Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Gio Set 18, 2014 1:32 am

Promemoria primo messaggio :

Passino tutti gli strafalcioni grammaticali scritti su internette da cellucosi e bipedi (a iniziare da me, sia chiaro), ma se sul sito di uno dei principali quotidiani nazionali si deve leggere redarre significa che il sistema distruzione italiota è arrivato al climax.
Chissà quanti titoli e certificazioni ha sul curriculum il redigeratore [err. no, volevo dire redarrista] della didascalia di quella slaid

Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Gio Set 18, 2014 9:35 pm

avidodinformazioni ha scritto:
gian ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
gian ha scritto:
Well, Giorgio! But remember: in Italian language you should say redaggono, with the double g, how Sardinian people usually pronunce it
Sorry prof, i only know one sardinian expression: "brevi manu".
What ? Is it not sardinian ? But it ends with "u" !
LOL

prof li conosce cinque metalli che iniziano con u?
No, c'è solo uranio
no, prof c'è u'raniu u'ferru u'piombu u'zincu u'stagnu
Questo è calabbrese, lo riconosco; è la mia lingua nonna.

no, è anche una storpiatura del sardo campidanese: in certi paesi l'articolo indeterminativo "unu" subisce un'elisione nelle parlate strette
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Gio Set 18, 2014 9:37 pm

comunque non l'ha tirata fuori un mio studente, era una battuta tirata fuori da un mio compagno al liceo
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6131
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Gio Set 18, 2014 9:39 pm

gian ha scritto:
Beh, io sono quello che dice che i documenti cartacei devono essere scannati e non scannerizzati: dal momento che scanner è lo strumento che esegue l'azione definita dal verbo to scan, in italiano è corretto dire scannare e non scannerizzare. Lo zappatore mica zappatorizza, zappa, eccheccavolo!

Semmai "zappizza" : )
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Gio Set 18, 2014 9:59 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
gian ha scritto:
Beh, io sono quello che dice che i documenti cartacei devono essere scannati e non scannerizzati: dal momento che scanner è lo strumento che esegue l'azione definita dal verbo to scan, in italiano è corretto dire scannare e non scannerizzare. Lo zappatore mica zappatorizza, zappa, eccheccavolo!

Semmai "zappizza"  : )
O_o mi è apparso in sovraimpressione un messaggio di Google:
Citazione :

Forse paniscus_2.0 voleva scrivere "la pizza"
Clicca sulla mappa per trovare la pizzeria più vicina
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Gio Set 18, 2014 11:18 pm

I difensori del "redarre" direbbero che, per insegnare la norma ortografica, è più calzante la lettura del quotidiano. I linguisti che la norma la fa l'uso. Tra qualche anno, abbozzo una previsione, si leggerà che l'uso ha reso plausibile l'alternanza "qual è/qual'è" e "nessun altro/nessun'altro".
Corsi intensivi di italiano per insegnare "quale" italiano? Quello parlato, naturalmente (mi domando da chi)... Roba da strappare tutte le nostre grammatiche. La pagina del "codesto" subito al macero!

Proprio l'altro giorno al dipartimento di lettere un caro collega ci erudiva sulla necessità di non trascurare le nuove tipologie testuali, "utili" pare per i nostri ragazzi, che in buona parte "andranno a lavorare".
Sembra che i nostri poveri alunni provino una vertigine di disorientamento di fronte, non dico alla carta stampata, ma perfino a un banale testo normativo (!) da cui il grido "All'arme!" del dotto collega, la necessità di chiamarci a uno sforzo "utile" in nome delle "magnifiche sorti e progressive" dei nostri splendidi aspiranti pizzaioli.
Non ci ho dormito la notte dal rimorso per non aver fornito ai miei sodali i giusti strumenti per la decodifica di quotidiani e terze pagine, bugiardini e liste dell'ortolano, istruzioni per sex toys e moduli per la disoccupazione! Mi ha convinto. Da quest'anno, invece dell'Infinito, ho deciso di analizzare e mandare a memoria un bel testo regolativo: sono indecisa tra il regolamento di istituto e il libretto di istruzioni della mia macchina. Magari, vista l'urgenza educativa, tutti e due.

Tutta questa corsa a formare i giovani per il mondo del lavoro in epoca di crisi fa veramente ridere. Approfittarne per farli un po' ragionare no?
"Inutile" è tutta la scuola pubblica e, direbbero tanti, anche l'ortografia: che je frega al ragazzetto che deve fa' er meccanico dell'itagliano vecchio coll'apostrofi! Basta co' sta cuRtura dei parrucconi! Che palle 'sta lingua de poeti!
Tornare in alto Andare in basso
angie



Messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 01.10.09

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 8:37 am

lucetta10 ha scritto:
I difensori del "redarre" direbbero che, per insegnare la norma ortografica, è più calzante la lettura del quotidiano. I linguisti che la norma la fa l'uso. Tra qualche anno, abbozzo una previsione, si leggerà che l'uso ha reso plausibile l'alternanza "qual è/qual'è" e "nessun altro/nessun'altro".
Corsi intensivi di italiano per insegnare "quale" italiano? Quello parlato, naturalmente (mi domando da chi)... Roba da strappare tutte le nostre grammatiche. La pagina del "codesto" subito al macero!

Proprio l'altro giorno al dipartimento di lettere un caro collega ci erudiva sulla necessità di non trascurare le nuove tipologie testuali, "utili" pare per i nostri ragazzi, che in buona parte "andranno a lavorare".
Sembra che i nostri poveri alunni provino una vertigine di disorientamento di fronte, non dico alla carta stampata, ma perfino a un banale testo normativo (!) da cui il grido "All'arme!" del dotto collega, la necessità di chiamarci a uno sforzo "utile" in nome delle "magnifiche sorti e progressive" dei nostri splendidi aspiranti pizzaioli.
Non ci ho dormito la notte dal rimorso per non aver fornito ai miei sodali i giusti strumenti per la decodifica di quotidiani e terze pagine, bugiardini e liste dell'ortolano, istruzioni per sex toys e moduli per la disoccupazione! Mi ha convinto. Da quest'anno, invece dell'Infinito, ho deciso di analizzare e mandare a memoria un bel testo regolativo: sono indecisa tra il regolamento di istituto e il libretto di istruzioni della mia macchina. Magari, vista l'urgenza educativa, tutti e due.

Tutta questa corsa a formare i giovani per il mondo del lavoro in epoca di crisi fa veramente ridere. Approfittarne per farli un po' ragionare no?  
"Inutile" è tutta la scuola pubblica e, direbbero tanti, anche l'ortografia: che je frega al ragazzetto che deve fa' er meccanico dell'itagliano vecchio coll'apostrofi! Basta co' sta cuRtura dei parrucconi! Che palle 'sta lingua de poeti!
Serve anche al meccanico esprimersi in un italiano decente e anche scriverlo,non parlo della maniera più forbita, pensa a quando deve fare un ordine o definire il danno che un'auto ha subito, per es..
Per non parlare di quando ci si relaziona col mondo esterno, spesso
l' essere deficitari nella propria lingua, spiazza....l'ignoranza non aiuta di certo!
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 12:16 pm

lucetta10 ha scritto:
I difensori del "redarre" direbbero che, per insegnare la norma ortografica, è più calzante la lettura del quotidiano. I linguisti che la norma la fa l'uso. Tra qualche anno, abbozzo una previsione, si leggerà che l'uso ha reso plausibile l'alternanza "qual è/qual'è" e "nessun altro/nessun'altro".

Veramente, già qui e ora. Un mio amico quarantenne ha studiato al liceo classico, scrive "qual'è" e sostiene che non glielo hanno mai corretto.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 1:42 pm

Ma nooo, ragazzi! Avete sbagliato entrambi!!!!
U'ranniu non è un minerale, è un animale!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 1:52 pm

Valerie ha scritto:
Ma nooo, ragazzi! Avete sbagliato entrambi!!!!
U'ranniu non è un minerale, è un animale!!!!
ah!
in campidanese quello lo chiamiamo arangiòlu
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 3:33 pm

angie ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
I difensori del "redarre" direbbero che, per insegnare la norma ortografica, è più calzante la lettura del quotidiano. I linguisti che la norma la fa l'uso. Tra qualche anno, abbozzo una previsione, si leggerà che l'uso ha reso plausibile l'alternanza "qual è/qual'è" e "nessun altro/nessun'altro".
Corsi intensivi di italiano per insegnare "quale" italiano? Quello parlato, naturalmente (mi domando da chi)... Roba da strappare tutte le nostre grammatiche. La pagina del "codesto" subito al macero!

Proprio l'altro giorno al dipartimento di lettere un caro collega ci erudiva sulla necessità di non trascurare le nuove tipologie testuali, "utili" pare per i nostri ragazzi, che in buona parte "andranno a lavorare".
Sembra che i nostri poveri alunni provino una vertigine di disorientamento di fronte, non dico alla carta stampata, ma perfino a un banale testo normativo (!) da cui il grido "All'arme!" del dotto collega, la necessità di chiamarci a uno sforzo "utile" in nome delle "magnifiche sorti e progressive" dei nostri splendidi aspiranti pizzaioli.
Non ci ho dormito la notte dal rimorso per non aver fornito ai miei sodali i giusti strumenti per la decodifica di quotidiani e terze pagine, bugiardini e liste dell'ortolano, istruzioni per sex toys e moduli per la disoccupazione! Mi ha convinto. Da quest'anno, invece dell'Infinito, ho deciso di analizzare e mandare a memoria un bel testo regolativo: sono indecisa tra il regolamento di istituto e il libretto di istruzioni della mia macchina. Magari, vista l'urgenza educativa, tutti e due.

Tutta questa corsa a formare i giovani per il mondo del lavoro in epoca di crisi fa veramente ridere. Approfittarne per farli un po' ragionare no?  
"Inutile" è tutta la scuola pubblica e, direbbero tanti, anche l'ortografia: che je frega al ragazzetto che deve fa' er meccanico dell'itagliano vecchio coll'apostrofi! Basta co' sta cuRtura dei parrucconi! Che palle 'sta lingua de poeti!
Serve anche al meccanico esprimersi in un italiano decente e anche scriverlo,non parlo della maniera più forbita, pensa a quando deve fare un ordine o definire il danno che un'auto ha subito, per es..
Per non parlare di quando ci si relaziona col mondo esterno, spesso
l' essere deficitari nella propria lingua, spiazza....l'ignoranza non aiuta di certo!
Definisci "italiano decente"; quali errori ortografici sono consentiti e quali no ?
Come li riconosciamo ?

Qual'è e qual è: ma è chi li sbaglia ad essere ignorante o è chi ha deciso che ci devono essere elisioni ed anche troncamenti ad essere un po' stronzetto ?

Se differenziarli servisse a qualcosa lo capirei ma è un'inutile complicazione della lingua. Scrivere qual'è è una forma di disobbedienza civile, come quella che attuo io quando scrivo "nè" anzichè "né" oppure "anzichè" anzichè "anziché", sebbene il correttore ortografico me li indichi chiaramente.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6131
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 4:06 pm

Valerie ha scritto:
Ma nooo, ragazzi! Avete sbagliato entrambi!!!!
U'ranniu non è un minerale, è un animale!!!!

Anzi, u'ranniu è 'n' inZetto!  : )

Spoiler:
 
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 4:44 pm

avidodinformazioni ha scritto:
angie ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
I difensori del "redarre" direbbero che, per insegnare la norma ortografica, è più calzante la lettura del quotidiano. I linguisti che la norma la fa l'uso. Tra qualche anno, abbozzo una previsione, si leggerà che l'uso ha reso plausibile l'alternanza "qual è/qual'è" e "nessun altro/nessun'altro".
Corsi intensivi di italiano per insegnare "quale" italiano? Quello parlato, naturalmente (mi domando da chi)... Roba da strappare tutte le nostre grammatiche. La pagina del "codesto" subito al macero!

Proprio l'altro giorno al dipartimento di lettere un caro collega ci erudiva sulla necessità di non trascurare le nuove tipologie testuali, "utili" pare per i nostri ragazzi, che in buona parte "andranno a lavorare".
Sembra che i nostri poveri alunni provino una vertigine di disorientamento di fronte, non dico alla carta stampata, ma perfino a un banale testo normativo (!) da cui il grido "All'arme!" del dotto collega, la necessità di chiamarci a uno sforzo "utile" in nome delle "magnifiche sorti e progressive" dei nostri splendidi aspiranti pizzaioli.
Non ci ho dormito la notte dal rimorso per non aver fornito ai miei sodali i giusti strumenti per la decodifica di quotidiani e terze pagine, bugiardini e liste dell'ortolano, istruzioni per sex toys e moduli per la disoccupazione! Mi ha convinto. Da quest'anno, invece dell'Infinito, ho deciso di analizzare e mandare a memoria un bel testo regolativo: sono indecisa tra il regolamento di istituto e il libretto di istruzioni della mia macchina. Magari, vista l'urgenza educativa, tutti e due.

Tutta questa corsa a formare i giovani per il mondo del lavoro in epoca di crisi fa veramente ridere. Approfittarne per farli un po' ragionare no?  
"Inutile" è tutta la scuola pubblica e, direbbero tanti, anche l'ortografia: che je frega al ragazzetto che deve fa' er meccanico dell'itagliano vecchio coll'apostrofi! Basta co' sta cuRtura dei parrucconi! Che palle 'sta lingua de poeti!
Serve anche al meccanico esprimersi in un italiano decente e anche scriverlo,non parlo della maniera più forbita, pensa a quando deve fare un ordine o definire il danno che un'auto ha subito, per es..
Per non parlare di quando ci si relaziona col mondo esterno, spesso
l' essere deficitari nella propria lingua, spiazza....l'ignoranza non aiuta di certo!
Definisci "italiano decente"; quali errori ortografici sono consentiti e quali no ?
Come li riconosciamo ?

Qual'è e qual è: ma è chi li sbaglia ad essere ignorante o è chi ha deciso che ci devono essere elisioni ed anche troncamenti ad essere un po' stronzetto ?

Se differenziarli servisse a qualcosa lo capirei ma è un'inutile complicazione della lingua. Scrivere qual'è è una forma di disobbedienza civile, come quella che attuo io quando scrivo "nè" anzichè "né" oppure "anzichè" anzichè "anziché", sebbene il correttore ortografico me li indichi chiaramente.


perchè, esistono "errori" ortografici consentiti? Questa mi è nuova, ma pare sia l'unica a non saperlo! Carina la faccenda dell'ortografia "stronzetta": ah ah! Non mi è chiaro però perchè "qual'è" sì e "redarre" no, e quale lingua dici di voler difendere. O tutto consentito o niente concesso, altrimenti non vedo altro modo possibile per correggere un tema che la personale idiosincrasia verso forme a casaccio.  
Non ci crederai ma l'ortografia non è un precipitato demiurgico: non venne affidata da Dio a Mosè e non esiste nostra signora dell'ortografia non è nemmeno uno strumento di oppressione delle masse deboli. Se qualcosa si scrive in un certo modo c'è una ragione, che non è detto valga per sempre, ma che discrimina tra giusto e sbagliato, quindi nessuno ha deciso e tutti hanno deciso: o ci si accorda su un sistema non motivato di segni o si torna a Babele, e per me può anche andare bene.
Come li riconosci? La grammatica si insegna in ogni grado di scuola e in tutti gli indirizzi. Per i dubbi si apre una grammatica.
Più seducente però l'idea della chiamata alla disobbedienza civile: contro la dittatura del correttore, tra il Dada e il postmoderno. Molto grazioso veramente, si si...
Qual e nessun non sono parole elise troncate. Qual è è apocope, nessun deriva da un e mi auguro che non vorremo sdoganare come "stronzetto" anche "un'altro"!
Uffa! Che noia 'sta prof! A che me serve l'apocope ar cantiere?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 5:51 pm

lucetta10 ha scritto:

Uffa! Che noia 'sta prof! A che me serve l'apocope ar cantiere?

A niente! Anzi, quando ti viene un'apocope è meglio chiamare subito l'ambulanza! ;-)

P.S.: apocope è femminile, vero?!?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:17 pm

lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
angie ha scritto:

Serve anche al meccanico esprimersi in un italiano decente e anche scriverlo,non parlo della maniera più forbita, pensa a quando deve fare un ordine o definire il danno che un'auto ha subito, per es..
Definisci "italiano decente"; quali errori ortografici sono consentiti e quali no ?
Come li riconosciamo ?
perchè, esistono "errori" ortografici consentiti? Questa mi è nuova,

Se qualcosa si scrive in un certo modo c'è una ragione, che non è detto valga per sempre,

Più seducente però l'idea della chiamata alla disobbedienza civile: contro la dittatura del correttore,

Qual e nessun non sono parole elise troncate. Qual è è apocope,

non vorremo sdoganare come "stronzetto" anche "un'altro"!

1) Non ho tirato fuori io la questione "italiano decente"; il problema è che alcuni considerano decente solo quel che è perfetto; a questo punto che senso ha usare due parole diverse per lo stesso concetto ? A casa mia se esiste la perfezione e se esiste anche la decenza allora la decenza è inferiore alla perfezione ovvero può essere decente anche quel che non è perfetto; è decente anche quel che contiene errori di lieve entità. Affermare che non si può essere buoni meccanici se si sbagliano i congiuntivi è quantomeno audace; se così fosse tu sai usare un congiuntivo e non sai riparare un'automobile, un meccanico sa fare entrambe le cose, non ti lamentare se guadagni meno di un meccanico; è evidente che vali di meno no ?
2) Dimmi qual è la ragione per cui "qual è" non potrebbe mai scriversi con l'apostrofo mentre "quest'oggetto" non potrebbe mai scriversi senza.
Se la tua risposta è "perchè questa è la regola" allora converrai con me che è una questione di convenzione e nulla più; converrai con me che la convenzione avrebbe potuto essere diversa e più semplice (ad esempio che non esiste l'apostrofo) e con un po' di sforzo potrai convenire con me che chi decide di imporre regole complesse quando potrebbe in maniera equivalente imporre regole semplici, un po' stronzetto lo sia.
3) La disobbedienza civile non è contro il correttore ma contro chi ha deciso che "né" debba essere scritto con quell'accento e non con l'altro.
Oserei dire che l'esistenza di due o più accenti sia un abominio (ortografico).
4) Lo so, Wiki non è la Bibbia, ma ti cito lo stesso http://it.wikipedia.org/wiki/Apocope
"In linguistica, l'apòcope, detta anche troncamento,..." quindi qual è, secondo wiki, è sia troncamento che apocope.
Sai perchè, pur conoscendo il termine apocope, prima non l'ho usato ? Perchè dovevo usarlo al plurale; sapevo che "troncamento" sarebbe diventato "troncamenti", e non sapevo se "apocope" sarebbe diventato "apocopi" o cos'altro
5) Tu sei femmina e quindi femminile, non ti fa incazzare che per il maschile esista "un" ed "uno" e per il femminile esista solo "una" anche se l' "un" servirebbe, tanto da essere costretti a riciclare l' "una" ed apostrofarlo ?
Per caso voi donne femmine femminili valete meno di noi uomini maschi maschili ? Valete la metà tanto da meritarvi la metà degli articoli indeterminativi ? Oppure chi ha inventato questa regola era un po' stronzetto ?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:18 pm

paniscus_2.0 ha scritto:


> per gian... non mi prendere alla lettera, LO SO che gli aracnidi non sono insetti...

Stavo per liberare nel rutter uno sciame di tafani per punirti, poi casualmente ho cliccato sul cassetto. Ti sei salvata in extremis, ma non sai cosa hai rischiato :-D
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:20 pm

mac67 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

Uffa! Che noia 'sta prof! A che me serve l'apocope ar cantiere?

A niente! Anzi, quando ti viene un'apocope è meglio chiamare subito l'ambulanza! ;-)

P.S.: apocope è femminile, vero?!?
Chi lo ha deciso oltre a saper individuare il genere delle parole sapeva anche individuare il genere degli angeli ?

In italiano "ombrello" è maschile, in tedesco è femminile; chi si sbaglia ?


Ultima modifica di avidodinformazioni il Ven Set 19, 2014 6:23 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:22 pm

avidodinformazioni ha scritto:
2) Dimmi qual è la ragione per cui "qual è" non potrebbe mai scriversi con l'apostrofo mentre "quest'oggetto" non potrebbe mai scriversi senza.

Semplice: la parola "qual" esiste (qual buon vento?), la parola "quest" non esiste (in italiano).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:27 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
2) Dimmi qual è la ragione per cui "qual è" non potrebbe mai scriversi con l'apostrofo mentre "quest'oggetto" non potrebbe mai scriversi senza.

Semplice: la parola "qual" esiste (qual buon vento?), la parola "quest" non esiste (in italiano).
Perchè ? Dimenticanza ? C'è un buon motivo per cui non debba esistere ? Se è solo dimenticanza, quando se ne sono accorti, invece d'inventare l'apocope e l'elisione non avrebbero potuto inventare la parola mancante ?

Chi è autorizzato a creare neologismi ? Quanto devono essere diffuse le espressioni gergali (detti altrimenti strafalcioni) prima di assurgere a neologismo ?

Se io conio oggi il neologismo "quest" mi date un premio ?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:32 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Se io conio oggi il neologismo "quest" mi date un premio ?
Solo se mi concedi l'uso di scannare al posto di scandire.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6131
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:35 pm

gian ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:


> per gian... non mi prendere alla lettera, LO SO che gli aracnidi non sono insetti...

Stavo per liberare nel rutter uno sciame di tafani per punirti, poi casualmente ho cliccato sul cassetto. Ti sei salvata in extremis, ma non sai cosa hai rischiato :-D

Guarda che, anche se insegnavo matematica, all'istituto agrario ci ho lavorato abbastanza a lungo anch'io!

L.

(PS: che cos'è il "rutter"?)


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Ven Set 19, 2014 6:36 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:35 pm

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
2) Dimmi qual è la ragione per cui "qual è" non potrebbe mai scriversi con l'apostrofo mentre "quest'oggetto" non potrebbe mai scriversi senza.

Semplice: la parola "qual" esiste (qual buon vento?), la parola "quest" non esiste (in italiano).
Perchè ? Dimenticanza ? C'è un buon motivo per cui non debba esistere ? Se è solo dimenticanza, quando se ne sono accorti, invece d'inventare l'apocope e l'elisione non avrebbero potuto inventare la parola mancante ?

Chi è autorizzato a creare neologismi ? Quanto devono essere diffuse le espressioni gergali (detti altrimenti strafalcioni) prima di assurgere a neologismo ?

Se io conio oggi il neologismo "quest" mi date un premio ?

Sei autorizzato a creare neologismi come tutti. Quando diventano diffusi vengono presi in considerazione per inserirli nei dizionari; quando sono presenti in gran parte dei dizionari, è un termine accettato. Quindi puoi costituire il comitato "Un quest in ogni dizionario" e fare proseliti. Io però non mi iscrivo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:49 pm

gian ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Se io conio oggi il neologismo "quest" mi date un premio ?
Solo se mi concedi l'uso di scannare al posto di scandire.
OK; voto di scambio.
Siamo già a due iscritti al gruppo feisbuc "aboliamo la postrofo"
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:57 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
(PS: che cos'è il "rutter"?)
E' una macchina che hanno nei reparti maternità, tira dei colpetti delicati ai pupetti per favorire lo spurgo dell'aria in eccesso.
Bisogna stare attenti che se colleghi il bambino al contrario si trasformano in petter.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17785
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 6:59 pm

avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
(PS: che cos'è il "rutter"?)
E' una macchina che hanno nei reparti maternità, tira dei colpetti delicati ai pupetti per favorire lo spurgo dell'aria in eccesso.
Bisogna stare attenti che se collegi il bambino al contrario si trasformano in petter.
:-))))
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4691
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: [OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?   Ven Set 19, 2014 7:03 pm

avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
(PS: che cos'è il "rutter"?)
E' una macchina che hanno nei reparti maternità, tira dei colpetti delicati ai pupetti per favorire lo spurgo dell'aria in eccesso.
Bisogna stare attenti che se colleghi il bambino al contrario si trasformano in petter.

Se sei messo così all'inizio dell'anno scolastico, chissà verso maggio ...
Tornare in alto Andare in basso
 
[OT] te lo do io il CLIL, ma imparare prima l'italiano, no?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» cc nails..gel a 1,67!
» Ho fatto la mia prima IUI
» preparazione per criotransfer
» vi aggiorno sulla mia prima eco-ho bisogno di voi
» ISG fatta. Si prosegue....

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: