lasciare biennale la periodicità del rinnovo contrattuale agli IDR e aumentare a tre anni il rinnovo degli altri insegnanti. E così per tutte le altre normative citate, che consentono agli IDR di guadagnare di più mensilmente e a livello previdenziale.

elibo ha scritto:
I docenti IRC delle medie sono equiparati nello stipendio a quelli delle superiori perchè è la medesima "idoneità" che li fa insegnare indifferentemente alle medie o alle superiori.

Non stiamo ragionando sul perchè ma sul fatto che sia equo il collega di Religione alle medie debba prendere di più del collega di matematica o italiano. Il fatto che l'idoneità sia uguale tra medie e superiori per IDR è corretto ma cosa c'entra l'abilitazione-idoneità con l'inquadramento contrattuale; quando insegno alle medie sono inquadrato come KA07 e quando insegno alle superiori sono inquadrato come KA08. Siccome la cattedra è o tutta alle medie o tutta alle superiori, si potrebbe rispettare l'inquadramento contrattuale anche per gli IDR; nel caso rarissimo di cattedre miste o orario interne o orario esterne, se ne potrebbe riparlare e potrebbero essere pagati su KA08 in misura proporzionale alle ore effettuate alle Superiori, dato che le Ragionerie Territoriali i conti se li sanno fare molto bene... anche al millesimo.

raganella ha scritto:
Corbellerie! Anch'io ho una "idoneità" come la definisci tu, che mi permette di insegnare Musica indifferentemente alle medie o alle superiori (cosa che regolarmente faccio), ma nel primo caso lo stipendio che mi viene corrisposto è più basso. Quindi, togliamo di mezzo questa voce dalle pelose giustificazioni
Quoto!

elibo ha scritto:
non sono pelose giustificazioni, i docenti IDR sono protetti da una trattato internazionale; bisognerebbe abolire il Concordato stipulato ai tempi di Craxi per sanare la questione...
Ripeto, non sono norme concordatarie.

elibo ha scritto:
La cosa più scandalosa, dopo il regolare concorso che è stato fatto nel 2004 per la prima volta (non esisteva il ruolo dei docenti IRC, per questo pur essendo incaricati al 31/8 prendevano lo stipendio di quelli di ruolo, come forma di risarcimento...), è che gli incaricati al 31/8, che magari non hanno passato il concorso, prendono comunque lo stipendio con gli scatti stipendiali annessi. Ora che esiste il ruolo IDR, dovrebbero essere equiparati agli altri precari con incarichi al 30/6.
Io sapevo che con la nuova Intesa Vaticano-Miur del giugno 2012 si è ratificato che a partire da settembre 2013 tutti gli IDR sprovvisti di abilitazione (Scienze Religiose) insegneranno da settembre a giugno: prima non era così e il contratto durava fino ad agosto. Ma gli incaricati abilitati - a cui tu ti riferischi - penso possano avere contratto fino a 31-08.

---

Comunque, io non me la prendo con i colleghi di Religione: dico solo che prima di spaccare il capello in due sugli altri insegnanti - di questi tempi, in cui ci tolgono i soldi anche per la malattia -, dovrebbero parificare il trattamento economico degli IDR a quello degli altri insegnanti.

Non è più tempo di privilegi per una parte degli insegnanti, quando sugli altri si sta raschiando il barile.

Non è più tempo di mantenere in vigore una Nota del Miur del 1985 che obbliga ad assumere un IDR anche se in classe vi è un solo alunno avvalentesi (!!!), vientando quindi l'accorpamento delle classi nelle ore di religione, per la salvaguardia dell'organico degli IDR.

1) Il concorso del 2005 non è stato bandito dal ministro dell'Istruzione (che era la Moratti, non la Gelmini), ma è il frutto di una legge ad hoc approvata nell'estate del 2003 dal parlamento, in base anche a quanto stabilito (titoli di accesso, etc.) negli anni '80;
2) l'insegnamento della RC è regolato dal nuovo concordato 1984 (http://www.bologna.chiesacattolica.it/irc/insegnamento/storia/04.php) e dal dpr 751/1985 (http://www.governo.it/Presidenza/USRI/confessioni/norme/85DPR751.html);
3) i docenti con idoneità e titolo di accesso all'insegnamento non di ruolo sono pagati al 31/8 con relativi scatti stipendiali in base all'anzianità di servizio.
Tornare in alto Andare in basso
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Dom Lug 13, 2014 10:33 am

elibo ha scritto:
Il concorso del 2005 non è stato bandito dal ministro dell'Istruzione (che era la Moratti, non la Gelmini), ma è il frutto di una legge ad hoc approvata nell'estate del 2003 dal parlamento, in base anche a quanto stabilito (titoli di accesso, etc.) negli anni '80
E detto questo? Nel 2003 il Governo Berlusconi ha approvato una legge ad hoc per bandire il primo C.O. per gli IDR; confermi quanto avevo detto. E le misure compensative migliorative, una volta istituiti i ruoli per IDR - in mancanza dei quali erano state istituite -, non sono state cancellate.

elibo ha scritto:
l'insegnamento della RC è regolato dal nuovo concordato 1984
Non è una risposta adeguata. Non sono norme concordatarie 1) il fatto che che  l'insegnante di religione (IDR) delle medie viene pagato di più del collega di matematica o inglese perchè viene pagato come l'insegnante di religione delle superiori; 2) o il fatto che nel 2008 il Mef di Tremonti ha mantenuto biennale la periodicità dei rinnovi contrattuali degli IDR, mentre i rinnovi contrattuali degli altri insegnanti sono triennali; 3) o che gli IDR precari hanno la progressione di carriera (le fasce stipendiali) anche da precari, mentre i precari di materia non li hanno. Non è previsto dalle norme concordatarie che 4) gli IDR precari hanno scatti stipendiali aggiuntivi biennali del 2,5% calcolati anche sulla I.I.S. oltrechè sullo stipendio tabellare; nè c'entrano le norme concordatarie riguardo al fatto che 5) nel 2009 per gli IDR è stato permesso il recupero di tali scatti aggiuntivi biennali del 2,5% per ogni biennio a partire dal 2003; 6) la ricostruzione di carriera non è regolata da norme concordatarie (la ricostruzione di carriera degli IDR ha un metodo di calcolo diverso da quella degli insegnanti di materia: per gli IDR tutti gli anni di precariato vengono calcolati al 100%, anzichè al 66% per gli anni successivi al quarto, come avviene per gli insegnanti di materia; questo calcolo peserà molto di più col nuovo sistema pensionistico contributivo); inoltre, 7) gli IDR vengono "stabilizzati" anche da precari, in quanto la ricostruzione di carriera e la stabilizzazione dell'incarico avviene automaticamente dopo quattro anni di supplenza, anche se - ad esempio - il precario è o sarà soprannumerario); gli IDR hanno quindi la ricostruzione di carriera anche da precari. E' una Nota di Gabinetto del Miur che regola l'organico degli IDR, che vieta l'accorpamento-classi anche se vi è un solo alunno avvalentesi l'insegnamento di religione cattolica (materia non obbligatoria cioè facoltativa), contrariamente ad esempio all'organico di seconda e terza lingua (materia obbligatoria e opzionale) che invece viene calcolato in base all'accorpamento-classi. Inoltre, sono "accorpati" gli alunni che frequentano attività alternativa alla religione.

Insomma, tutte queste normative che discriminano migliorativamente gli IDR rispetto agli insegnanti di materia non rientrano nel Concordato ma negli accordi Miur-Cei che periodicamente vengono fatti e di cui gli IDR sono destinatari e vittime.

Come hai detto tu, a proposito del C.O. 2005, sono normative "ad hoc" ovvero "ad categoriam". E non è più tollerabile - soprattutto dal 2009, cioè da quando di anno in anno si raschia il fondo del barile riguardo agli insegnanti di materia - che una parte di insegnanti - i colleghi di Religione Cattolica - benefici di questi privilegi.

Dovrebbero essere loro stessi a chiedere di essere trattati come tutti gli altri colleghi. In quanto essi sono come tutti gli altri colleghi!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6141
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Dom Lug 13, 2014 11:42 am

...e tutto questo, semplicemente per l'imbarazzo peloso (quello sì che è peloso, pelosissimo, direi addirittura persiano o d'Angora) di non avere il coraggio di dire una verità semplicissima, e cioè che l'insegnamento confessionale della religione, nella scuola pubblica, non ci dovrebbe proprio stare, e basta.

O la si trasforma radicalmente in un corso del tutto NEUTRALE di storia e cultura delle religioni, senza nessuna orientazione privilegiata verso il cattolicesimo piuttosto che verso altre fedi, tolto completamente dalle grinfie delle curie, e affidato a normalissimi insegnanti statali selezionati esattamente come quelli di filosofia, di arte o di matematica...

...o la si elimina del tutto, e chi è personalmente interessato a farsi una cultura specifica sulla religione cattolica, si rivolge direttamente alla parrocchia del suo quartiere o a un'associazione culturale privata a sfondo cattolico, che non mi pare che in Italia manchino o siano inaccessibili.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
LucaPS



Messaggi : 1960
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.   Dom Lug 13, 2014 10:29 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
l'insegnamento confessionale della religione, nella scuola pubblica, non ci dovrebbe proprio stare, e basta.

Paniscus, sai che non sono d'accordo. Ma sono motivi miei.

Non si sta parlando di argomenti ideologici; si parla che ad oggi non si possono seguire altri trattamenti economici e previdenziali per alcuni insegnanti della Scuola Pubblica Statale. E i punti che elencavo nella mail precedente NON costituiscono materia del Concordato.
Tornare in alto Andare in basso
 
Integraz. a Lett. Redazione - Enza Ferro.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» tiziano ferro sul due
» linfa d'erbe ricca di ferro
» Nausea e ferro
» Il potere del maligno
» PER: STEFY,LACI,SABRY,ENZA,ZERLI & MARY

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: