Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
ulisse2001



Messaggi : 95
Data d'iscrizione : 28.09.14

MessaggioOggetto: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Mer Ott 01, 2014 12:39 pm

Promemoria primo messaggio :

Segnali di protesta da più parti d'Italia. dopo l'analisi delle linee guida per la riforma della scuola. I sindacati raccolgono firme per petizioni contro l'abolizione degli scatti di anzianità e per lo sblocco degli stipendi.

Assemblee sindacali in varie parti del paese ci raccontano di docenti e ATA in agitazione per alcuni passaggi delle linee guida.

Così, ad esempio, a Savona durante una infuocata assemblea sindacale indetta da CGIL, CISL e UIL i docenti hanno chiesto uno sciopero del settore e l'avvio di autogestioni.

A Pordenone si bloccheranno le gite scolastiche. Il Coordinatore della Gilda degli insegnanti, Rino Di Meglio, ha parlato di "De Prufundis" sul turismo studentesco.

Cosa non va giù? Sicuramente l'eliminazione degli scatti stipendiali per anzianità, non che i docenti non vogliano una retribuzione basata sulla valutazione, ma il sistema proposto dal Governo è un sistema che non convince.

Non convince il taglio di 8mila posti ATA e di  un piano di dematerializzazione che colpirà soprattutto i lavoratori delle segreterie.

In agitazione anche i docenti precari delle graduatorie d'istituto che si vedranno esclusi dal sistema delle supplenze e dalle assunzioni.

A tutto ciò si agginge l'annuncio del blocco dei contratti fino al 2017, che impoverirà ulteriormente la categoria.

Quindi assemblee sindacali, per informare i docenti e raccogliere gli umori.

Ma c'è già chi ha organizzato manifestazioni e scioperi: 24 ottobre USB, 25 ottobre CGIL, 31 ottobre ANIEF.

Anche se, da più parti si chiede uno sciopero unitario delle sigle rappresentative.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 5:04 am

Dec ha scritto:
jeppo15 ha scritto:
Ho sempre detto e ne sono più che mai oggi convinnto sentendo i ragionamenti fatti da chi è in gae, che essere precario lo ritengo un lusso. io non avrei mai potuto aspettare una chiamata dalla scuola con le mani in mano sapendo di lavorare un mese si e tre no. Ho avuto sempre la necessita di lavorare in modo continuativo. Qualcun'altro (non jeppo15) si è potuto permettere di essere precario per anni.

La maggior parte di coloro che sono nelle Gae non lavora affatto così, ma con contratti da settembre a giugno ed è pagata (quando è al 30/6) esattamente quanto i docenti di ruolo che non hanno maturato scatti di anzianità. Per i mesi estivi dopo due-tre anni di lavoro c'è la disoccupazione (oggi aspi) che è leggermente inferiore allo stipendio, ma neanche tanto. Per questo non capisco questa angoscia di voler diventare per forza di ruolo il prima possibile, a qualunque costo (capisco di più quelli che lavorano davvero pochi mesi all'anno, ma i più convinti sostenitori del piano Renzi, almeno su questo forum, non mi sembrano loro); non capisco perché si parli di precariato come condizione degradante e di assunzione in ruolo come paradiso che risolverà tutti i nostri problemi, quando sostanzialmente continueremo a fare lo stesso lavoro di prima con lo stesso stipendio e senza prospettive di vedercelo aumentare se non in maniera minima e dopo anni; l'unica differenza è che avremo una maggiore probabilità (non certezza) di essere tutti gli anni nella stessa scuola, cosa che a me non sembra nemmeno così importante (ogni tanto fa bene cambiare aria). E per questo stesso motivo, d'altra parte, non si può dire che il costo dell'operazione corrisponda all'ammontare degli stipendi (i 3 miliardi di cui si parla), come se questi precari non lavorassero per nulla o solo alcuni mesi all'anno.

secondo me il precariato è degradante a livello sociale, anche per chi lo svolge in condizioni di lusso (contratto ogni anno, disoccupazione puntuale, magari sempre la stessa scuola). è proprio la condizione estrema di precariato che non dovrebbe esistere, alla quale ormai ci hanno abituati.

il ruolo non è un paradiso, ma ci sono ordini di problemi diversi

al di là di questo però oggi non trovo ancora nelle conversazioni dei docenti di ruolo di questo forum le modalità con cui stanno contrastando le linee guida e nello stesso tempo aiutando i precari, che fondamentalmente - mi sembra di capire - è l'obiettivo al quale si vorrebbe arrivare, dato che come ci si diceva, essere contro la riforma non vuol dire essere contro i precari.

ci sono due mesi di consultazioni, con varie modalità di partecipazione. in quali di queste si stanno presentando dei progetti alternativi, e quali?

forse è su questi che si dovrebbe discutere. portiamo la conversazione un attimo avanti e oltre il forum
Tornare in alto Andare in basso
Online
gugu



Messaggi : 25625
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 8:45 am

Dec ha scritto:
jeppo15 ha scritto:
Ho sempre detto e ne sono più che mai oggi convinnto sentendo i ragionamenti fatti da chi è in gae, che essere precario lo ritengo un lusso. io non avrei mai potuto aspettare una chiamata dalla scuola con le mani in mano sapendo di lavorare un mese si e tre no. Ho avuto sempre la necessita di lavorare in modo continuativo. Qualcun'altro (non jeppo15) si è potuto permettere di essere precario per anni.

La maggior parte di coloro che sono nelle Gae non lavora affatto così, ma con contratti da settembre a giugno ed è pagata (quando è al 30/6) esattamente quanto i docenti di ruolo che non hanno maturato scatti di anzianità. Per i mesi estivi dopo due-tre anni di lavoro c'è la disoccupazione (oggi aspi) che è leggermente inferiore allo stipendio, ma neanche tanto. Per questo non capisco questa angoscia di voler diventare per forza di ruolo il prima possibile, a qualunque costo (capisco di più quelli che lavorano davvero pochi mesi all'anno, ma i più convinti sostenitori del piano Renzi, almeno su questo forum, non mi sembrano loro); non capisco perché si parli di precariato come condizione degradante e di assunzione in ruolo come paradiso che risolverà tutti i nostri problemi, quando sostanzialmente continueremo a fare lo stesso lavoro di prima con lo stesso stipendio e senza prospettive di vedercelo aumentare se non in maniera minima e dopo anni; l'unica differenza è che avremo una maggiore probabilità (non certezza) di essere tutti gli anni nella stessa scuola, cosa che a me non sembra nemmeno così importante (ogni tanto fa bene cambiare aria). E per questo stesso motivo, d'altra parte, non si può dire che il costo dell'operazione corrisponda all'ammontare degli stipendi (i 3 miliardi di cui si parla), come se questi precari non lavorassero per nulla o solo alcuni mesi all'anno.


Forse è il fatto che tu lavori soltanto nei licei, presumo tra l'altro pochi e quindi hai al contempo la possibilità di insegnare sempre in scuole che hanno pochissimi problemi e molto probabilmente anche le stesse nel giro di pochi anni.
Chi invece si ritrova sbattuto da un anno all'altro dal liceo, al tecnico, al professionale e viceversa; chi non può pianificare nulla di anno in anno; chi deve lasciare un lavoro ben fatto ad un altro forse un po' soffre ogni giugno. Capisco che il tuo non-ruolo ti permette di scegliere ogni anno la tua cdc e la scuola che vuoi, capisci che per altri non è una felicità ma una mortificazione annuale.
Tornare in alto Andare in basso
Albith



Messaggi : 10574
Data d'iscrizione : 22.08.10

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 8:45 am

A me pare che fosse nell'aria da tempo rivedere gli scatti di anzianità: rimandi degli anni validi, vacanza di contratto, anche le pensioni bloccate incidono in vario modo.

La genialata del governo, se volontariamente è stata progettata (sono più propenso alla teoria del caos però), è di riversare tale processo sull'assunzione a mani basse.

Indiscutibilmente è ciò che da anni e anni tutti i sindacati chiedono (assunzione su tutti i posti disponibili). La moneta di scambio sono gli scatti automatici però!

Sono quindi riusciti a spaccare ancora di più, messo che fosse utile e indispensabile, i docenti.

E' dolorosamente vero che in questo frangente quasi tutti ragionano a livello di orticello: mi duole osservare che anche chi sta entrando di ruolo adesso, con le surroghe, che fino all'altro ieri diceva che "gli scatti valgon bene il ruolo" adesso dica "no ai ruoli per tutti, sì agli scatti solo per chi di ruolo".

Su una base di tale disonestà intellettuale il governo non solo può fare di noi quello che vuole: mi stupisco, anzi, che non troviamo fuori dalle scuole squadroni della morte che ci picchino con catene arrugginite e nunchaku in acciaio temprato…
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 8:46 am

jeppo15 ha scritto:
Trampoletta ha scritto:
Io, e molti come me, sono favorevole alla riforma. Ho vinto il concorso e voglio essere assunta. Fatelo anche voi il concorso piuttosto che scioperare.
fatelo voi chi??? lo devi dire a quelli che stannop in gae di fare il concorso!!!! non a me!!! io il mio concorso l'ho già vinto da un pezzo!! loro non hanno fatto concorsi e loro entreranno in ruolo!! tu no!!
se hai fatto il concorso e vuoi questa riforma sei veramente fuori di testa. l'anno prossimo le assunzioni secondo la riforma saranno per il 90% da gae e per il 10% da concorso anzichè 50 e 50 come dovrebbe essere.

ovviamente questo 90% e 10% non sappiamo Renzi da quale conto l'abbia tratto. Perchè il !0% di 148000 assunzioni è 14800 numeri che non corrispondono agli attuali iscritti del concorso 2012che sono molto meno. Probabilmente comprende anche gli inseriti nelle vecchie GM. Quindi quelle percentuali devono essere necessariamente così altrimenti mancherebbero gli inseriti nelle Gm perchè TUTTE esaurite e quindi è inevitabile prenderle da GE. Pertanto credo e spero che chi abbia SUPERATO un concorso pubblico venga assunto prima di quelli in GE
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25625
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 8:51 am

patty20 ha scritto:
jeppo15 ha scritto:
Trampoletta ha scritto:
Io, e molti come me, sono favorevole alla riforma. Ho vinto il concorso e voglio essere assunta. Fatelo anche voi il concorso piuttosto che scioperare.
fatelo voi chi??? lo devi dire a quelli che stannop in gae di fare il concorso!!!! non a me!!! io il mio concorso l'ho già vinto da un pezzo!! loro non hanno fatto concorsi e loro entreranno in ruolo!! tu no!!
se hai fatto il concorso e vuoi questa riforma sei veramente fuori di testa. l'anno prossimo le assunzioni secondo la riforma saranno per il 90% da gae e per il 10% da concorso anzichè 50 e 50 come dovrebbe essere.

ovviamente questo 90% e 10% non sappiamo Renzi da quale conto l'abbia tratto. Perchè il !0% di 148000 assunzioni è 14800 numeri che non corrispondono agli attuali iscritti del concorso 2012che sono molto meno. Probabilmente comprende anche gli inseriti nelle vecchie GM. Quindi quelle percentuali devono essere necessariamente così altrimenti mancherebbero gli inseriti nelle Gm perchè TUTTE esaurite e quindi è inevitabile prenderle da GE. Pertanto credo e spero che chi abbia SUPERATO un concorso pubblico venga assunto prima di quelli in GE

Prima non è proprio possibile, visto che sarà uguale per tutti. Le regole rimangono le stesse, la prima sede viene scelta prima da GM e poi da GE; in ogni caso sarà la mobilità successiva a dare le sede definitive.

Da (mediocre) linguistica mi fa piacere notare come più utenti differenzino "CHI ha superato un concorso (anche chi non l'ha vinto)" da "QUELLI delle GE". Si potrebbe fare un'ottima tesi di laurea in sociologia (delle differenziazioni).
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 8:56 am

Vedo sempre una sottile differenza tra chi ha fatto i riservati con 360 giorni ( ovviamente vorrei essere una di loro) e chi comunque ha superato un concorso pubblico. Comunque al di là delle parole cosa ne pensate della mia spiegazione delle percentuali renziane? Comunque noto che quando si vuole danneggiare voi le regole devono rimanere le stesse, quando vengono danneggiati gli altri tipo 90% e 10% con abbandono delle vecchie Gm delle regole che cambiano ve ne infischiate!!!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 9:14 am

Inoltre come ha detto il dott. Bruschi il concorso è inamovibile al contrario delle ge che sono trasportabili ogni tre anni. Pertanto i posti fuori regione possono essere dati solo dalle GE e non certo alle GM. Ergo prima Gm e poi GE!
Tornare in alto Andare in basso
malgieri



Messaggi : 104
Data d'iscrizione : 28.09.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 11:35 am

Premetto che sono sia in GM che in GE quindi rispetto a questo avrei vinto comunque, ma secondo me la cosa più sensata sarebbe rispettare la regola del 50% fino alla fine. Cioè sceglie il primo in GE, poi il primo in GM, poi il secondo in GE, il secondo in GM e così via fino a che non si esaurisce una delle due graduatorie (nella maggior parte dei casi penso GM).
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 12:08 pm

Cara collega patty20 vedo che continui ad accanirti con i colleghi in GE... Altro che fuori regione, neanche fuori provincia (dato che le Ge sono provinciali) se si tratta di mobilità coatta. Le GM non hanno più diritti delle GE. E viceversa. E` davvero inutile e poco furbo questo provare a spostare sugli altri le proprie paure. Rispettiamoci almeno tra colleghi. Non ci sono precari di serie A, se non lo sostengono persone che fanno sacrifici da anni e anni nelle Ge, abbi il garbo di non farlo neanche tu. Cordialità
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 12:14 pm

Paure non ne ho. sono forte abbastanza da affrontare qualsiasi situazione come tutti del resto. Se necessario ricorrerò a chi di dovere per i miei diritti come tutti del resto. quanto a garbo, non mi sembra che sostenere il proprio punto di vista supportato delle motivazioni giuridiche del Dott. Bruschi sia da maleducati. A meno che la paura non sia dalla tua parte
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 12:21 pm

No, grazie. Io non attacco e non insinuo nulla verso i colleghi in situazioni diverse dalla mia. Per me siamo tutti uguali e solo uniti possiamo vincere le nostre battaglie. Sono indignata ma non riverso il mio stato d' animo sugli altri. La forza non si dimostra così a mio parere.
Inoltre non ho parlato di maleducazione ma al contrario di garbo.
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 12:25 pm

dovresti rileggerti e vedere come possono risultare taglienti le tue parole velate dal buonismo e dalla considerazione altrui. Cordialità
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 12:28 pm

Se invitare al garbo e all' unità tra colleghi per te è buonismo OK, non so che dirti. Non so che cosa ci sia di tagliente nel parlare di rispetto reciproco.
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 12:40 pm

Beh dire.... "Se non lo diciamo noi che facciamo sacrifici di essere migliori, come puoi dirlo tu che non hai fatto nulla!!!!"
Per non dire  l'uso di parole come "accanirti" e "attacco" del tutto gratuite e del tuo riferimento al garbo come se qualcuno fosse stato sgarbato nel dire "educatamente" e senza offendere nessuno il proprio punto di vista che capisco può essere differente dal tuo. A me non sembra di averlo espresso senza garbo.
Per la precisione leggi qua:
http://www.dizionario-online.net/sinonimi/garbo.html


Ultima modifica di patty20 il Lun Ott 06, 2014 1:06 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 12:47 pm

Capisco che ognuno interpreti il prossimo sulla base dei propri parametri, ma io non ragiono come te. Rileggi quello che hai scritto sulle persone in GE e altro che parole taglienti. Rispetto e stimo i colleghi in GM. Non condivido chi come te pensa che la propria salvezza sia prioritaria rispetto a quella degli altri. Usiamo il forum per confrontarci ed informarci piuttosto.
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:00 pm

Ecco l'ultima parte ti descrive pienamente. Dai giudizi sugli altri (perché secondo te dare un'interpretazione su alcune disposizioni supportate da esperti vuol dire volere la propria salvezza) e poi chiudi con la perla di saggezza ancora una volta a dimostrare la "superiorità" verso certe cose malgrado sia sempre tu ad intervenire su di me.
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:04 pm

Dimenticavo: Cordialità
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:05 pm

Questa sconosciuta ^ - ^
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:07 pm

Uhhh la buona iaiataf ha gettato la mascherina! Meglio così!
Dimenticavo: cordialità
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:09 pm

Guarda Patty che non ho scritto io la riforma. E` inutile che te la prendi con me. Arrivi anche a farmi il verso. Ma per favore recupera un po' di calma e serenità. Che la camomilla sia con te!
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:10 pm

Hai dimenticato: Cordialità
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:15 pm

Ridicolizzi e svilisci una parola della quale evidentemente ignori il significato. Usi il forum per sfogarti e prendere in giro i colleghi. Cara patty20 sei scoraggiante. Cordialità
Tornare in alto Andare in basso
patty20



Messaggi : 2631
Data d'iscrizione : 26.01.12

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:19 pm

Cordialità detta da te è veramente ridicola. tu scambi per "sfogo" quelle che sono motivazioni giuridichesolo perchè a te nuocciono o non piacciono. E inoltre il brutto vizio di dire degli altri quello che pensi di te. Parli con me come se ti guardassi nello specchio. Ma forse la camomilla e non solo devresti iniziare a prenderla tu.  Smetterò di risponderti perchè non vorrei peggiorare la "tua situazione".
dimenticavo: Cordialità


Ultima modifica di patty20 il Lun Ott 06, 2014 1:29 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:27 pm

Su questo forum ho dialogato sempre con persone che mi hanno arricchita ed informata. Oggi ho trovato qualcosa di diverso. Doveva capitare prima o poi. Pazienza! Rimango dell' idea che le offese e gli sfoghi personali dovrebbero rimanere fuori dal forum.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA   Lun Ott 06, 2014 1:33 pm

gian ha scritto:
Citazione :
La maggior parte di coloro che sono nelle Gae non lavora affatto così, ma con contratti da settembre a giugno ed è pagata (quando è al 30/6) esattamente quanto i docenti di ruolo che non hanno maturato scatti di anzianità. Per i mesi estivi dopo due-tre anni di lavoro c'è la disoccupazione (oggi aspi) che è leggermente inferiore allo stipendio, ma neanche tanto. Per questo non capisco questa angoscia di voler diventare per forza di ruolo il prima possibile, a qualunque costo (capisco di più quelli che lavorano davvero pochi mesi all'anno, ma i più convinti sostenitori del piano Renzi, almeno su questo forum, non mi sembrano loro); non capisco perché si parli di precariato come condizione degradante e di assunzione in ruolo come paradiso che risolverà tutti i nostri problemi, quando sostanzialmente continueremo a fare lo stesso lavoro di prima con lo stesso stipendio e senza prospettive di vedercelo aumentare se non in maniera minima e dopo anni; l'unica differenza è che avremo una maggiore probabilità (non certezza) di essere tutti gli anni nella stessa scuola, cosa che a me non sembra nemmeno così importante (ogni tanto fa bene cambiare aria). E per questo stesso motivo, d'altra parte, non si può dire che il costo dell'operazione corrisponda all'ammontare degli stipendi (i 3 miliardi di cui si parla), come se questi precari non lavorassero per nulla o solo alcuni mesi all'anno.

Dec, a mio parere la metti in termini un po' troppo semplicistici. Non entro nel merito dello stipendio, perché non so a quanto ammonti l'ASPI e di quanto differisca più o meno sensibilmente dallo stipendio base. A parte questo non concordo su alcuni aspetti:
1) essere tutti gli anni nella stessa scuola è importante per chi insegna. Nel mio lavoro non c'è nulla di più gratificante, a parte lo stipendio, che il vedere un selvaggetto di 14 anni diventare negli anni un giovane più responsabile, più maturo. Fino a vederli uscire con soddisfazione (tua e loro) dalla scuola, al termine del percorso. E magari rivederli uno o due anni dopo in occasione della visita di rito, quando interrompono una lezione per salutarti o approfittano di una tua pausa per fare una chiacchierata, per raccontarti quello che stanno facendo o ridere di qualche ricordo, di qualche scherzo, di qualche sfuriata. Ho fatto 18 anni di ruolo in una scuola, ora sto iniziando il quarto anno in un'altra scuola e si sta ormai riproponendo lo stesso contesto. Per non parlare di persone di 25-30 anni che ti stoppano per strada perché si ricordano dell'insegnante che hanno avuto per 4-5 anni mentre tu fai fatica a cercare di ricordarti i contesti mentre loro cercano divertiti di rispolverarti la memoria.
2) Ma a parte gli aspetti umani, essere nella stessa scuola ti permette di pianificare un programma su una base pluriennale, ti permette di gestire meglio le classi, di affrontare da subito le problematiche con cognizione. Sai come affrontare le problematiche perché conosci i tuoi polli e blocchi i conflitti sul nascere. A parte le prime classi, inizio l'anno entrando in classi che già conosco, ci facciamo una chiacchierata il primo giorno ma il secondo iniziamo già con il lavoro a pieno regime. In questi giorni sono già alla prima verifica e al primo voto, quando ci sono colleghi che devono ancora iniziare o stanno ancora carburando. Entrare in classe il primo giorno non è un'avventura al buio, è una tranquilla routine.
3) i ragazzi si trovano meglio con i vecchi insegnanti. Perché ne conoscono pregi e difetti e, nella generalità dei casi, riescono a sfruttarne gli aspetti positivi, si adattano alla loro metodologia, li seguono con maggiore attenzione, ne sfruttano le vulnerabilità. Dal vecchio insegnante, ormai inquadrato e conosciuto, ottengono più vantaggi che dal nuovo, anche se quel vecchio insegnante, magari, conoscendoli meglio, riesce a sfruttarli di più e farli rendere meglio. Questione di sinergie. E' il principio su cui si basa la cosidetta "continuità didattica".

Poi posso concordare sul fatto che cambiare aria fa bene, ma fa bene farlo ogni 10 anni piuttosto che ogni anno. Cambiare aria ogni anno fa perdere gli aspetti più piacevoli del nostro lavoro.

Naturalmente hai ragione. Mi sono un po' pentito di quel post scritto un po' in fretta, per spiegare che non è vero che i precari lavorano un mese sì e tre no e quindi sono sostanzialmente dei mantenuti dai genitori, che possono permettersi di non lavorare perché ricchi di famiglia. Anche a me a volte pesa ricominciare tutto da capo, non conoscere le classi e le regole interne alla scuola. E indubbiamente l'aspetto umano è importante, anche se le cose che descrivi capitano anche a me, anche a distanza di anni. Così come è importante la continuità didattica. Il problema è in quel "ad ogni costo", anche perché gli assunti su organico funzionale rischiano di perdere comunque molti di questi vantaggi di cui parli.
Per rispondere alla tua domanda, l'aspi è sui 1000 euro al mese.
Tornare in alto Andare in basso
 
Il mondo della scuola è in agitazione CONTRO LA RIFORMA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 7Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Contratti sul sito della scuola
» Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.
» richiesta 3 giorni di vacanza a discrezione della scuola
» primi passi nel mondo della pma
» colloqui individuali con i genitori

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: