Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 professori e FB

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7
AutoreMessaggio
ipercarmela



Messaggi : 94
Data d'iscrizione : 03.03.13

MessaggioOggetto: professori e FB   Dom Ago 31, 2014 8:39 am

Promemoria primo messaggio :

salve a tutti, da vincitore del concorso 2012 senza alcuna esperienza didattica mi accingo a iniziare l'insegnamento.
Oltre a tutti gli altri innumerevoli aspetti di cui so davvero poco, mi interessava avere qualche opinione su quale sia il modo giusto di stare sui social network per una figura pubblica come un professore. Bisogna cancellarsi? Limitare i post di opinione? Quelli a sfondo familiare? Voi come vi regolate?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 8:48 am

infondo non troppi ;-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
gabry



Messaggi : 595
Data d'iscrizione : 15.07.11

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 9:05 am

insula ha scritto:
gabry ha scritto:
Ire ha scritto:
Si potrebbe anche non uscire di casa.  Eviteremmo di certo di essere investiti da un'auto.
Peccato che almeno per andare in vacanza dobbiamo uscire.  Nel 99% dei casi, però, se camminiamo sul marciapiedi piuttosto che sulla strada, nessuna auto ci investirà. Il restante 1% fa parte dei rischi del vivere, e noi siamo vivi e dobbiamo vivere.

Internet è uguale: prendiamo tutte le precauzioni ed i rischi saranno quasi pari a zero, quel quasi fa parte dei rischi del vivere. Per quel quasi c'è rimedio tramite le agenzie deputate.

Insula, perdonami, stai facendo un terrorismo infondato e la cosa non è preoccupante per quanto riguarda noi, che siamo adulti, vaccinati e in grado di verificare da soli le tue affermazioni, la cosa è inquietante perchè con queste convinzioni tu andrai a lavorare con ragazzi ( o con bambini) che si accorgeranno di quanto tu non sia informata sul loro mondo (il social network è il loro mondo) e non ti prenderanno sul serio, come adulto e come docente.

pienamente d'accordo... un po'di paranoie?!?

Si vede chiaramente che qualcuno non è abituato a leggere i thread in modo integrale al fine di sapere quello che scrivono gli altri utenti. Gabry, Please! Un po' di onestà intellettuale!
Ho già risposto in modo chiaro nelle precedenti pagine, vai a rileggere. Per me vale il motto :"Paganini non si ripete".

Si vede chiaramente da cosa? Invece ho letto tutta la discussione e mi secca doverlo anche sottolineare... sono d'accordo col pensiero di Ire, punto. Fattene una ragione: "il mondo è bello perchè è vario".
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 9:49 am

paniscus 2-0 ha scritto:
Nel senso che la singola persona che ci prova, all'inizio, mica lo sa, di essere la cinquantesima o la centesima: lei è convinta in coscienza di aver avuto un'idea originale e di aver detto qualcosa di nuovo. Ma perché dovrebbe continuare a crederlo anche dopo che uno, due, tre, dieci interlocutori, si sono sbracciati a farle capire che non è così?


Per correttezza non posso certo esprimermi per altri. La mia personale risposta alla tua domanda è:
non sono una pecora, mai stata, e non sono certo dieci interlocutori su un forum che contestano il mio pensiero a farmi cambiare idea. Prendo sempre in considerazione ciò che mi viene detto, rivaluto sempre, ma non è certo il numero degli oppositori a farmi pensare di essere in errore.

Dieci persone su un forum?

Ti dirò di più, nemmeno 500 oppositori in un meeting mi farebbero cambiare idea per il loro numero.
In caso di 500 oppositori vis à vis (che non ci saranno mai perchè le persone parlano facilmente con un monitor ma a tu per tu è più difficile) certo valuterei che il numero è elevato e mi fermerei mille volte a riconsiderare il mio pensiero. Se decidessi che sono convinta, sarei convinta nonostante loro.

Il bello del mondo, come dice Gabry (e cerchiamo di fare in modo che continui così) è che è vario. Il bello del mondo è che il mio pensiero non condiviso non condiziona nessuno, solo me stessa perchè continuerò a credere e ad agire secondo coscienza e pensiero MIEI.

Non so gli altri. Io senz'altro sì.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 11:29 am

Ire ha scritto:

Per correttezza non posso certo esprimermi per altri. La mia personale risposta alla tua domanda è:
non sono una pecora, mai stata, e non sono certo dieci interlocutori su un forum che contestano il mio pensiero a farmi cambiare idea.  Prendo sempre in considerazione ciò che mi viene detto, rivaluto sempre, ma non è certo il numero degli oppositori a farmi pensare di essere in errore.

Dieci persone su un forum?

Ti dirò di più, nemmeno 500 oppositori in un meeting mi farebbero cambiare idea per il loro numero.
In caso di 500 oppositori vis à vis (che non ci saranno mai perchè le persone parlano facilmente con un monitor ma a tu per tu è più difficile) certo valuterei che il numero è elevato e mi fermerei mille volte a riconsiderare il mio pensiero. Se decidessi che sono convinta, sarei convinta nonostante loro.  


La logica conclusione di queste parole è che è inutile discutere con te perché nessuno riesce a farti cambiare idea.

Non che la cosa non fosse già chiara, ma grazie per averlo reso esplicito, così le prossime volte evitiamo di perdere tempo.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6132
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 11:35 am

Ire, forse non mi sono ancora spiegata bene: per me (e probabilmente per un certo numero di altri interlocutori con cui si ripetono le stesse dinamiche) il problema NON E' affatto quello di voler far cambiare idea a te a tutti i costi.

Tu sei liberissima di tenerti le tue idee anche dopo qualsiasi confronto, se rimani convinta che siano valide, ci mancherebbe.

Il problema sta nel fatto che tu continui ad accusarci di "non volerti ascoltare a priori" e di "non voler prendere in considerazione le tue posizioni per partito preso", quando invece ti abbiamo ascoltata eccome, ti abbiamo presa in considerazione eccome, abbiamo fatto di tutto per argomentare...

...eppure, malgrado questo, anche se a te sembra incredibile, continuiamo a non essere d'accordo con te, e ti abbiamo pure spiegato decine di volte i motivi dettagliati per cui non siamo d'accordo.

Ma appunto, a te questa possibilità sembra totalmente incredibile (data la tua certezza assoluta che le tue posizioni siano giuste e le nostre siano sbagliate, e che questo sia evidentissimo).

Quindi, ti ostini a pensare che in realtà non è vero, non può essere vero, che quelle idee non le condividiamo razionalmente... ma che semplicemente "non le abbiamo capite", o "abbiamo rifiutato di ascoltarle", ma se solo ci decidessimo ad ascoltarle, le condivideremmo di sicuro.

E di conseguenza, continui sistematicamente a martellare le stesse cose, sulle quali ti abbiamo già risposto, e spiegato, e motivato il nostro disaccordo, come se pensassi davvero che per noi siano nuove e originali perché "ancora non le avevamo mai ascoltate". Davvero, sembra proprio che tu lo faccia animata dalla missione sacra di riuscire prima o poi a far cambiare idea a qualcuno, facendogli raggiungere l'illuminazione.

Ma a questo punto, non capisco proprio perché mai tu reclami (legittimamente) il diritto a tenerti le tue idee senza cambiarle, mentre noi invece dovremmo farlo a seguito dei tuoi volenterosi martellamenti.

Oltretutto, prova a riflettere anche su questo: di solito, la tua lamentela per il fatto che tutti ti snobbano, ti ignorano e nessuno ti vuole ascoltare, arriva dopo dieci o venti paginate di discussioni, in cui hai ricevuto decine di risposte lunghe e ben argomentate: ammetterai che è un po' contraddittorio?
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6132
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 11:36 am

Ecco, mac ha detto in due righe quello che io mi sono sforzata di dire in 30 : )

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 11:39 am

paniscus_2.0 ha scritto:
Ecco, mac ha detto in due righe quello che io mi sono sforzata di dire in 30  : )

L.

A te l'analisi, a me la sintesi!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 12:09 pm

mac67 ha scritto:
Ire ha scritto:

Per correttezza non posso certo esprimermi per altri. La mia personale risposta alla tua domanda è:
non sono una pecora, mai stata, e non sono certo dieci interlocutori su un forum che contestano il mio pensiero a farmi cambiare idea.  Prendo sempre in considerazione ciò che mi viene detto, rivaluto sempre, ma non è certo il numero degli oppositori a farmi pensare di essere in errore.

Dieci persone su un forum?

Ti dirò di più, nemmeno 500 oppositori in un meeting mi farebbero cambiare idea per il loro numero.
In caso di 500 oppositori vis à vis (che non ci saranno mai perchè le persone parlano facilmente con un monitor ma a tu per tu è più difficile) certo valuterei che il numero è elevato e mi fermerei mille volte a riconsiderare il mio pensiero. Se decidessi che sono convinta, sarei convinta nonostante loro.  


La logica conclusione di queste parole è che è inutile discutere con te perché nessuno riesce a farti cambiare idea.

Non che la cosa non fosse già chiara, ma grazie per averlo reso esplicito, così le prossime volte evitiamo di perdere tempo.

La tua conclusione mi sembra determinata a seguito di una logica un po' artefatta ma pazienza.

Dicendo che prendo in considerazione, Mac, dico che mi chiedo sempre:
hai ragione o quello che dicono è giusto?
applica al tuo pensiero quello che dicono e vedi se ti torna.

Lo faccio sempre, che tu ci creda o no non ha importanza.

Se la risposta alle due domandine di cui sopra è
no, imho non hanno ragione
no, non mi torna il conto seguendo quello che dicono loro

puoi discutere con me mille volte e cercherò di spiegarti perchè la penso così ma non riuscirai a farmi cambiare idea solo perchè mi dici: guarda che tutti la pensano diversamente quindi tu sbagli.

Se questo ti disturba, non discutere con me. soprattutto sul forum si può. Concedimi (non sei tu a doverlo fare, ma concedimi) la libertà di intervenire così come tu intervieni, e non leggermi, o non rispondermi, visto che sai che tanto non serve. Chi te lo impedisce?

Non sono solo io, nelle pagine precedenti, che ho mantenuto posizione. Non ho discusso da sola.
I miei ripetitivi sono stati sempre in risposta a vostri interventi ugualmente ripetitivi.

La lamentela su pagine e pagine o la applichiamo a tutti o non la applichiamo affatto.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6132
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 12:25 pm

E allora, per favore, deciditi una buona volta a spiegare per quale motivo tu ti aspetti che qualcuno di noi cambi idea di fronte alle tue argomentazioni. Visto e considerato che solitamente non presenti concetti NUOVI o punti di vista ORIGINALI, ma concetti già presentati decine di volte, sui cui il tuo interlocutore ha già discusso con te e e ti ha già spiegato perché non è d'accordo.

Dai semplicemente l'impressione (molto sgradevole) di non prendere sul serio le ragioni del tuo interlocutore, di pensare che la sua obiezione si basi solo sul pregiudizio, e non su convinzioni razionali. Ma santa pace, che diritto hai di giudicare la serietà e la consapevolezza degli altri, oltretutto DOPO che le motivazioni ti sono state tutte straspiegate in tutte le salse?

Tu ti atteggi nel personaggio dell'unica illuminata che ha capito come stanno realmente le cose, e che arriva qui a diffondere il raggio di luce in mezzo al branco di inconsapevoli brancolanti nelle tenebre.

E ti stupisci se ogni tanto qualcuno si stufa e ti manda a stendere?


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Sab Set 06, 2014 12:30 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6132
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 12:28 pm

Ire ha scritto:

La lamentela su pagine e pagine o la applichiamo a tutti o non la applichiamo affatto.  

Visto che l'unica che si lamenta sei TU, non vedo a chi ti riferisci, quando inviti qualcun altro ad "applicare" la lamentela.

Io mica mi lamento, ad esempio.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 12:29 pm

Ire ha scritto:
mac67 ha scritto:
Ire ha scritto:

Per correttezza non posso certo esprimermi per altri. La mia personale risposta alla tua domanda è:
non sono una pecora, mai stata, e non sono certo dieci interlocutori su un forum che contestano il mio pensiero a farmi cambiare idea.  Prendo sempre in considerazione ciò che mi viene detto, rivaluto sempre, ma non è certo il numero degli oppositori a farmi pensare di essere in errore.

Dieci persone su un forum?

Ti dirò di più, nemmeno 500 oppositori in un meeting mi farebbero cambiare idea per il loro numero.
In caso di 500 oppositori vis à vis (che non ci saranno mai perchè le persone parlano facilmente con un monitor ma a tu per tu è più difficile) certo valuterei che il numero è elevato e mi fermerei mille volte a riconsiderare il mio pensiero. Se decidessi che sono convinta, sarei convinta nonostante loro.  


La logica conclusione di queste parole è che è inutile discutere con te perché nessuno riesce a farti cambiare idea.

Non che la cosa non fosse già chiara, ma grazie per averlo reso esplicito, così le prossime volte evitiamo di perdere tempo.

La tua conclusione mi sembra determinata a seguito di una logica un po' artefatta ma pazienza.

Dicendo che prendo in considerazione, Mac, dico che mi chiedo sempre:
hai ragione o quello che dicono è giusto?
applica al tuo pensiero quello che dicono e vedi se ti torna.

Lo faccio sempre, che tu ci creda o no non ha importanza.

Se la risposta alle due domandine di cui sopra è
no, imho non hanno ragione
no, non mi torna il conto seguendo quello che dicono loro

puoi discutere con me mille volte e cercherò di spiegarti perchè la penso così ma non riuscirai a farmi cambiare idea solo perchè mi dici: guarda che tutti la pensano diversamente quindi tu sbagli.

Se questo ti disturba, non discutere con me.  soprattutto sul forum si può. Concedimi  (non sei tu a doverlo fare, ma concedimi) la libertà di intervenire così come tu intervieni, e non leggermi, o non rispondermi, visto che sai che tanto non serve. Chi te lo impedisce?

Non sono solo io, nelle pagine precedenti, che ho mantenuto posizione. Non ho discusso da sola.
I miei ripetitivi sono stati sempre in risposta a vostri interventi ugualmente ripetitivi.

La lamentela su pagine e pagine o la applichiamo a tutti o non la applichiamo affatto.  


Guarda, l'ho scritto apposta perché avevo capito cosa volevi dire, ma non coincideva con quello che avevi scritto, che era contraddittorio. Nella replica hai chiarito.

Io presto molta attenzione a quello che scrivo, perché so che ognuno di noi sa che cos'ha in testa (ma ne scrive solo una minima parte), ma chi legge sa solo ciò che legge. Da questo nascono spesso fraintendimenti: chi scrive non sta abbastanza attento a come scrive. E quando tu scrivi "nonostante loro" dai luogo a fraintendimenti, perché dovresti scrivere "grazie a loro".

Ad ogni modo, ti fornisco un dato reale su cui riflettere: non sono su FB, nè su alcun social, esclusi i forum, che non condivido con i miei alunni; non conosco il mondo dei miei alunni con i quali evito di mischiarmi perché trovo patetico chi non riconosce il passare del tempo e la differenza dei ruoli.

Ciò nonostante, ho la loro stima, nella grande maggioranza dei casi. Lo so da quello che mi dicono quando sono miei alunni e soprattutto dopo che lo sono stati. Me la sono guadagnata sul campo, evidentemente con il mio lavoro (conoscenza della disciplina, metodi di insegnamento, valutazione, relazione con loro).

Il tuo teorema sull'autorevolezza ha un controesempio, quindi è errato.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6132
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 12:49 pm

mac67 ha scritto:
Ad ogni modo, ti fornisco un dato reale su cui riflettere: non sono su FB, nè su alcun social, esclusi i forum, che non condivido con i miei alunni; non conosco il mondo dei miei alunni con i quali evito di mischiarmi perché trovo patetico chi non riconosce il passare del tempo e la differenza dei ruoli.

Ciò nonostante, ho la loro stima, nella grande maggioranza dei casi. Lo so da quello che mi dicono quando sono miei alunni e soprattutto dopo che lo sono stati. Me la sono guadagnata sul campo, evidentemente con il mio lavoro (conoscenza della disciplina, metodi di insegnamento, valutazione, relazione con loro).

Su questo, aggiungo un altro dettaglio importante: uno dei fattori più importanti che possono contribuire alla stima di una persona (e nel caso specifico, di un docente) sta nel fatto di presentarsi per quello che realmente si è e per il carattere che si ha e le convinzioni che si hanno, QUALUNQUE siano le singole caratteristiche individuali, o le specifiche convinzioni di cui sopra.

Ovvero, nella mia esperienza, la prima cosa che un ragazzo nota è se l'insegnante si presenta con i suoi effettivi e SPONTANEI modi di essere , o se si sta atteggiando a recitare un personaggio artificioso. E in quest'ultimo caso, la stima crolla verticalmente, qualunque sia la tipologia di personaggio che viene recitata.

Tornando al caso specifico che riguarda facebook e altri social media: io (nonostante sia stata accusata di "demonizzarlo" irrazionalmente), invece, non ho nulla in contrario al fatto che un insegnante GIA' abituato a usare facebook tutti i giorni, e a comunicarci con più categorie di persone diverse, e che GIA' si trova bene con quel tipo di relazioni e quel tipo di linguaggio, possa usarlo anche con gli alunni (ovviamente, per comunicazioni adeguate e utili, e non per q*zzeggio casuale). Perché, appunto, si tratta di un atteggiamento spontaneo che quella persona già padroneggia, e che già trova utile.

Abissalmente diverso sarebbe invece il caso dell'insegnante, tipo me, al quale non frega assolutamente nulla di andare su facebook (o perché è contrario, oppure perché proprio non gli piace e non gli interessa), che non vi è abituato, e non è addentro alle sue dinamiche... e che però si sforzasse di provarci, in maniera artificiosa e innaturale, solo per accattivarsi l'attenzione degli alunni, o perché in tal modo si illude di "avvicinarsi" al loro mondo. Bene, io sono straconvinta che se lo facesse, si renderebbe ridicolo ai loro occhi, e perderebbe stima da parte loro, invece di guadagnarla.

Esattamente come in qualsiasi altro contesto (sia in classe che fuori) in cui si rende evidente che l'insegnante sta forzando la sua personalità per recitare un personaggio finto.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
insula



Messaggi : 82
Data d'iscrizione : 30.08.14

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 1:59 pm

Non date da mangiare ai troll

http://digilander.libero.it/AntiTroll/

Una buona giornata
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 2:33 pm

mac67 ha scritto:
ma chi legge sa solo ciò che legge. Da questo nascono spesso fraintendimenti: chi scrive non sta abbastanza attento a come scrive. E quando tu scrivi "nonostante loro" dai luogo a fraintendimenti, perché dovresti scrivere "grazie a loro".

dici che dovrei dire: grazie al fatto che loro mi hanno dato la possibilità di rivalutare il mio pensiero sono proprio convinta che il mio pensiero sia giusto

piuttosto che

nonostante il fatto che loro la pensino diversamente da me io continuo ad essere convinta del mio pensiero?

Hai ragione, torna meglio.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 5:02 pm

Ire ha scritto:
mac67 ha scritto:
ma chi legge sa solo ciò che legge. Da questo nascono spesso fraintendimenti: chi scrive non sta abbastanza attento a come scrive. E quando tu scrivi "nonostante loro" dai luogo a fraintendimenti, perché dovresti scrivere "grazie a loro".

dici che dovrei dire: grazie al fatto che loro mi hanno dato la possibilità di rivalutare il mio pensiero sono proprio convinta che il mio pensiero sia giusto

piuttosto che

nonostante il fatto che loro la pensino diversamente da me io continuo ad essere convinta del mio pensiero?

Hai ragione, torna meglio.

Avevo letto male, come non detto. Confermo allora integralmente la mia conclusione precedente: inutile discutere, la possibilità che tu cambi idea in una discussione non la contempli proprio.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 5:42 pm

non ci credo!
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 6:07 pm

Ire ha scritto:
non ci credo!

Che abbia letto male? Anzi, meglio, che abbia interpretato male le tue parole? Succede.
Tornare in alto Andare in basso
Online
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 6:18 pm

Ire ha scritto:
non ci credo!
A cosa non credi Ire?
Al fatto che esistano persone come Mac che se fraintendono lo ammettono con tutta serenità come devono fare tutti coloro che discutono con l'obiettivo di scambiarsi opinioni senza però pretendere di avere sempre ragione....come solitamente e ultimamente stai facendo tu?
Certo che una frase come quella di Mac :"Avevo letto male, come non detto", per te è impensabile!!

Ire, non voglio entrare in polemica con te, ma ogni volta che ti facciamo notare che ciò che dici non corrisponde al vero, non ti soffermi mai a ragionare sul fatto che siamo noi a lavorare con gli studenti, siamo noi a trovarci quotidianamente in classe e se permetti le dinamiche scolastiche le conosciamo più noi di te, ma questo non lo consideri e rimani sul tuo piedistallo pieno di preconcetti negativi nei nostri confronti e ti senti autorizzata ad elargire consigli e a formulare giudizi che non hanno delle basi molto solide e quando te lo fanno notare ti offendi e inizi ad offendere.
Nel post in cui ti ho detto di non dire fesserie, non volevo essere offensiva, tutti noi possiamo dirne e una volta che ce ne rendiamo conto o ci viene segnalato ne prendiamo atto riconsiderando l'affermaziione e le motivazioni. Tu, invece, questo non lo hai fatto, giammai, anzi ti sei sentita punta e hai risposto dicendomi che dovevo iniziare io (sottindeso: a non dire fesserie) e questo la dice lunga sulla tua apertura nei nostri confronti....pensare che sei tu a considerarci chiusi e ottusi!!!

Se queste sono le condizioni per dialogare non mi piacciono e mi associo a quanto detto da Mac!


Ultima modifica di giovanna onnis il Dom Set 07, 2014 11:43 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6132
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: professori e FB   Sab Set 06, 2014 7:58 pm

E comunque, c'è ancora un punto che non è chiaro: questa affermazione di tenacia assoluta sul non avere nessuna intenzione di cambiare idea, che ormai è esplicita... come si concilierebbe con il tentativo martellante di far cambiare idea a noi?

Ah, già, dimenticavo l'evidenza più ovvia: la certezza assoluta che tu abbia ragione e noi abbiamo torto. Quindi noi abbiamo il dovere di fare lo sforzo per cambiare idea (e dobbiamo pure esserti grati perché ci aiuti benignamente a farlo), mentre tu no (e anzi, hai il diritto di sentirti infastidita e indispettita dalle nostre risposte critiche).

E allora, ALMENO, risparmiaci la sceneggiata stucchevole su quanto sia importante il confronto rispettoso e paritario tra punti di vista diversi, in cui ci si integra, ci si sincretizza e ci si arricchisce tutti...
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
professori e FB
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 7 di 7Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7
 Argomenti simili
-
» Presentazione dei Professori e degli alunni.

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: