Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 LA RIFORMA NON considera IL PROBLEMA BURN OUT che affligge la scuola!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
ulisse2000



Messaggi : 165
Data d'iscrizione : 03.07.14

MessaggioOggetto: LA RIFORMA NON considera IL PROBLEMA BURN OUT che affligge la scuola!   Lun Lug 28, 2014 10:35 pm

docenti e rischio stress. All'Uni "La Sapienza" indagine sul fenomeno. Questionario aperto a tutti i docenti di ogni ordine e grado fino al 30 settembre :

http://www.orizzontescuola.it/news/docenti-e-rischo-stress-alluni-sapienza-indagine-sul-fenomeno-questionario-aperto-tutti-docenti

cosa fa il governo per porre rimedio alla tragica diffusione  del BURN OUT tra i docenti come testimoniano gli studi scientifici ?

... invece di diminuire il numero di alunni per classe  e alleggerire le cause di stress,

il governo sembra andare nella direzione opposta con la proposta di aumentare i carichi di lavoro (a partire dalle ore)per tagliare la spesa!!!


vogliamo affidare i giovani ad un esercito di docenti stressati???

E' QUESTO IL MIGLIORAMENTO CHE SI PREVEDE PER LA SCUOLA E PER LA NOSTRA SOCIETA' DEL FUTURO???

"Gli studi che dimostrano il collegamento tra il lavoro docente e burnout sono numerosi. Riporto solo alcuni degli studi europei: Spagna (Betoret 2009 e Moya 2010), Finlandia (Santavirta 2007), Norvegia (Slaalvik 2011)."

"Il burnout è una sindrome vera e propria che coinvolge l’intera psicologia dell’individuo e causa uno sconvolgimento del contesto personale e lavorativo in cui la persona scarica le proprie frustrazioni: è una rottura dell’equilibrio tra la persona e la sua professione. In particolare, nelle cosiddette helping profession, la sindrome porta a conseguenze negative anche per gli utenti che si affidano al servizio. Lo stress raggiunge livelli così alti che si “scoppia”.
Tornare in alto Andare in basso
trilussa



Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 28.05.14

MessaggioOggetto: Re: LA RIFORMA NON considera IL PROBLEMA BURN OUT che affligge la scuola!   Mar Lug 29, 2014 1:55 pm

A quelli importa solo risparmiare!
Ce lo chiede l'Europa!
Tornare in alto Andare in basso
lucia gentili



Messaggi : 40
Data d'iscrizione : 11.06.14

MessaggioOggetto: Re: LA RIFORMA NON considera IL PROBLEMA BURN OUT che affligge la scuola!   Mar Lug 29, 2014 3:11 pm

Forse a qualcuno non è ancora ben chiaro che stanno facendo di tutto per farci crepare anzitempo, in modo da non farci arrivare alla pensione e risparmiare così tanti bei soldoni.
Tornare in alto Andare in basso
mara88



Messaggi : 3238
Data d'iscrizione : 24.03.13

MessaggioOggetto: Re: LA RIFORMA NON considera IL PROBLEMA BURN OUT che affligge la scuola!   Mar Ago 19, 2014 12:21 pm

E se ci prendiamo l'esaurimento nervoso e facciamo causa al MIUR per malattia professionale contratta sul posto di lavoro ? Come mai nessun docente cui viene riconosciuta l'inidoneità fa causa ? Ogni anno centinaia,forse migliaia di docenti vengono mandati in biblioteca/segreteria perchè inidonei all'insegnamento, ma sono inidonei proprio a causa dell'insegnamento, non per malattia presa chissà dove ! E se l'inidoneo è precario che succede ? Lo si licenzia e chi s'è visto s'è visto ? Ci vorrebbe una sentenza-pilota, questo è un problema gravissimo e il MIUR FA FINTA DI NIENTE !
Tornare in alto Andare in basso
stefy1879



Messaggi : 206
Data d'iscrizione : 31.05.11

MessaggioOggetto: mondo sommerso   Ven Ago 22, 2014 8:50 pm

Purtroppo la realtà dei docenti inidonei a causa del burn out viene poco diffusa dall informazione pubblica perché argomento disdicevole e difficile. Si preferisce ipocritamente presentare la classe docente, sopratutto alle famiglie ,come un corpo efficiente e forte che porterà i ragazzi a dare il meglio. Per fortuna alcune associazioni si sono mosse sul problema, portando all attenzione questa triste problematica anche in Italia. Non vorrei poi che l inidoneità fosse utilizzata (o forse lo è già? ) da docenti "furbi" come escamotage per evitare il lavoro in classe. Italiche abitudini!
Tornare in alto Andare in basso
Online
mara88



Messaggi : 3238
Data d'iscrizione : 24.03.13

MessaggioOggetto: Re: LA RIFORMA NON considera IL PROBLEMA BURN OUT che affligge la scuola!   Ven Ago 22, 2014 9:46 pm

stefy1879 ha scritto:
Purtroppo la realtà dei docenti inidonei a causa del burn out viene poco diffusa dall informazione pubblica perché argomento disdicevole e difficile. Si preferisce ipocritamente presentare la classe docente,  sopratutto alle famiglie ,come un corpo efficiente e forte che porterà i ragazzi a dare il meglio. Per fortuna alcune associazioni si sono mosse sul problema, portando all attenzione questa triste problematica anche in Italia. Non vorrei poi che l inidoneità fosse utilizzata (o forse lo è già?  ) da docenti "furbi" come escamotage per evitare il lavoro in classe. Italiche abitudini!

Speriamo ci si muova e anche i medici si aggiornino un pò, ho letto un articolo in cui si diceva che i medici di famiglia sono fermi al luogo comune dell'insegnante comodo in cattedra con 18 ore e tre mesi di vacanze !!
Quanto ai "furbi" non credo, l'inidoneità è riconosciuta dalla commissione medica ASL dopo varie e approfondite visite, non credo si possa barare. Comunque deve essere riconosciuta dall' INAIL come malattia professionale !! Altro che inidoneità ! Un precario cosa deve fare per farsela riconoscere secondo voi ?
Tornare in alto Andare in basso
 
LA RIFORMA NON considera IL PROBLEMA BURN OUT che affligge la scuola!
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il nostro problema sono le fiabe...tipo cenerentola...
» problema dell ateismo nella comunità
» Risolto finalmente il problema nido!!
» E' più grave un problema maschile o femminile?
» Il problema delle patate

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: